Primo Trio - MMF

965Report
Primo Trio - MMF

Sapevo che la palestra sarebbe stata chiusa presto, quindi mi sono affrettata a tornare negli spogliatoi ea farmi la doccia. Ho dovuto saltare la sauna questa volta, cosa che mi ero affezionata a fare, così posso allungarmi correttamente, per non parlare del fatto che è lì che ho succhiato il mio primo cazzo e mi riporta alla mente ricordi così belli. Ma non avevo tempo, quindi sono andato dritto alle docce nudo, con solo il mio asciugamano appeso sopra la spalla. Lo spogliatoio era completamente vuoto, proprio come piaceva a me. Ho avviato l'acqua e ho regolato la temperatura in modo che fosse bella calda e fumante e sono entrato dopo aver messo il mio asciugamano sul gancio all'esterno. Ho lasciato il sipario aperto perché perché no? Mentre insaponavo il mio corpo, cominciai a sentire i fermenti di una tensione sessuale. Conoscevo bene questa sensazione poiché mi capita sempre. Alcuni la chiamerebbero dipendenza sessuale, ma in realtà penso di essere abbastanza normale, cedo ai miei desideri più spesso della maggior parte degli uomini. Non vedo il motivo di sopprimerlo finché non faccio del male a nessuno, e non lo farei mai. Così ho chiuso gli occhi e ho lasciato vagare la mente. Prima c'era stata una ragazza che avevo notato mentre si allenava. Deve essere stato il suo giorno per le gambe, perché stava facendo squat, affondi e burpees, ecc. Aveva un culo da morire, e ovviamente indossava dei pantaloni da allenamento attillati. Le mie mani iniziarono a scivolare su tutto il corpo come se avessero una mente propria, trovando infine il loro obiettivo sul mio inguine. Tutto scivoloso per il sapone e l'acqua ho iniziato a far scivolare le mie dita su tutto il cazzo con entrambe le mani. In quelli che sembrano solo pochi secondi è stato difficile e stare sull'attenti. Non mentirò, amo il mio cazzo. Non solo perché mi dà un tale piacere, ma penso anche che sia abbastanza carino. È di lunghezza media, ma piuttosto spessa e paffuta. È ben modellato e proporzionato, con una bella testa di fungo in cima. Ma quando è solido come una roccia come era adesso, e bello e scivoloso, amo come si sente nelle mie mani, non solo come si sentono le mie mani su di esso.

Ad ogni modo, devo essermi perso nei miei pensieri mentre afferravo saldamente la mia asta, facendo scorrere le mani su e giù ripetutamente, godendomi ogni sensazione, perché all'improvviso ho sentito la porta dello spogliatoio aprirsi. Ho immediatamente aperto gli occhi e mi sono bloccato in posizione, l'acqua continuava a scorrermi lungo le spalle e la schiena. All'inizio sentii delle risatine e due voci distinte. Poi ho sentito uno "Shhh".

"Ciao?" Ho sentito una voce maschile gridare. Ho guardato il mio corpo insaponato e il mio cazzo duro. "Merda" ho pensato tra me e me, e subito mi voltai per risciacquare il più velocemente possibile. Non ho detto niente.

"Ciao? Personale della palestra. C'è qualcuno?" La voce ripeté. Stavo ancora cercando freneticamente di sciacquare via tutto il sapone, ma era incastrato tra i peli del mio petto ed era difficile da sciacquare. Non sapevo cosa dire, quindi continuai a non dire nulla.

Adesso era un po' più tranquillo, ma ho sentito la voce dire qualcosa come "uhhg, aspetta, torno subito". Ho iniziato a farmi prendere dal panico per paura di essere scoperto nudo con un'enorme erezione, ma stavo ancora sciacquando e non riuscivo a pensare a cosa fare. Nel giro di pochi secondi l'uomo apparve dietro l'angolo e si fermò di botto quando mi vide, voltando la testa dall'altra parte per non mettermi a disagio. Troppo tardi. Era un allenatore in palestra. L'avevo già visto in giro.

"Oh cavolo!" Egli ha detto. “Scusa amico, non pensavo ci fosse nessuno qui. Non mi hai sentito chiamare?

L'ho guardato, imbarazzato, torcendo il mio corpo e coprendomi l'inguine con entrambe le mani in modo che non potesse vedere il mio cazzo duro. "Umm... sì... scusa, stavo solo... non pensavo che saresti venuto qui."

“Mi dispiace. Pensavo che qualcuno avesse lasciato la doccia aperta, visto che nessuno ha risposto. Spiegò, sempre distogliendo lo sguardo da me.

