Basi

2.9KReport
Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello...

Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro.

Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose "laggiù" avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene. Circa cinque minuti dopo, ho appreso che quando ripeto il nome di Linda Reed più e più volte con i pantaloni intorno alle caviglie, è una buona idea avere una scatola di kleenex o un asciugamano dal bagno nelle vicinanze.

E sono passati circa 5 millisecondi dopo che la mia sorellina Kait, in piedi sulla soglia, ha detto "Eewwww, schifoso! Cosa stai FACENDO?!?" che ho imparato che è importante chiudere a chiave la porta della tua camera da letto se hai intenzione di invocare il potere del nome di Linda Reed in quel modo.

Kait mi fissò mentre tenevo in mano il mio pene che si stava rimpicciolendo, lo sperma gocciolava sul pavimento davanti ai miei piedi. Rimasi lì nella mia stanza, preso letteralmente con i pantaloni abbassati, senza un posto dove andare, senza sapere cosa fare. Non potevo correre, perché a.) i miei pantaloni erano aggrovigliati intorno alle mie caviglie, b.) stavo gocciolando tutta questa strana roba bianca dappertutto, e c.) mia sorella era in piedi sulla soglia, tagliando qualsiasi possibilità di fuga.

Così ho urlato.

"Vattene da qui, piccolo idiota!"

"Che cos'è?" Kait mi urlò di rimando. Sono caduto a terra, cercando di nascondere il mio pene, tirarmi su i pantaloni e pulire il pasticcio che avevo appena fatto, tutto allo stesso tempo e tutto senza successo.

"Dio, vattene da qui!" Ho urlato: "Lasciami in pace!" Alla fine riuscii a tirarmi su i pantaloni e mi lanciai verso la porta. Ho spinto mia sorella fuori nel corridoio e le ho sbattuto la porta in faccia, poi sono caduto contro la porta, ansimando. Non sapevo cosa stesse succedendo e avevo paura.

Kait girò la maniglia e provò ad aprire la porta, ma io sprofondai e spinsi indietro. "Stai fuori!" Ho urlato. Bussò alla porta per alcuni secondi, poi si fermò. Sono strisciato indietro sul pavimento fino al punto in cui avevo spruzzato il mio sperma e ho cercato di asciugarlo con un paio di calzini. Poi mi sono seduto lì, spaventato.

Mamma e papà non erano ancora a casa dal lavoro, quindi andava bene. Ma Kait ha visto quello che avevo fatto, quindi è stato brutto. Non sapevo davvero cosa avevo appena fatto, quindi era un po' strano. Ma è stato davvero bello, qualunque cosa fosse, quindi è stato bello, immagino. Per quanto fossi spaventato, volevo riprovare. Ma Kait era ancora là fuori, quindi non potevo davvero... è stato un po' brutto. Valutando la situazione, ho deciso che dovevo prima occuparmi di Kait. Doveva assicurarsi che non dicesse nulla a mamma e papà quando tornavano a casa.

Mi sono alzato e ho fatto un respiro profondo, poi sono andato alla porta. "Kait!" Ho chiamato, "Kait, torna qui!" Ho aperto la porta e ho visto Kait seduta nel corridoio di fronte alla mia, a piangere.

La mia "sorellina" aveva poco meno di un anno meno di me. Crescendo così vicini di età, siamo sempre stati molto vicini e abbiamo passato molto tempo a suonare insieme. In effetti, avevamo appena smesso di fare il bagno insieme circa un anno prima, e facevamo ancora quasi tutto il resto insieme, quindi immagino che quando le ho urlato contro, ha davvero ferito i suoi sentimenti. Quando ho aperto la porta ha alzato lo sguardo e mi ha semplicemente guardato, non ha detto niente.

"Ehi, mi dispiace di averti urlato contro. Ma mi hai spaventato. Pensavo fossi giù nel seminterrato."

"No, ero quassù," disse, tirando su col naso. "Cosa stavi facendo?"

"Lo ero, non so." Non sapevo come chiamarlo. Ma almeno non stava minacciando di dirlo a mamma e papà. Quello era buono.

"Stavi giocando con il tuo pene. Ho visto."

"Sì, quindi perché hai chiesto se lo sapevi?"

"Non lo so. Perché l'hai fatto?"

Sospirai e mi voltai, tornando nella mia stanza. "Non lo so. È stato bello, immagino." Non appena l'ho detto, ho sentito il mio pene ricominciare a contrarsi, ma non avevo nemmeno pensato a Linda Reed. Era strano.

"Mamma e papà sanno che lo fai?" Eccolo lì. dovevo fare qualcosa.

"No," dissi, voltandomi a guardare Kait dritto negli occhi. "E non lo scopriranno," ringhiai in un certo senso, iniziando a stringere un pugno, "capito?"

