Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

1.8KReport
Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

A cura del tecnico

BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi deserte. Potrebbe avere più senso se hai letto "Tre J e un S Go Skiing, Day1 & Day 2" e sicuramente ha più senso se hai letto "Tre J e un S Go Skiing, Day 3, Part 1".

Per la maggior parte, le storie di questa serie sono piuttosto miti.

Se stai cercando cose pesanti, prova una delle mie altre serie di storie.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in uno stato, provincia, nazione o territorio tribale che vieta la lettura degli atti descritti in queste storie, ti preghiamo di interrompere immediatamente la lettura e spostarti in un luogo che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso sono inclusi nell'articolo. Questa storia è protetta da copyright (c) 2013 di The Technician [email protected].

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. È espressamente vietata la produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
* * * * * * * * * * * *

I sei si sedettero attorno al tavolo come se fossero tre coppie: Kevin e Julie, Ron e Judy, e Joan e Sara. Dopo che ebbero finito di cenare, Sara chiese: "Qualcuno gradisce un dessert?"

Julie disse a Kevin: "Penso che dovremmo aspettare più tardi per un po' di deserto".

Judy ha colpito Ron e ha detto: "Sì, ti darò anche il tuo dessert più tardi".

Ron rise, Kevin arrossì leggermente e Julie divenne rosso vivo. «Non è quello che intendevo», balbettò. Pensavo solo che potremmo passare un po' di tempo sulla terrazza riscaldata per un po' prima di mangiare... No, voglio dire, sono pieno per ora, ma avrei spazio per qualcosa dopo... Voglio dire... "

Judy alzò gli occhi al cielo. Joan disse con una risata: "Julie, quando arrivi in ​​fondo alla buca, smetti di scavare".

"Allora credo che siamo pronti per uscire sul ponte per un po'", intervenne Sara. "Ragazzi, uscite e io pulisco la cucina. Riporto le bottiglie vuote nella cassa e vi raggiungo tra un po'."

Ron e Kevin andarono nelle camere da letto per cambiarsi le vesti. Joan uscì sul ponte, si tolse l'accappatoio e scese nella vasca idromassaggio. Judy lasciò cadere la vestaglia su una delle sedie e si unì a lei. Julie, tuttavia, si strinse l'accappatoio, si sedette su una delle sedie e disse: "Aspetterò Kevin qui".

"Julie sta diventando timida?" ha chiesto Judy?

Joan si avvicinò a lei e rispose con calma: "Forse è seriamente attratta da Kevin e non vuole rovinare tutto e rovinare la relazione".

"Sono seriamente attratta da Ron", ha risposto Judy, "Ma penso che se lo faccio saltare, rafforzerà la relazione".

"Voi due!" sbottò Julie. "Solo perché non mi butto prima addosso a una fica di un uomo, non significa che sia timido o represso sessualmente."

"Non l'ho mai provato", sbuffò Judy, "dovrò sicuramente provarlo un giorno."

Julie era accigliata con le braccia incrociate, e Joan e Judy stavano ridendo pesantemente mentre Ron e Kevin uscivano sul ponte. "Ho dimenticato qualcosa?" chiese Ron.

"No", balbettò Judy tra le risate, "non l'ho ancora provato."

Julie gemette forte. Sia Judy che Joan ricaddero in una risata.

Ron guardò Kevin e alzò le spalle. Sara, avvicinandosi dietro di loro, disse: "Fai finta di essere sulle montagne russe".

"Che cosa?" disse Kevin.

"Cercare di stare al passo con The Three J's è come andare su una grande montagna russa. Può diventare veloce e a volte può fare paura, ma finché non va troppo fuori pista, la cosa migliore è semplicemente rilassarsi e godetevi il viaggio."

In risposta, Judy e Joan hanno entrambe alzato le mani sopra la testa come se fossero in cima a una collina di montagne russe e poi entrambe hanno urlato forte e, imitando il rimbalzo delle montagne russe, si sono immerse nell'acqua mentre scendevano "in discesa ."

