Imbrogli sessuali della famiglia Biden: Ashley Biden

586Report
Imbrogli sessuali della famiglia Biden: Ashley Biden

Ashley Biden è scesa dall'autobus con un sorriso. Era seduta accanto a Tom, per il quale aveva una grande cotta. Per tutto il tempo la sua gamba premeva contro la gamba nuda della gonna e la faceva sentire confusa nelle mutandine. Poteva sentire una macchia di umidità mentre scendeva dall'autobus. Mentre si allontanava, una folata di vento le infiammò la gonna e lei si affrettò ad abbassarla. Sperava che nessuno l'avesse visto, ma a casa sua, un papà vigile aveva appena alzato un sopracciglio.

Ashley entrò in casa e fu accolta da suo padre. "Ciao tesoro," disse e l'abbracciò.

"Ciao papà, oh, è stata una giornata così lunga a scuola."

Papà finse di essere comprensivo ma ridacchiò mentre Ashley saliva le scale in camera sua. La guardò avvicinarsi cercando di intravedere un altro scorcio di ciò che aveva visto, ma non stava accadendo. Era curioso però.

Dopo aver posato la borsa, Ashley aveva bisogno del bagno. Alzò la gonna, abbassò le mutandine fino alle ginocchia e si sedette. Mentre faceva la pipì guardò le sue nuove mutandine rosse e arrossì quando vide una macchia umida. Tom era così sexy. La sua migliore amica Janet l'aveva convinta a comprare delle mutandine sexy al centro commerciale durante il fine settimana perché diceva che ai ragazzi piaceva quel genere di cose e Ashley era molto presa dall'idea di eccitarli. Papà le comprava sempre delle mutandine più semplici ed era ora che ne avesse delle sue. All'improvviso la porta si aprì e apparve papà.

"Papà, sono qui!" esclamò e cercò di coprirsi.

"Oh, mi dispiace molto, Ashley", ha detto papà chiudendo di nuovo la porta. Lo aveva fatto apposta e aveva confermato i suoi sospetti.

Ashley arrossì mentre si asciugava e sperò che lui non si fosse accorto di cosa indossava. È tornata presentabile ed è andata in salotto, papà stava guardando la TV. Papà ha alzato lo sguardo e ha spiegato "Mi dispiace per quel tesoro, non ti ho sentito entrare", per coprire le sue tracce, poi si è alzato e ha usato anche lui il bagno.

Quando tornò suggerì ad Ashley di sedersi sulle sue ginocchia e raccontargli la sua giornata. Era una tradizione che portavano avanti da anni e, anche se Ashley stava diventando un po' vecchia, c'era qualcosa in essa che amava ancora. Saltò avanti e raccontò a papà delle lezioni e di cosa aveva fatto all'ora di pranzo. Quando gli raccontò di come era riuscita a sedersi accanto a Tom sull'autobus non poté fare a meno di dimenarsi un po'. Papà se ne accorse e si mosse un po' anche lui.

"Allora Ashley, vedo che hai dei vestiti nuovi?" "Cosa intendi con papà?" disse Ashley nervosamente. "Sai cosa provo per la mia bambina che indossa abiti da troia," disse leggermente severamente. Ashley arrossì e disse che non intendeva fare nulla di male. La mano di papà iniziò a scivolarle lungo la gamba e lei arrossì ancora di più quando le sue dita toccarono il tessuto. Poteva sentire che erano molto più leggeri delle mutandine che le aveva comprato. "Le troie indossano questi Ashley, sei una troia?"

"No papà, sono una brava ragazza, lo giuro." Adesso si dimenava ancora di più e papà lo adorava. Le sue dita scivolarono giù fino alle cosce e si fecero strada lungo l'interno della gamba. Ha provato a stringere insieme le gambe perché sapeva cosa avrebbe scoperto papà.

Le mani forti di papà non potevano competere con un'Ashley indebolita e le sue dita presto toccarono il suo piccolo monticello. Lei arrossì violentemente quando papà trovò la sua zona bagnata. "Cos'è questa Ashley? Hai fatto cose con i ragazzi?"

"No papà, te lo prometto, ero semplicemente seduto accanto a Tom."

"Non ti credo, solo le troie hanno delle chiazze bagnate nelle loro mutandine da troia." "Non sono una troia papà, non lascio che i ragazzi vedano le mie mutandine."

"E allora perché hai addosso le mutandine da troia?"

"Io... non lo so," balbettò Ashley.

Papà la spostò in modo che lei gli si mettesse a cavalcioni in grembo e la guardasse negli occhi. "Devi imparare cosa succede alle troie che indossano mutandine da troia."

Ashley sembrava confusa e disse "Cosa intendi?"

