La mia vita e i miei amori, semestre estivo con Jesse, parte II

411Report
La mia vita e i miei amori, semestre estivo con Jesse, parte II

Quel venerdì ci siamo addormentati l'uno nelle braccia dell'altro, nudi ed esausti dopo un pomeriggio e una serata passati a fare l'amore. Jesse ha mostrato un'incredibile saggezza su come stimolare il corpo di un uomo. Ad ogni modo, poteva sicuramente eccitarmi, e ancora e ancora. Ho smesso di contare il numero di orgasmi a cui poteva portarmi. Ognuno era migliore di quello precedente. Ci stavo provando, ma non avevo la possibilità di starle dietro.

Quando ci siamo svegliati la mattina dopo, siamo rimasti abbracciati, parlando un po', sonnecchiando un po' e riposandoci per il prossimo assalto sessuale. Durante quei momenti di totale relax, le ho chiesto dove avesse imparato così tanto su ciò che un ragazzo sogna in una donna. La sua risposta mi ha scioccato.

“Circa otto anni fa, quando avevo circa quattordici anni, ho avuto un'esperienza con un signore più anziano, che mi ha insegnato i concetti più delicati del fare l'amore. Tutto su cosa eccita un ragazzo e cosa eccita anche me. Questo signore era gentile e gentile, molto simile a te. Era paziente con me e totalmente poco esigente. Mi amava davvero, lo sapevo, e gli piaceva anche fare l'amore con me", ha spiegato.

“Questo signore anziano, i tuoi genitori non sospettavano che stesse succedendo qualcosa o qualcosa del genere. Voglio dire, avevi solo quattordici anni, quando hai avuto il tempo di stare da sola con un uomo più grande?" ho chiesto.

“Beh, i miei genitori lo conoscevano molto bene. Si fidavano esplicitamente di lui. Era un uomo meraviglioso, davvero, e quando è morto due anni fa ho pianto a dirotto. Ben, era mio nonno", mi ha confessato.

Ero totalmente incredulo. Suo nonno! Aveva commesso un incesto con suo nonno e aveva pianto al suo funerale? "O Jesse, mi dispiace tanto", dissi, con i miei sentimenti verso questo animale ribollenti.

“Ben, amavo mio nonno! Mi ha insegnato tantissimo sulla vita, sul sesso, sull'amare un altro essere umano. Non vedi, quando mio nonno morì, mi lasciò con tutta la sua conoscenza sulla vita. Tutto quello che aveva imparato in tutta la sua vita. Mi manca così tanto, perché l'ho amato per tutto quello che mi ha insegnato. Quindi non dispiacerti per me, Ben, sii solo grato per la sua educazione. Dopotutto, sei il destinatario di parte di quella conoscenza.

Non riuscivo ancora a capire cosa mi stesse dicendo questa meravigliosa bellezza, con cui avevo fatto l'amore dozzine di volte negli ultimi due giorni. Sì, mi è piaciuto tutto ciò che aveva imparato, ma non potevo accettare l'idea che suo nonno le avesse effettivamente insegnato a fare l'amore. Ma cavolo, era una brava studentessa.

"Beh, ti sono grato che tu abbia imparato così bene le tue lezioni, ma penso solo che il tuo insegnante sia imparentato con te, questo mi spaventa un po', tutto qui," dissi, facendo una faccia disgustata.

Rotolò giù dal letto e cominciò a vestirsi, senza dire una parola.

“Jesse, mi dispiace. Non volevo sconvolgerti in quel modo. Torna a letto con me. Ci stavamo divertendo così tanto. Ho la bocca lunga, mi dispiace", la implorai.

«Ben, devo andare a casa comunque. Devo rinfrescarmi, cambiarmi d'abito e studiare un po'. Non sono arrabbiato con te, solo un po’ deluso, tutto qui. Inoltre, è quel periodo del mese ormai da un giorno all'altro, quindi dovrei andare a casa e occuparmi di quelle "cose ​​​​femminili". So che non intendevi niente dal modo in cui hai espresso la tua opinione, è solo... deludente", disse infilandosi i pantaloncini e andando in bagno.

Saltai giù dal letto e rimasi nudo, senza sapere cosa dire, quando lei rientrò nella stanza. Lei guardò il mio membro avvizzito e disse: "Inoltre, questa cosa ha bisogno di un po' di riposo", allungando una mano e dandogli una piccola stretta.

“Ben, sono stanco, i miei ormoni stanno funzionando e devo tornare a casa. Non preoccuparti; Tra un paio di giorni tornerò come nuovo. Ci vediamo lunedì in classe, ok?" mi chiese dandomi un piccolo bacio sulla guancia.

"Jesse, voglio un vero bacio", dissi.

Lei sorrise mentre si avvicinava a me. Mi mise le braccia attorno al collo e si avvicinò al mio abbraccio. Inclinando leggermente la testa, mi diede il bacio più caldo e sensuale, e poi mi diede una pacca sul sedere.

“Mi sono divertito moltissimo ieri sera, davvero. Mi piaci molto, Ben. Ci vediamo lunedì in classe, ok?"

