Il giocattolo dei bidelli

409Report
Il giocattolo dei bidelli

Lexi era una liceale nella squadra di pallavolo della scuola. Si era presentata a scuola in uniforme, nonostante quello che aveva detto sua madre. Il suo culone bianco allungava i pantaloncini da pallavolo e riusciva a malapena a starci dentro, mentre i suoi seni erano delineati dalla maglietta e tutti potevano vederli. Lexi era una ragazza bianca e robusta con un atteggiamento.

Era appena arrivata a scuola quando un insegnante le disse che non poteva uscire con l'uniforme a meno che non si stesse allenando ed era in ritardo per l'allenamento di pallavolo. Proprio mentre stava per allontanarsi, sentì i bidelli neri parlare di lei. Fece finta di non sentirli finché il custode più anziano Phil non disse al custode più atletico Andrew

"Dannazione... è un giorno triste quando una ragazza bianca ha bisogno di un culo finto per competere con le ragazze nere"

Lexi si voltò e disse

"Scusa, ma chi diavolo sei tu per dirlo?"

Phil guardò Andrew ed entrambi sorrisero e si avvicinarono a lei. Phil le si è messo in faccia e ha detto

Phil guardò Andrew ed entrambi sorrisero e si avvicinarono a lei. Phil le si è messo in faccia e ha detto

"Sai che è vero, non è possibile che una ragazzina bianca come te possa avere un culone naturale senza che sia finto"

Poi si abbassò e le afferrò il sedere, facendola sussultare e continuò a parlare

"Ma sembra reale. Cosa ne pensi, Andrew?"

Andrew si fece avanti e allungò la mano per afferrarle anche il sedere, facendola gemere

"Sì, mi sembra reale."

Entrambi la guardarono e sapevano che avrebbero avuto la loro prossima cagna

“Allora che ne dici di venire nel nostro ufficio e mostrarci quanto è REALE quel culo, allora Lexi. Oppure hai paura che sapremo la verità?»

Lexi era furiosa. Questi due vecchi neri la stavano toccando e insultandole il culo. Ma non aveva intenzione di lasciarli passare liscia.

Lei si voltò e disse

"Oh mio Dio, sei dannatamente serio? Sai con chi stai parlando?"

Poi sentì Andrew afferrarla per il braccio e dire

"Sono sicuro che non lo siamo. E francamente, non mi interessa.

Sapevano chi era. Era la figlia di un noto politico razzista della città, ma a loro non importava niente.

"Siamo gli unici a sapere la verità sul tuo culo. E ora che lo sappiamo, abbiamo bisogno che tu scenda con noi nel seminterrato per mostrarci esattamente come sta."

"Va bene, portami laggiù."

Phil rise

"Oh, non è così facile. Non possiamo portarti ovunque. Devi mostrarci che sei disposto a mostrarcelo."

"Cosa vuoi dire? Che diavolo devo fare?"

Phil si chinò e le sussurrò all'orecchio

"Mostraci la tua figa."

Lexi si bloccò. Volevano che mostrasse loro la sua figa?

"Cosa...cosa?"

Phil rise di nuovo

"Abbiamo detto: mostraci la tua figa. Vogliamo vederla, e se vuoi venire nel nostro ufficio, devi dimostrare che sei disposto a fare qualunque cosa. Mostraci la tua figa."

Lexi non voleva. Non voleva mostrare la sua figa a questi uomini neri. Non aveva mai mostrato a nessuno la sua figa prima e non aveva intenzione di iniziare con loro.

Andrew ha iniziato a diventare aggressivo mentre metteva la mano sulla parte posteriore del collo di Lexi, la trascinava in ufficio e la gettava a terra. Andrew e Phil quindi entrano, chiudendo e bloccando la porta dietro di loro mentre torreggiano su Lexi. Andrew poi afferra Lexi e la lancia a terra con forza mentre Andrew sta sopra di lei. Phil poi le afferra le gambe e le allarga mentre Andrew si abbassa i pantaloni, facendo uscire il suo enorme cazzo nero.

Andrew guarda Lexi e chiede

"Allora... sei pronto a mostrarci quella figa o dovremo costringerti?"

Lexi, scioccata dalle dimensioni del suo cazzo, inizia a dire

"Non puoi obbligarmi!"

Questo è quello che volevano sentirle dire mentre Phil le strappa i pantaloncini da pallavolo e Andrew le strofina il suo enorme cazzo nero sul culo grosso e le tiene le gambe aperte. Phil poi si sposta sul suo viso e le tiene le braccia in posizione, con il rigonfiamento del suo enorme cazzo che si sfrega contro la sua piccola bocca. Andrew poi infila il suo cazzo nella sua figa, facendola sussultare e cercando di lottare, ma senza fortuna mentre Phil si apre i pantaloni, facendo uscire il suo cazzo da 10 pollici, le infila il cazzo in bocca e la costringe a vomitare e fare gola profonda. lui.

