Una calda primavera parte 1

34Report
Una calda primavera parte 1

Questa è un'altra storia su Tate e le sue piccole avventure, dopo un anno, Kain si è trasferito, il che ha lasciato Tate davvero giù.

In primavera, di solito, in questo periodo dell'anno, uscivo con Kain e parlavo tutta la notte di cose a caso, il che era bello... fino ad ora... il giorno in cui si è trasferito, quindi stavo solo facendo i compiti come se fosse un giovedì come un altro, finché mio padre non è entrato in camera con il telefono.

"È per te" disse sorridendo mentre lo afferravo come se fossi un uomo morto.

"Pronto?" dissi con un tono basso e un po' triste.

"Wow... alleggerisciti! Come stai!" disse Kain dall'altra parte, che mi fece sussultare di gioia dentro e mi fece lacrimare un po' gli occhi, era il mio fratello maggiore!

"Kain!?Sei tu!?" chiesi felice.

"Certo che sono io... chi altro potrebbe essere?" Chiese.

"Come stai!?" Ho chiesto, anzi, ho fatto molte più domande.

"Hey Hey...rallenta, ho delle novità." Disse con calma.

"Uh...scusa..." dissi arrossendo un po', poi guardai papà che stava ancora guardando aspettando qualcosa.

"Allora...ho il fine settimana libero, se vuoi, domani passo a prenderti a scuola e tu passi il fine settimana con me." Egli ha detto.

"Certo che voglio!" Ho detto.

"SE anche mamma e papà sono d'accordo.."

"Chiederò, aspetta." Ho semplicemente voltato la faccia e ho visto mamma e papà che mi stavano già guardando, era inquietante.
"Allora..Kain si offre di venirmi a prendere a scuola domani...e poi passare il fine settimana con lui." Ho detto.

"Per me va bene... Amy?" disse papà con un sorriso.

"Mi piace l'idea" ha detto la mamma con un sorriso. Ho appena parlato di nuovo al telefono.

"È un affare! Esco esattamente alle 15:00!" dissi felice.

"Ci sarò...ciao domani." Ha riattaccato, non vedevo l'ora, stavo per passare il fine settimana con Kain.

Venerdì è arrivato e l'orario scolastico era appena finito, quindi sono rimasto fuori sull'erba con alcuni amici, alcuni dubitando fortemente che Kain sarebbe effettivamente venuto, altri dubitando che esistesse. Ho solo detto loro di aspettare, è stato allora che è arrivato il più figo possibile, è venuto direttamente da me sulla sua motocicletta nera con indosso blue jeans, una camicia nera sotto il cappotto nero e gli occhiali da sole. I miei amici sono rimasti a bocca aperta quando sono salito sulla motocicletta, quindi Kain ha appena firmato un saluto con il medio e l'indice agitandoli e mi ha portato nel suo appartamento, abbiamo continuato a parlare nel corridoio e poi ha aperto la porta, ero stupito, I miei occhi brillavano come un bambino che ha un nuovo giocattolo.

"Questo posto è...fantastico!" dissi entrando e togliendomi le scarpe

"Sono contento che ti piaccia" disse con un sorriso sul volto.

L'appartamento di Kain non era così piccolo, ma nemmeno così grande, era diviso in soggiorno, cucina, bagno e 2 stanze, nel soggiorno aveva un divano rosso, una TV enorme, la sua chitarra e sul muro aveva la sua spada, che non ha mai usato dall'ultimo torneo, attraversando il corridoio, la sua stanza era proprio in fondo, ma non sono riuscito a vederla.

"Senti adesso... ogni volta che vuoi o hai bisogno di me... puoi venire qui..." disse dandomi una piccola chiave.

"Davvero?" Ho chiesto.

"Certo... dopotutto... tu sei importante per me... e io devo proteggerti, giusto?" disse lasciando fuori un altro sorriso.

"Figo, grazie!" dissi infilandomi la chiave in tasca
"Adesso vado a farmi una doccia e a cambiarmi d'abito k?" dissi andando in bagno.

"Vuoi compagnia...?" disse con un sorrisetto.

"Ehi... è casa tua..." dissi con un piccolo sorriso.

"Allora lascia il bagno aperto, arrivo subito..." disse dirigendosi verso la sua stanza.

"K!" Dissi correndo in bagno mentre iniziavo a spogliarmi e ad aprire la doccia, il bagno era incredibilmente pulito e mi piaceva. Dopo qualche minuto Kain entrò e mi accompagnò sotto la doccia.

"E' passato un po' di tempo... mi sei mancato..." disse abbracciandomi sotto la doccia mentre i nostri corpi nudi si toccavano.

"Anche tu mi sei mancato..." dissi ricambiando l'abbraccio, si sedette semplicemente sul pavimento mentre l'acqua gli cadeva sulla testa e io mi sedetti sulle sue ginocchia baciandogli le labbra.

