Se vinci? - parte 2

1.3KReport
Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età.

Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di mezza età, ma rispettabilmente ordinato, e stavano invece fissando apertamente la mia forma matura, che era a malapena vestita in poco più di una maglietta attillata e persino pantaloncini più stretti. Lasciai che le mie gambe si allontanassero quel tanto che bastava perché potessero vedere il punto umido che cresceva lì, se fossero così inclini a guardare.

"Bene?" dissi, distogliendo la loro attenzione dalle punte dei miei capezzoli che si spingevano verso l'alto da sotto la mia maglietta. "Facciamo un altro gioco, o voi ragazzi preferite riposarvi un po'?"

"Sono pronto", ha detto Cory per primo. “Giusto ragazzi? Evan? Noi stiamo bene?" Capivo perché era un capitano della squadra. Iniziativa e leadership.

Tutti gli occhi sono andati a mio figlio. Lui ed io stavamo cospirando insieme da settimane su questo brutto piano, ma i suoi compagni di squadra non avevano idea che il loro buon amico Evan si fosse scopato la sua vecchia mamma arrapata nell'ultimo anno. Sotto lo sguardo pieno di aspettativa dei suoi amici, Evan finse un disagio conflittuale. Che prosciutto.

"Va bene, ragazzi, un'altra partita", ha ammesso Evan. "Ma è così, ok?"

"Ragazzi, non siete contenti che io abbia insegnato al mio bambino a condividere?" ho preso in giro.

"Qual è il gioco, signora Chase?" chiese con entusiasmo Michael.

"Che ne dici di un'altra gara di seghe?" Ho suggerito.

"Non mangerò più sperma stasera", dichiarò Brandon con un'espressione acida sul viso.

"Nessun problema, Brandon", gli ho fatto l'occhiolino, "puoi tenerlo per un'altra notte."

I suoi amici lo trovavano isterico, e io mi sentivo in colpa per avergli dato un momento così difficile.

"Così gay", mormorò a nessuno in particolare.

"Che ne dici, invece di punire l'ultimo che viene, questa volta può esserci un premio per il primo che scende?"

"Suona bene", ha detto Cory. "Qual è il premio?"

"Hmm... vediamo..." Notai che l'attenzione di Michael era di nuovo fissata sul mio petto. "Michael, cosa stai guardando?"

“Oh, um, scusa,” annaspò. "Ero, sai... aw, diavolo, lo dirò e basta. Hai un grande portapacchi, signora Chase.»

Gli altri lo sgridarono per essere stato maleducato.

"Ora, ora", sono intervenuto. “Alla mia età, accetterò quel complimento in qualsiasi giorno della settimana. Grazie, Michele". Abbassai lo sguardo e considerai il mio petto. "Che ne dici di rendere il mio rack il premio?"

"Tipo come?" si chiese Michele. "Voglio dire, come..."

"Dovrai solo vincere il concorso e scoprirlo." Non ho potuto resistere a dare una piccola stretta alle mie tette per accentuare il mio punto. “Evan, sei arrivato tremendamente veloce l'ultima partita. Penso che dovrei darti un handicap in questo round. Dovrai usare la mano sinistra".

Annuì e afferrò il suo cazzo con la mano sinistra, gli altri erano tutti destri e si presero di conseguenza. Erano così dannatamente carini tutti lì con i loro cazzi in pugno.

"Dovremmo solo sborrare sul tappeto?" chiese Brandon.

"O è lì o nella tua bocca", rispose Cory.

"Ottimo punto, Brandon, non vogliamo lasciare un pasticcio appiccicoso che la cameriera possa pulire." Ho dato un calcio alle mie infradito di gomma. "Il primo che mi viene in piedi vince il primo premio."

Non so cosa mi abbia preso a dirlo, ma mentre tutti si inginocchiavano ai miei piedi, galli pronti, mi sentivo come un'imperatrice romana decadente con quattro centurioni nudi al mio comando.

"Pronto", dissi lentamente. "Ai tuoi segni... preparati... VAI!"

I quattro ragazzi hanno iniziato a masturbarsi come matti. Ho premuto i piedi insieme, puntando le dita dei piedi con la pedicure in modo che avessero un bel bersaglio a cui sparare. Mi sentivo caldo e arrossire dappertutto. Questa era la cosa più indecente che avessi fatto dai tempi del college.

"Andiamo, signori", ho incitato. “Stringi quei grossi cazzi. Chi può venire per primo?"

Stavano tutti respirando pesantemente e lavorando i loro strumenti rigidi con intensità risoluta. Ognuno di loro era concentrato sui miei piedi, ma poi ho notato che Michael mi guardava il petto. Stava usando la testa. Per premiare la sua strategia, mi passai la mano sul seno e mi pizzicai il capezzolo attraverso la maglietta. I suoi occhi si spostarono sul mio viso e io diedi alle mie labbra una leccata seducente. La sua espressione divenne rilassata e i suoi occhi persero la concentrazione.

Con un grugnito represso, Michael ha dato un ultimo sorso e ha vomitato il suo sperma sui miei piedi nudi.

“Abbiamo un wurstel!” Ho chiamato. Gli altri ragazzi gemettero e smisero di accarezzare. "Ma chi arriverà secondo?"

Si illuminarono tutti di rinnovata speranza e ripresero a masturbarsi per me.

Michael si è riposato sui talloni e ha guardato la gara. Mi stavo eccitando ancora di più guardandolo mentre guardava i suoi amici che si masturbavano. Notò che la mia attenzione era su di lui e arrossì. Ho avuto la sensazione che fosse incuriosito dai loro giochi di cazzo quanto me.

"Qual è il problema, Evan", ho blandito mio figlio, "non riesci a toglierlo con la mano sinistra?" Ho alzato il piede e ho fatto oscillare le sue palle, lasciando dietro di me una macchia di sperma di Michael.

"Ho capito", annunciò improvvisamente Brandon. "Ho capito, eccomi, eccomi..." Si stava battendo il cazzo così forte che per un secondo ho pensato che potesse strapparlo via. Invece ha spinto i fianchi in avanti e ha soffiato il suo carico sui miei piedi, aggiungendo al pasticcio appiccicoso già lì.

"Brandon prende il secondo!" ho annunciato. "Chi arriva terzo?"

Evan e Cory si sporsero, in lizza per il bronzo. I colpi di Evan erano goffamente mancini, e Cory si stava battendo costantemente verso il completamento. Evan poteva vedere che stava per essere picchiato.

