I cugini che si baciano

645Report
I cugini che si baciano

Non vedevo mia cugina Fran da un po' di tempo, quindi non vedevo l'ora di farle visita a Ottawa durante le mie vacanze. Siamo nati a tre mesi di distanza ed eravamo più vicini di molti fratelli e sorelle che conoscevo. Potremmo dirci qualsiasi cosa senza paura del giudizio. Anche se una volta allontanata era in realtà una cugina di secondo grado, o qualcosa del genere, mi sono sentito un po' a disagio quando ho realizzato quanto fossi fisicamente attratto da lei.

Fran ha sviluppato una figura meravigliosa a sedici anni. Da piccoli, le nostre madri ci facevano il bagno insieme; da adolescente, prendeva una maglietta o un asciugamano per coprirsi se passavo di lì mentre prendeva il sole in costume da bagno. Aveva tette sode e piene, una vita sottile e gambe lunghe e agili, e gli occhi castani più grandi che avessi mai visto. Era il punto focale di molte sessioni di seghe. Ma quello rimase un segreto gelosamente custodito.

Fran mi ha incontrato alla stazione dei treni. L'ultima volta che l'ho vista, era una ragazza astuta di 22 anni. Adesso aveva 27 anni. Indossava una gonna blu corta, abbastanza attillata da mettermi un po' a disagio, e una camicia bianca oversize stretta in vita da una cintura. I suoi capelli ramati erano raccolti in una coda di cavallo e sembrava molto riservata con gli occhiali. Sebbene fosse sbalorditiva, Fran ha rifiutato di mostrare troppo la sua figura.

Lei sorrise mentre mi gettava le braccia al collo e mi dava un dolce bacio sulla guancia. L'ho abbracciata con esitazione, temendo di stringerla troppo forte per correttezza.

"Come stai, Jon?" chiese, mentre ci dirigevamo verso la sua macchina. "Va bene," risposi, sperando che l'erezione che mi aveva appena dato si dissipasse. "È bello vederti, Fran."

"Piacere di vederti anche tu, Jon. Cosa ti piacerebbe fare mentre sei in città? Ho alcune cose che potrebbero interessarti," disse. Allora il sorriso era solo un po' malizioso o era solo un pio desiderio?

"Vorrei davvero prendermela con calma," risposi. "Beh, avrai fame dopo quel viaggio. Perché non torniamo a casa a rinfrescarci e poi ti porto fuori a cena da Barbara." Barbara era stata la compagna di stanza di Fran fino a poco tempo fa. Una bella rossa, era la direttrice di uno dei ristoranti più carini della città.

"Mi sembra una buona cosa, Fran, anche se mi sembri piuttosto fresco." Lei arrossì mentre caricavamo la sua macchina e partivamo.

Fran aveva un appartamento con una camera da letto al ventitreesimo piano di un lussuoso appartamento. La vista del centro di Ottawa, con la sua mescolanza di architettura vecchia e nuova, era magnifica. Mi sono fatto la doccia, mi sono rasato e ho indossato delle cose comode e casual. Anche se ero alto 6 piedi e 170 libbre, ero sicuro del mio aspetto, ma mi sentivo sempre un po' a disagio quando eravamo insieme.

Fran si stava cambiando in camera da letto. "C'è del vino in frigo," gridò da dietro la porta chiusa. "Aiuta te stesso."

"E tu?" Ho chiesto.

"Ho il mio," rispose. Fran non era quello che si direbbe un buon bevitore. Diventava un po' stordita e civettuola. In passato avrei potuto sentirmi a disagio per questo, ma per qualche ragione sentivo che stasera avrebbe potuto essere proprio diverso.

Presi il mio drink e uscii sul balcone. Il sole di fine estate cominciava a scendere e passava una brezza calda. Mi sono girato e c'era Fran! Indossava un reggiseno e mutandine blu pallido. Mi sono sentito arrossire e ho subito voltato la testa. Mi aspettavo che urlasse, ma a quanto pare non poteva vedermi.

La lingerie accentuava quella che sembrava essere un'abbronzatura totale. Le sue tette sode sporgevano attorno al reggiseno succinto e le mutandine erano tagliate abbastanza in alto sulla gamba, rivelando gran parte del suo bel culo. La guardai di nuovo, sentendo le mie palle contrarsi, mentre la guardavo aggiustarsi i vestiti. Dio, che bellezza!

