Danno collaterale - Una storia di Halloween

728Report
Danno collaterale - Una storia di Halloween

Una festa privata al The Cantina Club diventa un po' fuori controllo quando un uomo vestito da pilota dell'era del Vietnam entra nel club.
= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in uno stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti rappresentati in queste storie, interrompi immediatamente la lettura e muoviti da qualche parte che esiste nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia è consentita, ma solo se l'articolo include il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2016 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. La produzione di copie multiple di questa storia su carta, disco o altro formato fisso è espressamente vietata.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =
* * * * * * * * * * * *

Maria Sanchez guardò il nuovo cliente entrare nel club. Ha pagato alla cassa all'ingresso e poi ha mostrato l'invito al buttafuori. Il muscoloso buttafuori che faceva la guardia alla porta annuì e si fece da parte permettendo all'uomo di superarlo nel locale poco illuminato.

Normalmente, lo strano abbigliamento del nuovo uomo lo avrebbe fatto sembrare molto fuori posto, ma questo era Halloween e tutti nel club indossavano abiti strani. Era vestito come un soldato, ma c'era qualcosa di leggermente diverso nella sua uniforme. Vestiva piuttosto liberamente e sembrava quasi più un set di tute che un'uniforme vera e propria.

Si sedette a uno dei tavoli assegnati da Maria e girò la sedia in modo da poter guardare il palco. Tra pochi istanti, la maggior parte dei clienti avrebbe fissato il palco guardando le spogliarelliste, ma erano le dieci e tutti gli artisti erano "in pausa". Almeno così amava chiamarlo Ettore, il proprietario del locale. In realtà le ragazze - e i ragazzi - erano nelle stanze al piano di sotto a intrattenere ospiti speciali che avevano i soldi e l'influenza per fare qualcosa di più che eccitarsi per le sexy routine da spogliarellista.

"Almeno non sono caduta così lontano... ancora", pensò mentre si avvicinava per salutare il suo nuovo cliente. Maria non era una spogliarellista... e non era una prostituta... non era nemmeno una cameriera... era solo una mamma single senza competenze vendibili che, per sfamare la sua famiglia, si era ridotta a lavorare come quella che si chiamava una "B-girl".

Alle sue spalle, Hector diceva che le ragazze B erano "troppo goffe per ballare e troppo brutte per scopare". Lo scopo di una ragazza B era quello di sedersi con un cliente e renderlo felice... così avrebbero continuato a comprare da bere... così avrebbero comprato i suoi drink... così avrebbero speso lentamente tutti i loro soldi alla Cantina.

In cambio di ciò, le pagava il salario minimo e le lasciava tenere le "mance" extra che gli uomini potevano darle. Naturalmente, ogni volta che la pagava, accennava al fatto che avrebbe potuto dare mance molto migliori al piano di sotto. Non era sicura per quanto ancora avrebbe potuto dirgli di no. Con la base ormai quasi chiusa, i lavori erano quasi inesistenti nella zona e sua figlia stava arrivando a quell'età in cui cominciava a notare che le altre ragazze a scuola non dovevano indossare i vestiti dati loro dalle chiese locali e missioni.

“Ciao soldato,” disse con un sorriso forzato mentre raggiungeva il suo tavolo. "Ti spiace se mi siedo?"

"Sono aviatore", rispose, "ma puoi unirti a me."

"Allora", iniziò, "sei qui per divertirti un mondo?"

Il grande poster fuori dall'ingresso del club proclamava: "Buon divertimento all'inferno di una festa di Halloween della Cantina. She Devils - Ingresso gratuito. Non sono ammessi angeli. - Solo su invito - Notte di Halloween fino alle 2:00. Ha poi spiegato che potresti ricevere un invito alla festa chiamando o parlando con Hector DeSalvo, proprietario e gestore di The Cantina.

“Non esattamente”, ha risposto. Sembrava molto triste mentre parlava, e quando la guardava era come se stesse guardando attraverso di lei qualcosa in lontananza dietro di lei.

Aveva già visto quello sguardo molte volte, quando la base locale era ancora attiva. Era lo sguardo da mille metri che a volte vedevi nei veterani del combattimento. Ora, quello sguardo era raro in città, ma lo vedevi ancora una volta ogni tanto.

Maria sapeva che quando un uomo così distrutto entrava nel club, non c'era niente che potesse fare. Non volevano compagnia. Non volevano nemmeno davvero guardare gli spettacoli. Rimasero semplicemente seduti a fissare il palco - come se fissassero la vita - e lentamente si ubriacarono nell'oblio. Era l'unico modo in cui potevano smettere di vedere qualunque cosa fosse sempre a mille metri di distanza.

Maria fece per alzarsi, ma lui le mise una mano sul braccio e disse piano: "No, per favore resta".

Si rilassò sulla sedia. "Cosa dovrei comprarti?" chiese.

"Un highball", rispose incerta. "O un bicchiere di champagne, se sei in vena di festa", aggiunse cercando di sembrare un po' più allegra.

"Quanto tempo mi fa guadagnare?" chiese piatto.

"Non so cosa intendi", rispose.

"Qual è la tua quota?" chiese con fermezza. “Quante bottiglie di champagne dovrei comprare perché tu resti qui a tavola con me fino a dopo mezzanotte?”

Maria ha cercato di dare la sua risposta standard di "Per tutto il tempo che vuoi parlare".

"La verità", ha risposto. La sua voce aveva un po' più di spigolosità.

Ha provato altre tre volte prima di arrendersi e dire: “Un drink dovrebbe durare non più di dieci minuti. Una bottiglia, non più di mezz'ora. Non più di questo, e mi detraggono la paga.»

"Quindi cinque bottiglie garantirebbero che tu sia ancora seduto qui con me a mezzanotte", ha detto.

"O fino alla chiusura, se vuoi", iniziò a rispondere. Ma non era più di fronte a lei. Si era voltato per attirare l'attenzione di una delle cameriere. Sembrava che stesse cercando un server particolare. Alla fine la trovò e alzò il braccio per farle segno di attraversare la stanza per raggiungere il loro tavolo.

Normalmente anche alle cameriere venivano assegnati i tavoli, ma come diceva sempre Hector, "Ricorda, il cliente viene sempre prima di tutto". Rideva sempre quasi maniacalmente ogni volta che lo diceva.

La cameriera si avvicinò al tavolo portando il suo vassoio, come sempre. Era Deanna, l'unica altra donna del club che si rifiutava di scendere al piano di sotto. Lei, come Maria, era qui per disperazione perché non aveva altro posto dove andare.

Quando è arrivata, l'aviatore ha tirato fuori un portafogli da una delle tasche sul davanti della sua uniforme e ha iniziato a staccarne centinaia sul tavolo.

"Questo è per cinque bottiglie del tuo presunto champagne", disse mentre ne posava una pila sul vassoio della cameriera. "Dì al barista di tenerli sotto ghiaccio, ma per ora tienili dietro il bancone."

Poi ne mise altre due centinaia sul vassoio. "E questo è per un paio di offerte speciali pre-volo."

Quando lei sembrò confusa, lui rise leggermente e disse: “Dì al barista che si chiama speciale pre-volo perché è tre a uno 7up e Coca Cola. Sembra una bevanda mista, ma sei ancora pronto a volare.

Poi ne prese altri cento e li piegò nel senso della lunghezza. Questo l'ha messo nella scollatura dell'uniforme quasi attillata di Deanna. "Questo è il tuo consiglio per assicurarti che i nostri pre-voli siano pieni fino a mezzanotte."

Ha aggiunto un secondo conto e ha detto: "Questo per assicurare che in quei pre-voli non ci sia altro che 7up e Coca Cola".

