Giulietta del cazzo

1.4KReport
Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava "nudie Julie" perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro.

Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva in una casa tentacolare con una varietà di persone: le ragazze avevano dei fidanzati che vivevano lì, le ragazze avevano delle ragazze che vivevano lì e stavo avendo una bella relazione da amico con la coinquilina quando l'ho incontrata. Lynn mi vedeva a colazione e notava i miei piedi grandi, le mani grandi e il naso grosso e assumeva un grosso cazzo... il mio amico le ha detto che ero un gran cazzo, quindi Lynn ha chiesto di "prendermi in prestito" per un appuntamento. Siamo andati a casa mia e abbiamo preparato dei brownies all'hashish... si sono bruciati quando ci siamo distratti a scoparci il cervello mentre aspettavamo che cuocessero.

Il risultato è stato che dovevo stare con entrambe le ragazze, scopando una di loro una notte e poi l'altra quella successiva. Presto abbiamo iniziato a uscire nella camera da letto di Lynn guardando la TV, fumando canne e scopando. Le ragazze non si facevano a vicenda, ma avrebbero fatto entrambe me. Ero l'invidia di ogni ragazzo del posto quando uscivamo a bere e avevamo entrambe queste ragazze con me. Il loro supervisore edilizio stava provando con Lynn da molto tempo ed era geloso. Si è rotto quando volevo andare sulla costa occidentale per le vacanze estive e solo uno di loro è riuscito a venire. Lynn ed io abbiamo fatto le valigie e ci siamo diretti verso ovest su un furgone VW.

Abbiamo finito per trovare lavoro nella nostra nuova città e stabilirci insieme. Ho trovato lavoro con una grande agenzia di foto commerciali e Lynn con un grande magazzino di un centro commerciale. Le estati erano magnifiche dove eravamo e per raggiungere la riva, le montagne o il deserto non erano più di un'ora o due di distanza. Sua sorella Julie si è diplomata alla scuola di segreteria ed è scappata poco dopo.

Le abbiamo preparato un letto in quella che sarebbe stata la sala da pranzo dell'appartamento che abbiamo affittato. Ha trovato lavoro in un'agenzia interinale che lavorava per uno studio legale del centro e io sono tornato a vivere con due donne.

Ci sedevamo insieme dopo il lavoro in cucina, arrotolavamo qualche canna e ci rilassavamo prima di cena. Faceva così caldo che a luglio ci toglievamo rapidamente gli abiti da lavoro e ci coprivamo in modo minimo per rinfrescarci. Nei fine settimana uscivamo ed esploravamo la regione; abbiamo controllato una spiaggia per nudisti di cui abbiamo sentito parlare e abbiamo scalato le colline e le colline vicine che circondano le montagne qui. Una volta, in cima a una collina dove la vista era così magnifica, Julie si tolse i vestiti per prendere il sole in cima a uno sperone di roccia mentre facevamo uno sbuffo.

Ora, Lynn e Julie avevano tipi di corpo molto diversi per essere sorelle. Lynn era un po' carnosa mentre Julie era alta e agile. Entrambe le ragazze erano bionde. Una volta, seduta in quella cucina calda un pomeriggio, Julie era seduta nuda come al solito, Lynn e io ci stavamo sudando il culo, così mi sono abbassato i pantaloncini e sono uscito proprio come se fossi magro e mi sono seduto di nuovo. Lynn non ha detto niente, ma Julie ha iniziato a stuzzicare la mia erezione con l'alluce ed entrambe le ragazze hanno riso di me. Anch'io ho riso e non mi dispiaceva affatto.

Nessun grosso problema.

Quindi, era una specie della nostra routine quell'estate... tornare a casa dal lavoro, spogliarsi e fumare droga. La routine della mia ragazza variava, gli orari di lavoro al dettaglio nei centri commerciali ea volte Julie e io ci sedevamo da soli dopo il lavoro e fumavamo. Non sempre spogliarsi però.

Un momento di svolta è arrivato un giorno in cui è tornata a casa dal lavoro e abbiamo fumato il nostro solito fumo prima di avere la possibilità di cambiarci gli abiti da lavoro. Il suo vestito da lavoro consisteva in gonna e camicetta, tacchi e calze; abbigliamento professionale per uno studio legale. Si è tolta i talloni e ha messo i piedi sulla mia gamba, e io ci ho messo le mani sopra e ho iniziato a impastarli e massaggiarli. Prendendo ogni dito uno per uno, stringendo e strofinando i suoi piedi, traevo da lei gemiti di gioia. Gli occhi di Julies erano chiusi mentre passavamo quella canna avanti e indietro e le strofinavo i piedi fino ai polpacci. Mi sono lamentato che il collant le rendeva difficile strofinare le gambe e per favore lei se le sarebbe tolte?

