Il genio di mio fratello - Capitolo 09

1.4KReport
Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone.

"Mi ha chiesto un documento d'identità!" disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa in arrivo quando diventerà duro. Alexis porse a Lumiosa il suo drink e lei iniziò a sorseggiarlo.
"Cos'è questo?" Lei chiese.
"Vodka e Coca-Cola", ha risposto Alexis, prima di ritirare la banconota da 10 sterline che aveva ricevuto come resto. “Questi soldi sono così strani. E tutto è così costoso al giorno d'oggi. Ai tempi in cui vivevo da queste parti, erano tutti scellini e farthings e cose del genere.
"Molte cose del mondo moderno mi confondono e mi stupiscono ancora, come tutti quei dispositivi di comunicazione mobile che gli esseri umani portano con sé".
“Umani e io. Anche se uso principalmente il mio per Twitter. Sono @alexisofthelamp.”
"Non so di cosa si tratta."
"È una cosa che gli umani usano per insultarsi a vicenda e perseguitare personaggi famosi."
"Sembra incredibilmente strano."
“Gli esseri umani sono strani. Questa è una cosa che non cambia mai. Un'altra cosa costante è la qualità del cibo da pub. Seriamente, devi provare un hamburger qui.

Mentre le ragazze bevevano e chiacchieravano, due ragazzi le videro e si avvicinarono a loro.
"Ciao ragazze, sembrate sole", ha detto uno dei ragazzi.
"Noi?" Chiese Lumiosa, non capendo bene cosa stesse succedendo.
"Quello che il mio amico intende è che ovviamente puoi sederti con noi", disse Alexis, e i ragazzi si sedettero ai lati delle ragazze, sorridendo.
"Io sono Jake, e questo è Ben", ha detto uno dei ragazzi.
"Sono Alexis, e questa è la mia amica Lumiosa."
"È un bel nome, è italiano o qualcosa del genere?" chiese Ben.
"Non proprio", sorrise Lumiosa.

“Allora voi due siete americani? O canadese?"
"Abbiamo vissuto in America abbastanza a lungo per cogliere gli accenti", ha detto Alexis, senza mentire del tutto. “Però abitavo qui intorno, molto tempo fa. Però è tutto cambiato da quando ero qui.
“Bene, allora forse io e Jake possiamo mostrarti delle adorabili signore in giro per la città? E poi magari cenare più tardi?"
"Offri spesso di mostrare ai turisti in giro per la città?" chiese Alessio.
«Solo quelli carini», rispose Jake.
"Beh, siamo decisamente carini, se lo dico anch'io", disse Lumiosa.

I ragazzi hanno portato le due ragazze genie in giro per Londra, ammirando tutti i luoghi famosi. Lumiosa è rimasta molto colpita da tutto ciò e ad Alexis è piaciuto vedere tutte le cose che non esistevano nel 19° secolo. In serata i quattro sono tornati al pub dove i ragazzi sono rimasti molto colpiti dall'appetito di Alexis, gli altri 3 mangiando quantità molto più modeste. I ragazzi hanno anche dovuto fare i conti con le erezioni furiose nei pantaloni, Alexis ha deciso che non sarebbe stato appropriato per i ragazzi essere teneri in loro presenza. Alla fine della serata i ragazzi erano piuttosto ubriachi e Alexis stava pomiciando violentemente con Jake, mentre Lumiosa lasciava con riluttanza che Ben la baciasse.

"Non dovrei... il Maestro Matt non vorrebbe che io..." disse.
"Aspetta, hai un ragazzo!?" gridò Ben.
"No, non lo fa, va bene", ha detto Alexis. “Lumiosa, Matt e Sophie ci lasciano fare quello che vogliamo mentre non ci sono. Matt vorrebbe che ti divertissi.
"Aspetta, aspetta, di cosa state parlando voi due ragazze?" chiese Jake.
"Niente, dimentica tutto", disse Alexis. Schioccò le dita mentre riprendeva a pomiciare con lui. Anche Lumiosa ha iniziato a baciare Ben.
"Mmmmm... casa nostra o tua?" chiese Jake.
"Il nostro posto sarebbe un po' angusto per te", disse Alexis, interrompendo il bacio. "Torniamo al tuo."

