Accademia di Tarnheim, parte 2

724Report
Accademia di Tarnheim, parte 2

Accademia di Tarnheim, parte 2
In piedi nudo nell'ufficio della signorina Krieger, la mia mente turbinava di emozioni fino a quel momento sconosciute. Mi sono sentito allo stesso tempo spaventato ed eccitato. Il mio fondoschiena brillava ancora di un rosso brillante per le spietate frustate che mi aveva dato la direttrice, e rabbrividivo ancora per le lascive provocazioni della sua lingua talentuosa. Mi sono sentito trasformato, ma in cosa?

Aspettai con esitazione mentre la signorina Krieger si infilava metodicamente il suo attillato completo di pelle, non osando muoversi finché non veniva istruita. Alla fine si infilò i guanti di pelle nera e poi si voltò verso di me, il suo sorriso era sparito e il suo viso era di nuovo una maschera di severa disciplina. Santo cielo, era bellissima!

«Adesso andrai nella tua stanza e ti sistemerai come si deve. Raccogli i tuoi vestiti», ordinò la signorina Krieger.

"Non posso vestirmi, direttrice?"

«No, signorina Gringsworth, non lo farai. Quando sei a scuola, indosserai la tua uniforme o niente del tutto. Raccogli i tuoi vestiti e vai nella tua stanza. È nell'ala est, stanza 214. Là troverai un'uniforme e ti vestirai come si addice a uno studente dell'Accademia di Tarnheim.»

«Sì, direttrice», risposi docilmente.

Col cuore in gola, mi chinai a raccogliere i miei vestiti. La signorina Krieger aprì la porta e io uscii cautamente nell'ingresso. Le mie guance si arrossarono per l'imbarazzo quando sentii gli occhi delle altre ragazze su di me. Ridacchiarono e guardarono la mia forma nuda e io mi rimpicciolii, tenendomi i vestiti sul petto con una mano e cercando di proteggere il mio sesso con l'altra. Ho sentito la puntura di un frustino sul mio sedere nudo.

"Non piegarti, signorina Gringsworth!" sbottò la direttrice. “Uno studente dell'Accademia di Tarnheim deve comportarsi con grazia, a prescindere dalle circostanze. Stai dritto e tieni i gomiti lungo i fianchi mentre sostieni il carico. Cammina verso la tua stanza con un passo misurato. Tieni la testa alta e gli occhi avanti.

"S-sì, direttrice", annuii. Ancora tremante, eseguii come mi aveva ordinato, tenendomi eretto mentre percorrevo i corridoi dell'accademia. Bruciavo di vergogna, esposto al mondo in modo così sfrenato, e sentivo ogni risatina e risata come una frustata al mio orgoglio. Mi sembrò un'eternità prima che mi ritrovassi al secondo piano dell'ala est e andassi in camera mia.

Ho aperto la porta per trovare un'altra ragazza all'interno della stanza. Ero sorpreso; Pensavo di avere una stanza privata, ma c'erano due letti. La ragazza mi vide nella mia nudità e sorrise calorosamente.

"Vedo che sei stato iniziato", osservò. "La direttrice ti ha dato il trattamento completo?"

Arrossii per un improvviso imbarazzo, ma annuii. "Sì, l'ha fatto."

«Allora benvenuto a Tarnheim», proclamò mentre tendeva la mano. "Sono Samantha."

Ho esitato, ma ho ricevuto la sua stretta di mano. “Sono Heather. Sei qui da molto tempo?"

Samantha scosse la testa. “Solo circa un mese, ma sembra che sia passato un'eternità. Oh, puoi lasciarli laggiù», si offrì, indicando il letto vuoto. "Quello è tuo, e quello è il tuo guardaroba."