"Va bene", dissi e l'accompagnai alla porta. Dandole un ultimo bacio sulle labbra, rimasi indietro mentre lei si allontanava verso casa sua.

Per tutto il giorno successivo mi chiesi come si sentisse. Mi chiedevo se l'avevo offesa con il mio commento su suo nonno, se non si sentiva bene o era solo il suo periodo del mese, come aveva detto. Immagino che lo scoprirò lunedì pomeriggio durante la lezione di statistica.

Avevo altre quattro lezioni oltre a Statistica, ma tenevo il venerdì aperto per fare qualsiasi cosa. Ciò significava che il resto del tempo era occupato dal lavoro in classe. Così, mentre correvo in classe lunedì pomeriggio, mi sono guardato intorno per cercare Jesse e finalmente l'ho vista nell'angolo, proprio accanto alla scrivania dove normalmente mi siedo. Le ho sorriso mentre mi avvicinavo e mi sedevo e lei mi sorrise. io timidamente.

"Ehi, come stai?" lei chiese. Prima che potessi rispondere, aggiunse: “Ben, mi dispiace di essere andata via come ho fatto sabato. Divento un po' irritabile in questo periodo del mese. Di solito dura circa un giorno, poi torno ad essere affascinante", ha detto, sbattendo le ciglia verso di me. "Puoi perdonarmi?"

“Perdonarti per cosa, essendo umano? No, è semplicemente imperdonabile”, ho ribattuto in giro.

Mi afferrò la mano e la strinse proprio mentre il professore entrava nella stanza. Mi guardò negli occhi e sorrise, poi pronunciò la frase: "Mi dispiace".

Le ho fatto l'occhiolino per rassicurarla e ho rivolto la mia attenzione al davanti.

Dopo la fine della lezione e mentre stavo raccogliendo le mie cose, ho avuto un pensiero. Avevo intenzione di preparare un piatto di spaghetti stasera per cena. Lo faccio da zero e sempre troppo, quindi ho chiesto: "Jesse, potresti interessarti a venire stasera per alcuni dei miei spaghetti famosi in tutto il mondo? Lo faccio tutto da solo, niente ragù per me. La salsa è autentica, gli spaghetti sono fatti a mano, utilizzando solo la migliore farina di semola e preparo un'insalata davvero incredibile con la mia miscela di erbe, spezie e oli per condire. Non rimarrai deluso. Per l’occasione preparerò anche del pane italiano. Cosa ne pensi?"

"Puoi cucinare?" lei chiese.

"Beh si. Solo perché ho qualcosa tra le gambe non mi esclude automaticamente dalla possibilità di cucinare. Ti informo che sono un'ottima cuoca. Ho anche pensato di frequentare una scuola di cucina dopo il liceo, ma ho deciso che invece volevo una laurea in economia.

“Ebbene, Sir Benjamin, come posso rifiutare l'offerta di partecipare a una simile delizia culinaria? A che ora devo arrivare e posso portare qualcosa? Vino?" lei chiese.

"Se hai un vino preferito, sei più che benvenuto a portarlo con te verso le 18:30, ma ho questo meraviglioso Chianti italiano che ti lascerà a bocca aperta", ho aggiunto.

"Bene, allora ci vediamo verso le 6:30", disse con un sorriso sul viso. Si voltò e quasi saltò fuori dalla stanza. Si guardò alle spalle una volta e sorrise con un sorriso largo e largo, poi girò l'angolo e se ne andò.
Santo cielo, in cosa mi sono cacciato? Ho tre ore per preparare un'autentica cena italiana. Sì, ho tutto ciò di cui ho bisogno, tutto tranne il tempo. Devo scappare.

Pentole, padelle, farina e spezie volarono ovunque. Ho tritato le cipolle, ho spremuto l'aglio e ho macinato l'origano fino a ridurlo in una sostanza polverosa. Ho affettato la salsiccia e ho rosolato l'hamburger da aggiungere alla salsa e ho passato i pomodori e poi ho iniziato a cuocere a fuoco lento per mescolare i sapori. Ho barato un po' e ho usato la macchina per il pane e la pasta, per risparmiare tempo, ma ho dovuto fare il tiramisù da zero. Alle 6,30, quando lei entrò nell'appartamento, stavo tirando fuori il pane dal forno e lo mettevo sul tavolo. Ero persino riuscito a farmi una doccia e a ripulirmi prima di servire la cena.

Abbiamo apprezzato moltissimo la festa e per molto tempo. Abbiamo mangiato un po', parlato e poi abbiamo mangiato ancora un po'. Al momento del tiramiso, ci sentivamo grassi e impertinenti. Mi ha aiutato a sparecchiare, a pulire e a lavare i piatti e poi, mentre le offrivo un po' di Desatrona con ghiaccio, ci siamo sistemati sul divano del soggiorno. Abbiamo continuato a chiacchierare per un po' senza che nulla tremasse. Poi siamo rimasti un attimo in silenzio.

Ruppe il silenzio dicendo: “Ben, è stato un pasto eccezionale. Ci è voluta così tanta preparazione, per non parlare della conoscenza di come prepararlo. Quel tiramiso è stato il migliore che abbia mai mangiato e pensare che l'hai preparato in meno di quattro ore. Tanto di cappello per te. Non potrei mai farlo, tanto meno volerlo.
Ben, grazie mille."