"Non vado molto bene sulle montagne russe", borbottò Kevin.

"Allora siediti a questo giro," rispose Julie da dietro di lui. "Io stesso sono più una persona da giostra."

Mentre Kevin si girava per sedersi con Julie, Joan e Judy rimbalzavano lentamente su e giù nell'acqua imitando i cavalli da giostra. Julie mostrò loro la lingua.

"Vengo dall'Ohio", disse Ron, "e ho guidato The Maverick a Cedar Point e il Son of the Beast a King's Island... non ho mai vomitato... non mi sono mai fatto la pipì... e io continuava a rimettersi in fila per guidare di nuovo. Non puoi spaventarmi".

Detto ciò, posò la vestaglia su una delle sedie e scivolò in acqua con Joan e Judy.

"Vieni con te tra un minuto", disse Sara mentre scendeva i gradini portando una bottiglia vuota. Le Tre J non le prestarono attenzione, ma Ron e Kevin la guardarono entrambi camminare a piedi nudi e nudi attraverso la neve per mettere il vuoto nella custodia e poi tornare sul ponte. Entrò e tornò poco dopo con un altro vuoto per un secondo viaggio nella neve. Seguì un terzo e un quarto viaggio con una bottiglia vuota.

Dopo essere tornata sul ponte dal suo quarto viaggio, Sara ha chiesto: "Qualcuno vorrebbe dell'altro vino?"

Un coro di "Sì" la salutò.

"Torna subito", cinguettò e tornò per la quinta volta nella neve. Quando è arrivata alle scatole sepolte, ha scavato con le mani fino a quando non ha rilasciato la scatola superiore. Dopo averlo appoggiato sulla neve, si chinò e aprì il case inferiore. In pochi minuti stava di nuovo salendo i gradini del ponte, questa volta portando una bottiglia piena di vino che le era stata premuta contro uno dei capezzoli.

Ron la guardò entrare in casa con la bottiglia e le chiese: "Come fa a non essere in un costante stato di ipotermia?"

"Ha un intenso fuoco interiore", rispose Joan.

"E Joan è il suo pompiere preferito", ridacchiò Judy.

Ron scosse la testa e disse: "Questo è sicuramente un giro sulle montagne russe interessante".

"Penso che daremo un'occhiata al Carousel", disse Julie alzandosi dalla sedia. Sara stava appena uscendo sul ponte con un vassoio di vino. Julie prese due bicchieri pieni dal vassoio, ne porse uno a Kevin e chiese: "Vieni?"

Judy ha iniziato a dire qualcosa, ma l'intenso sguardo di Julie l'ha zittita, quindi lei e Joan sono tornate a imitare i cavalli durante una giostra.

Sara porse dei bicchieri di vino a Judy, Joan e Ron e posò il bicchiere sul bordo della vasca idromassaggio. Poi posò il vassoio su uno dei tavoli bassi e vi sistemò con cura il colletto al centro. Alla fine, scese nella vasca idromassaggio e si sedette accanto a Joan. Mentre lo faceva, Judy si avvicinò a Ron e appoggiò la testa contro la sua spalla.

I quattro hanno parlato degli eventi della giornata mentre bevevano il loro vino. Mentre i bicchieri si stavano svuotando, Ron fece a Sara un paio di domande sulla sua "cosa della neve", ma lei sembrava un po' distratta nelle sue risposte. La distrazione probabilmente aveva qualcosa a che fare con il fatto che una delle mani di Joan stava strofinando su e giù per l'interno delle sue cosce, con le sue dita che sfioravano l'ingresso della sua fessura ogni volta che la mano passava sopra la parte superiore. La mano di Judy andò sott'acqua e presto anche Ron stava mostrando una grande distrazione.