Posai i miei vestiti sul letto e aprii l'armadio alto. Ho trovato sei uniformi identiche appese una accanto all'altra, separate in modo preciso l'una dall'altra. I cassetti hanno tirato fuori calze e indumenti intimi che, ho visto, erano esattamente della mia taglia. Infilai in fretta mutandine e reggiseno, grata di coprire la mia nudità. Gli indumenti intimi erano di pizzo e bianchi, e francamente piuttosto provocanti in quanto rivelavano una buona parte della mia scollatura e il rigonfiamento del mio sedere. Ho indossato la camicetta bianca immacolata e la gonna scozzese, notando l'estrema brevità di quest'ultima. Tirai su le calze sulle gambe, che mi arrivavano appena sopra le ginocchia, poi infilai i piedi nelle scarpe. Erano piuttosto alti, con tacchi alti ben cinque pollici.

Samantha si alzò per aiutarmi ad annodare la cravatta della scuola. Ho guardato il blazer; su di esso era blasonato lo stemma dell'Accademia di Tarnheim, e io rimasi perplesso davanti all'iscrizione. “Dominum vel Obsequium. È latino, vero? Cosa significa?" Le ho chiesto.

Samanta sorrise. "È il motto della scuola: 'Dominanza o sottomissione'".

«Molto appropriato», deglutii nervosamente. Samantha rise.

«Be', ti ci abituerai. Comunque il blazer non ti servirà se non nelle occasioni formali”.

Mi sono guardato allo specchio. La succinta uniforme da scolaretta e le scarpe col tacco alto mettevano in risalto le mie gambe, al punto che si vedeva il mio sedere che faceva capolino sotto l'orlo della gonna scozzese. È stato estremamente sexy, devo ammetterlo, e ho sentito uno strano brivido attraversarmi al pensiero.

«Samantha, ci sono alcune domande che...» cominciai, ma poi la porta si spalancò. Tre ragazze più grandi stavano sulla soglia, i loro occhi fissi nei miei. Sorrisero in modo predatorio.

"Avevamo sentito che c'era della nuova carne sulla scena", disse uno malizioso. "Vedo che le voci erano vere."

Samantha si alzò, nervosa. "Senti, non vogliamo guai."

La ragazza che aveva parlato non ha mai staccato gli occhi dai miei. "E se fai quello che ti viene detto, non ci sarà."

L'ho misurata. Era una spanna più bassa di me, anche se sembrava estremamente atletica e snella. I suoi capelli corvini erano tagliati in un elegante rastrello. I suoi gelidi occhi verdi si fissarono nei miei. Ai suoi fianchi c'erano due gemelli identici: biondi alti e con le gambe lunghe, con brillanti occhi azzurri e curve spettacolari. I tre indossavano le camicie sbottonate e annodate sotto il seno, rivelando addominali tesi con anelli di pancia e scollature davvero magnifiche. Ognuno dei tre avrebbe potuto modellare per riviste maschili.

"Chi sei?" Ho chiesto.

Il sorriso della mora si allargò. “Siamo il comitato di benvenuto. Siamo qui per mostrarti le corde.

"Letteralmente", hanno aggiunto i gemelli con una risata.

Detto questo, la bruna sollevò la mano da dietro la schiena, tenendo le spire di una corda di seta. I miei occhi si spalancarono per il panico e iniziai a indietreggiare. I tre entrarono nella stanza, chiudendo silenziosamente la porta dietro di loro e chiudendola a chiave. Lasciarono cadere una borsa di nylon nera sul pavimento con un tonfo pesante. Ho sentito una sensazione di affondamento alla bocca dello stomaco mentre avanzavano verso di me.

Samantha si precipitò nell'angolo più lontano della stanza. Il trio si avventò su di me come tigri, trascinandomi a letto. In pochi istanti mi fecero stendere, tenuto per i polsi e le caviglie dai gemelli mentre la mora sedeva fissandomi negli occhi spaventati. Aprii la bocca per gridare, ma lei si portò un dito alle labbra.

"Shhh", sussurrò, "Se facciamo troppo rumore, tutti vorranno entrare. Teniamola una festa privata, va bene?"

