La lavatrice

742Report
La lavatrice

"Perché non lo provi?" I grandi occhi castani di Laura si spalancarono mentre un brivido cattivo le attraversava il corpo facendola rabbrividire un po' al solo pensiero.

“Sii seria” disse Laura con un timido sorriso alla sua migliore amica Tally. Laura e Tally erano sedute in un bar come facevano normalmente durante la pausa cena a chiacchierare.

Tally era stata la migliore amica di Laura da quando erano a scuola; qui erano ancora migliori amici all'età di 33 anni, anche lavorando nello stesso edificio per uffici. Quello di cui stavano parlando era un regalo che Laura aveva ricevuto per il suo ultimo compleanno da un'altra amica.

"Sono serio Lau, dovresti provarlo" Tally sorrise mentre cercava di convincere Laura che era giusto quello che stava dicendo.

"Ho 33 anni Tally e non ho mai fatto niente del genere prima in vita mia, no nemmeno quando ero più giovane prima che tu dicessi qualcosa" Laura rise e scosse la testa, i suoi lunghi capelli ricci castani ondeggiavano mentre sorseggiava il suo caffè e sorrideva alla sua amica.

"Laura sei sexy, guarda quelle tette per amore" La bocca di Laura si abbassò e schiaffeggiò giocosamente il braccio dell'amica prima di ridacchiare "Se nessun ragazzo lo vuole allora devi fare qualcosa" scherzò Tally mentre indicava il petto di Laura, il suo camicia di seta bianca attillata premuta contro i suoi grandi seni

"Ehi, non sono una vecchia zitella sai" Laura rise come fece Tally "Ho già avuto uomini prima" Laura rise di nuovo

"Sì, ma l'ultimo è stato quello che 3 anni fa?" Tally ha detto con un sorriso: "Dai, dimmi che non hai avuto i sentimenti in tutto quel tempo"

Laura non poteva mentire, a volte si era sentita frustrata durante gli ultimi 3 anni di astinenza ma non aveva mai fatto nulla al riguardo, si è semplicemente tuffata di più nel suo lavoro e ha cercato di dimenticare la sensazione finché non se ne sono andati, ancora il pensiero di quello che Tally stava dicendo le faceva impazzire la mente.

“Mi prenderò un ragazzo un po' di tempo” disse Laura mentre beveva l'ultimo caffè e guardava l'amica che sorrideva “Ma adesso dobbiamo tornare al lavoro” disse guardando l'orologio.

"Non dimenticare quello che ho detto Lau" disse Tally mentre tornavano in ufficio e andavano nel loro ufficio.

Laura non avrebbe potuto dimenticare ciò che Tally aveva detto, anche se avesse voluto; la sua mente ci pensava per tutto il tempo in cui cercava di lavorare, i brividi le attraversavano la mente e la facevano ridere a volte, era solo felice di essere sola nel suo ufficio in modo da poter esprimere i sentimenti che provava.


La giornata è finita e Laura è tornata a casa, quando è entrata ha fatto il suo solito rituale, fare un bagno mentre prendeva del cibo dal congelatore da scaldare per un'ora da mangiare. Spogliandosi Laura lasciò cadere i vestiti nella cesta che ora era traboccante ed entrò nell'acqua calda, le bolle le coprirono le lunghe gambe mentre affondavano nel liquido increspato, un brivido le scese lungo la schiena mentre sospirava mentre l'acqua copriva il suo pube tagliato capelli e pancia i suoi seni venivano leggermente lambiti dall'acqua calda mentre la schiuma spumeggiante la ricopriva e chiudeva gli occhi rilassando il suo corpo.

“Non potevo” disse Laura nella sua mente mentre pensava a quello che le aveva detto Tally, non riusciva nemmeno a credere che le fosse stato regalato per il suo compleanno, era scioccata allora ma ora poteva riderci su.

Laura uscì dal suo lungo bagno e si avvolse l'accappatoio di seta intorno al corpo bagnato e andò in camera da letto aprendo l'armadio tirò fuori la scatola da scarpe in cui aveva messo il regalo, non l'aveva ancora aperta dalla sua confezione.

Sorridendo Laura aprì la scatola e tirò fuori il regalo, ancora imballato dal negozio dove era stato acquistato. Laura sorrise e sospirò mentre lo guardava, i suoi occhi fissavano il lungo dildo nero che le era stato regalato nella custodia di plastica.

