L'isola, capitolo 40

336Report
L'isola, capitolo 40

Capitolo 40

Era quasi l’ora di cena quando sono tornato al campo, e i cuochi erano al lavoro con il pesce pescato stamattina dalla classe di Do Hun. Qualunque cosa stessero preparando, cominciava ad avere un buon profumo. Ho guardato per un momento le cheerleader tagliare la frutta, godendomi il gioco dei loro giovani corpi agili sotto i vestiti succinti. Il mio sguardo è stato ricompensato dal breve lampo dell'intera tetta destra della mia cheerleader preferita, visibile attraverso lo scalfo oversize della sua canottiera, mentre versava un po' di papaya in un secchio. Dio, quanto era bella. Osservavo, incantato, mentre la sfera pesante, ben abbronzata e dotata di un succulento capezzolo grasso, ondeggiava avanti e indietro mentre lavorava. Avevo davvero bisogno di parlarle e almeno di scoprire il suo nome. Tuttavia, sembrava sempre che succedesse qualcosa che mi impediva di conoscerla. Di sicuro, proprio mentre decidevo di avvicinarmi e avviare una conversazione, le circostanze mi hanno dato ragione ancora una volta.

“Dave! Eccoti", mi chiamò la voce di Janie. Si avvicinò a me e mi diede un bacio sulla guancia. “Vieni a sederti con me e Patricia. Vedi se puoi aiutarmi a tirarla su di morale."
Prendendomi il braccio, mi trascinò verso la sua capanna.

«Allora qual era il motivo della discussione con Horace?» chiesi, lanciando un'altra occhiata sconsolata all'adorabile dea adolescente alle mie spalle mentre mi allontanavo da lei.

“Oh, è stupido, ma anche tragico. Si piacciono davvero, ma lei stava cercando di fargli capire che voleva una relazione fisica e le cose si sono bloccate. Si scopre che ha dei problemi, uh, "alzare la bandiera" se capisci cosa intendo. È troppo imbarazzato anche solo per provare qualcosa con lei. Anche se lei gli aveva detto che non le sarebbe dispiaciuto se non avesse funzionato. Immagino che il suo orgoglio sia troppo da digerire. Si è arrabbiata davvero perché non ci ha nemmeno provato e ora non si parlano più.

“È dura. Sono sicuro che si vergogni terribilmente del problema. Dopotutto, mina totalmente la tua mascolinità. Tremavo al pensiero di come sarebbe stata la mia vita se non fossi riuscito ad alzarmi.

“Ma non dovrebbe provarci? Voglio dire, cosa ha da perdere?»

"La sua dignità", dissi. “E l’ultimo briciolo di speranza che potesse esibirsi. Almeno in questo momento può immaginare che potrebbe farcela in caso di difficoltà. Se prova a farcela con Patricia e non ci riesce, viene umiliato davvero. L’ansia da prestazione sarebbe subentrata e non l’avrebbe mai superata.

"Immagino", disse dubbiosa. "Sembra ancora un peccato."

“Penso che l’unica situazione paragonabile per una donna sarebbe scoprire di non poter avere figli. Sembrerebbe che ti sia stato semplicemente tolto il motivo principale per cui sei stato. So che non è vero in entrambi i casi, ma sicuramente deve sembrarlo.

"Hmmm", rifletté, ma non rispose.

A questo punto eravamo arrivati ​​al rifugio. Ho salutato Patricia, che in effetti sembrava un po' imbronciata, mentre io e Janie ci sedevamo. Ho cercato di distrarla dai suoi problemi e ho tentato di capire dal suo accento dove fosse nata. Immaginavo il Massachusetts, ma lei scosse la testa, l'ombra di un sorriso che le abbelliva il bel viso.

“Sono nato nel Maine e sono cresciuto lì fino all'età di 18 anni. Ho avuto un'infanzia fantastica. Ero un appassionato velista e in realtà ho vinto un paio di regate a livello locale. Alla fine ne ho avuto abbastanza del nostro angolo freddo e nebbioso del mondo e ho deciso di uscire da solo dopo il liceo.

“Ho trovato lavoro come equipaggio su uno yacht a vela per questo ragazzo ricco che trascorreva l'estate a Kennebunkport. Non mi sto vantando, ma a quei tempi non era un'impresa da poco per una ragazza. Ma ero bravo e di bell'aspetto, quindi questo mi ha aiutato. Quelli erano i giorni", sospirò.