Estrasse un bavaglio di gomma dalla borsa di nylon e me lo infilò in bocca, fissandomi la cinghia di cuoio dietro la testa. Loro tre mi hanno rapidamente spogliato degli abiti che avevo indossato così di recente, e mi sono ritrovato ancora una volta completamente nudo e indifeso. Mi legarono al letto a braccia aperte, i polsi e le caviglie ben legati. Per quanto ci provassi, non riuscivo a divincolarmi. Temevo cosa avrebbero fatto dopo.

I tre indietreggiarono, i loro occhi si posarono sul mio corpo nudo. Mormorarono con apprezzamento, apprezzando ciò che videro. Samantha si rannicchiò dietro l'angolo dell'armadio, senza osare guardare. La brunetta iniziò a far scorrere le dita su e giù per tutta la mia lunghezza, facendomi venire i brividi lungo la schiena.

"Questo è abbastanza reattivo", ha osservato. "Ci divertiremo con lei."

Continuò a giocare con me, prendendo a coppa i miei grandi seni e strizzandoli, pizzicandomi i capezzoli e facendoli rotolare tra le dita e il pollice. I gemelli iniziarono ad accarezzarmi le gambe, risalendo lentamente le mie cosce ampiamente aperte. Il mio cuore iniziò a battere forte e, con mio orrore, mi ritrovai a rispondere ai loro tocchi. Mi sono sentito bagnare.

"Ora presentiamoci correttamente", sorrise la mora, leccando il mio capezzolo in modo stuzzicante. “Mi chiamo Adrienne e sono la caposala qui. Queste due sono Inga e Greta, e noi tre volevamo farvi sentire a casa qui a Tarnheim”.

Detto questo Adrienne è scesa a succhiarmi i seni mentre Inga e Greta hanno cominciato a leccarmi le gambe. Le loro lingue erano trafitte e le borchie di metallo liscio avevano un effetto elettrico sul mio corpo. Il mio respiro si fece più veloce e sentii i miei capezzoli irrigidirsi sotto la cura delle labbra e della lingua di Adrienne. Mi contorcevo impotente mentre i tre mi facevano impazzire, portando quasi a un crescendo quando i gemelli raggiunsero il mio sesso gocciolante. Mi leccarono all'unisono, portandomi quasi sull'orlo di un tremendo climax quando, senza preavviso, si fermarono. I tre risero mentre mi contorcevo nei miei legami, alla disperata ricerca di una liberazione di un tipo o dell'altro. Quando si accorsero che il mio respiro si era abbassato, ricominciarono.

I tre cambiarono posizione, ei gemelli mi attaccarono avidamente i seni mentre Adrienne si inginocchiava tra le mie gambe divaricate e cominciava a infilare la lingua nella mia apertura vaginale. La mia volontà si sgretolò rapidamente sotto il triplice assalto. Mi sono sentito avvicinare ancora una volta al punto dell'orgasmo, e ancora una volta si sono fermati prima del momento critico, lasciandomi frenetico dal desiderio. Lo hanno fatto ancora e ancora finché il mio corpo non è diventato come una corda di chitarra, vibrando con il mio bisogno.

Solo quando hanno sentito che avevo perso ogni autocontrollo mi hanno portato oltre il precipizio. Le lingue gemelle di Inga e Greta turbinarono attorno ai miei capezzoli tesi, e Adrienne iniziò a mordicchiare il mio clitoride gonfio, succhiandomi e leccandomi contemporaneamente con consumata abilità. Sono esploso, con spasmi incontrollabili mentre il mio corpo soccombeva all'irresistibile stimolazione. Potenti ondate di orgasmo mi travolsero, annullando ogni resistenza e pensiero. Se non fosse stato per il bavaglio in bocca avrei gridato la mia passione al cielo. Durante tutto questo hanno continuato a stuzzicarmi con la lingua, facendomi venire ancora e ancora.