"Non mi faresti del male, vero?" disse al cazzo di gomma prima di ridacchiare "ti tiro fuori da questa plastica ma va bene così" Laura strappò la confezione e lasciò cadere il cazzo strofinato sul suo letto, i suoi occhi lo guardarono, seguendo il lungo 8 pollici albero dalla grande testa rotonda fino alla ventosa di gomma in fondo, guardò nella confezione e vide un volantino che lo accompagnava, raccogliendolo iniziò a leggere.

Fondamentalmente era solo un consiglio utile, Laura scremava fino a vedere a cosa serviva la ventosa, diceva che si poteva attaccare il dildo agli oggetti per lasciare le mani libere mentre lo si usava, Laura pensava a dove attaccarlo e si metteva a ridere lasciando cadere la carta, strofinò la mano sulla lunga asta.

"Hmmm si sente molto err gommoso" rise di nuovo prima di raccogliere il lungo cazzo di gomma e guardarlo da vicino. Sembrava terribilmente reale, dalla forma perfetta e non sembrava nemmeno così irreale, era abbastanza solido ma non così duro da non piegarsi.

"Mi chiedo chi ha modellato per te allora?" Laura ha scherzato tra sé e sé mentre guardava giù per l'asta spessa 8 pollici, la sua mente stava lavorando nel tempo mentre teneva il dildo in mano e faceva scorrere l'altra mano su e giù, come avrebbe fatto se stesse dando una mano a un uomo lavoro.

Laura lasciò cadere il dildo nella scatola delle scarpe e lo rimise a posto, un brivido le scese di nuovo lungo la schiena mentre pensava a come doveva essere avere qualcosa di così grande dentro la tua figa, ma aveva altre cose da fare si disse, come la lavanderia.

Caricando le mutandine e il reggiseno sporchi insieme agli altri vestiti nella lavatrice, la mente di Laura era tornata nella sua camera da letto con il dildo, non riusciva a smettere di pensarci davvero, aveva pensato durante l'ultima settimana a quanto le mancava il sesso, era così che lei e Tally erano riuscite a parlare di quello che avevano mangiato durante la loro pausa.

Accendendo la macchina si appoggiò su di essa, il culo premuto sulla parte superiore mentre si sedeva e guardava nel vuoto pensando al suo ultimo ragazzo e al dildo nella sua camera da letto.

"Oh, oh!" Laura gemette un po' sorpresa quando la lavatrice cominciò a farle girare i vestiti. La rotazione scuoteva la lavatrice sotto il culo di Laura e inviava piacevoli vibrazioni alla sua figa, Laura sorrise mentre si sentiva bagnata laggiù dalle vibrazioni della lavatrice che girava.

"Ohhh!" Laura gemette mentre sentiva le vibrazioni diventare più forti, saltò rapidamente sulla macchina e si sedette lì godendosi le sensazioni che stava provando mentre la sua figa diventava sempre più bagnata, la lavatrice vibrante con sua grande sorpresa la mandò al suo primo orgasmo per oltre 3 anni.

Laura spalancò la bocca quando sentì la sua figa contrarsi e un orgasmo travolgerla, le sue mani chiuse a pugno mentre la lavatrice vibrante mandava scosse attraverso la sua figa, i suoi seni sussultavano mentre si sedeva sulla parte superiore della lavatrice e si godeva il suo girando, la sua figa si sentiva in fiamme mentre sentiva di nuovo un altro orgasmo, la sua bocca aperta e gli occhi chiusi mentre gemeva si faceva strada attraverso l'orgasmo, non ci volle molto per farla esplodere, era passato così tanto tempo da quando aveva qualcosa che anche sentito leggermente sessuale che questo era come il paradiso.

"Oh wow!" Laura ha detto mentre scendeva dalla lavatrice una volta che aveva finito di girare i suoi vestiti, i suoi capelli erano un disastro, aveva scosso molto la testa mentre veniva forte 3 volte e il suo respiro era irregolare, ma non poteva fare a meno di sorridere.

Tirando fuori i suoi vestiti li portò ad asciugare e poi, sentendosi stanca, decise che era ora di andare a dormire presto oggi, quella notte dormì meglio di quanto non facesse da secoli.


"Allora, cos'è successo ieri sera, Lau?" Tally chiese mentre si incontravano di nuovo per un caffè "L'hai fatto?"

"No, l'ho tirato fuori ma non l'ho mai usato come avevi detto che avrei dovuto" Laura rise "Ma ho fatto qualcosa" disse con un sorriso sfacciato sul viso

“L'hai fatto, che cos'era allora? Dai dettagli per favore” disse Tally con un sorriso, tutta entusiasta di sentire cosa aveva fatto Laura la sera prima.

