Insegnanti Pet_(0)

2KReport
Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero.

Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di più di lei è stato il suo sorriso. Ha un sorriso che illumina una stanza. Sai il tipo che intendo. Quando sorride, sai solo che il resto della giornata sarà fantastico. All'inizio non mi prestava molta attenzione e quindi le mie prime settimane a scuola erano praticamente le stesse di ogni altro anno. Poi un giorno il mio insegnante di inglese Mr. Ballard ci ha dato l'incarico di scrivere un'analisi critica di un libro che abbiamo letto durante l'estate e le cose sono cambiate.

Non ero molto sicuro di quello che ho scritto o di come l'ho scritto, quindi in Home Room ho chiesto alla sig. Porter che lo esamini per me.

“Perché non chiedi al tuo insegnante di farlo? Lei chiese

"Sono un po' imbarazzato" dissi "e inoltre il signor Ballard mi fa venire i brividi" dissi non sapendo come avrebbe risposto.

“Oh capisco” disse e poi sorrise e si sporse verso di me sussurrandomi all'orecchio. "Anche a me fa venire i brividi" sussurrò con un sorriso e una risatina. "Ok, quando è dovuto" ha chiesto. Le ho detto che era dovuto il giorno successivo e lei ha detto che l'avrebbe letto durante il giorno e che avrei potuto ritirarlo dopo la mia ultima lezione della giornata.

Alla fine della giornata sono tornato nella sua classe e lei era seduta da sola alla sua scrivania con in mano il mio foglio. Mentre entravo, lei alzò lo sguardo e sorrise con quel sorriso di cui ti stavo parlando e disse "vieni dentro e lascia la porta aperta per favore". L'ho guardata in modo divertente e mi ha detto "Gli insegnanti non possono più essere soli in una stanza con uno studente con la porta chiusa. È la politica della scuola». Ha spiegato con un'alzata di spalle. Sono andato alla sua scrivania e sono rimasto lì mentre lei continuava a guardare il mio foglio.

“Bene Scott, posso chiamarti Scott? Lei disse

"Sì certo" le ho detto

“Questa non è una brutta prima bozza, ma penso che tu abbia mancato il bersaglio in alcuni punti. Se guardi dove l'ho segnato e fai qualche modifica, penso che potresti farne un foglio A. Mi è particolarmente piaciuto il modo in cui hai paragonato la scrittura a questa poesia, ma non riconosco l'autore".

"Questo è perché è mio" dissi un po' imbarazzato.

Si è seduta sulla sua sedia e mi ha guardato in modo divertente e ha detto "È bellissimo, dovresti scrivere più poesie".

"Non è davvero poesia." Ho detto "il loro testo per una canzone che ho scritto"

Lei sorrise e disse "Beh, mi piacerebbe sentirlo qualche volta"

“Beh, la nostra band suonerà al ballo della scuola questo venerdì e probabilmente la suonerò io allora. Se hai intenzione di essere lì."

“In effetti sarò uno degli accompagnatori per il ballo. Pensavo che sarebbe stata una specie di trascinamento, ma ora non vedo l'ora". Disse porgendomi il mio foglio. Ho lasciato la stanza e mi sono ritrovato in attesa di venerdì sera.

Beh, la sera del ballo abbiamo suonato un paio di set e durante uno degli intervalli ho annunciato che avrei suonato un paio di canzoni originali. L'ho fatto per vedere come andava la melodia prima di fare l'interrogatorio dell'intera band. Dopo aver suonato la canzone di cui alla signorina Porter piacevano le parole, le ho lanciato un'occhiata e c'era di nuovo quel sorriso. Ha annuito con la testa e penso che mi abbia strizzato l'occhio, ma non ne ero sicuro.

Per fortuna, il giorno dopo stavo tornando dalla biblioteca dove sono andato a scrivere testi ea fare ricerche di teoria musicale quando ho visto la signorina Porter che rastrellava un prato. Mi sono fermato sul marciapiede e l'ho fissata per un momento quando ha alzato lo sguardo dal suo rastrello e ha detto Ciao.