Adrienne si alzò tra le mie gambe per togliere il bavaglio. Rimasi senza fiato, solo per vedere la sua bocca scendere sulla mia. Assaporai i miei stessi succhi mentre mi baciava a lungo e con forza, la sua lingua morbida scivolava nella mia bocca avida. Inga e Greta continuarono a stuzzicare i miei capezzoli sensibili, ma le loro mani scivolarono lungo la mia pancia fino alla mia figa bagnata. Cominciarono a toccarmi mentre mi succhiavano i seni, e io gemetti mentre ricambiavo i baci di Adrienne. Con la coda dell'occhio vidi Samantha che ci osservava timidamente da dietro l'orlo dell'armadio.

"Mio, che puttana è", commentò Adrienne mentre si alzava da me, asciugandosi la bocca con il dorso della mano. "Mettiamola in pratica."

La mora sexy iniziò a sbottonarsi la camicetta e si tolse la gonna. Mentre si slacciava il reggiseno, anche i gemelli iniziarono a scrollarsi di dosso i vestiti. Alla fine le mutandine si tolsero e le tre indossarono solo calze e tacchi alti. Erano così belli! I loro corpi tesi erano agili e sensuali, le loro curve una delizia peccaminosa. I capezzoli di Adrienne risaltavano duri e rigidi da piccole aureole, e vidi che i suoi capezzoli erano trafitti da anelli d'oro. Il suo sesso era completamente rasato, a parte un piccolo triangolo color zibellino sopra la fessura umida, e vidi che il suo clitoride portava un anello d'oro, abbinato a quelli sui capezzoli e sul ventre. I gemelli erano magnifici, con seni grandi e pieni e capezzoli rosa che imploravano di essere leccati. Le loro cunnie erano completamente glabre e mostravano con orgoglio le loro labbra interne rosa. Erano davvero mozzafiato.

"Voi!" Adrienne scattò contro Samantha. “Renditi utile e portaci qualcosa da bere!”

Spaventata, Samantha emerse e andò al mini frigo. Tirò fuori lattine di Mountain Dew, che Adrienne e le gemelle accettarono con entusiasmo. Greta e Inga aprirono subito il loro e cominciarono a bere, ma Adrienne mi fece scorrere il barattolo di metallo ghiacciato lungo i seni e su per le cosce tremanti, facendomi tremare e tremare. La sensazione era indescrivibile.

Adrienne bevve un lungo sorso, emettendo un sospiro di contentezza. Si portò ancora una volta la lattina alle labbra e si riempì la bocca, poi si chinò e premette le labbra sulle mie, condividendo la dolce bevanda. L'ho accettato da lei con gratitudine.

Adrienne poi salì sul letto e si inginocchiò a cavalcioni della mia faccia. Potevo vedere la sua vagina rasata a pochi centimetri dalla mia bocca. Guardando in basso, avvolse le dita di una mano tra i miei capelli e si abbassò su di me. Il suo dolce sesso mi si insinuò in bocca, la mia testa trattenuta dalla sua stretta di ferro. Gettò indietro la testa e bevve un lungo sorso di Dew mentre mi cavalcava il viso.

"Mangiami, puttana", ha ordinato, e l'ho fatto. Uno dei gemelli è tornato a lavorare sui miei seni, mentre l'altro ha iniziato a leccarmi la figa. Ho diligentemente leccato la deliziosa fica di Adrienne mentre Inga e Greta mi sottoponevano alla loro sottile tortura. Si sono divertiti a farmi venire l'orgasmo mentre leccavo la calda fessura di Adrienne, portandola a un violento orgasmo tutto suo.

Sazia per il momento, Adrienne si alzò, solo per essere sostituita da Inga (o era Greta?), che si sedette al contrario sulla mia faccia. L'altra gemella sedeva a cavalcioni del mio bacino, il suo sesso che macinava contro il mio mentre mangiavo sua sorella. I gemelli si baciarono appassionatamente, le loro lingue vorticavano l'una intorno all'altra mentre io leccavo. Dopo aver portato l'uno a un climax violento, si sono scambiati e sono andato a lavorare sull'altro. Avevo perso da tempo ogni riserva di forza di volontà e avevo completamente ceduto alla loro volontà.

