LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

886Report
LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che "Maestro" mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei amici con cui avevo bevuto - erano coinvolti? Anche loro erano stati drogati? Dove erano? Se non c'erano dentro, come aveva fatto il "Maestro" a farmi entrare nella prigione da casa loro?

E ancora più preoccupante, mi ero davvero divertito a succhiare e farmi inculare da un ragazzo pericoloso e violento che mi aveva preso con la forza e mi aveva schiaffeggiato? E mi ero davvero goduto la sensazione del suo getto in gola e il suo sapore? In realtà, ciò che era preoccupante era che mi era piaciuto. Spaventato come lo ero stato allora e lo ero ancora adesso. Continuavo a tornarci. Non era proprio la mia fantasia di come un giorno avrei potuto prendere un cazzo dentro di me o cosa avrei scelto io stesso, ma era stato autentico, lungo, grosso, serpente africano marrone scuro e anche con l'umiliazione di essere stato violentato come un cheerleader ubriaca la sera del ballo di fine anno, e il delizioso scatto che aveva prodotto era stato squisitamente elettrizzante. Avevo sempre fantasticato su un'esperienza più consensuale, anzi, avevo fantasticato di essere, in mancanza di una parola migliore, la seduttrice, non una vittima.

L'intera situazione era abbastanza inquietante da impedirmi di concentrarmi sul vero problema, vale a dire. sarei mai uscito di qui o, cosa più importante, ne sarei uscito vivo.

Decisi di ricontrollare i ceppi, il collare e il bullone, ma erano fissati saldamente come lo erano stati la notte precedente.

Faceva un po' più freddo di quanto fosse comodo senza vestiti addosso, ho ispezionato gli armadietti che erano accanto al letto e ho trovato dei vestiti ma solo vestiti da ragazza con fronzoli, per lo più in rosa. Tuttavia, ho trovato un vestito celeste con le maniche, anche se la gonna mostrava la parte inferiore del mio sedere. Tuttavia, stavo quasi iniziando a tremare, quindi ci sono scivolato dentro e mi sono sentito un po' meno infreddolito, ma non molto più vestito. Anch'io mi sentivo un po' stanco, poiché non ero sicuro di quanto avessi dormito prima di "incontrare" il Maestro.

Sentendo la combinazione di freddo, paura e ora fame, nonostante il vestito, che in realtà è più un oggetto sessuale che vestiti, ho anche iniziato a sentirmi freddo. Per cercare di riscaldarmi ho abbassato il letto della principessa nell'angolo e ho scoperto che era fatto con una coperta che sembrava essere molto più calda di quella che avevo addosso, quindi ci sono salito. Non pensavo di poterlo fare dormire date le circostanze, ma sdraiati comunque e mi tirò addosso le coperte. Nonostante le circostanze, alla fine mi addormentai.

Non so per quanto tempo ho dormito, ma mi sono svegliato di nuovo per trovare un altro grande uomo di colore in piedi sopra di me, a differenza del Maestro, era vestito con normali abiti da strada ed era, semmai, anche più alto e di corporatura migliore.

Ho avuto subito paura, ma in qualche modo non mi ha riempito della stessa apprensione del Maestro. Avevo paura di parlare, quindi non l'ho fatto.

"Hai perso la lingua?" la sua voce era un basso mellifluo che mi ha ricordato l'esecutore, Paul Robeson, di cui ho sentito alcune registrazioni. Era bello anche lui, io

"No signore." Non aveva chiesto che mi rivolgessi a lui come "Maestro", quindi non l'ho fatto, ma ho pensato che una cortese dimostrazione di rispetto fosse la cosa più saggia.

"Stai aspettando i ragazzi?"

"Mi dispiace, non so cosa intendi."

"Allora che cazzo ci fai qui?"

Non sapendo cosa dire, decisi di non dire nulla.

"Ehi, ragazzo bianco, cosa sta succedendo qui?"

