The Pet - Parte 2 - la prima ora

768Report
The Pet - Parte 2 - la prima ora

Il viaggio verso casa era stato divertente per i quattro amici. Beh, divertimento per tutti tranne che per Sally che aveva estratto la paglia corta e stava guidando il furgone che avevano preso in prestito per il fine settimana libero dal proprietario di Kim.

L'aveva adattato soprattutto per quelle occasioni speciali in cui invitava uno, ma solo uno, dei suoi amici in giro per abusare di Kim per un po', li portava in giro per la città.

Il retro del furgone era stato completamente spogliato di tutti i suoi accessori e il pavimento era stato riparato con un materasso. In ciascuno dei quattro angoli, un grosso gancio era stato fissato all'interno e Kim era sospeso a mezz'aria da corde attaccate alle caviglie e ai polsi, l'altra estremità di ogni tratto di corda saldamente legata ai ganci.

Le mutandine inzuppate di piscio e sperma di Jess erano ancora saldamente incuneate nella sua bocca e il nodo che sporgeva dal suo buco del culo era tutto ciò che si poteva vedere delle mutandine ugualmente inzuppate di Liz. Anche un pezzo di spago era stato avvolto strettamente intorno alla testa del suo membro e, anche questo, era stato teso e attaccato a un quinto gancio al centro del soffitto del furgone, allungando il membro il più lontano possibile dal suo corpo. La corda che Charlotte, la proprietaria di Kim, aveva avvolto intorno alle sue palle prima era ancora molto tesa.

Mentre Lorraine e Liz stavano ai lati del suo inguine e facevano a turno per colpire la sua erezione più forte che potevano con piccole fruste a pale con estremità di cuoio che avevano trovato nella valigia di Charlotte, Jess sedeva a cavalcioni della testa di Kim, la sua figa che si strofinava contro la sua viso.

Ogni cinque minuti del viaggio di venti minuti, le due donne più anziane avevano smesso di picchiarlo e passavano cinque minuti a masturbarlo furiosamente ea strizzargli le palle nello sforzo deliberato di farlo venire di nuovo in modo da poterlo punire ulteriormente.

Il viaggio finì troppo in fretta per tutti loro e alla fine arrivarono a casa di Liz.

Slegando le corde dai ganci all'interno del furgone, ma senza slegarle dalle caviglie, dai polsi o dal cazzo di Kim, gli amici lo condussero dentro e nel salone.

"Va bene", disse Sally. “Lorraine ha avuto il piacere di ricevere uno dei tuoi “saluti” speciali, ma il resto di noi no. Penso che dobbiamo rimediare subito, vero?"

Kim non rispose, in parte perché aveva in bocca la pipì di Jess e le mutandine inzuppate di sperma e in parte perché era stato addestrato a non rispondere a domande del genere. Dopotutto, non aveva voce in capitolo su ciò che gli era successo, quindi che senso aveva essere d'accordo o in disaccordo?

Il proprietario di Kim non l'aveva detto agli amici e quando non ha risposto immediatamente alla domanda di Sally, lei ha pensato che fosse disobbediente. Per punirlo, si spostò dietro di lui, si infilò tra le sue gambe e afferrò la corda che era avvolta strettamente attorno ai suoi testicoli, tirandola indietro tra le sue gambe e su verso le sue spalle.

“Ti ho fatto una domanda”, disse severamente, tirando la corda ancora più forte. Il dolore attraversò l'inguine di Kim ma, nonostante la meravigliosa sensazione che gli diede, riuscì ad annuire.

"Bravo ragazzo", disse Sally. “Ora, non so cosa si aspetti da te il tuo proprietario in termini di risposta alle domande, ma mi aspetto una risposta immediata. È chiaro?"

Kim esitò un secondo prima di annuire di nuovo perché voleva che Sally tirasse la corda ancora più indietro e verso l'alto, causandogli ancora più dolore.

