Una sorpresa estiva (parte 1)

1.3KReport
Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva,
Parte 1

di Nicholas Chiglia

Capitolo 1:

Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana.

Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto, come non si è mai vergognato di sottolineare. È stato proprio prima del Ringraziamento, quando ha mostrato a Nick "The Chart". Nell'armadio aveva appeso un cartellone con i nomi di entrambi, una stella per ogni ragazza portata a casa. Aveva pensato, erroneamente, che sarebbe stata una gara divertente tra loro due, ma a ottobre si era reso conto che non era una competizione. La linea di Nick aveva zero stelle.

"Sì... scusa, amico. Ho smesso di contare un paio di settimane fa, mi ha semplicemente deluso vederti con un grosso zero lassù," disse sconsolato.
"Allora... perché me lo mostri allora?" Ho chiesto.
"Non so, ho pensato che avresti voluto vederlo."
"Hai pensato male."

Questo incapsula praticamente il resto del loro tempo insieme. Così, quando l'anno scolastico iniziò a concludersi in aprile e maggio quella primavera, Nick non fu affatto deluso dalla prospettiva di tornare a casa. In effetti, aveva anche un lavoro lì che lo aspettava, o almeno così pensava. Nick ha impiegato alcuni giorni per sistemarsi, visitare i vecchi amici e raggiungere la famiglia quando è tornato. Poi sarebbe andato da Al's Comics and Cards, dove aveva lavorato ogni estate dalla prima media.

Nick era un po' nerd al liceo: giochi di carta e di dadi, giochi di carte collezionabili e simili. Ha preso un po' di merda per questo, ma non era poi così male, davvero. Il vantaggio di lavorare in un negozio di giochi era che riceveva sempre versioni anticipate, sapeva dei prossimi eventi e poteva usare lo sconto per i dipendenti. Nick entrò da Al e trovò il manager, il cui vero nome era Tom; aveva acquistato l'attività da un amico (l'originale Al) circa un decennio prima.

"Ehi, Tom! È bello vederti." disse Nick a titolo di saluto.
"Ehi, Nick. Come ti tratta la scuola?"
"Ah, sai: lo studio, le feste, il lavoro." disse sarcastico, roteando gli occhi.
"Scommetto che sei una vera cacciatrice di donne lassù, vero?"
"Eh, sto bene." Nick mentì, in modo poco convincente. "Mi chiedevo quando volevi che iniziassi? Forse la prossima settimana, dopo il fine settimana?"
"Oh merda, Nick," disse Tom, sembrando sinceramente turbato. "Non credo di poterti accettare quest'estate. Quel nuovo gioco di carte collezionabili, Magic the Gathering, è uscito quest'anno, e ho dovuto assumere un aiuto extra per trattare con i nuovi clienti e per aiutare a ospitare eventi. Io" sono pieno."

Questa notizia lo ha colpito come una tonnellata di mattoni. Nick si era aspettato di trascorrere la maggior parte dell'estate circondato da tutti gli intrattenimenti e i diversivi che poteva desiderare, ed eccolo qui, a scoprire che proprio non succederà. "Non c'è modo?" Chiese, supplicando di mantenere intatta la sua estate.
"No, mi dispiace Nick. Non posso permettermi due membri dello staff."
"Va tutto bene," disse Nick, irto. Ha avvolto il mio orgoglio intorno a sé abbastanza stretto da irrigidire la sua spina dorsale. "Capisco. Tornerò nel fine settimana per prendere dei nuovi libri supplementari."
"Mi dispiace davvero, Nick. Lo sono. Onesto. Spero che tu non ti faccia male."
"È quello che è. Ci vediamo più tardi, Tom."

Detto questo, uscì dal negozio e tornò a casa. L'estate è stata ufficialmente girata. Nessun lavoro, il che significava niente soldi extra, il che significava tre mesi molto noiosi a casa. "Fanculo fantastico," disse a nessuno in particolare.

