La punizione_(4)

668Report
La punizione_(4)

Sono passate settimane dall'ultima volta che l'ho visto, annusato la sua colonia, sentito la sua presenza. È molto più vecchio di me; cammina con un atteggiamento sicuro, muscoli delicatamente incisi e lineamenti scuri ed esotici.

Mi sono appena trasferita nel mio nuovo appartamento e cerco freneticamente di scoprire dove ho messo il mio maglione preferito quando il mio telefono vibra. Guardo il telefono e vedo il suo nome nel messaggio sullo schermo. Il mio cuore salta un piccolo battito.

Speravo che mi contattasse da quello che sembra un'eternità. Mi manca più di quanto potesse capire, anche se sono stata io a porre fine alla nostra intensa relazione. È arrabbiato con me per questo, lo so.

"Ehi tu..." Si legge. "Ehi tu..." rispondo.

“Hai lasciato alcune cose da me. Alcuni sandali e trucco. Li rivuoi indietro?" Lui rispose.

Penso per qualche minuto a cosa dovrei rispondere. Voglio così tanto vederlo, ma non sono sicuro che sia una buona idea. Sono così confuso su ciò che voglio, in ogni aspetto della mia vita, per non parlare di una relazione.

"Sì grazie. Adesso mi sono trasferito sulle spiagge, quindi sono vicino. Posso venire a prenderli?" Scrivo senza pensare oltre.

“Te li lascio. Mandami semplicemente l'indirizzo." Lui rispose.

Noto l'assenza di emoji nei suoi testi; è così diverso da prima. È decisamente arrabbiato con me e sono decisamente entusiasta di vederlo.

Verrà alle 20:00 e attualmente sono le 19:00, quindi corro a fare la doccia. Istintivamente mi rado la figa proprio come piace a lui, prima di realizzare cosa sto facendo. Perché mi sto preparando come una volta? Dubito che scoperemo, eppure continuo comunque a prepararmi.

Scelgo un outfit che mi avvolga i fianchi e il sedere e che scenda profondamente nella scollatura. Aspettando con disinvoltura sul divano che bussi alla porta, i miei nervi si scatenano dentro di me. Il mio cuore batte forte mentre penso a tutte le cose che voglio dire.

All'improvviso bussano alla porta e mi si stringe lo stomaco. Mi sento una piccola scolaretta.

Apro la porta con cautela. Eccolo lì con il suo solito abito elegante e cravatta, perfettamente stirato e che abbraccia ogni muscolo come se fosse stato fatto a mano proprio in questo momento. Sta lì con una postura perfetta e uno sguardo come non avevo mai visto prima.

Lo saluto e lui non risponde, mantiene semplicemente lo sguardo, guardandomi profondamente, facendomi sentire sempre più come una ragazzina smarrita e bisognosa di guida.

Con autorità e un pizzico di arroganza, si fa avanti e mi supera entrando nel salotto, lasciando cadere la borsa accanto alla porta. Chiudo la porta e lo seguo, con i nervi a fior di pelle.

Si gira velocemente per guardarmi di nuovo. Il suo sguardo mi trafigge. "Giù." Dice con una lingua tagliente, e così tutto quello che sapevo e facevo mi rifluisce dentro.

Istintivamente seguo le sue istruzioni e mi inginocchio davanti a lui, con la testa chinata, gli occhi fissi sulle sue scarpe appena lucidate come dovrebbe fare un buon sottomesso. Perché lo sto facendo? Me lo chiedo internamente.

Allunga la mano destra fino al mio collo e la stringe forte, costringendo la mia testa ad alzarsi e i miei occhi a incontrare i suoi. I suoi occhi penetrano la mia anima mentre mi squadra dall'alto in basso. Un leggero accenno di disgusto si diffonde sul suo viso, mentre inizio ad ansimare leggermente in cerca d'aria.

La mia figa inizia a pulsare dal bisogno mentre lui libera bruscamente il mio collo dalla sua stretta, gettandomi sul pavimento. "Tutti e quattro." Abbaia mentre si avvicina alla sua borsa, tirando fuori qualcosa di grosso e nero.

Obbedisco, rimanendo al centro del mio salotto a quattro zampe. Si avvicina per inginocchiarsi accanto a me. Mi afferra selvaggiamente i capelli con la mano sinistra, girandomi la testa per guardarlo. Tiene nella mano destra una grande pagaia nera.

“Sei stata una cattiva ragazza. Una puttanella molto, molto, cattiva, indegna. Dice pesantemente, fissandomi dritto negli occhi.
“Ho pensato a lungo e intensamente alla tua recente disobbedienza e ho intenzione di punirti per quello che hai fatto. Io sono il tuo maestro. Ho l’unica voce in capitolo su quello che ti succede”. Dice freddamente. Il suo tono meschino, minaccioso e arrabbiato mi eccita come mai prima d'ora. Tremo sotto di lui mentre sento la sua mano destra sollevarmi la gonna sopra i fianchi. La vergogna mi travolge e la mia figa trasuda succo.

Lui mi abbassa dolcemente le mutandine fino alle ginocchia e mi accarezza dolcemente le chiappe.

"Ti sculaccerò 10 volte, molto, molto forte... e tu mi ringrazierai dopo ognuna." Mi fa un sorriso malvagio, e non un secondo per rispondere prima di sentire il primo colpo sulle mie guance nude ed esposte. Il dolore attraversa il mio corpo mentre mi stringe i capelli, fissandomi più profondamente negli occhi per la mia reazione.