Sally fu fin troppo felice di accontentarlo e, questa volta, mentre tirava la corda, gli schiaffeggiò le palle più forte che poteva con l'altra mano.

Questa volta, nonostante desiderasse e avesse bisogno dei sentimenti che la tortura di Sally aveva suscitato in lui, Kim annuì di nuovo.

Lasciando andare la corda, Sally disse: "Ecco, così va meglio, no?" E sebbene non fosse meglio per Kim, annuì di nuovo.

"Ora, mettiti in ginocchio, hai quattro stronzi a cui salutare."

Kim ha fatto come gli era stato detto e il nastro adesivo è stato rimosso dalla sua testa e le mutande di Jess sono state tolte dalla sua bocca. Ciascuno degli amici si tolse i jeans e, uno per uno, si chinò davanti a lui, allargando le natiche, e gli offrì il buco del culo da leccare.

Per i successivi venti minuti, i quattro amici hanno dato da mangiare ai loro buchi del culo a Kim, e lui a sua volta ha scopato avidamente con la lingua i loro ani.

Liz fu la prima e rimase senza fiato mentre sperimentava una lingua che sondava la sua sensibile apertura anale per la prima volta. La lingua e le labbra di Kim esplorarono ogni parte del suo buco del culo fino a quando Sally la spinse via e, allargando le sue natiche il più possibile, le spinse il culo proprio contro la faccia di Kim.

Kim spalancò la bocca e succhiò più forte che poteva mentre spingeva la lingua nel retto di Sally. Lei quasi svenne sul posto per il piacere mentre la sua lingua si faceva strada nel suo culo.

Lorena è stata la prossima. Conosceva già l'estasi della lingua di Kim nel suo ano e questa volta era ancora meglio perché lo stava facendo al suo comando, non al suo proprietario.

L'ultima è stata Jess, il suo culo da adolescente dolce e stretto che ha assaggiato il meglio di tutti. Anche se i culi degli altri tre avevano un sapore così meraviglioso, Kim si è divertita a baciare alla francese il culo del sedicenne al meglio. Il gusto era squisito e avrebbe potuto leccare, succhiare e baciare il culo di Jess tutto il giorno.

Tuttavia, gli amici avevano altri piani per lui, quindi rimase deluso quando Jess si allontanò da lui, la sua bocca si sentiva vuota ora che non aveva niente da leccare.

Ordinandogli di alzarsi, le corde attorno ai suoi polsi sono state tirate ai ganci nel soffitto e fissate saldamente. Le sue gambe sono state divaricate e una barra di sollevamento attaccata alle sue caviglie, immobilizzando le sue gambe.

Raggiungendo la valigia di giocattoli che avevano portato con sé dal proprietario di Kim, Liz tirò fuori due pesi rotondi da 3 libbre con ganci attaccati. Legando ciascun peso all'estremità della corda avvolta strettamente attorno alle sue palle, sollevò ogni peso in modo che fosse all'altezza dei fianchi di Kim e, senza preavviso, lasciò cadere ciascuno, tirandogli i testicoli verso il basso con tale forza che gli amici pensarono che sarebbero stati strappati via dal suo corpo.

"Penso davvero che gli sia piaciuto", disse Lorraine e sollevò di nuovo i pesi, solo che questa volta li sollevò all'altezza del suo petto prima di lasciarli cadere. Il grido di dolore eccitato ma, allo stesso tempo, di piacere di Kim servì solo a dare a Lorraine il via libera per farlo ancora... e ancora... e una quarta volta, finché il respiro di Kim non fu molto pesante e irregolare.

"Oh, il nostro animaletto sta già iniziando a lottare, ragazze", disse Sally mentre faceva il suo turno per far cadere i pesi, ogni volta sculacciando Kim sul culo mentre lo faceva. Dopo aver fatto cadere i pesi ancora un paio di volte, Sally ha slegato la corda e li ha rimossi, ma ha subito tirato la corda più stretta che poteva e l'ha legata alla barra di sollevamento tenendo le gambe di Kim divaricate, tirando le sue palle verso il basso e lontano dal suo inguine. .

