Ambra - Capitoli 7 e 8

114Report
Ambra - Capitoli 7 e 8

Capitolo 7

Rob sbadigliò e si girò verso la vista sempre più familiare delle tette tatuate e dei piercing ai capezzoli della sorella maggiore. Decise di svegliarla facendo scivolare il suo grosso cazzo venoso dentro di lei, mentre le tirava i piercing e - giusto per assicurarsi che fosse sveglia - schiaffeggiandola sul culo. Non appena ha inserito la punta del suo cazzo, tuttavia, lei gemette sonoramente e aprì gli occhi.

"Oh, Rob," gemette lei, e avvolse le gambe attorno a lui, tirandolo dentro il più possibile. "Stendimi!"

Dopo solo poche pompe, Amber stava urlando di piacere. Rob ha deciso di unirsi a lei nell'orgasmo—non era abituato ad avere così tanto controllo sul suo carico, ma non appena il pensiero gli ha attraversato la mente, è stato in grado di scatenarsi davvero, riempiendo la fica bagnata di sua sorella con onda dopo onda del suo seme.

"Mmmm", disse, sdraiandosi, sua sorella si unì a lui.

Fu solo pochi minuti dopo che si ricordò di Annie. Scendendo a forza dal letto, scese al piano di sotto, trovandola seduta a colazione con il padre.

"Ehi papà", disse con uno sbadiglio. Sia lui che suo padre erano completamente nudi, ma per qualche motivo nessuno dei due sembrava infastidito.

"Sei già sceso dentro tua sorella?" chiese suo padre, con la stessa indifferenza con cui si informa sul tempo. Rob si limitò a rispondere con un sorriso, accettò il brindisi che suo padre gli offrì e si sedette a mangiare mentre Annie scivolava sotto il tavolo per dargli piacere.

Pochi minuti dopo, sua madre entrò, indossando il suo trucco da troia ormai standard, e vedendo cosa stava combinando Annie, la raggiunse. Il paio di lingue che andavano su e giù per il suo cazzo normalmente lo avrebbero fatto esplodere dopo dieci minuti, ma l'insolito controllo che aveva sentito all'inizio della giornata era ancora presente, e si trattenne facilmente finché non ebbe finito altre due fette di brindisi (servitogli, ancora una volta, dal padre) e si gustava tranquillamente anche una tazza di caffè.

Né sua sorella né sua madre mostravano alcun segno di stanchezza, ma ricordando com'era oggi, Rob decise di non trattenersi oltre e si avvicinò a entrambe le loro facce.

"Divertiti!" disse, saltando di sopra dove sapeva che Amber lo stava aspettando.

"Tienilo proprio qui!" Disse il padre di Rob alla coppia inzuppata di sperma, tirando fuori una macchina fotografica. "Questo sta andando sulla home page!"

Al piano di sopra, Amber era sdraiata sul letto, cercando di infilare entrambi i pugni nella sua figa tesa. Non poteva, non ancora, ma anche mentre Rob guardava, vide che stava facendo progressi.

"Risparmia quello, sorellina..." disse, dopo averla guardata per qualche minuto. "Sai com'è oggi!"

* * *

Al piano di sotto, Annie godeva della sensazione di suo padre che entrava lentamente nella sua fica bagnata e sciatta per la prima volta. Ma certamente non l'ultima, pensò con un sorriso sfacciato. Quel programma Hacker funziona davvero... dovrò ricominciare la prossima volta che sarò nella stanza di Rob.

Si sdraiò mentre suo padre grugniva, martellando dentro e fuori la sua figa. Dall'altra parte della cucina, sua madre era seduta sulla panca della cucina, cercando di vedere se riusciva a infilarsi un mattarello nel culo stretto.

"Dai mamma, ce la puoi fare", disse, prima che i suoi occhi si spostassero dietro la testa mentre il cazzo di suo padre raggiungeva una nuova profondità.

"Grazie, tesoro", rispose lei con un sorriso, rivestendo lo spillo con un altro strato di lubrificante e riprovando.

