Gretta

905Report
Gretta

Gretta era uscita. Era la mattina del suo diciottesimo compleanno. Si era svegliata presto, aveva fatto yoga e aveva fatto una sana colazione. Adesso era al centro commerciale, a comprare i vestiti per la festa.

Mi chiedo cosa sarà che papà mi ha comprato? Meglio essere una fottuta macchina! Pensò, mentre controllava un reggiseno viola in un negozio. Mi scusi! Mi scusi! Ha urlato all'impiegato e l'impiegato è corso rapidamente da lei. Fino a che misura salgono? Lei chiese. Solo un minuto mamma, vado a controllare... e quale sarebbe la tua s... 70EE Lei rispose velocemente, senza nemmeno un sussulto di sorriso sul viso. Non devo sorridere a un fottuto commesso di un negozio di reggiseni, mio ​​padre potrebbe comprare questo posto, pensò.

L'impiegato tornò di corsa, arrossendo, e annunciò che non avevano la sua taglia. Fottuti idioti! Ci pensò ma riuscì a trattenersi. Invece si limitò a guardare l'impiegato con occhi vuoti finché l'impiegato arrossendo non capì di andarsene, mormorando qualcosa. Gretta è uscita dal negozio. Aveva sviluppato quelle tette a coppa EE quando aveva 15 anni. Era molto orgogliosa di loro e le hanno portato molto potere. Il suo corpo snello e accatastato era la cosa più preziosa nella vita e anche lei se ne prendeva cura.

Spero che sia una fottuta macchina, è meglio che sia una fottuta macchina! Lei ha pensato!

Grettas papà era un medico e un chirurgo. Un chirurgo plastico per l'esattezza. Aveva il suo ospedale privato e aveva fatto una fortuna facendo la chirurgia plastica ad alcune persone molto potenti che volevano nascondersi dal pubblico. Gretta ricorda di aver visto un sacco di misteriosi uomini dall'aspetto saudita nella loro
a casa quando era piccola.

Anche i suoi lunghi capelli biondi erano stupendi da guardare. Con i suoi zigomi alti, gli occhi azzurri luminosi e la pelle magra, era una bomba. E lei lo sapeva…. un po' troppo bene potrebbe dire qualcuno. Ma non le importava delle persone gelose. Aveva soldi, aspetto, buona famiglia e tutto ciò che desiderava.

Cazzo, sarebbe orribile essere poveri, pensò...

Tornò a casa in un sole di sabato e stava pensando alla festa che avrebbe organizzato la sera. Era tutto pronto!

È arrivata a casa e ha visto suo padre fare un po' di giardinaggio. Gli diede un bacio sulla guancia e suo padre sorrise. Entrò e quasi inciampò nel fratello, mentre entrava in cucina. Fottuto idiota! Gli disse. Il suo fratellino di 16 anni non le somigliava affatto. In realtà non assomigliava affatto a suo padre, ea volte si chiedeva se fosse di un altro pianeta o qualcosa del genere. Adottato forse? Sua madre era morta dando
nata da lei e in seguito aveva visto solo una sua foto. Non le importava davvero. Aveva suo padre, e papà era il suo prezioso!

gretta! Vieni qui, gridò suo padre! Voglio mostrarti qualcosa. Gretta è uscita! Ora accadrà, una macchina! Lei ha pensato. Vieni qui Gretta, seguimi, disse. Andarono insieme nel seminterrato e Gretta pensava che andassero a prendere la carabina, ma no, l'hanno superata e hanno proseguito più in profondità nel seminterrato.

Si è fermato. Tirò fuori dalla tasca una specie di telecomando e disse: Sono 17 anni che aspetto questo giorno. Gretta, visto che finalmente sei un adulto, voglio mostrarti il ​​tuo presente... e il tuo futuro!

Gretta era confusa. 17? Papà aveva uno strano sguardo vuoto negli occhi che non aveva mai visto prima. Ma papà, stai scherzando, oggi ho 18 anni e... Sì! Lo so, suo padre l'ha interrotta subito. Papà la guardò con occhi spaventosi e ripeté mormorando: 17 anni….
Alzò la mano e premette il telecomando. Gretta guardò stupita come il muro iniziasse a muoversi, rivelando una specie di camera... oh mio dio è enorme, che cazzo è mai, pensò. Le luci si accesero e ancor più stupita, Gretta ora fissava la camera e cosa c'era dentro.