Slegando il filo che era ancora avvolto strettamente intorno alla testa del suo cazzo, Liz disse: “Ora, per i prossimi quaranta minuti ti segheremo e ti succhieremo senza sosta. Non devi venire però. È così semplice: se sborri verrai punito così severamente che desidererai di essere tornato con quel tuo tenero proprietario.

"Sappiamo che vorrai venire", ha aggiunto, "ma non lo farai, a meno che tu non voglia provare un sacco di dolore."

«Jess», disse, «puoi andare prima tu. Basta afferrare il suo cazzo e masturbarlo lentamente ma costantemente su e giù. Puoi prendere la testa del suo cazzo in bocca e succhiarlo se vuoi, ma assicurati di continuare a muovere la mano su e giù per la sua asta. Faremo tutti i turni per masturbarlo e lui ha quaranta minuti per sopravvivere senza venire.

Jess fece come le era stato detto dalla donna più anziana, e per la prima volta nella sua vita sentì la durezza di un'erezione rigida nella sua mano. Poteva sentire le palle legate di Kim indurirsi ancora di più mentre il movimento della sua mano su e giù per la sua asta mandava più sangue a pompare dentro di lui e le strinse forte con l'altra mano. Erano già ultra sensibili per essere legati strettamente con lo spago e tirati giù dall'inguine ma, nonostante la sua giovane età, Jess amava la sensazione di avere il controllo totale di Kim, impotente com'era di fronte a lei, dandogli le sensazioni di dolore e di eccitazione che tanto amava.

Per dieci minuti, Jess ha continuato a lavorare il suo prepuzio su e giù per l'asta, alternando spremitura, schiaffi e accarezzando delicatamente i suoi testicoli. Poteva sentire i suoi stessi succhi iniziare a filtrare dalle labbra della sua figa mentre il primo pre-cum di Kim fuoriusciva dal suo cazzo. Lo ha leccato avidamente e la sensibilità extra causata dalla lubrificazione ha quasi fatto venire Kim lì e poi.

Jess poteva sentire il suo corpo tendersi in previsione del suo orgasmo ma riuscì a controllarlo, con grande fastidio dell'adolescente. Voleva davvero essere lei a farlo venire così che potesse essere punito. Se era onesta con se stessa, era leggermente gelosa di Kim. Aveva spesso pensato al sesso con un'altra donna e aveva anche sognato ad occhi aperti di essere il giocattolo di un'altra donna. Il pensiero di essere alla mercé di Sally, Liz e Lorraine la riempiva di una tale eccitazione da sembrare irreale. Forse, pensò tra sé, avrebbe suggerito loro che la prossima volta sarebbe stata lei il loro animale domestico. Questo è stato un pensiero meraviglioso.

La sua delusione per non aver fatto venire Kim è stata raddoppiata quando Sally ha annunciato che i suoi dieci minuti erano finiti e che ora era il turno di qualcun altro, ma è stata leggermente attenuata quando Sally ha detto piano, in modo che Kim non potesse sentire, che potesse guardare attraverso la valigia per qualcosa di adatto per punire Kim quando finalmente è venuto.

"Pensavo che non avrebbe dovuto?" chiese Jess, confusa.

"Non vuoi punirlo?" Sally ha risposto. "Volevamo farglielo pensare per cominciare, ma non pensi che sarà così delizioso che, nonostante i suoi sforzi per non farlo, non sa che lo farà comunque?"

Jess sorrise ampiamente. Ora sapeva che presto doveva essere l'animale domestico dei suoi amici. Il pensiero di essere la loro schiava l'ha quasi fatta venire proprio lì.

