L'Ascesa dei Goblin Capitolo 4

754Report
L'Ascesa dei Goblin Capitolo 4

La bellissima apprendista si sganciò la gonna e la lasciò cadere sul pavimento di pietra del laboratorio del mago. Presto seguirono le sue mutandine di seta, lasciando scoperte le sue gambe pallide e snelle. La sua giovane figa esposta.

Era umana, giovane e matura. Con lunghi capelli neri, lisci e lucenti. Appena diciottenne e vergine quando era stata rapita dal vecchio mago. Un premio che ha preso dopo che una banda di avventurieri aveva tentato di ucciderlo. Il vecchio sapeva che lei lo odiava.

Questo faceva parte del suo fascino.

Reso fin troppo chiaro dal modo in cui rabbrividì e distolse lo sguardo mentre la mano di lui si abbassava per afferrarle la figa nuda. La sua dolce astuzia messa a nudo per il suo piacere. Non riusciva a trattenere il suo piccolo gemito di repulsione. Il brivido che le percorse il corpo al suo tocco sfrontato.

Le strofinò dolcemente il tenero manicotto. Il suo dito medio rugoso si spingeva appena nell'umidità tra le sue labbra inferiori. Il suo vecchio sorrise con uno sguardo di vittoria. Rivissuto ogni volta che abusava della povera ragazza.

Con una risatina roca, le abbassò il top di seta blu. Solo un tubo di stoffa che copriva a malapena i suoi piccoli seni in erba. Ansimò quando i suoi capezzoli si indurirono nell'aria fresca della stanza.

Ha pizzicato uno dei suoi germogli duri. La ragazza gemette e lo guardò scioccata. Sapendo che presto avrebbe preso il suo vecchio cazzo duro.

Potrebbe essere stata la sua apprendista, ma non era la sua amante. Era una schiava. Un giocattolo da usare e abusare a suo piacimento. Uno con cui amava giocare.

La loro lezione era finita per quel giorno. Il suo rituale era stato un successo. Avrebbe tratto piacere da lei. Allora vai a mangiare. Forse in una taverna elegante mentre languiva nella sua cella.

Il mago chinò il suo corpo giovane e pallido su un tavolo di legno grezzo. Sussultò quando le affondò nei fianchi. Le legò i polsi dietro la schiena con un pezzo di corda di canapa. Poi con un sorriso le diede una pacca sul culetto.

Lei strillò mentre i suoi colpi piovevano. Colpi dolorosi e severi. Non gli schiaffi giocosi di un amante. Il suo culo divenne rapidamente rosso. Palpitante di dolore.

Il vecchio smise di insultare. Facendo scivolare le sue dita ossute tra le cosce di un adolescente. La ragazza gemette mentre le sue dita rugose sondavano il suo punto più prezioso. Trovarla completamente bagnata.

Il mago aprì la sua veste. Rivelando che non indossava nulla sotto. Il suo vecchio cazzo era lungo e magro. Duro ed eretto sopra un paio di palle avvizzite.

Lei gridò mentre il suo cazzo la spingeva profondamente dentro di lei. Ogni volta era un nuovo disonore. Anche se aveva contaminato numerose volte il suo giovane corpo.

Il vecchio riprese a schiaffeggiarle il sedere mentre spingeva. Ridere mentre singhiozzava. «Dov'è tuo padre, puttana? Chi c’è per salvarti?” Ha provocato.

Morto, fu la risposta. E nessuno. Non c'era nessuno che la salvasse dai suoi tormenti.

Il vecchio si tirò fuori e la costrinse a inginocchiarsi sul pavimento di pietra. "Succhiare." Egli ordinò. Spingendo il suo cazzo viscido contro la sua bocca serrata.

Lei voltò la testa disgustata. Rifiutarsi di prendere parte all'atto disgustoso. Uno schiaffo da parte del vecchio, però, e lei fu di nuovo docile.

Si voltò e aprì la bocca. Assaporando i suoi stessi succhi mentre il suo cazzo scivolava lungo la sua lingua. Colpendole la gola e facendola vomitare.

Il mago le afferrò i capelli corvini e le scopò la faccia in faccia. Lei soffocò e tossì mentre il suo cazzo le entrava in modo scomodo in gola. Poi rimase senza fiato. Si era tirato fuori. Solo per costringerla a stare con i suoi lunghi capelli.

La fece sdraiare sul tavolo. Le sue braccia sono ancora legate sotto di lei. Allargò le gambe in segno di sottomissione. Sperando di prevenire ulteriore dolore.

Il mago afferrò un paio di candelieri. L'adolescente chiuse gli occhi accigliandosi e girò la testa mentre le candele venivano sollevate sopra i suoi seni in erba.

Sibilò di dolore quando le prime gocce di cera schizzarono le sue giovani tette. Pungente come fuoco liquido per un attimo prima di asciugarsi e raffreddarsi rapidamente.

Il mago gemette mentre spingeva di nuovo il suo uccello nella fica stretta della ragazza. Spingendo lentamente mentre le faceva gocciolare cera ardente sul petto. Lui sorrise al suo evidente disagio.

Alla fine grugnì. Il suo cazzo ha pompato il suo vecchio sperma nella sua giovane figa. Riempiendola con il suo pasticcio.

La tirò di nuovo a terra e lei obbediente prese il suo cazzo flaccido in bocca. Mentre beveva la loro melma sessuale, gli rivolse uno sguardo di disgusto che lui adorava. La schiava adolescente, in ginocchio, con lo sguardo rivolto in alto, odio nei suoi occhi, odio e sconfitta, il suo vecchio cazzo in bocca.

Più tardi, nella sua fredda cella, ripensò alla sua prima volta con il vile mago.

"Ho un regalo per il tuo sedicesimo compleanno, ragazza." Il vecchio mago aveva annunciato. Era crudele anche allora, ma le aveva insegnato alcune magie. Con la promessa di insegnarle di più.

"Tu... mi lascerai andare?" aveva chiesto Catherine.

"Ovviamente no. Ma mi aiuterai in un potente rituale. Uno che richiede un sacrificio verginale.

I suoi occhi si spalancarono per la paura. Finora non le aveva messo mano. Era stata sua schiava e apprendista per due anni. "Io... pensavo avessi detto... un regalo..."

"Non ho detto che il regalo era per te, ragazza." Sorrise crudelmente. "Molti demoni amano il sapore dell'innocenza di una vergine."

Ha lottato, ma era piccola e magra. Nessun avversario per il vecchio sorprendentemente forte. L'ha trascinata nel suo laboratorio. Là le strinse i polsi con manette fissate al soffitto. Sollevandola in modo che si mettesse a disagio in punta di piedi.

Lei implorò mentre lui lanciava i suoi incantesimi di evocazione. Un lungo rituale che la lasciò dolorante e spaventata.

Poi il pavimento di pietra sotto di lei sembrò sgretolarsi. Il vecchio rise trionfante quando si aprì un pozzo di sei piedi di diametro. Dal buco si levava una strana nebbia. Illuminato da una strana luce verde. Poteva sentire l'aria fredda proveniente dal buco. Più freddo perfino della torre di pietra. Sembrava mordicchiarle le dita dei piedi penzolanti.

Catherine non poteva fare altro che guardare con orrore nel buco. C'era qualcosa laggiù. Qualcosa che si contorce nella nebbia.

Tentacoli neri si alzarono dalla fossa. Una mezza dozzina che si dimena e luccica. Coperto di melma putrida. Il giovane adolescente urlò.

Lei scalciò le gambe, il vestito le svolazzò addosso. Tremando e sussultando, cercò di dondolarsi fino al bordo della fossa. Cercando inutilmente di allontanarsi da qualunque mostruosità vivesse nell'oscurità.

Due viticci le avvolsero le caviglie. Tirare verso il basso, delicatamente ma con fermezza. Tenendola ferma. Allargando le gambe.

Un tentacolo si sollevò dietro di lei. Avvolgendola delicatamente attorno al collo. Poteva sentirlo mentre la punta si sfregava contro la sua guancia. Come la pelle ricoperta di marmellata. E freddo. Le fece venire la pelle d'oca in tutto il corpo. Catherine gemette quando la sua giovane cunny cominciò a formicolare stranamente.

