Fuori a fare festa

2.6KReport
Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa.
Vibrando nella mia tasca, il mio telefono si spegne segnalando un suo messaggio
-Sono qui-
-uscire-
~Ok~
Rispondendo, prendo il telefono e la frizione ed esco dal mio piccolo appartamento e salgo sulla sua macchina sportiva nera. Scivolando sul sedile del passeggero, lo saluto velocemente con un breve bacio sulla guancia poiché ha già iniziato a sfrecciare lungo la strada.
"Allora dove stiamo andando, piccola?" gli chiedo mentre lo guardo. I suoi capelli scuri sono perfettamente pettinati sulla testa con alcune ciocche sciolte che gli penzolano davanti alla fronte come un ingrassatore, indossa una semplice maglietta grigia e jeans blu navy che mi fanno dubitare del mio abbigliamento. Guardandomi, mi fa un sorriso e mi guarda prima di mettere la mano libera sulla mia coscia esposta.
"Da qualche parte nuovo bambino, ti divertirai." Detto ciò, mi strofina la mano sulla coscia e la accarezza leggermente.
"Ti divertirai." Portando la mano al volante, sembro ancora più confuso del normale. Quando parla con quel tono di voce e mistero significa che il sesso sarebbe coinvolto, ma quando non è mai con noi. Siamo una coppia strana e non vorremmo che fosse in nessun altro modo. Sorridendogli, faccio scivolare lentamente la mano sul suo inguine e comincio a strofinargli i pantaloni.
"Forse mi divertirò." Gli sussurro all'orecchio mentre lo mordo scherzosamente e torno al mio posto. Lo sentivo esalare un forte respiro, stringendo il volante.
"Non farlo. Non quando guido." Afferma con totale sconfitta, è vero che manda la sua mente in un piccolo viaggio quando lo prendo in giro in quel modo.
Poco prima che ce ne rendessimo conto, eravamo parcheggiati davanti a uno dei club in cui ho visto andare i suoi amici single in più occasioni.
Dopo avermi scortato fuori dall'auto, ha messo una mano sulla mia schiena e siamo entrati superando una fila di persone. La musica risuonava a tutto volume dagli altoparlanti e potevo sentire le vibrazioni attraverso le mie scarpe mentre il fetore del sudore e dell'alcol mi accoglieva dentro. Guidandomi verso un piccolo stand nell'angolo del locale, ho subito iniziato a riconoscere chi era seduto esso. Invitandoci a sederci dove i miei ragazzi sono amici caldi, alcuni su cui avevo fantasticato nei nostri primi anni di appuntamenti. C'era Nick che aveva un corpo assassino con una bella abbronzatura olivastra, gli piaceva tenere i capelli corti e non mancava mai di complimentarsi con il mio aspetto. C'era anche Nikita che era uno degli stranieri di tutti loro, ma un vero sport, era come un ragazzo migliore amico per me e potevo sempre parlargli di qualsiasi cosa. Gli piaceva tenere i capelli in un ciuffo e lo stile di quel look da gangster kpop che amava, era un adolescente totale fuori di tutti. L'ultimo era Greg, Greg era il ragazzo normale di tutti loro. Va al college e sfoggia il suo petto piatto e il fisico da assassino solo che in qualche modo sembra non poter mai stare con una ragazza, quindi va spesso nei club.
Scivolando nella cabina, mi sono seduto accanto a Nick che era seduto accanto a Nikita, lasciando greg alla fine e facendo venire il mio ragazzo dall'altra parte di me, cosa che lo ha lasciato anche alla fine. Quindi eravamo in un club, seduti a uno stand con gli amici di Babes. Grattalo, i suoi amici caldi di cui sa che ho fantasticato.
"Così finalmente ce l'hai fatta, Dan." esclamò Nick con un ampio sorriso stampato in faccia.
"Sì, l'ho fatto, non vedevo l'ora di provare questa notte." Il mio ragazzo sorrise guardando i ragazzi e tutti gli sorrisero.
"Quindi hai portato qui delle caramelle, eh?" disse Greg mentre mi guardava da capo a piedi, posando gli occhi sulle mie tette.
"Sì, non potevo non portarla per divertimento." Daniel rise abbassando di soppiatto una mano per incontrare le mie cosce.
"Mhmm." mormorò Nikita guardandomi come se sapesse qualcosa che io non sapevo, potevo vedere uno sguardo lussurioso nei suoi occhi.
"Allora iniziamo questa serata e ordiniamo qualcosa da bere." ha gridato Greg mentre ci segnalava un server.
Camminando, la signora indossava una gonna corta nera che le copriva a malapena il culo e un top bianco aderente che mostrava troppo scollatura per i miei gusti. I ragazzi stavano iniziando a adularla come bambini, cercando di attirare la sua attenzione con gli ordini. Ovviamente le piaceva l'attenzione mentre esponeva un po' di più le sue tette ai ragazzi che la vedevano.
Se ne andò, mi lasciò una puzza di gelosia che non sapevo nemmeno stesse ribollendo dentro finché Daniel non si strofinò le mani sulle mie mutandine e iniziò a massaggiarmi la figa attraverso le mutandine.
"Accettati tesoro, non voglio che la bestia si scateni." Mi sussurrò all'orecchio mentre guardava i ragazzi.
"Aveva un bel paio di battenti, ey ragazzi?" Nick annunciò mentre gli altri annuivano con la testa in accordo.