Quindi, mentre l'adolescente iniziava a guardare attraverso la meravigliosa selezione di attrezzi nella valigia, Sally si inginocchiò di fronte a Kim e prese il suo cazzo in bocca, muovendo lentamente le labbra su e giù per la sua erezione, assaporando il sapore di il suo pre-cum sulla sua lingua. Per i successivi dieci minuti, Sally succhiò e leccò il cazzo di Kim, mantenendo lo stesso ritmo costante per tutto il tempo, accumulando sensazioni dentro di lui quasi fino al punto di non ritorno.

Ancora una volta, Kim riuscì a malapena a fermare il suo orgasmo ma lo fermò e, allontanando la bocca dal suo cazzo, Sally gli schiaffeggiò i testicoli un paio di volte solo per fargli sapere che, nonostante si fosse fermato dal venire, lei era ancora in controllo.

"Va bene", disse Sally. «Adesso vanno solo Lorraine e Liz, Kim. Sei riuscito a sopravvivere venti minuti. Vediamo se riesci a sopravvivere ai prossimi venti. Venti lunghi minuti per obbedire e non venire. Personalmente», disse rivolgendosi ai suoi amici e strizzando l'occhio, «non credo che ce la farete. Ma dovremo vedere. Ad ogni modo, il piacere che proviamo tutti vedendoti lottare per non venire, o il piacere che proveremo sicuramente dal punirti se lo fai, non ci dispiace per niente.

"Personalmente", aggiunse Lorraine, "mi piacerebbe torturarti a morte, quindi sii un bravo ragazzino e vieni presto, per favore."

"Oh, anch'io", aggiunse Liz. «Ed è il mio ultimo turno con te, Kim. Quindi faresti meglio ad assicurarti di avere ancora un po' di autocontrollo prima che io ti raggiunga.

"Ehi, so cosa potremmo fare per rendere le cose un po' più complicate per lui", disse Jess. “A qualcuno di voi dispiace se faccio a turno e sditalino le vostre fiche e succhio i vostri clitoridi per voi? Ho sempre voluto farlo e sono sicuro che Kim si ecciterà ancora di più a vederlo. Non c'è modo che possa trattenersi se mi vedesse succhiare le tue fiche.

Sebbene un po' sorpresi dal suggerimento della sedicenne, hanno convenuto che se Jess voleva farlo e, cosa più importante, se aiutava a rendere le cose più difficili per Kim, allora avrebbero dovuto assolutamente farlo.

"Ehi, sono d'accordo - o, cosa più importante, penso che sarà d'accordo", ha scherzato Sally.

Così, mentre Lorraine si inginocchiava davanti a Kim e gli pompava furiosamente l'asta con una mano mentre con l'altra gli grattava i testicoli, ormai molto doloranti, con le unghie, Sally e Liz si sedettero sul divano e allargarono le gambe quanto potevano.

Jess si inginocchiò sul pavimento davanti al divano e prese il clitoride di Liz in bocca, succhiandolo con forza, spingendo allo stesso tempo tre dita in profondità nella figa di Liz. Dopo un paio di minuti, Jess si è avvicinata a Sally e ha fatto lo stesso con lei.

La combinazione del piacere della mano di Lorraine che massaggiava la sua erezione e la vista dell'adolescente che succhiava i clitoridi di Liz e Sally era quasi troppo da sopportare per Kim. Lui, ovviamente, non sapeva che il piano delle ragazze era di farlo venire deliberatamente proprio alla fine del limite di tempo che gli avevano detto, quindi tutto ciò che poteva fare era fare del suo meglio per trattenere il suo imminente orgasmo.

I gemiti di piacere dei due amici sul divano non lo stavano aiutando e quando Jess si allungò tra le sue gambe larghe e iniziò a incularsi con le dita, pensò davvero che non sarebbe più riuscito a resistere.

Per un momento, chiuse gli occhi nel tentativo di bloccare la vista dell'adolescente e delle due signore anziane sul divano, ma Lorraine lo vide e diede uno strattone molto rapido alla corda che si estendeva dai suoi testicoli alla barra di sollevamento, provocando un dolore intenso. per sobbalzare attraverso il suo inguine.

