Il mio regalo di laurea 2

1KReport
Il mio regalo di laurea 2

Stordito, sono inciampato nella mia stanza, il bikini stretto nel pugno. Salii lentamente le scale, cercando di non attirare l'attenzione. Trasalii quando uno scricchiolò sotto il mio peso, fermandomi per assicurarmi di non aver svegliato nessuno, sospirando mentre non sentivo altro che il ronzio del condizionatore d'aria. Dio cosa avrebbero detto i miei genitori se mi avessero visto? Alla fine sono arrivato nella mia stanza e ho chiuso la porta dietro di me lasciandomi cadere sul letto. Non mi sono nemmeno preso la briga di infilarmi sotto le coperte prima di addormentarmi, il suono del mio ventilatore a soffitto mi faceva addormentare.



Mi sono svegliato presto la mattina, il sole splendeva luminoso attraverso la mia finestra. Mentre il sole può avermi svegliato, un brivido improvviso mi ha percorso la schiena. Con l'aria condizionata in funzione tutta la notte, mescolata al mio ventilatore a soffitto, stavo congelando e, mentre mi muovevo, la mia mano sfiorò accidentalmente il mio capezzolo eretto, duro nella stanza fredda. Rabbrividii, correndo in bagno e accendendo la doccia al massimo, la stanza si riempì rapidamente di vapore. Salii e sospirai mentre l'acqua calda si riversava su di me. Poi mi ha colpito.



Cosa avevo fatto la scorsa notte? Doveva essere un sogno. Doveva essere. Ma quando la mia mano è caduta tra le mie gambe, le mie tenere labbra della figa hanno confermato i miei sospetti che NON era certamente un sogno. Mi è tornato tutto in mente, il suo caldo abbraccio, le sue braccia forti, quel coc-oh mio dio cosa stavo facendo? Questo era mio zio a cui stavo pensando! Nonostante quei sentimenti, però, non potevo fare a meno di quanto fossi eccitato e dovevo astenermi dallo strofinare il mio clitoride.



Mi sono appena asciugato i capelli e li ho raccolti in una coda di cavallo, mentre mi vestivo e scendevo le scale. Mio padre e mia madre erano già in piedi e mio zio non si vedeva da nessuna parte. Mi preparai la colazione e cominciai a mangiare quando la porta sul retro fu spalancata.



Eccolo lì, impettito, con indosso solo pantaloncini da basket e le sue scarpe da tennis, fradicio di sudore, e le sue cuffie dentro. Ecco di nuovo quei sentimenti. Ho cercato di ignorarlo, ma ho continuato a lanciare sguardi furtivi mentre continuavo a mangiare.



Scott continuava a parlare della sua corsa e di altre cose a cui non potevo prestare attenzione perché mi lasciavo sorprendere a fissarlo, i suoi bicipiti mentre fletteva il braccio o i suoi addominali nel modo in cui si girava. Ovviamente a mia madre faceva incazzare il fatto che fosse mezzo nudo, e mi chiedo se abbia notato quanto il suo cazzo si gonfiasse in quei pantaloncini? L'ho fatto sicuramente. Non credo indossasse nemmeno la biancheria intima.



«Oh, e Leslie», disse Scott, facendomi alzare di scatto lo sguardo sul suo viso per la prima volta da quando era entrato. Arrossii solo al pensiero di ieri sera, ma lui si comportò come se non fosse successo niente. "Ho dimenticato di darti il ​​tuo regalo di laurea", disse, avvicinandosi alla sua borsa dei libri in soggiorno. Tirò fuori una busta e la gettò sul tavolo davanti a me. Perplesso, l'ho aperto ed ero confuso da quello che ho visto all'inizio, ma sono rimasto senza fiato quando l'ho capito. Era un biglietto aereo per le Hawaii, in partenza domani.



"Oh mio Dio, Scott I..."



“Assolutamente no”, disse mia madre. "Non avrò mia figlia..."



"Kathy lei sta andando", ha detto mio padre.

"No, non è lei è..."



«Ha 18 anni ed è abbastanza grande per andarci se vuole» disse mio padre con una risolutezza che mi fece sorridere. Mia madre si fermò, ovviamente arrabbiata ma non insistette, scegliendo invece di precipitarsi fuori dalla stanza. Mio padre fece un sospiro esausto, conoscendo lo spettacolo di merda che stava per iniziare. La seguì, salì i gradini, lasciando me e mio zio da soli.



Scott si voltò verso di me e fece un sorriso diabolico. "Farai meglio a fare le valigie, passerai una bella estate", ha detto, porgendomi il suo telefono. “Metti lì il tuo numero, più tardi vado al negozio, fammi sapere se hai bisogno di qualcosa. disse, inserendo contemporaneamente il suo numero nel mio telefono. Gli afferrò la schiena e si diresse al piano di sopra, mentre io uscivo. Ieri avevo promesso a un'amica che l'avrei incontrata per un caffè stamattina.



Stavamo bevendo da un po', parlando della laurea, e io stavo comunicando la notizia del mio viaggio a sorpresa alle Hawaii, quando ho sentito il mio telefono vibrare. Ho visto che era un messaggio di mio zio e ho aperto il telefono, soffocandomi con il caffè quando l'ho visto. Il mio nuovo messaggio fotografico era di mio zio, nel nostro bagno, appena uscito dalla doccia in piedi nudo davanti allo specchio, flettendo i bicipiti. Proprio dove avrebbe dovuto essere il suo cazzo aveva messo una bottiglia di shampoo, per tenerlo nascosto. Dopo aver assicurato al mio amico che stavo bene, abbiamo continuato la nostra conversazione, ma non ho potuto fare a meno di dare una sbirciatina ogni pochi minuti.