Papà sorrise e disse: "Penso che tu capisca cosa intendo". Fece cenno al suo seno in crescita che ora mostrava grandi capezzoli. "Penso che ti piaccia essere una troia Ashley, perché non fai la troia per papà?" Lui le afferrò la mano e se la mise sul cazzo duro, infilandolo attraverso i pantaloni. Ashley sapeva di cosa si trattava e che non avrebbe dovuto toccarlo, ma qualcosa nelle sue mutandine gridava di procedere.

Il suo istinto femminile in erba ha preso il sopravvento e presto ha slacciato i pantaloni di papà e lui l'ha aiutata a abbassarli. Guardò il cazzo furioso di papà, non aveva mai visto un cazzo duro nella vita reale prima e soprattutto non quello di papà. Deglutì al pensiero che le entrasse dentro, ma sentì che era la cosa giusta. Voleva che papà fosse il suo primo. Lei tenne la mano sopra e gemette piano mentre papà le tirava da parte le mutandine e sentiva la sua umidità fradicia. "Ne hai bisogno dentro di te, vero troia?"

"Sì papà, sono la tua troia, ne ho bisogno."

Papà rideva amorevolmente e giocava un po' con lei. La sua manina morbida che esplorava stava diventando troppo per lui e aveva bisogno di rallentare. Lei crollò sulla sua mano, non abituata a quel tipo di contatto, e si ritrovò a strofinare i suoi succhi sull'asta dura di papà. I suoi gemiti di approvazione la fecero solo bagnare.

Si sporse in avanti e sussurrò all'orecchio di papà: "Papà, per favore mettimelo dentro, ne ho bisogno." Papà ha sussurrato in risposta: "Le troie come te hanno bisogno di cose in altri posti, lascia che ti mostri cosa fa una troia." Ashley sussultò quando alcune dita bagnate iniziarono ad accarezzare il suo piccolo ano a bocciolo di rosa. Sapeva cosa aveva pianificato, avendolo visto in alcuni porno con Janet alcuni mesi prima. Non potevano credere che potesse succedere, ma lei stava per scoprirlo. "Sì papà, sono la tua troia e ho bisogno del tuo cazzo in un posto da troia." Ashley non poteva credere alle parole che uscivano dalla sua bocca. Scopare suo padre era così sbagliato ma sembrava così giusto stare a cavalcioni di lui.

Papà le aveva infilato un dito nel culo e lei era sorpresa di quanto fosse bello. La sua estrema eccitazione la spingeva a provare qualcosa di più grande. Il cazzo di papà ora era scivoloso e luccicava della sua umidità da troia, le disse che era pronto per renderla una troia ufficiale. La sollevò e premette la testa sul suo bocciolo. Lo guardò con gli occhi spalancati e voleva compiacerlo. "Siediti su di me, principessa, lascia che papà ti riempia."

Ashley sussultò quando il grande pozzo la aprì e lei si abbassò lentamente. Era troppo per lei, ma papà era irremovibile: "Dai troia, sii una brava troia per papà". Voleva così tanto compiacerlo e fece scivolare la mano nelle mutandine e cominciò a strofinarsi mentre scivolava giù fino in fondo. Rimase senza fiato per quella sensazione e strinse forte papà.

"Brava ragazza, brava ragazza, oh sei una brava ragazza!" Papà sussultò. La fece rimbalzare sul suo cazzo palpitante, non poteva trattenersi ancora a lungo ma voleva goderselo il più a lungo possibile. Ashley si stava abituando a quella sensazione e si stava divertendo anche lei. Si sentì dire: "Oh papà! Fottimi! Fottimi, rendimi la tua troia!" ma sembrava che fosse qualcun altro. Lei era incantata dal cazzo di papà che prendeva il sopravvento sul suo corpo.

La sua stretta stretta divenne poi troppo per papà e lui le disse che le sarebbe venuto dentro. "Sì papà, vieni nella tua troia." Ha detto che non era sicuro se se lo meritasse per avergli nascosto le mutandine e che avrebbe dovuto implorare. Ne aveva tanto bisogno e gridò: "Papà, per favore, per favore vieni dentro di me, voglio sentirti uscire da me." L'idea del suo sperma nelle sue mutandine lo fece esplodere violentemente dentro la sua ragazza. Ashley sentì il pulsare e lo sparo e strinse a sua volta, desiderando ogni goccia del dono di suo padre.

