Più di un semplice cane: Bruno e Traci

2.2KReport
Più di un semplice cane: Bruno e Traci

Mi chiamo Traci Holiday e il nome del mio amante è Bruno.

Ci siamo trasferiti di recente in questo delizioso cottage e ora lavoro principalmente da casa. La maggior parte dei giorni sono nel mio ufficio con Bruno nel suo angolo o ai miei piedi.

Eravamo solo io e Bruno ora, due individui completamente sintonizzati sui bisogni e sui desideri dell'altro. Sessualmente, non c'è mai stato alcun dubbio quando Bruno mi voleva. Se fossi alla mia scrivania, mi aprirebbe le cosce e infilerebbe la testa tra le mie gambe; se fossi in piedi, spingerebbe il naso tra le mie cosce e inizierebbe ad annusare o mi spingerebbe contro il muro e inizierebbe a strofinare il mio morbido e sensibile monticello con il naso.

Bruno era un cane grande, solitamente giocherellone e affettuoso. Sebbene di tanto in tanto mostrasse qualità ed espressioni simili a quelle umane, poteva essere esigente e talvolta rude con me, come se dimenticasse che ero una femmina umana. Sempre l'alfa, Bruno sapeva che ero sua, e il mio odore quando era vicino a me a un livello primordiale segnalava sempre la mia volontà e disponibilità a stare con lui. Se ero coinvolto in qualcos'altro o in una telefonata o altro, non lo tratteneva dal voler soddisfare i suoi bisogni. Ricordo che una volta ero occupato e l'avevo respinto; con un ringhio, mi ha spinto verso il basso ed è stato sopra e dentro di me prima che potessi fare qualsiasi cosa. Mi ha scopato come la sua cagna, mi ha annodato e dopo mi ha lasciato da solo sul pavimento dell'ufficio, ancora tremante per un orgasmo straziante e sborrando sul pavimento. Mentre giacevo lì, potevo vederlo guardarmi con un'espressione quasi umana che mi avvertiva che la mia figa apparteneva a lui ogni volta che lo voleva. So cosa stai probabilmente pensando, che sto proiettando qualità umane su un animale. Tutto quello che posso dire è, credi quello che vuoi, ma "un maschio è un maschio indipendentemente dalla specie. Un maschio alfa forte e vigoroso dimostra le stesse caratteristiche e qualità, sia umano che canino”.

*****

Dopo che ci siamo trasferiti fuori dalla casa che condividevo con Michael, Bruno sembrava essersi calmato e non mi seguiva più, osservandomi costantemente, assicurandosi che non mi allontanassi troppo da lui. Quando Michael ha iniziato a fermarsi al cottage, la sensibilità di Bruno si è intensificata; la sua evidente sfiducia nei confronti di Michael era ovvia. Era quasi come se Michael fosse un altro cane maschio che fiutava la cagna di Bruno.

Michael, il mio ex ragazzo, e io sorprendentemente parlavamo ancora e avevamo persino dormito insieme alcune volte da quando avevo rotto con lui. Non veniva spesso al cottage, ma ricordo che la prima volta che è venuto, ha messo Bruno nella camera da letto sul retro e l'ho fatto uscire dopo che Michael se n'era andato. Bruno era un animale intelligente, che senza dubbio ho intuito ciò che Michael e io avevamo fatto. Quando Michael se n'è andato, Bruno mi è venuto dietro facendomi mettere in ginocchio, abbassare la testa e alzare la figa. Quando ero in posizione, Bruno è venuto con forza dentro di me, mescolando il suo sperma con quello di Michael.

Poche settimane dopo, Michael tornò di nuovo e Bruno iniziò ad abbaiare e ringhiare dal momento in cui lo vide. Michael è riuscito a portare Bruno nella camera da letto sul retro nonostante Bruno resistesse e si allontanasse da lui. Più tardi quella notte, quando Michael si stava preparando ad andarsene, senza pensare, ho fatto uscire Bruno, e lui ha immediatamente caricato Michael e lo ha morso su una gamba. Se non avessi visto cosa stava per fare e non avessi spinto Michael da parte, sono sicuro che Bruno gli avrebbe dato un morso più severo.