"Bene Jesse, sei il benvenuto, davvero", dissi con modestia.

“Come potrò mai ringraziarti?” chiese, un po' diabolicamente.

"Oh, penserò a qualcosa", risposi in tono altrettanto diabolico.

"Beh, sai, madre natura non conosce gratitudine quando si tratta dei suoi cicli, ma forse conosco un modo per ringraziare adeguatamente un atto cavalleresco come quello che ho ricevuto da te stasera," abbassando la mano verso il mio inguine, scherzosamente.

Ho semplicemente sorriso e detto: "Non è necessaria alcuna remunerazione, ma se insisti, ho lavorato moltissimo per questo pasto".

Con un sorriso, ha continuato a sbottonarmi e ad aprire la cerniera dei miei pantaloni e poi mi ha detto di alzarmi di fronte a lei. Le chiesi se si sarebbe sentita più a suo agio a ritirarsi nella mia camera da letto dove avremmo potuto avere un po' di privacy.

Ha chiesto: "Che succede, ti senti un po' timido?"

Io dissi in cambio: "Beh, non necessariamente, però, dal momento che posso quasi allungare la mano e toccare quella finestra proprio dietro il divano e dal momento che le luci sono accese e chiunque passi per caso può guardare dentro e vedere cosa stiamo facendo." facendo, ho solo pensato che forse ti saresti sentito un po' più a tuo agio nella mia camera da letto, tutto qui."

“Dov’è il divertimento in questo? Dov'è finito il tuo senso dell'avventura, Ben? Dov'è l'emozione di fare qualcosa di totalmente brutto proprio sotto il naso di tutti?" chiese, con un tono eccitato nella voce. "Ora alzati, se non sei troppo fifone."

Ho scosso la testa al pensiero e poi ho detto: "Che diavolo" e mi sono alzato proprio di fronte a lei. Disse immediatamente: "Ecco, Ben, vivi pericolosamente". Ha continuato a togliermi i pantaloni e poi a togliermi i boxer fino alle cosce. Rimasi nervosamente in attesa mentre esaminava il mio cazzo per un momento con gli occhi e poi apriva la bocca e lo prendeva dentro.

All'inizio era molle, ma in un attimo divenne duro come una barra d'acciaio. Durante un'estrazione, ha borbottato qualcosa riguardo al fatto che aveva un prurito nel profondo della gola e doveva grattarselo con il mio cazzo. Era molto brava a succhiare, non c'erano dubbi, ma farlo davanti a una finestra era un po' strano, ma cominciavo a entrarci.

Era una maestra nel leccarmi e succhiarmi il cazzo, mi stava facendo impazzire. Stavo respirando affannosamente, mentre lei lo riprendeva nella profondità della bocca e poi lo tirava fuori quasi completamente, lasciando solo la testa a far scorrere la lingua avanti e indietro. Mentre la sua mano destra massaggiava l'asta con un movimento circolare ad ogni inserimento, stavo iniziando a entrare in azione. All'improvviso, una persona passò davanti alla finestra.

Era il mio vicino, lo conoscevo bene. Mentre passava davanti alla mia finestra, automaticamente guardò dentro per vedere cosa c'era da vedere, ma continuò ad andare avanti. Poi, lentamente si ritirò un po' e guardò dritto dentro, non credendo ai suoi occhi. Quando ha confermato ciò che pensava di aver visto la prima volta, poi ha alzato lo sguardo verso i miei occhi, improvvisamente ha sorriso e mi ha dato un grande "pollice in su". Ha fatto un grande sorriso sul suo volto e si è diretto verso il suo appartamento.

Devo essere diventato di un rosso brillante, perché quando si è staccata dal mio cazzo per un secondo, tutto quello che ha chiesto è stato: "Qualcuno che conosci?"

"Sì, Troy, il mio vicino", risposi.

Senza perdere un colpo, lo ingoiò di nuovo in gola e mi spinse verso un'irruzione di dimensioni incredibili. Ho iniziato con un ringhio gutturale dal profondo delle mie viscere e poi ho iniziato a tremare mentre mi avvicinavo all'eiaculazione. Quando ho sparato, lei l'aveva preso in fondo alla gola e io l'ho scaricato lì, direttamente nel suo esofago e giù fino allo stomaco. Non avevo mai sentito una tale fretta in vita mia. Farmi succhiare il cazzo davanti a qualcun altro e scaricare il mio sperma in profondità nella gola di una donna, ecco, per me è stata la prima volta.

Dopo avermi ripulito con la lingua, mi ha tirato su i pantaloni e mi ha fatto sedere accanto a lei. Mi ha baciato dolcemente e ha detto: "Beh, è ​​stato un ringraziamento appropriato?"

“Jesse, sì, lo era. Ma non potevo credere alle palle che hai mostrato, facendo una cosa del genere davanti a una finestra esposta come quella. Non ti ha spaventato nemmeno un po’?” chiesi in totale incredulità.

"La gente vedrebbe te, non io", disse in tono pratico. "E inoltre, mi dà un brivido nel mettermi in mostra in quel modo."