Nick è tornato a casa e sua madre ha detto qualcosa a proposito della cena, ma invece è salito in camera mia e ha chiuso la porta. Cercò di perdersi in qualche lettura, ma l'ombra dell'estate sprecata era troppo grande per prestarvi attenzione. Ad un certo punto quella sera, Nick si addormentò... e la mattina dopo sarebbe iniziata davvero l'estate.

* * *

Dovevano essere circa le dieci del mattino seguente quando si svegliò, i suoi genitori erano già andati a lavorare per la giornata, e Nick fece un bel giro di squat per tenersi occupato. Scese le scale, cercò un po' di cibo e optò per un pasticcino surgelato. Mi versò un bicchiere di limonata e si fermò alla finestra della cucina, guardando fuori nel cortile laterale della casa.

Un po' di movimento catturò la sua attenzione e un lampo di pelle pallida rifletteva la luce del sole del mattino. Hmm... Nick pensò tra sé, chissà chi c'è a casa dei Tyler? Si trasferì nella sala da pranzo per vedere se poteva avere una visuale migliore. La staccionata di legno che separava il nostro cortile da quello dei Tyler aveva degli spazi appena sufficienti per vedere attraverso, ma da quella distanza non c'era molto da vedere. C'è sicuramente qualcuno laggiù, però.


Senza pensarci, Nick si ritrovò a sgattaiolare fuori silenziosamente. I Tyler avevano un solo figlio, uno stronzo rumoroso di nome Johnny. Avrebbe... forse undici anni adesso, ma lo mandavano sempre al campo notturno. Diavolo, qualsiasi persona sana di mente manderebbe via quel ragazzo il più spesso possibile. Strisciò fuori e si avvicinò silenziosamente al recinto.

Quando Nick si avvicinò, vide che c'era davvero qualcuno dall'altra parte. Gli vennero immediatamente in mente visioni di se stesso che fermava eroicamente un ladro. Il giornale lo avrebbe intervistato, i Tyler lo avrebbero ringraziato e la città avrebbe festeggiato la sua cattura del subdolo ladro.

Tutte queste visioni furono immediatamente messe a tacere quando Nick vide la morbida curva di un'anca e la leggera sporgenza di un osso iliaco. La più piccola striscia di tessuto tesa lungo l'anca, si collegava a un triangolo perfetto che scompariva tra due cosce luccicanti.

C'è una ragazza laggiù.

Una mano delicata entrò nel suo campo visivo limitato e iniziò a strofinare un olio viscoso sulla sua pelle, donandole una lucentezza liscia. Si passò le mani sulle cosce, sul basso addome e sui fianchi. Nick davvero non riusciva a credere a quello che stava vedendo. Chi è questo?! Rimase paralizzato. Nient'altro che un terremoto o un aereo che cadeva dal cielo lo avrebbero spostato da quel punto.

Spostò leggermente il peso, per ottenere un'angolazione diversa attraverso le stecche. Il suo stomaco si incurvò leggermente, e poi si abbassò, risalendo di nuovo per incontrare le sue costole. La sua pelle era liscia e perfetta, unta di olio. Indossava un bikini rosso con puntini bianchi e il tessuto le avvolgeva delicatamente il seno. I suoi capelli castano scuro erano raccolti sopra di lei sulla sedia a sdraio mentre giaceva sulla schiena nel caldo sole mattutino. Lei è bellissima.

Nick si abbassò e si aggiustò. La sua crescente durezza premeva a disagio contro i suoi jeans. Come se percepisse il suo bisogno, si stiracchiò lussuosamente, inarcando la schiena dalla sedia a sdraio e facendo risaltare i capezzoli contro il tessuto teso del vestito.

La mano di Nick sembrò scivolare giù da sola, esercitando una leggera pressione sul rigonfiamento indurito dietro i suoi jeans. Era così duro da fargli male, il battito pulsante a tempo con il suo polso, e le piccole ondate di piacere che si increspavano nel suo corpo con la pressione di esso.

