Avventure con Gwen: Capitolo 2 - Venerdì mattina

1.3KReport
Avventure con Gwen: Capitolo 2 - Venerdì mattina

Alla fine sono riuscito a dormire, ma mi sono svegliato presto in attesa nervosa di quello che sarebbe successo più tardi con Gwen su Skype. Normalmente chiacchieravamo per un po' ogni mattina prima che lei dovesse accompagnare Susan a scuola (perché Susan non era abbastanza grande per guidare e non sopportava di prendere l'autobus), così andai al mio computer e vidi che era già connesso.

Di solito Ingrid dorme un po' più a lungo di me, quindi ho qualche minuto per parlare con Gwen senza interruzioni. Per lo più abbiamo chiacchierato, ma a un certo punto Gwen ha scritto che non riusciva a credere di averlo "fatto" la scorsa notte, non era da lei, e sperava che non pensassi meno di lei. Le ho assicurato che stavo assolutamente bene con quello che era successo e di non preoccuparsi. Stavo provando la sensazione che stesse cambiando idea e che dopotutto non sarebbe successo niente.

Ingrid si è svegliata e mentre ci sedevamo e bevevamo il caffè io continuavo a chiacchierare con Gwen. L'abbiamo mantenuto leggero e normale, e ho cercato di rimanere nella mia routine di controllare i siti Web e rispondere alle e-mail, ma ero distratto da tutti i pensieri nella mia testa. Finalmente erano le 7:30, ora che Ingrid andava a lavorare. Ci siamo baciati e abbiamo detto le nostre solite banalità "buona giornata", "stai attento", "ti amo", e lei se n'era andata. Ma a quel punto Susan era pronta e Gwen ha detto che l'avrebbe portata a scuola. Ha detto che sarebbe tornata verso le 8:15.

Sapevo di non poter stare seduto in casa, ad aspettare, per 35 minuti; Sarei un relitto peggiore di quanto non fossi già. Ho preso i nostri due cani, gli unici "bambini" che io e Ingrid abbiamo o vogliamo, e li ho portati a fare una passeggiata. Sono tornato verso le 8:10 e mi sono seduto ad aspettare nervosamente. Anche in così poco tempo, sapevo che Gwen era nota per non essere puntuale a niente, quindi stavo mentalmente cercando di prepararmi al fatto che fosse più tardi di quanto aveva detto. Tuttavia, con mia grande sorpresa, proprio alle 8:15 si è ricollegata a Skype e questa volta mi ha invitato a una videoconferenza.

Una volta collegate le telecamere, abbiamo deciso di parlare invece di digitare. Solo che dopo ieri sera, entrambi ci sentivamo un po' timidi e imbarazzati. Ci siamo guardati e abbiamo riso nervosamente. Non sapevo cosa dire, ma volevo comportarmi bene e non comportarmi come un'adolescente arrapata.

"Allora... posso rivedere le tue tette?"

Figlio di puttana!

"NO!" rispose ridendo. “Non avrei dovuto farlo ieri sera. Non so cosa mi sia preso.

"Ti piace metterli in mostra e volevi mostrarmeli", dissi, ragionevolmente.

«Be', è vero», disse sorridendo. "Ancora…"

"Vuoi vedere il mio?" Ho chiesto.

"Oh si!" rispose, eccitata. Mi sono alzato in modo che il mio petto fosse nella visuale della telecamera, ho sollevato la maglietta e le ho mostrato le mie tette. Penso che avrebbe potuto pensare che stessi parlando del mio cazzo, ma non volevo presumere.

"Oh, ah ah, stronzo!" lei rise. "Non è quello che volevo vedere!"

Mi sono sistemato in modo che la mia faccia fosse di nuovo nella telecamera. "Non lo era?" chiesi, scherzando. "Cosa volevi vedere?" Ho avuto un'erezione e i miei pantaloncini attillati mi hanno dato un facile accesso al mio cazzo, che stavo accarezzando lentamente. Proprio quando mi sono reso conto che poteva vedere il movimento del mio braccio, ha detto “Ehi! Cosa fai?"

"Oh, lo vedi, eh?"

"Riesco a vedere il tuo braccio che si muove, ma non riesco a vedere quello che voglio vedere!" So che il broncio che ha messo era principalmente solo per divertimento, ma era così dannatamente carina!

"Va bene, per davvero questa volta te lo faccio vedere." Mi sono alzato, assicurandomi di essere inquadrato correttamente, e ho tirato fuori lentamente il mio cazzo attraverso la gamba libera dei miei pantaloncini. Ho tenuto la mano sopra la parte superiore, in modo che tutto ciò che poteva vedere fosse parte dell'asta, ma dopo pochi secondi ho tolto la mano e l'ho lasciata vedere in tutto il suo splendore.

"Oh!" esclamò, emozionandomi con la sua sincera ammirazione. “È davvero grande! Non solo lungo, ma anche girthy! Quanto è grande?"