Papà era esausto e si sedette sul divano, sorridendo al suo tesoro. Lei arrossì, sapendo di aver appena fatto la cosa più porca possibile. Ha detto che era una brava ragazza e non ha dei compiti da fare? Ashley annuì e scivolò via da papà, sussultò di nuovo quando la sua taglia la abbandonò. Papà l'ha aiutata a sistemarsi le mutandine e ad abbassarle la gonna. Sentì lo sperma di papà formare una seconda macchia bagnata nelle sue mutandine mentre si allontanava.

Andò a mettersi delle mutandine asciutte mentre faceva i compiti, ma poi si fermò. Ashley si rese conto che amava la sensazione di avere le mutandine bagnate e non vedeva l'ora di sedersi di nuovo accanto a Tom e si chiedeva se dovesse andare di nuovo al centro commerciale e prendere un altro po' di quelle mutandine che i ragazzi amano così tanto.

FINE

Storie simili

La punizione_(4)

Sono passate settimane dall'ultima volta che l'ho visto, annusato la sua colonia, sentito la sua presenza. È molto più vecchio di me; cammina con un atteggiamento sicuro, muscoli delicatamente incisi e lineamenti scuri ed esotici. Mi sono appena trasferita nel mio nuovo appartamento e cerco freneticamente di scoprire dove ho messo il mio maglione preferito quando il mio telefono vibra. Guardo il telefono e vedo il suo nome nel messaggio sullo schermo. Il mio cuore salta un piccolo battito. Speravo che mi contattasse da quello che sembra un'eternità. Mi manca più di quanto potesse capire, anche se sono stata io a...

553 I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

1.3K I più visti

Likes 0

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

Danno collaterale - Una storia di Halloween

Una festa privata al The Cantina Club diventa un po' fuori controllo quando un uomo vestito da pilota dell'era del Vietnam entra nel club. = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere...

934 I più visti

Likes 0

Il dormitorio della fidanzata 3

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua compagna di stanza, Sarah. Se non hai letto le parti 1 e 2, controllale prima. --- Quindi sono passati un paio di giorni e Sarah si è comportata come se nulla fosse successo. Come se vedermi scopare e venire addosso a Teagan fosse solo un sogno. Come se non avesse leccato lo sperma di Teagan dal mio cazzo e non avesse ingoiato il mio sperma mentre Teagan si lavava. Ad essere onesti, non ero nemmeno sicuro che fosse successo. Era così surreale. L'ho solo sognato? Voglio...

400 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.1K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.6K I più visti

Likes 0

Gli impulsi arrapati della figlia - 6

Janie si svegliò la mattina dopo sentendosi fresca e viva. Si alzò e si guardò allo specchio. I suoi occhi brillavano e la ritrovata consapevolezza brillava in profondità dentro di loro. Volendo compiacere suo padre, si sedette al suo comò, nuda. Si è truccata con la stessa cura che sapeva e poi si è sistemata i capelli in una coda di cavallo. Quando ebbe finito, scelse una camicetta beige sottile e una gonna corta marrone chiaro. Dopo aver scelto un reggiseno rosa e un bikini slip di nylon trasparente, si è vestita. Guardandosi allo specchio, sapeva di essere abbastanza brava da...

1.7K I più visti

Likes 0

L'ENORME CAZZO DEL VICINO CI IMPRESSIONA NELLA VASCA IDROMASSAGGIO

Mi chiamo Amelia. Mio marito, Terry, e io ci siamo trasferiti in un quartiere tranquillo nel Tennessee occidentale circa 12 anni fa. Abbiamo comprato una bellissima casetta e, dopo esserci trasferiti, abbiamo deciso di aggiungere una bella e grande vasca idromassaggio nel cortile sul retro, con un ponte spa abbastanza grande che la circonda. La casa e la vasca idromassaggio erano perfette per noi... dato che non avevamo figli, trascorrevamo molto tempo rilassandoci - per lo più nudi - nella vasca idromassaggio nei fine settimana e quasi tutte le sere. In realtà, dato che sono rimasto a casa mentre Terry lavorava...

1.2K I più visti

Likes 0

L'elisir di lunga vita

Nota dell'autore:[/b] The Elixir of Life è apparso su xnxx l'anno scorso. Ho ricevuto molte e-mail che richiedevano che fosse ripubblicato ** Essere uno scienziato genetico non era privo di vantaggi. Quattro assistenti a tempo pieno, uffici lussuosi e non dimentichiamoci del nuovo tetto apribile Lexus. Lo avevano cacciato dalla Brewer Pharmaceutical Corporation l'autunno precedente, con il richiamo di nuove attrezzature di laboratorio all'avanguardia e il tipo di finanziamento senza fondo, a cui solo le agenzie governative sembrano avere accesso. Dr James Wilson - Senior Genetist proclamava la targa un po' ostentata che risiedeva all'altezza degli occhi sulla porta del suo...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.