"Ho una notizia per te, signora", dissi. "Sei ancora bello." E lo intendevo davvero. Non ero sicuro di quanti anni avesse, ma dato che aveva i capelli grigi, ho pensato che dovesse avere circa 60 anni. Tuttavia, non lo diresti dal suo viso, dal momento che aveva una struttura ossea eccezionale e un corpo robusto, ha un aspetto da vita all'aria aperta, con la pelle abbronzata e rughe agli angoli degli occhi appena sufficienti per darle carattere. I suoi capelli le stavano bene; se l’avesse colorato penso che sarebbe sembrato finto, come se stesse cercando di essere qualcosa che non era. Era ondulato e abbastanza corto. Il suo taglio deve essere stato ben pianificato, perché anche dopo quasi tre settimane sull'isola sembrava ancora elegante.
Anche il suo corpo era fantastico: magro, atletico e muscoloso, con un'eccellente definizione muscolare e nessuna ciccia o tremolio visibile. Speravo di essere in buona forma anche alla sua età.

La mia sincerità, senza dubbio accentuata dalla rapida occhiata che le avevo appena rivolto, doveva essere stata ovvia, perché lei sorrise brillantemente e sembrò rilassarsi un po'. Forse aveva nutrito la fastidiosa sensazione che Horace avesse rifiutato le sue avances perché non era abbastanza attraente. Avrei potuto assicurarle che era improbabile. I suoi gelidi occhi grigi, che ora brillavano di divertimento, mi scrutarono dal suo naso patrizio, e io ricambiai il suo sorriso.

"Allora dove sei andato?" chiese Janie incuriosita.

"Oh, dove non siamo andati?", disse. "Vediamo. Per prima cosa abbiamo trascorso un po' di tempo ai Caraibi. Abbiamo svernato a Mustique e siamo rimasti per un paio di mesi in primavera finché il proprietario non ha potuto prendersi un'altra pausa dai suoi affari e tornare per godersi un po' di isola in isola. Poi ci fece salpare per il Mediterraneo, mentre lui tornò negli Stati Uniti per alcuni mesi. Ho avuto modo di sperimentare l'Italia, la Grecia e anche Cipro. Tra una visita e l’altra non dovevamo fare altro che fare a turno per la manutenzione dello yacht. Quindi abbiamo avuto molto tempo libero.

“Ho avuto qualche avventura con alcuni membri dell'equipaggio e con un paio di ragazzi del posto, scuri e meditabondi. È stato un momento fantastico per una giovane donna senza attaccamenti o preoccupazioni. L'inverno successivo dovevamo avere la barca alle Fiji, così avrebbe potuto esplorare il Pacifico meridionale quando ne avesse avuto voglia. In realtà siamo stati lì per più di un anno, perché continuava ad andarsene e a tornare. Amava davvero quel posto. L'ho fatto anch'io. È magico. Qualcuno di voi ci è mai stato? Tahiti? Bora Bora? Moorea?»

"No", ho detto.

Janie acconsentì. "Sembra meraviglioso, però", disse malinconicamente.

"Lo era", ha detto Patricia, ricordando. “Tanto che quando lo yacht se ne andò a fine stagione, io rimasi indietro. Trovai lavoro presso una compagnia di charter e navigai per le isole per i successivi due anni."

"Sembra fantastico!" disse Janie. “Sono così geloso di come hai seguito i tuoi sogni in quel modo.
Sono stato fuori dagli Stati Uniti solo una volta prima, ed è stato a Cancun.

"Sei ancora giovane", disse la donna più anziana con un sorriso. "E stiamo vivendo un'avventura davvero straordinaria in questo momento."

"Immagino che tu abbia ragione", disse Janie, afferrandomi il gomito e tenendolo stretto a sé. “Ho detto a Dave che, per quanto stressante sia stato tutto questo folle viaggio, non stiamo poi così male qui. Sono quasi felice che sia successo”.

“Allora quando hai deciso di diventare assistente di volo?” Ho chiesto.

“Dopo un paio d’anni la compagnia di charter ha chiuso i battenti a causa di una cattiva gestione. Un mio amico pilota mi ha reclutato per fornire il servizio di cabina per una piccola compagnia aerea tra le isole. Erano tutti aerei a elica; anche alcuni idrovolanti. L’ho fatto per circa un anno, poi ho deciso che mi mancavano gli Stati Uniti. Alcuni dei miei contatti nella comunità dei voli mi hanno messo in contatto con uno dei principali vettori a casa, e da allora faccio così. Mi piace perché posso scegliere i miei percorsi e posso vedere il mondo e incontrare nuove persone.