"Vuoi dire che hai già fatto cose del genere?" chiesi incredula.

"Beh si. Già in passato ero noto per essere un po' esibizionista. Penso che sia emozionante farlo davanti alla gente nei posti più insoliti. Una volta l'ho fatto davanti a un supermercato in pieno giorno, in un parcheggio. La gente ci passerebbe accanto e non se ne accorgerebbe nemmeno. Mio Dio, mi sono mai divertita con quello", esclamò, con entusiasmo.

Finimmo i nostri drink mentre continuavamo a passare la serata. Verso mezzanotte, disse che doveva tornare al suo appartamento e se ne andò. Rimasi solo ancora una volta solo con i ricordi di questa donna. Che straordinaria anomalia era. Non avevo mai incontrato una donna come Jesse prima. Era una vera bellezza, aveva un corpo fantastico, era divertente e divertente, intelligente e molto talentuosa, e poi c'era questo lato bizzarro di lei che ti lascia a bocca aperta.

Era un'esibizionista dichiarata e ne era molto orgogliosa. Suo nonno le ha insegnato le belle arti dell'amore e ne è molto orgogliosa. Ha dato la migliore testa del mondo e ne era molto orgogliosa. Se conoscerla è stata una corsa, allora quale cosa emozionante accadrà dopo?

L'ho vista in classe la settimana successiva ed era tutta sorrisi e risate; il suo solito io. Venerdì pomeriggio mi ha detto che aveva preparato un ringraziamento speciale per i miei sforzi la settimana prima. Ho detto che avevo già ricevuto un ringraziamento e le ho fatto un sorriso diabolico. Mi ha detto che si trattava di un'altra cosa e che sarei dovuto essere a casa sua alle 3:30 di quel pomeriggio. Ho accettato e ci siamo separati.

All'ora designata mi fermai davanti al suo appartamento e andai alla porta. Ho visto attaccato all'esterno un biglietto indirizzato a me. Diceva: “Ben, vieni dentro e segui i petali di rosa. J."

All'improvviso fui incuriosito quando aprii la porta e trovai una scia di petali di rosa che conduceva al retro dell'appartamento. Li seguii dietro l'angolo, lungo il corridoio finché arrivarono alla porta che sapevo conduceva al bagno. Mi sono fermato lì e ho ascoltato. Sento un debole suono di musica classica: Mozart, credo, veniva dall'interno. Ho provato a trattenere il respiro e ad ascoltare, ma tutto quello che potevo sentire era il mio cuore che batteva rapidamente. Busso delicatamente alla porta ed entro nella stanza calda, immersa nella luce delle candele. C'era un dolce aroma di incenso bruciato e un dolce suono di acqua che frusciava dal movimento del corpo di qualcuno; Sapevo chi era quel qualcuno.

"Ehi", dissi in tono introduttivo.

"Ehi, te stesso", fu la risposta.

Mi sono avvicinato lentamente alla vasca e ho trovato la fonte della risposta: solo la sua testa che spuntava da una vasca piena di bolle. Aveva i capelli raccolti e ho notato due bicchieri di vino sul pavimento accanto alla vasca. Sedendomi sul bordo, presi i bicchieri, ne offrii uno a Jesse e sorseggiai l'altro.

"Alla ricompensa dei favori", dissi alzando il bicchiere per brindare.

Abbiamo finito il nostro vino e ho rimesso i bicchieri sul pavimento. Ho sentito lo spruzzo dell'acqua e mentre giravo di nuovo gli occhi verso la vasca, Jesse si era alzata e mi stava guardando direttamente. Il suo corpo era parzialmente oscurato dalle bolle che aderivano a parti del suo busto, ma ciò che non era bloccato sembrava sorprendente. La mia bocca deve essersi aperta un po' perché all'improvviso mi sono ritrovata a sussurrare "Wow" ad alta voce mentre guardavo il suo corpo bagnato come la seta, che brillava alla luce delle candele.

Le bolle scendevano dai capezzoli e poi scendevano fino all'inguine. Che vista perfetta. Mentre guardavo il flusso, mi ha chiesto, quasi in un sussurro: "Vorresti radermi?"

Mio Dio, l'ho sentita bene? Voleva che la radessi? Intendeva le gambe, le ascelle o i peli pubici? Oh, per favore, lascia che siano i suoi peli pubici!

«C'è un rasoio proprio sul bancone laggiù. Resterò qui mentre mi radi", disse piuttosto nervosamente.

Recuperando il rasoio nella mano tremante mi avvicino a lei con appena un po' di trepidazione. Tuttavia, non appena ho posizionato il rasoio sul suo addome, la mia mano si è stabilizzata e quando ho effettuato il primo passaggio verso il basso, era liscia come la pelle nuda che avevo lasciato dietro. Ho fatto un altro passaggio con la lama e poi un altro, rimuovendo i peli pubici dal basso ventre. Mentre ripulivo le tracce di coloro che mi erano sfuggiti, lei ha detto: "Perché non esco così puoi radere il resto di me?"

Mi sono seduto in bagno in totale shock e incredulità. Quando uscì dalla vasca, afferrò un asciugamano con una mano e me con l'altra, mi condusse lungo il corridoio fino alla sua camera da letto. Stendendo l'asciugamano sul letto, si sdraiò e mi aprì le gambe.

