Libro dei trucchi del giocatore_(7)

631Report
Libro dei trucchi del giocatore_(7)

La storia di Jeremy continua... leggi il capitolo 1



Jeremy entrò nell'edificio dei suoi uffici, salutando casualmente i suoi dipendenti uno per uno. La sua apparizione era più o meno una formalità poiché questa compagnia era esclusivamente sua. È stato il creatore e fondatore di Playa Industries. Il suo inizio come donnaiolo lo ha portato a incorporare il suo talento per la scrittura con il suo acuto senso degli affari. Ha iniziato a scrivere libri di auto-aiuto per ragazzi che cercavano di "conquistare la ragazza". Il suo stile di vita da playboy spesso ostentato nelle pagine rendendo chi legge ancora più credente nel manuale di Playa. Ha coinvolto altri nell'espediente, ad esempio chiedere ai personal trainer di scrivere libri sulle routine di allenamento perfette per ottenere il corpo che le donne desiderano, libri su come cucinare i pasti che le donne amano, come vestirsi nello stile giusto, come pettinarsi e simili. .

Per quanto fosse facile per lui conquistare le donne, ha conquistato la sua nicchia e l'ha portata in cima con rapido successo, essendo un parlatore veloce ha mercanteggiato, contrattato, truffato, sedotto e scopato fino alla vetta. Si è rivolto ad aziende aperte per tenere seminari di conversazione motivazionale, ha aperto una dopo l'altra la Adonis Gym (molto apprezzata nei suoi libri), ha persino iniziato ad aprire locali notturni con nomi osceni come Club Nailed, Club Eros e persino Club Fuzzy Cuffs tutto per incorporare l'immagine dello stile di vita sessuale ideale ottenuto passando attraverso il suo marchio. La sua azienda ha avuto un boom generando molte aziende più piccole e iniziative imprenditoriali. La rivista Forbes, GQ e Wall Street Journal avevano tutti la schiuma alla bocca per sedersi e conoscere la storia di quest'uomo.

Andò nel suo ufficio all'angolo e notò che la sua segretaria indossava una camicetta blu brillante dal taglio basso con un accenno del reggiseno bianco che si intravedeva attraverso la scollatura, e una gonna grigia alta fino al ginocchio con uno spacco che purtroppo arrivava a fermarsi a metà coscia. Jeremy inarcò il sopracciglio chiedendosi quali segreti nascondesse quel tessuto. Entrambe le sopracciglia si alzarono quando guardò l'orologio e si rese conto che non sarebbe dovuto presentarsi alla riunione prima di altri venti minuti.

"Jenny cara, seguimi nel mio ufficio." Disse con calma mentre passava davanti alla sua scrivania. Si alzò immediatamente, desiderosa di seguire il comando del suo capo. Solo professionale... solo professionale si ripeté. Non era una persona a cui piaceva unire il piacere agli affari. Anche se sembrava offuscare il confine per lei quando era conveniente. Qualcosa con cui aveva una relazione di amore/odio. Le piaceva l'attenzione, ma a volte si sentiva a buon mercato sapendo di non essere una fonte di affetto per lui.

"Jenny, siediti qui." Disse indicando con la mano la sedia di fronte a lui mentre si appoggiava alla sua massiccia scrivania.

"Sei eccezionale oggi. Ma sul serio questo è uno studio professionale. Non voglio che i miei clienti importanti vengano qui e la prima impressione che hanno sia quella di un bordello. Ti ho parlato di Business Attire. Quella maglietta non si avvicina appropriarsi." ha tenuto una conferenza severa. Non usò un tono o uno sguardo di rabbia, ma di disappunto. "Ti ho dato questo lavoro per la benevolenza del mio cuore e tu vieni qui in un giorno molto importante con tale disprezzo per una delle cose semplici che ti chiedo. Molto deludente."