"Tu vivi qui?" chiesi, non avendo mai notato prima chi fosse che abitava in quella particolare casa

"Sì, quasi cinque anni ormai." Lei disse

Ho visto un secondo rastrello appoggiato all'albero, l'ho afferrato e ho iniziato a rastrellare.

"Non devi farlo." Ha detto "Posso farcela".

Ho solo sorriso e ho continuato a rastrellare. Circa un'ora dopo il cortile era pulito ed entrambi eravamo appoggiati o rastrelli.

«Be', immagino di doverti almeno una bibita fresca. Andiamo” disse mentre faceva strada in casa. Ha versato due limonate e ci siamo seduti al tavolo della cucina godendoci la bibita fresca quando ho notato una chitarra appoggiata al muro del soggiorno.

"Tu giochi?" chiesi indicando la chitarra.

"No, non proprio." Ha detto: "Ho cercato di imparare per anni, ma non credo di avere il talento per farlo.

"Non puoi essere così cattivo." Ho detto "Fammi sentire che suoni qualcosa"

Alzò le spalle e si avvicinò alla chitarra. Si sedette sul divano del soggiorno e così mi trasferii nella stanza e mi sedetti accanto a lei.

"Te la sei cercata." Ha detto mentre sceglieva la peggiore interpretazione di "Old Brown Jug" che abbia mai sentito. Guardò l'espressione sul mio viso e smise di suonare.

"Immagino che non dovrei lasciare il mio lavoro quotidiano." Lei disse

"Devo dirti che è piuttosto brutto." Le ho detto "Ma perché non inizi semplicemente suonando alcuni accordi e lavorando su una melodia?" Ho chiesto. "Conosci qualche accordo?" Ho chiesto e lei ha appena scosso la testa. Ho passato la mezz'ora successiva mostrandole e disegnando le immagini degli accordi maggiori e quando ebbi finito mi prese la mano, sorrise e mi ringraziò per la lezione. Questo sorriso era un po' diverso, questa volta ho visto qualcosa nei suoi occhi che prima le era mancato. Senza nemmeno pensarci ho detto “Se vuoi posso passare sabato prossimo a vedere come stai”.

“Sarebbe carino” disse e poi mi accompagnò alla porta.

La settimana trascorse velocemente e i due non si scambiarono più di qualche parola per tutto il tempo, ma quando mi guardò e sorrise c'era quel nuovo sguardo nei suoi occhi che mi fece meravigliare.

Venne il sabato e io andai a casa sua verso le due del pomeriggio. Quando sono arrivato lei era nel vialetto a prendere alcune borse dalla macchina e mi sono precipitato ad aiutarla.

"Sembra che tu sia sempre in giro quando ho del lavoro da fare." Disse mentre portavamo le valigie in casa. Sono uscito per prendere le ultime borse e quando sono entrato lei era in piedi davanti a un armadietto, in punta di piedi, che metteva via alcune cose su uno degli scaffali più alti. Mi sono avvicinato per cercare di darle una mano e quando l'ho toccata ha perso l'equilibrio e mi è caduta addosso. L'ho afferrata per il petto e quando l'ho fatto ho preso una grossa manciata del suo seno. Ci siamo ripresi rapidamente e lei mi ha ringraziato per averla catturata, ma quando mi ha guardato il sorriso era sparito ed è stato sostituito con qualcosa di più simile alla lussuria. Dopo aver messo via tutta la spesa siamo andati in soggiorno e lei ha preso la sua chitarra.

"Penso di aver abbassato gli accordi." Ha detto e ha continuato a suonarli uno dopo l'altro. L'ho fatto rifare e ho guidato le sue dita in alcuni punti in modo che l'accordo fosse più pulito quando lo suonava e poi si sedeva e diceva "È fantastico"

"Grande! Ha detto "A cosa servono questi accordi se non suona come una canzone?" lei chiese.

