Il viaggiatore assetato

1.2KReport
Il viaggiatore assetato

Per favore, segui questa storia perché ci vorrà un po 'per girare questa storia di come sono andate le cose.
************************************************** ************************************************** ***************

Guardai il suo petto ansante nella fioca luce tremolante del motel. Tutto quello che ho saputo da lei è che si chiamava Mary ed era scappata dal Mississippi. Aveva percorso un'ottima distanza prima di imbattersi nella mia macchina e chiedermi un passaggio. Non sapeva che sarebbe stata l'ultima volta che avrebbe fatto l'autostop. Quando iniziò a svegliarsi dal suo sonno, cercai di non pensare ai ricordi che mi avevano portato qui, in questa piccola città della Louisiana, e mi avevano portato da Mary. Le cose che mi attraevano di lei erano i suoi lunghi capelli biondi e i suoi teneri occhi azzurri. Mi ha ricordato Sarah, una ragazza che sembrava conoscessi una vita fa. Cominciai a chiedermi se avrei potuto toglierle la vita e bere il suo sangue come il malvagio demone che ero. Non avevo più valore per il genere umano e tutto ciò che erano per me era una scorta di cibo. Ero affamato e solo con un gustoso essere umano che avrebbe fornito tutto ciò di cui avevo bisogno quella notte per sentirmi di nuovo vivo



Si svegliò e mi strappò dai miei pensieri profondi mentre cercava di lanciare un urlo, ma presto scoprì di essere legata con una corda e imbavagliata con i suoi calzini. Mi avvicinai al letto e mi sedetti accanto a lei, e mi godetti lo sguardo di pura paura che vidi nei suoi occhi mentre mi avvicinavo. Le passai la mano sul viso, cosa che la fece sobbalzare con disgusto. Ho sorriso nel mio modo più educato e le ho dato uno schiaffo in faccia facendola volare via dal letto, a tre metri di distanza sul duro pavimento. Prima ancora che la sua mente potesse registrare quello che era appena successo, ero sopra di lei con le zanne in fuori e le sorridevo. La sensazione di paura che si diffuse sul suo viso quando si rese conto di cosa fossi, fece pompare il sangue attraverso il mio lungo cadavere. Il mio cazzo si è gonfiato di sangue alla vista della paura primordiale in questa ragazza e sapevo che l'avrei avuta a mio piacimento prima che il mio divertimento fosse finito. L'avrei fottuta come nessun uomo mortale avrebbe mai potuto fare.



In un lampo le ho strappato la camicia e le ho strappato i jeans e ho ammirato la sua figura tonica come se fosse una mortale che apprezzava il suo aspetto. C'erano segni iniziali di malnutrizione, molto probabilmente dalla sua dieta povera di essere una fuga. Aveva gambe lunghe e tornite, anche loro erano toniche. C'era qualcos'altro lì per il suo odore femminile era presente era forte nell'aria, sarebbe stato quasi impercettibile per un semplice essere umano ma con il mio senso dell'olfatto molto migliore potevo sentirne l'odore. Mi riempì le narici e fece impazzire i miei sensi con il suo delizioso aroma. In uno strattone il suo reggiseno era sparito e davanti a me c'erano i seni più belli che avessi mai visto. Non erano scuri come la pelle che li circondava; erano sormontati da capezzoli e areole scuri. La guardai negli occhi e mi chinai per far scorrere la mia lingua prima a sinistra poi a destra. Il suo respiro si era accelerato un po' e potevo sentire il suo cuore che accelerava. Feci scorrere la mia lingua sui suoi capezzoli un'ultima volta e cominciai a baciare e leccare fino alla sua area sacra.



