Motel rurale di Corsicana Texas

2KReport
Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei.

Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. "Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio un po'."
"Oh, John," rispose Ellen, cercando di tenere il lamento stanco fuori dalla sua voce. "È ancora pomeriggio. Sono appena stato alzato dalle 2 del mattino." "Sono passati dieci giorni senza vederti, Ellen. Cosa ti aspettavi che avrei voluto quando avrò la possibilità di vederti? Vai in camera adesso." Mi sono tolto i pantaloni e gli slip prima che Ellen si sbottonasse i bottoni del suo vestito chemisier, le ho tirato su il vestito intorno ai fianchi mentre la spingo indietro sul letto e le spalanco le gambe. Ellen vede che sono più che pronta e non le sarà concesso abbastanza tempo. È preoccupata che possa sentire l'odore dell'altro uomo su di lei.
Lentamente comincio ad accarezzarmi e a muovermi sopra di lei. Di nuovo la sua bellezza mi fece sussultare il cuore nel petto. Abbassandomi sopra di lei sento il mio cazzo sfiorare la seta e la sensazione ruvida delle sue mutandine finché le mie palle non vengono premute contro il tessuto e l'asta del mio cazzo poggia sulla pelle liscia del suo fianco sinistro. Appoggio le mani su entrambi i lati del suo seno e abbasso le labbra più vicino a lei. Ho bevuto in ogni linea e curva del suo viso dalle sopracciglia alle labbra carnose bordeaux e al mento da elfo. Dolcemente la bacio teneramente sulle sue labbra e ho trovato il mio cazzo scivolare giù per strofinare contro la sua figa attraverso le sue mutandine inzuppate.

Lei gemette, la bacio di nuovo, mordicchiandole il labbro inferiore, tirandolo succulento prima di abbassarle per baciarle e smussare i contorni del suo mento. Respirò leggermente, le baciai il collo, sentendo il mio cuore battere contro le costole. I miei avambracci premono i lati esterni del suo seno schiacciandoli insieme in colline perfette mentre le mie labbra vigorose e la mia lingua si baciano più in basso con un gemito roco. Lecco amorevolmente su e giù la profonda scollatura dei suoi seni, finché non posso più aspettare. Alzo lo sguardo e sorrido. I suoi occhi iniziano a muoversi e sapevo che il momento era quello giusto. Lentamente con baci succhiatori faccio scivolare le mie labbra sulla curva del suo seno destro e mi chiudo su un unico capezzolo impertinente. "John..." mormorò, poi urlò. Stringo le labbra sulla sua tetta e succhio forte il suo capezzolo. Ellen gemette e si dibatté sotto di me,
"Oh! Per favore, OOOhhhh --- OOOhhh -- OH! OOOH-- OH! OH!" Le succhio la tetta con selvaggio abbandono sferzando la lingua sul capezzolo indurito come una frusta da schiavi, poi giravo intorno alla tenera chiazza della sua areola facendola gemere e rabbrividire di nuovo, poi tornavo a succhiare di nuovo. Si è piegata sotto di me, le gambe che scalciano, i suoi contorsioni mi stanno eccitando. "Ti scoperò tutta la notte!" Le sue mani si serrarono a pugno mentre mi colpiva la schiena, la sua testa sbatteva da un lato all'altro mentre la sua schiena si inarcava dal letto sporgendo il seno nella mia bocca in attesa. Le ho spinto un braccio sotto la schiena mentre l'altro le stringevo e le massaggiavo il seno sinistro. Sempre più veloce il mio cazzo sta macinando contro la sua figa attraverso il tessuto traslucido delle sue mutandine che le sbattono l'anca e le lenzuola con un sacco di pre-sborra.

Amorevolmente mi muovo per baciarle e succhiarle l'altro seno mentre la mia mano libera le imbavagliava la bocca. "Oh Dio...John." urlò tra le mie dita. "Ti sto scopando, Ellen. Io--non riesco a trattenermi. Sei bellissima! Non ti scopo da due settimane!" Tolgo la mia mano dalla sua bocca, tirai fuori l'altra da sotto la sua schiena e le schiacciai il seno nella mia presa. Sto diventando pazzo di lussuria mentre bacio, mordo e succhio un seno e poi l'altro. Ellen gettò indietro la testa e gemette di nuovo, inarcando completamente la schiena in aria. Mi strappai via e comincio a baciare i muscoli sodi del suo ventre, facendo scivolare la mia lingua nel suo ombelico. Ha quasi strillato e ridacchiato, sapevo che aveva il solletico lì. Le mie mani le lisciarono i fianchi e scivolarono lungo i contorni dei suoi fianchi e le strinsi il culo. "Dio sei perfetto." dissi, alzando lo sguardo e incontrando i suoi occhi. La sua espressione è un misto di adrenalina e eccitazione inebriante. Per un breve secondo lei sorride, e io ricambio. Lo sta amando tanto quanto me. Sta amando che la violento. Le inonda amorevolmente le mutandine con lunghi baci morbidi, scendendo più in basso sul suo tumulo finché non sento il calore e l'aroma della sua figa umida. Le do lunghe leccate sferzanti sulle sue labbra attraverso le sue mutandine facendola gemere e sussultare con brevi respiri. Le lecco ancora, e ancora, assaporando ogni gusto delizioso mentre il mio cazzo strofina contro le lenzuola e le fracassa la testa nella parte inferiore del ginocchio sinistro.