Quando sono tornato a casa, Scott non lo era, e nemmeno i miei genitori. Ho passato la maggior parte della giornata a fare le valigie ea cenare da solo con i miei genitori. Scott non era ancora a casa e mia madre stava facendo altri commenti sul fatto che probabilmente era fuori a bere fino a morire.

Ero nella mia stanza all'11 a parlare con un amico su Skype, quando ho ricevuto un altro messaggio da Scott, che mi chiedeva semplicemente se ero sveglio. Gli ho detto di sì, e poi sono uscito da Skype con il mio amico. Mi sono alzato, pensando che potesse essere in cucina, e sono andato ad aprire la porta, solo per vederla aprire e Scott è entrato di corsa, chiudendola dietro di sé e afferrandomi con un movimento rapido. Le sue labbra erano sulle mie, e lui era sopra di me sul mio letto prima che capissi cosa stava succedendo.



Indossavo solo una maglietta larga e la sua mano si infilò rapidamente sotto, strofinandomi tra le mutande. Gemetti sulle sue labbra, la sua lingua si infiltrò nella mia bocca, e la mia scivolò nella sua, mentre si sforzava di togliermi la maglietta. Le mie mutandine si stavano già bagnando, quando Scott smise di baciarmi sulle labbra, baciandomi e leccandomi lungo il corpo. Mi afferrò il seno sinistro, succhiando l'altro in bocca, mentre stringeva rudemente l'altro. Ha baciato il mio corpo, prima di arrivare alle mie cosce.

Scott mi leccò le mutandine, bagnandole completamente, prima di baciarmi su e giù per le mie cosce. Tremavo quando le sue grandi mani afferrarono le mie mutandine e le fecero scivolare giù, e me le tolsero di dosso. Respirai pesantemente mentre sentivo il suo respiro sulla mia figa, le sue mani scivolavano sulle mie cosce e mi stringevano il culo, prima di sentire la sua lingua lambire la mia figa. Un forte gemito mi sfuggì dalle labbra, che lui era sicuro di soffocare, quando una grossa mano si allungò e mi coprì la bocca.

“Non possiamo permettere a mamma e papà di sentirci, vero?” sussurrò prima di affondare la lingua dentro di me, assaporando la mia fica bagnata. La sua lingua strofinò il mio clitoride e io gemetti ancora più forte, costringendolo a fermarsi. Ha afferrato le mie mutandine bagnate e me le ha infilate in bocca per imbavagliarmi, la sua mano è rimasta stretta. La sua lingua è tornata al lavoro, e in poco tempo mi stavo contorcendo, ormai assaporando i miei stessi succhi di figa dalla biancheria intima nella mia bocca.

Quell'uomo mi ha mangiato come nessuno aveva mai fatto prima, la sua lingua mi è entrata più in profondità di quanto pensassi possibile, leccandomi e succhiandomi la figa. Mi ha infilato un dito dentro e mentre mi leccava ha cominciato a sondarmi rudemente con il dito. Trattenuto da lui, mi contorcevo dal piacere, la sua lingua e il suo dito facevano magie.

Mi ha ribaltato, sullo stomaco, sollevandomi il culo in aria. Mi ha leccato la figa da dietro, trascinando la lingua dalla mia figa, fino in fondo, poi leccandomi il culo. Seppellii la faccia nel cuscino gemendo forte. La sua lingua girò intorno al mio buco del culo, le sue grandi mani afferrarono brutalmente le mie natiche e le allargarono. Ha forzato la sua lingua nel mio buco del culo, la sua lunga lingua mi ha dato piacere come non ero mai stato prima. Alla fine si girò sulla schiena, sdraiandosi sotto di me e tirando i miei fianchi contro il suo viso. La sua lingua giocava con le labbra della mia figa, succhiandole e toccandole selvaggiamente. Mi spinsi contro il suo viso, le sue mani mi tirarono su di lui il più possibile. Cavalcavo selvaggiamente il suo viso, a volte persino il suo naso solleticava la mia fica bagnata. Cavalcai sempre più veloce finché la sua bocca non trovò il mio clitoride, con cui giocherellava, usando la lingua, prima di succhiarlo brutalmente. Questo l'ha fatto e mi ha gettato oltre il limite.

Per la prima volta nella mia vita, ho squirtato ed è stato come se fossero usciti anni di orgasmi. E intendo inondazioni. Ho urlato contro il cuscino, spruzzando tutto sulla faccia di Scott mentre cercava avidamente di berlo tutto. Ansimai mentre rotolava fuori da sotto di me, crollando sul letto accanto a lui poco dopo.

"Dannazione, perché non avverti un ragazzo la prossima volta," sussurrò ridendo. la sua faccia era ancora gocciolante dei miei succhi di figa, i suoi capelli intrisi di esso, gocciolanti dalla sua barba corta.

"Non l'ho mai... fatto... prima," dissi ansimando, le gambe ancora tremanti.

"Beh, faresti meglio a riposarti ragazzo, anche tu hai un'intera estate da guardare avanti," disse con un occhiolino, mentre scendeva dal mio letto e se ne andava altrettanto silenziosamente come era entrato.

Sarebbe stata davvero un'estate.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.