Mi sono seduto e ho pensato per un secondo e poi le ho preso la chitarra e ho detto "Questa è una canzone che ho scritto qualche giorno fa con solo gli accordi che mi hai appena mostrato. Ho suonato la prima strofa solo con gli accordi e la seconda con gli accordi e scegliendo una linea melodica e il ponte e il ritornello della canzone usando gli accordi, la linea melodica e alcune note di accento
.
"Questo è bello." Disse mentre poso la chitarra sul tavolo accanto a noi.

"Questi sono solo gli accordi che mi hai suonato pochi minuti fa." Ho detto. Se vuoi suonare così, tutto ciò che devi fare è esercitarti, chiudere gli occhi e metterci il cuore. Non so davvero cosa sia successo in quel momento, ma subito dopo ci siamo abbracciati l'un l'altro e ci stavamo baciando. I primi secondi sono stati molto appassionati e spontanei, ma presto hanno portato a baci dolci e più affettuosi. Senza dire una parola, abbiamo iniziato a spogliarci a vicenda. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi ad ammirarci a vicenda senza dire una parola. Il suo corpo era perfetto. I suoi seni erano delle dimensioni del mio pugno senza alcun cedimento e capezzoli delle dimensioni di un dollaro d'argento che succhiano circa un quarto di pollice. Aveva una vita sottile e belle gambe. Mentre guardavo in basso ho notato che si è rasata la figa in modo che si vedesse solo una ciocca di capelli biondi. Ho avuto un'erezione come non avevo mai avuto prima. Mi sentivo come se la cincia fosse alta tre metri e ondeggiasse nella brezza. Abbassò lo sguardo, avvolse la mano intorno al mio cazzo e iniziò ad accarezzarmi dolcemente. Con l'altra mano mi strofinò dolcemente le palle. Ci siamo baciati e i nostri salotti si sono mossi dentro e fuori l'uno dalla bocca dell'altro mentre lei lavorava il mio cazzo incredibilmente gonfio. Scivolò giù dal divano e ora era in ginocchio davanti a me guardandomi negli occhi quando abbassò la testa e fece scivolare la testa del mio cazzo nella sua bocca. Si muoveva su e giù prendendo sempre più di me con ogni movimento della sua testa.

"Oh merda" ho detto "Sto per venire". dissi mentre cercavo di staccarle la testa dal mio cazzo. Si tenne stretta e mosse sia la mano che la testa più velocemente mentre le esplodevo in bocca. Ha succhiato e ingoiato ogni goccia di sperma da me e quando ero vuoto ha continuato a succhiare fino all'ultimo bit. Crollai, sdraiandomi sul divano con gli occhi chiusi mentre lei toglieva la bocca dal mio cazzo ma continuava ad accarezzarmi.

"Ora tocca a me ha detto rilasciando il mio cazzo e sdraiandosi sul divano. Ha allargato le gambe e ha iniziato a giocare con la figa con le dita. Con l'altra mano ha allargato le labbra della figa e ha fatto scorrere il dito su e giù per l'ingresso alla sua fica mentre guardavo. Mi sono spostato e mi sono inginocchiato tra le sue gambe mettendo le mie dita dove erano le sue e lei le ha guidate su e giù per la sua figa mostrandomi quello che voleva. Ho spostato la testa tra le sue gambe e ho iniziato a leccarla e succhiarla sul suo clitoride.

"Sisss" disse mentre la mia lingua colpiva il suo clitoride. Ho avuto il suggerimento e ho iniziato a alternare colpetti con la lingua sul suo clitoride e succhiarlo.

"Ahhhhhhhhhhhhh" ha detto mentre aveva il suo primo orgasmo della giornata. La sborra ha iniziato a fuoriuscire da lei e ho bevuto più che potevo e poi ho iniziato a infilare la lingua in profondità nella sua figa e a scuotere la testa

"Dio sissss" disse mentre veniva una seconda volta.