Quella notte, dopo che mi ero fatto la doccia e mi stavo preparando per andare a letto, Bruno mi si avvicinò alle mie spalle e mi spinse in ginocchio accanto al lato del letto. “Bruno! Fermati, cosa stai facendo?" Mi voltai a guardarlo e feci per alzarmi quando iniziò a ringhiare e mostrare i denti. Spaventato, sapevo cosa voleva e mi chinai di nuovo sulle ginocchia, piegato sul bordo del letto. . . stava per scoparmi. È stato durante questa scopata di "vendetta" che mi ha preso nel culo per la prima volta. Ci aveva già provato, ma io ero sempre stato in grado di impedirlo, ma questa volta niente di quello che ho fatto poteva fermarlo, e in tutta onestà, penso di aver paura che potesse farmi del male se avessi continuato a resistergli. Era come se volesse mostrarmi di chi ero e a chi appartenevano quella fica e quel culo.

Lo sentivo dietro di me, che spingeva e spingeva per entrare, poi urlava di dolore e sorpresa quando, senza preavviso, si è tuffato dentro di me. Mi sentivo come se fossi stato squarciato in due. Nemmeno Michael aveva mai fatto sesso anale con me, ed eccomi qui in ginocchio piegato con un enorme pastore tedesco che martellava nel mio culo non più vergine. Ho provato a allungare la mano indietro, cercando di spingerlo via, e lui mi afferrò il collo nella sua enorme bocca, indicando chiaramente che non avrebbe tollerato alcuna resistenza. Ho smesso di lottare e ho abbassato sottomesso la testa sul letto e ho pianto. Potevo sentire la calda pelliccia di Bruno contro la mia schiena, il suo corpo muscoloso che spingeva contro le mie chiappe, il suo cazzo mostruoso e gonfio centimetro dopo centimetro che si faceva strada oltre il mio sfintere e più in profondità nel mio canale scuro e stretto. Dopo un po', il dolore si è attenuato e una sensazione calda e di formicolio ha cominciato a crescere e diffondersi. Potevo sentire sensazioni pungenti di piacere muoversi tra le mie gambe, fino allo stomaco e lungo la parte posteriore delle cosce. Ho abbassato le dita e ho iniziato a strofinarmi e a inserire le dita nella mia figa, e proprio quando pensavo di non poter più resistere, il mio orgasmo si è liberato e mi ha lavato il corpo in onde dure.

“Bruno. . . Oh mio Dio, Bruno", borbottai mentre il mio ano si contraeva involontariamente attorno al cazzo di Bruno, mandandolo in delirio, facendomi inculare più velocemente e più forte. Il mio respiro era affannoso e mi sono sentito stordito quando ha iniziato a spingere, premere, cercando di forzare il suo nodo dentro di me. Il panico e la paura aumentarono gradualmente, e poi un brusco morso sulla mia spalla quando cercai di allontanarmi da lui. Ora stavo piangendo istericamente mentre Bruno si aggiustava l'equilibrio, stringeva la presa intorno alla mia vita e spingeva il suo nodo dentro di me in una serie di forti spinte.

Il dolore era atroce e, misericordiosamente, chiusi gli occhi mentre la calda oscurità mi avvolgeva.

Quando mi sono ripreso, Bruno era ancora dentro di me ma non si muoveva. Potevo sentire il calore e l'umidità sgorgare dal suo cazzo, riempiendo il mio retto con ogni pulsazione del suo nodo, e ho raggiunto di nuovo l'orgasmo mentre mi sdraiavo sotto di lui. Mentre continuava a eiaculare dentro di me, ero piena fino a traboccare e potevo sentire lo sperma fuoriuscire e gocciolare lungo le mie cosce. Sono stato legato a Bruno per quasi quindici minuti prima che riuscisse a liberarsi. Mi sono accasciato sul pavimento accanto al letto e mi sono rannicchiato in posizione fetale, troppo stanco ed emotivamente esausto per muovermi.