Fran prese una bottiglia di lozione e se ne versò un po' nelle mani. Si strofinò leggermente iniziando dalle caviglie e risalendo lentamente su quelle splendide gambe. Mentre si avvicinava alla parte superiore delle cosce, rallentò e prese il vino. Lei buttò indietro un sorso salutare e continuò a massaggiarsi le gambe. Impastò la lozione sui fianchi e delicatamente sull'interno delle cosce. Le sue dita tracciarono piccoli cerchi sulla sua pelle morbida, poi si spostarono sul suo stomaco teso mentre chiudeva gli occhi. Ho infilato la mano nei pantaloni per sistemare il mio cazzo mentre lei cominciava ad accarezzarle dolcemente le tette. Lei slacciò la chiusura anteriore del reggiseno e loro caddero in avanti, spingendosi fuori dalla loro prigionia.

Fran intinse il dito nel vino e tracciò le sue aureole da mezzo dollaro su ciascun seno. Ho guardato con grande apprezzamento mentre i suoi capezzoli si erigevano davanti ai miei occhi.

All'improvviso, la mano di Fran ricadde sulle sue mutandine, spostandole da parte per raggiungere la sua figa ormai bagnata. Sono rimasto stupito mentre piegava il collo per succhiare una tetta intera, mentre l'altra mano le massaggiava furiosamente la fica. Avevo paura di venirmi nei pantaloni ma continuavo a guardare mentre Fran tremava fino a raggiungere un rapido climax.

Mentre scendeva, Fran riorganizzò con calma la sua biancheria intima e indossò un miniabito arancione lavorato a maglia. Ho quasi fatto cadere il vino dal balcone quando ha chiamato il mio nome: "Jon, sei pronto per andare?" Ero io!

"Stai bene, hai un aspetto un po' strano," mi ha detto Fran, mentre entravo dal balcone. Ero grato che i pantaloni fossero molto larghi, nascondendo così la mia erezione ancora infuriata.

"Che bel vestito," dissi a Fran. "Sei molto carina stasera."

"Beh, grazie," disse, un po' perplessa. Non abbiamo mai commentato l'aspetto dell'altro dopo il primo "bello vederti, stai benissimo". Era difficile credere che questo angelo fosse venuto davanti a me non cinque minuti prima. Non si sarebbe mai resa conto dell'emozione che mi aveva dato.

Abbiamo preso un taxi per il ristorante così abbiamo potuto goderci alcuni piatti freddi e non doverci preoccupare di tornare indietro. Anche se abbiamo trovato un tavolo quasi subito, abbiamo aspettato quasi un'ora per essere serviti. Non mi importava, però; la compagnia era meravigliosa e Barbara continuava a offrire drink. Quando arrivò il cibo, eravamo molto rilassati. Abbiamo parlato di ogni genere di cose, delle nostre vite e dei nostri interessi e della nostra mancanza di interessi amorosi in questo momento.

Era quasi mezzanotte quando siamo partiti. Ottawa è una cittadina addormentata dove a quell'ora si riempiono le strade. Salimmo su un taxi e ci dirigemmo a casa.

L'odore del profumo di Fran mi aveva fatto impazzire tutta la notte. Una volta dentro il taxi, mi ha ringraziato per la bella serata. La sua testa si posò sulla mia spalla e sospirò, chiudendo gli occhi.

I miei occhi seguirono la sua figura, partendo dai tacchi a spillo e risalendo lentamente lungo il suo corpo, ammirando i suoi attributi e desiderando di non essere così codardo. Ma siamo così vicini, ho discusso con me stesso. Come posso fare un passaggio? Sarebbe scioccata, mi ucciderebbe, non mi parlerebbe mai più: ho trovato numerose ragioni per tenere le mani lontane. Ma poi lei si rannicchiava un po' più vicino ed emetteva un altro sospiro di soddisfazione e il suo vestito scivolava su quelle dannatamente splendide gambe ancora un po' e io dovevo ricominciare a ricordarmelo da capo.

Il vecchio tassista guardò nello specchietto retrovisore e deve aver pensato che fossimo amanti. L'ho visto sorridere e ammiccare, mentre suggeriva una bella passeggiata nel parco. Perché no, ho pensato. Anche solo prolungare questo lieve contatto fisico era una ragione sufficiente.