"Signore, mi sono svegliato qui così, incatenato e nudo poco fa dopo che un tizio mi ha preso a schiaffi e mi ha lasciato qui", balbettai, "non l'ho mai visto prima in vita mia". Stavo provando abbastanza umiliazione e vergogna dal modo in cui il 'Maestro' mi aveva schiaffeggiato e usato che non menzionai la gola forzata e lo stupro di culo, non volevo dargli alcuna idea.. “Stavo congelando così Ho indossato il vestito cercando di riscaldarmi, ma quando ho ricominciato a sentire freddo, mi sono sdraiata sul letto per riscaldarmi.

"Che aspetto aveva il ragazzo?"

Ho descritto "Maestro" e lui si è accigliato.

"Conosci una coppia di gemelli della tua età?"

"Si signore."

"Eri con loro prima di svenire?"

"Si signore."

"L'altro tizio ti ha fatto succhiare il cazzo?"

Ho annuito e ho iniziato a tremare un po', il trauma dell'esperienza mi ha finalmente raggiunto.

"Ti ha fottuto il culo?"

Detto questo sono crollato e ho iniziato a singhiozzare. Con mia sorpresa, mi afferrò le spalle con due mani forti e parlò dolcemente e in modo rassicurante.

"Sei ferito?"

"Non proprio."

Proprio in quel momento, il Maestro è entrato accigliato, mi ha guardato male ma ha parlato invece con l'altro uomo che mi stava consolando.

"Leon cosa ti ha detto questa figa?"

"Niente. Cosa pensi che mi abbia detto?

“Riguardo al nostro primo appuntamento. E quanto gli è piaciuto - vedo che si è vestito elegante per il nostro secondo.

Ero troppo intimidito per dire qualcosa.

Poi il "Maestro" mi ha detto: "Bene, stronza, cosa hai da dire per te stessa? Ti sono mancato? Ti piace un altro cazzo nero?"

"Maestro…"

"Non devi chiamarlo Maestro, ragazzo."

"Signore", dissi spostando la mia attenzione sull'uomo che mi aveva trattato meglio, "mi ha ordinato di chiamarlo 'Maestro' e prima mi ha schiaffeggiato."

"Non preoccuparti per questo, non gli permetterò di farti del male."

"Maestro", non potevo trattenermi, non sapevo cos'altro chiamarlo, "a dire il vero non mi importava del cazzo, così tanto", non mi sono preso la briga di elaborare su come mi piaceva usare un dildo nel mio culo quando mi masturbo – non volevo dargli, a nessuno dei due, alcuna idea “Semplicemente non mi piaceva essere picchiato e trattato come un pezzo di carne”.

“Sii onesto, fiocco di neve, ti piaceva essere trattato come un pezzo di carne, semplicemente non ti piaceva esserlo

da un bellissimo uomo di colore.

«Non è vero, signore.»

"Cosa, stai dicendo che ti è piaciuto il mio cazzo nero?"

Ho deciso che l'onestà era la tattica migliore. «Sì, signore, non mi piaceva essere malmenato e incatenato. Ho avuto paura, ho paura e vorrei uscire di qui. Voglio andare a casa."

"Quindi ti piace il mio grosso cazzo nero?".

Non ho detto niente.

"Rispondimi piccola femminuccia fiocco di neve!"

«Lamar!» il mio "soccorritore" ha gridato: "Fanculo! Lascia in pace il ragazzo! e si è mosso tra di noi.

"Sì, signore, suppongo di sì."

"Ne vuoi ancora un po?" Potrei dire che ti è piaciuto e che vuoi di più ', ringhiò LaMar (ora sapevo che si chiamava LaMar).