“No, è colpa mia. Avrei dovuto dire qualcosa. Volevo solo finire. dissi mentre chiudevo l'acqua, avendo finalmente sciacquato via tutto il sapone. Ho dovuto rilasciare una delle mie mani per afferrare l'asciugamano, ma lui non stava guardando, quindi l'ho fatto velocemente. Mentre lo facevo, all'improvviso anche una donna è arrivata dietro l'angolo e ha avuto una visione chiara del mio grosso cazzo duro mentre si avvicinava. Indossava anche l'abbigliamento del personale della palestra e ho visto i suoi occhi spalancarsi quando mi ha visto.

"Ohhh!" esclamò. «Mi chiedevo con chi stavi parlando.» Ha detto all'allenatore. Mentre lo diceva, i suoi occhi si fissarono sul mio inguine, e io ritirai rapidamente la mano da dove stavo cercando l'asciugamano. Non l'avevo ancora preso. Ho lottato per coprire il mio cazzo con entrambe le mani perché era ancora sull'attenti. "Ora vedo." Disse terminando il suo pensiero.

"Che diavolo!" sussultai. "Dovresti essere qui?"

"Dovresti?" Lei rispose compiaciuta. “La palestra è chiusa da quindici minuti. Abbiamo già chiuso a chiave qui fuori.»

"Oh merda. Mi dispiace, non avevo capito che ore fossero. Io spiegai.

"Va bene. Sono davvero contento che ti abbiamo trovato. Disse, appoggiando ora la mano sulla spalla dell'allenatore maschio e guardandomi sfacciatamente dalla testa ai piedi.

L'allenatore maschio sembrava un po' a disagio e la guardò negli occhi. “Sara. Dai... lascia in pace quell'uomo. Sono sicuro che vuole solo tornare a casa. Egli ha detto.

«Non mi sembra così.» Disse, fissando di nuovo gli occhi sul mio inguine. "Mi sembra che si stesse prendendo il suo tempo sotto la doccia, divertendosi."

Potevo sentire la mia faccia arrossire per l'imbarazzo. Sapevo che era ovvio per tutto questo tempo quello che avevo fatto, ma ora mi aveva chiamato fuori. Ho abbassato la testa per la vergogna.

"È fantastico però!" Disse con gioia, mentre faceva un passo più vicino a me, liberando la mano dalla spalla dell'uomo. “Ascolta, mi chiamo Sarah e questo è Steve. A volte veniamo qui dopo la chiusura per divertirci un po'. Si voltò a guardare Steve e vidi un lieve sorriso spuntare sulle sue labbra. "Forse vorresti unirti a noi?" Mi chiese mentre si allungava verso di me e mi sfiorava i peli del petto con le dita.

Stavo ancora tentando di coprirmi il cazzo con le mani, e ho sentito una leggera contrazione quando ho sentito le sue parole. L'ho subito guardata negli occhi, scioccata ma anche incuriosita dalla sua proposta. "Che cosa?! Divertimento?... come... vuoi dire...” inciampai nel dire.

"Sì..." confermò lei, mentre faceva scivolare la mano sul mio braccio e la tirava leggermente di lato. Allontanai volentieri la mano, rivelando parte della mia asta rigida. "Divertimento." Lei finì.

"Non preoccuparti." intervenne Steve. «Non c'è nessun altro nell'edificio. Abbiamo chiuso a chiave”.

"Sì, e non vedo un anello su questo dito." disse Sarah, ora toccandomi la mano sinistra e scostando anche quella.

"E sta davvero cercando!" Steve ha detto con una risatina.

"Allora... che ne dici, ragazzone?" chiese sfacciatamente.

Adesso era abbastanza vicina a me, sfiorandomi il petto, gli addominali e le braccia con le dita. Stava spostando la sua visuale tra i miei occhi e il mio cazzo che ormai le stava quasi toccando la pancia. Non dissi nulla, ma spostai semplicemente le sue dita sulla mia asta e lei le avvolse con gratitudine intorno ad essa. Mentre lo faceva, vidi i suoi occhi illuminarsi di nuovo e un grande sorriso attraversarla. Sapeva che la mia risposta era ovviamente "sì".