Un altro viticcio si levò sotto il semplice vestito di lana. Poteva vederne la forma contorcersi contro il tessuto grigio mentre si alzava.

Lei gemette mentre scivolava sotto la sottoveste. Freddo e disgustoso contro la sua pancia. Dimenandosi finché non trovò le sue piccole tette. Solo piccoli boccioli, erano ancora piuttosto sensibili. Catherine sussultò quando il freddo invasore cominciò a strofinarli. Non si è nemmeno accorta del suo padrone con il cazzo fuori. Accarezzando lentamente il suo lungo cazzo mentre guardava.

Tutto il suo corpo formicolava per il tocco del tentacolo. Solo di recente aveva iniziato ad esplorare il suo corpo. Trovare i luoghi che la riempivano di un piacere stuzzicante. I suoi piccoli seni sembravano solleticare solo quando li toccava. Questo era molto di più. Come un solletico su tutto il corpo. E quel formicolio nella sua figa si è trasformato in un ronzio. Un ronzio emozionante.

Il tentacolo scivolò lungo il suo corpo. Scivolando dolcemente nei suoi calzoncini.

"No..." Catherine gemeva settimanalmente mentre si dimenava oltre il suo pube nudo. Tutto il suo corpo tremò per lo shock mentre sfiorava leggermente le sue giovani labbra inferiori. Sembrava che il suo cuore avesse perso un battito.

Il tentacolo nelle sue mutandine strofinò delicatamente il suo punto più prezioso. Mentre quello che aveva al collo le accarezzava dolcemente la guancia. Le cosce di Catherine tremavano in anticipazione.

Soddisfatto, il tentacolo si staccò. Portando via con sé i calzoncini della ragazza. Catherine gridò scioccata mentre veniva spogliata. Lottò mentre altri due tentacoli le afferravano il collo del vestito e cominciavano a lacerarsi. Strappa facilmente l'indumento di lana dal suo corpo. Presto seguì il suo turno di biancheria. Lasciando la vergine sedicenne totalmente nuda e vulnerabile.

Lei liberò le caviglie e tirò su le gambe nel vano tentativo di coprire il suo prezioso sesso. Tentacoli le avvolsero le ginocchia e, sebbene stringesse con tutta la sua forza, aprì lentamente le cosce. Lasciando la sua figa nuda e vulnerabile al mostro.

Osservò con affascinato orrore mentre un tentacolo scivolava lentamente tra le sue cosce. Dimenando è un modo quasi ipnotico di avanzare. Poi la sua punta premeva contro la sua immacolata astuzia.

Sembrava freddo e viscido. Come una cosa morta.

Questa volta non c'era gentilezza. Nessuna carezza leggera. Il tentacolo attorno al suo collo si strinse. Facendole battere la testa mentre quello nella sua figa si spingeva dentro senza pietà.

Catherine urlò. Il dolore era qualcosa che non aveva mai immaginato. La sua verginità è stata strappata via da questo malvagio alieno... cosa.

Ma non era solo un dolore della carne. Mentre la bestia violentava la sua fica stretta, lei era persa in uno stato di stordimento. Poteva sentire che oscurava la sua anima. Prenderle qualcosa di prezioso. Una piccola parte della sua essenza che avrebbe conservato per sempre. Possedere per sempre una parte di lei.

Quando tornò in sé poté sentire gli altri tentacoli contorcersi intorno a lei. Quello sul collo si fece strada tra le sue giovani labbra. Ha avuto un conato di vomito per il sapore disgustoso della sua melma.

Un'altra le avvolse il petto. Quindi la mancia è aperta. Una piccola bocca sdentata che le spezzava i minuscoli capezzoli.

Catherine si dimenò mentre i tentacoli la abusavano. Non si era mai sentita così piena come con il tentacolo freddo che si dimenava nella sua figa. La sua fica pulsava. Stringendo in modo incontrollabile il suo intruso mentre il suo corpo rispondeva.

Questa era la sua prima volta. Qualcosa che non avrebbe mai potuto riavere indietro. Nessun marito amorevole. Nessun amante gentile. Solo una massa fredda e demoniaca di tentacoli.

Le lacrime le riempirono gli occhi quando sentì un viticcio freddo spingerle tra le natiche. Premeva saldamente contro il suo sedere stretto.

Ha provato a strillare attorno al tentacolo che le penetrava la gola mentre penetrava nel suo fiore anale. Il freddo intruso le ha bruciato il culo. Poteva sentirlo orribilmente sfregare contro il tentacolo nella sua fica. Riempiendo innaturalmente entrambi i suoi giovani buchi stretti.

Lo stupro demoniaco di Catherine sembrava durare ore.

Era appena cosciente quando venne lasciata cadere senza tante cerimonie sul duro pavimento di pietra. Le pietre del pavimento sembravano più calde sotto la sua pancia rispetto al suo primo amante. I tentacoli si ritirarono e il pozzo si chiuse come se non fosse mai esistito.

Cercò di sollevarsi. Sembrava dolorante dappertutto. Soprattutto... laggiù.

Poi mani calde l'hanno afferrata. Il suo padrone. Lì per aiutarla ad alzarsi!

No. Il vecchio l'ha costretta a scendere. Il suo corpo caldo e rugoso si arrampicò su di lei. Fa scivolare facilmente il suo vecchio cazzo nella sua fica spalancata. Grugnendo di piacere.

Catherine pianse quando il suo padrone la prese per la prima volta.

Sarebbe tutt'altro che l'ultimo per la bella adolescente.

Sarebbero passati anni prima che lei fosse abbastanza potente e coraggiosa da sfuggirgli. Anni di abusi e violazioni. Anni di studio e pratica diligente. Anni trascorsi nella sua fredda torre.

**********

Siamo al confine delle terre di Biladi. In viaggio fino ai piedi delle Montagne della Rosa Rossa. Da così vicino possiamo vedere la tinta rossastra che ha dato loro il nome. Probabilmente qualcosa a che fare con il suolo. Contenuto di ferro forse? Non sono un geologo.

Le montagne spaventose separavano queste terre non umane attraverso le quali abbiamo viaggiato, dai regni umani. O almeno così mi è stato detto.

“Molti signori e re diversi rivendicano le montagne. Da entrambi i lati della gamma.” Priyala ha tenuto una conferenza mentre marciavamo. “Ma nessuno è riuscito a domarli. Ci sono alcuni insediamenti indipendenti. Ma soprattutto le montagne sono selvagge. Mostri, banditi, maltempo e altri pericoli tengono la maggior parte fuori. Inoltre gli umani non vogliono davvero avere niente a che fare con noi. La simpatica gattina mi sorride.

"Questo umano lo fa." Io sorrido di rimando, abbassandomi per darle una stretta al sedere. Con sua evidente gioia.

Quando ci fermiamo per una breve pausa Rebecca si rannicchia vicino a me. "Contento?" le chiedo sorridendo.

Lei ricambia il sorriso. "Sempre, se sono con te."

Si sente un tonfo e una colonna di fumo poco distante. Mia moglie aggrotta la fronte. "Quelle armi cambieranno tutto." Lei avverte.

Annuisco. “Da quello che abbiamo visto, la magia attenua la necessità di far avanzare la scienza”. Becca mi guarda. "Perché inventare l'irrigazione, quando un mago può semplicemente far piovere dove serve?"

“Forse è per questo che i Goblin sono così interessati alle tue storie.” Lei suggerisce. “Hanno poca o nessuna magia tra la loro gente. Nessun potere nel mondo più grande. La scienza potrebbe dare loro quel potere. Livellare il campo di gioco."

Annuisco, sicuro che abbia ragione. Indico il punto in cui Amanatia e pochi altri si riuniscono attorno al suo bollitore. Vedo che ha già apportato delle modifiche. "Sai, le armi non hanno domato l'Occidente." Faccio lezione alla bella donna. Lei sorride, abituata a vedermi esporre le mie idee. “Erano i treni, il telegrafo e l’elettricità. Le cose meno appariscenti che rendevano la vita più facile a tutti. Infrastruttura."