"Un giorno, forse, ma voglio tornare a casa. Ora e se lo faccio di nuovo voglio che sia divertente, non essere picchiato o vittima di bullismo._"

Il secondo uomo, che mi aveva trovato e trattato meglio, e mi stava proteggendo, ora si rivolse a me e parlò. «Il fatto è che nessuno sa davvero del nostro piccolo parco giochi qui, Timmy

(conosceva il mio nome), e ciò che LaMar (che ora presumo fosse il vero nome del Maestro) ti ha fatto è stato stupido e una mossa da coglione. Dannell e Donnell avrebbero dovuto convincerti a venire volentieri, cosa che erano abbastanza sicuri che avresti fatto. Ma il piano doveva sempre essere quello di invitarti educatamente.

I miei occhi si spalancarono e lui lo vide e continuò.

Rispondendo alla mia espressione perplessa, ha continuato: “Ti hanno visto adocchiare i loro serpenti neri ogni volta che ne hai avuto la possibilità in piscina e in palestra. Ed erano abbastanza sicuri che tu volessi succhiarli e prenderteli su per il culo. Ma non possiamo permettere a nessuno di scoprire del nostro piccolo club. Ti avremmo portato con noi lentamente e ti avremmo reso la nostra stella, ci sono così tanti fratelli che hanno avuto il gusto per la figa bianca nelle canne e nei piccoli club come il nostro qui. Comunque, con il passaparola, si è sparsa la voce su di te. In realtà ci sono ragazzi che hanno sentito parlare di te in fila per sborrarti in bocca e nella figa. Abbiamo una lista d'attesa".

“Ma il mio cugino testa di cazzo qui non ha fottuti impulsi o autocontrollo. Inoltre è uno stronzo. Il piano era di farlo entrare e fare il "potere nero" su di te e poi fare in modo che Dannell e Darnell ti "salvino" da lui, e loro di sedurti quando eri grato, ma LaMar ha messo qualcosa in tutti i tuoi drink e ti ha trascinato qui da solo e ha mentito sul fatto di portarti a casa.

“Quando si sono svegliati, ha detto loro che aveva accidentalmente lasciato cadere anche la merda nei loro drink e ti aveva portato a casa. L'hanno scoperto stamattina quando sono venuti a casa tua per controllarti.»

Il resto di noi?

"... molti di noi avevano qualcosa da fare e non potevamo farlo quella notte, D & D avrebbero dovuto portarti a casa ok e fissare un appuntamento per un'altra notte, ma poi LaMar ha fatto la sua acrobazia e ti ha portato qui Invece. Stava progettando di sfruttarti questo fine settimana da solo.

A quel punto sono entrati D e D e la prima cosa che hanno fatto è stata scusarsi.

"Non sapevamo cosa stesse progettando il cugino LaMar, ci piaci, sei sempre stato gentile con noi sin dalle medie, e in realtà pensiamo che tu sia piuttosto sexy, carina e sexy."

A quel punto sono arrossita, lusingata in un certo senso, ma anche un po' imbarazzata e un po' fuori di testa e persino vergognosa, ma non sono sicura se la mia vergogna fosse reale o perché pensavo che avrei dovuto esserlo.

Leon ha continuato, e mentre lo faceva, Dannell e Donnell si sono avvicinati, posando grandi mani rassicuranti sulla mia schiena. Non mi sono tirato indietro, è stato bello, come quando ci stringevamo a giocare a football nel quartiere, o ci abbracciavamo dopo un touchdown o una grande giocata in una partita di pick-up di qualche tipo

"Il fatto è, però, che questo posto è un segreto, nessuno può saperlo." Ha continuato spiegando che la "prigione" era stata in realtà una stazione ferroviaria sotterranea e la loro, sua e Dannel, e Donnell, e la famiglia di LaMar l'avevano posseduta da prima della guerra civile quando, come neri liberi, avevano gestito una grande stazione per la Underground Railroad - anche a nord dovevano esserci siti segreti, dal momento che alcuni sceriffi e poliziotti o altri funzionari avrebbero riportato in schiavitù gli schiavi fuggiti, anche quelli che avevano raggiunto il nord.