"C'è della schiuma da barba sul comodino che potresti usare", disse, indicando con la mano. Ho messo un po' di schiuma gel sulla mano e ho iniziato a strofinarlo sui peli rimasti tra le sue gambe. L'ho steso sulle sue labbra, nella zona di giunzione con le gambe e su tutta la figa. Aveva alzato le ginocchia mentre allargava le gambe più che poteva. Ero molto eccitato mentre strofinavo la schiuma, facendo però attenzione a non metterne niente tra le sue labbra.

Poi ho passato il rasoio molto delicatamente lungo le tenere labbra che custodivano il suo tesoro interiore, rimuovendo i sottili peli pubici insieme alla schiuma che li ricopriva, prima da un lato e poi dall'altro. Esponendo la morbida pelle carnosa che copriva la sua zona vaginale, ricordandomi di staccare i petali di una rosa delicata, piena di dolcezza e morbidezza, finché il tuo naso non ti dice che hai scoperto la sua essenza.

Stavo esaminando visivamente il mio lavoro per individuare i ritardatari quando all'improvviso ho smesso di guardare la foresta e ho iniziato a guardare gli alberi. Mio Dio, che vista assolutamente meravigliosa era. Le sue labbra erano lisce e sode, coprivano perfettamente l'apertura e il clitoride esattamente come era previsto. Non c'erano cedimenti delle labbra causati dall'uso eccessivo e la loro forma era straordinaria. Cominciarono a separarsi appena un filo del suo odore femminile raggiunse il mio naso e la mia erezione cominciò a gonfiarsi.

Ero tentato di far scorrere il dito sul mio lavoro per controllare la presenza di stoppie di qualsiasi tipo, quando lei si afferrò le gambe appena sotto le ginocchia. Tirandoli su, sollevò le gambe separate dal letto e disse di radersi intorno all'ano. Non potevo credere alle mie orecchie; voleva che anch'io mi radessi laggiù.

Ho guardato attentamente ma ho trovato solo un po' di peluria color pesca che le correva lungo le gambe, ma ho iniziato comunque a raderla. Mentre le passavo il rasoio sul retto, lei emise un gemito e una contrazione per la sensazione. Temevo di poterla stordire dal movimento, ma per fortuna non c'era sangue. C'era del liquido, tuttavia, e gocciolava dall'altra apertura. Il suo fluido stava uscendo dalle labbra non così strette e colando giù fino all'ano. La vista di tutto ciò mi faceva impazzire. Ho dovuto toccarlo.

Ho fatto scorrere il dito lungo la sua fessura; iniziando dalla vagina e finendo al clitoride. Il mio tocco era leggero, non indagatore, ma avresti pensato che stessi usando il filo spinato. Lei urlò ad alta voce mentre si sottraeva al mio tocco. Ma poi, rendendosi conto che era solo il mio dito, riprese la sua posizione e aprì le gambe più di prima.

Adesso lo stavo massaggiando tra le sue labbra, fino alla parte rosa e bagnata, la parte che amavo. Le sue labbra si aprirono al mio dito mentre lo facevo scorrere su e giù per la fessura, fermandomi al clitoride per strofinarlo e poi di nuovo giù fino all'apertura. Era terribilmente eccitata mentre continuavo a cercare i punti più sensibili. Non ce la faceva più e si sedeva vendicativa e mi strappava i pantaloni. In un paio di secondi, ha tirato fuori il mio cazzo dal suo nascondiglio, se lo è messo in bocca e lo ha succhiato con tutte le sue forze.

Ho sentito il bisogno di scendere su di lei, ma non appena ha iniziato si è fermata. Mi ha ordinato di togliere tutto. Ho obbedito volentieri ma poi mi ha detto di indossare gli indumenti che aveva lanciato nella mia direzione. Li ho guardati e comprendevano pantaloni della tuta tagliati e una maglietta. L'ho guardata negli occhi e si sono velati come se fosse pazza di lussuria. Sembrava che il mio cazzo fosse pronto a scoppiare.

Lei indossò un vestito corto di cotone sul suo corpo nudo e rasato, senza preoccuparsi di indossare la biancheria intima, mi afferrò la mano e si diresse verso la porta. Le ho chiesto: "Dove stiamo andando?"

"Fuori", fu tutto ciò che disse.

Camminavamo a passo frettoloso mano nella mano, verso il campo di calcio. Di tanto in tanto, abbassavo la mano sul suo sedere e sentivo la sua morbidezza sotto il vestito. Muoveva un po' il sedere e accelerava il ritmo. Quando arrivammo al campo, la squadra di football universitario si stava allenando per la prossima stagione ed erano tutti sparsi per il campo. Ci siamo diretti fino alla sezione centrale delle tribune; mi trascinò con sé e alla fine si sedette. Non eravamo né troppo in alto sulle tribune né troppo bassi per essere evidenti, ma certamente abbastanza vicini per essere visti se qualcuno fosse interessato.

«Sono conosciuto qui nel campus, Jesse. Pensi davvero che dovremmo farlo?" Ho chiesto.

