La scala a pioli

647Report
La scala a pioli

Storia di Fbailey numero 187


La scala a pioli


Quando la mamma ci chiamò a casa sapevo che ero nei guai. Dopotutto i miei genitori pensavano che guai fosse il mio secondo nome. Di sicuro ne avevo abbastanza anch'io ultimamente. Principalmente era incentrato sulla mia sorellina.

La mamma ha detto: "Randi, cosa stavi facendo su quella scala?"

Randi ha detto: "Ho dovuto tirare fuori il mio aeroplanino di carta dall'albero".

La mamma ha detto: “E hai lasciato che tuo fratello tenesse la scala per te? Te l'ho detto un milione di volte che vuole solo guardarti la gonna per vedere le tue mutandine. Non è vero?"

Randi rise della mamma e disse: “Beh, l'ho ingannato. Non ne indosso nessuno."

All'improvviso la mamma divenne rossa di rabbia e si voltò verso di me. Mi ha urlato contro, mi ha detto che l'avrei davvero preso quando mio padre fosse tornato a casa, e poi mi ha detto di andare in camera mia. Questa volta ero decisamente d'accordo.

Il fatto era che avevo sedici anni ed ero abbastanza grande per saperlo meglio. Randi aveva solo tredici anni ed era il preferito di mamma. Randi non poteva sbagliare. Almeno questo è quello che pensava la mamma. Randi era la mia sorellina e cercavo sempre di guardarle la gonna e anche a lei piaceva lasciarmi fare. Avevo visto la sua figa pelata molte volte. Comunque ultimamente Randi deve mettere nei guai anche me. A cos'altro servono le sorelle minori? Sapevo che dopo mi avrebbe fatto perdonare perché lo fa sempre.

Era quella che la mamma chiamava una fioritura tardiva. Randi aveva quasi dodici anni quando ebbe il suo primo ciclo e passarono alcuni mesi prima che arrivasse il successivo. Ora la mamma lo scrive sul calendario e Randi si mette in imbarazzo da morire. Più o meno nello stesso periodo anche lei cominciò a far crescere le sue tette. Di sicuro era orgogliosa di loro e ogni giorno si alzava la maglietta in modo che potessi vederli. Poi un giorno mi ha detto di alzarle la maglietta ogni volta che volevo vederli. Infatti, circa una settimana dopo, sono stato sorpreso a sollevarle la maglietta. La mamma mi ha visto farlo e ovviamente Randi non le ha detto che me li lasciava sempre guardare, quindi ho preso la cintura. Dopodiché non solo ho potuto guardare le tette di Randi ogni giorno, ma ho anche potuto succhiarle i capezzoli e toccarli quanto volevo.

Ultimamente Randi mi aveva mostrato i minuscoli peli che stavano iniziando a crescere sulla sua figa. Era così orgogliosa di loro che voleva solo metterli in mostra, quindi ovviamente li guardo. La parte migliore è quando sale sul mio letto, si appoggia all'indietro e apre molto le gambe in modo che la sua figa si appiattisca e le sue labbra umide si aprano così che io possa vedere il suo buco del sesso. Ovviamente non mi permetterà di toccarle la figa, ma me la aprirà ulteriormente in modo che io possa vederla meglio. È così agile che può quasi guardare lei stessa nel suo buco. A volte alzo uno specchio in modo che anche lei possa guardarlo.

Poi, circa due settimane fa, Randi ha iniziato a permettermi di infilare anche il mio dito nel suo buco insieme a una candela che aveva rubato dal cassetto della sala da pranzo di mamma. Potrei far entrare completamente il mio dito indice fino al punto in cui le altre dita si intromettono. Tuttavia riesco a far entrare quella candela nei suoi sei pollici e un quarto perché l'ho contrassegnata con l'unghia del pollice e l'ho misurata in seguito.

Ero seduto nella mia stanza aspettando che papà mi picchiasse quando Randi si avvicinò per avvisarmi che papà era appena tornato a casa e che la mamma lo stava aggiornando su tutto. Poi si è seduta sul mio letto e ha messo le caviglie dietro la testa in modo che potessi dare un'ultima occhiata alla sua figa pelata prima di essere picchiato con la cintura. Mi ha detto che avrei potuto ficcarle il dito dentro così avrei avuto un ricordo piacevole a cui pensare durante la mia punizione. Randi mi ha anche detto quanto le dispiacesse di avermi messo nei guai e che avrei potuto iniziare a scoparla dopo la mia punizione. Fu allora che papà si schiarì la voce e chiuse la porta dietro di sé.