"C'è qualcuno alla porta!" gridò Evan. Tutti si fermarono e guardarono terrorizzati verso la porta. Tutti tranne Evan, che continuava a masturbarsi ferocemente. Ci sono voluti solo pochi secondi a Cory per rendersi conto di essere stato ingannato, ma è stato sufficiente per dare a Evan il vantaggio.

Cory ricominciò a masturbarsi mentre gli altri due ragazzi ridevano di lui. Era solo una questione di secondi prima che mio figlio versasse il suo seme su tutte le mie dita dei piedi. Mmm, così caldo e umido.

"Andiamo Cory", dissi. “Devi tagliare il traguardo per ottenere il quarto premio.”

Cory ha continuato risolutamente a lavorare la sua verga mentre fissava i miei piedi coperti di sperma. Ci è voluto quasi un altro minuto, ma ha depositato un'altra bella grossa quantità di crema per il cazzo in alto su una delle mie caviglie.

Mi sentivo come se fossi ronzato mentre guardavo il casino che mi avevano fatto. È stato così orribile che riuscivo a malapena a credere che lo stessi facendo davvero. E di certo non potevo credere a quello che stavo per fare dopo.

“Va bene, quarto premio. Cory è stato l'ultimo, ma sicuramente non meno importante, quindi per il suo premio può vedere le mie tette. Presi il bordo inferiore della mia maglietta e cominciai a sollevarla.

"Whoa, ehi, mamma..." protestò Evan.

"Che cosa?" ho chiesto innocentemente. "C'è qualcosa che non va, tesoro?"

"Non voglio vedere le tette di mia madre", ha mentito.

“Oh, non fare il guastafeste. Ricordare? Viaggio su strada? Senza regole?"

"È solo strano, non credi, ragazzi?"

"Se mia madre volesse mostrarmi le sue tette, darei un'occhiata", ha confessato Cory.

"Sì, Ev", è intervenuto Michael, "una tetta è una tetta".

“Non essere una figa, amico. Fai uomo e guarda le tette di tua madre", ha aggiunto Brandon.

Evan sospirò e fece spallucce. "Va bene, qualunque cosa."

Ho sorriso e ho preso in giro lentamente la mia maglietta, rivelando la parte inferiore dei miei seni attraenti di dimensioni superiori alla media. Tutti gli occhi erano puntati su di me e Michael stava giocando un po' con se stesso. Mi sono alzato un po' di più, esponendo gli archi scuri e inferiori delle mie areole. Poi, con uno strattone veloce, ho alzato il mio top per il resto della strada e le mie tette nude sono rimbalzate libere.

Non appena le ragazze erano in piena mostra, c'era un coro soddisfacente di sospiri, sussulti e gemiti dal mio pubblico elogiativo.

«Fantastico, signora Chase», disse Cory con reverenza.

Li ho lasciati dare una bella occhiata lunga. "Evan ha vinto il terzo premio, ma visto che è un bambino, che ne dici di raddoppiare la tua paghetta per la prossima settimana come premio?"

"Bene", concordò Evan, ei suoi amici scossero la testa, delusi con lui.

"Questo ci porta a Brandon e al secondo premio." Gli ho rivolto uno sguardo sensuale e lui si è ripreso. "Il secondo premio è leccarmi i piedi."

Tutti si sono fatti una bella risata, tranne Brandon, ovviamente.

"Fanculo ragazzi!" Spinse Cory e diede un pugno al braccio di Evan. "No, davvero, signora Chase, non è questo il premio, vero?"

"Sto solo prendendo in giro, Brandon, calmati." Cosa c'era in questo ragazzo che mi ha fatto venire voglia di tormentarlo? "Il secondo premio è che puoi toccarmi le tette, se vuoi."

"Oh, voglio!" confermò subito. "Scusa, Evan, ma in nessun modo non sento le tette di tua madre."

Si è alzato e io ho allungato il petto verso di lui. Brandon si sfregò le mani, come per scaldarle. "Entrambi?"

"Se pensi di potercela fare, ragazzone."

Con un luccichio negli occhi, abbassò le mani sulle mie tette. Diede loro una leggera, quasi timida, stretta. "Ragazzi, questo è dannatamente incredibile."

"Brandon non ha mai toccato il seno di una ragazza prima", mi spiegò Evan.

"Fai così", replicò Brandon.

"Oh, giusto, ha sentito Resusci-Annie durante la lezione di salute mentre le faceva la CPR."

Brandon non ha sprecato alcuno sforzo a discutere, e invece è rimasto intento a massaggiarmi il seno. Le sue mani erano calde e umide sulla mia carne. Non mi stava trattando in un modo molto eccitante, ma il fatto che mi sentissi di fronte a tutti più che compensato.

"Il tempo è scaduto, Brandon." Gli ho dato una pacca sulla coscia e ha avuto un'ultima stretta. "Va bene, ora per il primo premio."

Michael si fece avanti e non riuscii a resistere a pizzicarmi i capezzoli mentre guardavo il suo corpo nudo dall'alto in basso.

"Michael, tesoro, ti piacerebbe succhiarmi le tette per il tuo premio?"

"Diavolo, sì!"

Praticamente si è lanciato verso il mio petto. Michael prima si prese un momento per dare loro una sensazione, poi avvolse le labbra attorno al mio capezzolo sinistro e iniziò a succhiare. Non sembrava importargli che il suo amico avesse appena avuto i suoi palmi sudati su di loro. Michael tirò via la bocca con un forte rumore di risucchio e si avvicinò all'altro. Leccò e succhiò il mio seno destro, mentre la sua mano accarezzava il mio sinistro.

"Vai, tigre", ridacchiai. "È bello essere il vincitore, non è vero?"

Tra le molestie entusiaste di Michael e la sensazione di tutto quello sperma che si asciuga sui miei piedi, ero quasi pronto per avere un orgasmo a mani libere. Lo lasciai fare a modo suo con il mio petto un po' più a lungo, poi con riluttanza allontanai il suo viso.

"Whew, è stato divertente", ho detto loro onestamente. Infilai di nuovo i piedi appiccicosi nelle infradito e mi alzai dal letto. Non mi sono ancora preoccupato di rimettere a posto la mia maglietta. “Sono abbastanza sicuro di potermi fidare di voi ragazzi, ma voglio essere sicuro che quello che è successo stasera non lasci mai questa stanza. Nessuno, e dico assolutamente nessuno, può saperlo».

Tutti annuirono categoricamente d'accordo.

"Pink giuro." Ho allungato il mignolo. "Questo è il nostro piccolo segreto, per sempre."