“Ti dà fastidio non avere radici da nessuna parte?” chiese Janie.

"Non proprio. Ogni tanto visito ancora la mia città natale. Da quando i miei genitori sono morti, in realtà possiedo la casa nel Maine in cui sono cresciuta. Ci sono ancora persone lì che mi conoscevano quando ero piccola. Mi bastano le radici.”

"Sei una donna davvero straordinaria, Patricia", le ho detto. “Sempre alla ricerca della prossima frontiera.”

“Questo non lo so, ma ultimamente ho pensato a una frontiera”.

"Che cos'è?"

“Voglio provare a costruire un'attrezzatura a vela per la zattera. Alla fine potremmo costruire una piroga a vela, ma sarebbe molto lavoro. Immagino che potremmo attrezzare alcune vele per la zattera molto più facilmente ed esplorare la zona.

"Sembra un'ottima idea!" Janie era entusiasta.

"Sono d'accordo", le ho detto. “Ricordo di aver visto una macchia all’orizzonte dalla cima della montagna e di aver pensato che potesse essere un’altra isola. Se avessimo una barca solida, scommetto che potremmo arrivarci.

"Prima di tutto", ha avvertito. “Dobbiamo esercitarci a costruire le vele e farle funzionare sulla zattera. Una volta che lo avremo giù, magari circumnavigheremo l’isola, poi potremo pensare a una vera barca”.

"D'accordo", dissi.

"Come faremo a costruire le vele?" chiese Janie, con un'espressione concentrata sul viso.

"Come fanno i polinesiani", rispose Patricia. "Stuoia di Pandanus."

"Che cos'è?" chiesi, non conoscendo il termine.

"Le palme che usavamo per coprire le capanne", rispose. “Possiamo intrecciare strisce di foglie per creare stuoie e poi cucirle insieme per formare vele. So come farlo. Ero in un tradizionale circolo velico delle isole. Abbiamo realizzato le nostre barche da zero e le abbiamo fatte correre da un'isola all'altra.

"È fantastico", ha detto Janie. “Possiamo avere un’intera flotta!”

"Una barca alla volta, ammiraglio Scarlatti", ho riso. "Ho la sensazione che ci voglia molto lavoro per costruire una barca da zero."

"Sì", concordò Patricia. “Ma abbiamo molte persone con molto tempo a disposizione. Saresti sorpreso di quanto velocemente andrà.

«Va bene, è sistemato», disse definitivamente Janie. «Domani inizieremo a montare alcune vele, così potremo preparare la zattera per la navigazione il prima possibile.»

Evidentemente i cuochi avevano finito di mangiare il pesce, perché sentimmo suonare la campana della cena e ci alzammo in piedi. Patricia le augurò la buonasera e si diresse verso la sala mensa con un rinnovato senso di scopo e un comportamento molto migliore rispetto a un'ora prima.

"È davvero emozionante", ha detto Janie. “Non vedo l’ora di realizzare l’intero progetto della barca. Penso che parlerò con Dkembe della cancellazione delle lezioni accademiche per un paio di giorni in favore di un po' di lavoro pratico su strumenti, edilizia, fabbricazione di vele e costruzione di barche. Coinvolgeremo tutta la comunità”.

"Suona bene. Ma ho pensato che dovremmo tenere anche un corso di educazione sessuale. Visto il modo in cui stanno andando le cose qui, avremo un sacco di adolescenti incinte se non insegniamo loro un comportamento responsabile. L'ho guidata verso il cibo mentre lei annuiva. “Ora mangiamo. Ho fame e ho molte cose da raccontarti di prima."

"Se si tratta della gara sulla spiaggia per nudisti", ha detto con un sorriso, "ne ho sentito parlare."

“In parte è questo, ma anche altre cose. Penso che ti divertirai." Ora avevo il suo interesse e mi ha assillato perché glielo raccontassi mentre andavamo a prendere il cibo, ma l'ho fatta aspettare. Invece ho insistito affinché sedessimo con gli africani. Chiacchieravamo di cose insignificanti mentre mangiavamo la zuppa di pesce e un po' della focaccia di Onyeka.

Alla fine ho fatto lo sforzo di imparare i nomi dei bambini. I due di Onyeka erano Kgalefa, il ragazzo, e Boitumelo, la ragazza.

"I nomi significano 'coraggioso' e 'gioia' in inglese", mi ha informato.