Dopo un momento di pausa, Julie ha tolto i piedi dal mio grembo e si è alzata, permettendomi di agganciare le mie dita intorno alla cintura sotto la gonna e tirarle giù i collant. Si sedette di nuovo e io gliele feci rotolare lungo le gambe e giù dai piedi, riprendendo il mio massaggio alle gambe. Julie canticchiava con piacere, la testa inclinata all'indietro e gli occhi chiusi. Le mie mani le sfregavano le cosce e più mi avvicinavo alla giuntura delle sue gambe, più si sentiva calda e morbida finché il dorso della mia mano sfiorava la sottile striscia di nylon che le copriva la figa.

"Qualcosa sembra piuttosto caldo proprio qui", dissi, girandomi intorno e esercitando una leggera pressione lì.

«Oh, sei proprio un cattivo ragazzo», gemette Julie. "E mia sorella?"

"Non siamo sposati o altro", sono tornato, "non ho bisogno del suo permesso, vero?"

Julie si alzò e mi prese per mano, portandomi nella sua stanza dove si sdraiò sulla pancia e agitò i piedi in aria per farmi continuare a massaggiare.

Mi sono infilato tra le sue gambe e sono andato al lavoro, impastando e strofinando di nuovo la lunghezza delle sue lunghe gambe. Sostenuto dalla sua figa, ho iniziato a massaggiarle le chiappe e ho infilato un pollice sotto l'elastico delle sue mutandine e ho sentito lungo la sua piega calda, unendo le mie due mani per accarezzarle il culo e far scorrere entrambi i pollici lungo la sua figa ora. Potevo sentire l'umidità che filtrava lungo le sue labbra e il solletico ispido dei suoi capelli. Afferrandole le mutandine, le tirai giù fino alle caviglie senza opporre resistenza. Infatti, alzò leggermente i fianchi per aiutarmi e gemette piano.

"Sei così cattivo", ha detto. dovevo essere d'accordo.

Ora ho iniziato a giocare apertamente con la sua figa, facendo scivolare le dita su e giù per il suo rosa e cercando il suo bottone magico. I suoi fianchi iniziarono a muoversi da una parte all'altra e io avvicinai il mio viso verso il basso e iniziai a dare baci lungo la carne calda del suo sedere. Tirando fuori la lingua, l'ho leccata per tutta la lunghezza e ho trovato il mio viso sepolto tra le sue natiche, assaporando il suo sapore e il profumo di muschio che trovavo lì. Si contorceva e si dimenava e con un sospiro si girò e allargò le gambe per darmi un migliore accesso al suo delizioso vasetto di miele.

La giornata era calda e umida, ricordo di aver sentito il ronzio delle cicale fuori mentre dentro l'unico suono era il respiro pesante di Julie e i rumori bagnati di me che le mangiavo la figa dolce. Ad un certo punto, ho stretto le labbra e ho inghiottito il suo clitoride in un morbido bacio e, con una leggera suzione, ho iniziato a leccare. Julie emise un grande gemito e le sue ginocchia si alzarono al petto, aprendosi totalmente per farmela succhiare meglio e le sue mani si fermarono su entrambi i lati del mio viso. Dirigendomi con sottili pressioni alla mia testa, mangiai e succhiai la fica bagnata di Julie e la sentii tremare più volte sotto di me nel suo tranquillo modo orgasmico.

Mentre ero impegnato a prendermi cura di Julie, mi ero tolto i pantaloni e li avevo liberati dalle caviglie. La mia erezione ondeggiava nell'aria; stava aspettando di scivolare nel suo calore umido e alleviare questa pressione che mi cresceva nelle palle. Ora Julie ha allontanato la mia faccia da lei e, mentre mi stavo arrampicando su di lei, si è girata di lato e ha preso il mio cazzo in mano, spiegando che non aveva alcun controllo delle nascite e che non potevo scoparla. Così, invece, Julie ha abbassato il suo bel viso e, aprendo la bocca, ha succhiato la mia durezza tra le sue labbra rosse.

Sua sorella non voleva succhiarmi il cazzo, mi sono seduto e mi sono goduto la vista della mia canna inalata da questa bellissima ragazza che sapeva davvero cosa stava facendo. Il mio pene sembrava diventare enorme mentre lei mi succhiava sull'orlo di venire diverse volte e poi si fermava proprio mentre il palpito del mio cazzo arrivava al punto di scoppio, avrei dovuto sopportare di mantenere più del mio i liquidi fuoriuscivano e lei leccava su e giù, raccogliendo il succo appiccicoso che gocciolava lungo la mia testa di gallo porpora e giù per l'asta. Non mi è stato permesso di tenerle la testa in alcun modo, il che le ha dato ancora più controllo e quando finalmente mi ha permesso di sborrare, accarezzandomi furiosamente e stringendomi, mungendomi il cazzo in bocca, non ha ingoiato ma lo ha tenuto lì per mostrarmelo prima di sputarlo, lasciando che le gocce gocciolassero dalle sue labbra e dalla sua lingua, nel gabinetto.