"È una cosa molto brutta da fare, Kim", lo rimproverò. “Jess sta mangiando le fighe dei miei amici per il tuo piacere. Il minimo che puoi fare è guardare”. E lei tirò ancora una volta forte la corda, solo per lasciare che Kim ora che era definitivamente al comando.

Dopo dieci minuti, Lorraine si alzò e, dandogli un'ultima pacca sulle palle, disse: «Liz, tocca a te tesoro. Vedi se può durare questi ultimi dieci minuti. Ha fatto bene finora. Mi chiedo", ha aggiunto, rivolgendosi ai suoi amici e strizzando l'occhio, "ce la farà ad arrivare alla fine?"

Liz si alzò dal divano, il suo clitoride duro come una roccia, la sua figa gocciolante per il succhiare e il diteggiatura di Jess, e sostituendo le dita di Jess con due delle sue, si avvicinò a Kim, fermandosi a prendere un barattolo di vaselina dalla valigia sul modo.

Spalmando una grossa macchia su tutta la sua erezione, ha iniziato a masturbarlo furiosamente mentre si toccava ancora la figa. Sally e Jess tirarono fuori dalla valigia due piccole fruste da cavallo, si misero ai lati di Kim e frustarono con forza le sue palle strette e sensibili, al ritmo di ogni colpo di Liz.

“Attente, ragazze,” rise Jess, “lo farete venire presto. E non lo vogliamo, vero? aggiunse maliziosamente.

"Mi chiedo", pensò Sally. “Ricordi cosa è successo quando le palle anali sono state tirate fuori dal suo culo a casa del suo proprietario? Credi che potrebbe sopportare che tu gli tolga le mutandine di Lorraine in questo momento, Jess?»

Le altre tre ragazze avevano dimenticato che le mutandine di Lorraine erano ancora annodate e infilate nell'ano di Kim, ma tutte sorrisero in attesa di sapere che Sally gliele aveva ricordate.

"Sarebbe così cattivo da parte nostra lasciarlo avvicinare così tanto e poi farglielo proprio all'ultimo secondo, non è vero?" disse Lorena. "Pensiamoci per i cinque minuti che mancano, d'accordo?"

Per i successivi cinque minuti, Liz ha continuato a masturbare il cazzo coperto di vaselina di Kim il più velocemente possibile mentre Lorraine e Sally gli hanno colpito le palle con le fruste più forte e più veloce. Kim strinse i denti e trattenne il respiro perché, anche se desiderava disperatamente venire, voleva anche mostrare agli amici che poteva sopportare quello che gli stavano facendo.

In verità, voleva venire di brutto non solo perché il suo corpo gli urlava di farlo, ma perché voleva la punizione della tortura che le ragazze gli avevano promesso se l'avesse fatto.

Alla fine, con circa 60 secondi rimasti, Sally ha suggerito a Jess di prepararsi a tirare fuori le mutandine di Lorraine dal culo di Kim, così Jess si è spostata dietro Kim e ha afferrato saldamente il nodo delle mutandine che gli spuntava dall'ano.

Quando mancavano circa trenta secondi, Sally disse: «Trenta secondi, Kim. Trenta brevi secondi. Ti faremo questo? Ti faremo passare tutto questo e poi ti faremo venire con solo pochi secondi rimasti? Scommetti che lo siamo! Non durerai perché, fin dall'inizio, avevamo programmato di farti venire proprio all'ultimo secondo. Quanto è meravigliosamente crudele da parte nostra?"

«Jess, hai una presa salda su quel nodo? Perché faremo il conto alla rovescia da dieci secondi e quando arriveremo a uno tirerai le mutande inzuppate di piscio di Lorraine dal buco del culo.

Gli amici iniziarono a contare alla rovescia da dieci, Liz continuava a masturbarsi freneticamente Kim e Lorraine e Sally gli colpiva i testicoli più forte che poteva. Quando arrivarono a "uno", Jess tirò forte il nodo delle mutande di Lorraine che sporgeva dall'ano di Kim e tirò fuori la pipì, lo sperma e ora caga mutande macchiate dalle sue viscere.

