Insegnanti Pet_(0)

2.6KReport
Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero.

Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di più di lei è stato il suo sorriso. Ha un sorriso che illumina una stanza. Sai il tipo che intendo. Quando sorride, sai solo che il resto della giornata sarà fantastico. All'inizio non mi prestava molta attenzione e quindi le mie prime settimane a scuola erano praticamente le stesse di ogni altro anno. Poi un giorno il mio insegnante di inglese Mr. Ballard ci ha dato l'incarico di scrivere un'analisi critica di un libro che abbiamo letto durante l'estate e le cose sono cambiate.

Non ero molto sicuro di quello che ho scritto o di come l'ho scritto, quindi in Home Room ho chiesto alla sig. Porter che lo esamini per me.

“Perché non chiedi al tuo insegnante di farlo? Lei chiese

"Sono un po' imbarazzato" dissi "e inoltre il signor Ballard mi fa venire i brividi" dissi non sapendo come avrebbe risposto.

“Oh capisco” disse e poi sorrise e si sporse verso di me sussurrandomi all'orecchio. "Anche a me fa venire i brividi" sussurrò con un sorriso e una risatina. "Ok, quando è dovuto" ha chiesto. Le ho detto che era dovuto il giorno successivo e lei ha detto che l'avrebbe letto durante il giorno e che avrei potuto ritirarlo dopo la mia ultima lezione della giornata.

Alla fine della giornata sono tornato nella sua classe e lei era seduta da sola alla sua scrivania con in mano il mio foglio. Mentre entravo, lei alzò lo sguardo e sorrise con quel sorriso di cui ti stavo parlando e disse "vieni dentro e lascia la porta aperta per favore". L'ho guardata in modo divertente e mi ha detto "Gli insegnanti non possono più essere soli in una stanza con uno studente con la porta chiusa. È la politica della scuola». Ha spiegato con un'alzata di spalle. Sono andato alla sua scrivania e sono rimasto lì mentre lei continuava a guardare il mio foglio.

“Bene Scott, posso chiamarti Scott? Lei disse

"Sì certo" le ho detto

“Questa non è una brutta prima bozza, ma penso che tu abbia mancato il bersaglio in alcuni punti. Se guardi dove l'ho segnato e fai qualche modifica, penso che potresti farne un foglio A. Mi è particolarmente piaciuto il modo in cui hai paragonato la scrittura a questa poesia, ma non riconosco l'autore".

"Questo è perché è mio" dissi un po' imbarazzato.

Si è seduta sulla sua sedia e mi ha guardato in modo divertente e ha detto "È bellissimo, dovresti scrivere più poesie".

"Non è davvero poesia." Ho detto "il loro testo per una canzone che ho scritto"

Lei sorrise e disse "Beh, mi piacerebbe sentirlo qualche volta"

“Beh, la nostra band suonerà al ballo della scuola questo venerdì e probabilmente la suonerò io allora. Se hai intenzione di essere lì."

“In effetti sarò uno degli accompagnatori per il ballo. Pensavo che sarebbe stata una specie di trascinamento, ma ora non vedo l'ora". Disse porgendomi il mio foglio. Ho lasciato la stanza e mi sono ritrovato in attesa di venerdì sera.

Beh, la sera del ballo abbiamo suonato un paio di set e durante uno degli intervalli ho annunciato che avrei suonato un paio di canzoni originali. L'ho fatto per vedere come andava la melodia prima di fare l'interrogatorio dell'intera band. Dopo aver suonato la canzone di cui alla signorina Porter piacevano le parole, le ho lanciato un'occhiata e c'era di nuovo quel sorriso. Ha annuito con la testa e penso che mi abbia strizzato l'occhio, ma non ne ero sicuro.

Per fortuna, il giorno dopo stavo tornando dalla biblioteca dove sono andato a scrivere testi ea fare ricerche di teoria musicale quando ho visto la signorina Porter che rastrellava un prato. Mi sono fermato sul marciapiede e l'ho fissata per un momento quando ha alzato lo sguardo dal suo rastrello e ha detto Ciao.

"Tu vivi qui?" chiesi, non avendo mai notato prima chi fosse che abitava in quella particolare casa

"Sì, quasi cinque anni ormai." Lei disse

Ho visto un secondo rastrello appoggiato all'albero, l'ho afferrato e ho iniziato a rastrellare.

"Non devi farlo." Ha detto "Posso farcela".

Ho solo sorriso e ho continuato a rastrellare. Circa un'ora dopo il cortile era pulito ed entrambi eravamo appoggiati o rastrelli.