Mi ha guardato dritto negli occhi e ha appoggiato la sua testa sulla mia e mi ha piantato un bacio profondo e appassionato. Mi afferrò saldamente il cazzo mentre limonavamo, muovendo lentamente e sensualmente la mano su e giù. Era una grande baciatrice, e io mi sono innamorata di lei, avvolgendola con le mie braccia, tirandola saldamente contro di me mentre ricambiavo il suo bacio. Adesso avevo gli occhi chiusi, ma sentivo la presenza di Steve, che era arrivato dietro di lei. Le stava afferrando il culo e iniziò ad accarezzare tutte le parti di lei che poteva toccare. Ho aperto gli occhi per vederlo guardare il suo sedere mentre la palpava. Alla fine interruppe il nostro bacio e appoggiò la testa all'indietro, girando il collo per affrontarlo. Le afferrò il viso con entrambe le mani e iniziò a baciarla come avevo fatto io. Era ancora premuta contro di me però, con la mano che mi accarezzava l'asta tra i nostri corpi. Ho fatto un piccolo passo indietro per darle un po' di spazio per masturbarmi liberamente, e l'ho guardata mentre lei pomiciava con lui. Faceva caldo, vederli baciarsi in quel modo. Ovviamente si sono divertiti un bel po'. Sono rimasto sorpreso da quello che avevo appena iniziato, ma allo stesso tempo ero chiaramente molto eccitato e ho pensato tra me e me: "Che diavolo, facciamolo!"

Le ho messo le mani sulla vita e le ho fatte scivolare sui suoi seni mentre lei continuava ad accarezzarmi. Mentre la palpavo, spostò la mano libera sulla testa di Steve, attirandolo di più sul suo viso, baciandolo più profondamente. Ho sentito il suo lato anteriore dappertutto attraverso i suoi vestiti e ho deciso che ci sarei davvero andato. Infilai le dita nella sua cintura e senza esitazione, le tirai giù i pantaloni attillati e la biancheria intima fino alle cosce. Steve era schiacciato contro il suo fondoschiena ei suoi pantaloni si allungavano e lottavano per scendere sul suo sedere stretto e rotondo, ma alla fine lo fecero. Steve raggiunse immediatamente l'orlo della sua maglietta, sollevandola rapidamente, esponendo il suo reggiseno sportivo. Con un movimento rapido, aveva afferrato la parte inferiore del suo reggiseno sportivo e lo aveva forzato anche sui suoi ampi seni. Ha rapidamente interrotto il loro bacio e alla fine ha rilasciato anche il mio cazzo. Incrociò le braccia, afferrando entrambi i lati della maglietta e del reggiseno e se li sollevò rapidamente sopra la testa. Allo stesso tempo, dopo aver liberato il mio cazzo dalla sua presa, mi sporsi in avanti e le spinsi entrambi i pantaloni e le mutandine sul pavimento bagnato. Ne uscì e scosse la testa da una parte all'altra, scompigliandosi un po' i capelli. In un istante, era nuda di fronte a me, e questa volta rimise rapidamente la sua mano opposta sulla mia asta. Le mie mani iniziarono a navigare sul suo corpo mentre la guardavo di nuovo. Il suo corpo da allenatore stretto era impeccabile. Aveva i seni con coppa C più sodi e vivaci che avessi mai sentito, e la sua pancia rifinita e tonica scendeva fino alla sua morbida figa rasata e alle sue gambe. Mentre me ne stavo lì ad ammirarla, ho notato Steve che ora si spogliava dall'altra parte di lei. Anche lui si era spogliato in pochi secondi e ora stava tornando alla sua posizione, premendosi contro il suo sedere. Mi guardò di nuovo negli occhi prima di baciarmi e accarezzarmi il cazzo più velocemente di prima.

Le mie mani erano su tutto il suo corpo, ma alla fine ho trovato la sua figa liscia che era già fradicia. L'ho sentita gemere mentre la toccavo e sapevo che era completamente coinvolta in questa esperienza. La sua figa scivolosa era così calda e liscia che era un sogno toccarla con le dita, e sapevo che volevo assaggiarla. Mentre affondavo due dita nel suo calore, sentii le mani di Steve che si allungavano verso di me. Ha iniziato ad accarezzarmi il sedere e a stringerlo. Interruppi il mio bacio con Sarah e aprii gli occhi per guardarlo con un sorriso. Non ha detto niente ma ha risposto muovendo le mani intorno ai miei fianchi e facendole scivolare tra il mio corpo e quello di Sarah. Entrambi istintivamente ci siamo separati leggermente dandogli accesso, e lui ha trovato le mie palle con le dita. Mentre si avvicinava a Sarah, accarezzandomi le palle, lei mi ha lasciato la presa e Steve ha preso il sopravvento. Avevo ancora due dita ben piantate nella passera di Sarah e ora allungai l'altra mano attorno a lei per afferrarle il sedere. Non c'è da stupirsi che sia un'allenatrice, con un sedere stretto come quello! Ho abbassato la testa e ho iniziato a baciare e succhiare le tette incredibilmente vivaci di Sarah, mentre Steve accarezzava e accarezzava i miei affari. Tutte queste sensazioni erano eccessive, suppongo, perché cominciai a sentire la familiare agitazione nel mio inguine e mi sentii persino gemere involontariamente di piacere. Sapevo che stavo arrivando sull'orlo dell'orgasmo e non volevo che finisse presto, quindi ho dovuto interrompere tutto per il momento. Alzai la testa e li guardai brevemente negli occhi, poi posai delicatamente le mie mani su quelle di Steve. Ha interrotto i suoi movimenti.