Tutti si sono prontamente fatti avanti e hanno agganciato i loro mignoli ai miei, legandoci nel più sacro dei giuramenti.

"Evan?" Mi avvicinai a lui. "Tutto bene con noi?"

"Sì, immagino che non sia così strano se non ci penso." La sua mano schizzò fuori e diede un rapido pizzicotto a uno dei miei capezzoli scoperti. Gli ho dato uno schiaffo scherzoso sul braccio proprio dietro.

“Va bene, uomini, tutti a letto. Luci spente.” Ho ordinato. Si lamentavano e si lamentavano come un branco di ragazzini viziati. Michael ha raggiunto per i suoi boxer. "Oh no, voglio che dormiate tutti nudi stanotte."

"Sul serio?" chiese Michele.

"Giusto." Ho dato una carezza e una stretta alle mie tette. “E dopo che me ne sarò andato, voglio che vi seghiate tutti più a lungo mentre pensate a questi. Fatto?"

"Certo, signora Chase", ha parlato Brandon per il gruppo. "C'è qualche possibilità che tu possa fermarti di nuovo domani sera?"

"Hmm." Ho fatto finta di pensarci su. “Farò un patto con te. Se domani vinci la tua partita, vengo io e possiamo trovare nuovi giochi da giocare. Cercherò di pensare a qualche nuovo premio". Mentre dicevo questo, ho lasciato che la mia mano sfiorasse suggestivamente la parte anteriore dei miei pantaloncini. "Ma se perdi la partita di domani, tornerai al tuo idiota da solista".

"Vinceremo", ha insistito Cory. "Ci può contare, signora C."

Li rimboccai a letto con un bacio materno sulla guancia e li lasciai svolgere il loro compito. Tornai di corsa nella mia stanza e tenni la mano giù per i pantaloncini non appena la porta si chiuse dietro di me.

La mia figa era completamente inzuppata e mi sono liberato in pochi secondi in piedi appena dentro la porta. Non appena le onde del mio orgasmo si sono placate, mi sono spogliato dei vestiti, mi sono sdraiato sul letto e mi sono fatto un ditalino per un altro sperma strabiliante mentre pensavo a loro quattro laggiù proprio ora che si masturbavano quei cazzi bollenti e pensando alle mie tette . Il mio terzo orgasmo è stato ancora più intenso mentre usavo la mano sinistra per lavorare la mia fica, mentre leccavo i resti secchi di sperma dalla mano e dal braccio destro. Per tutto il tempo in cui lo facevo, strofinavo insieme i miei piedi ormai appiccicosi.

Dio, speravo che riuscissero a vincere domani.

* * * * *

Ho dormito nuda e mi sono svegliata con l'odore dolce e maturo dello sperma secco di un ragazzo. Che bel modo di iniziare la giornata.

Dopo una doccia, e dopo essermi vestita con i miei vestiti tradizionali da "mamma da calcio", sono andata ad assicurarmi che i ragazzi si alzassero e si preparassero. Nessuno ha detto niente dei nostri giochi sporchi la sera prima, ma tutti mi hanno fatto sorrisi maligni ogni volta che hanno attirato la mia attenzione. È stato così eccitante avere questo segreto tra tutti noi, senza che nessuno ne sapesse niente.

La squadra è andata a fare colazione e io mi sono seduta con le altre madri della squadra. Si sono lamentati dei letti bitorzoluti e dei bagni angusti. Finora non ho avuto lamentele sul mio soggiorno. La mia mente sporca vagava e non potevo fare a meno di chiedermi cosa avrebbero fatto se le avessi invitate nella mia stanza per un'orgia di sole ragazze. Un paio di loro sembrava non avessero avuto un orgasmo da anni.

L'autobus ci ha portato nei campi, dove i ragazzi si sono riscaldati e si sono allenati. Mi sono impedito di annoiarmi immaginando i miei ragazzi che correvano là fuori nudi, i loro cazzi che si agitavano liberamente nella brezza.

Durante una pausa, Evan è venuto a parlarmi.

"Ehi, mamma, ci stiamo già divertendo?"

"Il divertimento è appena iniziato." ho strizzato l'occhio. "Vi siete masturbati ancora una volta dopo che me ne sono andato?"

“Più come due o tre! Tutti stavano confrontando le note e parlando di quanto sei sexy". Ha controllato per assicurarsi che nessuno si fosse avvicinato abbastanza da sentirci. "Brandon stava battendo di nuovo stamattina quando ci siamo svegliati tutti".

"Non hai idea di quanto mi stia bagnando in questo momento", ringhiai.

"Penso di avere una buona idea." Bevve un sorso della sua acqua. “Era incredibile come sei riuscito a trattenerti. Voglio dire, quattro ragazzi che si masturbano proprio di fronte a te e tu ci hai appena visto sborrare sul chip. Non è da te, mamma."

“C'è qualcosa da dire per prendere le cose con calma. Ritardare la gratificazione aumenta il piacere finale. Questo è come un buon pasto che voglio assaporare, non divorare in pochi bocconi golosi. Se ti ho insegnato qualcosa, è che può essere molto più soddisfacente prendersi il tuo tempo, giovanotto."

“Sì, credo di essere un po' distratto, tutto qui. Sono solo preoccupato che i ragazzi possano avere un atteggiamento diverso su tutto questo quando saremo tutti a casa e non "sulla strada" dove le regole non si applicano. Se questo viene fuori, non sarò mai in grado di mostrare la mia faccia in pubblico".

"Oh, smettila di essere un gabinetto così pazzo." Odiavo quando diventava così. “Se pensiamo troppo a quello che stiamo facendo qui e ci preoccupiamo troppo del “mondo reale”, rovineremo solo il divertimento. Si tratta di tutti che si rilassano e si divertono, senza analizzare e preoccuparsi per ogni piccolo dettaglio sciocco. Fai finta di vivere una fantasia selvaggia, come se fossimo personaggi di una storia volgare che non hanno bisogno di agitarsi per le conseguenze di ciò che stiamo facendo".

L'allenatore fischia e i giocatori corrono verso il centro del campo.

“Non pensare troppo, rilassati e vivi il sogno.”

"Ora stai dando un senso, tesoro."

Si voltò e partì per unirsi alla squadra. Il suo culo sembrava così carino con quei pantaloncini.

* * * * *

Dopo la partita, e una visita caotica al McDonalds, siamo finalmente tornati tutti al motel. Ho fatto una doccia veloce e mi sono messa un paio di pantaloncini freschi e una polo larga, poi sono uscita per aiutare le altre madri a gestire il caos in piscina.

