Brandi si diverte

1.1KReport
Brandi si diverte

Brandi pensava che le piacesse dare orali.


Stavo osservando questa ragazza che stava prendendo da bere dai miei amici, questa bellezza dalle gambe lunghe e dai capelli corvini che stava chiacchierando con un gruppo di persone. Indossava un vestito blu che rivelava più di quanto nascondesse, una piccola cosa che aderiva a ogni curva del suo corpo. E ragazzo, questa ragazza aveva delle curve. Aveva il miglior paio di tette che avessi mai visto, in quanto non erano enormi, ma erano una coppa D di buone dimensioni, vivace come l'inferno, la loro morbidezza carnosa quasi si riversava sulla sua scollatura. Non avrei potuto mettere una mano intera su uno di quei bambini, e avevo le mani grandi. Il suo culo stretto penzolava letteralmente fuori dalla gonna, le curve delle sue natiche mostravano sotto l'orlo della gonna. Sotto indossava un perizoma rosa.

Nonostante tutte quelle risorse, però, sono state le sue labbra ad attirare la mia attenzione. Grandi, formose e toccate con il lucidalabbra, si aprivano ogni volta che lei rideva. Potevo vedere il mio cazzo entrare e uscire da quella bocca succulenta. Sembrava che tu potessi infilare una bottiglia di birra in quel buco, nessun problema. Il mio membro pulsava solo a pensarci.

"Stai controllando Brandi, vero?" La voce veniva da dietro. C'era un uomo lì in piedi, vestiti costosi che nascondevano un telaio lardoso. Aggrottai la fronte per l'intrusione, ma lui non sembrò accorgersene. "Tutti lo fanno. Anche le donne. È popolare quaggiù, con una bocca così. Ama succhiare cazzi e leccare la figa. Probabilmente potrebbe essere pagata anche per farlo, da quello che ho sentito." L'uomo si appoggiò allo schienale del bancone del bar, sorseggiando il suo drink senza staccare gli occhi da Brandi. "Si dice che abbia fatto una dozzina di uomini in una notte. Più volte ciascuno. Si sono stancati tutti prima di lei. L'unico problema è che non te lo permette, se capisci cosa intendo." E con questo, si allontanò tra la folla.

L'uomo aveva suscitato il mio interesse. Sono sempre stato uno per una sfida quando si trattava di donne. Se questa ragazza era così stretta come aveva detto, mi sarei divertito a cercare di prenderlo da lei. Mi sono emozionato solo pensando all'idea.

Nel giro di pochi minuti, il branco di persone si era dissolto in modo significativo, lasciando Brandi in piedi da sola. Mi avvicino a lei, porgendole una birra. Mi ha sorriso di nuovo con quelle labbra e non vedevo l'ora di scoparle la faccia.

Abbiamo chiacchierato per un po' e ho potuto vedere che era già notevolmente ubriaca. Spostò il peso da una gamba all'altra, i tacchi di sei pollici che risuonavano sul pavimento scivoloso di birra. Mentre parlava, iniziò a far scivolare una mano sulla gamba dei miei jeans sotto il tavolo, afferrando il mio cazzo e masturbandolo fuori dai miei pantaloni. Ho ricambiato il gesto facendo scivolare un dito nella sua fica, spostandole di lato le mutandine per accarezzarle la figa. Lei gemette nel mio orecchio ma allontanò la mia mano con uno schiaffo; mi afferrò la mano, trascinandomi sul retro del club dove c'era un separé appartato.

La musica mi risuonava nelle orecchie mentre mi buttava sul divano e sentivo la cerniera dei miei pantaloni aprirsi. Brandi è strisciata sotto il tavolo e l'ho guardata mentre mi tirava pantaloni e pantaloncini fino alle caviglie. Si leccò le labbra, guardandomi prima di prendere metà del mio cazzo in bocca. L'interno umido e scivoloso della sua bocca era così bello, e la lasciai succhiarmi, sentendo la sensazione della sua gola che si stringeva contro il mio membro. Mi afferrò le palle, massaggiandole una poi l'altra, premendole insieme e tirandole. Brandi ha premuto forte sul mio cazzo, ma non è riuscita a prenderlo completamente in bocca, per quanto ci provasse. Sembrava accontentarsi di succhiare solo la lunghezza che poteva entrare in lei, facendo schioccare la lingua contro la mia punta di tanto in tanto prima di tornare a succhiare. Non era abbastanza però, e volevo di più da questa troia affamata di sperma.