Ho lentamente fatto marcia indietro, senza dire nulla, ma facendo loro sapere che non voglio fermarmi del tutto, voglio solo fare qualcos'altro. Mentre ci liberavamo l'un l'altro, mi accovacciai abbassandomi sulle ginocchia. Ora con la mia faccia vicino alla figa gocciolante di Sarah, l'ho guardata con occhi da cagnolino e ho sorriso. Lei mi stava guardando. Ho visto le mani di Steve muoversi intorno al suo corpo e poi stringerle saldamente i seni. Mi sono avvicinato e le ho leccato lentamente la figa. Sospirò e sollevò immediatamente la gamba destra, appoggiandola sulla sbarra dell'handicap nella doccia. Con un accesso migliore ora, ho piegato ulteriormente la testa e ho davvero messo la lingua lì dentro. La sua mano si spostò sulla mia testa mentre la leccavo e vidi la sua testa rotolare all'indietro. Sapevo che doveva pomiciare di nuovo con Steve, mentre lui le accarezzava le tette. Stavo inserendo più dita in lei ora, e trovando la sua clitoride con la mia lingua, leccando il suo succo meravigliosamente gustoso nel processo. Mentre prendevo fiato, ho finalmente notato le grosse palle pesanti di Steve appese in vista, direttamente dietro il sedere di Sarah. Ho usato la mia mano libera per sfiorarli. Non sentendo o vedendo una risposta, le ho prese a coppa e poi ho iniziato a farle rotolare tra le dita. Poi ho sentito gemiti soffocati dall'alto e ho capito che stavo andando bene. Ho continuato a mangiare e toccare la morbida fica di Sarah mentre accarezzavo le palle di Steve per alcuni minuti, mentre i miei sentimenti si placavano un po'.

Potevo vedere e sentire Steve che iniziava a gobba sul didietro di Sarah mentre lavoravo su entrambi. Potrei dire che voleva essere in lei, come me, ma non ancora. Ho allungato la mano sotto l'inguine di Sarah e ho tastato il corpo di Steve. Ho trovato il suo cazzo duro e ci ho avvolto la mano intorno. Istintivamente ha spostato indietro i fianchi per darmi più accesso. In realtà non avevo pensato a quello che stavo facendo o nemmeno volevo fare, ma le mie mani tirarono il suo cazzo verso il basso in modo che ora fosse di fronte a me, sotto la figa di Sarah. "Santo cielo" ho detto accidentalmente ad alta voce. Era enorme. Doveva essere lungo 9 pollici, perché anche da dietro Sarah, la punta era ben esposta davanti a lei. L'ho persino vista guardare in basso verso di me e poteva vedere il suo cazzo sporgere di qualche centimetro davanti a lei. Mi ha sorriso, come per dire "lo so bene".

"Posso succhiarlo?" dissi timidamente. Sarah era raggiante di gioia guardandomi dall'alto in basso.

"Ovviamente." Ho sentito Steve dire da dietro di lei.

Così mi sono seduto un po' più in là sulle mie gambe, cambiando la mia posizione. Avevo ancora la mano avvolta intorno al suo bel cazzo grosso, ma era teso contro di me. Voleva stare in piedi. Così ho lasciato andare momentaneamente ed è balzato verso l'alto, toccando la figa succosa di Sarah. L'ho aiutata un po', strofinandola un po' nella sua fica, poi afferrandola di nuovo dopo che era bella e bagnata sopra. Ho strofinato il succo della figa tutt'intorno, accarezzando la sua asta, facendola lubrificare bene. Amavo il suo sapore. Mi ha guardato per tutto il tempo.