Un terzo disegno di legge ha seguito il secondo. La sua voce divenne molto seria quando aggiunse: "E questo è un incentivo per te a fare una pausa sigaretta esattamente a mezzanotte". Sembrava un ufficiale che parla a un soldato quando aggiunse: "Niente che tu abbia mai fatto nella tua vita sarà più importante che assicurarti che allo scoccare della mezzanotte tu sia fuori dietro il muretto che sostiene l'insegna dove normalmente vai a fumare. .”

La cameriera lo guardò come se fosse pazzo, ma borbottò: “OK. Sicuro."

Un sacco di tipi strani andavano e venivano alla Cantina. Ma la maggior parte di loro non ha messo 300 dollari tra le sue tette. Deanna sapeva che le cose sarebbero state probabilmente davvero folli a mezzanotte. Sapeva anche che non sarebbe mancata se fosse scivolata fuori dalla porta sul retro per qualche minuto. Non che lei credesse a questo pazzo, ma forse avrebbe lasciato altri Benjamins se avesse visto che faceva quello che le aveva detto di fare.

Pochi minuti dopo è tornata con le bevande. Maria ha assaggiato il suo. "Questo ha un sapore molto migliore dell'acqua gassata e del tè istantaneo", disse piano.

"E non devi riparare l'inseguitore", rispose l'aviatore altrettanto piano.

Il tetto di lamiera era un trucco che le ragazze B usavano quando non avevano altra scelta che bere davvero un sorso di superalcolico. Hai bevuto il colpo come se te lo stessi buttando in gola, ma in realtà lo stavi tenendo con la lingua premuta contro il palato. Poi hai bevuto un sorso della tua bevanda finta e hai rovesciato l'alcol nel bicchiere. A volte diventava necessario rovesciare la tua bevanda finta per sbarazzartene, ma potevi sempre incolpare quel colpo che ti arrivava dritto alla testa per la tua goffaggine.

"Vuoi parlare di questo?" chiese piano.

"Parlare di cosa?" ha risposto.

"Qualunque cosa tu veda quando fissi", rispose Maria.

"Vedo un edificio in fiamme con dozzine di scolari che corrono nella notte", ha risposto in tono piatto. “La metà di loro è in fiamme. La maggior parte di loro sta morendo. Stanno tutti urlando”.

Maria ansimò.

«Me l'hai chiesto» disse con un'alzata di spalle. Poi continuò con la sua voce piatta e inespressiva. “Era Halloween nel '71. Doveva essere una missione di routine. Portavamo bombe estremamente accurate che potevano essere guidate con filo metallico con assoluta precisione anche di notte. Ecco perché abbiamo volato la missione nonostante sapessimo che la scuola era vicina.

All'inizio Maria pensò di aver sentito la data sbagliata. Stava per chiedergli di ripeterlo, ma l'aviatore la guardò... no, guardò oltre lei - mille metri più in là di lei - mentre continuava, "ma avevano missili sparati a spalla".

Ha bevuto un sorso dello speciale pre-volo prima di continuare: “Abbiamo subito un colpo mancato proprio mentre lanciavamo le bombe. Era abbastanza lontano da non disintegrarci, ma abbastanza vicino da staccare gran parte dell'ala sinistra e tutta la testa del mio secondo posto.

“Ho dato un pugno prima che iniziasse la sua rotazione piatta nel terreno. Ciò che restava del mio uomo d'ordinanza è entrato con l'aereo. Sono rimasto lì sotto il mio paracadute e ho visto entrambe le bombe andare fuori rotta e schiantarsi contro la scuola.

Espirò profondamente come se stesse fumando una sigaretta. I suoi occhi rimasero concentrati mille metri dietro di lei. "Fortunatamente, con tutto il caos", ha continuato, "sono stato in grado di raggiungere un punto di estrazione e di essere prelevato da una squadra di evacuazione".

Bevve un sorso del suo drink. "Gli altri due aerei del nostro gruppo avevano già guidato le loro bombe prima di essere colpiti". Fissò di nuovo qualunque cosa fosse che solo lui poteva vedere. «Ma questo significava che si stavano allontanando quando sono stati lanciati i missili. Erano troppo bassi e lenti per schivare, quindi ognuno ne ha preso uno su per il tubo di scappamento.

Guardò Maria. "Nessun sopravvissuto", disse quasi con un sorriso... o era una smorfia. Poi le versò il bicchiere e aggiunse: "... tranne me".

La cameriera arrivò con altre due specialità prima del volo. L'aviatore li annusò attentamente e ne assaggiò un piccolo assaggio prima di passarne uno a Maria. «Da allora è stata la mia missione», disse lentamente, «fare del mio meglio per evitare danni collaterali.»

"È per questo che sei qui?" chiese Maria.

"Non avrei dovuto dirti niente di tutto questo", ha risposto. Questa volta era un vero sorriso sul suo volto.

Ha iniziato a dire qualcos'altro, ma la pausa era evidentemente finita perché Hector, che fungeva da presentatore per la serata, stava urlando: "E ora, per il tuo piacere in questa notte infernale, il Cantina Club presenta con orgoglio Dolores, Sandy , Juney, Vicki, Chloe e Candi.

Sei giovani donne sono rimbalzate sul palco più o meno a tempo con la musica. Maria guardò il palco sorpresa. Nessuna di queste donne era una ballerina regolare del club. In effetti, non aveva mai visto nessuno di loro prima.

Le sei donne sono rimaste indietro dal bordo anteriore del palco e si sono trascinate in quella che doveva essere una danza erotica. Mentre si muovevano a tempo con la musica, si sono posizionati davanti a sei grandi sedie di legno che erano state sistemate in fondo al palco, di fronte alla folla. La musica finì e tutti si lasciarono cadere sulla sedia.

Dopo che tutti e sei si furono seduti, Hector urlò: "Stasera faremo una piccola gara che piacerà a tutti".

Rise e aggiunse con un'alzata di spalle: “Beh, forse non tutti. I cinque perdenti probabilmente non si divertiranno affatto. Quindi, tornando al suo grido da presentatore troppo enfatizzato, ha gridato: "Ma a tutti VOI piacerà, e questo è ciò che è importante".

La musica iniziò a suonare in sottofondo mentre diceva: “Il nostro primo round è una gara di ballo. E, naturalmente, per ogni gara dobbiamo avere dei giudici".

Sei figure vestite di nero con cappucci neri e maschere di teschi luminosi che oscuravano i loro volti uscirono e presero posto a una serie di tavolini rotondi che erano stati allestiti davanti al palco. Al centro di ogni tavolo c'era una scatola di circa quindici centimetri di lato. Il palco si illuminò di un bagliore blu mentre ogni giudice si sedeva. Pochi istanti dopo, un teschio bianco brillò di un blu più luminoso sulla parte anteriore di ogni scatola. Sulla parte superiore della scatola c'era un grosso pulsante rosso anch'esso illuminato in qualche modo. Accanto a ciascuna delle scatole luminose c'era una scatola piatta separata che somigliava in qualche modo a una piccola tastiera.

Dopo che tutte le figure vestite si furono sedute, Ettore urlò: "Non sono i giudici più spaventosi che tu abbia mai visto?" La folla mormorò e rise in risposta.

Aspettò che il rumore svanisse e poi fece una breve risata prima di dire: "I loro volti sono nascosti come carnefici perché questi giudici non scelgono un vincitore..." La sua risata fu lunga, sonora e malvagia prima di aggiungere , “Stanno scegliendo i perdenti”.