I quattro tornarono all'appartamento dei ragazzi e Ben prese Lumiosa per portarla nella sua camera da letto. Anche Alexis ha spinto Jake in quella direzione, ma lui ha resistito.
"Woah lì", ha detto. «Quella è la stanza di Ben. La mia stanza è da questa parte.
"Che cosa? Non ci fotteremo tutti a vicenda? chiese Alessio.
"Che cosa? Tutti e quattro insieme?" chiese Ben.
"Sarebbe molto divertente", ha detto Lumiosa.
"Pensa, due bellissime ragazze che fanno l'amore con entrambi", disse Alexis, accarezzando la pancia di Jake. "Ricorderesti questa notte per il resto della tua vita." Ben e Jake si guardarono, poi entrambi annuirono.
"Va bene allora", disse Jake.
"Sìì!" esultò Lumiosa, baciando Ben. "Andiamo."

I quattro entrarono nella camera da letto di Ben e le ragazze spinsero delicatamente i ragazzi sul letto.
"Ragazzi nervosi?" chiese Alexis, e loro annuirono.
"Non esserlo, promettiamo di essere gentili", sorrise Lumiosa. "Andiamo, Alexis?"
"Certamente, Lumiosa." Le due ragazze protesero le mani e con un gesto rapido i vestiti dei ragazzi volarono via dai loro corpi.
"Che cazzo!?" gridò Ben. "Come cazzo hai fatto!?"
"Fare?" Lumiosa chiese innocentemente. Le ragazze schioccarono le dita e anche loro rimasero subito nude.
«Oh mio Dio», disse Ben.
"Non proprio, ma ai miei tempi sono stato chiamato peggio", ha detto Alexis.
"Sono streghe!" gridò Jake.
“Non proprio,” sorrise Alexis. Le due ragazze volarono in aria, e verso i ragazzi.
"Forse sono succubi!" gridò Ben.
"Succubi", lo corresse Alexis. "Ma non siamo nemmeno quelli."

Fluttuando sopra di loro, Alexis e Lumiosa baciarono amorevolmente i ragazzi.
«Per favore, non farci del male», disse Ben. “Non ti piacerebbero le nostre anime. Veramente."
"Oh Dio, ti stiamo implorando!" Disse Jake, praticamente in lacrime. “Per favore, non prendere le nostre anime. Non voglio morire!
“C'è una vecchia coppia sposata della porta accanto! Prendi le loro anime! Hanno vissuto abbastanza a lungo!
«Gli umani sono creature piuttosto strane, vero, Alexis?» Disse Lumiosa, baciando di nuovo Ben.
«Molto strano», disse Alexis. «Anche superstiziosa. Rilassatevi ragazzi, non siamo streghe e nemmeno succubi. Siamo tutto ciò che hai sempre desiderato.

Alexis e Lumiosa si avvicinarono l'una all'altra e iniziarono a sforbiciarsi l'un l'altra mentre limonavano, le loro mani accarezzavano ogni centimetro dei loro corpi nudi. Passarono diversi minuti prima che atterrassero accanto ai ragazzi, che si irrigidirono leggermente.
"Che cosa siete?" chiese Jake.
"Io sono Lumiosa, e questo è Alexis", ha detto Lumiosa. "Sei spaventato?"
«Sì», disse Jake.
“Bene,” sorrise Alexis. "Gli umani sono così carini quando hanno paura."
"Cosa ci farai?" chiese Ben, temendo la risposta.
"Beh, stavamo pensando di fare sesso con te", disse Lumiosa. Ha agitato le mani e le luci sono state abbassate a un livello più romantico.
«Per tutta la notte», disse Alexis. Agitò la mano, provocando un'ondata di squisito piacere che attraversava i corpi dei ragazzi. "Certo, se preferisci, potremmo semplicemente andare, e non ti disturberemo mai più." I ragazzi si guardarono l'un l'altro e annuirono.
"Va bene, puoi restare", disse Ben.
"Ragazzi intelligenti", sorrise Alexis. Le due ragazze hanno quindi iniziato a pomiciare con i ragazzi con una passione disumana.
"Nessuna di voi è vergine, vero?" Chiese Lumiosa. I ragazzi scossero entrambi la testa. "Beh, ti promettiamo che questo supererà qualsiasi cosa che un essere umano ti abbia mai dato."