"Alcuni direbbero che non è stata una buona cosa." Lei suggerisce. Mi limito ad alzare le spalle. Ho poca pazienza con coloro che vorrebbero ostacolare il progresso.

Quella sera abbiamo deciso di organizzare una piccola festa. Eravamo abbastanza vicini alle montagne che dichiarai che avevamo ufficialmente lasciato le terre di Biladi. L'atmosfera della nostra band sembrava essere di eccitazione. Pronti ad affrontare la prossima canna.

È stata preparata una bella cena e abbiamo anche preparato dei dolci per tutti.

Dopo cena quasi tutti si sono uniti all'orgia serale. Anche alcuni Nathair, che si sono decisamente inteneriti con il resto di noi.

I miei follower si alleano o si riuniscono in piccoli gruppi. Spogliarsi e toccare. Presto l'aria si riempie di gemiti e sussulti mentre si godono i rispettivi corpi.

Mi guardo intorno, Natia rimbalza su e giù in uno dei grembi degli uomini serpente. I suoi grandi seni da goblin tremolano.

Gort colpisce Kara da dietro. La sua mano le schiaffeggia il culo verde chiaro a tempo con la sua scopata.

Vedo il corpo rosa e peloso di Sakura sotto un gruppo di goblin. Le sue gambe si aprono e la testa inclinata all'indietro mentre prende un cazzo verde ad ogni estremità. Più un'altra che si mette a cavalcioni sul suo petto e si masturba le sue vivaci tette in coppa C.

Rebecca geme forte mentre si china. Prendendo da dietro uno dei grandi uomini Chockwa. Il suo grosso cazzo blu le allarga la figa umana.

Minna si dimena scherzosamente sulle mie ginocchia. Uno dei Roden, una ragazza topo. È magra e bassa come i goblin. La sua pelle è grigio scuro e liscia come il velluto. Ha delle vivaci tette da coppa B e un bel culetto.

Lei trema e ridacchia mentre le accarezzo le grandi orecchie rotonde. La sua piccola mano tira il mio cazzo duro. "Mettimelo dentro, maestro." Implora con la sua voce carina e acuta. "Ho bisogno che tu mi riempia."

La stendo su una coperta. Il topo allarga le gambe per me e mi afferra per le spalle, avvicinandomi. Entrambi sussultiamo mentre mi infilo nella sua figa stretta. Altre coppie scopano nelle vicinanze. I nostri gemiti si perdono nella cacofonia sessuale.

Dopo che ha avuto un piccolo, cigolante orgasmo da topo, la giro. Mi sistemo sopra il suo corpicino e spingo da parte la sua lunga coda. Minna sussulta quando la entro da dietro. Lei si allunga e mi accarezza la guancia mentre io la spingo in profondità dentro di lei.

Gemo per il mio orgasmo quando finalmente finisco. Mi giro sazio e stanco per la marcia della giornata. La topolina che si accoccola affettuosamente al mio fianco.

Adesso siamo in montagna. Attraversando una serie di valli. Cercando di raggiungere un passo che consenta il viaggio più semplice.

Ci riposiamo accanto ad un ampio ruscello. Si accumula tra alcuni massi dove ci fermiamo per un pasto leggero.

La maggior parte delle ragazze si è spogliata. I miei schiavi fanno uno spettacolo meraviglioso nelle scintillanti acque di montagna. Spruzzi e giochi.

Comincio a togliermi gli stivali quando Gort mi si avvicina sbuffando, senza fiato.

"Guaio?" chiedo alzando il sopracciglio.

"Non ancora." Riprende fiato. “Siamo inseguiti da alcuni Goblin. Goblin di montagna."

"È diverso dai tuoi ragazzi?" chiedo, togliendomi la maglietta.

Alza le spalle. Siamo molto più lontani di quanto abbia mai viaggiato. “Non credo che proveranno nulla. Sembriamo piuttosto pronti alla battaglia adesso, capo. L'omino verde si guarda intorno mentre mi tolgo i pantaloni.

"Gli esploratori però pensano che forse stavano cercando le principesse." Saltella da un piede all'altro. Nervoso.

Alzo un altro sopracciglio. Allora giro la testa. Sento la bella risata di Becca da qualche parte dietro di me. La spio, l'acqua luccica sulle sue grandi e bellissime sfere. Avvicina uno dei gemelli per un bacio. Prima di tuffarsi e tuffarsi.

"Le principesse?" Mi rivolgo al mio luogotenente.

"Procurati una principessa e forse potrai creare il tuo labirinto." Alza le spalle.

Annuisco. Ha senso. Fondamentalmente trasforma la povera ragazza in una fabbrica di produzione di bambini.

Qualcos'altro a cui prestare attenzione.

Un brivido mi percorre mentre entro in acqua. Fa freddo!

"Congelamento." Gemo mentre mi immergo.

Quando torno su sento: "Ti terrò al caldo, bello". Con voce roca. Il grande Arpista blu. Nudo, bagnato e sorridente. Le sue tette giganti vicino alla mia testa.

"Ne parlerò più tardi, bello." Le sorrido.

"Promesse, promesse." Lei ride. Poi mi attira per un bacio profondo. Mi allungo felicemente e le stringo il culo grosso e rotondo.

Poi la sua coda sbatte l'acqua mentre si allontana.

Viaggiamo per una settimana. Il terreno decisamente più duro delle pianure e delle foreste che ci siamo lasciati alle spalle. Il tempo rimane bello durante il giorno, ma diventa freddo di notte.

Siamo quasi a metà del percorso secondo la nostra mappa, quando avvistiamo una città. Basso e grigio. Sembra abbracciare minacciosamente il terreno. Circondato da un paio di dozzine di fattorie. L'unico edificio su due piani è un grande aggeggio di legno al centro. Come un'impalcatura che circonda un trio di grandi gru.

"Avviciniamoci e riposiamo." Ordino. «Vedi se mandano un inviato.

Come previsto, nel giro di un'ora un trio di quelli che devono essere Nani cavalcano grandi pony. Indossano armature complete e portano grandi asce. Ognuno di loro ha una lunga barba ornata.

"Ciao, il campo!" Quello centrale chiama con voce profonda. Ha una faccia coriacea e un naso rotondo quasi comico. La sua barba è biondo scuro e gli arriva alle ginocchia. Intrecciato in tre grandi trecce. Anelli di ferro sono stati intrecciati al loro interno, riflettendo completamente il sole.

Faccio un passo avanti. "Saluti. Sono il capitano Nicholas. Veniamo in pace. Mercenari che attraversano le montagne.

"Mercenari, eh?" Il Nano centrale salta giù. Gli altri due restano a cavallo con un'aria cupa. "A me sembra una banda di predoni Gobbo." Ringhia.

Il Nano è alto poco meno di un metro e mezzo, ma ha un aspetto robusto. Scommetto che mi supera in peso, anche senza tutta la sua attrezzatura.

"Si signore. Molte delle mie truppe sono Goblin. Ma ti assicuro che tra loro non c'è nemmeno un predone.» Non più, penso tra me.

Mi guarda di traverso. Come se dicessimo che sappiamo entrambi che non era vero.

"Il mio nome è Snamnir." Allunga la mano e ci stringiamo. La sua mano è ruvida e dura come il ferro. Caldo. «E se hai oro da spendere, suppongo che tu sia il benvenuto. Gobbo o no.»

Ci accampiamo con i Nani che ci osservano da vicino. Anche se noto che il suo sguardo si sofferma più sulle donne che sui miei soldati goblin. Anche i suoi compagni, anche se cercano di nasconderlo.

“Non riceviamo molti viaggiatori da questo lato delle montagne. Non sono molti i viaggiatori, davvero. Tornare a casa?" Chiede mentre camminiamo.

Scuoto la testa. "Non proprio. Originariamente vengo da molto più lontano.”

Lo seguiamo oltrepassando alcune fattorie e attraversando un cancello grande e robusto. Snamnir cammina con me, conducendo il suo pony husky. "Benvenuti nella Fortezza Ostinata."