Poi ho chinato la testa e ho raggiunto la punta del suo cazzo con la lingua. Ho inghiottito lentamente i primi centimetri del suo cazzo con la mia bocca calda, assaporando il sapore del nettare di Sarah su tutta la sua asta. Sono andato il più lontano possibile prima che il mio naso toccasse la sua fica. Inspirai profondamente e poi mi ritirai lentamente. Alzando lo sguardo vidi i suoi occhi spalancati di incoraggiamento. Tornai indietro per averne ancora, facendo scivolare di nuovo la mia bocca sul suo cazzo duro, sentendolo allungare la mia bocca con la sua circonferenza. Questa volta ho chinato la testa per prenderne di più prima che la sua fica si mettesse sulla mia strada. Questo è stato incredibile. Avevo succhiato cazzi solo una volta prima, ma mi piaceva. Questo era il meglio dei due mondi, un cazzo che sapeva di figa. Cominciai ad accelerare il ritmo, perdendo il controllo dei miei impulsi. Ho divorato avidamente la sua asta più che potevo ogni volta, fermandomi a respirare nella bella figa di fronte a me. Stavo piegando la sua asta più in basso ora, cercando di andare sempre più in profondità ogni volta. Sapevo di poter fare un deepthroat, quindi l'ho provato ripetutamente più e più volte, tenendo la sua asta in profondità nella mia gola per diversi secondi un paio di volte. L'ho sentito reagire ogni volta. Il suo cazzo era così solido che potevo sentire la rigidità ogni volta che la mia lingua ci passava sopra. Potrei dire che è anche ciò che manteneva solido il mio cazzo, e ora lo desideravo così tanto in qualcosa.

Ancora qualche minuto di delizioso succhiare il cazzo e non sembrava che Steve stesse per venire o altro. Stavano pomiciando sopra di me periodicamente mentre lui sentiva il suo corpo dappertutto, ma era tempo per qualcosa di più. Mentre faccio scivolare fuori dalla gola il bellissimo cazzo gigante di Steve un'ultima volta, lo lascio scattare verso l'alto e toccare la figa di Sarah. L'ho premuto di nuovo contro di lei e lui ha iniziato a dondolarsi avanti e indietro, coprendosi il cazzo con la linfa della sua fica. Ho spinto la punta del suo cazzo all'indietro abbastanza da poterla entrare, e poi l'ho aiutato a entrare. Con un grande gemito, Steve ha immediatamente spinto in avanti, la sua asta solida come una roccia scivolava facilmente nella sua fica fradicia. Anche lei reagì, rilasciando un sospiro e appoggiandosi alla parete della doccia. Ero proprio lì sotto di loro in soggezione, guardando il suo grosso cazzo penetrarla. Mentre si ritirava, la sua fica gocciolava letteralmente su di me e la sua asta era ricoperta del suo succo bianco. Non ho potuto trattenermi, e rapidamente ho afferrato di nuovo il suo cazzo, facendolo uscire completamente da lei e tirandolo verso la mia bocca. Ancora una volta l'ho consumato avidamente il più lontano possibile, sentendo il suo cazzo in fondo alla mia gola, facendo uscire il succo della figa di Sarah con la mia lingua e ingoiandolo con gratitudine. Ho fatto scivolare via la bocca da lui e ho guardato in alto per vedere Sarah che guardava di nuovo in basso.

"Scusa." Ho detto. "Non ho potuto farne a meno." Sorrise di nuovo.

Guidai la sua grossa verga verso la sua fica invitante e l'aiutai a entrare. Di nuovo, si spinse in avanti, più in profondità che poteva questa volta. Il corpo di Sarah cadde un po' in avanti, chinandosi su di me ora. Ho continuato a guardarlo da vicino per un po' mentre lui cominciava a scivolare dentro e fuori ripetutamente dal suo calore. Ho cominciato distrattamente ad accarezzarmi il cazzo e mi sono seduto per terra a guardarlo mentre la scopava. Era afferrato le sue tette stupefacenti mentre lui sgroppava da dietro. Adesso si stava appoggiando alle pareti e cominciò a gridare di piacere. La sua fica gocciolava a ogni spinta. Mi ha guardato e ha notato che ora mi stavo masturbando. L'ho vista mettere una mano sul fianco di Steve dietro di lei, e lui ha subito rallentato il passo.

"Vieni qui." Disse, allungandosi verso di me.

Mi alzai in piedi mentre lei si appoggiava allo schienale di Steve. La attirò di nuovo dentro di sé, tenendole ancora le tette. Sapevo che il suo grosso cazzo era ancora dentro di lei. Quando mi sono alzato, ha raggiunto il mio cazzo all'istante. Mentre lentamente ricominciava ad accarezzarlo, disse "Non posso prenderlo nel culo". Poi ha abbassato lo sguardo sul mio cazzo di taglia media. "Ma potrei prendere questo."