I due geni afferrarono i cazzi dei ragazzi e iniziarono ad accarezzarli, mentre loro si limitavano a guardarli negli occhi.
"Oohhhhh... Oh Dio..." gemette Jake.
"Ragazzi, vi siete mai visti nudi prima?" chiese Alessio. Entrambi scossero la testa. "Allora Jake, cosa ne pensi del cazzo di Ben?" Jake guardò l'inguine del suo coinquilino e fissò il suo cazzo, che era ancora accarezzato da Lumiosa.
"È, um... è carino, immagino..." gemette Jake. "È più grande del mio."
"Beh, non possiamo averlo, ora possiamo?" Jake gemette e guardò il suo cazzo. Osservò mentre la sua circonferenza raddoppiava e la sua lunghezza aumentava di parecchi pollici.
"Oh mio Dio..." disse.

«Alexis, non è giusto nei confronti del povero Ben, vero?» Disse Alexis, Ben gemette e anche il suo cazzo crebbe fino a diventare persino più grande di quello di Jake.
"O si?" disse Alexis, facendo crescere il cazzo di Jake. Le due ragazze hanno litigato per le dimensioni dei cazzi dei loro ragazzi fino a quando i ragazzi non hanno brandito armi che avrebbero reso geloso anche il cavallo più dotato. Erano comicamente enormi, sporgenti in alto nel cielo. Le loro palle erano ugualmente grandi, e li appesantivano pesantemente.
"Oh mio Dio, cosa ci hai fatto!?" esclamò Ben.
"Ti abbiamo appena dato un po' di "potenziamento maschile magico"", ha risposto Alexis.
“Questo non ti fa piacere? Ci piace piacere agli umani ", ha chiesto Lumiosa.
"Sono enormi!" gridò Jake. “Come cazzo li useremo mai!? Non entreranno nemmeno nei nostri pantaloni!
“E vi faremmo a pezzi ragazze se provassimo a fottervi con loro! Sono grandi come il mio braccio!
“Sarebbero fantastici per voi ragazzi però! Voglio dire, dai un'occhiata a questo!

Alexis schioccò le dita ei ragazzi gridarono di piacere mentre i loro cazzi esplodevano. I ragazzi erano completamente sopraffatti dalle sensazioni, a malapena in grado di comprendere l'intensità orgasmica che potevano produrre peni così enormi.
"OH DIO, È TROPPO!" Jake urlò. "FALLO SMETTERE!" Alexis schioccò le dita ei ragazzi smisero di venire, cercando di riprendere fiato. "Stai cercando di ucciderci!?"
"Sciocchezze, desideriamo solo servire gli umani e renderli felici", sorrise Lumiosa. "I tuoi genitali sono troppo grandi?" Ha agitato la mano e i pezzi dei ragazzi si sono ridotti a un essere umano, anche se di grandi dimensioni.
"Gli esseri umani tendono a godere del sesso, vero?" chiese Alessio. Ha preso un po' dello sperma dei ragazzi sul dito e l'ha ingoiato. “Mmm, buonissimo. Mi fa desiderare di più.