Si sdraiò e si sistemò sulla sedia. Sollevò un ginocchio, fortunatamente il sinistro, e quindi più lontano da lui, senza ostruire la sua visuale. Si passò la mano sullo stomaco, la pelle oliata era liscia, abbronzata e abituata al caldo estivo. Le sue dita iniziarono a trance pigramente la linea dello slip del bikini, la leggera piega dove la sua coscia incontrava il bacino.

Sembrava che si passasse le unghie lungo l'interno coscia, grattando leggermente la pelle lì, lasciando una piccola traccia sulla pelle oliata che svanì rapidamente. Che diavolo sta succedendo? Il suo dito si avventurò verso il piccolo triangolo di tessuto, che copriva il supporto ricurvo sottostante. Aprì leggermente le gambe e iniziò a far scorrere le dita sul tessuto, evidenziando in rilievo le curve e le pieghe di lei. Fece scorrere le dita sui contorni del tessuto, le sue labbra appena visibili contro il tessuto stretto.

Lentamente, il colore del tessuto rosso iniziò a scurirsi, mentre i suoi succhi venivano assorbiti dal tessuto. La parte bassa della sua schiena si sollevò dalla sedia, mentre dondolava i fianchi, il suo respiro ora diventava sempre più veloce e lei muoveva le dita in cerchi stretti e leggeri, avvicinandola sempre di più al rilascio.

Nick non era sicuro di quando esattamente avesse aperto la cerniera dei suoi jeans, ma l'avevano aperta, e stava facendo scorrere le mani sulla sua asta, stringendo e pompando a tempo con i cerchi di lei. Il suo ritmo aumentò, e anche lui aumentò il suo. La sua schiena ora si inarcò contro la sedia, sollevando il petto verso il cielo nuvoloso blu. Le sue labbra si aprirono e la sua lingua guizzò fuori, bagnandole leggermente. Gli sfuggì un breve gemito e un grido, e questo lo fece per lui. Stava accadendo.

Nick ha continuato a lavorare il suo membro, ed era già vicino alla fine. Sembrava anche molto vicina. Con una mano, premette contro di sé la stoffa del suo bikini, le sue dita scomparvero nella stoffa bagnata, premute leggermente dentro di lei. L'altra mano sfregò furiosamente il clitoride attraverso il tessuto e Nick esplose contro la recinzione con tale forza che per alcuni secondi vide dei colpi. Le sue ginocchia cedettero e cadde a terra, ansimando leggermente.

Improvvisamente, si rese conto che non era più preoccupato per il silenzio, e la sua testa si alzò di scatto, sbirciando attraverso la fessura tra le stecche del recinto. Lei lo guardava dritto negli occhi, due dita della sua mano sinistra si allungavano intorno alla sua coscia, immerse nella sua figa attraverso il tessuto, e l'altra era ancora appoggiata sulla sua clitoride.

Fu preso dal panico. Balzò in piedi, ancora fuori dai pantaloncini, e si precipitò verso casa. Chiuse la porta il più silenziosamente possibile e si diresse immediatamente nella sua stanza, nascondendosi sulle scale. Chiuse le porte e si sedette sul letto, ansimando in una combinazione di mancanza di respiro post-orgasmo e iperventilazione indotta dal panico.

Mi ha visto. Penso che mi abbia visto. Merda merda merda! E se lo dicesse a qualcuno. E se lo dice alla polizia? Cazzo, vado in prigione. Dannazione.

Questa sorta di treno ha dominato la sua coscienza per un bel po' di tempo, e ha immaginato nei minimi dettagli come avrebbe fatto a pagare in prigione... nientemeno che un guardone. Oddio, non so nemmeno quanti anni abbia. Tutto è appena peggiorato nell'incubo della prigione. No, no, no. Non prenderò nemmeno in considerazione quel pensiero. Diavolo, quella è una donna, senza dubbio. Merda. Così andrò in prigione.

La maggior parte del resto della giornata è stata trascorsa in vari stati di panico, preoccupazione e meditazione sui futuri orrori della prigione. Ne passarono circa le quattro e la polizia non si era ancora fatta viva, quindi NIck pensò che non sarebbe stato portato in prigione. Almeno non stasera.