A questo punto ero di nuovo duro e sapevo cosa volevamo entrambi. Ho alzato la testa, mi sono sdraiato su di lei prendendo una delle sue tette nella mia bocca e ho fatto scivolare il mio cazzo nella sua figa.

"Oh sì, scopami Scotty, per favore scopami forte." Ha detto come ho iniziato a martellare il mio cazzo nella sua figa fradicia. "Morditi il ​​capezzolo" mi implorò "fai male" disse mentre serravo i denti su uno dei suoi capezzoli.
"Ahhhhhhhhhhhhh" ha gridato mentre gettava la testa all'indietro e aveva il suo terzo orgasmo della giornata. Potevo sentire la sua sborra inzupparmi il cazzo e le palle e ho iniziato a sborrare dentro di lei. Ha sentito il calore del mio sperma esplodere in profondità dentro di lei e ha avuto un altro orgasmo avvolgendo le gambe intorno alla mia vita e scopandomi selvaggiamente.

"Oh sì scopami, scopami, scopami", ha urlato mentre entrambi ci battevamo i fianchi insieme in una frenesia selvaggia di lussuria. Quando entrambi ci siamo calmati, il mio uccello ha cominciato a diventare morbido e lei ha smesso di tremare dai suoi orgasmi multipli, ci siamo sdraiati l'uno nelle braccia dell'altro e ci siamo baciati dolcemente. Dopo qualche minuto ci siamo alzati e lei mi ha preso per mano portandomi in bagno. Ha aperto la doccia e mi ha trascinato con sé sotto l'acqua calda.

"Sai Miss. Porter" ho detto e lei ha iniziato a ridere

"Scott, penso che puoi iniziare a chiamarmi Patty quando non siamo a scuola" Disse dandomi un piccolo bacio sulle labbra mentre si insaponava le mani e iniziava a lavarmi il cazzo e le palle. In circa un minuto il suo lavaggio mi ha dato un'altra erezione e ha ricominciato a ridere.

"Oh Dio, ho creato un mostro." Ha detto mentre sorrideva e mi guidava nella sua figa ora ben fottuta.

Storie simili

UNA SAGA SUGAR-DADDY, 4 di 5

4 (Ciao a tutti! Ho pensato di provare una breve serie in cui ogni voce è dal punto di vista delle due persone coinvolte. Questa è dal suo punto di vista, (notate che non è lo stesso incontro... è troppo facile!) il mio primo tentativo a scriverlo. Divertiti!) La prospettiva di Layton: Beh, era ovvio che, nonostante una storia passata di decisioni davvero sbagliate, dovevo prenderne una buona. Il sesso era davvero incredibile, e la parte migliore era che il mio papà (detestavo ancora chiamarlo così a quel punto) sembrava sinceramente interessato a me come persona. Avevo paura che non sarebbe...

0 I più visti

Likes 0

Giro sulle montagne russe -- 3

CAPITOLO 13 Sono entrato nell'aula di Judith alle 11:30 in punto. Mi ha visto, ha atteso il momento opportuno per sospendere l'udienza della giornata e ha annunciato una sospensione fino al mattino seguente. L'ufficiale giudiziario mi ha convocato nelle sue stanze. Sono entrato e l'ho trovata mentre si toglieva gli abiti. Mi ha preso la mano e mi ha portato via. Su due piani in ascensore, siamo usciti per trovare un affollato ufficio licenze. Judith fece il giro di una porta anonima, bussò una volta ed entrò, trascinandomi con sé. George, questo è Frank Martinson, il mio fidanzato. Si alzò, mi...

182 I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.2K I più visti

Likes 0

Accademia di Tarnheim, parte 2

Accademia di Tarnheim, parte 2 In piedi nudo nell'ufficio della signorina Krieger, la mia mente turbinava di emozioni fino a quel momento sconosciute. Mi sono sentito allo stesso tempo spaventato ed eccitato. Il mio fondoschiena brillava ancora di un rosso brillante per le spietate frustate che mi aveva dato la direttrice, e rabbrividivo ancora per le lascive provocazioni della sua lingua talentuosa. Mi sono sentito trasformato, ma in cosa? Aspettai con esitazione mentre la signorina Krieger si infilava metodicamente il suo attillato completo di pelle, non osando muoversi finché non veniva istruita. Alla fine si infilò i guanti di pelle nera...

