La cattiva babysitter

1.4KReport
La cattiva babysitter

Lavoravo per Tre da tre mesi. Non ha pagato il massimo, ma mi ha dato qualche soldo in più da spendere ed è stato un lavoro abbastanza facile. Tutto quello che dovevo fare era sedermi e portare i suoi figli all'autobus ogni mattina dopo che era andato al lavoro.

L'ho conosciuto nel gruppo Facebook del paese. Lui cercava una baby sitter e io cercavo soldi facili. Sembrava una buona partita. I suoi due figli erano ragazzi educati ed era evidente che Tre, anche se un papà single che lavorava a tempo pieno e seguiva lezioni online presso il community college, allevava i suoi figli con orgoglio e dignità. La loro casa non era nella parte migliore della città, sicuramente non un posto in cui sarei andato di mia iniziativa.

Tre era un autista di autobus per la città, faceva le corse mattutine e partiva verso le 4:30. Di solito arrivavo lì intorno alle 4:20. Il mio compito era svegliare i ragazzi, vestirli e dar loro da mangiare e portarli alla fermata dello scuolabus entro le 7:30.

Era una fresca giornata di novembre. Io e il mio compagno di stanza eravamo entrati in disaccordo, quindi quella notte ho dormito in macchina. Mi sono “svegliata” prima del solito e ho deciso di andare da Tre un po' prima. Sono entrato nel suo vialetto verso le 4:00, venti minuti prima. Tre mi ha dato una chiave, così sono entrata. Non appena sono entrata, sono stata accolta da Tre seduta sul divano che beveva caffè e guardava il telegiornale con indosso solo un accappatoio slacciato.

Sembrava sorpreso di vedermi, "sei in anticipo" esclamò.

"Sì", dissi, ancora sotto shock, "non riuscivo a dormire così sono uscito di casa presto." Ha appena annuito con la testa e si è alzato per affrontarmi. Tré era un nero alto e muscoloso. Era alto 6'3 e non si vedeva un grammo di grasso corporeo. Fu allora che rimasi davvero scioccato. Penzolare da un cespuglio di capelli selvaggi era un schlong più lungo e più spesso dei miei due precedenti fidanzati messi insieme! Doveva essere lungo almeno sei pollici e sembrava completamente flaccido!

Mentre fissavo il suo schlong, si avvicinò a me, avvicinandosi a pochi centimetri da me. Respiravo affannosamente mentre avvolgeva una delle sue lunghe braccia muscolose attorno al mio corpo corto e grassoccio. Mentre la sua mano scivolava lungo la mia schiena e nella cintura dei miei pantaloni da yoga, con voce sommessa chiese: "perché non ammazziamo il tempo nella mia stanza?" Incapace di parlare, ho solo annuito e, con la sua mano che mi afferrava saldamente la guancia sinistra, mi ha accompagnato attraverso il soggiorno, oltre le stanze dei ragazzi e nella sua camera da letto.

Una volta nella sua stanza, mi ha fatto girare e ha piantato un dolce bacio sulle mie labbra. Quando le nostre labbra si toccarono, sentii le sue mani sollevarmi la maglietta sopra la testa. Ho sentito il mio reggiseno slacciarsi e cadere a terra. Poi mi ha adagiato sul letto e ha iniziato a baciarmi fino alle tette. Prima l'orecchio, poi il collo e infine il seno. Mentre la sua lingua schioccava contro il mio capezzolo, sentii i miei pantaloni da yoga sfilarmi dalle gambe, esponendo una vagina che non veniva rasata da settimane.

Quando ha visto la giungla amazzonica tra le mie gambe, ha sorriso e ci ha inghiottito il viso. La sua lunga lingua guizzò contro il mio clitoride mentre le sue dita iniziarono a scivolare dentro e fuori dalla mia vagina. Un dito, poi due, poi tre. Ci è voluto ogni grammo del mio essere per non urlare in estasi mentre il mio orgasmo inondava la mia vagina. Le mie pareti che si stringevano attorno alle sue dita non sembravano metterlo in fase, ha semplicemente continuato.

Quando il mio corpo ha finito di avere le convulsioni, ha tolto le dita dalla mia vagina pulsante e si è alzato. Ha afferrato il suo cazzo, era cresciuto! Era completamente duro, lungo ben dieci pollici. Ha posizionato il suo cazzo davanti alla mia fessura, stuzzicandolo su e giù. E lentamente fece scivolare dentro la testa abbastanza a lungo da permettermi di gemere per l'eccitazione e il dolore. Poi si staccò. 4:15.

Doveva partire tra quindici minuti e non era vestito. Si sdraiò sul letto accanto a me, mi baciò e mi strinse tra le sue forti braccia. "Perché non vieni stasera dopo cena, così posso finire quello che ho iniziato?" chiese con voce sommessa.

Lo guardai, sbalordito e ancora in soggezione per quello che era successo. Tutto quello che potevo fare era annuire rapidamente con la testa. Detto questo, si alzò, lasciò cadere la vestaglia e andò alla sua cassettiera per vestirsi. Mi sdraiai sul suo letto, nudo con le gambe ancora divaricate mentre indossava la sua uniforme da autista di autobus, era ovvio che nessuna quantità di vestiti avrebbe nascosto la sua massiccia erezione. Una volta finito di vestirsi, mi fece scivolare davanti al letto e sotto le coperte. Poi mi ha baciato sulla fronte ed è andato al lavoro.