Quando ho lasciato la mia stanza ho avuto uno shock terribile. L'allenatore ha fatto allontanare i miei quattro ragazzi vicino ai distributori automatici e stava parlando con loro. Sembrava serio. Qualcuno aveva detto qualcosa? Si è sparsa la voce su quello che stavamo facendo ieri sera? Il mio stomaco si contorse in un nodo stretto e mi diressi per vedere se riuscivo a sentire quello che veniva detto.

Cercai di sembrare casuale mentre mi avvicinavo.

"Non posso credere a quello che avete fatto", ha detto l'allenatore McGowan. "Non ti ho mai visto giocare così forte per tutta la stagione." Il nodo si è sciolto. “Voglio vedere un po' più di quel tipo di lavoro di squadra là fuori domani, capito? Qualunque cosa ti abbia acceso il fuoco, non perderlo. Adesso vai a divertirti.”

I ragazzi, tutti sorrisi e battono il cinque, sono corsi in piscina.

"Oh, ciao, signora Chase", ha detto l'allenatore quando mi ha notato. "Ti stanno dando del filo da torcere?"

“Sai ragazzi, sono sempre difficili da gestire. Ma penso di averli presi bene in mano".

"Bene bene." Nonostante i suoi migliori sforzi, l'allenatore non ha potuto fare a meno di tentare di dare una rapida occhiata al mio petto mentre parlavamo. "Beh, qualunque cosa tu stia facendo continua così."

"Certo, allenatore."

Mi diressi verso la piscina tirando un grande sospiro di sollievo.

* * * * *

Solo dopo mezzanotte il motel si era calmato abbastanza da farmi scivolare nella stanza dei ragazzi senza essere notato. Non appena ho camminato, i loro volti si sono illuminati come se fosse la mattina di Natale.

"Sembra che voi ragazzi vi siate guadagnati un po' di tempo per giocare con quella grande vittoria di oggi."

"Oggi quel campo possedevamo un cazzo, signora C", si vantò Cory. Il resto dei ragazzi fischiava e alzava i pugni in aria.

"Che i giochi inizino!" annunciai, sentendo il loro entusiasmo. "Per prima cosa, che ne dici di iniziare a spogliarti."

Si tolsero rapidamente i pantaloncini e le magliette. Brandon deve essere diventato duro nel momento in cui ho varcato la porta. Gli altri sfoggiavano rispettabili paffuti.

"Ora vediamo cosa possiamo fare per ottenere quei cazzi belli e duri."

Mi tolsi la maglietta, scoprendo i miei seni nudi. Ho dato loro una stretta e un jiggle.

"Ah, mi sento meglio." Sono stato lusingato dalla rapidità con cui i loro cazzi sono stati tutti in piena attenzione una volta che i miei capezzoli hanno fatto la loro prima apparizione.

"Ho pensato a questo tutto il giorno, signora Chase," sbottò Brandon, la sua mano che già stringeva la sua erezione. "Tu cazzo di regola!"

"Grazie, Brandon, ma fai attenzione a dove punti quella cosa: se si spegne, rischi di cavarti un occhio."

"Allora a che gioco giocheremo?" chiese Michael senza preoccuparsi di alzare lo sguardo dalle mie tette.

"Beh, mentre ero sdraiato a letto la scorsa notte a toccarmi", ho accarezzato con nonchalance la mano sul davanti dei miei pantaloncini, "e ho avuto un'idea." Mi avvicinai a Cory e feci scorrere le dita tra i suoi sontuosi peli del petto. "Che ne dici di un concorso per vedere chi può produrre il più grande carico di sperma." Mentre parlavo mi sono messo dietro Brandon e ho afferrato una manciata di uno dei suoi panini muscolosi. "Sembra divertente?"

Furono tutti immediatamente d'accordo, e potevo quasi sentire i loro battiti cardiaci alzare una marcia.

"Ma come lo misurerai?" chiese Evan utilmente. Mi sono spostato davanti a Michael e ho strofinato la mia mano sulla sua pancia. Ha risucchiato il suo intestino, ma c'era ancora un po' di grasso di bambino abbronzato che non ho potuto fare a meno di pizzicare.

“Buon punto. Non abbiamo alcuna bilancia", ho pensato mentre mi mettevo di fronte a mio figlio. Mi chinai e lasciai che la punta del mio dito tracciasse la curva della sua erezione all'insù. "Come posso misurare quale di voi ragazzi è in grado di spremere più sperma dal suo grosso cazzo duro?"

"Forse se sborriamo in una tazza o qualcosa del genere..." si offrì Brandon.

"Che ne dici di sborrarti in bocca, stronzo", lo schernì Cory e si fece una serie di risate dagli altri ragazzi.

"Penso che potresti avere qualcosa con quell'idea, Cory", lo interruppi. Brandon sembrava colpito, ma gli presi la mano e lo condussi al centro della stanza. “Prima tu, ragazzone. Vediamo quanto sperma ti rimane in quelle palle dopo aver battuto tutta la notte. Inizia a masturbarti."

Deglutì a fatica e iniziò ad accarezzarsi. Gli altri ragazzi aspettavano e guardavano, non sicuri di cosa stessi combinando.

"Ecco, Brandon, masturbati quel grosso cazzo per me", dissi in un sussurro sensuale. Mi girai lentamente dietro di lui, mi chinai in avanti e toccai i miei capezzoli contro la sua schiena. “Puoi farlo per me, Brandon? Fai venire il tuo cazzo?"

«Sì... sì, signora Chase», sussurrò.

Mi sono avvicinato a lui e mi sono inginocchiato, il suo cazzo che si dibatteva era a pochi centimetri dalla mia faccia. "Dimmi quando sei pronto per sparare il tuo carico, piccola."

Abbassò lo sguardo e vide che mi pizzicavo e tiravo i capezzoli e questo lo mandò fuori di testa.

"Sono pronto! Sto per venire!"

"Sborra qui dentro", ho spalancato la bocca e ho tirato fuori la lingua. Non ha avuto il tempo di reagire oltre a puntare il suo cazzo proprio mentre il primo getto è partito. È atterrato sulla mia lingua, seguito rapidamente da un altro. Afferrò forte la sua asta e munì qualche altra goccia nella mia bocca.

“Santo cielo,” imprecò sottovoce. "Un-fottutamente reale."

Chiusi la bocca e mi sedetti sui talloni. Ho chiuso gli occhi e ho fatto scorrere il carico di sperma di Brandon nella mia bocca. Mi sono comportato come se stessi valutando il suo volume, ma stavo semplicemente assaporando il sapore pungente del suo giovane seme. L'ho ingoiato con un movimento esagerato."