395 I più visti

Likes 0

Il viaggiatore assetato

Per favore, segui questa storia perché ci vorrà un po 'per girare questa storia di come sono andate le cose. ************************************************** ************************************************** *************** Guardai il suo petto ansante nella fioca luce tremolante del motel. Tutto quello che ho saputo da lei è che si chiamava Mary ed era scappata dal Mississippi. Aveva percorso un'ottima distanza prima di imbattersi nella mia macchina e chiedermi un passaggio. Non sapeva che sarebbe stata l'ultima volta che avrebbe fatto l'autostop. Quando iniziò a svegliarsi dal suo sonno, cercai di non pensare ai ricordi che mi avevano portato qui, in questa piccola città della Louisiana, e...

429 I più visti

Likes 0

Punito dai dipendenti

Mi sono chinato sul marciapiede e ho raccolto la moneta che ho trovato. Giornata fortunata, ho pensato. Non capita tutti i giorni di trovare una moneta sul marciapiede. I soldi non sono facili da ottenere, mi sono rimproverato. Essere proprietario di un piccolo bar non è un compito facile. Sono stato solo per quasi tutta la mia vita. I miei genitori erano divorziati e comunque nessuno di loro si prendeva cura di me. Per loro ero solo un ragazzo da sfamare, tenere un tetto sopra la testa e un pesante fardello. Fortunatamente, ho superato tutta quella negatività che mi tratteneva. Ho...

200 I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

98 I più visti

Likes 0

L'elisir di lunga vita

Nota dell'autore:[/b] The Elixir of Life è apparso su xnxx l'anno scorso. Ho ricevuto molte e-mail che richiedevano che fosse ripubblicato ** Essere uno scienziato genetico non era privo di vantaggi. Quattro assistenti a tempo pieno, uffici lussuosi e non dimentichiamoci del nuovo tetto apribile Lexus. Lo avevano cacciato dalla Brewer Pharmaceutical Corporation l'autunno precedente, con il richiamo di nuove attrezzature di laboratorio all'avanguardia e il tipo di finanziamento senza fondo, a cui solo le agenzie governative sembrano avere accesso. Dr James Wilson - Senior Genetist proclamava la targa un po' ostentata che risiedeva all'altezza degli occhi sulla porta del suo...

581 I più visti

Likes 0

Il ciondolo 2

Il Ciondolo Capitolo due Il giorno dopo a scuola è stato un po' strano. Bobby continuava a guardarmi come se volesse dire qualcosa ma non lo fece. Continuavo ad aspettarmi che mi chiedesse cosa fosse successo al Ciondolo, ma non ha mai detto niente. Dopo la scuola non vedevo l'ora di usare di nuovo il Pendente. Quando sono tornato a casa ho deciso di farlo a letto questa volta perché il pavimento era troppo scomodo. Ho chiuso a chiave la porta, l'ho recuperata dal mio nascondiglio, mi sono spogliata e mi sono sdraiata sul letto. Ho guardato in basso e ho...

477 I più visti

Likes 0

Vendetta. Capitolo 1. (Revisionato)

Carmen Fox era seduta nella sua camera da letto buia con il bagliore del portatile come unica fonte di luce. I suoi capelli lunghi fino ai fianchi, lisci e nerissimi erano sparsi intorno a lei e sapeva che i suoi occhi azzurri riflettevano la luce del portatile. Non era stata impegnata a fare niente da quando Ross l'aveva lasciata. Ora passava la maggior parte dei suoi giorni a fare questo. Navigare in Internet e visitare siti Web come Google, Facebook e altre cose varie. Attualmente era su Facebook. Forse non farebbe male a niente visitare la sua pagina? Non sarebbe stato...

257 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.