Alla fine non ce la faccio più. Aggancio le mie dita sotto la cintura delle sue mutandine e le tiro giù. Lei urla. "Oh Dio! Ti prego, ti prego!" Le strappo completamente le mutandine esponendo i capelli biondi ben curati sopra una figa rasata e pulita. " OOOOOOHHHHH! TU -- SCOPATO BASTARDO!" gridò a denti stretti. Un lamento selvaggio le sfuggì mentre sussultava e si sollevava contro di me. Le sue tette si dimenano e rimbalzano con ciascuno dei suoi cretini selvaggi. Bacio delicatamente la pelle liscia delle sue cosce e le spingo le ginocchia più larghe. Li ho allargati e ho guardato il mio premio. Gonfia e arrossata vedo i suoi succhi gocciolare da lei. Avvicino le mie labbra e mi liberò sopra la sua apertura e soffio delicatamente. Si lamenta mentre il suo seno si solleva per l'attesa. Poi l'ho leccata. Un urlo silenzioso è congelato nella sua gola mentre ingoio un sorso dei suoi succhi - ancora una volta sono quasi arrivato! La lecco di nuovo, questa volta più lentamente, assaporando ogni secondo delle sue labbra vellutate della figa, mentre il suo culo si sollevava dal letto. Un'altra lunga leccata è seguita da un'altra e un'altra e ancora una volta il mio cazzo si sfrega contro le lenzuola di cotone bianco del letto. Prendendo a coppa ciascuna delle sue natiche, la tiro dentro di me e la lecco, questa volta inserendo la mia lingua fino in fondo nella sua vaginia bagnata e girandola. Un acuto "OH" le sfugge e posso dire che ha amato e perso le mie azioni.

Giro di nuovo. " Oh!" e di nuovo. " OH!" Ancora e ancora, costruendola di nuovo mentre le mie dita le stringono le chiappe e giocano con il suo buco del culo. Le mie guance e il mio mento sono intrisi dei suoi succhi. Sempre più veloce giro la lingua facendola inarcare tutto il corpo dal letto finché non posso dire che ha raggiunto un plateau. Mi sposto velocemente, sapendo che sto conservando il meglio per ultimo. Faccio scorrere la lingua verso l'alto e succhio il suo clitoride. Immediatamente piange di piacere mentre le mie mani lavorano all'unisono. L'indice della mia mano destra sbatte in profondità nella sua figa mentre la mia mano sinistra si allunga e le afferra il seno destro stringendo e facendo scorrere il pollice sul suo capezzolo duro. I suoi occhi si spalancarono a questo improvviso cambiamento di tattica mentre io continuo a costruirla senza sosta. Le sue gambe tremano in modo incontrollabile, picchiando e schiaffeggiandomi sulle spalle con le ginocchia mentre le succhio il clitoride. " SÌ! SÌ! FUCK ME! FUCK ME, FUCK ME BASTARDO! ....." Sto gemendo a ritmo di lei, sbattendo il mio dito sempre più a fondo. Inspira un respiro, mi schiaccia con le ginocchia e urla il suo grido più forte della notte. " OH! OOHH! OOOOHH! ... ECCO! ... ECCO! ... THAAAAAAT'S ... " Il suo culo si sbatté contro il letto mentre raggiungeva orgasmi multipli ancora una volta negli ultimi dieci minuti. La stuzzico con lunghe leccate del suo clitoride facendola sobbalzare e rabbrividire per il battito del cuore, finché lentamente non si sistema di nuovo sul supporto del materasso. I suoi respiri ansimante riempiono la stanza.