“Ahh! Mmm, grazie, Brandon. Onestamente non so perché hai fatto tante storie per aver mangiato quella patatina ieri sera. Michael, sei il prossimo".

Brandon si limitò a scuotere la testa per lo stupore e fece un passo indietro con una sciocca espressione di contentezza stampata sul viso. Michael è stato veloce a prendere il suo posto.

"Penso che i carri armati di Brandon fossero piuttosto bassi, dovresti essere in grado di fare di meglio. Pensi di potermi riempire la bocca con un bel carico di sperma, Michael?"

Michael annuì, incapace di parlare, e iniziò a sollevarsi.

"Va bene, accarezza la tua canna rigida in modo piacevole e veloce." Mi alzai e slacciai il bottone dei miei pantaloncini. Ho tirato giù molto lentamente la cerniera. Li tenni sollevati per un momento, poi lasciai che i pantaloncini mi scendessero alle caviglie, rivelando il mio perizoma di raso rosso fuoco. Mi sono girato e ho dato loro una buona occhiata al mio culo mentre mi chinavo per raccogliere i miei pantaloncini.

"Ti amo, signora Chase", dichiarò Michael. "Questo è il culo più bello che abbia mai visto."

Mi aspettavo che uno dei ragazzi gli sparasse contro con una battuta, tipo "è l'unico culo che tu abbia mai visto", ma erano tutti silenziosi mentre fissavano il mio corpo quasi nudo.

“Oh, Michael, smettila. Mi farai arrossire", ridacchiai. "Ora che ne dici di darmi un po' di quel tuo sperma caldo."

Ho tirato le unghie lungo la parte anteriore delle sue cosce. C'era una leggera patina di sudore che si accumulava sulla sua pelle, e potevo sentire l'odore intenso del cloro che lo avvolgeva dalla piscina. Non riesco a spiegare perché, ma questo mi ha reso ancora più eccitato per qualche motivo.

"Ecco qua", gridò e io aprii la bocca sotto la testa che rimbalzava del suo cazzo. "Sto per venirti in bocca, oh Dio!" Michael mi ha fatto esplodere diversi getti in bocca ed è stato tutto ciò che ho potuto fare per evitare che mi finisse dritto in gola. Continuava a sussultare selvaggiamente e un po' mi schizzava sul naso e sul mento.

"Potresti perdere qualche punto per una scarsa mira, sciocco." Ho raccolto il più possibile dalla mia faccia e l'ho aggiunto al batuffolo già in bocca. Ho seguito la mia routine, girando e valutando, ma l'unica cosa nella mia mente era quel debole accenno di dolcezza sotto le note salate del suo sperma fresco.

Ero così fottutamente arrapato. Non sapevo se sarei stato in grado di controllarmi ancora per molto. Questa esperienza stava superando la mia fantasia più vivida. Potevo sentire la mia umidità inzuppare il materiale sottile del mio perizoma e mi chiedevo se i ragazzi potessero ancora sentire l'odore carico di ormoni della mia figa riscaldata.

"È stato un buon sforzo, ora vediamo se Cory può fare di meglio." Sulla base di quello che avevo visto la scorsa notte, Cory avrebbe vinto facilmente questo concorso. E devo ammettere che era proprio quello che volevo.

"Nessuna bugia, signora C", disse Cory mettendosi di fronte a me, "me lo ricorderò per il resto della mia vita".

"Sta' zitto e inizia a masturbarti, brutto ragazzo", ho comandato nel mio miglior tono da dominatrice. Ha appena sorriso e ha iniziato a lavorare il suo cazzo. Ancora una volta ho ammirato il suo pugno pieno con un tocco di stile. Ho anche notato come non stesse picchiando come un coniglietto pazzo di sesso. Sapeva che questa gara non riguardava la velocità, quindi si sarebbe preso il suo tempo e si sarebbe goduto ogni secondo. Dio, mi ha mai fatto eccitare.

Ho visto Cory massaggiare la sua asta, provando un piacere speciale alla vista delle goccioline di pre-cum che si raccoglievano nella fessura del suo cazzo. C'era un'attrazione magnetica che sembrava attirare la mia bocca verso la testa grassa di quel suo grosso pene. Mi alzai in ginocchio per non cedere alla tentazione.

Questo ha messo le mie tette più o meno allo stesso livello del suo cazzo. Ho preso le mie tette, sollevandole e strizzandole. I miei capezzoli erano spinti in fuori, apparentemente protesi verso di lui. Ne ho fatto avanzare lentamente uno fino a quando non ha sfiorato la punta del suo cazzo prima di tirarlo via. Ci fu un forte respiro affannoso e la sua mano iniziò a muoversi più velocemente. Un punto per me. Ho ripetuto questa seducente tortura con l'altro mio capezzolo, e sono stata ricompensata con Cory che l'ha alzata di un'altra tacca.

"Fai lavorare quel cazzo duro, piccola", lo incoraggiai. "Voglio il tuo sperma sulla mia lingua." Allungai la mano dal basso e gli solleticai leggermente lo scroto peloso. «Svuotami in bocca queste grosse palle grasse, Cory. Lascia che ti assaggi.»

"Apri, signora C", gemette, "te lo darò".

Aprii la bocca, tirai fuori la lingua e mi avvicinai il più possibile all'estremità del suo cazzo senza prenderlo davvero tra le mie labbra. Fui momentaneamente sorpreso quando la sua mano scivolò dietro il mio collo, ma si limitò a tenermi con una dolce fermezza. Questo ragazzo aveva solo diciotto anni e sapeva già esattamente come impossessarsi di una donna. Cominciai a chiedermi chi avesse avuto come insegnante, ma presto fui troppo distratto per preoccuparmene.

Cory non sprizzava come gli altri ragazzi. Si strinse forte e rallentò i suoi movimenti mentre si avvicinava all'orgasmo. Un gemito sfuggì a denti stretti, e la sua densa melma iniziò a trasudare dal suo buco. Ha continuato a pompare costantemente il suo albero, e la roba ha continuato a fluire. Una goccia dopo l'altra di liquido viscido mi cadde sulla lingua e mi infilò in bocca.

Non c'era gara. Cory mi ha riempito facilmente la bocca con il doppio di sperma dei primi due ragazzi messi insieme. L'ho lasciato giocare sulla lingua e sui denti. Rivestiva l'interno delle mie guance e il palato. Finora aveva il sapore più forte e mi ha dato una strana sensazione di formicolio, come se potessi quasi sentire quei milioni di piccoli spermatozoi che si dimenano lì dentro. Era divino.