Alexis si chinò e prese il cazzo di Jake in bocca, succhiandolo avidamente. Lumiosa fece lo stesso, pur essendo un po' più aggraziata nelle sue cure. Nonostante abbiano appena fatto saltare i carichi più grandi di tutta la loro vita, è stato comunque assolutamente incredibile per i ragazzi. I millenni di esperienza dei geni stavano sicuramente dando i loro frutti. Entrambi i ragazzi allargarono le gambe e istintivamente si presero per mano mentre le ragazze continuavano a dar piacere ai loro peni ancora abbastanza grandi. Su e giù le loro teste ondeggiavano, mentre le loro lingue massaggiavano ogni millimetro dei loro cazzi. Se fossero stati in grado di pensare chiaramente, probabilmente entrambi i ragazzi a quel punto ti avrebbero detto che questi erano i più grandi pompini che avessero mai ricevuto.

I ragazzi arrivarono all'unisono, facendo esplodere sperma caldo in gola alle ragazze. Quando finì, le ragazze iniziarono a pomiciare, scambiandosi lo sperma dei ragazzi, leccandolo mentre lo facevano. I cazzi dei ragazzi sono rimasti duri, anche se poco di tutto ciò li ha più sorpresi. Le ragazze smisero di baciarsi e fissarono i ragazzi.
«Oh Dio, ti prego, basta», implorò Ben. "Siamo esausti!" Alexis ha appena schioccato le dita ed entrambi i ragazzi si sono immediatamente ripresi completamente.
"Fanculo il tempo", disse Lumiosa. Le ragazze sono strisciate sopra i ragazzi e hanno iniziato a pomiciare con loro, mentre abbassavano le loro fighe sui loro cazzi. I geni muovevano i fianchi su e giù sui ragazzi indifesi, che non riuscivano a decidere se questa fosse la notte più bella o peggiore della loro vita.

-------------------------------

Daniel dormì profondamente, essendo passato in un sonno indotto dall'orgasmo/cioccolato. Stava cucchiando Asrah, il suo cazzo morbido e le sue palle sfregavano contro il sedere perfettamente formato del genio. Asrah era sveglia, contenta di ascoltare il respiro pacifico del suo Maestro.
"Daniel, Asrah", disse una voce bussando alla porta. Infastidita per essere stata disturbata, Asrah si alzò, assicurandosi di non disturbare Daniel, e andò ad aprire la porta, dove vide Christophe in piedi sulla soglia.
"È notte fonda e il mio Maestro sta dormendo", disse.
"Mi dispiace, ma la signora Mary e Sir Adam hanno convocato una riunione di tutti in casa", ha detto Christophe.
"Adesso?"
"Adesso. Tutti devono partecipare nella sala da pranzo principale.
"Di cosa si tratta?"
"Non mi è permesso dirlo, ma è molto importante."
"Molto bene, ma il mio Maestro non sarà contento."

Asrah chiuse la porta e si avvicinò a Daniel.
“Maestro…” sussurrò, scuotendolo leggermente. Daniel si limitò a brontolare leggermente. "Maestro... devi svegliarti..."
"Mmmmm... sto dormendo..."
"Mi dispiace Maestro, ma ci è stato detto di alzarci..." Daniel aprì gli occhi e la guardò.
"Che ore sono?"
"4 del mattino, Maestro."
“Quindi alle 9 del mattino a casa. Ancora troppo presto.»
"Maestro, ci è stato detto che dobbiamo partecipare a una riunione urgente in casa".
"Che dire?"
"Non direbbero."

Daniel si è seduto correttamente sul letto.
"Va bene, andiamo." Daniel si alzò e si stirò, lasciando fuori uno sbadiglio. "Vorrei essere vestito." Asrah schioccò le dita e Daniel era completamente vestito. I due si diressero verso la sala da pranzo principale, che veniva usata raramente poiché l'intera casa raramente cenava insieme. All'interno c'era un tavolo che sfidava la fisica, che si estendeva in fondo all'enorme stanza. Nonostante l'enorme lunghezza della stanza, ovunque ti sedessi potevi vedere e sentire chiaramente la persona che parlava a capotavola. Intorno c'erano centinaia di sedie con centinaia di Maestri seduti su di esse, i loro geni stavano obbedienti dietro di loro. Erano in vari stati di abbigliamento, alcuni avevano scelto di rimanere nudi. Daniel vide Harry e Charlie e si sedette accanto a loro.
"Di cosa si tratta?" chiese Daniele.
"Non ne ho idea", rispose Charlie. "Ma è dannatamente fastidioso."
"Dirò, ero fino alle palle in Maisie Williams", ha detto Harry. "E quando hai un cazzo come il mio, è abbastanza fottutamente profondo."