Con un secondo rimasto, l'orgasmo di Kim esplose dal suo corpo, il suo sperma spruzzò veloce e furioso dal suo cazzo. Come animale domestico del suo proprietario, ogni orgasmo che ha avuto in questi giorni è stato così intenso a causa del modo in cui gli è stato dato (principalmente attraverso torture, dolore e umiliazione) e questo non era diverso.

Ogni nuova ondata del suo rilascio lo faceva stringere i denti e sforzarsi sulle corde che lo tenevano saldamente in posizione e, mentre le sue palle si espandevano e si contraevano con ogni nuovo scatto, il dolore aggiunto non faceva che aumentare le sensazioni di piacere che provava.

I quattro amici rimasero indietro e guardarono. Il misto di piacere e dolore sul viso di Kim era qualcosa di completamente nuovo per loro, ma sapevano tutti che il resto del fine settimana era qualcosa che loro e Kim avrebbero goduto immensamente.

Quando alla fine l'orgasmo di Kim si placò e lui si accasciò liberamente nelle sue restrizioni, Lorraine disse: “Oh Kim. Anche tu stavi andando così bene. Sei riuscito a controllarti per così tanto tempo, solo per soccombere proprio alla fine. È così deludente per noi. Pensavamo fossi meglio di così. Ah beh, conoscevi l'affare. Non ti abbiamo detto che potevi venire, vero? E ora verrai punito per averci disobbedito. Recupera la tua energia perché ne avrai davvero bisogno. Oh, e dovremo renderti duro di nuovo, vero? Beh, non credo che sarà un problema.

… continua nella parte 3.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.1K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

1.3K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

1.9K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

Contemplando la mia bisessualità???

Non avevo mai pensato a me stesso come Gay o addirittura mi piaceva il pensiero di stare con un uomo. D'altra parte mi piaceva giocare con il mio culo e inserire cose da quando avevo circa 12 anni. Ricordo di aver usato la doccia di mia madre per farmi clisteri da quando ricordo. Crescendo, mi sono ritrovato a usare cetrioli e tutti i tipi di altri oggetti per soddisfare il mio desiderio di avere il sedere aperto. Un giorno di qualche anno fa, dopo aver riflettuto a lungo, decisi di provare qualcosa di nuovo. C'era un medico che lavorava nello stesso...

1.1K I più visti

Likes 0

LA VITA DEI RAGAZZI_(1)

INTRO: Ehi ragazzi, sono Rohan, 16 anni, sono alto esattamente 5 piedi e 10 pollici, ero un po 'magro in tenera età, ma lo faccio crescere andando in palestra. quindi puoi dire che ho una buona fisica, ho un tono della pelle di tipo abbronzato ma praticamente dalla parte giusta. tutto questo non ho fortuna con le ragazze! dato che aiuto mio padre in negozio, non ho tempo per tutte queste cose. come ogni ragazzo indiano adolescente anch'io ho i miei ormoni al top! come ero vergine! Vivo con mia madre, mio ​​padre e una sorella maggiore Roshni di 17 anni...

735 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.4K I più visti

Likes 0

Raj e Sofia

Sono Raj ancora una volta qui Un giorno ho ricevuto una mail da qualcuno di nome Sophia. Nella posta, ha detto di aver esaminato i miei messaggi e che le è piaciuto molto. Mi ha anche chiesto se sarei interessato a chattare con lei. Inizialmente ero un po' sospettoso a causa della mia esperienza nelle chat room dove ci sono più uomini che si atteggiano a donne che donne reali. Tuttavia, ho risposto a quella mail e ho detto che sarò disponibile online durante le serate. Ho ricevuto una risposta alla mia risposta dopo un paio di giorni dicendomi che Sophia...

2.2K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.5K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.