È tornato alla sua normale esuberanza di annunciatore quando la musica ha cominciato a diventare ritmata. "Dai una grande mano", ha gridato, "per la nostra prima ballerina... Dolores!"

Dolores, nonostante il suo nome, era una bionda dalla carnagione molto pallida. Era vestita con diversi strati di stoffa rosa molto diafana che iniziò a togliersi a tempo di musica. I suoi movimenti avevano una grazia morbida che alludeva a un allenamento classico, forse balletto. Ha anche ripetutamente girato rapidamente mantenendo la testa rivolta verso il pubblico con solo uno scatto molto veloce mentre girava la testa per stare al passo con il suo giro.

Mentre si liberava di ogni capo di abbigliamento, lo lanciava verso l'esterno verso il pubblico. La seta era così leggera, tuttavia, che nessuno di loro uscì oltre il bordo del palco. Dolores avrebbe aspettato che ogni oggetto galleggiasse lentamente a terra prima di iniziare a staccare l'oggetto successivo dal suo corpo. Alla fine, stava ballando solo con un piccolo perizoma e un reggiseno estremamente piccolo.

Cominciò a contorcersi. Questa volta non ha fatto lo schiocco della testa per tenere la testa rivolta verso il palco, ma invece ha fatto piroettare per diversi secondi come una pattinatrice sul ghiaccio. Quando è uscita dalla rotazione, era di fronte alla folla e le sue tette erano nude. Ci fu un'increspatura di suono mentre vari tavoli discutevano su dove potesse essere andato il reggiseno.

Dolores ha quindi iniziato a rimbalzare a tempo con la musica mentre si spostava sul palco a sinistra. Ha iniziato a riattraversare il palco con un passo che andava avanti e indietro dal dietro le quinte a quello rivolto alla folla. Mentre si muoveva, era ovvio che stava sciogliendo i lacci per i pantaloni. In qualche modo i minuscoli pezzi sono rimasti al loro posto anche se le corde erano ormai completamente allentate. Poi, proprio mentre faceva il suo ultimo giro e si trovava di fronte al pubblico, il telo era sparito e lei era in piedi, con le braccia alzate, di fronte alla folla.

Dolores si inchinò profondamente mentre la folla applaudiva, urlava e fischiava. Poi è tornata alla sua sedia e ha lanciato un bacio alla folla prima di sedersi.

"Non credo che Dolores perderà... questo round", ha detto Hector mentre tornava sul palco. Quando la musica è tornata su, ha detto: "Vediamo come sa fare Sandy".

Sandy era molto lentigginoso con capelli castano rossiccio molto chiari. I suoi seni erano molto prominenti, soprattutto in confronto alla magrezza del resto del suo corpo. Si è tolta la camicetta poco dopo essere salita sul palco, rivelando lunghe nappe appese a scintillanti pastiglie d'argento.

Non era neanche lontanamente aggraziata come lo era stata Dolores, ma la folla sembrava non accorgersene mentre faceva roteare ripetutamente le sue nappe tra brevi pause per rimuovere altri capi di abbigliamento.

Era ridotta a nient'altro che alle nappe con quasi un minuto rimasto nella musica e ha trascorso il tempo rimanente in piedi vicino alla parte anteriore del palco con i suoi seni che rimbalzavano selvaggiamente e le nappe che ruotavano in direzioni opposte. Proprio quando la musica finì, afferrò i fili rotanti con entrambe le mani e tirò via i pasticci dal suo corpo. Evidentemente le regole del concorso le imponevano di essere nuda quando la musica finiva.

Hector attraversò a grandi passi il palco mentre la folla scoppiava in un educato applauso. “Posso assicurarti”, disse solennemente, “che ogni centimetro di Sandy è totalmente naturale. Non c'è silicone in quelle caraffe. Questo è tutto lei. L'applauso aumentò leggermente mentre Sandy sollevava i seni e si girava di lato per far vedere alla folla che erano, in effetti, naturali.

Mentre si sedeva, Hector stava dicendo alla folla: “So che ti piacerà Juney. La prego di darle il benvenuto sul nostro palco”.

Ci sono state alcune grida e fischi quando la giovane ragazza indiana dalla pelle scura è scivolata davanti al palco. Non c'è altro modo per descrivere i suoi movimenti. Era molto magra e si muoveva come se le sue stesse ossa fossero flessibili.

Una volta che la musica ebbe raggiunto il volume massimo, Juney iniziò a contorcersi sul posto alzando e abbassando le mani. Era vestita con uno dei costumi tradizionali dell'India con molti gioielli e pezzi di metallo lavorati nel tessuto. In qualche modo, mentre riabbassava le braccia, riuscì a scivolare fuori dalle maniche della camicetta del suo top. Al terzo movimento verso l'alto con le mani, ha portato la camicetta sopra la testa rivelando un reggiseno di stoffa avvolgente.

Si è rivolta verso la parte anteriore del palco, si è piegata all'indietro e ha continuato a piegarsi finché il suo viso non si è alzato tra le sue gambe. Quindi allungò le mani dal basso e afferrò la cintura dei suoi pantaloni. Abbassandosi sullo stomaco e rotolando all'indietro, tirò le gambe verso l'alto fuori dal lungo indumento e continuò a rotolare finché non fu tornata in posizione eretta con la schiena ancora piegata fino al pavimento.

Poi si è mossa nel suo modo ondulato attraverso la parte anteriore del palco, svolgendo lentamente i molti strati di stoffa che le fasciavano i seni. Una volta scoperti, erano piuttosto piccoli e conici, ma l'areola era molto scura e gli stessi capezzoli erano lunghi almeno tre quarti di pollice.

Si alzò e ondeggiò al ritmo della musica per alcuni istanti mentre si massaggiava i seni. Sorprendentemente, i capezzoli sono cresciuti man mano che si indurivano sotto il suo tocco fino a quando non erano ormai lunghi ben più di un pollice.

Ricominciò a ondeggiare mentre svolgeva gli strati di stoffa che formavano una specie di fondo bikini. Il suo svolgimento è stato accuratamente sincronizzato in modo che quando la canzone è finita, lei era in piedi davanti al palco, completamente nuda, con un grande fagotto di stoffa in mano.

La folla ha mostrato il proprio apprezzamento con forti applausi e applausi mentre lei tornava indietro e prendeva posto in fondo al palco.

Hector si è nuovamente avvicinato al palco gridando: “Non è stata fantastica? E che dire di quei capezzoli? Potresti massaggiarti la parte posteriore della gola con uno di quelli.

Ha aspettato che le risate si placassero e la musica iniziasse prima di gridare: "E ora... Vicki".

L'abito di pelle bianca di Vicki contrastava con la sua pelle color ebano scuro. I suoi capelli erano tagliati corti e arricciati vicino alla sua testa. Era ovvio che tutta la sua pelle, almeno quella che si vedeva al momento, era ben oliata. Sembrava quasi brillare mentre le luci del palcoscenico di vari colori si riflettevano sulle sue braccia e gambe.

La musica era forte e molto ritmata mentre si faceva strada sul palco. Ben presto la luce si rifletteva da gran parte del suo corpo. Ballare energicamente mentre è ricoperta di olio ha i suoi inconvenienti, e presto era luccicante di sudore oltre che di olio. Tuttavia, non ha sminuito la sua performance. In effetti, la lucentezza del sudore rendeva la sua danza ancora più erotica.

Chiamare quello che indossava sotto il vestito "biancheria intima" è un po' impreciso. Indossava mutandine e reggiseno di lattice bianco attillati. Si potevano sentire diversi commenti che ipotizzavano se fossero stati dipinti o meno e se sarebbe stata in grado di rimuoverli effettivamente mentre ballava.