"Grazie a tutti per essere venuti", ha detto Mary, rivolgendosi alla folla. "Mi dispiace svegliarvi tutti ma dopo aver spiegato la situazione ad Adam, abbiamo deciso che non potevamo aspettare".
“È con grande tristezza che dobbiamo informarvi che Antonella è morta”, ha detto Adam. Ci furono molti sussulti e sussurri a questo.
“Antonella ha tenuto a lungo nascosti i dettagli delle sue origini e della sua situazione, rivelandoli solo a noi e ai nostri predecessori”, ha detto Mary. «Ma lei ci ha sempre detto che alla sua morte vi avremmo spiegato la sua storia.»

E così, Mary e Adam hanno spiegato alla casa tutto sulla storia di Antonella.
“Ed è così che è morta Antonella”, ha spiegato Mary. "Alcuni Maestri canaglia hanno voluto che la sua magia svanisse, e per inviarci un messaggio ha rinunciato alla sua vita per esprimere un desiderio a un genio."
"Sono le stesse persone che ci hanno ucciso?" Gridò qualcuno dalla folla.
«Sì, e Antonella ha potuto informarci sui loro piani. Prenderemo provvedimenti contro questo. Seppelliremo in tempo anche le spoglie di Antonella. Grazie a tutti, potete andare.

La folla cominciò a disperdersi e Mary e Adam se ne andarono. Daniel, Charlie e Harry li seguirono.
"Aspetta, è proprio vero?" chiese Harry. «È davvero morta?»
"Sì, lo è", rispose Mary.
"Bene, cosa faranno quelle persone?" chiese Charlie.
"Va bene, ci stiamo occupando", ha detto Adam.
"Per favore, non parlare con noi", disse Daniel.

"Bene. Per quanto ne sappiamo, intendono continuare con il loro attuale obiettivo di uccidere tutti i Maestri", ha spiegato Adam. “Dopodiché, sembrano semplicemente accontentarsi di permettere al mondo di continuare senza magia. Ma ne dubitiamo. Certamente una parola in cui solo loro hanno la magia non sarebbe buona.
"Come hanno potuto farlo?" chiese Sarosa. “Ai maestri è proibito impedire il lavoro dei geni. Avrei pensato che mettere sotto chiave tutte le lampade del mondo sarebbe caduto sotto quello.
“Non lo sappiamo. Ma sappiamo che non è la prima volta che succede. Uno degli uomini che Antonella ha visto era Alex Brookman.
"Non è quell'uomo d'affari americano scomparso l'anno scorso?" chiese Charlie.
«Sì, e a quanto pare è lui il motivo per cui le Nazioni Unite sanno tutto sui geni», disse Adam. "Qualcosa che abbiamo imparato alcuni decenni fa è che la famiglia Brookman gestisce una società che ha cercato di raccogliere tutte le lampade del mondo per i propri fini".

"Il mio ultimo Maestro... prima che Frank, voglio dire, li incontrasse", disse Asrah. «Mastro Grigori è stato assassinato da Richard Brookman, credo.»
"È per questo che pensiamo che abbiano scopi più nefasti".
"Cosa possiamo fare!?" chiese Daniele.
«Voi tre potete tornare a letto e godervi la vita. Adam e io ci stiamo occupando di questo ", ha detto Mary.
"Senti, so che non siamo speciali o altro, ma devo la mia vita ad Antonella", disse Harry. «Quei cazzi l'hanno uccisa e hanno quasi ucciso me. Voglio vendetta.
«Va bene, potete venire anche voi tre», disse Adam. “Antonella ha detto che Alex Brookman ha parlato di due persone che potrebbero aiutarci. Due persone si chiamavano Matthew Evans e Sophie Swift. A quanto pare possono aiutarci. Se riusciamo a trovarli.»