I suoi genitori venivano dal lavoro e tutti cenarono tranquillamente a casa. Cinese da asporto. Poi, sua madre ha annunciato che lei e papà sarebbero partiti dal fine settimana. "Niente feste sfrenate!" Har har. Beh, almeno se dovesse andare in prigione, non sarebbero qui a vederlo.

Nonostante la minaccia incombente della perdita della sua libertà, sperava segretamente di poterla rivedere. E così via. Anche il pensiero di rivederla lo faceva irrigidire. ci sto male. Dopo cena, Nick si è divertito sotto la doccia: con l'immagine di un bikini rosso a pois bianchi saldamente in mente, e due dita affondate nel tessuto bagnato.


Capitolo 2:

Ashley uscì sul ponte, il legno caldo ustionò momentaneamente la pelle morbida dei suoi piedi. Si precipitò rapidamente verso la chaise longue nell'angolo del cortile. Il sole non era ancora al massimo, ma il caldo era già intenso e penetrante. Si portò una mano alla fronte, per fare un po' d'ombra, e guardò verso la finestra sopra la casa del vicino.

Quella è la stanza di Nick, pensò. Erano quasi tre anni che non lo vedeva. Aveva una cotta per Nick da quando aveva dodici anni, e lui tredici... o forse quattordici? Lei si strinse nelle spalle alla sua stessa domanda e drappeggiò l'asciugamano sulla sedia, abbassando lo schienale di qualche tacca in modo da potersi sdraiare.

Nick non aveva nemmeno l'ora del giorno per me, il più delle volte. Non credo si sia nemmeno accorto che ero qui. È vero che aveva trascorso la maggior parte delle sue estati a fare da babysitter a quell'intollerabile marmocchio di sua zia e suo zio. Per fortuna, è via in qualche campo, e potrei godermi davvero una pausa estiva per una volta.

Ashley si fermò vicino al recinto e vide qualcuno che si muoveva in cucina. Forse è Nick... pensò speranzosa. Si voltò nella sua direzione, pasticcino in bocca. Merda! Si allontanò dalla staccionata e si sedette sulla sedia. Penso che mi abbia visto.

Sentì la porta scorrevole in vetro sul retro della casa dei vicini che si muoveva sul suo binario. Merda. Sta uscendo. L'inclinazione della luce del sole le permise di vedere la leggera ombra proiettata tra le stecche mentre Nick aggirava la recinzione. Forse mi ha visto.

Nick si avvicinò e la sua ombra si fermò. Cosa sta facendo.... mi sta... guardando? Il pensiero le mandò un trillo elettrico lungo la spina dorsale e una calda pressione si stabilì nel profondo del suo ventre. Allungò una mano e prese una bottiglia di olio abbronzante, spremendone una piccola quantità nella mano. Cominciò a spalmare l'olio sulle cosce, lavorandolo sulla pelle. Ne era avanzato un po', e si è spalmata sui fianchi e sulla parte superiore dei glutei.

L'ombra del ragazzo vicino era ancora visibile al recinto, e tutto quello che riusciva a vedere se riusciva a strizzare gli occhi attraverso il bagliore era una gamba dei jeans. L'ombra si spostò leggermente, sembrando restringersi sul bordo interno tra le rotaie, e lei vide la sua mano afferrare un rigonfiamento nei suoi jeans, stringendo e premendo lentamente.

Whoa. Nick si sta toccando... con me. Era un'occasione troppo buona per sprecarla. Ashley iniziò a far scorrere il dito lungo la morbida piega evidenziata dall'orlo dei pantaloni del suo vestito. Allungò ulteriormente la mano e fece scorrere l'unghia sulla pelle sensibile dell'interno coscia, lasciando un piccolo segno sulla pelle. Il suo corpo era elettrico e poteva sentire lo sguardo del ragazzo vicino sul suo corpo, mentre le sue mani e le sue dita danzavano sulla sua pelle.

