Il piano Denny e Devon

163Report
Il piano Denny e Devon

Strano come non sai mai veramente cosa ti aspetta la notte. Faccio la stessa cosa ogni fine settimana, io e Dennis passiamo la serata fuori ogni fine settimana, di solito andiamo nello stesso club, Level Down. Dennis ci provava con alcuni baristi, a volte mi univo a lui, li portavamo fuori, li sbattevamo e non li vedevamo mai più. Questo è il piano, il piano Denny e Devon.
Siamo andati come al solito al Level Down, indossando le nostre giacche di pelle nera abbinate, i capelli in testa e la nostra solita spavalderia punk rock. Siamo entrati al Level Down, Denny prende il suo solito posto al bar, io mi siedo al tavolo e ho un bell'aspetto come al solito. Ashley, la solita barista si avvicina a me, sa già di cosa sto parlando. Ashley si sedette di fronte al mio tavolo e intrecciò le dita tra i suoi capelli biondi ondulati. Ashley era sexy e alta, lunghi capelli biondi, un bel portamento con scollatura chiaramente visibile dal suo top scollato. Mentre si siede accavalla le gambe, non rivela tutto nei primi tre minuti, anche se sa che ho indossato quella minigonna. Le sue labbra scarlatte si curvarono in un sorriso che conosco molto bene e osservai la sua mano gentile scivolare sulla superficie del tavolo per tenere la mia.
"Ehi Devon" disse infine.
"Ehi Ash" dissi, adattandomi al suo tono di voce.
"Mi sento sola" disse, guardando attraverso i capelli che le coprivano la fronte.
Ho sorriso, Lei sa che so cosa significa, e ho distolto lo sguardo dai suoi occhi per sbirciare il bar, Sembrava che Denny stesse chiacchierando con una rossa dall'aria troia, quindi non c'è bisogno di me qui adesso, io', certo che potrei passare un po' di tempo da solo con Ashley.
“Bene ti terrò compagnia” dissi.
Mi ha rivolto il suo sorrisetto seducente e sornione. “Vado a prendere, il mio turno finisce tra dieci minuti.”

E così lei lasciò andare la mia mano e si chinò lentamente, si voltò e si avviò verso la porta accanto al bar, il suo culo rotondo tremava da una parte all'altra mentre camminava, ed era sempre piacevole da guardare. Mentre aspettavo che la mia scorta finisse il suo turno, mi guardai intorno nel club affollato, ma dopo poco il mio sguardo fu catturato da un'altra persona in un tavolo vicino. Aveva capelli ramati relativamente corti, ombretto nero e rossetto nero. Abbiamo stabilito un contatto visivo mentre sorseggiava il suo martini, non ho potuto fare a meno di notare quanto fossero snelle le sue curve, si è appoggiata allo schienale della sedia e il suo petto era pronunciato attraverso la giacca dal top a rete che indossava. Aveva la pelle chiara ed era molto attraente, e dopo aver bevuto l'ultimo sorso di martini ha increspato le labbra verso di me in modo scherzoso. Inutile dire che la volevo, e lei ha spezzato il mio sguardo una volta che ha chiuso gli occhi e si è alzata, si è girata e si è incamminata verso la pista da ballo, probabilmente l'avrei persa in mezzo alla folla di persone quindi mi sono alzata e l'ho seguita. Camminò dritta attraverso tutti quei corpi danzanti e senza volto e io la seguii, tenendomi a distanza perché non mi notasse, quando raggiunse la fine della pista da ballo e attraversò l'altro lato, aprì una porta e si guardò indietro . Mi notò sul bordo della pista da ballo, mi sorrise e attraversò lentamente la porta, chiudendola. Questo era fondamentalmente un invito, e mi ero quasi dimenticato di Ashley, quindi ho seguito questa nuova, misteriosa donna attraverso la porta nera da cui è entrata. La stanza era nera come la porta che la isolava, e non potevo vedere le mie mani nemmeno se le avessi messe a un centimetro dal viso, ma dall'oscurità venne la voce più melodiosa che le mie orecchie avessero mai sentito quando diceva . "Chiudi la porta."