-------------------------------

"CHE COSA!?" gridò Alex.
"Spiegati, Barakaat!" gridò Frank.
"Beh, io..." disse Barakaat. “Non potevo lasciarla stare lì. Così le ho dato quella lampada in modo che potesse scappare. La voce di Barakaat era piena di paura. La risolutezza che aveva provato nell'aiutare Antonella era ora sostituita dalla sua compulsione a sentirsi triste per essere andato contro i desideri del suo Maestro, e dalla paura che provava alla prospettiva della punizione.
"Ti avevo detto di non lasciarla andare!"
"Non l'ho lasciata andare, le ho solo dato quell'altra lampada", ha detto Barakaat, ora molto preoccupato.
"Insolente genio!" gridò Alex, schiaffeggiando Barakaat. «Puniscilo, Johnson. Mostragli cosa succede a coloro che si rifiutano di obbedire.
"Signore?"
«Ordinagli di torturarsi. Fagli urlare di agonia fino a quando non ne può più, poi dagli di più.
“Signore, penso che sia un po' duro. Tutto quello che ha fatto è stato cedere alla sua coscienza.
«Johnson, queste creature non meritano pietà. Mostri a uno di loro clemenza e all'improvviso stanno distorcendo tutti i tuoi desideri fino a quando non lavori per loro. Adesso puniscilo”.
"Signore, non posso."

«Tu, genio», disse Alex, guardando Barakaat. "Ci tieni ai tuoi "fratelli", vero?"
"S...si signore..."
"In tal caso, Miguel, desidero che tu provi un'agonia al di là della comprensione umana." Miguin urlò mentre esaudiva il desiderio, contorcendosi sul pavimento in agonia. «Se il tuo Maestro si rifiuta di punirti, punirò Miguin per tuo conto. Ogni volta che ti comporti male, punirò ancora di più Miguin. È chiaro?"
"Si signore."
"Bene. Allora, abbiamo del lavoro da fare.

-------------------------------

In un bar, gli umani Megan, Sally e Kelly erano seduti con alcuni dei loro amici umani, così come i loro geni, Marcio, Iago e Barnabus. Gli umani non legati non sapevano nulla dei legami che i loro amici avevano con gli esseri che chiamavano i loro fidanzati. Loro 8 stavano bevendo e chiacchierando allegramente, godendosi il loro tempo insieme.

Dall'altra parte del bar che li guardava c'erano 4 uomini. Questi 4 erano Barakaat, Miguin, Frank e Alex, sebbene Alex avesse alterato il suo aspetto per evitare di destare sospetti.
«Guardali», disse Alex. “Vedi quei due geni laggiù? Quei due appartenevano a membri della mia società. E sospetto fortemente che l'altro sia stato preso dal nostro deposito. Probabilmente li hanno usati da allora per terrorizzare l'umanità. E pensare che una volta avevo in pugno quelle ragazze. Avrei dovuto ucciderli quando ne ho avuto la possibilità.
«È terribile, signore» disse Frank.

"Miguin, le ragazze non legate, che magia hanno su di loro?" chiese Alex.
"Molto poco, Maestro", rispose. "Ci sono tracce di magia su di loro, forse da alcuni cambiamenti fisici e cambiamenti mentali una tantum, ma per la maggior parte dovrebbero essere tuoi da controllare come desideri."
«Allora questo rende tutto più facile», disse Alex. «Miguin, sonda le loro menti. Trovami tutte le informazioni che conoscono su Matt e Sophie. Voglio sapere dei loro poteri.

Pochi secondi dopo, Miguin aveva finito.
"Mi dispiace Maestro, ma c'è poco lì", disse, temendo una punizione. "Viaggiano molto, ma a parte questo sembrano considerarli una coppia perfettamente normale."
"Dannazione. Bene, allora dobbiamo trovare qualche informazione in più su di loro.