La sorpresa di lei che ha improvvisamente strappato le chiusure in velcro nascoste sul suo reggiseno mentre lo strappava dal suo corpo ha fatto sussultare la folla e poi applaudire selvaggiamente. Grida e fischi accompagnavano la sua azione simile mentre strappava i glutei e se li tirava tra le gambe, rimanendo sempre al passo con la musica.

Quando la canzone ha raggiunto la fine, si è rivolta verso il fondo del palco e si è chinata completamente in modo che i bordi dei suoi seni ben formati fossero premuti contro la parte anteriore delle sue gambe e il suo viso fosse capovolto tra le sue gambe, sorridendo alla folla . Contrasse e aprì le natiche a tempo con il pesante ritmo finale della canzone in modo che il suo ano sembrasse strizzare l'occhio alla folla mentre si alzavano per rallegrare la sua esibizione.

"Sembra che neanche Vicki sarà sul posto caldo in questo primo round", ha detto Hector con una risata mentre tornava sul palco. Fece di nuovo la sua risata malvagia e aggiunse: "Ma ci sono altri quattro round dopo questo".

La musica è ricominciata e Candi è saltata fuori dal palco. Sembrava molto giovane, ma aveva ancora quell'aspetto indurito che la maggior parte delle spogliarelliste acquisisce dopo alcuni anni sul palco. Aveva capelli rosso fuoco e brillanti occhi azzurri che sembravano illuminarsi mentre sorrideva al pubblico.

Il suo vestito doveva imitare quello di una scolaretta inglese fino alla gonna scozzese. A differenza delle altre ragazze, indossava diversi strati di vestiti. Sotto la camicetta c'era una sottoveste e sotto la gonna c'era un'altra sottoveste ampia. Ogni capo di abbigliamento veniva versato con molti timidi sguardi alle sue spalle. Ai non iniziati che non vedevano la durezza sottostante nel suo viso, sembrava quasi che lo stesse facendo per la prima volta e fosse imbarazzata nel mostrare il suo corpo.

Candi era un esperto nel fingere timidezza e inesperienza. Almeno una dozzina di uomini che guardavano avevano pagato per prendere la sua verginità. Uno aveva persino pagato un extra per il privilegio di prenderlo con la forza.

Ha fatto pensare a ogni uomo del pubblico che li stesse guardando direttamente mentre si toglieva ogni capo di abbigliamento. Mancava ancora più di un minuto della sua canzone quando non era rimasta che i calzini bianchi di cotone che le arrivavano a metà delle ginocchia. Dopo essere scivolata diverse volte verso la parte anteriore del palco come se fosse sul ghiaccio, si è messa di lato rispetto alla folla e ha fatto scivolare lentamente la mano lungo la gamba fino a raggiungere la parte superiore del calzino. Si voltò leggermente mentre spingeva il calzino sulla caviglia e sul tallone in modo che il suo culo fosse perfettamente in mostra a metà del pubblico. Poi improvvisamente si è alzata in piedi e ha lanciato il calzino sulla folla.

Molti degli uomini saltarono per questo come damigelle impazienti che cercano il bouquet della sposa. Due uomini finirono sul pavimento a litigare per un minuto o due prima che l'uomo più grosso si alzasse urlando con il calzino tenuto alto sopra la testa.

Candi ha poi ballato dall'altra parte del palco e ha ripetuto le sue azioni con l'altro calzino. Questa volta, ha tirato indietro la gamba come se stesse per calciare il calzino fino in fondo alla stanza, ma poi l'ha lanciata al centro del tavolo davanti, al centro del palco.

Quindi è tornata alla sua sedia oscillando i fianchi a tempo con la musica e sedendosi esattamente sull'ultimo battito della canzone.

"Non mi stanco mai di guardare Candi ballare", ha detto Hector con un sorriso. Dopo che la folla si è finalmente calmata e la musica è tornata a salire, si è voltato verso l'ultimo ballerino che si stava muovendo verso la parte anteriore del palco.

"La nostra ultima ballerina è Chloe", ha gridato. Poi, scuotendo la testa, disse con voce molto più dolce: “Vorrei poter dire di aver lasciato il meglio per ultimo, ma Chloe ha avuto problemi a rispettare il suo contratto ultimamente. Speriamo che metta tutto il suo impegno in questo concorso.

Chloe si fece strada verso la parte anteriore del palco. Non ha nemmeno tentato di mostrare il sorriso incollato comune alla maggior parte delle spogliarelliste. Il suo viso sembrava più quello di un prigioniero che cammina verso la camera delle esecuzioni. I suoi capelli biondi erano ovviamente una parrucca ed erano altrettanto ovviamente sciolti sulla sua testa. I suoi movimenti erano fluidi, ma in qualche modo non aggraziati ed erano appena abbastanza fuori sincrono con la musica da essere percepiti a disagio.

La folla è rimasta in silenzio durante la sua routine ed è rimasta in silenzio mentre faceva scivolare le natiche a terra con un movimento simile a un serpente che non si è concluso del tutto in sincronia con la musica.

Hector salì lentamente sul palco mentre lei fissava la folla. Le afferrò la parrucca dalla testa mentre lei si voltava per tornare al suo posto. Con evidente disgusto, l'ha buttato giù dal palco e si è voltato verso la folla.

"Mi scuso per questo", ha detto. "Ma Chloe sa che non sa ballare per niente, e immagino che abbia appena rinunciato."

Fece una risata molto lunga, molto rumorosa e dal suono molto malvagio prima di dire: "Con così tanto in gioco, non riesco a immaginare che qualcuno si arrenda, ma quando sai che non puoi vincere e andrai comunque all'inferno, è difficile fare del tuo meglio.

Quindi è tornato alla sua voce da annunciatore normalmente esuberante e ha detto: "Sono sicuro che sappiamo tutti chi è il perdente, ma penso che dovremmo lasciare che i giudici votino".

I sei giudici vestiti di nero picchiettarono sulle loro piccole tastiere. Poi Ettore urlò: "Vota tre... due... uno... ADESSO!"

Tutti e sei i giudici hanno sbattuto le mani sui grandi pulsanti rossi. Cinque luci rosse si accesero sullo schienale della sedia di Chloe e lei urlò forte mentre il suo corpo tremava e vibrava per i forti impulsi elettrici che lo attraversavano. Evidentemente le sedie avevano grandi elettrodi sui sedili, sullo schienale e sui braccioli.

Una luce rossa apparve sulla sedia di Sandy e lei urlò e balzò in piedi. Evidentemente lo shock attraverso la sua sedia non è stato sufficiente per congelare i suoi muscoli in posizione.

"O uno dei nostri giudici odia davvero le nappe", ha detto Hector con una risata, "o qualcuno ha premuto il numero sbagliato sulla sua tastiera."

"Hanno messo quelle maledette etichette in modo sbagliato", ha detto una voce burbera dal tavolo dei giudici.

"Bene", disse Hector, "in tal caso lo correggeremo mentre Chloe riceve la sua punizione per aver perso."

Mentre parlava, due uomini in blue jeans sporchi sono entrati sul palco portando una trave imbottita che sembrava il cavallo con maniglie di un ginnasta, solo che sembrava essere un po' più corto e non aveva i due grandi anelli di ferro al centro. della sua spessa barra imbottita. Una volta che l'hanno sistemato al centro del palco, uno di loro ha fatto cenno a Chloe e lei è uscita esitante verso il centro del palco.