"Sì, voglio solo infilare il mio cazzo in mezzo a loro." disse Nikita tenendo il tavolo e facendo cenno di spingere.
Parlando del diavolo, il server è tornato con i nostri drink e Greg ovviamente l'ha fatta stare con noi. Doveva sedersi sulle sue ginocchia mentre lui si sentiva sulle sue tette, la sua risata acuta stava diventando fastidiosa nella mia mente, ma ai ragazzi non sembrava importare nemmeno Daniel si divertiva.
Ha infilato la mano nelle mie mutandine e ha iniziato a strofinarmi il clitoride, sapendo come eccitarmi. Nick distolse gli occhi da Greg mentre accarezzava la ragazza e notò me e Dan e iniziò a baciarmi sul collo strofinandosi tra i pantaloni. Dan e Nick mi hanno entrambi succhiato forte il collo, una delle mie mani era sui pantaloni di Dans e l'altra su Nicks. Dan ha immerso le sue dita in profondità nella mia figa una volta che mi ha strappato le mutandine, facendomi allargare le gambe. Nick si è fatto strada fino alle mie tette e le ha lasciate libere, non indossando un reggiseno avevo le tette scoperte per i ragazzi ed entrambi stavano succhiando e attaccando ciascuno. Dio è stato bello avere due ragazzi che mi hanno contattato in quel modo, è stato fantastico con Dan ma avere più di una persona che ti ha fatto più cose contemporaneamente è stato semplicemente incredibile. Greg sembrava aver fatto il pieno ai server mentre stava violando le sue tette mentre Nikita ci guardava e iniziava a masturbarsi. L'eccitazione stava salendo attraverso il mio corpo per questa esperienza pubblica e nessuna persona sembrava averci fermato.
"Mmm caramella, le tue tette hanno un sapore buono come si sentono, perché non hai condiviso te stesso con noi prima." Nick gemette mentre succhiava forte la mia tetta.
"Vi stavo solo prendendo in giro ragazzi fino a stasera." Daniel ridacchiò mentre mordeva il mio altro capezzolo. Lasciandomi andare, entrambi mi spinsero con forza sul tavolo e mi strapparono il vestito, stendendomi nudo ed esposto agli occhi di tutti.
"Fai vedere a tutti che puttana totale sei." Daniel sorrise compiaciuto mentre apriva le mie gambe e tuffava la testa nella mia figa, leccando e succhiando ogni centimetro della mia femminilità. Nick mi ha afferrato la mano e l'ha portata al suo cazzo esposto che ho dovuto masturbare per lui mentre Nikita si è alzato in piedi e si è inginocchiato tra le mie tette e ha iniziato a scoparmi. Ero in estasi mentre ogni ragazzo usava il mio corpo per il proprio piacere, aspettando e volendo esplorarmi a lungo. Ho guardato oltre per vedere Greg farsi un pompino, la donna sembrava sbattere la testa esattamente come una professionista, avvicinandosi e prendendo tutti i nove pollici di Greg. Stavo lavorando sul cazzo di Nick, strofinandolo tutto intorno assicurandomi di massaggiare la punta e tornando giù con lunghi colpi duri. Le mie tette tremavano mentre Nikita le scopava forte e proprio mentre pensavo che avesse finito, si avvicinò alla mia bocca ed esplose il suo seme tutto nella mia gola costringendomi a ingoiarlo forte. Scendendo, ha succhiato e massaggiato le mie tette mentre Nick si è avvicinato e ha posizionato la mia bocca sul suo cazzo e l'ha costretto a entrare. Ho iniziato a succhiare forte, assicurandomi di attirare molta attenzione sulla punta che lo succhiava come se fosse un lecca-lecca poi abbassando tutto e facendogli un deepthroat. Durante tutto questo mi stavo avvicinando al climax quando la faccia di Dans mi ha mangiato, il suo naso si stava strofinando sul mio clitoride e stavo per venire quando all'improvviso si è fermato e si è slacciato i pantaloni rivelando il suo lungo cazzo duro. Posizionandosi, si è pesantemente spinto dentro di me. Scopandomi forte, si è aggrappato al mio culo e ha scosso il tavolo mentre scopava a colpi corti e profondi. Questo movimento mi ha reso più facile fare un pompino fantastico a Nick mentre le sue mani mi afferravano la testa e me la infilavano in bocca. Senza un attimo prima sia Nick che Dan mi stavano venendo addosso. Distogliendo lo sguardo dai due ragazzi stanchi, mi sono ritrovato a fissare Greg che scopava il server da dietro a pecorina mentre Nikita era di fronte a lei lasciando che gli facesse un pompino.
Scendendo da me, Dan mi ha tirato a sé una volta che si è pulito di dosso e gli ha dato le mie mutandine e il mio vestito. Nick si tirò su i pantaloni e se ne andò al bar per socializzare con alcune ragazze che aveva visto. Una volta che mi sono vestito, Daniel ha salutato i ragazzi e mi ha scortato fuori dal club dove siamo tornati alla sua macchina e abbiamo iniziato a pomiciare con passione.
"Com'è andata per una notte, piccola?" Sorrise guardandomi dritto negli occhi.
"È stato stupefacente." dissi tirandolo dentro per un abbraccio.
"Bene, ma a nessuno di loro è stato permesso di fotterti nella tua fica stretta perché sei mia. Quindi la prossima volta che vuoi scopare così, pianificalo." Disse mentre mi trascinava dentro per un lungo bacio prima di riportarci al mio appartamento.