Dopo essersi pulito, Bruno è venuto da me, dove ero ancora sdraiato sul pavimento e ha cominciato a leccarmi. Mi ha fatto rotolare sulla schiena e ha leccato via lo sperma che era trapelato tra le mie gambe. Quando ho avuto di nuovo l'orgasmo per la terza volta quella notte, ho afferrato le manciate della sua pelliccia e l'ho tenuto mentre mi sgroppavo e mi contorcevo sotto di lui. Quando ho potuto, sono strisciato sul letto e ho coperto il mio corpo nudo e coperto di sperma con una coperta, e mentre cadevo in un sonno esausto, Bruno è salito sul letto accanto a me.

Michael non è più tornato dopo.

*****

Bruno ed io abitavamo nel cottage da quasi tre mesi. Ero suo e solo suo. Lavorare da casa ha reso la mia vita flessibile e almeno una volta al giorno percorrevamo uno dei sentieri deserti nelle basse colline dietro casa e a volte ci fermavamo in uno dei punti panoramici di sosta. Di solito, cercavo di camminare in un momento della giornata in cui non ci sarebbe stata molta gente in giro, così potevo coccolarlo e accarezzargli il fodero senza preoccuparmi delle persone che passavano. Nonostante cercasse di stare attento, di tanto in tanto, iniziava ad annusarmi di fronte ad altre persone, il che era imbarazzante ed eccitante allo stesso tempo. In tutta onestà, in momenti come questi, se avessi potuto, avrei allargato le gambe per lui e gli avrei fatto fare a modo suo. Come di solito funzionava, però, saremmo andati dritti a casa, e non appena avessimo varcato la porta principale, mi sarei inginocchiato e mi sarei presentato a lui.

*****

Per la maggior parte, ero felice, ma a volte avevo ancora il pensiero che qualcosa non andava in quello che stavo facendo. Avevo letto articoli e persino ascoltato podcast in cui alcune persone dicevano che quello che stavo facendo con Bruno era, tra tutte le cose, l'abuso di animali, la crudeltà verso gli animali. Ridicolo . . . queste persone non sapevano o non capivano di cosa stessero parlando, ma mi ha comunque fatto dubitare di me stesso. Quando mi sentivo in questo stato d'animo, guardavo Bruno, e lui si metteva a sedere, e potevo letteralmente vederlo diventare duro per me. Si avvicinava a me, leccandomi il viso e strofinandomi il naso sul collo mentre strappavo il suo pene dalla guaina. Mentre lo accarezzavo e lo accarezzavo, sapevo che non stavamo facendo del male a noi stessi o a nessun altro e che quello che stavo facendo era semplicemente dare e ricevere piacere.

*****

Nelle settimane successive, ho notato che il mio seno stava diventando gonfio e dolorosamente tenero al tatto. Quando ho iniziato a sentire la nausea al mattino, sapevo quale doveva essere la ragione, ma speravo che non potesse essere. Mi sono seduto in silenzio, cercando nella mia memoria, cercando di ricordare quando questo sarebbe potuto accadere. Era passato quasi un mese e mezzo dall'ultima volta che avevo fatto sesso con Michael. La mia mente urlava che era il bambino di Michael. Tuttavia, il mio cuore in qualche modo perverso voleva che fosse il seme di Bruno che cresceva dentro di me. Anche se intellettualmente, sapevo che un cane non poteva mettere incinta una donna, eppure non riuscivo a scuotere il pensiero irrazionale, illogico e folle.

Ero così confuso che non riuscivo a pensare chiaramente. Ho cominciato a pensare che stavo impazzendo, così matto, avevo paura di vedere un dottore per paura di poter spifferare che avevo fatto sesso con un cane, quindi non ho fatto niente.