“Ecco perché è così emozionante, puoi essere riconosciuto e questo lo rende un rischio. Riesci a sentire la fretta?" disse con eccitazione.

"Porca puttana!" Ho pensato tra me ma non potevo controllare la mia mano mentre si avvicinava al suo seno e iniziava ad accarezzarlo. Fece un respiro profondo mentre la sua mano scendeva sul davanti dei pantaloni della tuta e si allacciava la cravatta. Rilasciandolo, si tuffò dentro di loro con la mano e afferrò il mio cazzo furioso. Le stavo afferrando il seno mentre lei si alzava, si tirava su la gonna dietro e si sedeva sulle mie ginocchia, distogliendo lo sguardo. Mentre si sedeva, il mio cazzo eretto scivolò su per la sua vagina e lei continuò verso il basso finché non si posò sulle mie gambe. L'avevo impalata fino in fondo e lei lo adorava.

Non si dondolava su e giù o avanti e indietro. Non si muoveva affatto, ma stava stringendo i suoi muscoli vaginali e facendoli stringere e allentare attorno al mio cazzo sepolto, mungendolo con tutta la sua forza. Stavo impazzendo. Ancora e ancora stringeva i muscoli e io iniziavo a sentire la risposta naturale del mio cazzo che si contraeva in preparazione all'eiaculazione.

"Faresti meglio a non venire, Ben, non ancora", ordinò a denti stretti. "Non ancora! Non sono ancora pronto!" Strinse ancora una volta i muscoli, poi si alzò, si sedette accanto a me e mi fece un'alesatura completa della bocca.

Stavo proprio pensando: "Mio Dio, sta impazzendo", quando ho notato del trambusto in campo. Alcuni giocatori ci avevano notato e stavano lì, indicandoci e ridendo. Quello era il nostro segnale per partire affrettatamente, e così abbiamo fatto. Infilandomi il cazzo nei pantaloni, scappammo dall'altra parte della tribuna e lontano dal campo il più velocemente possibile.

Avevamo corso circa un centinaio di metri quando Jesse si voltò ridendo e scherzando, dicendo: “Era una corsa? O Ben, riesci a provare l'emozione di essere quasi scoperti? Non lo ami?"

“Cosa intendi con “quasi” Jesse, siamo stati catturati! Ci hanno visto scopare proprio lì al campo di calcio!” Avevo un leggero sorriso sul viso mentre raccontavo l'esperienza e poi ho pensato: “È stato intenso ed emozionante. Mio Dio, è stato emozionante!”

"Dove vuoi andare adesso?" ho chiesto eccitato, gettando al vento tutte le inibizioni. Ora sapevo perché faceva questa cosa esibizionista. È stata una svolta completa e totale e mi stavo appassionando.

"Non lo so. Dov'è un tavolo da picnic o qualcosa dove possiamo sederci che non sia fuori dai sentieri battuti?" chiese con l'emozione e l'entusiasmo di un bambino che chiede indicazioni per un negozio di dolciumi.

Ci ho pensato un secondo e poi una luce si è accesa nella mia testa. “Conosco il posto perfetto! Andiamo", dissi, prendendole la mano e trascinandola a fare jogging verso il centro studentesco.

Ce l'abbiamo fatta in breve tempo mentre giravamo intorno all'edificio sul retro dove avevano dei tavoli allestiti affinché gli studenti potessero riunirsi e pranzare, studiare o socializzare e cose del genere. Trovai subito un tavolo da picnic di lato, ma una coppia sedeva a un tavolo normale a pochi metri di distanza. Esitai un momento ma Jesse mi tirò avanti e presto ci sedemmo, di fronte all'altra coppia, entrambi dallo stesso lato del tavolo da picnic.

Mentre ero seduto lì a guardarli, non hanno nemmeno alzato lo sguardo dalla loro conversazione e Jesse ha iniziato a spingere indietro il sedere finché non è rimasto sospeso sopra la panca. Ha abbassato la testa sulle braccia incrociate e mi ha sussurrato: "Mettimi il dito nel culo".

L'ho fatto ancora meglio facendo scorrere il pollice nel suo retto e il dito nella sua vagina. Non ho mai distolto lo sguardo dall'altra coppia, ma la mia mano si immergeva dentro e fuori dai suoi buchi inguinali e lei ha iniziato a dimenarsi e ad esprimere il suo piacere. Continuavo a zittirla, ma più forte affondavo le dita dentro di lei, più forte era la sua risposta. Alla fine, la simulazione fu troppo per lei e un gemito piuttosto forte uscì dalla sua bocca e catturò l'attenzione dell'altra coppia.

Dovevo pensare in fretta, quindi ho detto: "Stai bene, tesoro? Forse ho bisogno di portarti a casa", mentre toglievo la mano dal suo sedere e l'aiutavo a strisciare fuori dal tavolo. Ho guardato la coppia e ho sorriso, poi ho aiutato Jesse a dirigersi verso la parte anteriore dell'edificio e verso la nostra fuga numero due. Lo avevamo fatto di nuovo.