Piccole gocce di sudore cominciarono a spuntarle sulla fronte e sul petto, il calore del sole ne era responsabile solo in parte. Inspirò profondamente e immaginò Nick che si toccava, osservandola. Aspetta... non doveva immaginare. I suoi jeans erano aperti, e si teneva in una presa salda, accarezzandolo per tutta la lunghezza.

Cazzo, lo voglio. Fece scorrere le dita da dietro sulla sua fessura, spingendo leggermente dentro. Tracciò le linee delle sue labbra, premute contro il tessuto. La sua mano si calmò e iniziò a muovere le dita in piccoli cerchi sulla clitoride, premendo la carne bagnata sulla zona troppo sensibile. Avrebbe dovuto agitarsi parecchio prima di poter applicare una pressione diretta. Poteva sentire la sua umidità inzupparsi nelle natiche e un piccolo rivolo scorreva lungo le sue pieghe.

Ashley guardò verso la recinzione e Nick sembrava tenere il passo con lei, il che aumentò il suo livello di eccitazione. Fece scivolare una mano intorno alla sua gamba, piegando leggermente il ginocchio, dandogli una visione della macchia sempre più bagnata sulla sua tuta. Si avvolse la mano attorno alla coscia e iniziò a premere due dita contro il tessuto del suo costume da bagno, premendo nell'apertura bagnata di lei. L'altra mano continuava a correre in cerchi stretti, roteando attorno al suo clitoride, inviando ondate e picchi di piacere attraverso il suo corpo.

Poteva sentire le proprie dita premere contro l'apertura, il tessuto bagnato e teso. Infilò due dita all'interno, attraverso il tessuto, quasi fino alla seconda nocca. Rimase senza fiato per il piacere, e fece piovere la lingua sulle labbra, il respiro che le usciva in piccoli pantaloni.

Guardò oltre e vide Nick accarezzarsi furiosamente il suo cazzo duro come una roccia, e un piccolo gemito le sfuggì involontariamente dalle labbra. Questo è tutto ciò che è servito per farla superare il limite, è caduta il picco in arrivo, il crescendo delle onde di piacere è rotolato su di lei. La sua schiena si inarcò ei suoi talloni premevano saldamente sulla sedia.

Le sue due dita dentro di sé, mentre roteava e premeva sul suo clitoride gonfio. Poteva sentire la sua umidità sulla sedia sotto di lei, Dio, non credo di essere mai stata così bagnata...

Sentì un rumore e vide Nick che schizzava il suo seme attraverso le stecche del recinto, cadendo in ginocchio: sopraffatto dalla forza dell'orgasmo. Ashley è rimasta sbalordita dal climax che stava costruendo. Vedendo Nick finire, sapendo che era lei stessa che si toccava a fargli venire la mancanza... la sua versione lampeggiava di fuochi d'artificio blu e gialli mentre ondate dopo ondate del suo sperma rotolavano su di lei.

"Ehm, ehm... ehm......... ehm." Ansimava in piccoli pantaloni, mentre i muscoli dello stomaco e della schiena si contraevano nel fuoco elettrochimico del suo orgasmo. Guardò la recinzione, pensando che forse sarebbe stata in grado di lanciare un sorriso diabolico a Nick, e si incontrarono brevemente negli occhi.

Detto questo, Nick si alzò e se ne andò prima che Ashley potesse persino iniziare a sorridergli, facendogli sapere quanto fosse eccitante che fosse venuto per lei. Lo sentì irrompere in casa sua e poteva vedere la porta della sua camera da letto aprirsi e chiudersi dalla sua posizione sulla sedia a sdraio. Merda... non so cosa mi aspettassi, ma non era quello. Fece un po' il broncio, tese il vestito e usò l'asciugamano per pulire la sedia, che mostrava segni di usura a causa del suo sesso gocciolante.

Improvvisamente, si slegò il costume da bagno e lo gettò oltre la recinzione ad asciugare.

"Oh beh," disse a nessuno in particolare, "c'è sempre la prossima volta, e c'è molta estate tra adesso
e l'inizio della scuola”. Detto questo, Ashley si gettò l'asciugamano sopra la spalla ed entrò sashayed in casa, che, se Nick avesse guardato, sarebbe stato uno spettacolo fantastico da vedere.