Jenny sedeva al suo posto a disagio, sbalordita e imbarazzata. Iniziò a strascicare i piedi sul sedile e cercò subdolamente di tirarsi su la camicetta. Cercò di mantenere il contatto visivo ma ci riuscì a malapena. "Mi dispiace, signor Black... ho ritirato la biancheria, sono sicuro di avere una camicia migliore con cui cambiarmi!" disse praticamente in un sussurro. Lei si alzò per correre fuori e Jeremy alzò la mano per fermarla

Jeremy era felice di vedere la reazione davanti a lui. Ci cascava ogni volta. "Portali sull'orlo della distruzione della loro autostima, lasciali stare male per qualche minuto, non offrire rimorsi, nessun conforto. Sii fermo e al culmine del momento, stendi quella mano per riprenderla dalla caduta e tirala il suo ritorno alla felicità, il suo eroe." pensò tra sé. Uno dei principi guida dei suoi insegnamenti.

"Puoi andare a cambiarti tra un minuto. Non abbiamo finito di qui." esclamò con una sorta di tono irritato. I suoi occhi ora si abbassarono. "Odio quando mi fai interpretare questo ruolo, Jenny." Usa il loro nome per mantenere l'attenzione, pronuncia il nome con un piccolissimo accenno di contenuto. Tutti amano sentire il proprio nome, buono o cattivo che sia, ma il tono con cui viene detto viene colto nel subconscio e lo cita a se stesso.

"Voglio venire qui e sorridere, complimentarmi per il tuo abbigliamento e per il tuo duro lavoro! Invece devo rimproverarti ripetutamente per piccoli dettagli insignificanti! Perché non possiamo avere una giornata normale senza che politiche e regolamenti debbano essere recitati? " scherzò. Sapeva che questa non era una situazione normale per loro, ma in un momento di vergogna il pensiero analitico si spegne, e sapeva che il cervello di lei stava riflettendo sull'imbarazzo del momento e cogliendo gli spunti emotivi della conversazione piuttosto che i dettagli della conversazione. le parole stesse. È ora di uccidere Play Boy

Con lei che si sentiva così giù e così inutile per aver "sprecato" il suo tempo, lui diede l'ultimo pugno.

"Ora, begli occhi, non posso restare arrabbiata con te. Non farmi stare male perché devo fare il mio lavoro!" disse con un sorriso rassicurante. Lei sorrise brevemente al complimento. Putty, pensò. Mio per aver modellato, preso e affascinato! "Anche se stai benissimo con questa maglietta scollata e scollata," disse con voce un po' più profonda e sicura, con lo stesso sorriso. Lei arrossì e inconsciamente lasciò cadere la camicetta un po' più in basso.

"Difendimi, tesoro, vediamo come stai prima che ti faccia indossare un abbigliamento più noioso." Le prese la mano e la guidò verso l'alto. "Mio mio, che bellezza, come non hai ancora fatto la modella in una delle mie pubblicità?"

Ha preso a cuore il commento perché sapeva di essere carina, ma non credeva di poter passare come modella. Era alta un metro e settantacinque, GG ma aveva una vita sottile e quasi senza sedere. Per non parlare del fatto che non le piaceva il suo naso nel senso tipico di una donna che non trova difetti in nulla. Si spazzolò i capelli neri sui capelli e li appiattì gonna contro di lei. Jeremy fece un passo indietro e le prese la mano nella sua e la sollevò in alto tirandola leggermente verso di sé mentre la spingeva in cerchio, segnalandole di fare un giro. Lei rise del movimento ma obbedì.

"Belle gambe lunghe e anche così aggraziate, mia cara. Non sono così adatte a stare dietro uno dei miei banchi! Ho preso qualche lezione di salsa, proviamo a fare il tuffo!" Ha mentito. Ha preso la salsa anni fa. Ma questo gli diede una scusa per metterle un braccio sulla parte bassa della schiena sopra il sedere, e una scusa per farle avvolgere il braccio attorno al suo collo, mettendole una mano dietro la testa, la immerse e la riportò circa a metà strada. "Oh cielo, hai quello sguardo come se volessi baciarmi! ...ancora" disse timidamente

"Io... Uh... No... Signore, so che non possiamo... non dovremmo... voglio dire, non lo faremo... essendo dipendenti e datori di lavoro e dopo l'ultima volta... La conversazione che abbiamo avuto riguardo mai più... E... scusami, non intendo flirtare così!" Lei balbettò ma lui sentì i suoi occhi fissarsi nei suoi occhi e sentì il calore diffondersi in tutto il suo corpo. I suoi occhi correvano dai suoi bulbi oculari alla bocca e alla schiena, osando persino guardare il suo ampio seno mentre giaceva sotto di lui. La tirò indietro e le diede uno strattone esagerato avvicinandola leggermente a lui.