In realtà ho dovuto prendere due sorsi per buttarlo giù, ma non ho lasciato che una goccia andasse sprecata.

"Ho ragazzo", riuscii alla fine con voce roca, "sarà difficile da battere".

Cory mi guardò e per un secondo pensai che stesse per baciarmi. Ma, invece, si limitò a sorridere e indietreggiò, facendo spazio a mio figlio Evan.

"Non so se posso farlo, mamma", ha improvvisato.

"Tutti gli altri ragazzi l'hanno fatto, tesoro, va tutto bene", gli ho assicurato.

"Va tutto bene, Evan", ha aggiunto Cory. "Fallo e basta."

"Sì", ha detto Brandon, "non ti chiameremo un mostro per esserti masturbato nella bocca di tua madre o niente." In qualche modo questo non sembrava aiutare la situazione.

"Facciamo un compromesso", ho offerto. "Che ne dici di sborrarmi in mano come ieri sera?"

Evan si finse come se ci stesse pensando. "Sì, immagino che vada bene."

Ha iniziato a pompare la sua erezione. Piegò leggermente le ginocchia e lasciò che le sue palle penzolassero liberamente. Facevano un soddisfacente rumore di schiaffi contro il suo pugno ad ogni colpo. Era uno spettacolo familiare per me vedere il mio ragazzo masturbarsi in questo modo, ma il turbinio di eccitazione che derivava dal farlo di fronte a un pubblico lo rendeva più erotico di quanto avrei potuto immaginare.

"C'è un bravo ragazzo, masturbati il ​​tuo pene per me. Tira fuori tutta quella sborra schifosa."

Mi appoggiai allo schienale e infilai una mano nella parte anteriore del mio perizoma. Un brivido elettrico mi ha attraversato quando il mio dito ha sfiorato la protuberanza rigida del mio clitoride teso. Ero sull'orlo di quel punto di non ritorno. Se iniziassi a toccarmi seriamente, non sarei in grado di fermarmi. Ho notato che Brandon aveva rinunciato a ogni controllo e stava riprendendo a battere mentre guardava la mia mano che si muoveva sotto il tessuto inzuppato della mia biancheria intima.

Mi sono sforzato di tirare fuori la mano da tra le mie gambe e invece l'ho messa a coppa sotto la testa del cazzo di Evan.

"Sei pronto a sborrare nella mia mano, piccola?"

"Sì, ci siamo quasi."

Mi chinai in avanti e guardai gli altri ragazzi. Ho fatto loro un sorriso diabolico e un occhiolino.

"Ecco, lascia che ti aiuti, tesoro."

Con ciò mi sono avventato sul cazzo di Evan con la mia bocca. Gli ho afferrato i fianchi e ho spinto la testa in avanti, spingendo il suo cazzo in profondità nella mia gola. I ragazzi hanno urlato e applaudito mentre mi tenevo stretto e iniziavo a succhiare mio figlio. Evan si è comportato come se stesse cercando di resistere, ma era tutto per spettacolo. Alla fine si rilassò e mi lasciò fare a modo mio mentre i suoi amici lo guardavano. Potevo solo immaginare quanto se la stesse cavando.

L'ho succhiato forte e veloce, gemendo e sbavando per tutto il tempo. Ho messo su il mio miglior atto di pornostar, e ci sono andato davvero. Ho sentito Brandon grugnire in sottofondo mentre batteva il suo secondo orgasmo della serata, questa volta sul tappeto.

"Succhialo!" gridò Evan. “Succhialo, mamma! Succhiami il cazzo!”

Ha fatto esplodere il suo carico ed è andato dritto nella mia gola. Ha avuto qualche altro spasmo, e un po' più di sperma è gocciolato sulla mia lingua, ma la parte migliore del suo concorso era già nella mia pancia.

Ho tirato fuori il suo cazzo dalla mia bocca con un lento, succhiante tiro, poi ho fatto finta che stavo misurando il suo batuffolo. L'ho finto-inghiottito e poi gli ho dato una pacca sulla gamba.

"È stato bello, tesoro, ma mi dispiace dirti che sei arrivato quarto." In realtà era più come il secondo posto, ma qual è il punto di essere un giudice a meno che tu non possa manipolare i risultati per ottenere ciò che vuoi.

"Qual è il premio, signora Chase?" chiese Michael, a malapena in grado di contenersi.

"Avevo qualcosa di speciale in mente", dissi con un tono di copertura e lasciai che la mia mano tornasse indietro verso il piccolo pezzo di tessuto di seta che nascondeva il mio cavallo. "Ma sono un po' preoccupato di aver già lasciato che le cose si spingessero troppo oltre."

"No, signora C, siamo assolutamente d'accordo con qualsiasi cosa tu voglia fare", ha insistito Cory. “Whatever happens, none of us will ever tell anyone. Mai." Michael and Brandon nodded in wholehearted agreement.

“I was thinking that tonight’s prize would be my pussy, but you young boys might not be so interested in a middle-aged lady’s coochie.”

“I’m interested,” Brandon chirped up. “Please, Mrs. Chase.”

“It would be a dream come true,” Michael said.

“You know we all want this more than anything, Mrs. C.” The way Cory was looking at me I could tell he was on to me.

“Does that include you, Evan?” I turned to my son and slipped my fingers along my wet thong.

“I know how fucked up it is,” he gave his teammates a sheepish look, “but even though you’re my mother, I wouldn’t mind seeing…everything.”

“So it’s really okay with you if I take this thong off and let everyone see my pussy?”

“We’ve come this far, why stop now?”

The boys all looked at me with breathless anticipation. I stood up and hooked my thumbs under the strings at my hips and pretended I was having second thoughts. Then, with a big grin, I slid my thong down to my feet, stepped out of it and tossed it aside.

“Woo!” I squealed with genuine elation. “I can’t believe I’m totally naked with you boys! This is so wrong!” I danced a little turn, giving them a look at me from all sides. I went and sat at the foot of one of the beds with my legs primly pressed together.

“Here you go, Evan, fourth prize.” I put my hands on my knees and slowly eased them apart. My legs opened and the boys gathered in a tight bunch directly in front of me to get the best view.

I had shaved only a few hours earlier, so my outer lips were bare and perfectly smooth. I had trimmed the area above into a neat landing strip that was wider at the top and narrowed as it approached my slit. I was so excited that my pussy was already swollen and glistening with sex juices.