Kait alzò gli occhi al cielo al mio tentativo di minacciarla e disse: "Va bene, ho capito". Si alzò in piedi e mi superò nella mia stanza, eliminando la "grinta" dalla mia minaccia mentre mi urtava, e andò a sedersi sul mio letto. "Quindi lo farai di nuovo?" lei chiese.

"Non lo so," risposi, iniziando a sentirmi frustrato con lei per non avermi lasciato solo. C'era di nuovo quella contrazione, il mio pene stava diventando duro da solo. Improvvisamente l'inizio di un'idea mi è venuta a metà. Sembrava un po' interessata. Forse se Kait ne facesse parte, non sarebbe in grado di dirlo a mamma e papà. Ho deciso di non cacciarla ancora. "Non l'ho mai fatto prima, ma è stato bello, quindi non so, potrei", borbottai mentre tornavo nella mia stanza e mi sedevo all'altro capo del mio letto.

"Come hai fatto?" lei chiese.

"Non lo so", dissi, "l'ho appena strofinato e la roba è uscita. Voglio dire, hai visto!"

"Sì, ma prima non era così grande."

C'era la mia occasione. "Non è tutto il tempo, solo a volte."

"Veramente?" lei chiese.

"Sì", ho detto. Ho aspettato un minuto, poi ho aggiunto: "Vuoi vedere?" Era questo. O direbbe di sì, e io potrei renderla partecipe di questo, o finirebbe e io sarei ancora più nei guai.

"Vuoi dire vederlo grande?"

"Non è grande in questo momento, stupido. Ma posso farlo diventare grande se vuoi vedere." Più trattenimento del respiro.

"Va bene, fammi vedere."

Mi alzai e aprii di nuovo i pantaloni. Ormai ero davvero nervoso, quindi si era ridotto alle sue normali dimensioni del mignolo. Mi sono abbassato i pantaloni e gliel'ho fatto vedere.

"OK, quindi come si fa a renderlo grande?" lei chiese.

"Devi promettere di non ridere," dissi. Kait annuì. "Linda Reed," ho iniziato. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed." Il suo nome iniziò ad avere l'effetto previsto. Il mio pene ha iniziato a contrarsi, allungarsi e sporgere di più. Kait mi guardava in modo strano mentre stavo lì a ripetere il nome di Linda più e più volte, ma lei non disse niente. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed", ho continuato. In poco tempo, rimasi lì davanti a mia sorella, mostrandole con orgoglio la mia piccola erezione di tre pollici.

"Eeww, è così grande", ha detto. "Perché lo fa?"

"Non lo so", dissi, "lo fa e basta".

"Quindi puoi far uscire la roba di nuovo?"

"Non lo so. Posso provare. Se vuoi vedere."

"Va bene," disse. Funzionava perfettamente. Stava per vedere l'intera cosa, e farne parte, e poi non poteva dirlo a mamma e papà.

Ho ricominciato a strofinare il mio pene come facevo prima. Kait guardò, e dopo pochi minuti sentii che le cose succedevano di nuovo laggiù come l'ultima volta. Ho guardato Kait e ho detto: "Penso che accadrà". E abbastanza sicuro, il mio pene ha iniziato a contrarsi di nuovo e un po' di sborra sputata fuori dalla fine. L'ho asciugato con un altro calzino, poi ho tirato su i pantaloni e mi sono seduto di nuovo sul letto.

"Ecco. Non so cosa sia, ma ora l'hai visto. Non posso dirlo a mamma e papà, ok?"

"Va bene," disse.

Proprio in quel momento abbiamo sentito la porta del garage aprirsi mentre mamma e papà tornavano a casa. Saltai in piedi e dissi a Kait: "Non dire niente, ricorda!" Poi l'ho spinta fuori dalla porta e le ho detto: "Ti mostrerò di più la prossima volta che escono, se vuoi, ma ora vai nella tua stanza".

"Va bene," disse.

Gettai i calzini asciugabili nella cesta e mi sdraiai sul letto, chiedendomi cosa sarebbe successo dopo.

Storie simili

Il genio di mio fratello - Capitolo 09

In un pub londinese, una ragazza si è seduta a uno dei tavoli. Con sé aveva il suo zainetto rosa e quello azzurro della sua amica appena andata al bar. Si guardò intorno, cogliendo l'aspetto completo del luogo. La gente se ne stava in giro a chiacchierare e bere, e alcuni stavano guardando un programma televisivo in cui alcuni uomini correvano in giro a calciarsi addosso un pallone. Mi ha chiesto un documento d'identità! disse Alexis mentre tornava con due drink. “Sono lusingato che pensi che sembri minorenne. Gli ho dato un altro paio di centimetri come ringraziamento. Ha una sorpresa...