-------------------------------

Al mattino, i ragazzi furono lasciati soli a letto, le ragazze si erano alzate da tempo. Ancora addormentati, i ragazzi si girarono e si rannicchiarono l'uno contro l'altro, pensando che fossero le ragazze. Mentre si rannicchiavano, Ben cominciò a muoversi. Quando ha aperto gli occhi, ha scopato un po' Jake. Questo fece agitare Jake. Quando si rese conto che era Ben che lo stava montando, saltò e indietreggiò.
"Che cazzo stai facendo!?" Ha urlato.
"Scusa, pensavo fossi tu le ragazze!" Ben ha risposto. "Dove sono, comunque?"
“Probabilmente è andato a casa. O sono volati via sui loro manici di scopa.
"Pensi che fossero streghe?"
“Avevano poteri magici. Erano qualcosa del genere. O demoni.
“Beh, se hanno preso le nostre anime non hanno lasciato un segno. Mi sento bene."
"Anche io. Dio, è stato bello, vero?
"Sorprendente. Pensavo che sarei morto di piacere.
"Potevo quasi sentire il mio cazzo implorare pietà."
"Sì. Dai, alziamoci, ho sete”.

I ragazzi si alzarono dal letto, un po' imbarazzati di essere nudi uno di fronte all'altro. Si infilarono i boxer e andarono in cucina. Prendendo un bicchiere d'acqua ciascuno, hanno poi notato qualcosa di strano sul tavolo. Beh, due cose strane.
«Jake, cosa sono quelli?» chiese Ben.
“Non lo so... sembrano lampade a olio. Come quelli di Aladdin.
"Da dove vengono?"
"Non lo so... pensi che dovremmo strofinarli?"
"HEY RAGAZZI!"

I ragazzi saltarono e si voltarono per trovare un Alexis nudo in piedi dietro di loro.
"Cosa stai facendo?" Lei chiese.
"Ehm... sto per fare colazione..." rispose Ben. "Aiuta te stesso a qualcosa."
“No grazie, non ho fame”, rispose Alexis, sedendosi al tavolo.
"Dov'è Lumiosa?" chiese Jake.
"Oh, penso che volesse fare un pisolino nel suo letto."
"Avrebbe dovuto svegliarci, l'avrei riaccompagnata al tuo hotel", disse Jake.
"Oh no, i nostri posti sono facilmente raggiungibili a piedi."

Alexis prese una delle lampade e iniziò a strofinarla.
“Luminosa!” Lei urlò. "Tempo di alzarsi!"
"Cosa stai facendo?" chiese Jake.
"Sto cercando di far alzare Lumiosa dal letto", rispose lei. "SVEGLIATI!" Alla fine i ragazzi guardarono con stupore e stupore mentre vedevano nuvole di fumo rosa che cominciavano a fuoriuscire dalla punta e si formavano sul pavimento in Lumiosa.

"Alexis, stavo dormendo..." disse. Poi guardò i ragazzi. "Oh... l'hai visto?"
«Oh mio Dio», disse Ben.
"Sorpresa!" disse Alessio. "Siamo dei geni!"
"Geni?" chiese Ben.
"Siamo geni, esseri immortali che esistono per servire gli umani", ha spiegato Lumiosa.
"Questo significa che esaudiamo tre desideri?" chiese Jake.
"No, abbiamo già Masters", ha risposto Alexis. "E guardando cosa stai pensando, i tuoi desideri sembrano molto simili a quelli che ti abbiamo dato ieri sera."
"Cosa sto pensando?" chiese Jake. "Riesci a leggermi la mente?"
"Le tue menti sono semplici da leggere", disse Lumiosa, alzandosi. "Ogni cellula del vostro corpo è malleabile per noi come pasta da gioco."
"Questo non mi fa esattamente sentire meglio", ha detto Jake.
“Rilassati,” disse Alexis, baciando entrambi i ragazzi in rapida successione. "Se avessimo voluto farti del male, l'avremmo fatto molto tempo fa."