Quando Sara iniziò a gemere sommessamente, Joan disse: "Penso che sia ora che io e Sara scendiamo al piano di sotto e diamo a voi due un po' di privacy. Avete tutto il terrazzo e il cortile per voi".

Sara fece uno dei suoi sorrisi sbilenco e disse: "Potresti provare un coolie per vedere se ti piace".

Joan ha aggiunto: "O forse anche una bomba".

"Cos'è un figo?" chiese Giuda.

"Una sveltina in un banco di neve", rispose Sara con una profonda risatina.

"Allora cos'è una bomba?" chiese Ron

Joan guardò l'acqua e poi Judy che si era girata e si era messa a cavalcioni sulle gambe di Ron e stava scivolando su di lui in grembo. "Oh," disse.

Sara indicò la fine del mazzo. "Qualcuno deve uscire dall'acqua ogni mezz'ora per premere il pulsante bianco, altrimenti le bolle si fermano e l'acqua diventa più fresca".

"Non preoccuparti", rispose Judy. "Manterremo l'acqua calda e agitata."

"Ci vediamo domattina", rispose Joan mentre prendeva la vestaglia ed entrava. Sara si raccolse il bavero e seguì Joan giù nel seminterrato.

Quando sono scesi al piano di sotto, Joan ha chiesto: "Vuoi andare con camere da letto separate o vuoi condividerne una?"

Joan indicò avanti e indietro tra le porte della camera da letto. Sara ha ottenuto quell'espressione da cucciolo sulla sua faccia e ha risposto: "In quale camera da letto si trova il cassetto dei giocattoli di Jurgensen?"

"Quello a destra", rispose Joan. "Lascia che ti mostri dove tengono la chiave."

Con Sara che la seguiva, aprì la porta dell'area sotto il ponte e scese sul pavimento di cemento. Poi si voltò e indicò l'area del muro sopra la porta. C'erano sei ganci chiave ciascuno etichettato con un numero. "Il cassetto dello Jurgensen è il cassetto numero quattro."

"Il cassetto di Mandy e Sandy," disse Joan, indicando l'unico gancio vuoto, "è il cassetto numero tre, solo che in realtà non è più un cassetto. È più un piccolo armadio. Mi sono sempre chiesto cosa tenevano lì dentro, ma nessuno è riuscito a trovare la chiave, quindi devono portarla con sé".

"Penso di poter sapere dov'è quella chiave", disse Sara, spalancando gli occhi all'improvviso riconoscimento di qualcosa. "Quando stavamo tirando tutta quella neve qui dentro l'altra sera, abbiamo spostato un paio di cose via, inclusa quella strana panca... o tavolo... o qualunque cosa fosse. L'ho appoggiato su un'estremità per spingere dietro la vasca idromassaggio e quando l'ho spinto, un piccolo scivolo si è aperto sul lato inferiore. C'era una chiave lì dentro."

Joan si avvicinò alla panchina e la mise a posto. "Spingi proprio lì", disse Sara, indicando uno strano nodo nel legno.

Joan spinse e una piccola cavità si aprì. Dentro c'era una chiave molto simile alle chiavi appese sopra la porta. "Lasciamo quell'esplorazione per un altro giorno", ha detto Joan. "Penso che il contenuto del cassetto dei giocattoli di Jurgensen ci terrà più che occupati stasera."

Entrambe le ragazze tornarono dentro e andarono in camera da letto. "Vediamo cosa abbiamo qui", disse Joan mentre apriva il cassetto e lo apriva. Il cassetto conteneva un'impressionante varietà di catene, manette, fruste, dildo e altri giocattoli che Joan iniziò a stendere sul letto.

"Cos'è quello?" chiese Sara, mentre Joan posizionava un oggetto a forma di siluro con dei fili che ne uscivano sul letto.

"È un dildo, sciocco", ha risposto Joan. "O un plug anale. È sagomato in modo da poter essere utilizzato per entrambi. Pensavo che tu avessi familiarità con queste cose."