Il vestito di Fran le era salito più della metà della coscia e mi chiedevo se avrei dovuto provare a risistemarlo da sola o svegliarla. Ma sembrava così tranquilla che ho deciso di godermi lo spettacolo. Quindi fissa l'ho fatto.

"Cosa stai guardando?" chiese, improvvisamente sveglia. Lei tirò l'orlo del vestito, cercando di coprirsi. Mi ha ricordato i suoi giorni da adolescente modesta. Sembrava piuttosto agitata. Oh, no, ho pensato, le mie peggiori paure si stanno avverando. "Io... io... niente..." balbettai.

"Jon, ti ho visto fissarmi. A cosa diavolo stavi pensando?" Potevo vedermi prendere questo taxi per tornare a passare la notte alla stazione dei treni.

L'autista percepì disarmonia e corse verso l'appartamento. Fran scese e si fece strada dentro mentre io pagavo il biglietto e con riluttanza la seguii.

Mi sentivo come un cucciolo che ha appena masticato le pantofole del padrone e aspetta il giornale arrotolato. Fran aspettava vicino all'ascensore, battendo il piede e osservando l'indicatore dell'ascensore mentre si avvicinava all'atrio. Non è stata detta una parola durante tutta la salita. Quando le porte si aprirono mi passò accanto per aprire la porta. Quando non me lo ha sbattuto in faccia, l'ho preso come un buon segno.

Entrai timidamente nell'appartamento. "Chiudi la porta," sbuffò. Chiuse la porta e si voltò verso di me. Ci siamo, ho pensato. Scomunica dalla famiglia.

Non potevo guardarla negli occhi. "Immagino che tu abbia bevuto troppo," disse. Mi stava dando un alibi? "Penso di averlo fatto anch'io."

"Dopo tutto, sei solo un uomo e ci sono alcune cose che un uomo fa, incluso guardare suo cugino," cominciò a sorridere.

"Mi hai sempre trovato attraente, vero, Jon?" Uh-oh, meglio stare attento qui.

"Sì, credo di sì," risposi ancora senza guardare qui, desiderando di essere altrove.

"Beh, sai, anch'io ammiro molto il modo in cui sei diventato. Le mie amiche parlavano di te quando venivi a trovarmi. Parlavano delle tue braccia o dei tuoi occhi e io dicevo: 'Non lo so'. Non voglio sentirlo, è mio cugino."

"Ma avevano ragione", ha detto Fran. Mi sollevò il mento con il dito. "Non preoccuparti, non sono arrabbiato." E mi baciò velocemente sulle labbra.

I nostri occhi si incontrarono e ci appoggiammo l'uno all'altro per un altro bacio, questa volta più lento. Poi un altro, più profondo. La sua lingua sondava le mie labbra finché non le aprivo. La mia lingua incontrò la sua mentre volteggiavano insieme in un gioioso saluto. La cautela è andata fuori dalla finestra.

I baci diventavano più enfatici man mano che ci avvicinavamo, premendo insieme i nostri corpi. dieci anni di fantasie si stavano avverando mentre sentivo il calore delle sue tette attraverso i nostri vestiti. I suoi capezzoli erano duri mentre premevano contro il mio petto. Le mie mani scivolarono sulla sua schiena e, con esitazione, le afferrai il sedere. Lei gemette piano mentre le stringevo la guancia, avvicinandola. Ho raggiunto l'orlo del suo vestito e ho fatto scivolare la mano lungo le sue cosce. Non potevo credere al calore umido proveniente dalla sua figa! Fran aprì le gambe per consentirmi un migliore accesso mentre le nostre labbra erano ancora premute insieme.

Le leccai il collo, mordicchiandole la nuca. Tremò mentre le mordevo il lobo dell'orecchio.

"Fallo a me, Jon," gemette. "Ho voluto che mi scopassi per anni. Fottimi adesso!" Fran mi strappò la camicia, i bottoni schizzarono attraverso la stanza. Mi tolsi le scarpe e mi tolsi pantaloni e pantaloncini. Dopo tutto questo tempo non avevo intenzione di sollevare alcuna discussione.