"Quasi 7" di lunghezza", ho risposto, con orgoglio, "e circa 5 ½" di giro. Ti piace?" chiesi, inutilmente.

“Assolutamente!”

Mi sono seduto di nuovo, togliendolo dalla vista, e lei ha fatto di nuovo il broncio. Adoravo quel broncio!

«Allora parlami dell'altro tuo fratello. Quello che è successo?"

«Oh, non lo so. Non c'è davvero molto da dire. Stavamo messaggiando molto, poi un giorno mi ha mandato una foto del suo cazzo, e ho pensato 'devo scoparmelo!' Così abbiamo fatto".

"Ti è piaciuto? Sei venuto?

“Oh, sì, è stato divertente. Mi sentivo così troia, ma in senso buono, sai?

"E quante volte l'hai fatto?" Ho chiesto. Non so perché volevo ascoltare così tanti dettagli, ed era qualcosa che in seguito mi avrebbe causato problemi a non finire, ma al momento faceva caldo. Continuavo a giocare con me stesso; quel tanto che basta per tenermi duro e nervoso.

"Immagino due volte", ha detto. "Ho passato la notte nel suo appartamento una notte."

"Bene, va bene." Ho detto. "Voglio davvero rivedere le tue tette", dissi, cambiando argomento.

"Non so se dovrei", rispose lei, imbarazzata ma anche interessata.

"Dai, togliti la maglietta e lo farò anch'io", dissi, togliendomi la maglietta. Apparentemente era tutto l'incoraggiamento di cui aveva bisogno, mentre si toglieva la maglietta e il reggiseno.

"Dannazione, quelle tette sono fantastiche!" Ho detto.

«Lo so», rispose sorridendo. Li prese insieme a coppa e li fece rimbalzare delicatamente su e giù.

"Ooh," sospirai. "Modifica i tuoi capezzoli per me." Lo ha fatto, facendoli diventare belli e duri.

"Puoi leccarli?" Ho chiesto.

"Oh, sì", disse, e dimostrò che poteva davvero leccarsi e succhiarsi i capezzoli.

"Oh, dannazione, vorrei essere lì", gemetti.

"Lo so anche io. Ma potremmo avere tempo per giocare domani”.

"Dio, lo spero!" La stavo ancora fissando mentre giocava con le sue tette. "Vuoi guardarmi giocare con me stesso?" Ho chiesto.

"SÌ!" Mi sono alzato e lei è stata in grado di guardarmi abbassarmi i pantaloncini, il che ha fatto schiaffeggiare il mio cazzo contro la pancia. Onestamente non riuscivo a ricordare l'ultima volta che ero stato così duro ed eccitato come lo ero in quel momento. Mi sono seduto di nuovo, ho regolato la mia macchina fotografica in modo che potesse vedermi in grembo e ho iniziato ad accarezzarmi lentamente. Stavo già perdendo un po' di pre-cum, quindi l'ho strofinato intorno alla testa per lubrificarlo.

Gli occhi di Gwen erano fissi sullo schermo, guardandomi mentre mi masturbavo. Il suo respiro era un po' più rapido del normale, quindi sapevo che la stava eccitando.

"Girati e fammi vedere quel culo!" Ho detto. Lo intendevo come una richiesta, ma è venuto fuori suonando come un comando. A Gwen non importava; si alzò, si voltò e si sbottonò i jeans. Mentre li tirava giù, pensavo che avrei solo potuto vedere il suo culo coperto dalle mutandine, ma con mia sorpresa li ha tirati giù entrambi e si è chinata.

A causa dell'illuminazione e del modo in cui le sue gambe erano unite a causa dei suoi pantaloni alle ginocchia, potevo vedere il suo culo ma solo un accenno del premio che volevo vedere. Ha scosso il culo da un lato all'altro, lentamente e sensualmente, poi si è voltata di nuovo verso la telecamera. Si chinò e io temevo che lo spettacolo fosse finito, almeno per ora. Invece di tirarsi su i pantaloni, come quasi mi aspettavo, se li tolse del tutto e si sedette sulla sedia. Ha regolato la telecamera in modo che potessi vedere le sue tette e la sua figa allo stesso tempo.

"È questo che volevi vedere?" Chiese, strofinandosi le mani sulle cosce, le gambe divaricate. Le sue mani tiravano, facendole leggermente schiudere le labbra, e grazie alla fotocamera ad alta risoluzione potevo vedere che stava già iniziando a inumidirsi.

"Oh, dio sì!" gemetti. “Gioca con quella figa. Voglio leccarti così tanto!

"E voglio succhiare quel cazzo finché non vieni nella mia bocca!" lei rispose.

Abbiamo continuato a suonare insieme, dicendoci cosa fare. L'ho fatta girare di nuovo per vedere il suo culo e guardarla giocare con se stessa da dietro. Ero in paradiso! Si voltò di nuovo, di fronte a me, cosa che mi piaceva di più perché potevo rivedere quelle fantastiche tette.

"Le tue tette sono fantastiche!"