Più tardi, quando Lynn è tornata a casa, ero preoccupata che avrebbe saputo che stava succedendo qualcosa, ma Julie è stata brava e l'abbiamo fatta franca. Per giorni dopo, ogni volta che ne ho avuto la possibilità dopo il lavoro, abbiamo ripetuto questa routine in cui massaggiavo Julie, la mangiavo fino all'orgasmo un paio di volte, poi lei mi succhiava. Quella era la routine finché non ho comprato dei preservativi, cioè. Poi abbiamo aggiunto una bella scopata al repertorio e abbiamo concluso le nostre sessioni con me che grugnivo il mio carico in una gomma sepolta fino alle palle, nel profondo della sua fica bionda. Era abbastanza magra che le nostre ossa pelviche si sarebbero ingranate e lei sarebbe venuta rumorosamente quando mi sono schiacciato contro di lei, un'altra cosa che non ho mai avuto da sua sorella che non era così magra. Alla fine Julie ha preso un contraccettivo e abbiamo scartato i preservativi mentre scopavamo. A volte, invece di entrare dentro di lei, mi lasciava tirare fuori appena prima che scoppiasse e io mi infilavo tra le sue tette e le spruzzavo il mento e il viso mentre le piace guardare la mia crema che esce dalla punta.

Il mio capo ha preso in simpatia Julie e ha iniziato a portarla fuori, tenendola tutta la notte e restituendola ben scopata il giorno successivo. Mi succhiava ancora quando agitavo il mio cazzo nella sua direzione e mi dicevo che il mio capo aveva un cazzo enorme e come l'avrebbe scopata tre o quattro volte a notte. Mi ha procurato ottimi punti brownie con il capo.

Una volta, Julie ha incontrato un ragazzo nel parco dove va all'ora di pranzo a fumare una canna. Si sono sballati insieme e lui le ha chiesto di uscire. Si è agghindata e ha passato la notte con il ragazzo ed è tornata a casa presto la mattina successiva. Io e la mia ragazza eravamo ancora a letto quando Julie si è tolta i vestiti ed è salita accanto a sua sorella, che ora era nel mezzo. Julie ci ha parlato del suo appuntamento, della cena, del film e di tutto. Lynn dovette alzarsi per andare al lavoro e si alzò dal letto per farsi la doccia e mettersi in marcia. Mi avvicinai a Julie e iniziai a strofinarmi contro di lei. Si è sdraiata a pancia in giù e ho sentito lungo il suo bel culo e la sua figa, che era bagnata e viscida. Si staccò un po' per fermarmi.

"Mi ha scopato poco prima di portarmi a casa", mi informò Julie. Non c'è da stupirsi che fosse bagnata e in qualche modo mi ha fatto desiderare di lei ancora di più. Mi sono messo dietro e ho strofinato la mia rigidità su e giù per la sua fessura, appoggiando la testa viscida contro il suo stretto buco del culo marrone. Strofinando da un lato all'altro iniziò ad entrare e con una spinta la testa spuntò oltre il suo sfintere, che mi afferrò e mi strinse senza pietà. Mi sono messo su mani e ginocchia e mi sono riposato un po', flettendomi entro i suoi stretti confini e lavorandolo avanti e indietro lentamente, dondolandomi dentro a poco a poco fino a quando le mie cosce e la mia pancia furono abbracciate dai due cuscini del suo culo. Julie gemette e gemette mentre mi accomodava e quando ho sentito l'acqua della doccia chiudersi in bagno, le mie palle sono esplose con il mio orgasmo e ho pompato di cuore in profondità dentro Julie, sentendo la pozza di liquido caldo lì dentro e l'aspirazione dalla testa del mio cazzo spingendo contro di essa. Non avevo molto tempo prima che la mia ragazza uscisse dal bagno e mi trovasse impalata nel culo di sua sorella, quindi mi sono ritirata tra i suoi gemiti morbidi e con un piccolo schiocco umido il mio cazzo sgonfiante si è liberato dal suo orifizio serrato e mi sono seduto sullo schienale , godendomi la vista del mio sperma che luccica nella sua fessura, che filtra giù per unirsi a quella dell'altro suo amante.

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

26 I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.2K I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

967 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.