*****

Solo la vicinanza di Bruno era confortante, e con gli ormoni e i fenomeni della gravidanza, ero in uno stato di eccitazione costante, che naturalmente eccitava Bruno. Il mio corpo stava cambiando. Le labbra della mia figa erano gonfie e sporgenti, separate in modo che il mio clitoride fosse visibilmente gonfio e prominente. Bruno intuì subito che qualcosa era diverso e divenne più attento, possessivo e sessualmente esigente. Ogni volta che gliene veniva data l'opportunità, Bruno amava avere il suo muso tra le mie gambe, annusare e leccare il liquido copioso, limpido e appiccicoso che sembrava luccicare e coprire la mia fessura. Amava l'odore e la consistenza e mi leccava e leccava la lingua dandomi un orgasmo dopo l'altro finché non diventavo dolorante e lo spingevo via.

Bruno mi strappava le mutandine nella sua eccitazione, così ho smesso di indossarle quando ero a casa. Senza molti avvertimenti a parte il suo piagnucolio e il suo annusamento aggressivo, mi metteva le zampe sulla schiena e iniziava a gobbarmi, e dopo alcuni tentativi, trovava quello che voleva ed entrava in me. Bruno si spingeva e si spingeva dentro di me furiosamente, tenendomi possessivamente intorno alla vita, andando più veloce finché con diverse spinte forti e profonde, sentivo il calore del suo sperma mentre inzuppava le pareti della mia figa incinta.

Il fatto che avevo cominciato a mostrare, che la mia pancia stava diventando più rotonda e le mie mammelle piene e pesanti non gli impediva di continuare ad accoppiarsi con me una, due volte al giorno. Bruno sapeva quanto gli piaceva, e una volta montato su di me, si aggiustava il corpo in modo da essere comodamente nella sua posizione preferita. Con me in ginocchio, la parte superiore del corpo sul letto, il mio ventre teso penzolante, Bruno avrebbe facilitato il suo cazzo nella mia stretta umida e calda. Tenendosi stretto a me, Bruno pompava il suo cazzo dentro e fuori, lavorando più a fondo finché non lo aveva dentro il più lontano possibile.

Dopo aver trovato il suo "punto debole", avrebbe continuato a fottermi fino a quando non ha iniziato a spararmi dentro, e poi si sarebbe concentrato su come ottenere il suo nodo dentro di me. A volte diventava rude e mi stringeva più forte, disperato per ottenere il suo nodo nella mia figa. Mentre lottavo debolmente con lui, dicevo: “Bruno, oh Bruno. . . fermare . . . fermati", mentre spingeva il suo nodo contro le mie labbra della fica finché non fu finalmente in grado di manovrarlo dentro di me. A poco a poco ha smesso di muoversi ma mi ha tenuto stretto, tenendomi fermo mentre il suo nodo continuava a pulsare e a mandarmi sperma dentro.

Era quasi come stare con un uomo.

*****

Quando sono cresciuta, alla fine sono andata dal dottor Jamison per un controllo prenatale. Dopo aver ascoltato il Dr. Jamison che mi arringa per non essere venuta non appena sospettavo, ero incinta; mi ha fatto un controllo completo. Ero già al quarto mese, che coincideva perfettamente con l'ultima volta che ero stato con Michael. L'esame del Dr. Jamison ha mostrato che tutto andava bene; nessuna anomalia nel corpo del bambino o nei fluidi vitali che indicano problemi insoliti. Il bambino ed io eravamo in buona salute e il dottor Jamison mi assicurò che andava bene continuare quello che stavo facendo. Continua a lavorare se è quello che mi sento di fare, esercitati un po' ogni giorno, segui una buona dieta e continua a essere sessualmente attivo se ti senti a tuo agio.

Mentre tornavo a casa, ho pensato a Bruno che mi aspettava a casa e ho capito per la prima volta quanto tenevo a lui e dipendevo da lui e mi chiedevo cosa avrei fatto se gli fosse successo qualcosa. Mi sono ricordata della prima volta con lui, del primo annodamento, ea quel pensiero ho sentito la mia fica cominciare a dolere e fremere piacevolmente e l'umidità crescente tra le mie gambe. Avevo bisogno di stare con lui e non vedevo l'ora di tornare a casa.