Ho guardato Steve, che ha sorriso in grande e poi si è allontanato da Sarah, espellendo il suo cazzo da lei nel processo. Sorrise anche lei, poi abbassò il piede a terra e improvvisamente si voltò per affrontare Steve. Non avevo visto il suo culo fino ad ora, e mio dio era sodo. Paffuto e rotondo, proprio il culetto perfetto. Il suo corpo da allenatore era così stretto e sodo, potevo solo immaginare quanto sarebbe stato stretto il suo buco del culo. Avvolse le braccia intorno a Steve e lui si abbassò un po'. Poi si alzò bruscamente facendola strillare. Potrei dire che aveva di nuovo infilzato la sua figa sul suo grosso cazzo. Allungò entrambe le mani e lei saltò verso l'alto mentre lui la sollevava. Ora era sospesa sul suo compagno di allenamento muscolare, mentre il suo cazzo era sepolto dentro di lei. Ho alzato le sopracciglia per la sorpresa, e l'ho visto guardarmi. Se ne stavano lì lì per ora, come per aspettarmi.

Mi avvicinai dietro di lei e tastai sotto di lei con la mano. Era tutto così succoso e scivoloso. Mentre strofinavo i cerchi attorno al suo cazzo, sentendolo allungare la sua figa, strofinai leggermente anche il suo stretto buco del culo. Ho sentito gemiti di incoraggiamento da parte sua e ho deciso di testare le acque con un dito o due prima. Quando ho premuto il dito sul suo bocciolo di rosa, è entrato ed è entrato facilmente in lei. Gemette di nuovo e disse persino "ahhh, sì". L'ho preso come spunto e ho toccato con la punta del cazzo i suoi buchi gocciolanti. Mentre lo facevo scivolare spargendoci sopra il suo nettare, Steve iniziò a oscillare dentro e fuori di lei leggermente. Ho trovato il suo buco con il mio cazzo e lentamente ho spinto in avanti. Le ha fatto breccia nel culo con facilità e ha cominciato a scivolare dentro, allungandolo al massimo. Si bloccò sul posto per un momento, poi si abbassò su di me, incoraggiandomi a impalarla ancora di più. Il suo culo era così stretto che riuscivo a malapena a prenderlo, e mentre ci scivolavo dentro, potevo sentire anche la pressione del cazzo di Steve nella sua figa. Non l'avevo mai sentito prima ed era troppo da gestire. Con un'ultima spinta, ho spinto verso l'alto e sono stato improvvisamente nel suo culo fino in fondo. Strillò di nuovo e seppellì la testa nella spalla di Steve. Ma ho sentito un soffocato "Oh cazzo sì". uscire dalle sue labbra. Steve e io ci siamo guardati e abbiamo sorriso. Poi Steve iniziò a sollevarla, facendo scivolare fuori da lei entrambe le nostre aste dure come la roccia allo stesso tempo. Ma prima che uno di noi saltasse fuori, l'ha lasciata cadere di nuovo. "AHH" urlò.

Ripeté, sollevandola verso l'alto e lasciandola cadere. Ancora e ancora, ora con un ritmo, le stavamo fottendo entrambi i buchi. Afferrò più forte le spalle di Steve ora mentre iniziava a urlare selvaggiamente. Eravamo tutti in sincronia mentre Steve controllava i suoi movimenti, impalandola su entrambi i nostri cazzi solidi più e più volte. Alla fine voleva un po' di controllo, sbattendosi contro entrambi, cominciò a contorcersi avanti e indietro. Riuscivo a malapena a trattenermi. Il suo culo stretto, combinato con la sensazione dell'asta dura come la roccia di Steve contro la mia dentro di lei, era troppo per me. Stavo montando per un enorme orgasmo, quando ha iniziato ad avere le convulsioni su entrambi. Steve e io abbiamo smesso di muoverci mentre Sarah tremava tra di noi. Seppellì di nuovo la faccia nella spalla di Steve, questa volta penso mordendolo. Le sue urla erano soffocate, mentre raggiungeva l'orgasmo. Ho sentito la sua linfa scorrere lungo le mie palle mentre il suo orgasmo si placava. Diversi secondi dopo, sollevò la testa, ansimando pesantemente. "Dio mio." Respirò. “Ehm. Non ne ho mai bevuti due contemporaneamente. Ha ammesso. "È stato... fottutamente... incredibile."