Che-cazzo! Lei disse.

Guarda il tuo presente…. e il tuo futuro, disse papà.
Gretta stava guardando una camera di tortura un po' malvagia con tutti i tipi di strani dispositivi e attrezzature, che aveva visto solo nei film porno su Internet. Papà?? Cos'è questo? borbottò...

Prima di tutto. Non sono tuo padre, puttana del cazzo! Ti ho comprato quando eri un bambino di un anno. Tua madre era una schiava dell'harem di un uomo d'affari saudita. Una schiava del sesso. Come lo sarai anche tu d'ora in poi, finché non morirai.

Gretta stava guardando quest'uomo e ha sentito quello che ha detto ma non riusciva a capire davvero…. perché suo padre diceva cose così orribili?
Ti preparo da diciassette anni ormai. Sei il mio capolavoro! Il mio ultimo giocattolo di tortura e umiliazione dalla testa ai piedi! Ci divertiremo così tanto con te, oh sì... aae sfortunatamente non ti divertirai più. Mai più. A meno che tu non impari ad amare la tua nuova vita, ma lo trovo molto improbabile. Sarà un mondo di dolore per te... schiava, disse, e fissò i suoi occhi che cominciavano a bagnarsi.

Tu fottuta stupida troia e un monello viziato! Egli ha detto! Pensavi davvero che avresti avuto tutto questo nella vita gratis e che tratterai tutti come una merda? Immagino che tu l'abbia fatto... ma non più. Per il resto della tua vita, sei tu, che sarai trattato come una merda. Hahahahaaaaa, sì, ho aspettato così tanto!

Gretta sentì che stava per svenire. Perché papà le diceva queste cose orribili? Lei pianse.
Togliti tutti i vestiti, adesso? disse suo padre. Che cosa? SMACK le diede uno schiaffo in faccia e ripeté: togliti tutti i vestiti, ora. Gretta non poteva credere che le stesse succedendo. Suo padre l'ha appena colpita in faccia e voleva che si togliesse tutti i vestiti. Non farmi dire questo la terza volta, disse.

gretta ha iniziato a togliersi i vestiti davanti a suo padre. Non poteva vedere chiaramente. I suoi occhi erano intrisi di lacrime. Indossava solo una canotta e una gonna estiva, quindi non ci è voluto molto per togliersele. Era lì in piedi e voleva coprirsi le tette. Anche il reggiseno! Ha detto Ma papà... SMACK. È quasi caduta a terra, il colpo è stato durissimo. Non poteva credere che fosse vero!

Si tolse il reggiseno e le sue EE sudate stavano lentamente tremando, come lei, a causa della paura. Mani a lato! Ha comandato. Gretta ha appena fatto quello che ha detto. Deve essere un sogno, questo deve... deve, pensò.

Papà guardò a lungo il suo corpo nudo e tremante. Bello, disse, semplicemente bello! Proprio come tua madre! Fece pochi passi nella camera e tornò con qualcosa in mano. Il tuo outfit per il giorno speciale! Ha annunciato. Gretta poteva vedere solo una specie di imbracatura con molti morsetti e qualcosa che sembrava un gigantesco pene di gomma lucida.

Dai, indossalo, non essere timido! Disse con voce sarcastica. Gretta ha iniziato a scartare l'imbracatura incredula quando qualcosa di SWOOSH l'ha colpita sulle sue tette. Le faceva male e lei urlò di dolore. Il suo papà si era tirato fuori una frusta e ora stava sorridendo a gretta….. sbrigati, per favore! Egli ha detto.
Andò nel panico e in stato di shock cercando di indossare la cosa simile alla pelle con cose strane sopra. È riuscita a infilare le sue tette nel vestito, o addirittura fuori, dato che c'erano due buchi nel lattice, solo per loro. Cosa... come questo? DIO MIO! si è resa conto proprio ora di come doveva venire il gigantesco pene di gomma... o dove effettivamente. Si è fermata.

WOOSH, WOOSH! Urlò di dolore.