"Non chiedere scusa... Non sei una persona dispiaciuta. Chiedi scusa. Quando dici che ti dispiace sembri un patetico dolce cuore." Disse teneramente "Sei troppo bella e mantieni una vita troppo bella" essere qualcuno che può dirsi dispiaciuto." Lui avvicinò leggermente la testa e lei abboccò, attirandosi lentamente per un bacio, come in trance. "Beh, se insisti, Jenny!"

Aspettò che lei facesse la sua mossa per farle sentire l'aggressore, e fu allora che prese il controllo delle labbra serrate facendo rotolare la lingua sulle sue. Aprì gli occhi, guardò l'orologio e notò che aveva 10 minuti a disposizione. Lui infilò rapidamente le dita davanti e la tirò verso di sé attorno alla scrivania. Jeremy incontrò le sue labbra ancora una volta e la fece voltare sollevandole la gonna rivelando un perizoma di seta nera. Tirò rapidamente giù il materiale sottile, tirò fuori la sua erezione e la posò rapidamente sulla sua fessura. Le raggiunse le cosce e spinse la testa nel suo ingresso già umido. Alternò le mani tra i suoi fianchi e il suo seno mentre la penetrava come un martello pneumatico da dietro. Era persa in quel momento con le mani ansimanti e lamentose che stringevano il ripiano anteriore della scrivania per la sua vita. Sentì ogni centimetro mentre penetrava dentro e fuori segandola. La sua vagina alle gambe faceva male per venire. I suoi ormoni erano impazziti dopo che una gamma così ampia di emozioni l'aveva attraversata.

"uh uh uh uhhhnnnhhhh sì, mmmmmm" ansimò più e più volte mentre il rumore umido della sua pelle che colpiva la sua echeggiava nell'ufficio

"yurgghhh prendilo.. Ti piace il cazzo del tuo capo. Dillo al tuo capo come ti piace!" Ringhiò mentre le dava una pacca sul sedere. Anche lui le ha tirato i capelli. Questa a cui piace essere dominata era la sua valutazione su di lei. Ciò fu confermato dalla sua esclamazione di gioia e dall'improvviso slancio all'indietro dei suoi fianchi

"oh oh ohhhhhh Mr. Black, sto venendo mmmmmmm." lei metà gemette e metà gridò ad alta voce. Grazie a Dio per l'insonorizzazione, pensò. Sentì la sua figa contrarsi sul suo cazzo mentre lei tremava in preda a convulsioni orgasmiche dalle montagne russe di emozioni alla violenta presa da dietro. Lui la tirò fuori, la fece cadere in ginocchio e le infilò il cazzo in bocca. Iniziò felicemente a dondolarsi, la gonna ancora sollevata, il perizoma ancora intorno alle caviglie, la figa satura delle sue stesse secrezioni.

"Hai due minuti per farmi venire. Poi riprendi la calma e pulisci. Dopodiché vai a cambiarti con qualcosa di presentabile, saluta i miei clienti e poi vai a prendere la mia carta per Victoria Secret e comprare l'abito più sexy che puoi per stasera. Capito?"

"yhmm shur" mormorò attorno al suo cazzo. Lui tirò fuori il cazzo all'improvviso e spostò la testa per guardarlo.

"Non ti ho sentito con la bocca piena di me." Disse in modo esigente ma con un sorriso dolce e uno scintillio negli occhi.

"Si signore!" Disse, un po' troppo eccitata, pensò tra sé. Lui ha continuato a rimetterle il cazzo in bocca e in gola.




Per favore commenta e dai consigli =]

"

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.