"Lo so", disse, l'espressione di passione sul suo viso che lanciò un breve sorriso.

Si stava strofinando tutta la mano sulla figa e sul clitoride, ea questo punto era molto bagnata. "Leccati i succhi dalla mano!" Io ho supplicato.

"Oh, sì, mi piace farlo!" rispose, e subito si leccò la mano per pulirla. Si strofinò di nuovo per qualche secondo, poi li leccò di nuovo per pulirli. "Ho sempre amato il gusto dei miei succhi."

"Hai mai assaggiato quello di un'altra donna?" ho chiesto

"NO. Non mi sentirei a mio agio con quello.

"Va bene. Solo curioso. Metti le dita nella tua figa.

«No», rispose bruscamente. "Non lo faccio." Sono rimasto sorpreso, ma lascia perdere. Abbiamo continuato a giocare e ho iniziato a sentire quel familiare formicolio nelle palle.

"Oh, sto per venire", ho respirato. "Vuoi vedermi arrivare?"

"SÌ!" lei rispose. “Ci sono vicino anch'io! Continua, voglio vederti schizzare il tuo sperma su di te!

Mi sono sdraiato sul divano in modo che lei potesse guardare e che potessi venire da solo e non lasciare un pasticcio. Mi sono avvicinato sempre di più, guardando la sua mano che si muoveva più veloce ora sulla sua clitoride. Quando è passata a usare solo un dito, molto velocemente, sul suo clitoride, ho capito che anche lei era vicina. I suoi occhi stavano cercando di chiudersi, ma stava lottando per tenerli aperti in modo da potermi guardare. Stavo facendo lo stesso con i miei occhi.

Il mio cazzo si è gonfiato a una dimensione che non sono sicuro di aver mai sentito, e ho iniziato a venire duro! Il primo getto mi colpì in faccia, lasciandomi una scia lungo il petto. Gwen ha strillato quando l'ha visto, e ha anche iniziato a venire. I miei successivi tre spruzzi furono quasi, ma non del tutto, altrettanto forti, colpendomi in alto sul petto e creando un grosso pasticcio appiccicoso. L'ho adorato, e anche Gwen! Continuava a strofinarsi furiosamente il clitoride, le gambe che tremavano e si contraevano. Alla fine sgocciolai l'ultima goccia mentre la sua mano si fermava e restammo ansimanti per qualche minuto.

"OH. Mio. Dio!" esclamò. “È stato il più incredibile … non l'ho mai fatto con qualcuno che guardava così. E sulla fotocamera! Oh Dio!"

"Non sono mai venuto così forte!" Ho detto. "Guardami!" Mi sono alzato e mi sono avvicinato alla webcam in modo che potesse vedere quanto sperma c'era sul mio petto. Per capriccio, mi sono messo una mano sul petto e mi sono strofinato lo sperma sulla pelle, spargendolo tutt'intorno.

"Oh, merda, fa caldo!" Gwen ansimava. Dopo averla guardata per un po', ha detto: "Va bene, ora devi smetterla". Stava ridendo, ma sapevo che anche lei era seria. “Continua a farlo, e dovrò tornare di nuovo, e non ho tempo! Inoltre, devi metterti al lavoro, giusto?"

Ho guardato l'orologio e ho visto che erano già passate le 9. "Sì, ho decisamente bisogno di una doccia prima di poter andare ovunque", ho riso. "A che ora sarai questa sera?"

"Non sono ancora sicuro. A che ora torni a casa e quando torna a casa Ingrid?

"Posso lasciare il lavoro quando voglio, e Ingrid di solito torna a casa verso le 4:30." risposi, sperando che arrivasse abbastanza presto per...

"Oh, non sarò lì così presto", ha detto, deludendo le mie speranze. "Probabilmente arriverò a casa tua verso le 5:30, poi possiamo andare a cena, poi da Joe a sistemare la roba. Va bene?"

«Certo», dissi, cercando di non mostrare il mio disappunto. “Hai ancora intenzione di passare la notte lì o vuoi restare con noi? Ingrid lavora la mattina», le ricordai.

“Vedremo”, rispose sorridendo.

Storie simili

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.4K I più visti

Likes 0

Più di un semplice cane: Bruno e Traci

Mi chiamo Traci Holiday e il nome del mio amante è Bruno. Ci siamo trasferiti di recente in questo delizioso cottage e ora lavoro principalmente da casa. La maggior parte dei giorni sono nel mio ufficio con Bruno nel suo angolo o ai miei piedi. Eravamo solo io e Bruno ora, due individui completamente sintonizzati sui bisogni e sui desideri dell'altro. Sessualmente, non c'è mai stato alcun dubbio quando Bruno mi voleva. Se fossi alla mia scrivania, mi aprirebbe le cosce e infilerebbe la testa tra le mie gambe; se fossi in piedi, spingerebbe il naso tra le mie cosce e...

2.3K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

2.4K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

3K I più visti

Likes 0

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

2.8K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2.2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.