1.6K I più visti

Likes 0

Sulla scia di una ninfomane 2

Sulla scia di una ninfomane Parte 3 Di John Morrison Benvenuto in Sonic, posso prendere il tuo ordine? chiesi al microfono. L'altoparlante crepitò un po'. Sì, voglio un frappè, disse una voce tranquilla di carestia. Che misura? Ho chiesto. Grande, ha risposto. È così? Ho chiesto. Sì, disse. Due minuti dopo sono uscito con il suo milkshake. «Due trentotto», dissi. Ora ho guardato la ragazza. Sembrava che si fosse appena laureata. Aveva capelli castani lisci con riflessi biondi. Mi ha dato una banconota da cinque dollari. «Tieni il resto» disse. «Grazie» dissi voltandomi. Aspetta, disse. Mi sono fermato e sono tornato...

949 I più visti

Likes 0

La mia amica Jackie

Ehi, tua mamma è a casa oggi? ha chiesto la mia ragazza, via SMS No, lavora fino alle 7, ho risposto. Okay, vengo da te e porto Jasmine. Voglio che tu le insegni a scopare prima che vada al college. E nel momento in cui quelle parole mi attraversarono gli occhi, rimasi scioccato. Anche se provo un profondo affetto per la mia ragazza, Jasmine è sempre stata con la coda dell'occhio e nel profondo della mia mente. Scoprire che era vergine è stata già di per sé una sorpresa, ma che la mia ragazza volesse che la scopassi è stato davvero...

737 I più visti

Likes 0

L'elisir di lunga vita

Nota dell'autore:[/b] The Elixir of Life è apparso su xnxx l'anno scorso. Ho ricevuto molte e-mail che richiedevano che fosse ripubblicato ** Essere uno scienziato genetico non era privo di vantaggi. Quattro assistenti a tempo pieno, uffici lussuosi e non dimentichiamoci del nuovo tetto apribile Lexus. Lo avevano cacciato dalla Brewer Pharmaceutical Corporation l'autunno precedente, con il richiamo di nuove attrezzature di laboratorio all'avanguardia e il tipo di finanziamento senza fondo, a cui solo le agenzie governative sembrano avere accesso. Dr James Wilson - Senior Genetist proclamava la targa un po' ostentata che risiedeva all'altezza degli occhi sulla porta del suo...

1.3K I più visti

Likes 0

Diventare maggiorenne anni dopo

Diventare maggiorenne anni dopo Mia sorella e i suoi due figli erano in vacanza a luglio, quando l'incendio divampò nella loro casa e in altre 3 nel loro isolato. Ho ricevuto una chiamata dai vigili del fuoco perché ero il contatto di emergenza e non avevo modo di contattarla. L'ho chiamata subito al cellulare ma non ho avuto risposta. Ho lasciato un messaggio. Ho chiamato anche mia nipote e ho lasciato un messaggio. Circa un'ora dopo ho ricevuto una chiamata da mia nipote. Le ho detto che dovevo parlare con sua madre e lei ha chiamato al telefono. Ho dato loro...

781 I più visti

Likes 0

Un mio bramoso desiderio per Tom 2

Beh, certo che lo amo. Stavo spiegando al telefono alla mia migliore amica Heather. Sei sicuro, e non è solo una cotta. Perché Hun gli hai lasciato prendere la tua verginità. Heather mi ha detto con cautela. Non permetterei a nessun ragazzo di farmi questo! Per cosa mi prendi, una puttana?! dissi scherzando. La nostra conversazione andò avanti per un po'. Voleva solo assicurarsi che fossi al sicuro e com'era. Erano circa le 9:30 quel venerdì ei miei genitori erano al casinò e io sono salito a bordo dopo aver parlato con Heather, quindi ho chiamato Thomas. Suo padre era via...

1.3K I più visti

Likes 0

La lavatrice

Perché non lo provi? I grandi occhi castani di Laura si spalancarono mentre un brivido cattivo le attraversava il corpo facendola rabbrividire un po' al solo pensiero. “Sii seria” disse Laura con un timido sorriso alla sua migliore amica Tally. Laura e Tally erano sedute in un bar come facevano normalmente durante la pausa cena a chiacchierare. Tally era stata la migliore amica di Laura da quando erano a scuola; qui erano ancora migliori amici all'età di 33 anni, anche lavorando nello stesso edificio per uffici. Quello di cui stavano parlando era un regalo che Laura aveva ricevuto per il suo...

991 I più visti

Likes 0

LEZIONI DI DOMINANZA: PARTE SECONDA

PROLOGO dalla prima parte: Naomi Dayne esce con Peter da sei o sette appuntamenti ormai, e sua madre, Miranda ha sentito che sua figlia si sta innamorando del giovane, e poiché è una dominante gelida, vuole sua figlia per continuare con la tradizione di famiglia della dominazione femminile dei maschi!!! Dopo aver sottoposto Peter a una serie di prove, Miranda alla fine gli schiaccia le palle tra le mani, rompendo efficacemente lo spirito di Peter lasciandogli un naufragio emotivo!!! Miranda quindi mette alla prova la capacità di Peter di soddisfarla oralmente e, con grande sollievo di Naomi, Peter porta sua madre...

2.3K I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

1.6K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.