Continua…. infilalo dentro.
Ha messo la punta del dildo all'ingresso del suo ano. Prima si era lasciata scopare nel culo da alcuni ragazzi, ma avevano tutti dei cazzi piccoli. In realtà era vergine, dato che aveva una specie di malattia rara che le faceva molto male la figa, quindi aveva lasciato che i ragazzi la fottessero nel culo. Ma questa cosa non era per niente simile a qualsiasi cosa che avesse visitato il suo ano prima. Ha iniziato a spingere dentro il dildo. Oh mio Dio, è così grande, pensò. La punta scivolò dentro e lei sussultò per il dolore. Papà la prese per i capelli e tirò a terra la ragazza che piangeva. Ha preso a calci il resto del dildo da 30 cm nel suo sedere. Lei urlò in agonia. Papà sorrise.

È quasi svenuta. Quando si riprese si ricordò della frusta. Lentamente si alzò di nuovo in piedi e continuò a indossare la tuta di gomma/pelle. Papà era andato nella camera ed era tornato con un altro equipaggiamento nero e lucido.

Un cappuccio di lattice lucido, con buchi negli occhi e nella bocca era il suo copricapo. Papà l'ha aiutata a indossarlo. Era davvero difficile respirarci dentro... e Gretta era già in preda al panico. E ora la parte migliore, ha detto! Gretta lo vide estrarre dall'ingranaggio un dildo nero di dimensioni simili, che le era già stato inserito nell'ano. Prima gli faremo prendere un po' di sapore e poi li scambieremo, ok? gretta guardò terrorizzata il dildo e capì dov'era che suo padre stava per metterlo. No, no, no, no…. borbottò

Ma una presa potente della sua mascella, da parte di suo padre, ha reso inutili i suoi sforzi. La sua bocca si aprì e questo dildo mostruoso iniziò a scivolarle in bocca, in gola e alla fine quasi raggiungere lo stomaco. Papà ha spinto il dildo gigante con la precisione e l'abilità di un chirurgo. Gretta pensava che la sua mascella si sarebbe lussata. Stava soffocando con questo pene gigante che le scendeva violentemente in gola.

Papà ha terminato l'operazione e ha bloccato l'estremità del dildo sugli anelli accanto alla punta della sua bocca.
Eccoci…. quasi pronto per la tua festa, disse

Gretta non riusciva più a mettere a fuoco. Il dolore era troppo. Non riusciva a sentire bene quello che diceva suo padre. Qualcosa su una festa…. Dio mio! La festa, pensò. Cosa farà con me?

La mise su una sedia e le bloccò le braccia ai lati. Tirò fuori una scatoletta di plastica dai pantaloni. Lenti a contatto nere. Nessuno non ti riconoscerà nella tua stessa festa. Le mise negli occhi e ammirò il risultato. Sei una tale bellezza. Proprio come lo era tua madre.
Abbiamo una grande festa in arrivo, giusto? Sì, la tua festa con tutti i tuoi amici. Solo che tu non ci sarai, o lo sarai, ma nessuno lo saprà. Qualcuno deve servire le bevande, giusto? Ha riso. Tirò fuori uno strumento dal cassetto. Gretta lo riconobbe. Era una pistola per sparare agli occhielli attraverso la tela. Lo aveva usato in un progetto scientifico, per la scuola, quando aveva bisogno di fabbricare uno striscione.

Papà le afferrò la tetta sinistra, strinse forte il capezzolo e le posò la punta della pistola sopra il capezzolo. PANG! gretta cercò di urlare dal dolore ma il dildo gigante in gola la mantenne in silenzio. PANG! Le sue tette soffrivano molto. Papà si allontanò per prendere qualcosa e Gretta guardò in basso per vedere cosa aveva fatto alle sue tette. OH MIO DIO, pensò. Le aveva sparato un occhiello attraverso entrambi i capezzoli. Si poteva ora vedere attraverso un anello di metallo del suo capezzolo. Era così ben fatto, che non sanguinava affatto.

Papà è tornato e aveva qualcosa come un vassoio in mano. Attaccò le due catene, dal vassoio, alle sue tette. Il peso del vassoio lo rendeva ancora più doloroso. Eccoci qua, quasi finito... ora, dobbiamo solo addestrarti a essere una brava cameriera, non una cattiva cameriera. Il tipo che la vecchia te, Gretta, apprezzerebbe.