*****

So che probabilmente sembra che tutto ciò che abbiamo fatto sia stato fare sesso, ma non è stato così. Non fraintendetemi, il sesso è sempre stato fenomenale, ma avevo una vita da condurre, un lavoro da svolgere e conti da pagare. Come la maggior parte delle persone, la mia giornata è stata occupata solo dal rituale della vita, ma avevo Bruno, a differenza della maggior parte delle persone. Da quando lo conoscevo, era stato amichevole, forte, intelligente e protettivo, a volte sembrava quasi umano. Come dice il vecchio cliché, Bruno mi ha dato amore incondizionato, ed è stato a lui che mi sono rivolto non solo per la soddisfazione sessuale ma per il supporto emotivo.

Una sera, mi sono sentito particolarmente giù dopo aver passato più di un'ora al telefono, litigando con Michael, il padre del mio bambino.

"Si, come no! Penso che la domanda più importante sia: di chi è il bambino? Il mio o quello di Bruno?" Michael aveva detto faziosamente, sapendo già che avevo fatto sesso con Bruno, motivo per cui lui e io ci eravamo lasciati in primo luogo.

“Sei ridicolo, Michael, dissi indignato. . . ovviamente questo è il tuo bambino. Sono quasi cinque mesi che sono andato, e sono passati cinque mesi da quando siamo stati insieme l'ultima volta, e non c'è stato nessun altro.

"Solo Dio sa cosa hai fatto o con chi, quindi se pensi che reclamerò quel bambino, è meglio che ripensi o produca una prova del DNA".

"Vai all'inferno, Michael", ho urlato al telefono prima di riagganciare.

Sprofondai sul divano, piangendo sommessamente quando Bruno venne a sedersi accanto a me. Mi guardò con quei bellissimi occhi marroni sensibili prima di abbassare la testa sul mio grembo. Passando il naso sotto la camicia da notte larga che indossavo, iniziò a leccarmi la pancia ei capezzoli.

Oh Dio, mi sentivo così bene. Ho iniziato a gemere e ho chiuso gli occhi. Sentendo l'umidità crescente tra le mie gambe, le allargai in modo che Bruno potesse avere un accesso più facile. Spostando la testa più in basso, è andato dritto al mio clitoride; Giuro che mi sentivo come uno sfrigolio elettrico che mi attraversava. Bruno mi ha portato all'orgasmo diverse volte prima che mi sdraiassi sul divano con lui accanto e mi addormentassi.

*****

Durante il mio settimo mese, mi sono sentito bene, felice, in salute e così eccitato.

Mentre mi sedevo sul lettino durante il mio controllo programmato, ho menzionato il problema della costante eccitazione al dottor Jamison, che mi aveva guardato e sorriso, dicendo che era perfettamente normale. Il sesso e gli orgasmi risultanti hanno effettivamente rilasciato ormoni nel mio corpo che mi hanno dato una sensazione di benessere. Il Dr. Jamison ha anche aggiunto che se io e il mio partner fossimo a nostro agio nel fare sesso, allora, con ogni mezzo, continua, tenendo a mente di non essere troppo rude.

“Ricorda, Traci, questo è il tuo corpo. Non essere costretto a fare sesso con il tuo partner se non è quello che vuoi fare. Sei il miglior giudice di ciò che è giusto e di ciò che ti fa sentire bene. . . comprendere?"

"Sì, dottor Jamison, grazie", risposi, sorridendo tra me e me, chiedendomi cosa avrebbe detto il buon dottore se avesse saputo che il mio partner era un enorme pastore tedesco che mi ha fatto il miglior sesso che abbia mai fatto.

*****

Durante l'ultimo mese circa della mia gravidanza, il tempo sembrava scorrere mentre la mia data di consegna si avvicinava. Un punto luminoso inaspettato è stato quando all'improvviso Michael ha chiamato.

“Ehi, Traci. Pensando a te e sapevo che avrebbe dovuto avvicinarsi al tuo tempo. Volevo solo controllarti, vedere come stavi".

“Michele, io sono . . . Sono sorpreso ma felice di sentirti. Sto bene", dissi.

"Traci, so che mi sono comportato come un coglione, ma nonostante tutto quello che è successo tra noi, voglio che tu sappia che ci tengo ancora a te e volevo solo dirti di farmi sapere se hai bisogno di qualcosa", ha detto .