Mi sono fermato al suo ombelico e ho fatto schioccare la lingua dentro di esso che ha fatto uscire un gemito soffocato attraverso il suo bavaglio. A questa troia è piaciuto quello che stavo facendo; sapeva cosa ero e quale sarebbe stato il suo destino e lo amava ancora. Le ho strappato le mutandine inzuppate dal corpo e nel momento in cui l'ho fatto il profumo mi ha inondato il naso con tutta la sua forza e non potevo più trattenermi, mi sono tuffato e ho agganciato la mia bocca sulla sua figa e l'ho succhiato e leccato dappertutto. Gemeva e tremava per tutto il pavimento mentre sentiva quello che stavo facendo. Cominciai a circondarle la clitoride con la lingua più velocemente di quanto potesse fare qualsiasi mortale, mentre lo facevo lei iniziò ad avere convulsioni sul pavimento e la sua schiena si inarcò proprio mentre i suoi occhi roteavano all'indietro nella sua testa. Le strofinai la clitoride con le dita mentre infilavo la lingua nel suo buco del culo raggrinzito. I suoi occhi si spalancarono mentre emetteva un urlo soffocato mentre raggiungeva l'orgasmo. Feci scorrere la lingua dal suo buco del culo alla sua figa per assaggiare i dolci succhi che ne uscivano. Quando sembrava che si fosse calmata abbastanza, ho fatto scivolare il mio cazzo duro di sette pollici dai miei pantaloni e l'ho accarezzato mentre i suoi occhi si spalancavano e lei ha iniziato a urlare un no soffocato nel suo bavaglio.



Questo mortale pensava che le avrei dato tutto il piacere; ha un'altra cosa in arrivo per lei. Le ho tolto i calzini dalla bocca e prima che potesse urlare o supplicare le ho afferrato la testa e le ho ficcato il cazzo in bocca. Ho iniziato a pompare dentro e fuori dalla sua bocca crescendo sempre più velocemente ad ogni colpo. Il nostro sperma è molto più dolce di quello dei mortali, è stato descritto come un sapore di zucchero filato e brucia come whisky quando viene ingerito. Ha imparato rapidamente che cercare di farmi piacere era inutile, era meglio lasciarmi fare quello che volevo. Ho sentito la stretta nelle mie palle e sapevo che sarei venuto presto, quindi ho tirato fuori e ho preso il mio cazzo più velocemente che mai visto e sono venuto nella sua bocca. Sembrava amare il gusto e lo inghiottì, mentre lo faceva iniziò a tossire violentemente. Il mio cazzo era ancora duro così le ho rimesso i calzini in bocca, l'ho presa in braccio senza sforzo e ho portato il suo corpo legato sul letto.



Dopo aver riaggiustato le corde delle sue braccia a ogni colonna del letto, ero pronto a scopare questo umano fragile. Ho sbattuto il mio cazzo nella sua figa senza preoccuparmi se l'avessi rotta o no, lei era il mio fottuto giocattolo e l'avrei usata. Lei urlò nel bavaglio mentre io la colpivo e le succhiavo il capezzolo come un bambino che allatta. Era calda, bagnata e stretta intorno al mio cazzo e ne ho adorato ogni secondo. Volevo sentire tutta questa donna mortale, quindi mi sono sputato nella mano e le ho strofinato il buco del culo e lei ha trasalito sapendo cosa stava per succedere. Ho tirato fuori dalla sua fica dolorante e ho forzato la testa del mio cazzo nel suo stretto buco del culo, a causa della tensione ero quasi sicuro che fosse vergine lì. Continuava a scuotere la testa no mentre scivolavo nel suo buco del culo sempre più in profondità. Dopo un'ultima spinta ero completamente dentro il suo buco del culo e ho iniziato a pompare via come un pazzo prima che il suo buco del culo avesse un momento per adattarsi. Ha urlato nel suo bavaglio, molto probabilmente supplicandomi di fermarmi. Non avrei smesso di violentare questo mortale, l'avrei usata fino a quando non l'avessi spezzata o fosse morta, qualunque cosa fosse accaduta per prima, per me non faceva davvero alcuna differenza.