“Come over and get a good look, baby.”

Evan knelt between my feet and I spread my pussy lips open for him. The other boys tried to see around their friend, but they would just have to wait their turn.

“It’s beautiful,” my son whispered, and even though he’d see it a hundred times before, I knew he was sincere. “Thanks, Mom. Per tutto."

“Brandon, you get third. Step on up.”

Evan and Brandon swapped places. He gaped at my shameless display.

“Have you ever smelled a woman’s pussy before, Brandon?”

He just shook his head.

“Alright then, here’s your chance, darlin’.”

Bandon leaned forward a bit, closed his eyes, and inhaled deeply about six inches away from my sex. A serene smile came to his lips.

“Come on, Brandon,” I purred, “get right in there and take a good whiff.”

He inched forward, stopping only finger’s breadth away from the source of my intoxicating musk. He breathed me in as the other boys looked on with fascinated arousal.

I moved my hips forward a tiny bit, letting the edge of my engorged inner lips caress the tip of his nose.

“Do you like the way my pussy smells?” Ho chiesto. “Nod your head if you do.”

Brandon nodded, causing his nose to rub up and down along my pink lips.

“Have you ever smelled anything better than my dripping wet vagina?”

He shook his head no, letting his nose brush back and forth against the protruding extents of my increasingly stimulated pussy.

I patted him on the head and he backed away with a hint of a pout. I didn’t want him to go away sad, so I ran a finger around my opening, then touched that finger to Brandon’s upper lip, smearing a generous daub of my juices there for him to enjoy later. He rejoined his pals with a big grin.

“Michael, have you ever touched a girl’s pussy?”

“No, never.”

“Would you like to touch mine?”

“Yes, Mrs. Chase, very much.”

Michael settled down between my legs and looked me over. He seemed unsure of where to start. My instinct was to give him some friendly instruction, but I decided to stay quiet and see what he came up with on his own.

As I guessed, he went straight for my hole. He slipped his index finger inside me and slowly pushed it as far as it would go. Again, not quite the most pleasurable sensation overall, but it was nonetheless incredibly erotic to be sitting naked with my legs spread wide as this inexperienced young man fingered me with his three buddies looking on.

Michael’s finger glided in and out of my sopping wet vagina, and it started feeling good. Veramente buono. I began to turn my hips slightly to match his movements and increase the goodness.

“Am I doing this okay?”

“You’re doing it very okay, Michael. Are you having fun finger fucking my pussy?”

“Yes,” he gulped. “It feels real nice, Mrs. Chase.”

“I bet it would feel better if you put two fingers inside me.”

Michael took my suggestion and added another finger. A lovely shiver ran through me. I released my pussy lips and brought my hands up to my chest where I began fondling my tits. I tweaked and twisted my nipples as his strong fingers explored within me. I could easily see myself getting off on this, but I wanted to hold off a little longer. I clenched my inner muscles around his fingers and felt that insistent ache in my clit begging for attention. Just a few more seconds, then I’ll have him stop.

He was moving his fingers in and out a little faster now. With two fingers in he was hitting my sweet spot more often. God I wanted to cum, just a few more seconds. I heard a soft moan escape my throat and realized I had started to hump Michael’s fingers with purpose. I had to stop now or I would lose control.

“Okay, big boy,” I panted. “That’s enough for now.”

Michael slowly pulled his fingers out of my pussy.

“Thanks, Mrs. Chase, that was awesome.”

“And for first prize, Cory,” I could barely form the words I was so excited, “I was thinking I might let you give it a lick.”

He stepped forward and looked down at me hungrily. “You want me to lick your pussy, Mrs. Chase?”

“If you want to.” I opened my legs wider.

"Io faccio." He knelt and placed his hands lightly on the insides of my thighs. “But do you want me to?”

He was playing with me. Cory could see how turned on I was and how close I was to cumming myself. He was able to see through my act that I was doing this for them.

“Yes,” I breathed, unable to maintain any kind of cool façade. “I want you to suck my pussy, Cory. Per favore."

With a triumphant smile he lowered his face to my crotch and went to it.

He lapped his tongue up along one side of my outer lips, then down the other. Next, my clit received several teasing flicks. Small snaps of electric pleasure were firing off all over my body as I writhed in anticipation of what it was going to feel like to have Cory’s mouth fully at work on my swollen puss.

Just when I thought I couldn’t take it any longer, he opened his mouth wide, covering as much of my vulva as he could, and began sucking me. Oh God, it was glorious. The pulsing suction drew the sensitive flesh of my pussy in and out of his mouth. It was almost too much to fully take in—the sensations were nearly overwhelming. Then, with one big sucking pull, he release his oral grip on me and went to it with just his tongue.

Cory worked his deft tongue along the depths of my intimate folds and creases, leaving no hidden recess unexplored. Upon reaching my eager clit, he gave it a few suckling kisses, but didn’t linger there. It was maddeningly provocative.

“That’s it, suck my pussy,” I heard myself saying. I was losing it in front of my audience, but I was too far gone to care. “Suck me, you horny fucker.”

His tongue swabbed over my hole, causing it to convulse with the desire to be filled.

“Fuck me with your tongue. Yeah, just like that…stick it in my hole.”

As Cory jammed his stiffened tongue inside me, I looked to the other boys. They were all watching and playing with their hard cocks. I wanted them all.

“Michael, come over here and suck on my titty for me. You, too, Brandon.”

I slid back on the bed so I could lie flat. Cory’s mouth never left my pussy during this maneuver. Michael positioned himself on my right and began licking my nipple. Brandon settled in on my left and took control of my breast on that side. My mind reeled with the multiplicity of sensations now flooding it. I was drunk with ecstasy.

I reached to either side, searching between the two boys’ legs at the same time until I found what I wanted. I cradled Michael’s and Brandon’s balls in my fingers and lightly massaged them as they each sucked on my tits.

Cory was now using his tongue to take long, broad strokes along the entire length of my throbbing slit. His hands were pressed to the undersides of my thighs, holding my legs up in the air and keeping me spread wide.

“That’s right, boys, suck me all over,” I groaned. “Suck me while I play with your big, sweaty balls.”

I felt movement on the bed above my head. Evan gently pushed my head back, then mounted my face. He lowered his balls onto my lips, and I opened up, willingly taking them into my mouth. I was now officially in full sensory overload.

Cory, with perfect timing, locked his lips around my hard clit. He sucked and licked it in alternating turns. He wasn’t quite as good as my son, but he certainly knew what he was doing down there. I could feel my orgasm approaching fast.