"Non costringermi a costringerti a metterti a posto", disse Hector minacciosamente e lei si drappeggiò oltre l'estremità della trave imbottita. La sua testa pendeva da un'estremità e il suo culo sporgeva leggermente dall'altra estremità. Uno degli uomini le tirò le braccia verso il basso e le legò alle gambe della trave. L'altro uomo piegò le gambe all'altezza del ginocchio in modo che la parte inferiore della sua gamba fosse in linea con l'altra serie di gambe. Poi le legò le caviglie e le ginocchia in posizione. Il risultato era che assomigliava un po' a un fantino curvo su un cavallo da corsa con la testa bassa e il sedere leggermente sollevato in aria.

Ettore si avvicinò per mettersi accanto a lei. Teneva in mano una pagaia di cuoio nero piuttosto grande. "Per quanto mi piacerebbe sculacciare questo culo disobbediente", disse con leggerezza, "le regole del concorso dicono che i non perdenti puniscono il perdente". Fece un movimento dimenante con la mano mentre aggiungeva: "... più o meno".

Dolores, Sandy, Juney, Vicki e Candi si alzarono dalle loro sedie e formarono una fila dietro Hector. Porse la pagaia a Dolores e disse: "Cinque colpi da ciascuno di voi". Il suo viso divenne fermo e arrabbiato quando aggiunse: “Rendili buoni. Ci ha messo tutti in imbarazzo.

Dolores ha abbassato lo sguardo sul sedere tremante di Chloe per un momento prima di fare un grande swing all'indietro e abbassare la pagaia esattamente su entrambe le natiche. L'urlo di Chloe era abbastanza forte da essere sentito nel parcheggio. Dolores lo ha seguito con altri quattro colpi ugualmente potenti.

Sandy, Juney e Vicki hanno seguito l'esempio di Dolores e hanno lanciato potenti colpi direttamente sul culo in controtendenza di Chloe mentre il pubblico li incoraggiava.

Candi si fermò per strofinare leggermente la mano sulla pelle ora rossa e piena di vesciche di Chloe. «Oh», disse con finta sorpresa, «stai finalmente mostrando un po' di calore sul palco. Forse alla fine riuscirai a farlo bene, tesoro.

In seguito, fece oscillare la pagaia cinque volte molto rapidamente. Il primo schiaffo è stato in cima al culo di Chloe, quasi sulla sua schiena. Ogni schiaffo si spostava leggermente verso il basso in modo che l'ultimo fosse direttamente sopra il punto in cui la curva del sedere di Chloe si fondeva con le sue gambe. La leggera risata di Candi mentre tornava al suo posto si perse sotto le urla e i singhiozzi mentre la mente e il corpo di Chloe elaboravano il dolore che aveva appena sopportato.

I due uomini che avevano sistemato la trave imbottita tornarono sul palco e liberarono Chloe dai suoi vincoli. Poi l'hanno sollevata e più o meno trascinata di nuovo alla sua sedia. Uno di loro portava diverse cinghie di cuoio nero che usavano per legarla alla sedia. Una cinghia le cingeva il petto, tenendola stretta contro la schiena. Un altro le passò sopra la vita tenendo saldamente il sedere gonfio contro il sedile. Altri due sono stati usati per legarle i polsi e altri due sono stati posizionati appena sotto i gomiti in modo che i suoi avambracci fossero tenuti saldamente ai braccioli della sedia. Quattro cinghie sono state utilizzate in modo simile per tenere i polpacci stretti contro le gambe della sedia. Un'ultima cinghia è stata utilizzata per tenere saldamente la testa contro la parte superiore dello schienale.

Mentre gli uomini legavano Chloe al suo posto, l'aviatore si avvicinò a Maria. "Sai perché sono disposti a rischiare così tanto partecipando a questo concorso?" chiese piano l'aviatore.

“No”, rispose Maria. “I guess they are more desperate than I am.”

“They sold themselves to the Devil many, many years ago,” the airman said. He had returned to the totally flat voice from earlier. “They know that this Halloween marks their time of reckoning. The Devil is to claim them tonight. This contest was their only chance that they might escape their fate.”

Maria thought for a moment and was going to ask the airman to explain further, but Hector’s voice interrupted her as he cried out to the crowd, “Are you all having a Hell of a Time?”

A thunderous “Hell, yes!” answered him.

“Then let’s continue our contest!” he screamed back. Lowering his voice and leaning toward the crowd he looked from side to side and then said, “I think it’s time to lock the doors and shut off the outside lights.” There was a loud click as the front doors electronically closed and the glare of neon which had been coloring the few windows disappeared.

“Don’t worry,” he said in an attempt at a soothing tone of voice. “If anything happens, you can still get out, but no one is going to be coming in and stopping our Halloween contests.”

The crowd cheered in response.

Maria whispered softly, “It’s this way every Halloween. They lock everything up and make it look like we’re closed so they can go full illegal on stage.”

“That’s not the only reason,” the airman replied softly.

“So...” yelled Hector, “now that we are alone, shall we find out which of our young ladies is the best– or more importantly, the worst– cocksucker?”

Again the crowd screamed back, “Hell, Yes!”

Hector smiled out at the crowd and said, “You are my favorite devils to be. And all of you will definitely have a real Hell of a Time soon.” He then laughed very loudly and added, “... very soon.”

If anyone outside the club had heard the laugh, they would have thought it was the beginning of a grade Z horror movie. The people in the crowd, however, responded with cheers, whistles, and foot stomping.

As the deafening noise slowly died down, five naked men walked onto the stage. Two of the men would most likely be classified as brown. One was obviously from the Middle East while the other was most likely from the Indian subcontinent. The third man was jet black. His skin was oiled and reflected the lights as he walked. The fourth seemed to have olive skin with almost red overtones. And the fifth was a rather pale blond. All were very well endowed.

They walked to stage center and stood facing the audience while standing about half-way back on the stage.

Hector turned to face the women sitting on the stage. “Ladies,” he exclaimed loudly, “you may pick the prick you are going to suck.” He laughed softly as he added, “... but choose wisely.”

Dolores, Sandy, Juney, Vicki, and Candi got up from their chairs and walked over to stand in front of the men. Despite what Hector had said, they lined up as they were in front of the five men.

“No hands,” Hector said loudly. “You can use only your mouth and your tongue.”

The five women sank to their knees.

“Speed is not the only thing that matters here,” he continued. “When you finish, you will return to your chair. After everyone is finished, the judges will vote.”

He laughed his evil laugh and added, “Of course, the last one to bring off her volunteer had better be ready for some fireworks.” After another loud laugh he finished with, “... because unless you do something really spectacular, you are going to be the judges’ favorite.”

The five women leaned forward and pulled the pricks into their mouths. Soon their heads were bobbing and soft slurping noises filled the club.

Either Sandy was a really excellent cock sucker or the man she chose had a hair trigger. In either case, just a few moments after they began, he gave a loud groan and bent over slightly.

Sandy continued sucking on his cock for a just almost a full minute and then stood and walked over to where Hector was standing holding a martini glass. She bent her head and allowed her mouthful of cum to slide down into the glass.

After a short while, both Dolores and Vicki did the same thing.

There was a much longer pause before the man Juney was sucking gave a loud groan and spurted into her mouth. The glass was about half full after she spit the spunk from her mouth and returned to her seat.

Candi continued to suck and slurp for several more minutes. The man was groaning loudly and was obviously greatly enjoying what she was doing, but he had not yet popped. Finally, with almost a shriek, he erupted into her mouth.

Candi’s cheeks bulged and her eyes opened wide as he thrust several times and continued to pump jism into her mouth. Finally he gave a deep sigh and placed his hands on the top of her head.