"Ma in conclusione, il nostro piccolo club è privato e dobbiamo mantenerlo tale, nonostante quello che ha fatto LeMar, non facciamo nulla con la forza, ma non vogliamo avere a che fare con un sacco di seccature da parte della polizia o le ispezioni di "sicurezza" degli edifici vengono utilizzate come scusa per chiuderci ".

Se non fossi stato così intimidito da tutto quello che era successo, avrei potuto avere altro da dire, ma devo essere onesto, stavo vacillando. "Sì, quindi?"

"Siamo disposti a farci perdonare e punire Leon, ma abbiamo davvero bisogno e vogliamo che tu mantenga il nostro segreto." Sembrava sincero, ma sentivo fortemente che non mi avrebbero lasciato andare con la possibilità di riferire ciò che mi era stato fatto.

La realizzazione che c'era una linea che non potevano permettersi di lasciarmi oltrepassare fu un momento in cui mi venne in mente. In quel momento Dannell e Donnell hanno parlato nello stesso momento, cosa che sapevo che facevano quando erano eccitati, “gli faremo il culo per te. Timmy.» Sapevo che l'avrebbero fatto anche loro - in una delle partite di football del nostro quartiere un ragazzo mi aveva ammassato addosso dopo che avevo ricevuto un passaggio da touchdown di Donnell - mentre ci stavamo disfacendo in end zone, mi aveva sussurrato "amante dei negri" nel mio orecchio , ma abbastanza forte che Dannell lo sentì. Dannell non ha detto niente, ma mi ha fatto l'occhiolino con un sorriso d'intesa, poi ha unito la testa a Donnell prima della commedia successiva.

Nella giocata successiva, quando abbiamo dato il calcio d'inizio dopo il touchdown, avevano fatto un high-low al tizio e l'hanno buttato fuori, niente era rotto, ma è rimasto fuori per un paio di minuti e sembrava un po' stordito per il resto della partita. Dopo aver appiattito il ragazzo, entrambi si sono alzati e mi hanno fatto l'occhiolino.

Mi è venuto in mente dopo un attimo, da qualcosa che avevo visto in un video porno che mi incuriosiva.

"In realtà, ho detto, ho un'idea, ma ho bisogno di una doccia e devo vestirmi."

"Possiamo portarti a casa"

“Beh, posso farmi una doccia qui? E penso di poter indossare abiti che sono qui. All'inizio sembravano sorpresi, ma un attimo dopo le luci si accesero nei loro occhi. In parte comunque.

Avevo visto video di orgasmi rovinati dal femdom e in realtà pensavo che fossero piuttosto eccitanti, qualcosa che avrei voluto provare un giorno, mi stavano dando un'idea di come pareggiare i conti con LaMar. Non c'era modo che potessi davvero ferirlo, e dal momento che il mio cazzo era una frazione delle dimensioni del suo, non avrei fatto molta impressione su di lui in quel modo., Tuttavia, data l'opportunità di dargli una lezione che lo zio Leon ei miei amici Dannell e Donnell stavano offrendo, volevo che fosse qualcosa che potessi fare da solo.

Mi ero imbattuto in video di orgasmi rovinati alla ricerca di porno in faccia e alla ricerca di "femdom". guarda, ma ho anche ricordato un'altra stella di nome Veronique che pensavo di poter emulare più da vicino. Avevo cercato di non fermarmi dopo aver sborrato durante le battute, ma non potevo mai andare avanti dopo aver raggiunto l'orgasmo. So che è porno e recitato, ma gli uomini sembravano sempre in un certo disagio genuino in quei video quando la donna che faceva il lavoro continuava ad accarezzare dopo che il ragazzo veniva, anche tenendo conto dell'hamming che fa così tanto parte della recitazione porno, e sulla base delle mie esperienze di botte troppe volte in un lasso di tempo troppo breve, sapevo che a volte poteva esserci qualche disagio continuando a strofinare la testa o facendolo troppo presto.