"È bellissimo", ha detto Janie. “Vorrei che avessimo nomi più descrittivi in ​​America. Non riuscivo a nominare Jared in alcun modo là fuori. A quel punto ero fuori dalla comune e pensavo che avrebbe potuto essere preso in giro se si fosse chiamato "Moonchild" o qualcosa del genere.

“Il mio ragazzo è Tau, ‘il leone’”, ha detto Falani con orgoglio. “E mia figlia è Tapiwa, che significa ‘regalo’.”

Mi sono chinato per scrutare il bambino sorridente, che sbirciava da dietro sua madre. “Sei un leone, ometto? Puoi ruggire?"

Emise un piccolo ringhio spaventoso, facendo ridere l'intero gruppo. Gli ho dato il cinque.

"Carino! Penso che così spaventeresti tutti gli animali di notte." Mi sono rivolto alla bambina, che aveva il pollice in bocca. “E tu sei certamente un regalo meraviglioso per tua madre. Capisco perché ti ha chiamato così." La timida ragazza nascose il viso nella gonna di sua madre, ma non prima che un grande sorriso le spezzasse il volto scuro.

Abbiamo parlato ancora un po' con loro nel corso della serata, poi le due mamme si sono alzate dicendoci che dovevano preparare per andare a letto i loro piccoli sbadiglianti. Abbiamo augurato loro la buonanotte mentre loro, Dkembe e Adede tornavano al loro rifugio. Janie ha convinto Dkembe ad approvare i cambiamenti nel programma scolastico per i prossimi giorni prima che se ne andasse.

Ora che eravamo soli, ho potuto aggiornare Janie sugli eventi di prima. Discutemmo della straordinaria gara che ci eravamo persi entrambi e la confrontammo con quella a cui avevamo assistito al campo di hockey su prato. Un coro di risate infantili e urla di gioia ci interruppe, e guardammo dall'altra parte della sala mensa verso l'altro gruppo rimasto lì dopo il pasto serale.

Un gruppo di ragazze adolescenti, composto da membri della squadra di cheerleader, della squadra TKD e di giocatori di hockey su prato, erano immersi in una discussione animata. Mentre continuavano con le loro voci eccitate divenne evidente che stavano discutendo anche degli eventi della mattinata.

Janie mi ha sorriso. “Quella gara ha sicuramente entusiasmato i nostri giovani amici laggiù. Scommetto che se ti trovassi in mezzo a quel gruppo in questo momento ti attaccherebbero."

Quel pensiero mi ha dato una bella scossa! Sotto l'influenza di una breve visione del mio corpo nudo che veniva violentato da un branco di ragazze adolescenti arrapate, il mio uccello dormiente ha finalmente iniziato a muoversi dopo la siesta pomeridiana.

Janie deve aver intuito la direzione dei miei pensieri, perché ha detto: “Ti fa andare su di giri? Posso andare lì e dire loro che ti affido alla loro custodia. Pagherei un sacco di soldi per vederli mentre provano contro di te.

Stavo sudando un po' ormai. “Uh, forse non adesso. Potrebbe sembrare un po' eccessivo. Non voglio spaventarli e far loro pensare che sono una specie di mostro.

“Non mi preoccuperei di questo. Li ho sentiti parlare di te. La maggior parte di loro impazzisce per quel tuo grosso cazzo. Non stanno restringendo le viole.

"Ci penserò. Volevo finire di raccontarti il ​​mio pomeriggio. Poi l'ho intrattenuta con la storia delle due hostess arrapate e del divertimento che avevamo avuto nella radura.

"Oh cavolo, che caldo", sussurrò. "Chi è la nuova Jill che ha avuto una vena così brutta?"

"Lo so", concordai. “Le piace davvero un po' di dolore insieme al piacere. Mi sono sorpreso di esserne coinvolto tanto quanto ho fatto.

“Eh, abbiamo tutti un po’ di aggressività dentro di noi. Trovare un modo sano per sfogarlo fa bene”.
Ho poi continuato a narrare gli eventi in acqua dopo la mia sessione con Sharon e Jill, culminando con noi che guardavamo Alison e John che si rompevano il cervello sulla spiaggia.

"Merda, Dave", disse. "Penso che saresti pronto per un po' di figa adolescente, dopo tutto questo."

"Beh, avevo bisogno di un po' di tempo per ricaricarmi, ma devo dire che raccontartelo ha sicuramente reso di nuovo felice il signor Happy." Lei ridacchiò, allungandosi verso il mio grembo per confermare il suo stato.