Le ho afferrato i capelli e, tirando fuori il mio cazzo da otto pollici, l'ho immediatamente sbattuto di nuovo nella sua cavità orale. Ho guardato i suoi occhi spalancarsi per l'intrusione, e ho iniziato a colpirle il viso con il mio cazzo, le mie palle schiaffeggiavano contro il suo mento. La bava gocciolava fuori dalle sue grandi labbra mentre cercava di non soffocare per le scopate più dure che la sua bocca avesse mai ricevuto. Tirandomi fuori del tutto, l'ho sbattuto dentro di lei di nuovo. Questa volta ha cercato di scappare, spingendo le mani contro le mie ginocchia per scappare, ma io le ho afferrato i polsi con una mano e glieli ho tenuti sopra la testa mentre le picchiavo dentro e fuori dalla gola. La saliva volò dappertutto mentre spingevo i fianchi contro il suo viso, e il mio orgasmo cresceva in profondità dentro le mie palle finché non sentii il primo fiotto di sperma inondarle la bocca. Brandi ha sputacchiato e si è strozzata, ma non poteva allontanarsi da me, quindi si è semplicemente inginocchiata lì mentre il mio sperma le schizzava in gola. L'ho tenuta in quella posizione per un minuto, spingendo la sua testa contro di me in modo che le sue labbra fossero avvolte attorno alla base della mia asta, impedendole di sputare il mio carico. Non credo che sarei mai venuto così tanto nella mia vita prima; il mio cazzo stava ancora sputando trenta secondi dopo il mio arrivo. Doveva saperlo anche lei, dall'espressione sul suo volto.

L'ho liberata dalla mia presa e lei si è immediatamente alzata, urlando contro di me. "Che cazzo, pezzo di merda! Ti ammazzo per questo!" Tossì violentemente, il viso rosso barbabietola.

Quando ha finito, ho afferrato una manciata di capelli e ho tirato il suo viso vicino al mio. "Nessuno può sentirti da qui dietro, sporca puttana del cazzo. Pensavo ti piacesse succhiare cazzi." Il suo viso cambiò improvvisamente da uno di rabbia alla sorpresa. "Esatto, non pensavi che lo sapessi? Succhiare dieci ragazzi contemporaneamente e non sei riuscito a gestirne solo uno? Non hai mai avuto un vero uomo prima con quei ragazzi col cazzo di matita, ma non preoccupati, lo cambierò per te." Ho riso prima di aggiungere: "Ti fotterò domani".

A quest'ultimo commento, il suo volto cambiò di nuovo in uno di paura. Ha iniziato a tremare, ma l'ho tenuta su per i capelli. "No per favore, non farlo. Io... non posso. Lasciami andare, per favore!"

Troppo tardi. Ho strappato il vestito a quel corpo delizioso, facendolo a brandelli irriconoscibili. Ha provato a coprirsi, ma non è servito a niente. Non indossava il reggiseno e, con uno strattone deciso, le strappai di dosso il perizoma rosa. "Oh dio, no. Sono... sono vergine, okay? Ti prego, non fottermi. Non posso!"

Quando ha detto questo, il mio cazzo ha subito ricominciato a diventare duro. L'ho girata in modo che fosse in ginocchio, le mani dietro la schiena, la faccia contro il divano. "Ti fotterò a morte, puttana succhiacazzi. Più resisti, peggio sarà per te, quindi stai fermo." Ho premuto la punta del mio pene contro le sue strette labbra vergini che erano lucide di succo di ragazza. Ho riso di nuovo. "La tua bocca dice di no, ma la tua figa dice di sì."