Laura iniziò a raccontarle tutto della notte precedente, Tally ascoltava attentamente ogni parola con un sorriso e qualche risatina mentre Laura descriveva le sensazioni che la vibrazione le aveva conquistato quando si era seduta sulla parte superiore della lavatrice e le aveva sentite pienamente.

"Oh, non è niente, l'abbiamo fatto tutti" scherzò Tally con un sorriso "Sono sorpreso che ci sia voluto così tanto tempo per provare, tutto qui. Pensavo che tutte le donne conoscessero il vecchio trucco di far girare la lavatrice, saltarci sopra e lasciarla andare a lavorare", ha riso, così come Laura.

"Non riuscivo a credere a come mi sentivo, sono venuta tipo 3 volte" Laura ha riso "E ho dormito meglio degli ultimi anni!"

Tally rise forte e prese la mano di Laura tra le sue sul tavolo "Ora sai quanto può essere bello dovresti provarlo con quella cosa nel tuo guardaroba Lau" disse Tally con un sorriso mentre guardava negli occhi castani di Laura

"Non sono sicura Tally, è molto grande", disse sorridendo alla sua amica

"Allora, andiamo, l'abbiamo già fatto tutti, andrà bene" disse Tally ridendo prima che Laura le dicesse di abbassare la voce prima di avere l'attenzione di tutti nel bar.

"Oh dimenticali", rise Tally "Ora devi davvero provarlo, ha una ventosa sopra, vero?" chiese Tally e Laura annuì "Bene, vai a casa, ti coprirò al lavoro e proverò, proprio come ti ho detto di fare" Laura arrossì un po', il pensiero la stava tentando, poteva sentire la sua figa si inumidisce ei suoi capezzoli erano duri mentre pensava di farlo. Guardando Tally aveva preso una decisione

"Ok, lo farò" Tally l'abbracciò e rise

“Buon per te Lau! Non preoccuparti, sistemerò le cose al lavoro, torna subito a casa” disse Tally mentre spingeva la sua amica verso la porta, entrambe le donne ridevano mentre uscivano, Laura guardandosi indietro fece un cenno con la mano e tirò fuori la lingua mentre Tally rideva a lei e salutò prima di tornare al lavoro.

"Cosa sto facendo?" Laura disse mentre tornava a casa "Non posso credere che lo farò" chiuse e chiuse a chiave la porta prima di andare alle scale e si fermò per qualche secondo, ma dopo un improvviso brivido cattivo e stava correndo verso la sua camera da letto.

"Ok, ora siamo solo io e te" disse Laura al lungo dildo nero mentre apriva la scatola da scarpe e lo guardava. La sua mente era dappertutto, era nervosa ma anche eccitata, questa era la prima cosa spontanea che aveva fatto per se stessa da quando poteva ricordare.

Tirando fuori il dildo dalla scatola corse alla lavatrice e fece un grande sorriso e ridacchiò mentre ricordava la sera prima, la sua figa era già gocciolante per l'anticipazione mentre teneva il cazzo di gomma e si spostava verso la macchina.

"Ci siamo" disse Laura mentre infilava il rubinetto di gomma sulla parte superiore della lavatrice e ammirava che si alzava orgogliosamente, la gomma nera che sembrava invitante perché sembrava così realistica. Laura ridacchiò mentre si spogliava dalla vita in giù, lasciando cadere i pantaloni e le mutandine umide sul pavimento, mise la mano sui fianchi e si morse il labbro inferiore mentre pensava a quello che stava facendo.

“Ok ci siamo” Laura mise la lavatrice in centrifuga, bastava che lei premesse il pulsante di avvio quando era pronta, un dubbio improvviso le riempì la mente ma Laura ora era molto eccitata per quello che stava facendo e il suo la figa era molto bagnata e dolorante per questo.

Mettendo le mani sulla parte superiore della lavatrice dopo averle voltato le spalle si sollevò e si sedette sopra il dildo, tenendoci sopra la figa cercò di mirare bene, lentamente si abbassò e ridacchiò quando sentì il testa del dildo freddo toccare le labbra figa.