Alexis schioccò le dita e i boxer dei ragazzi scomparvero.
"Ehi!" esclamò Ben.
"Oh rilassati, essere nudi è divertente", ha detto Alexis. "Sembrava che ti piacesse ieri sera."
«Be', è perché stavamo scopando», disse Ben. "Normalmente non andiamo in giro nudi."
"Sì, ci piace essere nudi", sorrise Alexis. "Forse questo ti farà sentire meglio."

Le ragazze si inginocchiarono davanti ai ragazzi. Stavano per prendere i loro cazzi in bocca, prima che Alexis improvvisamente notasse qualcosa.
"Il mio telefono sta squillando!" Lei urlò. Si trasformò di nuovo in una nuvola di fumo azzurro, risucchiata nella sua lampada. Pochi secondi dopo, è riemersa.
"È la mamma di Sophie..." disse, rispondendo al telefono. "Ehi." I tre rimasero a guardare Alexis mentre lei ascoltava. "…Vedo. Bene, veniamo subito. Riattacca il telefono. "Dai Lumiosa, andiamo a casa."
"Cos'è successo?" Lei chiese.
“A quanto pare alcune persone sono venute a trovarci. Riguarda Alex Brookman.

-------------------------------

Messaggio dell'autore: ho avuto dei seri problemi con la trama di questo capitolo. Ho dovuto modificare alcune parti che non funzionavano, motivo per cui ci è voluto così tanto tempo. Ieri avevo intenzione di scrivere un'altra sezione "passata" per completare questo capitolo perché è un po' breve, ma mi sono reso conto che non avevo idea di cosa avrei scritto, quindi ho pensato che sarebbe stata una cattiva idea rimandare ulteriormente.

Sto pensando ora che la storia durerà fino al capitolo 12, ma non ne sono sicuro. Dovremo vedere. Potresti anche pensare di sapere come andrà la trama, in un modo che mi è stato chiesto di non fare. Ti prometto che non sta andando così.

A proposito, ti consiglio di dare un'occhiata a una certa cosa che ho menzionato prima in questo capitolo. Potrebbe non essere così fittizio come ho suggerito.

Recentemente ho giocato di più a Dark Cloud, quindi ti lascio con questo: http://i234.photobucket.com/albums/ee181/pokemainiac/alexisdarkcloud_zpsashdcb2x.jpg

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

Gretta

Gretta era uscita. Era la mattina del suo diciottesimo compleanno. Si era svegliata presto, aveva fatto yoga e aveva fatto una sana colazione. Adesso era al centro commerciale, a comprare i vestiti per la festa. Mi chiedo cosa sarà che papà mi ha comprato? Meglio essere una fottuta macchina! Pensò, mentre controllava un reggiseno viola in un negozio. Mi scusi! Mi scusi! Ha urlato all'impiegato e l'impiegato è corso rapidamente da lei. Fino a che misura salgono? Lei chiese. Solo un minuto mamma, vado a controllare... e quale sarebbe la tua s... 70EE Lei rispose velocemente, senza nemmeno un sussulto di...

2.5K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Sulla scia di una ninfomane 2

Sulla scia di una ninfomane Parte 3 Di John Morrison Benvenuto in Sonic, posso prendere il tuo ordine? chiesi al microfono. L'altoparlante crepitò un po'. Sì, voglio un frappè, disse una voce tranquilla di carestia. Che misura? Ho chiesto. Grande, ha risposto. È così? Ho chiesto. Sì, disse. Due minuti dopo sono uscito con il suo milkshake. «Due trentotto», dissi. Ora ho guardato la ragazza. Sembrava che si fosse appena laureata. Aveva capelli castani lisci con riflessi biondi. Mi ha dato una banconota da cinque dollari. «Tieni il resto» disse. «Grazie» dissi voltandomi. Aspetta, disse. Mi sono fermato e sono tornato...

744 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.