Né Randi né io abbiamo mosso un muscolo mentre papà osservava la situazione. C'era Randi con la testa sul mio cuscino, i piedi dietro la testa, che teneva la figa aperta per me e c'ero io con il mio indice completamente nella sua figa umida. Inoltre papà aveva sentito tutto, come mi aveva messo nei guai e come avrebbe iniziato a lasciarsi scopare dopo.

Papà si avvicinò a noi e allungò una delle sue grandi mani per tenerle entrambi i piedi in quella posizione dietro la testa. Poi lentamente tirò fuori il dito dalla sua figa. Mi sono seduto con un'erezione furiosa nei pantaloni mentre papà guardava la mia sorellina. Poi finalmente mi sono reso conto che non ero più nei guai.

Ho guardato Randi in quella posizione con le gambe appena fuori dal seno. La sua maglietta era tesa contro il petto, i suoi piccoli seni formavano piccole colline nel tessuto e i suoi piccoli capezzoli erano duri come gomme da matita. La sua gonna era ammucchiata intorno alla vita. La sua figa era appiattita, era rosa e il suo buco aperto sbavava. Potevo persino vedere il suo piccolo buco del culo raggrinzirsi e rilassarsi mentre respirava. Poi ho notato il suo viso mentre passava dalle lacrime che le scorrevano lungo il viso a quasi un sorriso mentre fissava il grande rigonfiamento nei pantaloni di papà. In quel momento ho capito che anche lei non era nei guai.

Papà ha chiesto a Randi: "Hai mai avuto un cazzo in quella tua piccola fica?"

Non avevo mai sentito papà parlare così prima.

Randi rispose: “No papà. Non ancora."

Papà mi ha chiesto: "Hai mai messo il tuo cazzo nella fica prima?"

Ho risposto: “No papà. Non ancora."

Poi papà mi ha sorpreso da morire quando ha detto: “La terrò io. Scopatela prima."

Tutti i tipi di pensieri mi attraversavano la mente. "Primo!" "Fanculo!" "La terrà mentre la scopo!"

Quindi mi sono tolto i blue jeans e le mutande mentre papà guardava la mia erezione. Tornai sul letto e mi avvicinai a Randi. Poi ho tenuto il mio cazzo e l'ho inclinato abbastanza da toccare la punta del suo buco umido. Ho spinto in avanti ed è scivolato dentro senza quasi alcuna resistenza. Papà le teneva i piedi dietro la testa mentre scopavo mia sorella di tredici anni. Sapevo che era profonda sei pollici e un quarto e sapevo anche che era lungo quanto era lungo il mio cazzo, quindi quando ho toccato il fondo non ero sorpreso quanto lo era Randi. Dovevo ammetterlo, anche se l'ha presa come una campionessa. Randi non ha mai chiamato la mamma né ha cercato di allontanarsi da noi. Ho scopato mia sorella con l'urgenza che avevo sempre quando ero eccitata e mi masturbavo di notte. Le ho infilato tutto ciò di cui avevo bisogno e poi ho detto a papà che stavo per venire e lui mi ha detto di venire dentro e basta, dopotutto Randi aveva preso la pillola comunque per un anno.

Quando ho finito di venire e ho tirato fuori il cazzo da suo padre mi ha detto di tenerla mentre lui la scopava dopo. Che cosa! Non potevo credere alle mie orecchie. Papà ha abbassato i pantaloni e le mutande con un movimento fluido, poi ha forzato il suo cazzo nella fica di sua figlia. Il cazzo di papà era quasi identico al mio, solo che forse era un po’ più grosso. Papà non aveva affatto la fretta che avevo io. Si stava godendo quella scopata come se l'avesse aspettata per anni. Apparentemente voleva scoparla e questo gli diede l'opportunità di cui aveva bisogno.