Annie rabbrividì in un piccolo orgasmo, ma non gliene importava nemmeno particolarmente: solo la consapevolezza di essere il tipo di troia sporca che si lasciava scopare dal papà senza sella era sufficiente a renderla felice. Cumming era solo la crema sulla torta.

Meno di un minuto dopo, suo padre la riempì di crema, i due ansimavano per lo sforzo mentre entrava nella figlia per la prima volta. Aveva iniziato a pungolarlo solo pochi secondi prima che arrivasse, avvertendolo che non prendeva la pillola.

"Vuoi mettermi incinta?" chiese lei, i suoi occhi luminosi e innocenti che brillavano su di lui. "Vuoi mettere un panino nel forno di tua figlia?"

Questo sembrava essere ciò che lo spinse oltre il limite, e lei archiviò mentalmente le informazioni, prima di alzarsi, ammirare gli sforzi di sua madre e salire le scale per raggiungere i suoi fratelli.

"Rapinare!" ammonì, imbattendosi in Rob che scopava la faccia di Amber così forte che sembrava che ci fosse un serio rischio che perdesse un occhio. "Hai dimenticato com'è oggi?"

«No», gemette Rob. «Certo che no, Annie. Stavo solo... finendo.

Diede un'altra grossa spinta finale, schizzando di sperma la parte posteriore della gola di Amber. Si staccò e abbracciò Annie.

"Ora, andiamo a farci quel tatuaggio!"

* * *

Fu solo quando furono in macchina diretti al negozio di tatuaggi che Rob si rese conto che qualcosa non andava. Non aveva mai aggiornato il Twitter su un tatuaggio con sua sorella, volendo aspettare fino a quando non avesse ricevuto le foto che Amber aveva scattato e finito Photoshop. E di certo non aveva mai discusso l'idea con Annie... quindi come faceva a saperlo?

I suoi occhi si spalancarono quando si rese conto di cosa doveva essere successo, e non appena entrarono nel parcheggio, aprì il telefono e controllò Twitter.

Qualcuno stava aggiornando l'account di Amber.

21 ottobre: ​​la mia sorellina è così sexy. oggi si fa il suo primo tatuaggio, tutti sono entusiasti

21 ottobre: ​​ha escogitato un sistema: dopo il suo primo tatuaggio, scoperà 1 ragazzo. dopo il suo secondo, 2... una grande idea

21 ottobre: ​​e ora che siamo tutti coinvolti, tutti sono d'accordo: tutta la nostra famiglia può essere nuda e scopare in ogni stanza. ogni1 è così tranquillo per questo

21 ottobre: ​​ho la migliore fam eva!

21 ottobre: ​​i papà apriranno un sito web di famiglia 2 pagheranno le bollette, quindi tutto ciò che dobbiamo fare è registrare il cazzo e non dovremo mai più preoccuparci dei soldi!

21 ottobre: ​​e rob è da best lova eva. può controllare i suoi orgasmi e far venire le ragazze semplicemente facendole toccare il suo cazzo. ognuno pensa di essere il più sexy

Rob si sedette con uno sguardo perplesso sul viso.

"Forza ragazze, vestitevi", disse senza nemmeno guardare il sedile posteriore dell'auto. Non appena le sue sorelle erano entrate, si erano spogliate e avevano iniziato a pomiciare. Non sapeva chi stesse aggiornando Twitter, ma chiunque fosse, sembrava avere una buona opinione di lui.

Un paio di ragazze sono passate davanti alla macchina e si sono fermate un attimo non appena hanno visto Rob. Fece loro l'occhiolino e la loro risatina si interruppe solo quando notarono che le due ragazze si stavano vestendo dietro.

Se ne andarono infuriati, ma Rob ringraziò ancora mentalmente l'aggiornamento del mistero. Non avrebbe mai pensato di rendersi irresistibile agli estranei: nell'improbabile eventualità che si stancasse delle sue sorelle, significava che poteva uscire e trovare qualcun altro che gli facesse compagnia senza fatica...

Sulla strada di casa, Rob ha dovuto continuare a dire ad Amber di non toccare la plastica sul braccio di Annie.