Non smette di parlare. Quasi come se questa fosse la sua unica opportunità. Ci racconta un po' di storia della valle. La città è qui per estrarre ferro e rame.

"È a questo che servono le gru?" Chiedo.

Il nano biondo annuisce. “Sì. “La Fossa”. Un grande buco nel terreno. Vedi, la città deve essere fuori terra per sorvegliare le fattorie. Continua parlando della protezione dai predoni.

Ho l'impressione che sia una sorta di incrocio tra uno sceriffo e un capitano di milizia.

“Se hai un suggerimento, vorremmo affittare una locanda per un paio di notti.” Suggerisco.

Snamnir annuisce. “Molly sarebbe la mia scelta. Ale è annacquata, ma serve le migliori patate speziate.

I tre uomini di legge sono così gentili da portarci dall'altra parte della città. Molly's è un edificio a due piani. Realizzato in mattoni scuri e pietra, con tetti a punta.

Ringrazio il nano loquace ed entro.

Molly stessa mi viene incontro alla porta. "Tutta la città ha detto che saresti venuto." Lei spiega.

Molly è una bella donna. Con lunghi capelli intrecciati, ma senza barba. Un po' roco. Indossa un abito in stile contadino con un grembiule di pelle. La sua camicetta è tagliata in basso per mettere in mostra la sua ampia scollatura. Un cambiamento rispetto alle signore che incontravamo per strada che indossavano per lo più abiti dal collo alla caviglia. Molti di loro indossavano la pelle, piuttosto che un materiale più morbido.

«Vorremmo affittare l'intero edificio. Probabilmente per qualche giorno." Io offro.

Contrattiamo sul prezzo poi lei ci invita ad entrare con un grande gesto del braccio.

L'edificio ha sei stanze al piano superiore e due al piano inferiore. Più la sala comune e lo spazio in soffitta. Ci dividiamo le stanze e io mi prendo la mia.

"Piccoli gruppi. E non molti contemporaneamente. Ordino a Gort di lasciare che le truppe esplorino la città. "Non vogliamo problemi." Prima di partire per visitare la Fortezza Ostinata con mia moglie e Kara.

Rebecca indossa un abito sensuale. Con uno spacco alto da un lato, ma comunque più sobrio dei suoi vestiti normali.

Riceviamo molti sguardi dalla gente della città. Per lo più le donne. Spesso le persone si avvicinavano alla porta o alla finestra per guardarci passare. Speriamo che non duri a lungo.

'The Pit' è proprio questo. Un grosso buco nel terreno. Probabilmente un centinaio di metri di larghezza. Impalcature e rampe scendono nel buio sottostante. Le gru pendono più linee nelle profondità.

Non posso fare a meno di tremare mentre guardo in basso.

...qualcosa...di malsano...non lo so.

Scuoto la testa mentre ci allontaniamo. Facciamo un po' di shopping nelle vetrine mentre esploriamo la città.

Un sacco di prodotti artigianali. Sembrano cose di alta qualità. Un sacco di lavori in metallo.

"Questo sarebbe un buon posto per comprare più armi." suggerisce Kara. "Attrezzatura buona e robusta."

Compro i pasticcini dei miei due amori da un negozio in una piazza del mercato. Poi torniamo alla locanda.

La sera spingo il viso di Becca tra le cosce verdi di Kara. Il bellissimo Orco ringhia mentre mia moglie le lecca la figa nuda.

Schiaffeggio il culo rotondo e all'insù di Rebecca. Godendo sia il modo in cui sussulta che il suo simpatico piccolo "grido" di dolore.

La afferro e le stringo le natiche. Allargandole le labbra con i pollici. La bionda geme mentre mi spingo lentamente nel suo dolce tunnel dell'amore. Poi torna a leccare la sua padrona orca mentre la spingo.

Più tardi mi sono sdraiato sulla schiena mentre Karagoth mi cavalcava in stile cowgirl. Becca la abbraccia da dietro. Stringendo le sue enormi tette verdi.

Sorrido e sospiro soddisfatto.

Che modo di concludere la nostra prima notte qui.

**********

Catherine era sfuggita al suo crudele padrone quando aveva ventidue anni. Finalmente abbastanza coraggioso da correre. Anche se non per affrontarlo.

Ha rubato un libro degli incantesimi, il diario di suo padre e tutte le provviste che poteva mettere in una grande borsa ed è scivolata via nella notte. Non sono nemmeno sicuro di dove andare. Anche se sapeva che doveva essere lontano dalla torre del mago pervertito.

Da sola, ha viaggiato attraverso la campagna. Di tanto in tanto fermandosi in piccoli villaggi. Alla fine trovò la strada per una grande città.

Ha trascorso un mese dormendo nei vicoli e cercando cibo a sufficienza. Trascorrere ogni giorno disperato, spaventato e affamato.

Scoprì che spesso poteva scambiare i pompini con il cibo. Quindi ingoierebbe il suo orgoglio, così come lo sperma degli uomini.

Affamata e infreddolita, Catherine accettò di lavorare per un breve periodo presso un fornaio. Semplicemente per l'offerta di pasti regolari e di un lettino nella dispensa.

Quella prima notte si svegliò mentre il grasso fornaio si era intrufolato nella dispensa. Teneva in mano una candela e lei poteva vedere che era nudo. Il suo grosso cazzo pendeva sotto la sua grande pancia.

La giovane donna tirò il lenzuolo sottile fino al mento. Accovacciarsi. Una vocina nella sua testa gridò, le disse che era meglio di così. Potente. Ma anni di abusi per mano del mago erano troppi da superare.

L'uomo grasso le tirò via il lenzuolo. Sorridendo scoprì che sotto era nuda. Il suo corpo era ancora più bello di quanto immaginasse. Ha afferrato coraggiosamente una delle sue tette. Erano diventati coppe C piene e vivaci. Potevano sentire la sua grassa moglie russare al piano di sopra.

La ragazza dai capelli corvini piagnucolò mentre le dita grasse di lui le scivolavano lungo l'interno della coscia. Eppure lei, obbediente, allargò le gambe al suo tocco. Catherine strinse gli occhi mentre le dita di lui le palpavano il sesso. Il suo viso grasso si appoggiò e sbavò sulle sue tette.

Emise un forte "Oomph!" Mentre sistemava la sua mole sul suo corpo molto più piccolo. Prendendo sottomesso il suo grosso cazzo mentre lui si infila nel suo buco del cazzo.

L'uomo grasso non durò a lungo. Grugnì come un maiale mentre le svuotava le palle. Poi le baciò la fronte e se ne andò.

Quella notte pianse fino ad addormentarsi. Si vergognava di non aver reagito. Il suo vecchio padrone le aveva insegnato che era solo una fica da scopare e abusare. Non sapeva come sfuggire a ciò senza morire di fame.

Almeno il fornaio la trattò meglio del mago nelle settimane successive. E il suo angolo nella dispensa era più carino della sua cella.

**********

Sono ormai due notti che riposiamo nella Fortezza Ostinata. Il piano è di partire la mattina dopo. Prima di affrontare l'altra metà della catena montuosa.

La metà più dura, come mi avevano avvertito.

I miei goblin hanno corso per tutta la città. All'inizio i Nani erano sospettosi, ma presto si affezionarono a loro. Non avevano mai incontrato degli pelli verdi così curiosi. Probabilmente non ne aveva mai incontrato nessuno, punto. Penso che vedano il mio gruppo come una stranezza divertente.

Amanatia e il suo equipaggio erano emozionati. Mi aveva convinto ad acquistare materiali per un fabbro portatile. Comprarono un carro, un paio di pony di montagna, una piccola incudine e un paio di casse di attrezzi.

Sarebbe un workshop che potremmo portare con noi. Non così completo come lo sarebbe un negozio di fabbro, ma comunque abbastanza utile.

Avevo attirato Oslafa nella mia stanza. Ho trovato la ragazza dell'orso grande piuttosto timida. Gli Urzo sembravano un popolo fiero e feroce. Sfortunatamente i suoi tormenti per mano degli stregoni sembrano averla lasciata timida e senza pretese.