She waited until he had stopped patting her before she rose and walked over to Hector. When she bent over and opened her mouth, the liquid overflowed the glass in Hector’s hand.

The crowd responded with shouts and applause. Hector gave a signal of some sort and a scantily clad woman rushed onto the stage carrying a serving tray. He set the glass on the tray and wiped his hands on the towel which hung from her arm.

Turning to the judges, he called out, “Are you ready to vote?”

The grunts from the table evidently indicated yes because Hector walked over to stand behind the chairs where the women were seated and yelled loudly, “Then... vote!”

Both Juney and Candi cried out as two lights flashed on their chairs. Dolores also yelped as one light lit on hers. A moment later she yelped again as a second light came on. Chloe screamed loudly as all six lights flashed on her chair.

“We seem to have a tie,” Hector said loudly.

The gruff voice from the judges’ table again called out, “I meant to vote for Juney. I think quality is more important than speed.” He seemed to mutter to himself for a moment before saying aloud, “These damn buttons are confusing.”

Hector looked angry, but said very quietly, “I guess we will just have to have a re-vote. Judges, set your votes.”

He looked up and said angrily, “Someone help Harold with his keypad.” After a short pause he once again said, “Vote... NOW!”

This time three lights lit on Juney’s chair, two on Candi’s and one on Dolores’. Again, all six lights lit on Chloe’s chair. Both Juney and Chloe screamed loudly.

“Someone evidently doesn’t like speed at all,” Hector said with a chuckle. “And three of you think that Candi was a better cocksucker even though she brought off her man last.”

He looked off stage and said loudly, “That means that Juney is our loser for this round.”

Several men, dressed in black, ran onto the stage and secured Juney to her chair as they had done to Chloe earlier. Hector slowly walked over to stand in front of her and signaled for the waitress with the tray to join him.

He picked up the slimy martini glass from the tray and held it in front of Juney’s face. “Open wide,” he said cheerfully. Then he added in a much more gruff voice, “Don’t make me resort to a spacer gag.”

Juney dutifully opened her mouth and Hector poured the vile drink down her throat. He then turned to the crowd and asked, “Do you think she’s had enough?”

The crowd roared back, “Hell, NO!”

“I didn’t think so,” he responded with a chuckle.

The scantily-clad waitress reappeared with her tray. This time, sitting on the tray was a very large snifter filled with cum. Hector smiled out at the crowd and said, “Thank you to all the volunteers who contributed to tonight’s program.”

He then tipped the contents of the glass into Juney’s very unwilling mouth.

After Hector walked back to the center of the stage, one of the men who had bound Juney to the chair returned with a wide strap which he used to pull her head tight against the high back of the chair. She was now totally bound exactly as Chloe was.

“Lets remind our audience who our losers are so far,” Hector said with a laugh. All six lights flashed brightly for several seconds on Chloe’s and Juney’s chairs.

As their screams– and the applause from the audience– slowly faded. The airman pulled a cigarette from one of his pockets and lit it. Marie started to say something about no smoking in the club, but then she realized that many of the customers tonight were openly smoking at their tables.

He blew smoke toward the stage. “Have you noticed that the regular dancers aren’t here tonight?” He paused, pointed with his cigarette toward the bar, and said “That’s not the regular bar crew either, is it?”

“I guess not,” Marie answered as she looked around. Until the airman had pointed it out, she hadn’t noticed that she didn’t recognize any of the other staff working the party.

“Do you recognize any of the customers?” he asked.

“N... no... I guess not,” she said shakily, “but it’s by invitation only tonight.”

The airman took a deep drag on his cigarette and held up his invitation. “Do you know what one of these invitations cost?” he asked.

She looked back at him blankly and he gave her a very strange smile. “Your soul,” he said quietly.

Or at least that is what she thought he said. It was hard to be sure because as he was speaking, Hector had again come to the center of the stage and was bellowing out, “Are you all having a Hell of a Time?”

Once again, a thunderous “Hell, yes!” answered him.

“Then let’s go deeper into Hell!” he screamed back. “It’s time for round three!”

The stage hands began carrying what looked like small divans onto the stage. They appeared to be rather worn, but still looked very soft. After four divans were placed across the front of the stage, four naked women walked onto the stage.

Three of the four were bare between their legs. The fourth sported a huge bush of fiery red hair. As they walked onto the stage, all four of the women displayed that jaded look that comes from years of using your body for the entertainment of others. Their faces formed identical plastic smiles as they turned toward the audience and sat down on the divans.

The divans were arranged so that the short side of the backless couch was facing the audience. That allowed the women to lay back and spread their legs with their crotches right at the edge of the divan. They each did so, and the crowd roared its approval.

“We have four desperate contestants still active in our little contest,” yelled Hector. He laughed slightly and said loudly, “We have already established that they are pretty good cocksuckers. Let’s see how good they are at cunt lapping!”

He clapped his hands loudly and said, “Dolores... Sandy... Vicki... Candi... get your asses out here!” He laughed again and said, “Or maybe I should have said get your tongues out here.”

The four women filed slowly out to the front of the stage and knelt in front of the divans. “Obviously,” Hector said with a smile, “speed is not the primary object here. For a woman, the journey is as important as the ending, no matter how happy it might be. The judges will primarily be evaluating the quality of the orgasm and the overall pleasure that the woman appears to receive.”

“Are the judges ready?” he asked.

A chorus of grunts and yeahs came from the judges’ table.

“Then begin,” Hector yelled.

Vicki raised her head slightly and began running her tongue along the abdomen of the woman in front of her. The other three went directly for the slit, slurping and lapping noisily.

Dolores had the woman with the hairy bush. It was obvious that the thick hair was creating problems for her. Several times she pulled her head up as if she were choking, but quickly dove back between the redhead’s legs.

Candi seemed to be concentrating on her woman’s clit. She was suckling as if it were a breast and the woman was responding with ever increasing cries of “Oh, oh, oh, oh...” Suddenly the woman’s legs began thrashing and Candi pressed in even tighter. She was now running her tongue up the entire length of the woman’s cunt as if it were a large lollipop. After just a few moments of that fevered lapping, the woman screamed out loudly and wrapped her legs around Candi’s head. After several more short screams and grunts she fell back against the divan, panting heavily. Candi stood slowly and walked back to her chair.

The woman that Sandy was pleasuring was beginning to groan loudly. Sandy seemed to be trying to see how deeply into the woman’s cunt she could drive her tongue. The groans were slowly morphing into cries of pleasure and the woman’s hands were now on Sandy’s head, pulling it tighter to her body.

The woman’s cries were now, “Ah, ah, ah, ah...” and were in time with the thrusts of Sandy’s head and tongue. Suddenly Sandy shoved upward on the woman’s thighs pushing her legs over her chest. The tongue that had been thrusting deeply into the woman’s cunt now zeroed in on her rosebud.

A scream of “Aiiiieeee!” filled the room and the woman’s legs, still pushed tightly against her body, thrashed wildly. Sandy switched to running her tongue from the woman’s asshole all the way up through her slit to her clit, at which time she evidently clamped down with her lips to nip at that sensitive bud. The woman’s cry became much louder and much more shrill as she convulsed in orgasm.

After the woman’s cries were reduced to soft moans and gasps for air, Sandy stood up and she, too, walked back over to her chair.

Vicki moved down from her woman’s abdomen to between her legs. From the rhythmic grunts, it was apparent that she too was using her tongue as a flesh dildo to bring the woman off. She may or may not have planned to rim the woman to orgasm, but she didn’t have the opportunity. The woman suddenly screamed out a very loud, very shrill scream and went over the top.