"L'ha appena capito", sbottò. "Ecco, vieni a tenere il mio pene."

Con un pensiero, riuscì a far venire Amber. L'ha distratta abbastanza a lungo da portarli a casa, dove l'intera famiglia si è riunita per ammirare il nuovo inchiostro di Annie (suo padre con la macchina fotografica in mano).

Era una semplice rosa rosa. Nascosto tra i petali c'era un disegno della piccola fica rosa di Annie, e sotto c'era scritto semplicemente "aperto per affari".

"Allora chi sarà l'uomo fortunato?" chiese suo padre, e Annie alzò gli occhi al cielo.

“Non è ovvio? Voglio che il cazzo magico di Rob inizi davvero a lavorare per allungare il mio buco del culo.

"Ti dispiace se lo filmo, tesoro?"

«Certo che no, papà.»


Capitolo 8

Dopo il secondo tatuaggio di Annie pochi giorni dopo (un anello di tette intorno all'ombelico) la madre di Annie ha dovuto tenere in mano la macchina fotografica, in modo che i due uomini che la prendevano potessero essere suo fratello e suo padre. Urlarono mentre arrivavano, Rob sincronizzando il suo orgasmo in modo che corrispondesse a quello di suo padre, e quando ebbero finito, si sedette, ansimando accanto a lei.

"Chi hai intenzione di entrare per il numero 3?" chiese alla fine suo padre, e Annie sorrise in risposta.

“Ho qualche idea, papà…”

Mentre il padre correva a modificare la registrazione (si era innamorato del look "home video", anche se aveva ancora intenzione di coinvolgere una troupe per le occasioni speciali) e aggiornare il sito web, Amber lo seguì. ("Lavora più velocemente quando viene soffiato!"

Annie saltò di nuovo sul cazzo di Rob e fece scivolare lentamente il suo corpo su e giù. Non era arrapata, ma fino all'arrivo dei loro giocattoli extra-large, non c'era altro modo in cui potesse pensare di allungarsi. Sua madre aveva il monopolio degli articoli per la casa: al momento andava in giro con una bottiglia di coca cola che le spuntava dal culo e quella che sembrava la torcia di famiglia infilata nella sua figa.

C'era qualcosa nell'essere stirata che la attraeva davvero: sospettava che avesse qualcosa a che fare con l'account Twitter di Amber, ma dal momento che Rob l'aveva sorpresa a intrufolarsi (per cercare di darsi i capezzoli più sensibili del mondo) le aveva proibito lei di avvicinarsi di nuovo e, per sicurezza, ha digitato una voce in tal senso.

Se non avessero stabilito per la prima volta un'occasione speciale degna di coinvolgere la troupe del film, lei avrebbe suggerito a Rob di scoparsi sua madre, ma per ora era felice di sedersi e guardare la donna che cercava disperatamente di allungarla buchi, mentre rimbalzava su e giù sul cazzo di suo fratello. Piccoli orgasmi le attraversarono il corpo, e quando chiuse gli occhi, poté vedere se stessa tra qualche mese - allungata, sciolta, coperta di tatuaggi, mentre veniva scopata da dieci, dodici, quindici uomini...

* * *

Annie si è svegliata con un sorriso. Amava la sua nuova vita - sapeva che almeno una parte di quell'amore era artificiale, ma a nessuna parte di lei importava. Prima dell'ingerenza di suo fratello, veniva solo poche volte a settimana, e anche allora solo per mano sua. Ora, era raro per lei passare più di un'ora senza un orgasmo o cinque - e la maggior parte di essi era accompagnata dalla deliziosa sensazione di essere distesa da suo fratello. La sua vita si era trasformata in una costante foschia sessuale, dando costantemente piacere agli uomini ed essendo soddisfatta...

Non era mai stata così felice.

Scivolando giù dal letto, attenta a non svegliare sua madre, suo padre o suo fratello, Annie guardò il suo corpo nudo nello specchio.