Mentre lo diceva, ho sentito le mie palle gonfiarsi. Il suo sperma stava gocciolando su di loro e non potevo più contenerlo. Ho oscillato leggermente dentro e fuori da lei alcune ultime volte, e sapevo che dovevo rilasciare. Ho tirato fuori dal suo stretto buco del culo, afferrando immediatamente il mio cazzo in mano. Rendendosi conto di ciò che stava accadendo, si è allontanata da Steve, e lui l'ha immediatamente rilasciata, ritirando il suo grosso cazzo dalla sua figa nel processo. Sarah si voltò verso di me e mi baciò rapidamente il viso e il petto, poi improvvisamente cadde in ginocchio. Mi ha afferrato le mani e le ha rimosse dal mio cazzo, sostituendole con le sue, e ha cominciato ad accarezzarmi furiosamente fino in fondo. Si è stabilizzata sulle ginocchia posizionandosi direttamente sotto di me. Gonfiò il petto e spalancò la bocca, tirando fuori la lingua. "Sì, andiamo piccola." Lei disse. "Dammi un po' di sperma!"

Questo è tutto ciò che è servito, e mi sono appoggiato alle pareti della doccia e l'ho guardata dritto negli occhi. Aveva la punta del mio cazzo proprio davanti alla sua lingua tesa, battendo il mio cazzo duro come una roccia, aspettando solo di farlo. Non ho potuto fare a meno di gemere forte quando finalmente mi sono liberato e ho sparato un enorme getto di sperma proprio sul suo viso. Chiuse gli occhi in fretta mentre il primo sparo le arrivava dritto dalla fronte al mento, attraverso la bocca aperta. Ho continuato a scaricare e il secondo colpo è esploso ulteriormente, schiarendole completamente la testa e colpendo Steve alle sue spalle. Poi altri colpi le sono caduti in faccia, e ancora e ancora, ho svuotato le mie palle, la maggior parte finendo nella sua bocca in attesa. Ha aperto gli occhi mentre mungeva gli ultimi pezzetti di sperma che trasudavano da me e l'ho visto seduto lì sulla sua lingua. Chiuse la bocca e ingoiò senza sforzo tutto. "Mmmm" gemette, spremendo un'ultima piccola goccia dalla punta del mio cazzo. L'ho guardata e ho ridacchiato un po' vedendo che il suo viso era dipinto con il mio sperma, e realizzando che avrei colpito anche Steve con esso. Si asciugò un po' dalla guancia e dal naso e ridacchiò anche un po'.

Alzai lo sguardo su Steve, che ora stava masturbando il suo cazzo solido. Anche Sarah rivolse la sua attenzione a lui e si girò per affrontarlo. Ho avuto una buona visuale di tutto il suo corpo, compreso il suo gigantesco cazzo duro, che non avevo visto del tutto fino ad ora. Era anche un esemplare perfetto, con quel corpo da Adone e quel cazzo fantastico. I suoi muscoli si stavano flettendo come un matto mentre si batteva il cazzo cercando disperatamente di finire. Sarah ora era di fronte a lui come lo era stata con me, ripetendo quello che mi aveva detto. "O si. Dammi di più. Dai piccola, dai da mangiare anche a me quel carico. Implorò, mentre prendeva il controllo di masturbarlo, come aveva fatto con me.

Mentre stavo lì a guardarla mentre lo finiva, non potevo fare a meno di pensare che anch'io volevo assaggiarlo. Quindi, senza pensarci davvero, sono caduto di nuovo in ginocchio e mi sono rannicchiato contro Sarah. Ho iniziato a strofinare e sollevare i suoi seni vivaci. Ho notato un po' del mio sperma sulla sua spalla e l'ho succhiato, baciandole anche il collo. "Mmm, ne vuoi un po' anche tu?" Lei mi ha chiesto. Alzai lo sguardo timidamente e risposi "Sì, per favore". Indirizzando la mia risposta a Steve. Come al momento giusto, ho visto il suo corpo sollevarsi un po' e Sarah si è preparata a ricevere altro sperma. Ho continuato a tenere saldamente le sue tette, creando una mensola e poi ho premuto la mia faccia accanto alla sua. Ho aperto la bocca e tirato fuori la lingua come lei. Le ci vollero entrambe le mani per masturbare a sufficienza l'enorme cazzo di Steve, e ora le sue mani erano sfocate. Ho guardato attentamente e ho visto le sue palle stringersi. Sapevo che stava arrivando, quindi l'ho guardato negli occhi. Grugnì forte e all'improvviso una corda di sperma colpì il naso di Sarah e l'ho sentito spruzzare su di me. Ha reindirizzato il suo cazzo e la seconda esplosione è stata mia. È atterrato dritto su tutta la mia faccia, probabilmente andando anche oltre la mia testa. Mi ha spaventato ma ho tenuto gli occhi aperti e in realtà ho afferrato il suo cazzo che scoppiava con la mano. Volevo sentirlo e vederlo. Continuavo a guardare mentre le sue palle si contraevano ripetutamente e sentivo le ondate fluire attraverso il suo enorme albero. Sarah mi ha permesso di tenere il suo cazzo in eruzione nella mia direzione, dandomi un'esplosione dopo l'altra di sperma caldo. La mia bocca era spalancata, cercando di afferrarlo tutto, ma era incontrollabile. Mentre lo accarezzavo e lo stringevo, continuava a scorrere ea scoppiarmi sul viso e sulla lingua. Steve ansimava e gemeva durante l'orgasmo più lungo che abbia mai visto avere un ragazzo. Sarah ha fatto qualche scatto e sapevo di essere avido, ma volevo di più. Qualche altro scatto più piccolo e sapevo che era finita. Ho fatto quello che Sarah aveva fatto a me e ho munto le ultime gocce del suo delizioso sperma, proprio sulla mia lingua.