Harper, però, aveva preso la ragazza sotto la sua protezione. La donna blu e i suoi fratelli stavano insegnando all'orso a combattere. Anche con un solo braccio, Oslafa poteva quasi spaccare un albero a metà con la sua pesante mazza di ferro.

Finora io e la ragazza dal pelo marrone abbiamo fatto sesso solo un paio di volte. Tende a rifuggire dalle nostre orge, a meno che non le venga detto esplicitamente di partecipare. Spero che si aprirà con un po’ più di tempo e impegno.

La donna alta sette piedi indossa una spessa gonna di pelle appena sotto le ginocchia e una cavezza di cuoio, stretta sul davanti e che mette in mostra gran parte della sua massiccia scollatura.

Non definirei la ragazza husky carina, forse bella. Aveva delle tette enormi però. In realtà non sembravano così grandi sul suo grande corpo. Poi li hai toccati e ti sei reso conto di quanto siano magnifici. Probabilmente tazze J. Ognuno più grande della mia testa.

Chiudo la porta dietro di noi. Non alza l'occhio buono per guardarmi finché non la stringo in un abbraccio. Le mie mani le stringono il sedere attraverso la pelle.

"Sei bella, sai." Assicuro la timida ragazza. Il mio sguardo danza sul suo viso. Il suo buon occhio viola, il divertente naso d'orso, la benda sull'occhio destro. è di seta rossa con un artiglio d'orso stilizzato che una delle ragazze ha ricamato.

Poi c'erano le cicatrici sul suo viso. Una mezza dozzina di esemplari grandi. Su e giù sul lato destro. Dove la sua folta pelliccia castana non ricrescerà. Penso che quelli la mettano in imbarazzo più del braccio perduto.

Mi rivolge un sorriso incerto. "Grazie Signore."

Faccio avvicinare l'orso per un bacio. La mia lingua scivola oltre le sue labbra. Ha il sapore del bosco profondo e della rabbia.

Geme mentre le slego la cavezza. Le mie mani afferrano avidamente i suoi seni giganti. Sfocato e caldo. La sua pelliccia setosa è molto più corta qui. Come morbido velluto. I suoi capezzoli si induriscono mentre li strofino delicatamente con i palmi delle mani.

Le tiro giù la gonna mentre la guido verso il letto. Sotto indossa pantaloncini di seta. Con la sua graziosa coda a ciuffo che sporge. Anche loro cadono rapidamente a terra. Lasciando la ragazza nervosa nuda davanti a me.

Si sdraia sul mio letto mentre mi spoglio. Non sembra davvero interessata a me fisicamente. Quindi non metto su uno spettacolo per lei. Non posso fare a meno di chiedermi se le piacciono di più le donne.

Mi inginocchio davanti a lei e le allargo delicatamente le gambe. Chinandosi per baciare e accarezzare la sua morbida cunny. La grande orsacchiotta sussulta e geme, sorpresa e deliziata dall'atto.

Lungo il percorso i nostri atti sessuali di coppia erano stati solo delle sveltine. Questa era la prima occasione per esplorare un po' di più con la ragazza. Vedi se posso aprirla.

Le lecco delicatamente le labbra. Diventando un po' più profondo con ogni colpo. Non posso fare a meno di sorridere mentre la guardo afferrare e stringere il suo seno gigante con la sua unica mano.

Quando la mia lingua è profondamente dentro di lei, le sfioro delicatamente il clitoride con la punta delle dita. Oslafa si contorce sul letto, gemendo sonoramente. Afferra il lenzuolo con una mano e batte con mezzo braccio sul materasso.

Il suo gemito diventa ancora più forte mentre l'orgasmo la travolge. La pelliccia castana di Oslafa si rizza mentre il suo corpo trema. Le sue cosce forti si stringono intorno alla mia testa mentre lecco la sua fica bagnata.

Salgo accanto a lei mentre lei si sistema lentamente. Si china per succhiare i suoi capezzoli duri. La mia mano accarezza la sua pancia morbida e setosa.

Quando scende mi guarda con l'occhio buono. La sua pupilla viola sembra brillare. "Quello... è stato fantastico."

Le sorrido. "Il mio turno." dico, rotolando sul suo grosso corpo. Mi avvolge le gambe attorno mentre faccio scivolare il mio cazzo nella sua pelosa pesca d'orso. La sua figa pulsa e mi stringe il cazzo.

Gemiamo entrambi mentre inizio a spingere. Sorrido mentre lei si avvicina per darmi un bacio. Questa volta la sua lingua è una partner attiva nel nostro gioco. Accarezzando e ballando con il mio.

A poco a poco sento che il mio orgasmo cresce. Il mio cazzo infila le palle in profondità nella ragazza pelosa. La sua mano mi afferra la schiena mentre il suo braccio si strofina contro il letto. Mi lecca il collo mentre geme di piacere.

Poi sussulto mentre mi scarico dentro di lei. Pompando un grosso carico della mia crema nel profondo del suo tunnel dell'amore.

Successivamente giacevamo insieme nella nostra beatitudine.

"È stato meraviglioso." Sospira.

Più tardi in serata Snamnir mi raggiunge alla locanda. Ci sediamo su grandi e comode sedie vicino al caminetto. Il suo sguardo era spesso distratto dall'una o dall'altra delle ragazze.

"Sai sicuramente come vivere." Mi sorride. La sua mano indica i gemelli. Entrambi in topless e si fanno il solletico a vicenda. Bagnato dal bagno e dalla ricerca del cibo.

Faccio un cenno allo sceriffo. "Fanno sicuramente uscire un sorriso sul volto di un uomo." Lo ammetto.

Il nano sospira, distogliendo lo sguardo dalle bellissime distrazioni. Beve un sorso di birra dal suo boccale. “Abbiamo un problema di pelle verde”.

"Se qualcuno dei miei ragazzi..." comincio.

"No, no." Respinge la mia protesta con un gesto. “I tuoi Gobbo stanno bene. Lo pensano soprattutto i commercianti”. Si volta verso i gemelli. “No, questi sono per lo più Orchi. Non sembrano abbastanza forti per assaltare la città, ma stanno provocando un putiferio nelle fattorie. Soprattutto i valori anomali.

"E vorresti che ti aiutassimo?" Ho chiesto.

“Sì. Mi addolora ammetterlo. La città si è ammorbidita in questi ultimi secoli. Sono più i mercanti aggrappati all’oro che gli eroi che brandiscono un’ascia”. Beve un altro sorso. “Hai menzionato il fatto di essere mercenari. Ti va bene?"

Annuisco. "Mi piace pensarla così. Comunque sono sopravvissuto finora."

Lui ricambia il saluto. «Bene, i nostri soldi sono buoni e ci farebbe bene l'aiuto. Se continuiamo a perdere le fattorie, perderemo la città. La miniera."

Trascorriamo l'ora successiva elaborando i dettagli. Anche senza Karagoth che mi guarda alle spalle penso di riuscire a ottenere un buon affare.

Effettueremo pattuglie con uno stipendio settimanale. Con una taglia per ogni testa che riportiamo indietro. Se riusciamo a trovare il loro accampamento o la loro tana, otterremo una grande ricompensa per aver posto fine alla minaccia.

In return the town will also pay for our lodging at the inn. Our food and drink. As well as upkeep on our gear.

After the blonde Dwarf leaves I head off to work out a patrol schedule with Kara.

“I’ve had a few Dwarves approach me, Boss. So have some of the other boys.” Gort sat with me at the bar. I sip a sweet drink that tastes faintly of root beer. Not fizzy though.

“How much did they offer?” Chiedo. Apparently some of the townsfolk have been propositioning my men for sex with the girls.

“Usually a couple golds for the ‘full experience.’ Whatever that means.” I give a low whistle. That wouldn’t be chump change.

“We don’t have any Dwarf ladies with us though.” I protest.

“Yeah, thats the thing. They ain’t lookin for nice Dwarf ladies. They especially want the princesses.” Lui mi dice.