"Non quel plug-in", rispose Sara. "E a cosa servono le strisce di metallo ai lati."

"Solo un minuto", disse Joan mentre frugava nel cassetto. Pochi istanti dopo posò sul letto una piccola scatola nera e molti altri dispositivi con dei fili che ne uscivano. La scatola aveva quattro manopole sulla parte anteriore e due sulla parte superiore. C'erano anche due aperture nella parte superiore che sembravano piccoli jack per le cuffie. "Questo si collega qui", ha detto mentre collegava i fili dal dildo alla scatola di controllo.

Tenendo in mano tre piccole fasce circolari di un pollice o giù di lì, le mise da parte e disse: "Non avremo bisogno di queste".

Quando Sara ha chiesto "Perché?" tenne le fasce per i fili e rispose: "Quale parte del tuo corpo passerebbe attraverso queste ciambelle?" Poi, sollevando una piccola tazza ricurva da cui spuntava un lungo tubo di metallo, aggiunse: "E per quale parte del corpo di un uomo sarebbe questo?"

"Oh," ridacchiò Sara. Raccolse una serie di morsetti con fili che uscivano da loro e disse. "Ho un'idea abbastanza precisa a quale parte del corpo sono destinati, almeno su una donna."

"E questi sono per ovunque", ha detto Joan mentre sollevava diversi set di elettrodi adesivi. Alzando la scatola, ha aggiunto: "Sembra che tu possa usarne due qualsiasi alla volta".

"Quattro," ribatté Sara, alzando una seconda scatola di controllo leggermente diversa.

"Vediamo", rifletté Joan. "Abbiamo diversi tipi di pagaie, due fustigatori, una frusta, un paio di bende diverse, un bavaglio ad anello, due bavagli a sfera, una corda morbida e nera, polsini in pelle e .... otto lunghezze di catena con clip su entrambe le estremità." Si guardò intorno alle pareti e al soffitto e disse: "No". Sotto il letto, un altro "No".

Joan uscì nella stanza più grande e guardò il pavimento, le pareti e il soffitto. "Aha" gridò alla fine. "Sara, portami quelle catene, per favore."

Sara le portò le catene e Joan avvicinò una sedia sotto una delle travi che attraversavano il soffitto della grande stanza. C'erano cinque grandi travi distanziate di circa tre piedi l'una dall'altra con travi ugualmente grandi che le sostenevano sia sulle pareti interne che su quelle esterne. "Queste cabine erano state originariamente progettate con queste travi che reggevano il ponte in modo che l'area sottostante fosse completamente libera senza pali. Dovevano esserci porte finestre che uscivano nel cortile sul retro sotto il ponte. Ci è voluto solo un inverno per loro per capire che le porte del patio a livello del suolo non erano una buona idea in un'area che riceveva regolarmente da otto a dodici piedi di neve. Hanno cambiato i loro piani prima di costruire questa cabina, ma hanno comunque utilizzato un ponte a sbalzo. Dopo l'originale l'armatore ha installato una vasca idromassaggio, ha comunque chiuso il ponte e ha messo sotto altri pali di sostegno, ma le travi sono ancora qui. E sembra che i Jurgensens - o Sandy e Mandy - ne abbiano approfittato".

Joan prese una delle catene più corte da Sara e l'agganciò a un grosso golfare nero che era avvitato alla trave sopraelevata. Presto quattro catene pendevano dalle travi. Joan ha quindi attaccato le catene più lunghe ai golfari che sono stati avvitati nelle travi di supporto proprio a livello del pavimento. "Dato che il signor e la signora Jurgensen non potevano essere incatenati entrambi allo stesso tempo, il secondo set di golfari deve essere un'aggiunta di Sandy e Mandy. A pensarci bene, la mamma ha detto qualcosa una volta sulle sue sorelle e sui Jurgensen che hanno condiviso le settimane insieme quassù. Chissà se Sandy e Mandy sono stati incatenati qui o i Jurgensens?"