Era davvero, davvero eccitata dallo stato. Mi stava quasi molestando mentre andava in un altro posto per continuare il nostro piccolo gioco. Aveva più o meno perso ogni controllo sul suo ragionamento. Tutto ciò che voleva era soddisfare quella terribile spinta tra le gambe e non le importava come, dove o con chi, bastava che si grattasse il prurito. Ho dovuto toglierle le mani dal mio inguine in più di un'occasione quando incontravamo un'altra persona sul marciapiede, quindi, anche se volevo continuare il nostro gioco, ho deciso che dovevo riportarla a casa al più presto.

Quindi mi dirigo in quella direzione mentre lei mi implora di portarla proprio lì sul marciapiede. Alla fine, raggiungendo casa sua, ho aperto la porta e l'ho fatta entrare. Le sue mani sono andate direttamente all'orlo del vestito e glielo hanno strappato dal corpo. L'inguine rasato era bagnato dai suoi succhi espulsi e l'espressione sul suo viso mi fece iniziare a chiedermi se fosse stata una buona idea.

Mi ha abbassato i pantaloni della tuta, ha piantato la sua faccia sul mio inguine, ha preso il mio cazzo in bocca e ha iniziato a succhiarlo con piena emozione. Se lo stava infilando in gola con abbandono mentre le sue labbra lo succhiavano crudo. Poi lo ha sputato e mi ha ringhiato di ficcarglielo nel culo. Si voltò e indietreggiò nel mio cazzo e mi ordinò di: "Spingemelo dentro forte e profondo!"

Ero così emozionato che tutto quello che potevo fare era obbedire. Ho afferrato entrambi i fianchi, l'ho puntato verso il suo buco del culo e ho spinto i fianchi in avanti. Ha lanciato un urlo mentre le impalavo il retto fino ai peli pubici. Poi, tirandolo fuori fino alla testa, l'ho rimesso a posto fino in fondo. Glielo stavo sbattendo dentro e fuori dal culo più veloce e furioso che potevo. Ho iniziato a vomitare il mio carico nelle sue ciotole e lei ha continuato a chiederne di più. Mentre stavo finendo di eiaculare nel suo culo, lei lo tirò fuori, si girò e lo prese di nuovo in bocca.

Rotolai con lei e mi posizionai giù al suo inguine, così ci ritrovammo con la faccia sepolta tra i suoi arti spalancati, lei era a cavalcioni della mia testa e con il mio cazzo incastrato nella sua bocca con lei bloccata sotto il mio peso. Le mie gambe erano dritte e stavo pompando il mio cazzo dentro di lei più velocemente che potevo. Potevo sentire la sua gola contrarsi per il riflesso del vomito, ma lei continuava a ingoiare il mio cazzo in gola mentre sbatteva dentro e fuori. La sensazione dei muscoli che si contraevano attorno al mio cazzo era incredibile e non ci volle molto tempo prima che diventasse di nuovo duro.

Mi stava implorando di infilarle la mano dentro, da qualche parte non aveva importanza, quindi le ho invaso la vagina con una mano e il culo con l'altra. Stavo spingendo quante più dita potevo entrare nel piccolo spazio con entrambe le mani mentre alesavo i suoi buchi con abbandono. Ha urlato per averne di più, più profondamente, più forte, finché non è diventata rigida come un'asse e poi, tirandomi i fianchi, deglutendo e conati di vomito, ha trovato il mio retto con il dito e lo ha speronato a casa, asciutto.

Pensavo che stavo per morire. Il dolore era straziante, ma il piacere era incredibile. Mentre le scaricavo in gola in uno spasmo dopo l'altro di sperma che esplodeva dal mio cazzo, lei inarcò la schiena; cosa non da poco con me sopra di lei, e ha acceso la sua liberazione ultraterrena esplodendo completamente in una convulsione dopo l'altra mentre cercava di urlare ma non ci riusciva con la gola piena di cazzo.

Il suo orgasmo durò per minuti, sussultando, tremando, gobba e convulsamente, cercando nel frattempo di urlare a squarciagola. Quando ha iniziato a scendere, sono rotolato via da lei mentre lei si toglieva il cazzo dalla gola. Lo sperma le usciva dalla bocca e dal naso mentre tossiva e balbettava. Tra un colpo di tosse e l'altro, riprendendo fiato, si girò su un fianco, si mise le braccia tra le gambe e si dondolò avanti e indietro. Alla fine se ne andò in un altro posto nella sua mente per riposarsi e riprendersi.

Deve aver dormito per ore. Di tanto in tanto mi svegliavo per controllarla, ma lei non mi raggiungeva nella coscienza, si limitava a riposarsi. Mi sono svegliato la mattina e l'ho guardata, ma lei non c'era, ma ho sentito la doccia scorrere quindi sapevo che era ancora viva. Andai lentamente in bagno, dolorante per la notte di sesso selvaggio, per liberarmi. Sono entrato e ho detto ad alta voce: “Buongiorno, Jesse. Come va stamattina?"

"Sono stanca ma sto bene", è tutto ciò che ha detto. Sembrava piuttosto stanca e piuttosto imbarazzata. Ho finito il mio lavoro e sono tornato in camera da letto. Ero vestito con i miei vestiti quando lei fece la sua comparsa avvolta nell'asciugamano. Mi sono alzato per baciarla ma lei mi ha dato una guancia invece della bocca. Oh ragazzo, non è un buon segno.
“Vado a casa a farmi la doccia, a radermi e a cambiarmi”, ho commentato. "Tornerò se vuoi", mi sono offerto.