Le sue tette erano paffute e ovviamente finte: aveva implorato di farsi impiantare per il suo compleanno, proprio come sua sorella. Alla fine, dopo il suo quinto orgasmo della notte, suo padre aveva acconsentito. Lei gli aveva sorriso, il suo sperma le era uscito dalla bocca ed era atterrato sul pavimento.

"Vedi, papà", aveva detto in modo seducente, "una volta che avrò l'operazione, non farò un tale casino sul tappeto..."

L'immagine mentale della figlia più giovane che gocciolava sperma su grandi protesi era sufficiente a far indurire di nuovo suo padre, e gli occhi di Annie si erano illuminati alla vista dell'enorme cazzo di suo padre che si ispessiva ancora una volta...

Girandosi davanti allo specchio, Annie non poteva fare a meno di essere orgogliosa dei suoi progressi. Il suo buco del culo era spalancato in modo invitante, e lei si allungò, solo per vedere tutta la sua mano entrare nella sua cavità posteriore.

Quando ritirò la mano, era viscida e Annie sorrise. Era così spesso riempita di sperma che era costantemente lubrificata, pronta per qualunque cazzo volesse prenderla dopo.

I suoi tatuaggi erano cresciuti lentamente di numero: adesso era arrivata al numero otto, il che significava che la prossima volta che si sarebbe fatta tatuare, avrebbe dovuto trovare nove uomini che potesse servire. Il suo ottavo tatuaggio era un drago feroce, con uno sguardo feroce sul volto e un cazzo enorme, focoso e minaccioso. Lo stava puntando verso una giovane fata che sembrava una combinazione di Annie e della sua sorella maggiore altrettanto sgualdrina, vestita come Campanellino, chinata per esporre un enorme culo rosso. La fata si stava allungando dietro di sé, aprendo il suo buco per l'enorme membro del drago, uno sguardo di paura e lussuria sul viso...

Era stato costoso, ma Annie e sua sorella avevano ricevuto un affare a metà prezzo in cambio di andare a casa del tatuatore per il fine settimana e soddisfare ogni sua esigenza...

Un rumore dietro di lei la fece trasalire, ma era solo suo fratello, che scivolava lentamente nella forma addormentata della madre.

Annie non avrebbe mai dimenticato il giorno in cui Rob aveva portato sua madre per la prima volta: era stata un'occasione enorme, e quando Annie aveva visto Rob digitare direttamente sul suo computer, aveva capito che aveva qualcosa nella manica...

20 settembre: cavolo mia madre può squirtare

Il 20 settembre ogni volta che viene è come un'inondazione. delizioso eh! io e mia sorella non riusciamo mai a resistere...

Quando il cazzo di Rob era uscito, sua madre l'aveva fissato, incantata, praticamente sbavando. L'aveva già assaggiato, ma doveva ancora essere scopata dal suo bellissimo membro enorme... e stava diventando raro entrare in qualsiasi stanza della casa senza vedere Rob che si scopava qualcuno, che fosse una delle sue sorelle, il vicino, o anche una donna a caso che aveva rimorchiato per strada. Da quando Annie lo aveva reso irresistibile per le donne, ne aveva approfittato appieno... e loro.

Ma sapendo che alla fine sarebbe stata fottuta da suo figlio, il ragazzo che aveva dato alla luce... La madre di Rob aveva visto quanto piacere portasse alle altre donne, e stava praticamente tremando per l'attesa.

Annie e Amber si erano sedute di lato mentre il padre di Rob dirigeva la scena, guidando la troupe su cosa sarebbe successo, dove mettere a fuoco le telecamere quando, e assicurandosi che Rob e sua madre conoscessero i loro ruoli.

Avevano annuito, ma Rob aveva lanciato un'occhiata ad Annie, e lei sospettava che entrambi sapessero che niente sarebbe andato come previsto...

Non appena Rob era scivolato nella bocca di sua madre, i suoi orgasmi erano iniziati e, proprio come le avevano insegnato i tweet di Rob, i succhi sgorgavano da lei così rapidamente che l'ultimo pensiero razionale di Annie era che sua madre corresse un serio rischio di essere disidratata.

I fluidi iniziarono a volare, tuttavia, e Annie e Amber corsero avanti deliziate, disperatamente ansiose di assaggiare il delizioso liquido, toccarlo, immergersi in esso...