«Be', immagino di doverti almeno una bibita fresca. Andiamo” disse mentre faceva strada in casa. Ha versato due limonate e ci siamo seduti al tavolo della cucina godendoci la bibita fresca quando ho notato una chitarra appoggiata al muro del soggiorno.

"Tu giochi?" chiesi indicando la chitarra.

"No, non proprio." Ha detto: "Ho cercato di imparare per anni, ma non credo di avere il talento per farlo.

"Non puoi essere così cattivo." Ho detto "Fammi sentire che suoni qualcosa"

Alzò le spalle e si avvicinò alla chitarra. Si sedette sul divano del soggiorno e così mi trasferii nella stanza e mi sedetti accanto a lei.

"Te la sei cercata." Ha detto mentre sceglieva la peggiore interpretazione di "Old Brown Jug" che abbia mai sentito. Guardò l'espressione sul mio viso e smise di suonare.

"Immagino che non dovrei lasciare il mio lavoro quotidiano." Lei disse

"Devo dirti che è piuttosto brutto." Le ho detto "Ma perché non inizi semplicemente suonando alcuni accordi e lavorando su una melodia?" Ho chiesto. "Conosci qualche accordo?" Ho chiesto e lei ha appena scosso la testa. Ho passato la mezz'ora successiva mostrandole e disegnando le immagini degli accordi maggiori e quando ebbi finito mi prese la mano, sorrise e mi ringraziò per la lezione. Questo sorriso era un po' diverso, questa volta ho visto qualcosa nei suoi occhi che prima le era mancato. Senza nemmeno pensarci ho detto “Se vuoi posso passare sabato prossimo a vedere come stai”.

“Sarebbe carino” disse e poi mi accompagnò alla porta.

La settimana trascorse velocemente e i due non si scambiarono più di qualche parola per tutto il tempo, ma quando mi guardò e sorrise c'era quel nuovo sguardo nei suoi occhi che mi fece meravigliare.

Venne il sabato e io andai a casa sua verso le due del pomeriggio. Quando sono arrivato lei era nel vialetto a prendere alcune borse dalla macchina e mi sono precipitato ad aiutarla.

"Sembra che tu sia sempre in giro quando ho del lavoro da fare." Disse mentre portavamo le valigie in casa. Sono uscito per prendere le ultime borse e quando sono entrato lei era in piedi davanti a un armadietto, in punta di piedi, che metteva via alcune cose su uno degli scaffali più alti. Mi sono avvicinato per cercare di darle una mano e quando l'ho toccata ha perso l'equilibrio e mi è caduta addosso. L'ho afferrata per il petto e quando l'ho fatto ho preso una grossa manciata del suo seno. Ci siamo ripresi rapidamente e lei mi ha ringraziato per averla catturata, ma quando mi ha guardato il sorriso era sparito ed è stato sostituito con qualcosa di più simile alla lussuria. Dopo aver messo via tutta la spesa siamo andati in soggiorno e lei ha preso la sua chitarra.

"Penso di aver abbassato gli accordi." Ha detto e ha continuato a suonarli uno dopo l'altro. L'ho fatto rifare e ho guidato le sue dita in alcuni punti in modo che l'accordo fosse più pulito quando lo suonava e poi si sedeva e diceva "È fantastico"

"Grande! Ha detto "A cosa servono questi accordi se non suona come una canzone?" lei chiese.

Mi sono seduto e ho pensato per un secondo e poi le ho preso la chitarra e ho detto "Questa è una canzone che ho scritto qualche giorno fa con solo gli accordi che mi hai appena mostrato. Ho suonato la prima strofa solo con gli accordi e la seconda con gli accordi e scegliendo una linea melodica e il ponte e il ritornello della canzone usando gli accordi, la linea melodica e alcune note di accento
.
"Questo è bello." Disse mentre poso la chitarra sul tavolo accanto a noi.