"No, dico sul serio, non lo voglio. Oh gawd, oh gaaawwwwwd!" Ha urlato mentre mi spingevo nella sua figa stretta. È scivolato dentro sorprendentemente facilmente e in poco tempo ho avuto l'intera lunghezza del mio cazzo spinto su quel gustoso buco. Era così stretta, mi sentivo come se stessi per scaricare le mie palle proprio lì e poi, ma ho tenuto duro e ho iniziato a pompare dentro di lei, tirando fuori completamente come ho fatto con la sua bocca prima di spingerla di nuovo dentro. Le sue pareti vaginali lisce sembravano fissarsi contro il mio membro con una stretta ritmica mentre la scopavo profondamente e duramente. Le sue urla si sono trasformate in gemiti, e mentre la sbattevo sempre più forte, lei ha cominciato a gridare chiedendone di più, muovendo il sedere a tempo con me, indietreggiando ogni volta che tiravo fuori e incontrandomi quando tornavo dentro. fottimi più forte, fottimi la mia dannata figa con il tuo cazzo! Oh cazzo, oh CAZZO!" Urlò mentre veniva, il suo corpo era in preda alle convulsioni per l'onda oscillante del suo orgasmo. Brandi si è afflosciata, tremando per il miglior cazzo che abbia mai avuto. Non avevo ancora finito con lei però.

Tirando fuori il mio cazzo dalla sua figa fradicia, ho cominciato a far scorrere la testa del mio cazzo contro lo stretto sfintere del suo buco del culo. Quando ha capito cosa stavo per fare, ha cercato di allungare la mano, ma io l'avevo ancora presa. "Oh cazzo, non lì, per favore, non lì. Ti prego, non farlo!"

"Chiudi il becco, puttana. Ti fotterò il culo qualunque cosa succeda, potresti anche provare a divertirti. Non preoccuparti, non ti farò del male."

Ho mentito. Con una forza che ha quasi rotto il divano su cui eravamo, le ho sfondato il culo e lei si è alzata di scatto, urlando, cercando di scappare. "Uuuugghhhhh!" gemette, il viso contratto dal dolore. Il bel culo di Brandi era ancora più stretto della sua figa, e ho sentito i suoi muscoli interni serrarsi su tutto il mio membro. Rimasi fermo per alcuni secondi, lasciando che si adattasse a me dentro di lei. Era la sensazione più incredibile, le sue viscere morbide e vellutate mi afferravano come se non ci fosse un domani. Quando ho pensato che fosse pronta, ho iniziato a fotterle lentamente il culo, muovendomi su e giù in modo che il mio cazzo fosse ancora sepolto dentro di lei. Potevo sentirla rilassarsi contro di me, e persino iniziare a gemere un po' per l'intrusione anale, così l'ho presa con calma per un po', anche se non necessariamente gentile. Afferrandole i fianchi per fare più leva, ho spinto il mio cazzo più forte dentro di lei, fottendola con il mio lungo cazzo, le mie palle che schiaffeggiavano contro la sua figa come un paio di palloncini impazziti. "Ci sono quasi, ci sono quasi," ansimai finché non sentii i miei muscoli contrarsi e il mio seme sgorgare nel suo vuoto rettale. Con il mio membro ancora dentro di lei, caddi sopra il suo corpo, palpandole i seni e sussultando spasticamente ogni volta che scaricavo altro sperma. Il suo buco del culo si stava ancora contraendo quando l'ho tirato fuori con uno schiocco umido, e ho visto il mio seme rotolare fuori dalle sue viscere come una colla densa. Brandi piagnucolò leggermente sotto di me.

Quello fu l'inizio di una grande serata. Brandi non indossava altro che la mia giacca quando abbiamo lasciato il club, il suo viso sudato per il trucco sbavato ei suoi capelli filamentosi per il mio sperma. L'ho portata a casa e le ho mostrato il mondo al di là del succhiare il cazzo, violando i suoi buchi vergini ancora e ancora finché non mi ha implorato di smetterla, i suoi gemiti di piacere e dolore hanno riempito il mio appartamento. Ha imparato a prendere tutto il mio cazzo in bocca senza soffocare quella notte, una lezione ben imparata e anche veloce. Questo è andato avanti notte dopo notte mentre tornava per altro, il sesso diventava così perverso che se una persona normale avesse visto le videocassette che avevo fatto, le sarebbe venuta la nausea. Eppure è tornata per altro cazzo fino a tre mesi dopo, quando finalmente l'ho consumata e l'ho scaricata, passando alla prossima cosa giovane che sono riuscito a trovare. Un paio di volte ho lasciato che mi supplicasse di scoparla di nuovo, in ricordo dei vecchi tempi, ma dopo non ho più risposto alle sue chiamate.

Fino ad oggi, lei è il mio coronamento, la mia sporca troia con il cazzo, la mia regina dell'orale.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.