Meanwhile, Dolores was still attempting work her way through the thick red bush between the legs of the woman before her. When she once again pulled up and started coughing, it was the woman who got up... and walked off the stage.

“Oh...” Hector called out in mock sympathy, “that doesn’t look good.”

Dolores rose to her feet and walked dejectedly over to her chair. There was no doubt in her mind that she had lost as she sat staring blankly out over the crowd.

Hector looked out at the crowd and asked loudly, “Do we really have to vote?”

A loud, “Hell, NO!” came back from the audience.

Hector chuckled and said, “Well, you’re probably right, but I guess we should make it official. Judges, set your votes and vote... NOW!”

All six lights flashed on Dolores’ chair and she screamed loudly. She did not scream alone, however, because the six lights on Chloe’s and Juney’s chairs also lit just as brightly.

Dolores slumped in her chair almost as if she had been rendered unconscious. She slowly raised here head, however, as Hector began to speak.

“Since Dolores doesn’t seem to know how to give a woman an orgasm,” he said loudly, “I think we should teach her what a female orgasm actually is.”

The crowd shouted noisily. Many of the men seemed to be volunteering to show her what a good fuck was really like.

“I know that many of you could more than adequately service poor Dolores,” Hector said slowly as he smiled at the crowd. “But we don’t want to reward her with pleasure. We want to punish her with pleasure.”

He made a sweeping gesture toward the center of the stage and two of the stagehands quickly pushed a platform out to stage front. On the platform was a Sybian female masturbation machine.

The crowd roared its approval as Hector explained, “Many women get pleasure from these marvelous machines, but they can also be used for torment.” He laughed, “It’s simple. All you have to do is tie a woman to the machine and let it fuck her brains out... and then some.”

The two men who had brought out the machine walked over to where Dolores was seated and roughly pulled her to her feet. They then frog-marched her over to the Sybian and just as roughly forced her down onto the twin dildos which stuck up from the center of the machine. After they strapped her firmly in place with several wide nylon straps, one of them then picked up the remote and twisted the vibration control to maximum.

Dolores immediately gave out a loud “AAAAaaahhh!” as the vibrations tore through the center of her body.

The man waited for several minutes and then twisted the control for the rotation of the front dildo. As it went to maximum, Dolores began crying out, “No, no, no, no, no, no...” Each “No,” however, seemed to be slightly higher and slightly breathier.

After just a few moments she screamed out in orgasm and began pleading, “Please, shut it off... please shut it off... shut it off... shut it off... shut it off...”

Hector looked out at the crowd and asked, “Should we shut it off?”

They screamed back, “Hell, NO!”

Hector stood alongside Dolores at the front of the stage. Each time she screamed out in orgasm he held up one more finger. When he was holding up all of the fingers of one hand and one finger of the other, the airman again leaned in toward Maria and said softly, “You’ve been here for three of these parties before. Do you remember what happens at midnight?”

Maria thought for a moment and said, “It gets kind of weird around then. Hector times it so the final voting is exactly at midnight. All of the judges make their final vote and then all the lights go out and all you can see is the lights flashing on the losers’ chairs. When the lights come back on, only the winner is on stage. Even the judges are gone. Everybody leaves after that because the party’s over.”

“Where do the losers go?” the airman asked.

“I... I... I... don’t know,” Maria stuttered out. “I guess I never thought of it.”

“How do they get off stage?”

“I don’t know.”

“What time does the party actually end?” he almost shouted.

Maria looked back at him with an expression of shock on her face. “I don’t know,” she finally whispered. “The last thing I can remember clearly from last year is Hector calling for the final vote of the judges.”

The airman pulled another cigarette from his pocket and lit it with a square-looking Zippo lighter. He snapped the case shut by hitting it against his arm and then took a deep drag on the cigarette. As he slowly exhaled, he said, “You don’t remember because Hector suspends time within The Cantina at midnight and your mind can’t process what is happening.”

He gave Maria a very quick smile and said, “He doesn’t draw you into his time because he needs one or two innocents here to keep The Cantina anchored in this reality.” The smile faded as he said, “Tonight, with me here, you will see Hector for what he really is.”

Maria wanted to ask the airman what he meant by that, but Hector was once again yelling, “Are you having a Hell of a time?”

The building shook as the crowd screamed back, “Hell, YES!”

“Then,” Hector said with a laugh, “it’s time for round four.”

Maria looked back over at the stage. Dolores was now bound in her chair in the same exact fashion as Chloe and Juney.

“Let’s remind people who our losers are so far,” Hector yelled out and the six lights on Chloe’s, Juney’s, and Dolores’ chairs flashed brightly. Chloe and Juney screamed loudly. Dolores merely shook her head slightly and gave a soft groan of pain.

“Sandy, Vicki, and Candi,” Hector shouted, “front and center!”

The three women scurried to the front of the stage.

“Our next contest is relatively simple,” Hector began to explain as the stagehands noisily dragged a thick pole onto the stage. The pole was about seven feet high and was held upright on a square, wooden, platform that was a few inches high.

“The object of our little contest,” he explained, “is to NOT be the one who is tied to this post.” Hector paused to laugh. “So,” he continued, “all you have to do, is tie one of your opponents to the post. It doesn’t matter which one. The person tied to the post is the loser. The two who walk away are the non-losers. It’s that simple.”

He then handed each of them a long length of leather. After the three women had stepped back slightly so they were equidistant from him, he shouted, “Begin!” and jumped out of the way.

The three women slowly moved in a large circle trying to stay out of each others clutches, while at the same time trying to grab one of the other women so that they could bind them to the post.

At one point Vicki almost had Candi in her grasp, but Candi twisted away. Sandy then made a grab at Vicki, but she was unable to hold her firm. Suddenly Candi jumped at Vicki and grabbed her firmly by the arms.

“I’ll pull her over to the post,” she said to Sandy, “and you tie her in place.”

Sandy nodded her head and Candi dragged Vicki backwards toward the post. When she reached the post, she released her grip on one of Vicki’s arms for just a second so she could reach around the post and drag Vicki back against it.

“Got you, you slut,” she screamed as she pulled Vicki tight against the post.

“No,” Sandy screamed. “Got You!”

Before Candi realized what was happening, Sandy quickly wrapped the leather thong around her arms, effectively tying her face first against the post.

Vicki squirmed out of Candi’s now trapped arms and both she and Sandy walked, laughing, back to their seats.

Hector’s laugh rumbled through the room. Soon the entire audience was laughing with him as he stood next to Candi while she pulled frantically at her bonds.

“I guess you didn’t know that Vicki and Sandy are lovers,” he said with a laugh as he reached out and ran his hand down Candi’s back and ass.

“I really wish I had time to take advantage of this,” he said almost softly. “I would really love to turn your ass to hamburger with my bullwhip.”

He took a deep breath and said, “I guess that is for some other time.” Turning to face the judges’ table, he said, “This won’t be official until you vote, so give us a minute to get Candi properly in place.”

The stagehands rushed out, untied Candi, and dragged her over to her chair. As soon as they had her strapped in, they stepped back and Hector shouted, “Vote now!”

Six lights lit brightly on four of the chairs and four extremely loud screams echoed through the room.

“Oh,” Hector said sadly as he shook his head, “I so wish that I could have reddened her ass. It is so pert and lovely that it just calls for the whip.”

He suddenly yelled out, “Do I own this club or not?” He then looked out at the audience with his most evil smile and said with a chuckle, “I’m going to change the program a little, if you don’t mind.”

The audience responded with cheers and applause.

Motioning to the stagehands, Hector ordered, “Bring her back here and hang her from the pole.”