Quando l'altro gemello è entrato nella mia bocca, spruzzandomi con i suoi succhi, Adrienne ha annunciato che era ora di divertirsi un po'. Mi slegarono e mi fecero cadere sulle ginocchia con la faccia in giù, poi mi legarono saldamente in questa nuova posizione. Mi legarono strettamente le braccia dietro la schiena e fissarono di nuovo le mie caviglie alle colonne del letto con il sedere sollevato in alto. Adrienne mi ha infilato brutalmente il bavaglio in bocca e mi ha fissato la cinghia intorno al collo. Ero profondamente consapevole di quanto mi trovassi in una posizione vulnerabile e temevo quello che mi avrebbero fatto.

Adrienne ha osservato che bel culo avevo e mi ha accarezzato il sedere in modo lascivo. Ero ancora piuttosto dolorante per le frustate che mi aveva dato la Preside, e mi divincolai sotto il suo tocco. Quindi tirò fuori una pagaia di cuoio dalla borsa da palestra e se la batté contro la mano con uno schiocco udibile. Lei sorrise con cattive intenzioni. Tremavo di silenziosa paura.

La mora sexy si ritrasse e fece schioccare la paletta di cuoio contro il mio sedere, provocandomi un dolore lancinante e istantaneo. Ho cercato di urlare, ma il bavaglio della palla ha messo a tacere le mie grida. Adrienne mi ha remato vigorosamente il culo, facendo ridere il trio. A volte colpiva in basso, il cuoio entrava in un forte contatto con la parte posteriore delle mie gambe. Colpì persino l'interno delle mie cosce ampiamente aperte, provocando le più orribili sensazioni di bruciore.

Lottai invano per liberarmi, ma ero impacciato e impotente, e così le mie frenetiche lotte servirono solo a incitare Adrienne a pagaiarmi il sedere con rinnovato gusto. Ho singhiozzato nel bavaglio, ridotto al livello di un animale.

«Ecco», disse, porgendo la pagaia a uno dei gemelli. "Dai un giro."

"Ach, nein, liebchen", rispose la bionda scuotendo la testa. Per un breve momento ho sentito un barlume di speranza che il mio calvario fosse finito. "Preferisco questo", continuò, e tirò fuori un'ampia cinghia di cuoio dalla borsa. Era largo quasi tre pollici e sembrava piuttosto spesso. Cercai freneticamente di liberarmi, ma le mie futili lotte servirono solo a stuzzicare l'appetito della vigorosa bionda.

La cinghia sfrecciò nell'aria per stabilire un forte contatto con il mio sedere sollevato. Ho provato a urlare attraverso il bavaglio, ma tutto ciò che è emerso è stato un gemito soffocato. Riuscivo a malapena a credere che solo un giorno fa ero stata una principessa viziata. Ora ero un prigioniero nudo, legato e impotente mentre tre ragazze nude mi frustavano senza pietà. Si alternarono per un po', notando con gioia come continuavo a lottare nei miei legami. Poi hanno cominciato a frustarmi insieme, aumentando il ritmo e la ferocia del loro assalto. Ma poi iniziò ad accadere qualcosa di straordinario.

Mi sentivo come se stessi galleggiando. Il dolore lancinante del mio fondoschiena mi ha portato a nuove vette di estasi e ho sentito ogni colpo pungente inviare un brivido elettrico attraverso il mio corpo. La mia figa, già gocciolante, iniziò a pulsare e palpitare di desiderio. Mi sono sentito avvicinare al punto dell'orgasmo, e con frustate sferzanti mi hanno portato a quel punto e oltre. Il bavaglio della palla ha messo a tacere le mie grida di estasi mentre venivo come un gatto selvatico, tremando mentre le onde d'urto dell'orgasmo mi attraversavano. È stato incredibile.

Adrienne e le gemelle erano evidentemente profondamente consapevoli del mio stato, e mormorarono la loro approvazione, dando pungenti colpi di pelle per stimolarmi ulteriormente mentre venivo. Posarono le loro fruste e le loro pagaie e cominciarono ad accarezzare i globi ardenti del mio fondoschiena, le loro morbide lingue mi mandavano deliziose emozioni attraverso di me.