"Ora... tocca a me" annuncio con un sorriso scaltro. Mi guarda e all'improvviso sussulta mentre mi alzavo e vede il mio cazzo pieno di nove pollici. " Oh per favore!" lei implorò: "Sei -- sei COSI' GRANDE!" "Lo so," ringhio di rimando e mi arrampico sopra di lei, baciandole le costole ei lati del seno finché non ho ritrovato il suo capezzolo. Si mosse sotto di me. " OH! vai piano!!! Per favore, John!" lei implorò. I suoi occhi nocciola mi tolsero il respiro. Sorrido e le stringo i seni con entrambe le mani mentre le mie labbra sfiorano il suo collo. "Te l'avevo detto che ti avrei fottuto tutta la notte, Ellen." La bacio e lei staccò la testa di scatto. Giro il suo viso verso di me con un solo dito. "Non hai proprio idea di quanto fottutamente bella sei, vero?" Afferrandole il viso la bacio di nuovo e lei urla di nuovo nelle mie labbra. Forzo la mia lingua nella sua bocca. Una delle mie mani scivolò dietro la sua testa tenendola ferma in modo che non potesse voltarsi. L'altra mia mano l'ha schiacciata intorno alla parte bassa della sua schiena. Il mio culo si è alzato in alto in aria." Mmmm," i miei baci la soffocavano. " TU- Mmmm ... SCOPATO BASTARDO! LASCIA! IO -- Mmmmm!" Ringhio con una lussuria inebriante e sbatto le palle del mio cazzo in profondità nella sua figa in attesa e questa volta sono io a piangere. DIO lei è così fottutamente stretta!. La sua testa gettò indietro sia il dolore che il piacere. Ho tirato fuori il mio cazzo, le ho baciato le labbra, l'ho presa in giro con il mio cazzo in testa e poi l'ho speronata di nuovo dentro. "OH CAZZO! Per favore!" lei urla.

Rido di piacere e sbatto ancora, e ancora, ogni volta più forte. Lotta contro di me, distorcendo il suo corpo in un modo e nell'altro, ma con le mie braccia strette intorno a lei non c'è via di scampo. Ci baciamo più a fondo mentre la mia scopata prendeva un ritmo più fluido, e la sento crescere di nuovo, ma questa volta mentre mi avvicino al mio climax. Le mie labbra scivolano dalla sua bocca fino al suo seno tremante dove succhio i suoi capezzoli e scopato il suo corpo in controtendenza. "Ti ho preso, Ellen. Sei MIA!" Ho gridato. " MIO! So che ti sei fottuto un altro uomo." " SENZA INTERRUZIONI!" Sferzai la mia bocca sul lato del suo collo e intensificai le mie spinte. Il suo corpo divenne teso. Il mio cazzo si sta gonfiando, diventando più spesso nella sua fica. Più caldo. " OH DIO!" lei urlò. " Stringimi! FUCK ME -- SÌ! -- SÌ! -- YESSSSSS!" Abbiamo urlato insieme mentre arrivavo in un enorme orgasmo, esplodendo dentro di lei fino a quando entrambi lo sentiamo trasudare fuori e sulle mie palle. Sei volte il mio corpo sussultava con spasmi stretti che la bruciavano di sperma prima che crollassi su di lei completamente esausta. Ci baciamo dolcemente, sussurrandoci 'grazie' ancora e ancora. Mi baciò la fronte mentre mi sistemavo per appoggiarla sul suo seno. "Aspetta..." sussurrò. Mi guarda amorevolmente. Mi prese il viso tra le mani. "Perché ci hai messo così tanto?" chiese con il suo sorriso malizioso. "Mi sei mancato... sono passate due settimane... mi dispiace per l'altro ragazzo."

"Tu... tu sapevi che l'avrei fatto di nuovo?" Ho chiesto. Mi baciò dolcemente. "Dal momento in cui ho ricevuto l'incarico. Ho sognato che mi fotti di nuovo a pezzi. Distesa mi ha tirato più vicino e mi ha messo la testa sul seno. Ci siamo sdraiati insieme e lei ha avvolto il mio braccio attorno al suo seno. "Mi scoperai di nuovo domattina." il suo culo si mosse nel mio cazzo ancora palpitante. "Affare," sussurrai di rimando, e mi sistemai per una lunga notte di sonno.

Storie simili

Il mio regalo di laurea 2

Stordito, sono inciampato nella mia stanza, il bikini stretto nel pugno. Salii lentamente le scale, cercando di non attirare l'attenzione. Trasalii quando uno scricchiolò sotto il mio peso, fermandomi per assicurarmi di non aver svegliato nessuno, sospirando mentre non sentivo altro che il ronzio del condizionatore d'aria. Dio cosa avrebbero detto i miei genitori se mi avessero visto? Alla fine sono arrivato nella mia stanza e ho chiuso la porta dietro di me lasciandomi cadere sul letto. Non mi sono nemmeno preso la briga di infilarmi sotto le coperte prima di addormentarmi, il suono del mio ventilatore a soffitto mi faceva...

921 I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

605 I più visti

Likes 0

La pillola cap. 4

Il Doob's Bar era originariamente un buco nel muro. Il posto dove si poteva andare e sedersi nell'oscurità e godersi un drink. Era il tipo di posto che normalmente è tranquillo e rilassante. Questo finché non venne costruito un college nelle vicinanze e divenne uno dei punti caldi per i giovani che studiavano. Oggi il bar era pieno di musica ad alto volume, gente e luci. Non era rimasto molto del bar un tempo tranquillo da bere da soli in un angolo. Ragazze urlanti e ragazzi chiassosi della confraternita rendevano l'atmosfera meno che desiderabile. Vallerie odiava un posto come quello. Le...