"Se lui è felice, sono felice", disse con voce gutturale. Ero sul punto di dimenticare i ragazzi vicini, scivolando nelle profonde pozze degli occhi di Janie e immaginando una serata di divertimento a venire, quando un applauso particolarmente forte è esploso dalle ragazze.

Abbiamo guardato oltre per vedere quale fosse il trambusto e abbiamo visto che Tran era arrivato, portando un fascio di erbe per le scorte di cibo. Avevo sentito che lei, Truk, Anjali e Gabrielle avevano accettato di essere i prossimi cuochi. Doveva aver raccolto alcune provviste a lei familiari per il nostro prossimo pasto.
"Ecco che arriva Tran, il campione!" Ho sentito Hannah urlare. Le altre ragazze iniziarono il coro e la magra donna vietnamita sembrava un po' imbarazzata, ma compiaciuta, per l'accoglienza che stava ricevendo. Lei e sua figlia erano state abbastanza silenziose e senza pretese per tutto il tempo che avevamo trascorso sull'isola fino a quel momento, e penso che fosse un po' sorpresa di essere improvvisamente oggetto di attenzione. Tuttavia sorrise e sembrò sfruttare al massimo la sua ritrovata popolarità.

"Ciao, signore", disse con la sua voce dolce. "Come stai stasera?"

"Siamo fantastici!" Ho sentito dire a Yasmine. “Ma saremmo ancora più fantastici se ci dicessi come prenderci cura dei ragazzi come fai tu. Potremmo convincerli a fare qualsiasi cosa per noi se avessimo capacità come le tue."

"Sì", concordò Kaitlyn. “Qual è il tuo segreto? Ho sentito che Stu è esploso in un minuto esatto."

“Più o meno due minuti. Non è un ragazzino per essere così facile", rispose la donna asiatica con un sorriso, riponendo le sue scorte di cucina attorno al pozzo del fuoco per il giorno successivo.

"Puoi insegnarci come farlo?" Dico una voce decisamente più giovane. Ho lanciato un'occhiata alla folla di ragazze e ho fatto un doppio giro quando ho visto Mackenzie tra loro, fare la domanda.

Janie deve aver pensato come me, perché mormorò: “Bene, ce n’è una che vuole iniziare presto con i ragazzi. Immagino che il piccolo antipasto che hai condiviso con lei abbia stuzzicato il suo appetito per altro.

Non ho risposto; Ero paralizzato dall'idea dell'adorabile giovane Mackenzie che accarezzava lentamente il mio cazzo rigido fino all'eiaculazione mentre mi fissava con i suoi occhi blu fiordaliso. Oh cavolo, non sarebbe già qualcosa! La mia mente modificò leggermente la visione, rendendola nuda, e il pensiero del suo corpo nudo e arrapato davanti a me, tirato fuori dal ricordo dell'unica volta in cui l'avevo vista nuda, rese il signor Happy molto felice, davvero.

"Nessun ragazzo con cui insegnarti", disse Tran in tono pratico, facendo gemere le ragazze.

"Possiamo trovare qualcuno", disse Missy. "Non è un problema."

"Penso che potrei avere un candidato", gridò loro Janie.

"Cosa fai?" sibilai, sentendomi come se stessi per essere gettato nella fossa dei leoni.

«Ti aiuto a toglierti la testa dal culo», mormorò. "Tu sai che lo vuoi; sei semplicemente troppo idiota."

Beh, su questo non aveva torto. Certamente ho avuto un'erezione lunga un miglio al momento.

"Ehi, c'è Dave!" gridò Toni. "Puoi usarlo." Ero un po’ sorpreso e gratificato dal fatto che avesse superato la paura degli uomini così in fretta. Immagino che si sentisse ben supportata nel mezzo di questa piccola sorellanza arrapata.

"Sì, usiamo Dave!" Kaitlyn acconsentì con un sorriso.

"Non so se voglio essere usato, signore", dissi con finta indignazione. "Potrei offrire volontariamente i miei servizi, ma non trasformarmi in un oggetto, ferisce i miei sentimenti."

Ashley e Lily soffiavano pernacchie simultaneamente mentre il resto delle ragazze scoppiava a ridere. "Oh, andiamo, sul serio?" disse Hannah con un sorrisetto. “Ormai ti conosciamo abbastanza bene. Sei un arrapato terminale e sappiamo che ti piacciono le ragazze più giovani."

"Beh, è ​​una descrizione piuttosto concisa, Dave", disse Janie con un sorriso. "Sembra che ti abbiano conosciuto bene nelle ultime tre settimane."

"Basta parlare!" urlò Kaitlyn. "Vogliamo vedere il cazzo!"