"Questi sono solo gli accordi che mi hai suonato pochi minuti fa." Ho detto. Se vuoi suonare così, tutto ciò che devi fare è esercitarti, chiudere gli occhi e metterci il cuore. Non so davvero cosa sia successo in quel momento, ma subito dopo ci siamo abbracciati l'un l'altro e ci stavamo baciando. I primi secondi sono stati molto appassionati e spontanei, ma presto hanno portato a baci dolci e più affettuosi. Senza dire una parola, abbiamo iniziato a spogliarci a vicenda. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi ad ammirarci a vicenda senza dire una parola. Il suo corpo era perfetto. I suoi seni erano delle dimensioni del mio pugno senza alcun cedimento e capezzoli delle dimensioni di un dollaro d'argento che succhiano circa un quarto di pollice. Aveva una vita sottile e belle gambe. Mentre guardavo in basso ho notato che si è rasata la figa in modo che si vedesse solo una ciocca di capelli biondi. Ho avuto un'erezione come non avevo mai avuto prima. Mi sentivo come se la cincia fosse alta tre metri e ondeggiasse nella brezza. Abbassò lo sguardo, avvolse la mano intorno al mio cazzo e iniziò ad accarezzarmi dolcemente. Con l'altra mano mi strofinò dolcemente le palle. Ci siamo baciati e i nostri salotti si sono mossi dentro e fuori l'uno dalla bocca dell'altro mentre lei lavorava il mio cazzo incredibilmente gonfio. Scivolò giù dal divano e ora era in ginocchio davanti a me guardandomi negli occhi quando abbassò la testa e fece scivolare la testa del mio cazzo nella sua bocca. Si muoveva su e giù prendendo sempre più di me con ogni movimento della sua testa.

"Oh merda" ho detto "Sto per venire". dissi mentre cercavo di staccarle la testa dal mio cazzo. Si tenne stretta e mosse sia la mano che la testa più velocemente mentre le esplodevo in bocca. Ha succhiato e ingoiato ogni goccia di sperma da me e quando ero vuoto ha continuato a succhiare fino all'ultimo bit. Crollai, sdraiandomi sul divano con gli occhi chiusi mentre lei toglieva la bocca dal mio cazzo ma continuava ad accarezzarmi.

"Ora tocca a me ha detto rilasciando il mio cazzo e sdraiandosi sul divano. Ha allargato le gambe e ha iniziato a giocare con la figa con le dita. Con l'altra mano ha allargato le labbra della figa e ha fatto scorrere il dito su e giù per l'ingresso alla sua fica mentre guardavo. Mi sono spostato e mi sono inginocchiato tra le sue gambe mettendo le mie dita dove erano le sue e lei le ha guidate su e giù per la sua figa mostrandomi quello che voleva. Ho spostato la testa tra le sue gambe e ho iniziato a leccarla e succhiarla sul suo clitoride.

"Sisss" disse mentre la mia lingua colpiva il suo clitoride. Ho avuto il suggerimento e ho iniziato a alternare colpetti con la lingua sul suo clitoride e succhiarlo.

"Ahhhhhhhhhhhhh" ha detto mentre aveva il suo primo orgasmo della giornata. La sborra ha iniziato a fuoriuscire da lei e ho bevuto più che potevo e poi ho iniziato a infilare la lingua in profondità nella sua figa e a scuotere la testa

"Dio sissss" disse mentre veniva una seconda volta.

A questo punto ero di nuovo duro e sapevo cosa volevamo entrambi. Ho alzato la testa, mi sono sdraiato su di lei prendendo una delle sue tette nella mia bocca e ho fatto scivolare il mio cazzo nella sua figa.

"Oh sì, scopami Scotty, per favore scopami forte." Ha detto come ho iniziato a martellare il mio cazzo nella sua figa fradicia. "Morditi il ​​capezzolo" mi implorò "fai male" disse mentre serravo i denti su uno dei suoi capezzoli.
"Ahhhhhhhhhhhhh" ha gridato mentre gettava la testa all'indietro e aveva il suo terzo orgasmo della giornata. Potevo sentire la sua sborra inzupparmi il cazzo e le palle e ho iniziato a sborrare dentro di lei. Ha sentito il calore del mio sperma esplodere in profondità dentro di lei e ha avuto un altro orgasmo avvolgendo le gambe intorno alla mia vita e scopandomi selvaggiamente.

"Oh sì scopami, scopami, scopami", ha urlato mentre entrambi ci battevamo i fianchi insieme in una frenesia selvaggia di lussuria. Quando entrambi ci siamo calmati, il mio uccello ha cominciato a diventare morbido e lei ha smesso di tremare dai suoi orgasmi multipli, ci siamo sdraiati l'uno nelle braccia dell'altro e ci siamo baciati dolcemente. Dopo qualche minuto ci siamo alzati e lei mi ha preso per mano portandomi in bagno. Ha aperto la doccia e mi ha trascinato con sé sotto l'acqua calda.

"Sai Miss. Porter" ho detto e lei ha iniziato a ridere

"Scott, penso che puoi iniziare a chiamarmi Patty quando non siamo a scuola" Disse dandomi un piccolo bacio sulle labbra mentre si insaponava le mani e iniziava a lavarmi il cazzo e le palle. In circa un minuto il suo lavaggio mi ha dato un'altra erezione e ha ricominciato a ridere.

"Oh Dio, ho creato un mostro." Ha detto mentre sorrideva e mi guidava nella sua figa ora ben fottuta.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.