"Stanotte sarò io," sussurrò Sara mentre si fermò sotto la trave, alzò le braccia e poi allargò le gambe quanto più sarebbero andate.

"Vai a prendere le manette," ordinò Joan, "e ti legherò."

Sara tornò di corsa in camera da letto e tornò con due polsini di pelle piccoli e due grandi. I polsini erano imbottiti all'interno con quella che sembrava vera lana di pecora. "Questi non sono lavabili in lavastoviglie", ha detto Joan, "mentre ha avvolto i polsini attorno ai polsi e alle caviglie di Sara. Le cinghie in velcro larghe due pollici tenevano i polsini saldamente in posizione.

"Prima le armi", dissero Joan e Sara alzarono le braccia sopra la sua testa. Joan ha agganciato le catene agli anelli a D sui polsini. "Ora le gambe" e Sara allargò le gambe.

"Hmmm," mormorò Joan. "Troppo lungo... a meno che... ah, sì. Queste sono clip a doppia estremità. Ho le catene all'indietro. Dovrei avere la clip regolabile al muro." Quindi ha invertito le catene del pavimento e le ha agganciate di nuovo alle caviglie di Sara. "Fammi vedere quanto possiamo stringerli", si chiese mentre tirava la catena e spostava la clip a doppia estremità in più maglie. Dopo averlo fatto su entrambe le catene, Sara ha detto: "Penso che sia abbastanza stretto. Lo sento tirare le mie gambe più larghe di quanto voglio".

"Il che significa che non puoi assolutamente chiudere le gambe e io posso fare quello che voglio tra le tue gambe e tu non puoi fermarmi." Joan si allungò e accarezzò Sara tra le gambe. Sara sospirò e chiuse gli occhi. I suoi capezzoli si scurirono e il suo sesso iniziò a brillare.

"Allora, cosa dovrei usare su di te?"

"Ho scelta?" chiese Sara.

"Non proprio", rispose Joan, "ma sono aperto ai suggerimenti."

"Non ho mai provato l'elettro-sesso", ha detto Sara. "Ho letto un po' a riguardo, ma non l'ho mai provato."

"Elettrosesso lo è, allora." Joan tornò in camera da letto e tornò con le due scatole di controllo e una manciata di accessori. Ciascuna delle scatole aveva una cintura di tessuto su di essa. Joan avvolse una delle cinture intorno alla vita di Sara in modo che la scatola di controllo fosse al centro della sua schiena.

Tenendo in mano una serie di contatti a morsetto di plastica nera, ha detto: "Penso che tu sappia dove vanno a finire", e poi ne ha agganciato uno a ciascuno dei capezzoli rigidi di Sara. Poi ha portato i cavi sopra la spalla di Sara e li ha inseriti nella scatola.

«Ecco il nostro siluro per tutti gli usi» disse Joan con un sorriso malizioso. "Prima dobbiamo lubrificarlo."

Gli occhi di Sara si spalancarono. "Sì, sta tornando là", sussurrò Joan all'orecchio di Sara. "Ma anche se andasse in avanti, lo lubrificherei comunque. Il lubrificante aiuta a condurre l'elettricità e vogliamo un buon contatto elettrico".

Sara grugnì leggermente mentre Joan faceva muovere il siluro dentro di lei e poi tirava il cavo in avanti tra le sue gambe e sopra la sua spalla per collegarlo alla scatola di controllo.

"Testiamo quello che abbiamo finora", ha detto Joan, e ha girato uno dei quadranti sulla scatola. Non è successo niente. "Merda," mormorò Joan mentre apriva il vano batteria. "Oh bene," disse a Sara, "ci sono sempre un mucchio di batterie da nove volt nel cassetto in cucina." Mentre saliva le scale, aggiunse tra sé e sé: "E se non ci sono, li tolgo dagli allarmi antincendio".