Tutte le ragazze iniziarono ad applaudire e anche Janie si unì a loro. Mi guardai intorno con disagio. Eravamo nel bel mezzo del campo e non volevo diventare uno spettacolo per l’intera comunità. Fortunatamente, la pila di provviste accanto al fuoco ha bloccato le nostre attività in metà dei campeggi. Spero che le ragazze riunite mi proteggano dal resto.

"Toglitelo!" gridò Lily.

"Sì!" concordò Ashley. "Andiamo!"

Lanciai un'occhiata accigliata a Janie. “Non posso credere che tu mi abbia coinvolto in questa cosa. Qualunque cosa ti insegni, mi aspetto che tu la ripeta su richiesta per la prossima settimana.

Lei rise graziosamente. “Va bene, Dave. Qualsiasi cosa tu dica. Togliti i pantaloni e basta.

Ho guardato Tran, che mi stava fissando con un'espressione divertita. "Ti va bene?"

“Questo è quello che faccio tutto il giorno a casa. Funziona meno perché non devo prima fare il massaggio. Questa è la parte facile. Voi uomini... siete così facili. Mi limito a strofinare, strofinare, strofinare e boom! Via, vai. Non ci vuole assolutamente tempo.

“Strofina, strofina, strofina, boom. Se lo dici tu." Ho guardato il semicerchio di ragazze arrapate davanti a me, facce selvagge alla luce delle torce. "Non posso credere che lo sto facendo", mormorai tra me e me e mi tolsi i pantaloncini.

"Woo-hoo!" - gridò Hannah, e il suo grido fu ripreso in diverse varianti dalle altre ragazze. Devo ammettere che a quel punto avevo un'erezione assolutamente mostruosa, duro come la roccia e proteso nell'aria notturna come una lucertola predatrice. L'aria notturna era corroborante sul mio cazzo nudo, e gettai indietro le spalle e mi alzai in piedi. Inutile essere timidi, pensai. Potrebbe anche mostrare un po' di fiducia.

Tran stava accanto a me e si rivolgeva ai suoi studenti. “Agli uomini piace vedere una donna nuda. Se vuoi farlo arrapare di più, togliti i vestiti. Ma puoi farlo sparare anche senza essere nudo.

"Prima di tutto, sii davvero gentile." La sua piccola mano mi accarezzò leggermente il cazzo, la sensazione mi fece immediatamente venire la pelle d'oca. Le sue dita agili solleticarono la parte inferiore della mia asta e circondarono delicatamente il mio elmo. Ho guardato gli spettatori, le ragazze si concentravano rapite sul mio johnson. Dave, stai ricevendo una sega professionale davanti a un gruppo di ragazze adolescenti. E un dodicenne! Quanto è surreale tutto ciò? Quanto cazzo è caldo? La consapevolezza di quello che stava succedendo era quasi altrettanto eccitante quanto la mano ora avvolta intorno al mio cazzo.

"Quando lo fai tremare, diventi un po' più forte con la mano."
La piccola donna vietnamita non ha perso tempo nel fare proprio questo. La sua mano afferrò il mio pene più saldamente e iniziò a strattonarmi in modo più aggressivo. Il suo polso ha dato una piccola torsione nella parte superiore dell'arco del suo movimento, e la stimolazione extra che ha fornito si è rivelata davvero molto efficace.

"Non hai bisogno di lozione o qualcosa del genere?" chiese Kaitlyn, con gli occhi spalancati alla luce del fuoco, le pupille dilatate in enormi pozze nere. Le sue guance erano arrossate e sembrava che da un momento all'altro potesse balzare sul mio Peter e divorarlo.

"Olio o lozione vanno bene se vuoi che duri", rispose Tran. “Allora tutto è molto fluido e puoi andare piano, facendogli implorare la fine. Ma stasera ti mostrerò solo come farlo venire velocemente.

La sua mano adesso era sfocata e si muoveva su e giù per la mia rigida virilità come una macchina. Il suo dito indice ora cominciò a scivolare sul suo glande sensibile a intermittenza, con un ritmo irregolare che mi faceva battere forte il cuore in attesa mentre cercavo di prevedere il prossimo colpo sensuale.

“A volte ti fermi e giochi con la mancia; gli piace." Ha smesso di sussultare freneticamente, con mio grande sgomento, ma presto non mi importava più. La sua mano sollevò il mio prepuzio più in alto che poteva sopra la mia testa di cazzo. "Fai questo e lui si avvicina a soffiare." Si infilò un dito in bocca, bagnandolo, poi lo fece scivolare tra il mio prepuzio e il glande, facendolo roteare avanti e indietro, solleticando senza pietà i tessuti ultrasensibili.