Ho cominciato a piangere.

“Traci, Traci? Hai ragione?"

"Sì, sì, Mike, sto bene, sono solo felice di sapere che possiamo ancora essere amici."

"Bene . . . Devo andare, ma resta in contatto e chiama se hai bisogno di me", ha detto di nuovo Michael prima di terminare la chiamata.

È stato bello sapere che potevo dipendere da Michael se ne avessi avuto bisogno, ma è stato più gratificante sapere che Bruno era qui con me.

Un pomeriggio, sentendomi un po' stanco, mi sdraiai sul divano per un veloce riposino. Non sono sicuro di quanto tempo sono rimasta lì, ma sono stata svegliata dalla calda ruvidezza della lingua di Bruno che leccava i miei capezzoli gonfi e ultrasensibili, leccando le gocce di latte che colavano sulle punte. Bruno scese tra le mie gambe volendo montarmi, ma io lo fermai e invece gli arrivai sotto e cominciai ad accarezzare il suo tesoro. Al mio tocco, il suo cazzo scivolò fuori dalla sua guaina e iniziò immediatamente a diventare più grande e più duro, la punta rosso bordeaux che si muoveva, ondeggiando su e giù, trasudando sperma di cane. Ho facilitato il suo cazzo nella mia bocca. Amavo il cazzo di Bruno e gli succhiavo le palle mentre piagnucolava, piagnucolava e cercava di gobbarmi la bocca. Dopo alcuni minuti che ho adorato il suo cazzo, Bruno ha iniziato a vomitare sperma nella mia bocca e giù per la mia gola.

Più tardi quella sera, dopo aver visto un film, mi alzai e andai in cucina a sistemarmi prima di andare a letto. In piedi accanto al lavandino, Bruno si avvicinò e mi afferrò per i fianchi, spingendomi a terra. Leccandomi il seno e lo stomaco, Bruno si mosse dietro di me, la sua lingua calda e lunga che si muoveva dentro di me. Mi montò, tenendomi sotto le braccia, istintivamente attento al mio ventre tondo. Anche se ero più grande a causa del bambino, Bruno era ancora più grande di me, e una volta che mi montava, era difficile per me muovermi troppo sotto di lui. Ero già fradicio, e lui ha facilmente infilato il suo cazzo completamente eretto dentro di me e ha iniziato immediatamente a scoparmi. Potevo sentirlo dentro di me, sentire il suo cazzo sfregare contro il mio grembo e sentire la pressione e il piacere di lui che mi reclamava.

Mentre mi accarezzava, mi resi conto che mentre la mia gravidanza era progredita e il mio corpo e il mio comportamento erano cambiati, in un certo senso, anche quello di Bruno. Non so come descriverlo, ma era come se Bruno, questo grosso maschio muscoloso e sessualmente alfa, potesse percepire i miei stati d'animo, e a volte quando mi prendeva era con una copulazione lenta e gentile e non con la frenesia cazzo di cane che era stato normale all'inizio.

Stava diventando più grande dentro di me, e all'improvviso è esploso, facendomi venire l'orgasmo insieme a lui, facendo stringere e contrarre la mia figa intorno al suo cazzo, mungendo sperma da lui.

"Bruno", ho urlato quando ha continuato a pompare dentro e fuori mentre io raggiungevo l'orgasmo sul suo cazzo.

Invece di Bruno che si annodava con me allora, ha tirato fuori ancora forte e spruzzando sperma. Tuttavia, dietro di me, ha iniziato a sondare il mio ano e, trovandolo, si è rilassato dentro di me e ha ricominciato a prendere ciò che voleva mentre il suo sperma caldo e consumato gocciolava dalla mia figa. Questa volta potevo sentire il suo nodo, allungarmi, entrare in me. . . e poi Bruno era dentro di me. Veniva a scatti con forza mandando il suo sperma in profondità nel mio retto ad ogni contrazione del suo nodo. Sembrava che fossimo legati a lungo, ma quando finalmente il suo nodo si è ridotto di dimensioni, con uno schiocco, si è liberato, liberando una marea di sperma che è sgorgato da me.