Capitolo 3:

La cena era finita, e Nick quando doveva stare alla finestra della sua camera da letto. In realtà non stava guardando niente in particolare, stava solo in piedi e pensava. Sospirò pesantemente, insicuro di come gli eventi della giornata avrebbero influenzato il resto della sua estate, supponendo che non fosse stato arrestato.

Rimuginando sui pensieri di guardoni e prigioni, Nick notò qualcosa sul recinto. Nell'oscurità crepuscolare, non riusciva a capire bene cosa fosse ma era... No, non può essere... ma era. Un costume da bagno rosso, a pois bianchi, buttato con disinvoltura a piacere oltre la staccionata di legno. Prima ancora che il pensiero iniziasse a prendere forma, Nick stava scendendo le scale. I suoi genitori erano in soggiorno a guardare qualcosa alla televisione: il loro rituale notturno era rimasto immutato da quando Nick aveva circa dieci anni e non aveva più bisogno di rimboccarsi le coperte la sera.

Nick attraversò silenziosamente la cucina e scivolò fuori sul ponte posteriore. Era curvo, comicamente, come un ladro in un cartone animato del sabato mattina. I piedi nudi di Nick erano silenziosi sulle scale di legno, e lui sussulta leggermente alla sensazione dell'erba fresca. Fece il giro della casa e sbirciò attraverso il recinto. Nessuno. Si voltò, la costa era libera.

Nick strappò la tuta dalla staccionata e se la premette sul viso, inspirando profondamente. L'inebriante profumo muschiato di sperma appiccicoso di ragazza lo colpì, inebriandolo. Respirò il profumo di questa splendida dea, il ricordo del suo ditalino; i suoi lievi, piccoli gemiti attraverso le sue labbra socchiuse.

Nick non poteva essere più duro, ricordando la vista di quella mattina, e il profumo di lei che gli dava fuoco al cervello. All'improvviso, la luce posteriore si è accesa a casa dei Taylor.

Merda. Potrebbero esserci stati diciannovenni più veloci da qualche parte nel mondo di Nick quella notte, ma certamente nessuno in questo paese. Via come un colpo, lo trascinò fino alla casa, svoltando l'angolo sul ponte posteriore, scivolando sulla superficie di legno. Il cuore che batteva come un tamburo, il sangue che gli martellava nelle orecchie, il respiro affannoso e affannoso... si era reso conto del problema.

Sembrava proprio, e lì. stretto stretto nel pugno... quel bikini rosso a pois bianchi.
Fanculo. Me.

* * *

"Ashley, tesoro", iniziò zia Lisa, "ho intenzione di gettare un carico di bucato dopo cena, se hai qualcosa che deve essere lavato."
"Oh ok. Sì, ho alcune cose, lasciami andare a prenderle e gettarle nel seminterrato.
"Grazie caro. Potresti portare giù il cesto dal bagno principale mentre sei lassù?
"Certo, zia Lisa", rispose Ashley in modo disponibile.

Salì di corsa i gradini e si diresse verso la stanza degli ospiti che sarebbe stata sua per il resto dell'estate. La stanza si affacciava sul cortile sul retro e sul ponte letto della casa dei Taylor. Ashley ha preso un paio di pantaloncini, alcune magliette, un paio di jeans e dei calzini da gettare nel bucato. Hmm... pensò tra sé. Qualunque altra cosa?

Mentre si alzava, riflettendo sull'elenco sempre più importante delle necessità per il bucato, vide una forma muoversi nel cortile sul retro. È Nick! Proprio mentre si sporgeva verso la finestra per vedere cosa stesse facendo, lo vide strapparle il costume da bagno dalla staccionata. Merda, era quello di cui avevo bisogno. Lei inclinò la testa di lato, guardandolo, i capelli che le ricadevano leggermente sulla spalla.

Nick si tirò la tuta sul viso e inspirò profondamente. Dio mio. Lui è... no! Ashley era sempre stata molto consapevole del suo profumo, e la coppia di fidanzati che aveva avuto, si era sempre trattenuta dall'avvicinarsi troppo a quella zona. Era terrorizzata che qualcosa li avrebbe disgustati. "Oh Dio! Lui è...."