Mentre mi allungavo dietro di me per fare ciò che la voce chiedeva, ho sentito un paio di piccole mani agganciarsi al mio petto ed esplorare il mio corpo, poi ho sentito un paio di labbra cercare il mio collo e correre dal collo alla mascella poi giù fino alle clavicole. Rimasi lì, immobilizzato dalla pura gioia mentre lasciavo che l'essere invisibile di fronte a me facesse ciò che voleva. Presto, quando sono diventato più consapevole del mio stupore indotto dal piacere, ho ripreso il controllo del mio corpo e ho avvolto le mie braccia attorno al piccolo essere di fronte a me. Le ho fatto scorrere la mano sulla schiena finché non ho potuto sentire il bordo dei suoi capelli corti, e ho tirato indietro delicatamente la sua spalla in modo che le mie labbra potessero incontrare le sue. Mentre baciavo quelle labbra morbide e dolci, le mie mani si sono fatte strada attorno al suo corpo verso il davanti e hanno afferrato la sua giacca, quando se ne è accorta, ha appoggiato le braccia indietro, rendendomi facile sfilare il cappotto le sue braccia e sul pavimento. In cambio, ha fatto lo stesso con la mia giacca e dopo che me ne sono liberata, le mie mani sono tornate al suo corpo e hanno palpato il tessuto a rete che copriva la sua pelle irresistibile. La mia mente lussuriosa ha deciso di spostare la mia mano dal suo stomaco e su uno dei suoi seni pieni, e mentre ciò accadeva, le sue labbra aprirono le mie e potevo sentire il gemito più morbido e lungo emesso da quelle labbra appena aperte mentre il suo respiro mi accarezzava la pelle . La lussuriosa signora poi ha spostato le sue mani sul mio stomaco e poi le ha infilate nella mia maglietta da sotto, facendo scorrere le sue dita peccaminose su tutto il mio petto mentre mi baciava e occasionalmente mi mordicchiava il collo. Nella foga del momento, o non riuscivo a trattenermi, oppure sottovalutavo le mie forze, perché subito dopo avevo strappato il suo fragile maglione a rete dal colletto fino alla pancia, lei aveva afferrato il fondo della maglietta, poi me la sono tolta di dosso e l'ho lanciata da qualche parte dall'altra parte della stanza. Quando le nostre labbra si sono scontrate di nuovo, ho spostato la mano lungo il suo fianco fino al fianco, dove ho realizzato che la gonna era avvolta intorno alla sua vita, ho fatto scorrere le dita lungo il lato finché non ho trovato una chiusura, non mi sono preoccupata di prova ad aprirla, non era il momento di pensare, ho aperto la serratura e la gonna è caduta a terra. Lei gemette di nuovo come me, e mi sbottonò i jeans in modo rude e alla cieca, abbassandoli. Ho messo la mano tra le sue gambe e tutto quello che potevo sentire era umidità, le mie dita avevano trovato la sua fica e giocavo con le labbra mentre lei inclinava la testa all'indietro ed emetteva brevi e piacevoli respiri. Ho lasciato che le mie dita giocassero con la sua fica mentre lei mi faceva scorrere le unghie lungo la schiena, e lei gemeva più forte mentre iniziavo a massaggiarle il clitoride. Ha premuto le sue labbra sulle mie, ero già cresciuto fino alla morbidezza delle sue dolci labbra, e non volevo lasciarle, così mentre ci baciavamo le ho abbassato le mutandine e lei le ha calciate via. L'ho sollevata e lei mi ha avvolto le gambe attorno, e ho premuto la sua schiena nuda contro il muro senza interrompere il nostro dolce bacio. Le nostre labbra si erano finalmente aperte mentre lei toglieva il mio cazzo duro e volenteroso dai boxer e lo premeva contro la sua fica bagnata e implorante, muoveva i fianchi e li strofinava contro i miei. Non volevo più provocarla, la volevo tanto quanto lei voleva me, con un semplice movimento ho fatto scivolare il mio cazzo nella sua fica stretta e bagnata. Inclinò la testa all'indietro ed emise un suono che somigliava a un forte gemito o a un grido sommesso, in ogni caso era pieno di piacere lussurioso, e ne voleva di più. La mia mano si tenne sul suo fianco, tenendola inchiodata tra me e il muro, e mi spinsi dentro di lei rapidamente ma delicatamente. Mi avvolse le braccia attorno al collo e continuò a spingere i fianchi contro i miei. Ho sentito i suoi fianchi sbattere contro i miei, ho sentito le sue pareti umide stringersi sul mio membro, ho sentito il suo grande busto strofinarmi contro il petto, e ho sentito il suo respiro irregolare colpire la mia pelle, il tutto mescolato insieme in quello che potrebbe essere il coito più piacevole che ho mai visto. abbia mai sperimentato. Ho spinto il mio cazzo dentro di lei più velocemente di prima e ho potuto sentire il suo corpo interno contrarsi e pulsare sul mio membro molto felice, mentre continuavo a sbatterla contro il muro mi ha detto la voce piacevole e melodica.
"Oh... oh... sto arrivando!"
Respiro affannosamente e rispondo. "Mm... lo sono anch'io."
Ho sentito una risatina dolcissima seguita da un gemito. "Veniamo insieme.."
Il suo tono di voce era piacevole quanto la sua figa che si stringeva e dopo un paio di spinte e secondi, il movimento divenne orgasmico. Adesso ero sicuro che quelli fossero i gemiti che emetteva in precedenza, perché ora si erano trasformati in dolci urla e la sua fica mi stringeva il cazzo fino a non poterlo più sopportare. Sono arrivato come lei e, un paio di secondi dopo, la dura prova era finita. La mia lussuriosa signora si era allontanata da me e ora si stava rimettendo i vestiti. Ci vestimmo entrambi in silenzio, ma prima di lasciare la scena del nostro rapporto, lei mi avvolse di nuovo tra le braccia e premette nuovamente le sue dolci labbra contro le mie. Ha fatto scivolare la mano nella mia tasca posteriore e mi ha rubato la cintura per tenere la gonna danneggiata intorno alla vita. Poi avvicinò le sue labbra al mio orecchio e sussurrò dolcemente "Se mai ti senti solo..."
Poi si allontanò da me e si diresse verso la porta, l'aprì e mentre tornava nel club finalmente riuscì a vederla di nuovo, era bella come l'avevo vista la prima volta, e prima che fosse fuori dalla mia vista lei si voltò indietro per incontrare i miei occhi e semplicemente sorrise, senza ammiccare, senza arricciare le labbra, semplicemente con un dolce sorrisetto. Mi ci sono voluti un paio di minuti per uscire dalla stanza; Dovevo riprendermi da quello che è stato sicuramente il miglior sesso che abbia mai fatto. Mi sono seduto al bar e ho frugato nella tasca posteriore dei pantaloni. Ho trovato un pezzo di carta strappato con un numero di telefono, la parola "Violet" scritta in corsivo elegante, e premuto sul foglio c'era il contorno delle labbra nere, del suo rossetto. Mentre ammiravo il pezzo di carta, Denny si sedette accanto a me, aveva una notevole quantità di alcol in corpo.
"Allora fratello, come è andata la serata?" Disse, biascicando alcune parole.
Non lo guardavo, i miei occhi erano fissi sul foglio. Violetta, che nome. "Ehh, lo sai." Alla fine ho risposto.
"Dannazione, è vero!" Ha detto, prendendo un drink, che non ne aveva idea.