Mentre papà scopava Randi, le disse che anche lei lo aveva preso in giro abbastanza a lungo. Anche lei gli aveva costantemente mostrato la figa negli ultimi mesi e lui ne aveva avuto abbastanza. Le ha chiesto se le stava facendo del male, ma non credo che stesse prestando attenzione quando lei ha detto solo un po'. Papà era in una specie di sogno erotico in cui i padri scopano le loro figlie tutto il tempo e andava bene farlo. Si ricordava di aver scopato sua sorella anche lui quando aveva la mia età. Si ricordava addirittura di aver scopato con lei anche la migliore amica di sua sorella. Quella migliore amica era mia madre.

Poi papà mi ha mandato di sotto a prendere la mamma. Ha detto anche a me di non preoccuparmi di rimettermi i vestiti. Allora con il cazzo semi eretto sono scesa e ho detto a mamma che papà voleva che lei salisse nella mia camera da letto. Mi ha seguito su per le scale ma penso che abbia controllato il mio culo nudo e le mie palle pelose per tutto il percorso. Sono entrata per prima nella mia camera da letto e poi la mamma è rimasta sulla soglia.

La mamma guardò la posizione in cui si trovava Randi e il cazzo di papà ancora nella sua fica e poi chiese: "Che diavolo pensi di fare?"

Papà le sorrise e disse: "Ricordi quando avevi questa età e io scopavo te e mia sorella insieme proprio così?"

La mamma arrossì e disse: "Sì, ricordo".

Papà ha chiesto: "Riesci ancora a tenere i piedi dietro la testa?"

La mamma ha detto: "Non lo so, ma potrei provarci se anche tu mi vuoi davvero".

Poi la mamma si è spogliata davanti a me e ho potuto vederla completamente nuda. La mamma ha delle tette enormi rispetto a Randi. Ha anche un'intera foresta di peli sulla figa. Poi la mamma si è alzata sul letto accanto a Randi e con molti grugniti e sforzi ha detto a papà che non poteva più farlo. Poi gli disse che avrebbe fatto pratica per lui se anche lui avesse voluto lei.

Papà mi ha guardato e ha detto semplicemente: "Ora fanculo tua madre".

La mamma ha visto lo shock sul mio viso e ha detto: "Faresti meglio a fare come dice tuo padre, a meno che tu non voglia assaggiare quella cintura".

Così mi sono alzato ai piedi del letto e ho infilato il mio cazzo nella figa di mia madre con il suo aiuto. Le sue ginocchia erano arrivate al seno e io mi sono appoggiato a loro mentre la scopavo.

Papà disse: “Dovrebbe durare un po’ di più questa volta. Ha appena finito di scopare sua sorella prima che iniziassi a scoparla anch'io. Sapevi che questa stronzetta lo stava mettendo nei guai di proposito?"

La mamma sorrise e rispose: “Certo che l'ho fatto. Chi pensi che l'abbia spinta a farlo? Come si sente?"

Papà rispose: “Proprio come facevate anche tu e mia sorella. Bello e stretto in questa posizione.

La mamma ha detto: "A proposito di tua sorella, sapevi che è tornata in città?"

Papà disse: “Sì, l'ho fatto. L'ho scopata nel mio ufficio oggi a mezzogiorno. Dovrebbe venire più tardi stasera."

La mamma ha detto: “Bene, forse noi cinque possiamo divertirci un po' alla vecchia maniera, allora. Mi chiedo se riesca a mettere i piedi dietro la testa.

Proprio in quel momento vengo nella figa di mamma mentre papà viene in Randi. Quando uscimmo, le due ragazze si raddrizzarono sul letto.

Randi mi guardò dritto negli occhi e disse: "Vuoi vedere cosa mi ha insegnato la mamma?" Poi si è girata, si è seduta sul viso di mamma e poi ha seppellito il suo viso nella figa di mamma. Papà e io li guardavamo finché non diventavamo di nuovo duri. Voleva davvero scopare Randi una seconda volta e anch'io volevo davvero scopare di nuovo mamma, quindi ha preso in braccio Randi e l'ha portata nella sua camera da letto mentre la mamma si alzava sulle mani e sulle ginocchia per me.


Fine
La scala a pioli
187

Storie simili

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.