"Mio, che troia è", osservò Adrienne, e le gemelle furono d'accordo. "Finiamola come si deve."

Aprirono ancora una volta la borsa della palestra e ne estrassero un'imbracatura di cuoio munita di un enorme cazzo di gomma nera, completo di vene increspate e una testa massiccia. Le mie paure crebbero quando Adrienne si allacciò l'enorme cosa, inserendo una proiezione interna nella sua stessa fessura bagnata.

"Adoro questa cosa", sospirò Adrienne in modo seducente. “Si attacca dentro di me così riesco a sentire cosa stai ricevendo, e ha queste piccole protuberanze fantastiche che si sfregano contro il mio clitoride. Quindi, mentre ti fotto, posso davvero scendere anch'io. Non è fantastico?"

Si è manovrata dietro di me, guidando la punta del dildo tra le mie cosce divaricate verso la mia fica. Ha strofinato la testa su e giù per la mia fessura, rivestendola generosamente con i miei succhi fluenti.

"Dio, sei così bagnato!" Adriana rise. “Sei una troia così allettante. Va bene, ecco che arriva!

Le sue mani mi afferrarono il culo mentre spingeva il dildo dentro di me fino in fondo. Ho sentito i miei muscoli vaginali allungarsi come mai prima d'ora. Non ero vergine, ma avevo fatto sesso solo due volte prima e il ragazzo era molto più piccolo. Soffrivo davvero, la mia fica mi bruciava per l'improvvisa distensione.

Adrienne l'ha lasciato sepolto lì per un momento, lasciando che la mia figa si allungasse per accogliere il dildo gigante. L'ha lentamente tirato fuori da me finché solo la testa è rimasta dentro, poi ha immerso di nuovo il cazzo di gomma fino a quando non ha colpito la mia cervice. Ha iniziato a fottermi ritmicamente, le labbra della mia fica avvolte attorno all'asta mentre mi usava per il suo piacere. Ha giocato con i miei seni mentre mi cavalcava e giocava con il mio clitoride palpitante.

Inga e Greta stavano applaudendo, incoraggiando Adrienne a scoparmi più velocemente, più forte, e lei lo fece. Adrienne aumentò il ritmo, il suo respiro si fece veloce mentre sbatteva il cazzo dentro di me più e più volte. Era spietata, mi fotteva con selvaggio abbandono, e mi ritrovai a muovermi all'indietro per affrontare ogni spinta vigorosa. Il dildo gigante mi ha colpito la figa come un martello pneumatico e mi sono sentito venire in modo incontrollabile. Ho perso il conto di quante volte sono venuto: ero in uno stato di orgasmo continuo mentre lei mi scopava come un animale selvatico. La stimolazione della fica e del clitoride di Adrienne la mandò anche oltre il limite, e lei ululò oscenità mentre veniva. Mi ha chiamato una fica calda, una troia, una puttana, e io mi sono divertita segretamente nelle parole.

Esausta, Adrienne si accasciò su di me, il dildo sepolto dentro di me fino alle palle. I gemelli erano senza parole, sbalorditi dal silenzio dal tableau a cui avevano assistito. Alla fine Adrienne si riscosse, il dildo si ritirò lentamente dalla mia cunny violata con un suono umido e soffocante.

"Wow," sospirò, guardando il cazzo di gomma gocciolante che sporgeva tra le sue gambe. “È stato incredibile. Sei una persona fantastica, ragazza.»

Adrienne schioccò le dita verso Samantha. «Portaci un po' d'acqua. Scopare questa troia è un lavoro assetato.

Samantha si affrettò ad obbedire, tirando fuori una bottiglia d'acqua dal minifrigo. Adrienne bevve un lungo sorso, sospirando soddisfatta e leccandosi le labbra. Mi ha liberato il bavaglio e mi ha detto di bere. L'ho fatto, grato per il liquido rivitalizzante.