The two stagehands unstrapped Candi and more or less dragged her over to the tall pole. They threaded one of the leather straps through an eyebolt near the top of the pole and tied her hands in place. One of them pulled on the leather to tighten it so that she was forced to stand slightly on tip-toe.

Then they used the other two pieces of leather to tie her feet to the platform which supported the pole. Evidently there were holes in the platform itself because they threaded the leather through something and pulled her feet out so that she was basically hanging from her hands.

“Now she is ready,” Hector said with a leering smile. One of the stagehands ran to give him a large bullwhip and he cracked it noisily above the crowd.

“How many should I give her?” he asked the crowd.

Cries of “One hundred” could be heard from several people.

“That’s too many,” Hector said loudly. “We don’t want to kill her... ... yet.”

He then nodded his head slowly as if thinking. “Thirty-nine would be a good number,” he said calmly. Then his voice became almost excited as he finished with, “But since it is Halloween, why don’t we make it thirteen.”

He then snapped the whip so that it cracked very loudly just above Candi’s head. As he drew the whip back and lashed it forward once again, those who were at the right angle could see that the whip began its supersonic snap just short of Candi’s ass. Then, as it went through its flip, the final two or three inches of the whip’s tassel slammed against Candi’s asscheek. The snap of the whip tassel and the snap of it hitting her skin and sound of her scream all seemed to happen at the same time.

“One,” Hector said softly.

The airman handed another pre-flight special to Maria. “Tonight,” he said softly, “because I am here with you, you will be able to see and hear what is going on when Hector suspends time. In what is less than a second to the outside world, he is vulnerable, and that is when he will be destroyed.”

Maria looked at the airman. Her eyes were very wide with fright. She could still hear Hector counting softly in the background, but his voice was not what scared her.

“Hector is a demon,” the airman continued, “... one of the highest ranking servants of the Devil running free on the earth.”

He blew smoke over at the stage where the count was now at nine.

“The angel squadron has been after him for centuries,” the airman explained, “but hasn’t been able to get to him because he is only vulnerable when he shows his true self to claim his victims.” He grimaced. “And he only does that one night each year.”

He stopped to pick at a small piece of tobacco on his lips. Evidently his cigarettes were unfiltered. Then he continued, “He has always been safe here within The Cantina because of the spells and enchantments he has cast on the place. But tonight, because I am already within that protective spell, the Angel Squadron will be able to enter and destroy him.”

“Are you an angel?” Maria asked.

“If I were,” he answered with a short laugh, “the demon at the door would never have allowed me to enter.” He took another deep drag on his cigarette. “I’m just a man... and not a very good man at that. That’s why the demon let me enter.”

“So you’re here to destroy Hector?” lei chiese.

“No,” he said with a smile. “The Angel Squadron will do that. I’m just here to prevent collateral damage.”

Once again Maria was going to ask something but was cut off by Hector’s scream of “Are you having a Hell of a time?”

The “HELL, YES!” was more thunderous than ever.

Maria looked back at the stage. Candi was now restrained tightly in her chair and the stagehands were rapidly setting up a small wrestling ring in the middle of the stage. Once it was in place, Hector walked over and began squirting something on the floor of the ring from a large bottle. It looked like baby oil.

Looking out at the audience and laughing, he said, “We need to slick it up a little to make it interesting.” He then called out loudly, “Sandy... Vicki... Get your asses into the ring!”

The two women hurried into the ring. Vicki had a little trouble getting over the ropes and ended up having to crawl through them. Sandy vaulted her body over with no problem. Hector met them in the middle of the ring. Maria noted that he had left himself a narrow passage on the mat which was not covered with oil.

In his hands, he was holding a large bag. He reached in and brought out two more bottles similar to what he had used to coat the ring with oil. “Go back to your corner,” he said, “and use these to get yourself slick. Then come back here.”

The two women did as he ordered. The crowd cheered and made lewd comments as they stood pouring the oil over their bodies and rubbing it into their skin. When they were finished, he tossed each of them what appeared to be a large tube of some sort of lubricant.

“You might want to be sure that you grease up your ass with that,” Hector yelled loudly. “Otherwise, if you lose it will be really painful.”

While they were smearing the grease between their ass cheeks– and within their rosebuds– Hector held up two strange-looking anal plugs. “This is a spike match,” he said loudly. He had to pause and wait for the loud cheering from the crowd to die down before continuing with a broad smile,“If you shove your spike into your opponent’s ass, you win. You don’t have to pin her or even take her down. As long as this spike is firmly up her ass, she loses.”

The two women looked at him warily as he handed each of them one of the long-handled butt plugs. “There will be no referee,” he said with a laugh, “because there are no rules except to spike your opponent however you can.”

As he began climbing over the ropes he said, “Once I am out of the ring, I will signal you to start.” Then he added, “May the worst woman win.”

Once he was standing be

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.5K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.4K I più visti

Likes 0

Non è mai successo: è vero??

Non è mai successo: è vero?? Tutti noi abbiamo alcuni oscuri segreti che vogliamo tenere nascosti; alcuni di noi riescono a conservare quei segreti nella tomba, altri... beh, chissà? Questi sono i miei segreti, non ho mai voluto che venissero svelati, ma mentre mi avvicino alla fine della mia strada, ho pensato, forse, di poter cancellare dalla mia memoria i sensi di colpa e le incertezze che hanno rovinato la mia vita. Non posso mai essere sicuro di non aver semplicemente permesso che accadesse, che se avessi avuto il coraggio di dirlo a qualcuno, allora le cose e la mia vita...

2.7K I più visti

Likes 0

Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone. Mi ha chiesto un documento d'identità! disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa...

1.2K I più visti

Likes 0

Il circo delle tenebre 2

Dahlia corse per la casa urlando. Indossando una camicetta grigia e una minigonna grigia abbinata con un paio di scarpe da corsa bianche, la ragazza bionda ha urlato di orrore per aver appena visto il suo ragazzo, Tim, pugnalato ripetutamente e fatto a pezzi da mostruosi pagliacci non morti. Ora non sapeva dove stava correndo. Non le importava. Voleva solo uscire. Attraversò una porta dopo l'altra sentendo ridere tutto intorno a lei. Pensò che un altro emergesse fuori nella notte frizzante. Ma non c'era solo il buio. C'era un cielo notturno per essere vero. Ma c'erano luci ovunque. La musica da...

1K I più visti

Likes 0

Una calda primavera parte 1

Questa è un'altra storia su Tate e le sue piccole avventure, dopo un anno, Kain si è trasferito, il che ha lasciato Tate davvero giù. In primavera, di solito, in questo periodo dell'anno, uscivo con Kain e parlavo tutta la notte di cose a caso, il che era bello... fino ad ora... il giorno in cui si è trasferito, quindi stavo solo facendo i compiti come se fosse un giovedì come un altro, finché mio padre non è entrato in camera con il telefono. È per te disse sorridendo mentre lo afferravo come se fossi un uomo morto. Pronto? dissi con...

1.1K I più visti

Likes 0

Salvezza cap. 9 Sally Mildrew

L'alloggio della signorina Marchant si trova all'ultimo piano, ben lontano da sia gli alloggi del personale che i dormitori dei bambini. Le camere sono privato, isolato e insonorizzato in modo che le urla dei bambini tortura per soddisfare le sue passioni sessuali represse, non può essere ascoltata in tutto l'orfanotrofio. Quando gli altri bambini furono mandati a letto quella sera, la matrona portò Sally nella camera da letto di Alice per prepararla. Drogata, la piccola Sally non lo era certo dov'era, il letto non era suo; era troppo grande per essere suo. L'aria era profumata e c'era un muschio femminile che...

1.1K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.