Le mise ai piedi degli stivali con i tacchi alti. Avevano punte all'interno del fondo. Papà ha perso i suoi vincoli e le ha ordinato di salire sul tapis roulant. Lo stesso tapis roulant che Gretta si allenava ogni settimana, quando fuori faceva brutto tempo. Mise due bicchieri d'acqua sul trey appeso al suo gigante
seni. Ha acceso il tapis roulant.

Vedi, non è così facile fare la cameriera, vero? Quante volte hai urlato a qualche povera cameriera quando il tuo cocco aveva la temperatura sbagliata? Bene, ora è il momento di provare. Ogni volta che fai cadere un bicchiere, i suoi 10 colpi di frusta. Ha dato più velocità al tapis roulant. Gretta ha cercato di mantenere l'equilibrio in un forte dolore. Era disperata e non riusciva a credere a quello che stava succedendo.

Ti osserverò dal piano di sopra, disse. Felice schiavo di addestramento. Devo ancora organizzare alcune cose riguardanti la tua festa di compleanno di oggi e la tua morte. Arrivederci.
La porta si è chiusa. gretta stava camminando su un tapis roulant, con un dildo gigante infilato nel culo e nella gola. Un vassoio, con gli occhiali, era appeso ai suoi seni giganti. Gli stivali avevano delle punte all'interno.
Non riusciva a credere a quello che stava succedendo. Stava solo cercando di continuare a camminare e di non far cadere quegli occhiali! Non devo far cadere quegli occhiali, pensò disperata...

Storie simili

BARB, IL MIO TRIO.

In una storia recente BARB, REALIZZARE LE MIE FANTASIE SESSUALI, ho descritto come verso i trentacinque anni ho deciso che avrei realizzato i miei sogni e le mie fantasie sessuali. Il primo passo è stato trovare un nuovo amante. Per caso Zac è entrato nella mia vita, fisicamente attraente, un po' più grande di me, lavoro professionale e, come ho imparato rapidamente, un'erezione spessa venticinque centimetri. Per un periodo di tempo Zac mi ha fatto conoscere una vasta gamma di esperienze sessuali. Masturbazione reciproca, scoparmi mentre un'altra donna guardava, poi sesso lesbico con lei mentre lui guardava. Mi sono divertito due...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

862 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

741 I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

963 I più visti

Likes 0

Una riunione al funerale: il capitolo finale

Il nonno l'ha uccisa Freya... Ha ucciso la nonna le parole lasciano le labbra di Ellis e salgono fino al mio orecchio, non rispondo un attimo invece allungando una mano per prendergli il libro. Scorro verso le ultime pagine e comincio a leggere nella mia mente. Ellis cammina avanti e indietro nella stanza allo stesso tempo, un ritmo costante dei suoi piedi che colpiscono le assi del pavimento di legno. Un certo passaggio cattura la mia attenzione all'interno del diario “Non mi sento bene da molto tempo ormai. Thomas dice che è solo il tempo, ma non ne sono sicuro, il...

492 I più visti

Likes 0

Gli impulsi arrapati della figlia - 6

Janie si svegliò la mattina dopo sentendosi fresca e viva. Si alzò e si guardò allo specchio. I suoi occhi brillavano e la ritrovata consapevolezza brillava in profondità dentro di loro. Volendo compiacere suo padre, si sedette al suo comò, nuda. Si è truccata con la stessa cura che sapeva e poi si è sistemata i capelli in una coda di cavallo. Quando ebbe finito, scelse una camicetta beige sottile e una gonna corta marrone chiaro. Dopo aver scelto un reggiseno rosa e un bikini slip di nylon trasparente, si è vestita. Guardandosi allo specchio, sapeva di essere abbastanza brava da...

353 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

280 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

43 I più visti

Likes 0

Giorno della mia vita...

Questa è la mia prima storia. Quindi, per favore, dammi un po' di tregua. Se non faccio del bene capisco. Grazie se hai scelto di leggere questa storia... Mi chiamo Matthew Colister e sono 5' 11. Ho 15 anni e la maggior parte delle persone mi dice che sono davvero alto per la mia età. Non è l'unica cosa però. Ho un cazzo lungo che misura 4 pollici quando è floscia e alta 20 cm quando è dura. Non ho mai avuto alcuna vera esperienza sessuale se non con la mia mano, ma tutto è cambiato quando ho incontrato la signorina...

36 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.