Lexi osserva con orrore i due uomini neri più anziani che la violentano nel loro ufficio. Piange e urla, ma sono attutite dal cazzo di Phil che le è in gola. La sua mente si svuota mentre continua a essere violentata dai due uomini. Continuano a violentarla, ad usarla e a scoparla per ore. Dopo quella che sembra un'eternità, dice Andrew

"Fanculo questa figa, è incredibile! Non posso credere che sia vergine! O era vergine!" Ride mentre Phil tiene in mano un telefono e registra tutto.

Continuarono a scoparla per ore, senza preoccuparsi se le piacesse o no. Dopo qualche altra ora, finalmente si fermarono, uscendo da lei e guardandola. L'espressione facciale di Lexi era quella di pura lussuria. Ne amava ogni secondo mentre la sua mente innocente veniva spezzata da loro. Lei giaceva lì in una pozzanghera composta dalla sua bava, dal suo sperma e dal loro pre-sborro. Phil poi le tirò la testa verso di lui e le costrinse il cazzo in gola.

"Ti è piaciuto, cazzo, non è vero, piccola troia bianca?"

Andrew e Phil ridevano mentre continuavano a violentarla e a scoparla, e lei continuava ad amarne ogni minuto. L'hanno sollevata in aria mentre la scopavano, tirandola e spingendola giù dai loro cazzi. La usavano e la trattavano come una puttana e lei lo adorava.

Dopo ore di uso e abuso, finalmente entrarono dentro di lei. Andrew e Phil riempiono la figa e la bocca di Lexi con il loro sperma. La lasciarono a terra, perdendo sperma da entrambi i buchi mentre accendevano una sigaretta ciascuno e fumavano.

Lexi ora era a pezzi e sarebbe diventata il loro giocattolo del cazzo ogni volta che avessero voluto. Diventerebbe dipendente dai cazzi neri e bramerebbe il loro sperma. Li implorerebbe di scoparla e farebbe qualsiasi cosa dicessero. Sarebbe diventata una vera e propria troia sottomessa per loro e loro lo sapevano. Diventerebbe dipendente dai loro cazzi e desidererebbe il loro sperma.

Avrebbe fatto qualsiasi cosa per renderli felici. L'avrebbero scopata quando e dove volevano e lei ne avrebbe amato ogni secondo.

Sarebbe la loro puttana. E lei lo adorava.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.1K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

1.3K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

1.9K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

Contemplando la mia bisessualità???

Non avevo mai pensato a me stesso come Gay o addirittura mi piaceva il pensiero di stare con un uomo. D'altra parte mi piaceva giocare con il mio culo e inserire cose da quando avevo circa 12 anni. Ricordo di aver usato la doccia di mia madre per farmi clisteri da quando ricordo. Crescendo, mi sono ritrovato a usare cetrioli e tutti i tipi di altri oggetti per soddisfare il mio desiderio di avere il sedere aperto. Un giorno di qualche anno fa, dopo aver riflettuto a lungo, decisi di provare qualcosa di nuovo. C'era un medico che lavorava nello stesso...

1.1K I più visti

Likes 0

LA VITA DEI RAGAZZI_(1)

INTRO: Ehi ragazzi, sono Rohan, 16 anni, sono alto esattamente 5 piedi e 10 pollici, ero un po 'magro in tenera età, ma lo faccio crescere andando in palestra. quindi puoi dire che ho una buona fisica, ho un tono della pelle di tipo abbronzato ma praticamente dalla parte giusta. tutto questo non ho fortuna con le ragazze! dato che aiuto mio padre in negozio, non ho tempo per tutte queste cose. come ogni ragazzo indiano adolescente anch'io ho i miei ormoni al top! come ero vergine! Vivo con mia madre, mio ​​padre e una sorella maggiore Roshni di 17 anni...

735 I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.4K I più visti

Likes 0

Raj e Sofia

Sono Raj ancora una volta qui Un giorno ho ricevuto una mail da qualcuno di nome Sophia. Nella posta, ha detto di aver esaminato i miei messaggi e che le è piaciuto molto. Mi ha anche chiesto se sarei interessato a chattare con lei. Inizialmente ero un po' sospettoso a causa della mia esperienza nelle chat room dove ci sono più uomini che si atteggiano a donne che donne reali. Tuttavia, ho risposto a quella mail e ho detto che sarò disponibile online durante le serate. Ho ricevuto una risposta alla mia risposta dopo un paio di giorni dicendomi che Sophia...

2.2K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.5K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.