Ci siamo sprofondati sul tappeto del soggiorno e io le ho abbassato il vestito sulle tette ansanti mentre lo tiravo su dal fondo. Le ho strappato le mutandine e il reggiseno mentre lei si dimenava sotto di me. Il mio cazzo minacciava di rompersi.

Ho strofinato la punta del mio cazzo lungo la sua fessura. Non avevo mai immaginato la figa di Fran prima, concentrata sulle sue altre risorse. Era ricoperto da un morbido ciuffo di pelo che nascondeva dolcemente le sue labbra carnose. Lei gemette e inarcò la schiena mentre cercava di farmi entrare dentro di sé, ma io continuavo a provocarla.

"Smettila, per favore. Fottimi e basta. ORA!" Lei mi ha afferrato il sedere e mi ha tirato dentro. Così caldo, liscio e stretto. Incredibile!

Dopo un paio di minuti ho sentito l'inevitabile afflusso di sperma. L'ho avvertita e lei ha sbottato che andava bene, che voleva sentirmi pomparglielo dentro. Così ho fatto. Lunghi e duri flussi di sperma scorrevano attraverso di me dentro di lei. Ha appoggiato la sua figa contro di me, afferrandomi il culo, lavorando verso il suo climax. "Uhh, uhh, uhhhhhhhhh," gemette mentre brontolava verso l'estasi.

Ero sconfitto ma felice. Era battuta e aveva fame di qualcosa di più.

"Mi sono sempre chiesta come sarebbe stato con te, Jon," sussurrò Fran, "ed è stato meglio di quanto avessi mai immaginato."

Detto questo mi baciò dolcemente il petto mentre scendeva lungo il mio stomaco, facendo roteare la lingua in piccoli cerchi. Ho rabbrividito quando ho sentito il suo respiro caldo sul mio cazzo, aspettando di sentire le sue labbra inghiottirlo. Mi ha leccato la corona, lecca un bastoncino di zucchero, dentro e fuori, lecca, dentro e fuori, intorno. Era come nessun altro pompino che avessi mai sperimentato, così caldo, bagnato e scivoloso. Avrei potuto felicemente riempirle la bocca, ma lo aspettavo da molto tempo.

L'ho spinta via delicatamente e l'ho girata. Sembrava sorpresa. Mi sono messo a cavalcioni sul suo petto e le ho detto "Ti scoperò il seno, Fran. Voglio sentire le tue morbide tette avvolte attorno al mio cazzo. Voglio dondolarmi avanti e indietro finché non ti sborro sulle tette e sulla faccia. Cosa fai pensaci, tesoro?"

"Oh, sì," gemette, "fammi questo! Per favore! Fallo!"

"Voglio che tu lecchi la testa mentre esce attraverso il tunnel delle tette. Mantienila liscia in modo che scivoli avanti e indietro così bene."

Fran ha premuto le sue tette attorno al mio cazzo. Erano così morbidi e caldi, bagnati da una combinazione di sudore e saliva. All'inizio procedevo lentamente, cercando di far durare il piacere indescrivibile.

"Adoro farmi scopare le tette," gemette. "Mi fa così eccitare. Dai, spingilo, fallo scivolare dentro. Voglio il tuo sperma, sperma su tutta la mia faccia, per favore. VIENI, DAMLO, CUM, CUMMM, FALLO! FALLO!! FALLO IT!!! SPARAMI ADdosso!! OH, MIO DIO. FALLO ORA!!!" E con ciò cominciò a tremare e a sbattere i fianchi contro un cazzo immaginario. Le sue dita volarono verso la sua figa fradicia dove si muovevano dentro e fuori. Ho afferrato le sue tette e le ho strette attorno al mio cazzo. L'ho spinto in avanti e l'ho tenuto nella sua bocca mentre lei gemeva fino alla prossima serie di orgasmi. Le vibrazioni della sua bocca mi hanno fatto eccitare, e sono riuscito a infilare il mio cazzo tra le sue tette mentre ho iniziato a schizzare, il carico caldo si riversava sul suo bel viso, mentre lei scuoteva la testa avanti e indietro, atterrando prima su una guancia e poi su altro. Ho spruzzato i miei ultimi colpi violenti sulle sue tette e sono crollato accanto a lei, esausto.

Dopo qualche istante per riprendere fiato, Fran si voltò verso di me. "Sei sicuro di poter restare solo il fine settimana?" chiese con un sorriso.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.