Brandon held my breast in both hands, squeezing it and sucking hard at my nipple as I fondled his sack. Michael had one hand resting on my belly while he used the other to continue jacking himself. I tugged firmly on the loose skin of his scrotum, occasionally giving his nuts a vigorous jiggle. Meanwhile, my tongue bathed my son’s testicles as a steady stream of involuntary moans flowed from my throat.

I began fucking myself against Cory’s face. Within seconds, the initial waves of my orgasm tore through me like a tsunami. I had to quickly turn my head to the side to keep from biting down on Evan’s balls. I cried out as Cory maintained his relentless assault on my clit, detonating pulse after pulse of raw pleasure that blasted up through me with breathtaking rapidity.

That threshold where pleasure became pain suddenly came upon me and I had to squeeze my legs together and force Cory away from my burning clitty. Evan’s wet balls rested pleasantly on my cheek. I waited for the shudders of my orgasm to finally go quiet.

“Cum on me,” I whispered.

"Sig.ra. Chase?” Cory’s voice sounded so far away. “Did you say something?”

“I want you boys to cum on me,” I repeated with more conviction. “Masturbate your cocks for me. I want everyone to cum all over me.”

I took Evan’s balls back into my mouth and he immediately began jacking off. I felt the bed move as the others repositioned themselves. I ran my hands over my naked body, feeling my saliva-slicked breasts, and sweaty flesh. My fingers soon sought out my pussy, still trembling with the aftereffects of orgasm.

It started as a quick touch, then another, and without consciously intending to I began masturbating. And it fucking felt amazing. To be lying there, with my legs spread wide, completely exposed, fingering myself as four young men jacked off over me. A fantasy come true.

Evan shifted back, as if he could read my mind. I lifted my head and took in this magnificent sight. Brandon and Michael were kneeling at my sides, both whacking away. Cory was standing at the foot of the bed, jerking his fat cock as he watched me finger myself.

“Oh my God,” I gasped. “Your cocks are so big, and so hard. Make them cum on me! Shoot your hot cum all over me!”

My son was the first to release. He raised himself up and fired several thick spurts of semen onto my face from above.

“Shit, Evan,” Michael moaned, “you just jizzed all over your mom’s face.” He jerked himself faster. “That is totally fucking awesome.”

With a tight little grunt, Michael brought himself off. He squirted all over my tits. As each emission of warm sperm landed on my bare skin, it sent a delicious tingle crawling down my spine. When he had given up all he had to give, Michael leaned down and pressed the cummy head of his cock to my nipple. What a thrill that gave me. He was still rubbing his dick on my jizz-coated tit when Brandon climaxed.

“I’m going to cum, Mrs. Chase,” he announced. “I’m going to cum right on you!”

“Do it, Brandon,” I said as I continued pleasuring myself. “Give it to me!”

“Oh Jesus, yes!” he cried while he fisted himself to yet another orgasm. He swiveled his hips from side to side and drops of cum spattered my chest and tummy. At least one flew far enough to land on Michael’s arm.

“Mmm hmm,” Cory quietly intoned. I looked down and could tell he was about ready to cum as well. “Mmm hmm…”

“Cum on me, Cory.” I spread my pussy wide for him. “Cum right on my cunt for me. Cover me with your hot cum.”

With a loud yawp he did just that. Cory moved in close and let loose with a healthy stream of white goo that landed directly on my protruding clit. I immediately spread it around and used his load to further lubricate my already soaking wet cunt.

Things became somewhat jumbled for me then. Evan scooped the remnants of his sperm from my face and let me lick the delicious treat from his fingers. Brandon went back to sucking my breast, without being the least bit deterred by the fact that it had both his and Michael’s cum on it. Cory snuck a couple fingers into my vagina and fucked me in rhythm with my own quickening strokes.

It was an insane kaleidoscope of delights, any one of which would have been enough to satisfy me, but in combination had me on the verge of delirium.

My cum-soaked fingers strummed my clit with an increasingly vigorous motion. My orgasm welled up quickly and burst over me with a sudden force. It lifted my ass up off the bed and drove a shriek of animal passion from my lungs.

I’d often read about people passing out as the result of a particularly intense orgasm. I never believed it actually happened, but the way my head was spinning it seemed I had been at the near edge of doing just that.

I plopped my butt back down onto the bed and went still. The only sounds were that of us all breathing heavy, and Brandon sucking at my breast. He seemed to finally notice that the action had subsided, and released my nipple.

“Sorry,” he mumbled.

I wanted to tell him it was okay, but all I could manage was a reassuring pat on his thigh.

The tickly sensation of all that cum slowly dribbling along the curves of my naked flesh was exquisitely gratifying.

“I have to thank you boys,” I finally managed to say. “I haven’t cum that hard in ages. You were all perfectly wonderful.”

“We should be the ones thanking you,” Brandon insisted.

“This was beyond incredible,” Michael chimed in. “Thanks, Mrs. Chase.”

“And,” Cory eased his fingers out of my pussy, “also, thanks for trusting us. We know how messing around with us is risky enough, but for you to let Evan in on it, too, well…you know…” He looked across my naked body at my son as his words faltered. Cory was afraid to say too much more on this subject.

“I admit it was all very weird at first,” Evan said, “but this has been pretty great for me, too. I realize now just how lucky I am to have you for a mom.” With that he leaned down and gave me a nice, soft kiss on the lips.

“Okay,” I choked out, “let’s not get all mushy now.” I fought to keep my own emotions in check and not let it show how touched I really was. “It’s a road trip, remember, and this is nothing more than all of us having a bit of fun and getting our rocks off together. Got it?”

The boys all nodded and smiled in agreement, despite my not very convincing speech.

“Now somebody get a towel and clean all this nasty cum off of me!”

The boys happily wiped me down with warm washcloths, then patted my body dry with exacting thoroughness. I reluctantly dressed and tucked them in. This time, in addition to a peck on the cheek, I also gave them each a little smooch on the tip of their chubby peckers.

“Alright, fellas,” I said just before leaving. “I’ll make you the same deal as before. If you win the championship tomorrow, I’ll come by for one last game night with you boys before we head home.”

“What’s the prize going to be?” Brandon predictably asked.

“Let’s just say that if you win, Brandon, you won’t be going home a virgin.”

As his jaw dropped, I gave him a wink, flipped off the light, and slipped out the door without another word.

I almost felt sorry for the other team. They didn’t stand a chance tomorrow.

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

743 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

282 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

45 I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

1.2K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.