Più tardi quel pomeriggio, ho ricevuto un messaggio di testo da Tre. Vieni dopo le 9, vestiti carino, puoi dormire qui.

Sono arrivato a casa sua intorno alle 9:15 indossando solo una felpa con cappuccio che avevo rubato dal suo armadio prima di partire stamattina. Mentre camminavo verso il mio baule per prendere la mia ventiquattrore, una fresca brezza ha attraversato la mia vagina appena rasata e mi è venuto in mente che avevo appena mostrato metà del suo quartiere.

Sono entrato in casa e Tre era sdraiato sul divano con dei boxer rossi, la sua erezione alta. Si alzò e si avvicinò a me con un grande sorriso sul volto. Mi avvolse con un braccio intorno e la sua mano si diresse verso il mio sedere. Quando la sua mano si è abbassata e ha scoperto che non indossavo le mutandine, il suo sorriso è diventato ancora più grande e mi ha preso tra le sue braccia muscolose e mi ha portato nella sua camera da letto. Mentre mi portava, mi baciava appassionatamente. Una volta nella sua stanza, mi gettò sul letto e immediatamente mi strappò di dosso la felpa, esponendogli il mio corpo nudo mentre si fermava sopra di me. Mi inchiodò al letto così da potermi baciare appassionatamente, prima di scendere verso la mia vagina palpitante. Con un colpo della sua lingua, ero in pura estasi. Dopo solo pochi minuti in cui lui divorava la mia vagina, il mio corpo iniziò ad avere le convulsioni quando arrivò il mio orgasmo.

Quando il mio orgasmo si placò, si fermò sul mio corpo inerte e lasciò cadere i suoi boxer rossi, e il suo cazzo, che sembrava essere cresciuto da quella mattina, era alto. Ho allungato la mano per afferrare il suo cazzo e l'ho tirato, e il suo corpo verso di me.

Tirai fuori la lingua e leccai su e giù la sua asta e lungo le sue palle prima di avvolgere le mie labbra intorno al suo cazzo morbido, caldo e duro. Ancora in piedi sopra di me, abbassò i fianchi, spingendo il suo cazzo il più in fondo possibile alla mia gola, il che non era molto lontano. Quando non riuscivo a respirare, lo tirò lentamente fuori completamente. Scivolò sul suo cazzo a pochi centimetri dalla mia vagina. Mi guardò negli occhi e mi baciò prima di guidare il suo cazzo nella mia vagina bagnata.

Potevo sentire la testa farsi strada lentamente nella mia vagina stretta, allungandola ben oltre il suo massimo. Emisi un forte gemito di dolore e piacere. Mentre il suo enorme cazzo invadeva ancora di più il mio corpo, il dolore si faceva più intenso ei miei gemiti si facevano più forti. È scivolato di circa 8 pollici prima di non poter più andare. Detto questo, aveva un sorrisetto sul volto. Afferrò i suoi boxer e me li infilò in bocca, e mi inchiodò entrambe le braccia al letto. Si è tirato fuori lentamente finché solo la punta era ancora dentro. Con un bacio sulla mia fronte come unico avvertimento, ha SBATTUTO il suo grosso cazzo nero nella mia vagina. Le lacrime hanno iniziato a scendere dai miei occhi mentre inesorabilmente picchiava ogni prova della mia verginità fuori dalla mia vagina.

Dopo 10 minuti di puro dolore e piacere e di essere sotto il suo totale controllo, le sue pupille iniziarono a dilatarsi e il suo pompaggio rallentò quando sentii il suo enorme cazzo iniziare a pulsare carico su carico dei suoi figli dentro di me. Quando le pulsazioni si placarono, pensai di essere a posto, ma lui mi diede un'ultima spinta prima di tirarsi fuori e crollare sul letto accanto a me. Con il mascara che mi colava sul viso ei suoi boxer ancora imbavagliati, lo guardai con la paura negli occhi.

"Non preoccuparti", ha detto, "ho subito una vasectomia quando avevo 20 anni".

Quando la paura nei miei occhi se ne andò, mi tolse le mutande dalla bocca e mi baciò. Ho provato a sedermi, ma il dolore tra le gambe era troppo forte. Ha percepito la mia lotta e mi ha riadattato così ero sotto le coperte. Poi si alzò per andare in bagno, il suo cazzo ancora duro e luccicante dei miei succhi di figa. È tornato con delle salviettine struccanti e mi ha asciugato delicatamente il mascara dal viso.

Dopo aver spento le luci, è salito sul letto accanto a me e mi ha preso tra le braccia. "La migliore babysitter di sempre", ha osservato prima che mi addormentassi.

Mi sono svegliato la mattina dopo ancora tra le braccia di Tre. Mi girò e mi baciò. L'ho avvolto tra le braccia e mi sono arrampicato su di lui. C'era ancora un forte dolore tra le mie gambe, ma non mi importava.

Ci siamo baciati per cinque minuti. Poi mi sono alzato. Sfortunatamente, sono dovuto partire perché avevo un progetto di gruppo per la classe. Ho indossato i vestiti che avevo messo nella mia borsa: alcuni pantaloncini da corsa e una maglietta. Mi sono spazzolato velocemente i capelli e ho buttato i suoi boxer rossi e la felpa nella mia borsa. Ormai erano miei per sempre.

Senza curarsi se i vicini vedevano, mi accompagnò alla portiera della macchina, completamente nudo.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.