Pochi istanti dopo Joan tornò portando quattro batterie. "Uno per ogni scatola e uno di scorta per dopo", spiegò a Sara. Sara sentiva Joan che spostava la centralina e inserisce la batteria. Poi i suoi capezzoli iniziarono a formicolare.

"Questa è l'impostazione più bassa", ha detto Joan.

Il formicolio divenne una puntura. "Questo è circa un terzo."

La puntura iniziò a cambiare frequenza e svanire in entrata e in uscita con un ciclo regolare. "Ci sono tutti i tipi di controlli con cui potrei giocare qui, ma penso che manterrò la stessa frequenza e la farò sfumare in entrata e in uscita". Sara iniziò a gemere piano.

"E questo è il plug anale", ha detto Joan. "Quello che sentirai sono principalmente i tuoi muscoli che si contraggono sull'elettrodo. Posso farlo scorrere abbastanza in alto senza che sia doloroso."

All'improvviso Sara si sentì come se il plug anale la stesse scopando. Non si stava muovendo, ma le sensazioni mentre il suo sfintere anale si stringeva e si rilasciava era quasi come se si stesse muovendo dentro e fuori.

"Questo è sicuramente un dispositivo per sole donne", ha detto Joan mentre sollevava il pezzo di plastica ricurva trasparente con due strisce di metallo su di esso e un lungo tubo di metallo che sporgeva da esso. Lo ha lubrificato, incluso spalmare un po' di lubrificante sulle strisce di metallo, e lo ha premuto su Sara finché non è stato stretto contro le labbra della sua figa. Lo legò saldamente in posizione come uno slip di un bikini perizoma. Le due strisce di metallo si curvavano insieme nella parte superiore e mancavano appena di essere direttamente sopra il clitoride di Sara.

Joan ha collegato i cavi all'altra unità di decine e l'ha impostata su tre. Sara iniziò a contorcersi e a contorcersi nei suoi legami, e presto grugnì e gemette sonoramente. "Dimmi se questo diventa troppo intenso", ha detto Joan. Ricorda che la tua parola d'ordine è l'estate.'"

"No," grugnì Sara. "Non voglio una parola sicura stasera. Imbavagliami o qualcosa del genere, quindi non posso dirlo. Voglio riporre la mia totale fiducia in te e lasciare che mi porti oltre i miei limiti. So che non mi ferirai permanentemente . Voglio sapere fino a che punto posso arrivare."

"Sei sicuro?" chiese Giovanna.

"Sì", rispose Sara. "Sì! Fallo! Imbavagliami e portami fin dove vuoi. Mi do totalmente a te."

"OK. Se è quello che vuoi davvero." Joan improvvisamente si rese conto che il pensiero che Sara fosse totalmente sotto il suo controllo in quel modo le stava facendo stringere i capezzoli e inumidire la fessura. Fece un respiro profondo e tornò in camera da letto.

Joan è tornata con una bavaglio rossa. "Apri," disse e lo inserì nella bocca di Sara, assicurandosi che il foro d'aria di sicurezza non fosse ostruito.

"Chiudi gli occhi," disse e fece scivolare una benda nera sugli occhi di Sara. Sara iniziò a ondeggiare ea gemere quasi immediatamente.

Quello che Sara non poteva vedere adesso era che Joan si era infilata addosso una coppetta di stimolazione vaginale identica e la stava attaccando alla stessa unità di dieci che ora si era allacciata alla vita.

"Alziamo un po' le cose, vero?" disse mentre raggiungeva la scatola di controllo alla vita di Sara. Joan ha alzato al massimo il plug anale. Sara fece diversi respiri molto profondi mentre si abituava alle intense sensazioni del suo sfintere anale. Joan ha quindi alzato le pinze dei capezzoli di un paio di clic.