Il padre di Rob aveva improvvisato, se necessario, e il video casalingo di Rob che porta sua madre per la prima volta si era guadagnato un sottotitolo: "Sister Sluts Love Mother's Squirts".

Guardando ora sua madre e Rob, Annie ha colto l'occasione per giocare con se stessa. Sapeva che non avrebbe avuto molto tempo per farsi venire - non appena sua madre l'avesse fatto, la sua mente si sarebbe svuotata e tutto ciò a cui sarebbe riuscita a pensare sarebbe stato prendere in bocca il dolce succo di figa di sua madre, ingoiando giù il più velocemente possibile.

Con un sorriso, suo fratello la guardò giocare disperatamente con se stessa. Aveva il controllo completo, lo sapeva - con un pensiero, poteva far venire la loro madre, e Annie ottenere il suo orgasmo prima di allora faceva affidamento interamente sulla buona volontà di Rob.

Mentre Annie si infilava un intero pugno nella fica, i suoi occhi si spalancarono. Guardò Rob tirare fuori il suo cellulare, dove sapeva che aveva recentemente installato la versione portatile di Master Hacker. Voleva venire, ma con più urgenza di così... doveva sapere cosa stava scrivendo.

3 febbraio: Ama la figa di mia sorella. Per quanto lo allunghi, il giorno dopo è di nuovo stretto. Wassup wit dat??

3 febbraio: A differenza della mia fica che si spalanca di più ogni giorno - LOL

Rob guardò mentre sua sorella lo fissava, mentre le labbra della sua figa cominciavano a stringersi. Aveva passato così tanto tempo, usato così tanti grandi giocattoli... e lui aveva annullato tutto il suo duro lavoro in meno di un minuto. Sorrise, sapendo che i suoi ultimi aggiornamenti avrebbero fatto impazzire Annie - Annie era diventata ossessionata dall'idea di essere distesa, e le sue parole le avevano assicurato che, per quanto ci provasse, non sarebbe stata in grado di sciogliersi tanto quanto Amber.

Prima che potesse dire qualcosa, desiderò mentalmente che sua madre venisse, e guardò mentre gli occhi di Annie si velavano e lei correva avanti, disperata per assaggiare il liquido che sgorgava dalla fica di sua madre.

L'improvviso arrivo di un altro corpo sul letto svegliò il padre, che si accigliò alla vista.

“Perché nessuno mi ha detto che stavi già iniziando? Avrei acceso la telecamera…”

* * *

Nel frattempo, nella stanza accanto, Amber era sveglia. Era sveglia da quasi 36 ore di fila ormai: suo fratello le aveva lanciato una sfida. Doveva guardare di seguito tutte le uscite in DVD della famiglia e trovare qualche idea per altre. Accanto a lei c'era un taccuino con dozzine di idee scarabocchiate sopra, e dall'altra parte c'era una lattina di lubrificante di dimensioni industriali, i giocattoli sessuali più grandi che la famiglia potesse trovare, e una pila di acqua in bottiglia, per prevenire la disidratazione.

C'era stato di più nella sfida di Rob di quanto non fosse sembrato.

29 gennaio: dio adoro il porno della mia famiglia. non riesco mai a superarne uno intero senza dovermi staccare...

All'inizio del sessantesimo porno consecutivo ("Fucked and Fisted by Father", gli occhi vitrei di Amber fissarono lo schermo e le sue mani si allungarono automaticamente verso due dei più grandi giocattoli sessuali: un grosso dildo nero e un giocattolo che sembrava un pugno dell'uomo. Dallo scoccare delle ventiquattro ore, ha duplicato esattamente l'azione sullo schermo e ha sborrato nello stesso momento delle donne nel film (spesso lei stessa). Le ha salvato il cervello dal dover pensare.