"Oh, cazzo", gemetti. Molte ragazze ridacchiarono, ma nessuna disse nulla. Erano ipnotizzati dall'azione e potevo vedere Hannah e Ashley già massaggiarsi i genitali. Lily si stava accarezzando le piccole tette, i suoi capezzoli spuntavano in modo seducente attraverso il tessuto sottile della sua maglietta. Lo spettacolo era così erotico che sentivo già le mie palle stringersi. Oh, no, non lo farai, mi sono detto. Aspetta, Dave. Sii forte. Non sparare come un adolescente. Ho stretto i denti e ho giurato che non avrei reso le cose facili per Tran. Per qualche motivo per me era importante sopravvivere a Stu. Ripensai alla giornata trascorsa nella radura con Anjali e sentii la sua voce echeggiare nella mia testa. Controlla il tuo respiro, padron Connor. Rallenta la frequenza cardiaca. Dentro e fuori, come le onde che si infrangono dolcemente sulla sabbia.

Ho fatto un respiro profondo e l'ho lasciato uscire lentamente. Ingresso-2-3-4, Uscita-2-3-4-5-6-7, Tieni premuto, Ripeti. Ho praticato la mia respirazione meditativa, costringendo il mio corpo traditore a rilassarsi, calmarsi ed esistere nel momento. Ho sorriso quando ho aperto gli occhi e ho fissato quelli di Janie, che mi ha sorriso in modo incoraggiante. Si stava pizzicando leggermente il capezzolo, ovviamente eccitata quanto le altre ragazze. E io, del resto. Mi ha mandato un bacio e le ho fatto l'occhiolino. Avevo il controllo.

È durato circa 10 secondi. Tran tornò a darmi di nuovo uno strattone, la mano che volava su e giù, continuando a torcerla come prima. Poi la sua altra mano ha iniziato a toccarmi le palle. Stava dando alle ragazze una descrizione dettagliata di ciò che stava facendo, ma ero persa in quella sensazione e non avrei potuto ripetere nulla di ciò che aveva detto se la mia vita fosse dipesa da questo. Ho sentito le dita tremolanti sul mio scroto e il mio sedere si è serrato di riflesso. Le sue dita strascicarono leggermente il mio sacco, poi mi tirarono delicatamente i testicoli. Subito dopo li aveva presi in una morsa ed era sul punto di schiacciarli.

La sensazione durò solo una frazione di secondo, poi li solleticò di nuovo leggermente. Ma lei mi aveva completamente fatto perdere il controllo e il mio cuore batteva all'impazzata. Che cazzo era quello? Succederebbe di nuovo? Cristo, quello aveva fatto male. Cosa sarebbe successo dopo? Come un esperto interrogatore, mi stava distruggendo. Ero di nuovo alla sua mercé.

"Sei un testardo", mormorò bonariamente. «Ma ti faccio venire comunque. Vedi."

Le sue mani ora stavano eseguendo una danza complessa sui miei genitali. Prima scivolavano lungo la mia asta, poi mi pizzicavano il prepuzio. Qui una delicata carezza delle mie palle, là una stretta stretta. Mi aspetterei un dito vorticoso sulla mia testa di cazzo e un polpastrello nel mio buco del culo. Prevedendo un chiodo affilato nell'uretra, mi farei invece un massaggio profondo della prostata.

Oh, Gesù Dio! Questa donna era un'artista! Dimenticavo il pubblico degli adolescenti sballati; Avevo dimenticato la presenza solidale di Janie; Avevo dimenticato la spiaggia piena di gente intorno a me. La mia esistenza si è ridotta a un cazzo, due palle e dieci dita. La mia mente girava, il mio mondo si inclinava sul suo asse. Non ne posso più! Ho gridato in silenzio.

Ho aperto gli occhi e ho trovato il mio sguardo bloccato nei profondi occhi blu di Mackenzie. Le sue guance erano rosse e un filo di sudore le brillava sulla fronte liscia. Lo sguardo sul suo viso era intensamente sessuale, più di quanto avrei potuto immaginare da una persona così giovane. Mentre la punta appuntita della sua lingua rosa inumidiva lentamente le sue labbra carnose, alla fine persi il controllo.