*****

Pochi giorni dopo, mi sono svegliato durante la notte, non mi sentivo bene. Mi alzai cautamente dal letto, andai cautamente in bagno e poi scivolai di nuovo nel letto. La volta successiva che mi sono svegliata, mi sono sentita ancora peggio, e quando ho iniziato a camminare attraverso la stanza, ho sentito improvvisamente un getto di liquido scorrere lungo le mie gambe e formare una pozza sul pavimento. Ci è voluto un momento per registrare ciò che stava accadendo, e in quel momento Bruno era balzato in piedi e ora era in piedi accanto a me, con aria preoccupata.

"Beh, Bruno, penso che sia questo."

Di tutte le persone, il mio primo impulso è stato chiamare Michael.

Il telefono squillò diverse volte prima che rispondesse, e seppi di averlo svegliato.

"Ciao . . . Ciao,” disse Michael, ancora mezzo addormentato.

“Michael, mi dispiace, ma non sapevo chi altro chiamare. Non ho chiamato un'ambulanza; Non volevo andare in ospedale da solo. Penso che mi si siano rotte le acque, Mike.»

“Sarò lì il più velocemente possibile, ha detto, ora completamente sveglio. Vai ad aprire la porta d'ingresso così posso entrare e poi alzati. Me ne sto andando adesso."

Abbastanza sicuro, Michael era lì entro un'ora. Quando è entrato dalla porta, Michael ha detto che era di guardia per Bruno, ma Bruno si è limitato a guardarlo e si è fatto da parte, come se sentisse che Michael era lì per aiutarmi.

Michael mi ha aiutato a prepararmi, ha messo da parte cibo e acqua per Bruno e mi ha caricato in macchina per il viaggio in ospedale.

*****

Quella notte ho dato alla luce un bambino. Bruno, io e il neonato siamo tornati a casa con Michael.

Non molto tempo dopo il nostro trasferimento, Michael ha preso una femmina per Bruno. Bruno era un po' scostante all'inizio, ma alla fine è andato con lei e ha prodotto una cucciolata di cinque bellissimi cuccioli dopo un paio di mesi. Penso che Michael avesse sperato che l'introduzione della femmina avrebbe attirato l'attenzione di Bruno da me, ma tutto ciò che ha fatto è stato fornire a Bruno due fighe per servirlo e soddisfarlo, una umana e una canina.

Col passare del tempo, sembrò che l'ostilità tra Michael e Bruno diminuisse, e noi tre iniziammo un accordo eccitante e soddisfacente. Michael e io abbiamo esplorato le fantasie e i feticci l'uno dell'altro e in realtà ne abbiamo resi reali alcuni. Ho visto e imparato a conoscere il lato sessuale di Michael che non sapevo esistesse. Penso che la cosa più sorprendente sia stata scoprire quanto a Michael piacesse guardare Bruno fare sesso con me.

Li amavo entrambi e ho fatto sesso con entrambi separatamente e insieme. A volte con ognuno di loro in momenti diversi durante lo stesso giorno ea volte anche la stessa notte.

Il nostro stile di vita non è per tutti, ma per coloro che sanno veramente chi sono e cosa vogliono, l'amore emotivo e fisico di un uomo e di un cane è il meglio dei due mondi.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Sulla scia di una ninfomane 2

Sulla scia di una ninfomane Parte 3 Di John Morrison Benvenuto in Sonic, posso prendere il tuo ordine? chiesi al microfono. L'altoparlante crepitò un po'. Sì, voglio un frappè, disse una voce tranquilla di carestia. Che misura? Ho chiesto. Grande, ha risposto. È così? Ho chiesto. Sì, disse. Due minuti dopo sono uscito con il suo milkshake. «Due trentotto», dissi. Ora ho guardato la ragazza. Sembrava che si fosse appena laureata. Aveva capelli castani lisci con riflessi biondi. Mi ha dato una banconota da cinque dollari. «Tieni il resto» disse. «Grazie» dissi voltandomi. Aspetta, disse. Mi sono fermato e sono tornato...

744 I più visti

Likes 0

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.