“No surprise there boys.” Molly had gotten close to our conversation as she wiped down the bar. I give her my raised eyebrow making her grin.

“It’s a well known secret that Dwarf men are all perverts.” She explains. “No one really knows why. So us ladies tend toward the prudish side to compensate.”

“Us ladies?” I kid, nodding towards her ample cleavage on display with both my eyebrows raised.

She blushes, turning her cheeks rosy. “Well, most ladies anyway. If showing off a little tit will get me more customers. Well mores the better.”

Annuisco in accordo. “Maybe...maybe we put on a show. Something to test the waters. Could we use your cellar?” I ask the Dwarf maiden.

She gives me a grin. “I think I’d want a small percentage.”

"Concordato. Bailey needs to be sheered, and Betsy always needs milked.” Gliel'ho detto. “Let’s test the waters and put on a little show. If we don’t get run out of town, then maybe we push things a little further.”

My wife stood before the door of the inn. Nervous but excited. Ready to step out on the street.

She was dressed, or undressed as it were, in her pink silk thong and matching sheer crop-top. She had thigh high stockings and high heels. She also had her ‘Orc’s Whore’ collar on. Her leash held by a grinning Kara.

Rebecca held a sign that advertised our ‘special’ show this evening. I figure her lack of clothes would relay what special meant.

I give her a quick kiss and open the door. My wife steps outside. Nearly nude. Ready to be humiliated and shamed.

They are gone most of the afternoon. Finally led back in by none other than the sheriff himself. The blonde Dwarf gins at me as he escorts my wife inside. His hand resting on her nearly bare ass.

“Figured I would watch over the the ladies. Wouldn’t want there to be any trouble.” Dice felicemente.

I grin back. "No signore. Perhaps you would like a seat right up front for the show?”

“Well...since I’m here and all.” Becca jumps as he gives her ass a pinch. Then he heads toward the bar.

I lead my wife upstairs to help her get ready for the night’s entertainment.

As soon as we get in my room she pushes me against the door and shoves her tongue down my throat. Her amazing body pressed into mine.

“Wreck me.” She demands when our lips part. Her hand snaking inside my pants. “Fuck me like the whore I am. Ride me rough.” Her growl is nearly that of Kara’s.

“You had fun, I take it?” I grin at the beautiful blonde. The woman that I love.

Lei annuisce eccitata. “It was amazing. Everyone was looking.” She grabs my cock and starts tugging. “They could see nearly everything.” She presses her ample chest against me. Clearly visible through her sheer top.

I reach around and grab her round ass. Giving her a good squeeze. “So many disapproving looks. Judging me. Silently degrading me, and sometimes not so silently.” She bites her lower lip as she grins. “That was mostly the women. The men looked at me as an object of lust.” She slides her silky leg up my side. “Not a person. I was a toy. Something to be used, then thrown away.”

“You whore!” I growl at her. Hopefully not loud enough to be heard outside the room. She gasps with excitement. “How dare you show yourself off in front of everyone!”

I pull off my belt. My wife grinning in her excitement and lust. I pull her to the bed and force her over my knee.

“No, daddy! Per favore. I’ll be good.” She whimpers in her little girl voice. My cock is nearly exploding out of my pants.

I raise my arm. Savoring the moment. The woman across my lap. Her sweet round ass. Our mutual lust.

Then her derrière jiggles at the CRACK! of the leather. My sweet, whore wife gasps in pain and exhilaration.

Then again and again. My belt gradually turning her ass red. Her legs kick and Becca whimpers in pain. “No, daddy! NO!" She protests to no avail.

On the eleventh strike I feel her shiver. Her moan of pain reaching a deeper octave as she has a small orgasm.

I pause the beating to shove two fingers deep in her wet twat. Pushing her thong aside to get at her fuck hole. “Dwarf cock? Is that what you want you little tramp!” I rub my fingers inside her, against her vaginal walk. Extending her orgasm. She can’t respond, lost in her bliss. Yet I’m sure my harsh tone helps her arousal.

I toss my wife on the bed and yank off her thong. Quickly I pull my rock hard dick out. Grabbing her knees, I spread her legs as I climb on top of her. She looks up at me, her lust clear in her eyes.

We both moan as I enter her. Her hands slide up my back under my shirt. I push her sheer top up and greedily suck on her nipples.

I thrust hard. My balls slapping against her pussy. “Oh, Daddy! SÌ!" Becca gasps. Too excited, I can tell I won’t last long.

My wife squeals when I reach up and pinch both her nipples. Pulling her big breasts up by her tortured buds. Her tits wobble and jiggle as I thrust.

I shiver as my orgasm hits. I fill her cunt with my jizz as waves of pleasure wash through me. Then I roll over next to her. Both of us gasping and grinning.

Rebecca leans over and kisses my cheek. "È stato perfetto." Lei mi sorride.

We had cleared out the inn’s cellar. Moving crates and casks so there would be room for a small stage and space for an audience.

By nightfall the cellar was packed wall to wall with eager Dwarves. Most of which were men. Many wearing scarves and bandannas to hide their identity.

The three Chokwa brothers are on hand to keep the crowd under control. Both bunny girls, Priyala, and my wife move through the crowd serving drinks. They wear short skirts and tiny tops. I grin as I see the Biladi girl jump. A Dwarf hand having reached under her skirt to goose her sweet rear.

We made a deal with Molly. We had paid a fee to use the cellar, and we got a small percentage of the drink sales. The handsome dwarf maid grinned at me from across the room as she continuously filled mugs from a makeshift bar.

A hush falls over the crowd when the curtains part. Revealing two makeup vanities. Back to back with a mirror frame between them. The setup is set slightly diagonal to the crowd.

Then the twins come out from opposite ends of the stage. Calliandra and Trishandra are dressed identically. The dark haired teens look lovely in thin white dresses, buttoned down the front.

The both sit at the desks. Peering at each other through the mirror frame.

Then they begin to wash. Taking soft towels from little basins, they gently wipe their faces. The twin sisters doing their best to mirror each other’s movements.

With their faces washed the beautiful teens slowly unbutton the top five buttons of their dresses. There is a rustling from the crowd as their young cleavage and tops of their pink bras are revealed.

The girls then dab at their chests. Wet cloths sensually wiping. The crowd noticeably excited.

More buttons undone. The girls’ delicate fingers work their way down to their smooth tummies. They pull their dresses off down to their waists.

Pink silk bras are the only things offering any modesty to their budding breasts, already D-cups. Their nipples are clearly outlined by the thin cloth.

They slowly wash their arms. Then their tummies. Towels slowly moving up toward their breasts. The crowd noticeably tense. They set their towels down.

Then both girls reach back and unclasp their bras. They use one arm to cover their young tits while they pull the silk away. Not yet letting us see their treasures. they wait a long moment as they gaze into the ‘mirror.’

There is a soft moan of appreciation from the crowd when the twins’ arms move from their chests to pick up their towels. The young Humans’ breasts now on display to the whole room.

I suspect most of the Dwarves didn’t actually believe there would be nudity. It’s obvious that they approve.

Snamnir himself seems totally entranced from his seat right near the stage. And he has actually seen the girls topless

When their plump breasts are clean, the girls stand and shimmy out of their dresses. They are left only in tiny, pink, silk shorts. The crowd clapping at the bold move. They both bend over their chairs for a moment, palms flat on the seats as they gaze into their ‘mirror.’

Calli is bent away from the audience her sweet round ass only partially covered by her shorts. Trisha is bent toward. Her big tits dangling in a wonderful display for the Dwarves.

The twins stand and each lifts a leg. Setting a foot on their chairs. Slowly washing the leg, before switching and washing the other.

Then they both hook their thumbs in the waistband of their shorts and bend way over as they slide them off.

The crowd erupts as they get their first glimpse of human pussy. Young, soft, and topped with little trimmed tufts of brown hair.

The girls sit sideways on the chairs their legs pointed to the crowd. Delicately they lift their towels. Then they spread their thighs.

With no modesty left to the girls, they begin to gently rub their most sensitive spots. Both begin to moan. Soon they drop their towels and brazenly finger themselves. Moaning louder and louder in their pleasure.