"Ugh, Ugh, Ugh", ha risposto Sara mentre l'unità delle decine aumentava e diminuiva durante il suo ciclo. Gli "ugh" sono cambiati in "aaaah" continui quando Joan ha alzato ulteriormente il controllo e in "eeee's" quando il controllo ha raggiunto il massimo. I fianchi di Sara iniziarono a spingersi ea macinarsi mentre il suo fuoco interiore raggiungeva rapidamente il dolore esterno.

Joan ha alzato di diverse tacche la piastra per lo stimolo della fica. La spinta e la macinazione di Sara divennero più frenetiche e il sudore iniziò a colare dal suo corpo. La sua testa era gettata all'indietro e la stava sbattendo da una parte all'altra.

Joan raccolse una lunga pagaia di legno rivestita di pelle e incontrò i movimenti di Sara con un solido colpo sul culo mentre spingeva i fianchi all'indietro. Gli "eeee's" di Sara sono diventati "iiiiii's". Per dare a Joan un migliore accesso, si è alzata in punta di piedi e ha iniziato a sollevare il culo mentre si spingeva indietro prima di spingersi in avanti.

Presto fu un balletto di dolore mentre gli elettrostim pulsavano e Joan oscillava e Sara spingeva e insieme iniziarono a scalare quella montagna esplosiva verso un orgasmo estremo.

Improvvisamente Sara si irrigidì completamente e urlò forte dietro il bavaglio, le braccia che tremavano selvaggiamente nelle loro catene. Joan lasciò cadere la pagaia, raggiunse l'unità delle decine sulla cintura e girò entrambi i comandi al massimo. Allo stesso tempo afferrò Sara di fronte e spinse il suo corpo contro di lei. Era due o tre pollici più alta di Sara quando erano entrambi in piedi eretti, e con le gambe di Sara divaricate come loro, ha dovuto piegare leggermente le ginocchia tra le gambe di Sara in modo che la sua piastra della figa sbattesse contro quella di Sara e i suoi seni e capezzoli premuti esattamente contro quello della ragazza più bassa.

Joan sussultò quando sentì il pulsare delle mollette per capezzoli di Sara che ora erano in contatto con i suoi stessi capezzoli. Si alzò e strappò la benda e il bavaglio di Sara e le schiacciò la bocca con la propria. Senza bavaglio Sara era molto rumorosa e Joan non era molto più tranquilla mentre si schiantavano attraverso un primo, secondo, terzo e infine un quarto orgasmo, ciascuno più intenso del precedente.

Quando il quarto orgasmo iniziò finalmente a svanire, le pulsazioni iniziarono a diventare dolorose e Joan allungò una mano verso l'unità di dieci sulla sua cintura e aprì il vano batteria. La batteria è caduta a terra e gli impulsi si sono fermati. Allungò una mano dietro Sara e fece lo stesso con la sua unità di controllo.

Joan rimase aggrappata a Sara. Entrambi tremavano per l'energia residua di ciò che era appena accaduto. Dopo alcuni istanti, Joan si allungò e lasciò le mani di Sara. Sara crollò contro di lei e Joan la fece cadere a terra. Dopo aver rilasciato i piedi di Sara, l'ha aiutata a rialzarsi.

"Vuoi del vino?" chiese Giovanna.

Sara scosse la testa no.

"Hai bisogno di uscire sulla neve?"

Sara rise e disse: "Lo scioglierei". Poi si voltò e guardò direttamente negli occhi di Joan per dire: "Portami solo a letto e abbracciami. Penso che i nostri fuochi si siano uniti stanotte".

Giovanna non disse nulla. Teneva solo Sara per la vita per tenerla ferma e la guidò di nuovo in camera da letto.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
FINE DEL TERZO GIORNO, Parte 2

La saga de "Le tre J e una S" continuerà.
Saranno in cabina ancora per molti giorni,
e hanno un altro anno e mezzo di college.
Molte cose possono succedere in 10 giorni e anche di più in 18 mesi.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

2K I più visti

Likes 0

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.