"Ohhh" gemette mentre sentiva il cazzo di gomma aprire le labbra della sua figa e scivolare dentro mentre si spingeva su di esso. Era passato così tanto tempo dall'ultima volta che qualcosa era stato nella sua figa che aveva dimenticato quanto fosse bello, il dildo era solido ma allo stesso tempo flessibile e si sentiva così bene mentre allungava la figa di Laura mentre la prendeva più in profondità che poteva, con le gambe penzolanti sul bordo della lavatrice abbassò lo sguardo e rise quando vide i suoi peli pubici tagliati con il dildo nero che ne usciva leggermente

"Questo è il primo... non ho mai avuto niente di nero lì dentro" scherzò Laura tra sé mentre dimenava il cazzo di gomma e gemeva mentre sentiva il brivido attraversarle la figa mentre si metteva comoda e si allungava verso il basso comandi della lavatrice.

“Ok, ci siamo Laura” si disse mentre si chinava in avanti e cercava il pulsante di avvio, lentamente lo premette e si sedette in piedi aspettando che il ciclo iniziasse e il suo piacere iniziasse.

Il dildo di gomma nera nella sua figa iniziò a tremare leggermente e Laura sorrise e ridacchiò quando sentì la piccola vibrazione di piacere attraversarle la figa e farla gemere.

"Oh bello" disse Laura a bassa voce mentre la lavatrice iniziava a prendere velocità, il dildo nella sua figa iniziò a tremare violentemente inviando scosse attraverso il corpo di Laura, la sua figa diventava più bagnata e più sensibile ogni secondo mentre la lavatrice iniziava a alza la rotazione, scuotendo il corpo di Laura sopra. Con i suoi grandi seni che tremavano nella maglietta attillata, Laura gemette mentre sentiva il suo orgasmo travolgerla, stringendo la figa sul dildo nero, sorrise e gemette mentre il cazzo di gomma vibrante la mandava di nuovo oltre il limite.

Laura si sentiva il culo tremare mentre la lavatrice andava a vuoto, l'intera lavatrice tremava e vibrava mentre Laura ci metteva sopra le mani e cominciava a fare piccole spinte su e giù sul cazzo nero tremante, ogni movimento che faceva, faceva piangere Laura fuori di piacere mentre la sua clitoride veniva strofinata dalla gomma.

"Oh si! SÌ!" Laura chiamò mentre la vibrazione nella sua figa la faceva volare verso un altro orgasmo, il succo che scorreva sul dildo mentre la rotazione lo scuoteva dentro la sua figa stretta, Laura ora urlava mentre si spingeva su e giù sull'asta da 8 pollici il penetrazioni profonde che inviano ogni volta un enorme orgasmo attraverso di lei.

La centrifuga durò quindici minuti buoni e Laura gemette e gridò per tutto il tempo mentre un'onda dopo l'altra l'orgasmo le attraversava la figa, il dildo nero che aveva tremava fino alla fine, luccicando del succo che aveva secreto su di esso. Laura ha avuto in quei quindici minuetti più orgasmi di quanti ne avesse avuti in tutti gli anni precedenti della sua vita da quando aveva 18 anni.

Quando la lavatrice si fermò, Laura emise un ultimo sospiro di piacere mentre si mordeva il labbro inferiore e si toglieva il dildo e sorrideva mentre lo guardava e l'umidità risplendeva. Lo tirò fuori dalla lavatrice e rise quando sentì le labbra della sua figa che cominciavano a chiudersi, il formicolio ancora lì nel profondo della sua figa.

Nella sua camera da letto Laura ha messo il dildo nero nella sua scatola da scarpe e lo ha riposto nell'armadio prima di mettersi dei vestiti e afferrare il telefono, chiamando Tally, ha sorriso e le ha detto che aveva ragione, e che non sarebbe stata l'ultima volta che la lavatrice strofinasse senza niente dentro.

************************************************** ************************************************** *******

Grazie per aver letto, spero ti sia piaciuto... per favore lascia un messaggio o preferibilmente inviami un feedback con un indirizzo e-mail, risponderò a chiunque lo faccia.

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.5K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.3K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.7K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

1.9K I più visti

Likes 0

Non è mai successo: è vero??

Non è mai successo: è vero?? Tutti noi abbiamo alcuni oscuri segreti che vogliamo tenere nascosti; alcuni di noi riescono a conservare quei segreti nella tomba, altri... beh, chissà? Questi sono i miei segreti, non ho mai voluto che venissero svelati, ma mentre mi avvicino alla fine della mia strada, ho pensato, forse, di poter cancellare dalla mia memoria i sensi di colpa e le incertezze che hanno rovinato la mia vita. Non posso mai essere sicuro di non aver semplicemente permesso che accadesse, che se avessi avuto il coraggio di dirlo a qualcuno, allora le cose e la mia vita...

2.9K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.