The teens shiver through small orgasms. I suspect faked, for the show. Then they stand and walk around the desks on the audience side. The sisters embrace and kiss deeply. Their hands grabbing and squeezing each other’s breast and ass.

When the twins are gone from the stage, Gort comes out and announces a ten minute intermission.

"Grande! That was great!” Snamnir gushes, standing next to me. Around half the Dwarves have gone upstairs for a smoke of to get a bite to eat.

“Well it only gets more perverted from here.” I mock warn the sheriff.

He grins and slaps me on the back. “Can’t wait, my friend.”

The crowd finally settles back down for the second of our three acts.

The curtains open on a short stool next to a platform raised a foot off the ground.

Gertrude walks out carrying a wooden pail. Also dressed in a thin white dress. Her large bosom strains at the buttons that just barely hold her tits in.

She sits on the stool and hitched up her skirt. Then she smiles nervously at the audience.

Karagoth walks out. The beautiful Orc is dressed only in a brown leather halter, cut low to show plenty of cleavage. A leather loincloth that only covers half of her sweet ass. She also has fur boots.

She leads Betsy by a chain leash.

The pretty cow girl looks nervous, but excited. The curvy girl is completely naked. Her giant tits sway as she is led to the platform.

Docily the Vacca gets to her hands and knees on the raised platform. She faces the audience. Her heavy tits dangling. Gertrude scoots her stool closer to one side. She places her wooden bucket below the cow’s hanging breasts.

There is a soft groan of excitement from the crowd as the mature Human woman grabs Betsy’s tits. Holding them like udders.

The docile girl grunts as Gertrude begins to squeeze and tug her giant, brown breasts. she clenches her eyes shut, humiliated and degraded before the crowd.

Visible streams of milk shoot into the bucket. And there’s a sound. The hollow sound of liquid hitting wood.

My dick is hard in my pants. It always is when I watch Betsy get milked. Something we do every two or three days.

She doesn’t seem to mind. She says she enjoys it in fact. But it always seems so naughty to me. Kinky. So degrading to her.

The audience doesn’t notice Kara squaring up bekind the Vacca woman. They are so enrapt by the lewd milking. The beautiful Orc strokes a leather strap in her hand. Then she raises it...

The CRACK! of leather against ass seems to fill the room. Betsy’s Eyes open wide in a look of shock and pain. A shiver of arousal runs through my body.

“Moooo!” She bellows at the abuse. Further degrading herself before the horny Dwarves. Gertrude still milking her giant tits.

The crowd murmurs excitedly as Kara raises her hand again. Betsy winces, and her whole husky body shudders at the next CRACK!

“Muh...mooooo!” The submissive livestock bellows.

Slowly the bucket fills with breast milk. Slowly the cow girl’s ass is punished before the crowd.

Finally Kara leads the docile girl off the stage by her leash. Gertrude stands and takes her, mostly full bucket.

We will sell shots of warm breast milk during the next intermission.

The final act is the one in most looking forward to.

When the curtains open Bailey comes running onto the stage. The sheep girl looks frightfully back over her shoulder. She looks sweet and vulnerable in her white dress. Buttoned down the front, similar to the other women. Only hers is missing the top four buttons and hangs off her right shoulder. The tops of her furry cleavage just visible.

The pretty sheep is chased by one of the Nathair men. Her tits bounce and jiggle under her dress, obviously she doesn’t have any foundation garments on. He makes fake grabs at her, though he obviously isn’t intending to catch her as they run around the stage.

Suddenly a second Nathair man jumps out and grabs the poor girl. She struggles but the four armed men easily subdue her. One pulls her arms behind her back. Making sure she faces the excited audience. The other grips the top of her dress. "NO! No per favore. NO!" She begs in vain.

The crowd cheers as her dress is ripped apart. Buttons fly everywhere as the pretty girl is stripped. Nude under her dress. Nude and quite fuzzy.

It’s time for her sheering. I grin as one of the men picks up sheers at the edge of the stage. While the other yanks her tattered dress the rest of the way off.

Docily, Bailey lets them lead her to the center of the stage. She looks defeated and humiliated as they begin sheering her fur off before the crowd.

They manhandle the docile woman as they cut. Forcing her to move this way and that. Treating her not like a vibrant person, but as a dumb animal. Her thick white wool falling to the stage like snow. Slowly revealing her pink body underneath.

Her eyes constantly seek out mine. Wanting to share this violation of intimacy with me. She said she was excited to do it, but I can tell the act is honestly humiliating to the young woman.

The Nathair move from her top, down. She shivers as their sharp sheers move across her big tits. The dexterous snake men very careful with their sharp instruments. Her nipples look to be as hard as diamonds as the cold metal caresses her skin.

The snake men make her sit on a stool while they snip around her sweet pussy. her legs spread obscenely wide for the audience’s amusement. Bailey shivers with her eyes closed as they trim her. Their fingers poking and prodding her most precious spot. Their scissors snipping her soft wool.

Finally she is left shivering and naked before her excited audience. Her pink body freshly exposed. They make her kneel in the pile of her own wool. Umiliato. Her head bowed. This most intimate act forced upon her instead of shared lovingly.

That evening Bailey rolls with me as we make love in my bed. She seems quite excited to have shared her humiliation with me.

**********

At twenty six Catherine had struck out, again on her own. This time determined to put her magic skills to use. She had gotten her bearings. Learning more about the wider world even as the baker regularly abused her.

Eventually she was hired as a seer for a powerful Dwarf stonemason. He seemed quite pleased to take her on. She didn’t think to ask why such a man would need a seer.

She soon learned that he was the leader of a crime syndicate. That part of her job was to make sure people spoke the truth. Or to find it when it was hidden.

She also soon found that, once again her body was to be included.

She was talking to him in his lounge three weeks after first coming on. Proud to be treated like a valued employee. Dressed neck to floor in a plain brown robe with a short red cape off one shoulder and a pointy red wizard’s hat.

Suddenly he yanked her down onto his lap. His hands quickly and eagerly exploring.

“No!what are you...” She started to protest.

“Hush now, trinket! You’d not have me turn you into the mages guild for unlicensed craft. Vorresti?" Ha minacciato.

La ragazza si immobilizzò. Era vero. Her whole life had been spent outside the guild. They took a dim view of unlicensed practitioners.

His hairy hand pulled her robe up well past her knee. Showing off her shapely legs. “Besides, we both know this is your proper place.” His fingers crawled up her inner thighs. She gasped as he groped her through her linen shorts.

‘Is it true?’ She wondered as his lips covered hers. His tongue tasted of cigars and expensive ale. She moaned as his hand tore her underwear to get at her soft peach. His fingers pushed into her wet pussy.

After that she was ordered to dress like an exotic dancer. Skimpy outfits of silk and lace. Always offering tantalizing glimpses of her beautiful body.

The perverted dwarf loved to fuck the human girl any way he desired. Though he loved even more to humiliate and defile her.

His favorite was to share her body with goblins. The cruel little men did shadow work for the crime lord. They were all too happy to tear her scant clothing off and molest her beautiful body for her grinning boss.

The black haired mage would docily get on all fours. Her ass in the air, her cheek to the floor to show submission.

From one cruel master to another, she continued to live her life as a whore. A toy for men to use.

**********

We started patrolling the farms that surround the town. The plan was to try to catch any thieves that might sneak their way in. Or fight any larger band of raiders that didn’t run away at first sight.

Kara had commissioned some new weapons from a couple smiths in town. The goblins were hard at work on the small workshop they had set up in the inn’s stables. And the girls had started seeing horny Dwarf clients.

We continue to be shadowed by small groups of goblins. Though they don’t come close to the city and they run away even when approached by Gort or one of his men.

I made a rule that the princesses are not allowed outside the city walls. I don’t think they even noticed. Much too caught up in their workshop, and the fascinating sights the city has to offer.

Our patrols are usually ten man teams. Eight goblins and two bigger folk.

On more than one occasion we have spied raiders. Orcs, but these look ragged compared to Karagoth. They look scrawny and shifty. Not like mighty warriors.