Si voltò e corse giù per le scale, portando i suoi vestiti. Scivolò in cucina dietro l'angolo in calzini e premette l'interruttore della luce con il gomito. Si diresse verso la porta del ponte posteriore. No, no, no... per favore! È saltata fuori dal ponte posteriore e non c'era traccia di Nick. Era andato. Phew... ma aspetta... Non c'era nemmeno traccia del costume da bagno. Oh Dio.

Ashley rientrò in casa, posò i vestiti sul pavimento e fece il broncio per prendere la cesta dal bagno principale al piano di sopra. Ci mise sopra la sua biancheria e trascinò il carico giù per le scale, sistemandole vicino alla porta della lavanderia.

“Zia Lisa, è qui vicino alla porta. Penso che andrò presto. Il sole mi ha davvero tolto oggi.
"Va bene cara. Grazie per l'aiuto!"

Ashley salì le scale e si lasciò cadere sul letto, senza nemmeno preoccuparsi della luce. Guardò attraverso lo spartiacque tra le due case e strinse i pugni. Scosse la testa, furiosa per essere stata così sbadata. Probabilmente l'ho rovinato. Pensavo che gli piacessi! Dopo tutto questo tempo!

Ashley si abbandonò alla sua silenziosa collera, finché non vide qualcosa nella finestra del ragazzo vicino. No... Dall'altra parte della strada, nella stanza in cima al tetto spiovente, Nick era sdraiato sul letto. I suoi pantaloni erano aperti e il suo membro tumescente era visibile contro la sua maglietta scura. La sua mano era stretta saldamente attorno alla base, pompando molto lentamente su e giù.

L'altra mano gli premeva gli slip del bikini sul viso, drappeggiati sul naso e sulla bocca. Forse dopotutto non è rovinato... Scivolò giù dal letto e strisciò verso la finestra su mani e ginocchia, appoggiandosi al muro. Abbassò lo sguardo e vide che la luce della strada cadeva proprio su di lei, quindi scivolò di lato, attaccandosi all'ombra. Poteva ancora vederlo da qui, mentre mungeva lentamente il suo cazzo, i suoi sederi drappeggiati sul suo viso, inalando il suo profumo.

Si infilò una mano nei pantaloncini e iniziò a strofinarsi, già bagnata alla vista. Questa mattina mi hai guardato, e ora ti guarderò io, Nicholas. Sorrise al pensiero. Se solo tu sapessi com'è avermi guardato oggi... Non ci è voluto molto per avvicinarla, così quando il filo di sperma caldo è salito sui suoi jeans, le sue mani hanno premuto il suo costume da bagno, odorando i suoi succhi, finì in un'ondata di piacere travolgente.

Tolse la mano dai pantaloncini e d'istinto se la portò al naso, annusando il suo sesso. Non sembrava essere niente di speciale per lei, ma di certo sembrava che gli piacesse. Tirò fuori la lingua e la toccò con l'umidità lì. Allora sapeva, voleva che lui la assaggiasse, e l'avrebbe assaggiato.

Non lo sapeva ancora, ma Nick era pronto per una vacanza estiva infernale.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

Gretta

Gretta era uscita. Era la mattina del suo diciottesimo compleanno. Si era svegliata presto, aveva fatto yoga e aveva fatto una sana colazione. Adesso era al centro commerciale, a comprare i vestiti per la festa. Mi chiedo cosa sarà che papà mi ha comprato? Meglio essere una fottuta macchina! Pensò, mentre controllava un reggiseno viola in un negozio. Mi scusi! Mi scusi! Ha urlato all'impiegato e l'impiegato è corso rapidamente da lei. Fino a che misura salgono? Lei chiese. Solo un minuto mamma, vado a controllare... e quale sarebbe la tua s... 70EE Lei rispose velocemente, senza nemmeno un sussulto di...

2.5K I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

1.6K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.