La grande pila di DVD guardati includeva "DP My Mom and Me", in cui Annie e sua madre erano state simultaneamente doppiamente penetrate (Amber aveva usato due spessi dildo vibranti per quello), "Size-queen Sis" (un video di Amber prendendo l'"American Challenge", un'impresa che aveva replicato mentre guardava il video) e "Sis' Gangbang Birthday" - era stato solo il compleanno di Annie, ma per il bene del film, Amber si era unita ed era riuscita a prendi due cazzi nel culo contemporaneamente per la prima volta.

Ne restava solo una manciata, a meno che suo padre non fosse riuscito a liberarne un po' di più mentre lei stava guardando. Per tutte le ventiquattr'ore, una webcam nell'angolo aveva trasmesso in live streaming gli sforzi di Amber, e ogni tanto un membro della famiglia era entrato con suggerimenti dalla chat.

"Mike del Michigan vuole che tu usi una ballgag per i prossimi", le aveva suggerito suo padre, allacciandosela prima che lei avesse la possibilità di obiettare.

"Un ragazzo di nome Harold vuole vederti fare quella cosa con i piedi dietro la schiena", aveva aggiunto Annie a un certo punto.

"Una ragazza di nome Geraldine pensa che dovresti indossare i morsetti per i capezzoli mentre guardi Daddy Gapes Me Best, perché eri nel video", aveva aggiunto sua madre, alcuni video dopo.

Quando Rob era entrato, non aveva dato alcun suggerimento, le aveva solo fottuto lentamente il culo mentre "Tattooed Anal Sister Slut" suonava in sottofondo. Quando veniva, si tirava fuori senza dire una parola e se ne andava a vedere cosa stava combinando l'altra sorella.

Amber guardò la piccola pila di DVD rimasti. Ogni parte di lei soffriva per la stanchezza, la sua mente era fritta e sapeva che venire attraverso gli ultimi DVD sarebbe stata una lotta... ma provava uno strano senso di orgoglio.

Si voltò e fece l'occhiolino alla webcam, prima di tornare allo schermo e far scivolare lentamente il pugno nel suo culo sciolto. Rabbrividì di piacere per le sensazioni che le attraversavano il corpo... amava essere stirata, le dava più piacere di qualsiasi cosa avesse mai immaginato. E con suo fratello e suo padre ben dotati che la prendono regolarmente, per non parlare dell'inclinazione di sua sorella per i giocattoli enormi... beh, le venivano costantemente offerte opportunità di sentire la sua figa spalancata espandersi e penzolare liberamente.

Amber amava la sua nuova vita.

---

Sostieni la mia scrittura e ottieni altre storie su http://patreon.com/pan

Storie simili

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

1.2K I più visti

Likes 0

Giorno della mia vita...

Questa è la mia prima storia. Quindi, per favore, dammi un po' di tregua. Se non faccio del bene capisco. Grazie se hai scelto di leggere questa storia... Mi chiamo Matthew Colister e sono 5' 11. Ho 15 anni e la maggior parte delle persone mi dice che sono davvero alto per la mia età. Non è l'unica cosa però. Ho un cazzo lungo che misura 4 pollici quando è floscia e alta 20 cm quando è dura. Non ho mai avuto alcuna vera esperienza sessuale se non con la mia mano, ma tutto è cambiato quando ho incontrato la signorina...

60 I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

988 I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

1.3K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

49 I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

1.3K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero una possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se ne è andato, abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui è partito. Si è ubriacata parecchio. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa - l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide se stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho...

687 I più visti

Likes 0

Cogli il Day-4 Vesti

Cogli l'attimo parte 4 Mi sveglio la mattina un po 'dolorante ma mi sento un po' meglio riguardo alla situazione. Mi perseguita ancora. Sembra sbagliato, ma sembra così giusto. Te ne sei già andato mentre scendo dal letto. Ti trovo in cucina a preparare la colazione. Dici: “Buongiorno e grazie per ieri sera. Sospetto che ti sia piaciuto tanto quanto me. Mi passi una tazza di tè: “È una bevanda energetica a base di erbe. Dimmi se ti piace il gusto. Dopo colazione dici che ci sono alcune cose nella stanza degli ospiti che vuoi che provi. Hai di nuovo quello...

87 I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

805 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

769 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.