"Grazie", sussurro sessualmente.

Vedo di nuovo quel sorriso malvagio mentre mi dà il secondo schiaffo sulle chiappe. Questa volta urlo mentre mi dà uno schiaffo più forte.

“Grazie,” sussurro di nuovo.

Lo ripete altre 7 volte, portandoci all'ultimo schiaffo. Ancora una volta, stringe la presa tra i miei capelli, avvicinando il mio viso al suo, osservando attentamente ogni mia emozione. Le lacrime mi salgono agli occhi mentre lui sferra lo schiaffo finale, brutale e doloroso sulle mie guance ora rosse e gonfie. Il dolore si è trasformato in una fitta lunga e profonda, che attraversa tutto il mio essere.

"Grazie signore", riesco a tirar fuori dalla bocca, mentre le lacrime mi rigano il viso.

Con la mano sinistra ancora impigliata nei miei capelli, usa per buttarmi via, facendo cadere la mia testa sul tappeto in una disgrazia arruffata.

Si muove dietro di me, accarezzandomi le natiche e ammirando il danno che ha appena fatto loro. Delicatamente, fa scivolare le braccia attorno al mio petto e mi tira su. Siamo entrambi in ginocchio, io sono rivolto verso il salotto con lui dietro di me che mi tiene vicino a questo baule.

Quanto vorrei girarmi e baciarlo, ma non oso.

Usa il braccio sinistro per attraversare il mio corpo e tenermi saldamente in posizione mentre sposta la mano destra sulla mia fica bagnata. Segna il mio clitoride così delicatamente che riesco a malapena a sentirlo.

"Pensi di meritarti questo?" Sussurra.

"Non merito niente di quello che mi dai, signore." Rispondo docilmente.

“Esatto, non meriti niente. Dovresti essere grato che ho passato il mio tempo a schiaffeggiarti, insegnandoti una lezione. Dice cominciando ad accarezzarmi la fica, dapprima dolcemente, con entusiasmo crescente. Aumenta il ritmo e inizia a schiaffeggiarmi la figa sempre più forte.

Sussulto, mentre il mio corpo cerca naturalmente di sussultare in avanti per lo shock. Sono limitato dal suo braccio sinistro sul mio petto, che ora sta aumentando la presa.

Continua a schiaffeggiarmi la figa sempre più forte finché non inizio a urlare forte di dolore.
Riesco a raccogliere un dolce "Grazie".

All'improvviso si ferma e mi lascia andare. Mi spinge bruscamente in avanti sulle mani e sulle ginocchia, poi continua a spingermi giù finché la mia testa tocca il suolo, la mia guancia premuta contro il tappeto.

Lo sento allargarmi le chiappe e fissare i miei buchi vogliosi e bisognosi. So che non sta guardando la mia fica. So esattamente quale buco vuole.

“Dato che sei stata una piccola troietta così cattiva, non otterrai niente in quella tua fica sciatta. Questo non è per il tuo piacere, piccola puttana, è solo per il mio."

Le sue parole non fanno altro che rendere la mia figa ancora più bagnata.

Sputa sul mio stretto buco del culo, strofinando delicatamente un dito attorno al bordo per allentarlo prima che io senta la testa del suo cazzo duro come la roccia iniziare ad aprirlo ulteriormente.

Forza il suo glorioso cazzo duro e pulsante nel mio stretto bocciolo di rosa, allargandolo mentre entra sempre più in profondità. Comincia a spingere selvaggiamente, senza riguardo per le mie urla. Il misto di piacere e dolore mi travolge e sto urlando sia di gioia che di disperazione.

Comincia a grugnire e continua a scoparmi, allargandomi il buco ad ogni spinta. Muove un piede intorno alla mia testa per tenerlo fermo e concedersi un tuffo più profondo nel mio buco del culo. Grido di dolore mentre si addentra e lui continua a speronare e speronare.

Presto si tira fuori e mi abbaia di girarmi e sdraiarmi sulla schiena. Lo acconsento velocemente e apro la bocca mentre lui si appoggia su di me, facendo sprizzare sperma dal suo cazzo duro e pulsante su tutta la faccia. Pezzi schizzano sul mio corpo e sul pavimento.

Lui mi fissa, masturbandosi ancora di più dal suo cazzo mentre raccolgo lo sperma dalla mia faccia e nella mia bocca. Lui mi guarda e poi guarda lo sperma sul pavimento.

"Ripulisci il tuo disordine." Ordina, fissandomi di nuovo intensamente.

Mi giro, mi rimetto a quattro zampe e striscio come un animale, leccando lo sperma che macchia il pavimento prima di ritrovarmi ai suoi piedi. Apro la bocca e lo guardo in piedi sopra di me.

Infila brutalmente il suo cazzo, coperto dei miei succhi di culo, in profondità nella mia bocca. Mi tiene fermamente la testa sul suo cazzo finché non mi sente soffocare, poi lascia andare. Mentre mi allontano, una lunga linea di sputi segue dalla punta del suo cazzo alla mia bocca.

Si tira su i pantaloni, raccoglie la pagaia e la borsa e si avvia verso la porta. Prima che io abbia la possibilità di dire qualcosa, lui la apre ed esce, lasciandomi a quattro zampe nel mezzo del salotto con la gonna intorno alla vita e le mutandine fino alle caviglie, sperma fresco addosso e chiappe rosse e crude. , chiedendosi se tutto ciò sia realmente accaduto.

Storie simili

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.