At the beginning of our second week of patrols we are patrolling the furthest farms. It’s where we spend most of our time as that’s where the worst trouble is. Mitzi has proven to be a valuable asset. She flys pretty high to scout for me.

Suddenly the beautiful fairy lands on my shoulder and gives my cheek a kiss. “Orcs!” And she points in a direction.

We double time through a small woods. Past signs of logging and trapping, to find them on the other side.

They are chopping through the wooden wall that surrounds the main farm buildings to get at one of the outlying farms. Dwarves shooting at them with crossbows.

We march up on them from behind. Instead of scattering they turn to engage us. A dozen Orcs laughing at the goblins that they are sure would turn and run at the first sign of a fight.

I can’t help but grin at their shocked looks as we crash into them. The boys fight in pairs to watch each other’s backs. I swing my nice steel sword. The magic crystal one is safely back at the inn. I swing and cut down the first Orc to square off with me. His short sword shattering on mine.

On this patrol I’m partnered with one of the big Chokwa brothers. He knocks a short Orc aside with his club to get at their big leader.

He had face tattoos and dark green skin and stands near six feet tall. Maybe a foot taller than his followers. Still coming up short against my blue lizard.

The orcs begin to panic when my goblin boys refuse to tremble in terror. When the Chokwa bashes their leader’s skull in they break and run. Only two actually making it as crossbow quarrels fired by the farmers. take down three of the fleeing green skins.

We take one prisoner back to the city. Another dying on the way.

In the evening I lay on my bed naked. My cock hard as I slowly stroked it and watched the beautiful fairy.

Mitzi kneels, naked in a saucer of honey on my chest. She spreads the sweets all over her silver body. bathing in it. Golden ooze dripping from her silver skin.

When she is fully covered I pick her up and lick and suck her clean as she giggles and moans.

She easily comes to orgasm as she rubs her tiny puss against my tongue. Sometimes straddling my mouth, sometimes on her hands and knees while I lean in and lick her from behind. Her musical screams are a delight to my ears. Then she moves back to cover herself again.

After we have used up the honey she hugs my dick and uses her whole body to give me a tug job.

I moan my pleasure as I watch the tiny woman’s silver ass moving up and down. Soon my balls clench as I cum all over the fairy. It nearly smothers her jet black hair. She grins as she licks some of it up. Then flutters off to get a washcloth.

I was getting ready to leave Snamnir’s office. The prisoner had died of his questioning by the Dwarves.

He claimed to be a member of a poor mountain tribe. Brought here by a powerful sorcerer. They have a camp up in the mountains where they are mining.

“Well, we haven’t seen any evidence of a magic user. Yet.” I tell the sheriff. He nods slowly. “Patrols are one thing. Taking down a caster isn’t in our contract.”

“Could you do it?” Lui chiede.

Annuisco. “Probably. We have before. I’d want to know what we were getting into though. And it wouldn’t be cheap.”

Now it’s his turn to nod. “Why don’t I walk you back to your inn?” He stands and throws his cloak over a shoulder.

Snamnir has been one of our most frequent customers. For their part, the girls have been quite open to the whole prostitution idea.

Amanatia told me it wasn’t much different from what they were already doing and it gave them a way to bring in some coin for the group.

When we step in to the common room the sheriff bids me good night and wanders over to Miso. While I head to my room.

I’ve barely closed the door when there is a knock. I smile as I open to find Gertrude. The mature woman smiling back.

“Have time for a fat old woman?” She asks gently caressing her ample cleavage.

“For you, I’ll make time.” I pull her into an embrace. Shoving the door closed with my foot as we kiss.

The mature woman pulls her low cut blouse down. Letting her big floppy tits tumble out. Before I can grab them she drops to her knees.

I take a deep, wonderful breath as she pulls my pants down. Taking my cock and sucking it to hardness.

When she stands her dress is off before she reaches the bed. I make her lay back, but just on the edge. I pull my shirt off. Then I grab her ankles together and lift straight up so her big ass is revealed.

Gertrude groans with pleasure and pain as I slap her bottom. I rub my hard cock against her thick thigh as I punish the older woman.

When her ass is nice and red I release her legs and climb on top of her. My dick slides easily into her wet twat. I grip and squeeze her big tits as I thrust. Nibbling on her hard nipples and sucking on them like sweets. The mature woman moaning and gasping as we fuck.

After I cum deep inside her we lay snuggling. She coos softly against my chest half falling asleep. Soon we will head down for dinner. First though, I think a round two.

**********

Catherine learned much about the underbelly of society from her Dwarven master. Most of all, she learned to be ruthless. No one would ever give her an easy pass, she realized. From her they would only take.

As her magic grew, so to did her influence. She left the Dwarf gurgling in a pool of his own frozen blood, and traveled to a new city. One where she worked for a number of unsavory clients.

Her price was high, but she gained a reputation as someone who could get things done.

She found she continued to wear her slutty outfits. At first she had sought to return to heavy robes. But found them uncomfortable. Or...that’s what she told herself. Then she told herself that sexy clothes were a way to take back her sexuality.

That may have been partly true. It was also true that part of her yearned to be seen as a sex object. To be demeaned and humiliated.

She found herself frequenting an Orc tavern. One where she would play the passive human. She needed to feed this dark desire once or twice a week.

Catherine would let the biggest or ugliest Orc take her for the evening. Usually openly stripping her before the whole room. Often fucking her right there. Like a common whore.

She would be forced over a table and fucked from behind. Held down while his friends used her too. She would whimper as her asscheeks were spread apart and Orc cocks burned their way up her rear, the green men laughing above her.

She would spend time on her knees. Under a table. Sucking green dick. Licking their sweaty balls.

She would be tied to a stained bed upstairs. Cruel Orcs standing in line to fuck her through a long night. Her body would be sore, bruised, and exhausted for days.

Yet she kept going back. Part of her craved the sexual abuse.

**********

“You’re sure about this?” ho chiesto.

The Goblin warrior’s name is Crom. He leads the band of scouts that had been following us. Gort looks nervous for vouching for him. But the little man is not easily conned.

Crom wears a chain mail shirt, small iron helm and iron tipped boots. He brandished a plain shield and heavy axe. All his gear looks to be in good shape. Well kept, though I am no expert.

His group of fifteen Goblins say they have spotted a large band of Orcs heading to the outlying farms.

We have gathered most of our forces and Snamnir has some thirty heavily armored Dwarf warriors of his own. We are starting the march out of town. If this is a trap we will head into it prepared.

The town should be able to hold off an attack if we are wrong about this. Long enough for us to get back. The walls are sturdy and so are its citizens.

I march with Gort for a ways. “They aren’t going to kidnap one of the princesses. Are they?” I ask of Crom and his men.

The little green man shakes his head. “No, boss. Non credo.»

“They are the ones who were following us?”

Lui annuisce. “He just wanted to make sure you were the real deal. That you wasn’t beating us and the like.” Gort explains. “Word is gettin’ around. Least, it is among the warrens.”

We march steadily for a few hours before we see smoke. One of the farms on fire. The Orcs still raiding the buildings.

I hear a horn blow from the farm when we spot them. No way to hide a force our size. Not out here anyway.

Instead of running, the Orcs begi

Storie simili

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.6K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.4K I più visti

Likes 0

Più di un semplice cane: Bruno e Traci

Mi chiamo Traci Holiday e il nome del mio amante è Bruno. Ci siamo trasferiti di recente in questo delizioso cottage e ora lavoro principalmente da casa. La maggior parte dei giorni sono nel mio ufficio con Bruno nel suo angolo o ai miei piedi. Eravamo solo io e Bruno ora, due individui completamente sintonizzati sui bisogni e sui desideri dell'altro. Sessualmente, non c'è mai stato alcun dubbio quando Bruno mi voleva. Se fossi alla mia scrivania, mi aprirebbe le cosce e infilerebbe la testa tra le mie gambe; se fossi in piedi, spingerebbe il naso tra le mie cosce e...

2.3K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

2.4K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

3K I più visti

Likes 0

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

2.8K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.