"E mi è mancato questo bacio.." Disse sorridendo e baciandomi il petto e mordendomi lentamente e delicatamente i capezzoli, emisi dei lenti gemiti mentre lui continuava a baciarmi raggiungendo il mio ombelico e infine facendo scivolare la lingua sul mio cazzo ormai duro.
"Sei diventato più grande... mi piace..." disse mentre iniziava a succhiarmelo, devo essere diventato più grande di 1-1,5 pollici dall'ultima volta che l'abbiamo fatto, dovrei essere di circa 6 pollici ormai , e mi lamentavo molto mentre l'acqua cadeva sulla testa di Kain. Era così bello, e Kain si stava masturbando mentre mi stava succhiando e stava accelerando, poi si è fermato e mi ha semplicemente masturbato.
"Voglio il tuo dolce latte Tatey... Ha un sapore così buono... dimmi... vuoi il mio?" chiese avvicinandosi al mio orecchio.

"Io faccio." dissi tra i miei gemiti.

"Allora fai come faccio io adesso..." disse mettendoci in posizione 69.
"Sta arrivando, lavora un po' laggiù.." disse prima di continuare a succhiarmi, quindi io feci lo stesso e cominciai a leccargli il grosso cazzo, era fantastico, era dolce, quasi come un grosso lecca-lecca, dopo un senti minuti ho sentito i suoi muscoli irrigidirsi mentre le sue spinte e i suoi gemiti stavano diventando veloci, proprio come lo erano i miei, ci siamo fatti una gola profonda l'uno sull'altro e ho sentito il mio sperma nella sua bocca mentre giocava con il mio cazzo con la lingua mentre sparava il suo destro verso il basso la mia gola quasi mi faceva venire il vomito quando finalmente ci sistemammo.

"È stato...fantastico..." dissi con un respiro affannoso.

"Lo so...adesso facciamo il bagno" disse ridendo, mi unii anch'io alle risate.

Dopo il bagno siamo rimasti in mutande, lui rideva di me perché adesso indosso i boxer blu e abbiamo fatto un po' di lotta, poi ci siamo seduti sul divano a giocare un po' alla Xbox e mi ha chiesto se volevo aiutarlo a preparare la cena, e ho accettato esso. è stato bello aiutarlo, abbiamo solo mangiato e guardato dei film, e prima ancora che potessi accorgermene... ci stavamo pomiciando di nuovo...

"Lo sapevi che sei davvero sexy?" Mi ha sussurrato sul divano mentre giocava con il mio cazzo duro.

"Stavo pensando la stessa cosa di te.." dissi sorridendo strofinando anche lui.

"Mi fai entrare?" chiese.

"Se vuoi... è casa tua... io a casa non ti dispiace aver sborrato sul divano.." dissi ridendo.

"Oh... non ti preoccupare... sono sicuro che troveremo una soluzione... abbiamo ancora il fine settimana intero davanti a noi..." disse sorridendo e assaggiando il mio precum.

"Sì... il fine settimana..." Chiusi gli occhi e lo baciai di nuovo e lui sembrò divertirsi, purtroppo eravamo troppo stanchi... così dopo andammo nella sua stanza e dormimmo fino al mattino dopo , e non sapevo che sarebbe successo qualcosa di interessante quel sabato.


Fine della parte 1, tornerò con la parte 2 più tardi, aspettami!

Storie simili

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.3K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

1.4K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

1K I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

1.1K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

813 I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

673 I più visti

Likes 0

L'inizio e 40 anni di ritardo il cambiamento

Jay e io giochiamo insieme da quando avevamo circa 15 anni. È iniziato una notte quando lui dormiva a casa mia e volevamo guardare la TV dopo che i miei genitori erano andati a letto. Ecco il breve background prima di entrare in quello che è successo lo scorso fine settimana. Quella notte, dopo aver spento la TV, abbiamo aperto il divano letto e ci siamo sdraiati per la notte. Poco dopo che eravamo sotto le coperte, ho sentito la sua mano scivolare sul mio fianco e toccare delicatamente il mio cazzo. A quel punto, come ogni ragazzo di 15 anni...

433 I più visti

Likes 0

Solo una corsa in autobus... Onesto 4

Il mio corpo cominciò a muoversi, pezzo per pezzo, il mio cervello riattaccava a tutti gli interruttori, anche se prima si accendevano le mie orecchie, e questo è quello che ho sentito: “...ok mi dispiace, ma possiamo Non tenerlo in vita per sempre signora, mi dispiace ma se non vediamo alcun recupero nelle prossime 48 ore, dobbiamo spegnerlo e accettare che sia morto. Mi dispiace, davvero lo sono. Ha detto qualcuno alla mia sinistra. In cosa è stato solo per 2 giorni e lo stai già contando fuori!? qualcuno gridò. No signore, suo figlio ha una possibilità di sopravvivere senza di...

290 I più visti

Likes 0

Ambra - Capitoli 7 e 8

Capitolo 7 Rob sbadigliò e si girò verso la vista sempre più familiare delle tette tatuate e dei piercing ai capezzoli della sorella maggiore. Decise di svegliarla facendo scivolare il suo grosso cazzo venoso dentro di lei, mentre le tirava i piercing e - giusto per assicurarsi che fosse sveglia - schiaffeggiandola sul culo. Non appena ha inserito la punta del suo cazzo, tuttavia, lei gemette sonoramente e aprì gli occhi. Oh, Rob, gemette lei, e avvolse le gambe attorno a lui, tirandolo dentro il più possibile. Stendimi! Dopo solo poche pompe, Amber stava urlando di piacere. Rob ha deciso di...

264 I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

249 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.