Poi ho sentito le dita correre sulle mie spalle da dietro, poi alcune labbra sul mio collo. Mi sono guardato alle spalle e c'era Ashley, il suo trucco appena applicato e i lunghi capelli biondi sembravano improvvisamente meno attraenti di quanto ricordassi.
"Pronto ad andare?" Disse con il suo sorriso seducente.
Piegai discretamente il foglietto con la mano destra e lo infilai nella tasca posteriore mentre mi alzavo dallo sgabello del bar.
“Veramente ho una telefonata da fare, buonanotte”

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

BARB, IL MIO TRIO.

In una storia recente BARB, REALIZZARE LE MIE FANTASIE SESSUALI, ho descritto come verso i trentacinque anni ho deciso che avrei realizzato i miei sogni e le mie fantasie sessuali. Il primo passo è stato trovare un nuovo amante. Per caso Zac è entrato nella mia vita, fisicamente attraente, un po' più grande di me, lavoro professionale e, come ho imparato rapidamente, un'erezione spessa venticinque centimetri. Per un periodo di tempo Zac mi ha fatto conoscere una vasta gamma di esperienze sessuali. Masturbazione reciproca, scoparmi mentre un'altra donna guardava, poi sesso lesbico con lei mentre lui guardava. Mi sono divertito due...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.