Ho tirato fuori dal suo ano lacerato e spalancato e l'odore di una piccola quantità di sangue mi ha riempito il naso e l'ho perso. Ho sbattuto di nuovo nella sua figa, rompendole l'anca nel processo facendola uscire un urlo soffocato nel bavaglio e le lacrime che scorrevano dai suoi occhi. L'ho guardata negli occhi mentre la sbattevo contro e ho visto ciò che desideravo, ho visto la paura, ho visto la rabbia e ho visto ciò che desideravo di più, il dolore. Ho sentito di nuovo l'agitazione nelle mie palle e sapevo che sarebbe stato così. Ho tirato fuori e ho sbattuto nel suo buco del culo un'ultima volta e ho iniziato a venire. Ho tirato e sono venuto sulla sua figa e sulle sue tette con alcune corde di sperma e le ho mandato le ultime gocce sul viso. Mi sono tirato indietro per ammirare ciò che avevo fatto a questa ragazza umana indifesa. Avevo soddisfatto la mia fame sessuale e ora ero affamato di qualcosa di più della fica



Ho guardato il suo corpo contuso e spezzato con un leggero rimorso non per l'umano, solo perché mi sentivo ancora morto dentro non potevo più sentirmi vivo anche se ero morto. Volevo sentirmi felice e sorridere ancora una volta con vera emozione come ho fatto una volta con Sarah. Perché Maria dovrebbe sentirsi felice, perché dovrebbe potersi sentire viva? La mia rabbia in me è aumentata e ho strappato Mary giù dal letto, rompendo la testiera dove le corde erano legate e rompendole i polsi. La odiavo davvero per essere in grado di sentirsi viva e in un impeto di rabbia ho dato un pugno nelle costole facendo urlare qui nel bavaglio e far scorrere altre lacrime. I suoi occhi sbatterono come se stesse per svenire dal dolore. L'ho scossa violentemente in modo che non potesse svenire e le ho affondato le zanne nel collo. Il sangue mi colava in bocca e potevo "assaporare" i suoi ricordi e il suo dolore. Ho bevuto a sazietà mentre la lotta in lei svaniva lentamente e i suoi occhi si chiudevano lentamente. Il colore svanì dalla sua pelle e il suo cuore rallentò e poi si fermò e capii che era morta.



Ho avvolto il suo corpo nelle lenzuola e l'ho issato sopra la mia spalla con grande facilità e sono uscito dalla stanza. Sono andato al mio camion, ho gettato il corpo sul sedile posteriore e sono tornato indietro per pagare la stanza. Mi sono asciugato il sangue dalla bocca e mi sono avvicinato al bancone dove avevo incontrato il giovane quando ho acquistato la stanza. Dico giovane, ma l'uomo aveva almeno sessant'anni, io ero molto più grande in un certo senso ma sembravo molto più giovane di lui. Gli ho dato la chiave e sapevo che sapeva cosa fossi e ha fatto solo un sorriso falso e gli ha fatto passare il resto dei soldi. Sono partito con la cara Mary sul retro del camion, mentre guidavo lungo la strada. Sono arrivato in un posto abbastanza buono, sono entrato nella palude, l'ho tirata fuori dalle lenzuola e l'ho scaricata nell'acqua e ho visto gli alligatori avvicinarsi lentamente e combattere per il suo corpo senza vita. In un certo senso mi sentivo come loro affamati e senza un vero scopo se non la morte. Ho gettato le lenzuola in un fosso mentre la pioggia cadeva a dirotto.



Sapevo che la pioggia avrebbe lavato il fango nel fosso per coprire le mie tracce. Tornai al camion e salii a bordo mentre la pioggia cadeva più forte. Ho guidato lungo la strada con i finestrini abbassati mentre la brezza entrava e l'aria notturna era animata dalla musica delle creature. Mi stavo un po' stancando dopo un po' di viaggio e con mia grande gioia ho visto una casa in lontananza con le luci accese. Mi sono fermato, sono salito sul portico e ho bussato. Dopo un po' una donna aprì la porta e mi fece cenno di entrare per ripararmi dalla pioggia fredda e mi offrì vestiti puliti e una doccia. Li presi volentieri e cominciai a lavarmi via il fango. Mi infilai nel letto degli ospiti e cominciai ad addormentarmi quando qualcuno bussò alla porta d'ingresso. Ho sentito imprecare e urlare da un uomo ubriaco al piano di sotto. Anche se non riuscivo a vedere, ho sentito lo schiocco e la donna che sbatteva sul pavimento. Quest'uomo era arrabbiato e io avevo fame
************************************************** ************************************************** ***************parte 2??

Storie simili

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.