Ho guardato Sarah, vedendo il nostro sperma ora mescolato scivolarle sul viso, gocciolando sulle sue tette perfette. Mi guardò e mi afferrò rapidamente la testa, spingendomi a baciarla profondamente. Lo sperma di Steve si è mescolato e mescolato nelle nostre bocche, creando il bacio più gustoso che abbia mai avuto. Me ne ha lasciato la maggior parte, ma quando abbiamo interrotto il bacio l'ho vista ingoiarne un po'. Ho ammirato Steve e poi ho deglutito anch'io. Il suo nettare era meravigliosamente piccante e ho amato ogni goccia. Ho persino iniziato a raccoglierlo da tutto il viso nella mia bocca, e ho notato che Sarah faceva lo stesso con il mio di prima. Mentre mi leccavo le dita e le labbra, osservai lo sperma che era gocciolato sui seni di Sarah. Ma prima che potessi agire, Steve era in ginocchio, già chinato per ripulirla. “Risparmiami un po'” disse, mentre leccava le poche gocce dai suoi capezzoli, fermandosi per baciarli e succhiarli.

Eravamo tutti seduti lì in un mucchio di sfinimento, appiccicosi ma soddisfatti, ammirandoci l'un l'altro in silenzio.

"Beh, spero davvero di incontrarvi di nuovo qualche volta." dissi rompendo il silenzio.

Fine.

Storie simili

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.5K I più visti

Likes 0

Il programma di formazione porta al sesso incredibile Parte 1

Hari è entrato nell'aula di formazione. Il programma di formazione era fuori stazione in un hotel e durava 2 settimane. Si chiese come avrebbe ammazzato il tempo durante la sera e nei fine settimana. Ha esaminato la classe e ha visto un mix di uomini e donne giovani e di mezza età. Ha intervistato le donne e su 15 donne ha trovato 5 donne belle e interessanti. Le 5 donne avevano un'età compresa tra i 25 ei 40 anni. Si chiese se sarebbe stato in grado di fare qualcosa o solo di pensarci e di masturbarsi. Si chiedeva pigramente quale fosse...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.6K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.4K I più visti

Likes 0

Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone. Mi ha chiesto un documento d'identità! disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa...

1.6K I più visti

Likes 0

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.4K I più visti

Likes 0

Il piano Denny e Devon

Strano come non sai mai veramente cosa ti aspetta la notte. Faccio la stessa cosa ogni fine settimana, io e Dennis passiamo la serata fuori ogni fine settimana, di solito andiamo nello stesso club, Level Down. Dennis ci provava con alcuni baristi, a volte mi univo a lui, li portavamo fuori, li sbattevamo e non li vedevamo mai più. Questo è il piano, il piano Denny e Devon. Siamo andati come al solito al Level Down, indossando le nostre giacche di pelle nera abbinate, i capelli in testa e la nostra solita spavalderia punk rock. Siamo entrati al Level Down, Denny...

587 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.7K I più visti

Likes 0

LEZIONI DI DOMINANZA: PARTE SECONDA

PROLOGO dalla prima parte: Naomi Dayne esce con Peter da sei o sette appuntamenti ormai, e sua madre, Miranda ha sentito che sua figlia si sta innamorando del giovane, e poiché è una dominante gelida, vuole sua figlia per continuare con la tradizione di famiglia della dominazione femminile dei maschi!!! Dopo aver sottoposto Peter a una serie di prove, Miranda alla fine gli schiaccia le palle tra le mani, rompendo efficacemente lo spirito di Peter lasciandogli un naufragio emotivo!!! Miranda quindi mette alla prova la capacità di Peter di soddisfarla oralmente e, con grande sollievo di Naomi, Peter porta sua madre...

2.2K I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.