Ci fu una doccia e Dannell uscì per un fast food sandwich e shake per me mentre Donnell mi mostrò dov'era la doccia e i vestiti. I vestiti erano tutti vestiti da ragazza, come avevo trovato in precedenza, ma ho trovato un vestito che mi piaceva e, se posso dire, non mi è sembrato troppo male. Donnell ha sorriso quando l'ho scelto, cosa che mi ha fatto sentire inaspettatamente felice , anche sexy. Devo dirlo.

Dopo la doccia e uno spuntino veloce mi sono vestita: un vestito intero, lingerie, reggicalze, calze e tacchi. Porto i capelli lunghi e non ho molti (nessun) pelo sul viso, quindi potrei rendermi un po' convincente. Sapevo, visitando le cassettiere e gli armadietti di mia madre e mia nonna, come allacciare un reggiseno e un reggicalze, ma il trucco non mi era così familiare, quindi ho optato per fondotinta, un po' di fard e un bel rossetto rosso, non ero abbastanza sicura di me per fare molto con i miei occhi, quindi ho appena applicato un po' di mascara sulle ciglia. Quando ho raggiunto il punto nello specchio in cui pensavo che qualsiasi altra cosa sarebbe stata troppo, ho fatto entrare Donnell e Leon. Donnell si è limitato a sorridere, ma Leon ha chiesto un bacio. Avrei voluto che il mio primo fosse con Dannell o Donnell, ma poiché sarebbe stato troppo difficile scegliere tra loro, ho deciso di dire di sì.

Leon mi abbracciò dolcemente, mi strinse dolcemente al suo petto e mi baciò più profondamente e più avidamente di quanto fossi mai stato baciato in vita mia. Quando ha sondato le mie labbra con la lingua, ho prontamente aperto le mie e ho fatto uscire la mia lingua per incontrare la sua. Il suo alito era fresco ed era allo stesso tempo fermo e gentile, onestamente, ho iniziato a sentirmi debole quando le sue mani hanno iniziato a sondare la mia schiena e il mio sedere. Ero scioccato da quanto volevo sciogliermi tra le sue braccia.

Dopo un lungo bacio, si interruppe e mi guardò negli occhi. "Era ancora un coglione, ma ho capito cosa cercava LaMar con te, sei un tesoro." Sono arrossita, MALE. "Ma", ha continuato, "cosa hai in mente con LaMar?"

Così gli ho detto: volevo LaMar trattenuto sul letto, nudo dalla vita in giù, e lo volevo lì per tutto il tempo che mi aveva tenuto in prigione - almeno un giorno, poteva mangiare e pisciare se ne aveva bisogno – Sarei felice di tenere il suo cazzo per lui mentre fa la pipì, e ripulirei eventuali versamenti, ma doveva rimanere trattenuto per un giorno intero come lo ero stato io. E gli porterei una padella se ne avesse bisogno, ma dopo avrebbe dovuto pulirla da solo.

La mia intenzione, come ho spiegato ai miei amici gemelli e al loro sexy zio, era vedere quante volte avrei potuto far venire LaMar e se sarebbe stato scomodo per lui se l'avessi fatto abbastanza volte.

Hanno riso e poi Dannell ha detto: "Ragazzo bianco, spero che tu non ti arrabbi mai con me". e rise. Ho ridacchiato e ho detto: “Finché mi lasci succhiare quel tuo grosso muscolo dell'amore ogni volta che voglio, non hai nulla di cui preoccuparti. E questo vale anche per te Donnell.

Si sono avvicinati su entrambi i lati mentre stavamo ancora ridendo e ognuno mi ha baciato sulla guancia, Donnell mi ha risparmiato la fatica di decidere e ha girato il mio viso verso il suo e mi ha baciato profondamente e dolcemente. Poi è stato il mio turno di baciare Dannell. Ero felice. Mi sentivo felice e femminile, ero diventata una femminuccia con i ragazzi con cui avevo fantasticato di farlo. Mi sentivo bene.