Ho urlato e tremato mentre corde di sperma volavano dal mio cazzo, schizzando verso il pubblico. Le ragazze strillavano ed esultavano quando venivano colpite da calde gocce di sperma, e la mano di Tran si stabilizzò in un movimento di mungitura deciso ma delicato mentre mi svuotava sulla sabbia per il piacere della visione degli adolescenti circostanti. Mi sono accasciato contro uno dei pali di sostegno del rifugio, con le ginocchia deboli. Guardavo intorpidito mentre le ragazze ridenti si pulivano le macchie bianco perlacee e i fili della mia eruzione dalle loro gambe, braccia e vestiti, alcune di loro si mettevano l'offerta in bocca. Fissavo avidamente mentre Mackenzie assaggiava un piccolo campione del mio sperma, leccandolo con curiosità dal dito alzato. Ho molto di più da dove viene, le dissi in silenzio. Puoi anche berlo direttamente dalla fonte. Il pensiero di lei che succhiava lo sperma dal mio pene fontana mi faceva quasi venire di nuovo duro, ma non avevo più la sua età; Avevo bisogno di un po' di tempo libero prima di potermi rialzare.

"È così che si fa venire un ragazzo", disse Tran in tono pratico. Le ragazze iniziarono ad applaudire deliziate e iniziarono a parlare tra loro mentre si alzavano in piedi, già progettando di utilizzare la loro nuova esperienza su diverse giovani vittime ignare il giorno successivo.

"Grazie, Tran", disse Janie alla donna vietnamita, che stava leccando alcune gocce vaganti del mio sperma dal dorso della sua mano. "Dave sembra non essere in grado di esprimere la sua gratitudine, quindi lo farò per lui."

"Non c'è problema", disse la piccola donna. “Mi piace segare gli uomini. A volte anche le donne. Gli piace: è un medico, aiuta le persone. È così che aiuto le persone”.

“Ma chi ti aiuta?” le chiese Janie premurosamente. “Forse posso farti un massaggio qualche volta. Magari con il tuo lieto fine?"

"Non mi dispiace affatto", disse Tran, con un sorriso che le increspava il viso da elfo. "Verrai a trovarmi una sera." Mi guardò criticamente. «Porta anche lui. È da molto tempo che non ho un cazzo con gli occhi tondi dentro di me.

Janie ridacchiò e mi trascinò a letto, prendendomi i pantaloncini nel frattempo. Strofina, strofina, strofina, boom davvero, ho pensato tra me e me mentre mi portava via.


Continua....

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.1K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

1.3K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

1.9K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

Contemplando la mia bisessualità???

Non avevo mai pensato a me stesso come Gay o addirittura mi piaceva il pensiero di stare con un uomo. D'altra parte mi piaceva giocare con il mio culo e inserire cose da quando avevo circa 12 anni. Ricordo di aver usato la doccia di mia madre per farmi clisteri da quando ricordo. Crescendo, mi sono ritrovato a usare cetrioli e tutti i tipi di altri oggetti per soddisfare il mio desiderio di avere il sedere aperto. Un giorno di qualche anno fa, dopo aver riflettuto a lungo, decisi di provare qualcosa di nuovo. C'era un medico che lavorava nello stesso...

1.1K I più visti

Likes 0

LA VITA DEI RAGAZZI_(1)

INTRO: Ehi ragazzi, sono Rohan, 16 anni, sono alto esattamente 5 piedi e 10 pollici, ero un po 'magro in tenera età, ma lo faccio crescere andando in palestra. quindi puoi dire che ho una buona fisica, ho un tono della pelle di tipo abbronzato ma praticamente dalla parte giusta. tutto questo non ho fortuna con le ragazze! dato che aiuto mio padre in negozio, non ho tempo per tutte queste cose. come ogni ragazzo indiano adolescente anch'io ho i miei ormoni al top! come ero vergine! Vivo con mia madre, mio ​​padre e una sorella maggiore Roshni di 17 anni...

735 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.4K I più visti

Likes 0

Raj e Sofia

Sono Raj ancora una volta qui Un giorno ho ricevuto una mail da qualcuno di nome Sophia. Nella posta, ha detto di aver esaminato i miei messaggi e che le è piaciuto molto. Mi ha anche chiesto se sarei interessato a chattare con lei. Inizialmente ero un po' sospettoso a causa della mia esperienza nelle chat room dove ci sono più uomini che si atteggiano a donne che donne reali. Tuttavia, ho risposto a quella mail e ho detto che sarò disponibile online durante le serate. Ho ricevuto una risposta alla mia risposta dopo un paio di giorni dicendomi che Sophia...

2.2K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.5K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.