554 I più visti

Likes 0

La punizione_(4)

Sono passate settimane dall'ultima volta che l'ho visto, annusato la sua colonia, sentito la sua presenza. È molto più vecchio di me; cammina con un atteggiamento sicuro, muscoli delicatamente incisi e lineamenti scuri ed esotici. Mi sono appena trasferita nel mio nuovo appartamento e cerco freneticamente di scoprire dove ho messo il mio maglione preferito quando il mio telefono vibra. Guardo il telefono e vedo il suo nome nel messaggio sullo schermo. Il mio cuore salta un piccolo battito. Speravo che mi contattasse da quello che sembra un'eternità. Mi manca più di quanto potesse capire, anche se sono stata io a...

552 I più visti

Likes 0

Danno collaterale - Una storia di Halloween

Una festa privata al The Cantina Club diventa un po' fuori controllo quando un uomo vestito da pilota dell'era del Vietnam entra nel club. = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere...

933 I più visti

Likes 0

Segni di parto - parte 1

Terri osservava le mucche. Durante la sua ultima discesa, le macchioline nere e marroni delle mucche lontane si trasformarono in cose grossolane che muggivano. Terri osservava i grandi animali stupidi che si aggiravano intorno, masticando l'erba. Sbatté la testa contro il vetro di plastica della finestra. Non c'erano bovini al college. Era il punto morto nel degrado urbano. L'aveva scelto in parte per questo motivo. E ora stava tornando... alle mucche. * * * Sua madre non l'ha incontrata al cancello. Terri raccolse tre borse pesanti e uscì dal terminal. Alla fermata dei taxi scelse un grosso furgone giallo, l'autista raggelato...

934 I più visti

Likes 0

Dominion: Capitolo 6 - Ingegneria Un orrore

Ingegneria: un orrore L'intera riva del fiume era transennata, con seghe e torce che sibilavano e gemevano nel freddo. Tutti gli operai edili della contea erano stati assunti per questo progetto, molti dei quali avevano richiesto tangenti, minacce o estorsioni per accettare il lavoro. Venivano pagati in oro, evocati grazie ai poteri del Dominio. Lavoravano giorno e notte, non importa quanto nevicasse o quanto fossero forti i venti del nord. I magazzini venivano ristrutturati con la scusa che sarebbero stati trasformati in mattatoi e centri di lavorazione, mentre nuovi edifici spuntavano come erbacce. Ad altri è stato detto che sarebbe stata...

656 I più visti

Likes 0

Diventare maggiorenne anni dopo

Diventare maggiorenne anni dopo Mia sorella e i suoi due figli erano in vacanza a luglio, quando l'incendio divampò nella loro casa e in altre 3 nel loro isolato. Ho ricevuto una chiamata dai vigili del fuoco perché ero il contatto di emergenza e non avevo modo di contattarla. L'ho chiamata subito al cellulare ma non ho avuto risposta. Ho lasciato un messaggio. Ho chiamato anche mia nipote e ho lasciato un messaggio. Circa un'ora dopo ho ricevuto una chiamata da mia nipote. Le ho detto che dovevo parlare con sua madre e lei ha chiamato al telefono. Ho dato loro...

530 I più visti

Likes 0

L'isola, capitolo 40

Capitolo 40 Era quasi l’ora di cena quando sono tornato al campo, e i cuochi erano al lavoro con il pesce pescato stamattina dalla classe di Do Hun. Qualunque cosa stessero preparando, cominciava ad avere un buon profumo. Ho guardato per un momento le cheerleader tagliare la frutta, godendomi il gioco dei loro giovani corpi agili sotto i vestiti succinti. Il mio sguardo è stato ricompensato dal breve lampo dell'intera tetta destra della mia cheerleader preferita, visibile attraverso lo scalfo oversize della sua canottiera, mentre versava un po' di papaya in un secchio. Dio, quanto era bella. Osservavo, incantato, mentre la...

424 I più visti

Likes 0

Raj e Sofia

Sono Raj ancora una volta qui Un giorno ho ricevuto una mail da qualcuno di nome Sophia. Nella posta, ha detto di aver esaminato i miei messaggi e che le è piaciuto molto. Mi ha anche chiesto se sarei interessato a chattare con lei. Inizialmente ero un po' sospettoso a causa della mia esperienza nelle chat room dove ci sono più uomini che si atteggiano a donne che donne reali. Tuttavia, ho risposto a quella mail e ho detto che sarò disponibile online durante le serate. Ho ricevuto una risposta alla mia risposta dopo un paio di giorni dicendomi che Sophia...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.