Leon, che aveva consegnato i termini a LaMar e gli aveva strappato il consenso, è tornato e mi ha detto che dopo qualche discussione, LaMar si era arreso e aveva accettato il suo "destino". Leon, come avevamo concordato, non aveva detto nulla a LaMar e LaMar aveva detto che se avessi cercato di tagliarlo o bruciarlo avrebbe "ucciso fottutamente quel frocio fiocco di neve quando mi fossi liberato". Abbastanza giusto. Non volevo ferire i parenti di due dei miei migliori amici e un uomo che, date le circostanze, era stato abbastanza onesto con me, ma lo confesso, volevo vendicarmi.

“LaMar ha anche delle cose che ha davvero bisogno di fare oggi, quindi vuole farlo domani. Gli ho detto che te l'avrei chiesto, ma date le circostanze, dipende da te, ha i biglietti per un concerto, gli ho detto che gli sarebbe servito bene se gli avessi detto di no e glielo avessi fatto perdere - dipende da te.

"No, va bene. Potrei usare il resto e comunque, i miei non torneranno a casa fino alla prossima settimana, non ho bisogno di tornare fino ad allora.

"Ma c'è una cosa, zio Leon", ora che sapevo chi era, avevo iniziato a chiamarlo "zio", "Voglio davvero fare del bene, ti piacerebbe aiutarmi a praticare la mia tecnica?" E mi sono inginocchiato davanti a lui e ho preso la sua cerniera lampo.

Storie simili

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.5K I più visti

Likes 0

Il programma di formazione porta al sesso incredibile Parte 1

Hari è entrato nell'aula di formazione. Il programma di formazione era fuori stazione in un hotel e durava 2 settimane. Si chiese come avrebbe ammazzato il tempo durante la sera e nei fine settimana. Ha esaminato la classe e ha visto un mix di uomini e donne giovani e di mezza età. Ha intervistato le donne e su 15 donne ha trovato 5 donne belle e interessanti. Le 5 donne avevano un'età compresa tra i 25 ei 40 anni. Si chiese se sarebbe stato in grado di fare qualcosa o solo di pensarci e di masturbarsi. Si chiedeva pigramente quale fosse...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.6K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.4K I più visti

Likes 0

Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone. Mi ha chiesto un documento d'identità! disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa...

1.6K I più visti

Likes 0

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.4K I più visti

Likes 0

Il piano Denny e Devon

Strano come non sai mai veramente cosa ti aspetta la notte. Faccio la stessa cosa ogni fine settimana, io e Dennis passiamo la serata fuori ogni fine settimana, di solito andiamo nello stesso club, Level Down. Dennis ci provava con alcuni baristi, a volte mi univo a lui, li portavamo fuori, li sbattevamo e non li vedevamo mai più. Questo è il piano, il piano Denny e Devon. Siamo andati come al solito al Level Down, indossando le nostre giacche di pelle nera abbinate, i capelli in testa e la nostra solita spavalderia punk rock. Siamo entrati al Level Down, Denny...

587 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.7K I più visti

Likes 0

LEZIONI DI DOMINANZA: PARTE SECONDA

PROLOGO dalla prima parte: Naomi Dayne esce con Peter da sei o sette appuntamenti ormai, e sua madre, Miranda ha sentito che sua figlia si sta innamorando del giovane, e poiché è una dominante gelida, vuole sua figlia per continuare con la tradizione di famiglia della dominazione femminile dei maschi!!! Dopo aver sottoposto Peter a una serie di prove, Miranda alla fine gli schiaccia le palle tra le mani, rompendo efficacemente lo spirito di Peter lasciandogli un naufragio emotivo!!! Miranda quindi mette alla prova la capacità di Peter di soddisfarla oralmente e, con grande sollievo di Naomi, Peter porta sua madre...

2.2K I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.