Storie simili

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.5K I più visti

Likes 0

Il programma di formazione porta al sesso incredibile Parte 1

Hari è entrato nell'aula di formazione. Il programma di formazione era fuori stazione in un hotel e durava 2 settimane. Si chiese come avrebbe ammazzato il tempo durante la sera e nei fine settimana. Ha esaminato la classe e ha visto un mix di uomini e donne giovani e di mezza età. Ha intervistato le donne e su 15 donne ha trovato 5 donne belle e interessanti. Le 5 donne avevano un'età compresa tra i 25 ei 40 anni. Si chiese se sarebbe stato in grado di fare qualcosa o solo di pensarci e di masturbarsi. Si chiedeva pigramente quale fosse...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.6K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.4K I più visti

Likes 0

Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone. Mi ha chiesto un documento d'identità! disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa...

1.6K I più visti

Likes 0

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.4K I più visti

Likes 0

Il piano Denny e Devon

Strano come non sai mai veramente cosa ti aspetta la notte. Faccio la stessa cosa ogni fine settimana, io e Dennis passiamo la serata fuori ogni fine settimana, di solito andiamo nello stesso club, Level Down. Dennis ci provava con alcuni baristi, a volte mi univo a lui, li portavamo fuori, li sbattevamo e non li vedevamo mai più. Questo è il piano, il piano Denny e Devon. Siamo andati come al solito al Level Down, indossando le nostre giacche di pelle nera abbinate, i capelli in testa e la nostra solita spavalderia punk rock. Siamo entrati al Level Down, Denny...

587 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.7K I più visti

Likes 0

LEZIONI DI DOMINANZA: PARTE SECONDA

PROLOGO dalla prima parte: Naomi Dayne esce con Peter da sei o sette appuntamenti ormai, e sua madre, Miranda ha sentito che sua figlia si sta innamorando del giovane, e poiché è una dominante gelida, vuole sua figlia per continuare con la tradizione di famiglia della dominazione femminile dei maschi!!! Dopo aver sottoposto Peter a una serie di prove, Miranda alla fine gli schiaccia le palle tra le mani, rompendo efficacemente lo spirito di Peter lasciandogli un naufragio emotivo!!! Miranda quindi mette alla prova la capacità di Peter di soddisfarla oralmente e, con grande sollievo di Naomi, Peter porta sua madre...

2.2K I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.