Mi sorrise con un sorrisetto e disse dolcemente: “Sì, sarebbe una buona idea. Magari possiamo uscire a fare colazione o qualcosa del genere."

Le ho detto che sarei tornato non appena mi fossi ripulito e fossi partito per il mio appartamento. Arrivato a casa, ho fatto la doccia, mi sono rasato e mi sono cambiato i vestiti, quindi sono tornato a casa sua. Mentre mi fermavo, Jesse uscì e scivolò dentro. Guidammo in silenzio fino al ristorante locale, entrammo e ci sedemmo, ancora in silenzio.

Dopo aver ordinato, le ho detto: “Jesse, stamattina non hai detto una parola riguardo a ieri sera. Va tutto bene?"

Ha pensato per un momento come se provasse a scegliere attentamente le sue parole. Poi ha detto: “Ben, la scorsa notte è stato incredibile, lo era davvero. Ma ... "fece una pausa," Non sono stato completamente onesto con te. "

"O no", ho pensato, "ecco che arriva; Si è sposata o fidanzata con un wrestler professionista o qualcosa del genere. "

“Ti ho detto che ero un insegnante di matematica e così, lo sono. Ma quello che non ho menzionato è che insegno alla scuola cattolica del vescovo Thomas. Suppongo di essere un devoto cattolico, qui inoltrando la mia istruzione per darla alla chiesa. Non dovrei comportarmi come una puttana comune che le prendeva dei calci ", ha detto disgustato.

Ho ascoltato ma non ho detto nulla.

"Vedi, Ben", ha continuato, "Mi do un mese fuori dall'anno, devo dire," Lasciati giù i capelli "e ieri è stato il giorno del trentesimo. Non vedi, per un mese, vivo una fantasia, vivo una bugia; Non è quello che sono. Ti ho ingannato Ben; Non sono affatto come quella ragazza. Sono primordiale e corretto, non direi affatto la parola "s" e certamente non ti lascerei fare le cose che ti stavo chiedendo di fare la scorsa notte. Non vedi Ben; Non potrei mai essere quella ragazza. Vive solo nelle mie fantasie. Non è reale. "

Mi sono seduto lì scioccato, non sapendo cosa pensare, fare o dire. Quindi, dopo un breve momento, ho fatto quello che mi sentivo fare, ho riso, non a Jesse, ma nelle circostanze. In qualche modo, l'ho trovato isterico. Adesso stavo ridendo forte e povero Jesse, sedevo lì arrossendo.

"Mi dispiace Jesse, non sto ridendo di te o di quello che hai detto", stavo cercando di riguadagnare la calma. "Ma non riesci a vedere l'umorismo in tutto? Voglio dire, stavo cercando di pensare a un modo per dirti che eri troppo per me e poi mi dici che quella ragazza era una ragazza fantasy e lei non esiste davvero. Jesse, sei quella ragazza fantasy nella mia mente, non vedi? E lo sarai sempre. Ti amo per questo, ma non riesco a stare al passo con te. "

Pensò per un altro minuto, poi chiese: "Vuoi dire, vuoi che finisca, non vuoi più vedermi?"

"Beh, non l'avrei messo così, ma, Jesse, mi avresti fatto nella mia tomba all'interno di una settimana se lo avessimo tenuto", dissi quasi un sussurro.

Ora è stato il suo turno di ridere e l'ha mai fatto. "Ben, stavo pensando a un modo per spezzarlo con te perché, ammettiamolo, ora non è il momento per nessuno di noi di essere coinvolto. Ho il mio lavoro a cui occuparmi e tu, beh, hai tutta la tua vita davanti a te. Non hai bisogno di una ragazza pazza per trattenerti. "

"Ti amo, Jesse", dissi, prendendo le mani nelle mie. "Ma sono d'accordo con te, al cento per cento."

Abbiamo fatto colazione, baciti e abbracciati e siamo andati in modi separati. Ci siamo visti in classe per il resto del termine, ma mai più dopo. A volte mi chiedo se abbia mai presentato quella ragazza fantasy a qualcuno di speciale nella sua vita e, se lo facesse, mi piacerebbe stringere la mano per essere un uomo migliore di me.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

Gretta

Gretta era uscita. Era la mattina del suo diciottesimo compleanno. Si era svegliata presto, aveva fatto yoga e aveva fatto una sana colazione. Adesso era al centro commerciale, a comprare i vestiti per la festa. Mi chiedo cosa sarà che papà mi ha comprato? Meglio essere una fottuta macchina! Pensò, mentre controllava un reggiseno viola in un negozio. Mi scusi! Mi scusi! Ha urlato all'impiegato e l'impiegato è corso rapidamente da lei. Fino a che misura salgono? Lei chiese. Solo un minuto mamma, vado a controllare... e quale sarebbe la tua s... 70EE Lei rispose velocemente, senza nemmeno un sussulto di...

2.5K I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

1.6K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.