"Non mi sleghi adesso?" chiesi, ma Adrienne si limitò a ridere.

«Non ancora, dolcezza. Stiamo solo arrivando al pezzo forte.

Mi ha infilato ancora una volta il bavaglio in bocca e l'ha legato stretto. I gemelli perquisirono la borsa della palestra, trovando una bottiglia di olio lubrificante. Ho visto Adrienne versare una dose di olio sull'enorme dildo e strofinarlo dappertutto, poi spruzzarne un po' tra le guance del mio culo. Mi contorcevo impotente mentre massaggiava l'olio nel mio sfintere stretto e sentivo il suo dito farsi strada dentro di me. Temevo la penetrazione che sarebbe seguita.

"Va bene, ragazze, è il momento del gran finale", annunciò con orgoglio Adrienne, e guidò l'enorme testa del cazzo di gomma verso il mio culo. Ero terrorizzato, ma le mie grida soffocate di pietà rimasero inascoltate. Ha forzato la testa bulbosa dentro di me e ho sentito il mio retto allungarsi come mai prima d'ora. Pollice dopo centimetro, il dildo gigante mi è penetrato nel culo. Ho lottato per sfuggire al terribile invasore, questa orribile violazione del mio culo vergine, ma i miei legami erano saldi ed ero completamente impotente. Adrienne ha seppellito il cazzo di gomma dentro di me fino a quando le sue enormi palle si sono posate contro le labbra della mia figa. Ero certo che la cosa titanica fosse dentro di me fino allo stomaco.

"Fanculo quel culo!" i gemelli applaudirono e Adrienne diede loro lo spettacolo che volevano. Ha iniziato lentamente, facendomi sentire l'intera lunghezza del dildo gigante mentre entrava e usciva dal mio culo. Ha gradualmente aumentato il ritmo e ho sentito il mio sfintere iniziare lentamente a rilassarsi mentre si abituava all'enorme intruso nelle mie viscere. Adrienne si divertiva a sodomizzarmi, come indicava chiaramente il suo linguaggio volgare. Mi ha fottuto il culo a lungo e con forza, chiamandomi il suo fottuto giocattolo, la sua troia. Ha martellato il mio culo mentre i gemelli si toccavano con le dita per l'eccitazione.

Incredibilmente, mi sono sentito rispondere ancora una volta. Anche se sono stato violentato nel modo più terribile, mi sono sentito fortemente eccitato, eccitato dalla scena sadica. Cosa significava? Ero la sgualdrina che mi chiamava Adrienne? L'unica cosa che sapevo era che ero eccitata e arrapata e che mi stavo rapidamente avvicinando a un altro orgasmo. Il mio corpo iniziò a spingersi all'indietro per incontrare le spinte di Adrienne, e quando la sua mano scese ad accarezzarmi il clitoride, esplosi all'istante. Adrienne ha urlato quando è venuta, i suoi fianchi si sono piegati mentre mi scopava senza senso. I gemelli emisero bassi gemiti mentre raggiungevano l'orgasmo all'unisono.



I tre mi liberarono dai miei legami e mi strinsero in un dolce abbraccio, baciandomi ancora e ancora. Mi sono sciolto e mi sono ritrovato non solo a perdonarli per avermi violato, ma in realtà a ringraziarli. Penso di essere stato innamorato di Adrienne, e certamente lussurioso di tutti e tre.

I tre si vestono con languida disinvoltura e rimettono la corda ei sex toys nella borsa. Rimasi nudo, sdraiato sul letto: il mio sedere era troppo dolorante per sedermi. I gemelli mi presero tra le loro braccia per un doppio bacio sfrigolante e sentii i miei capezzoli irrigidirsi ancora una volta. Quando Adrienne mi ha baciato ho perso ogni autocontrollo e le ho detto che l'amavo.

“Bene, bene, questo dovrebbe essere un anno molto interessante, Heather. Ci vediamo presto", disse mentre lei e i gemelli uscivano spavaldi dalla porta.

Continua…

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

2K I più visti

Likes 0

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.