Basi

1.1KReport
Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello...

Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro.

Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose "laggiù" avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene. Circa cinque minuti dopo, ho appreso che quando ripeto il nome di Linda Reed più e più volte con i pantaloni intorno alle caviglie, è una buona idea avere una scatola di kleenex o un asciugamano dal bagno nelle vicinanze.

E sono passati circa 5 millisecondi dopo che la mia sorellina Kait, in piedi sulla soglia, ha detto "Eewwww, schifoso! Cosa stai FACENDO?!?" che ho imparato che è importante chiudere a chiave la porta della tua camera da letto se hai intenzione di invocare il potere del nome di Linda Reed in quel modo.

Kait mi fissò mentre tenevo in mano il mio pene che si stava rimpicciolendo, lo sperma gocciolava sul pavimento davanti ai miei piedi. Rimasi lì nella mia stanza, preso letteralmente con i pantaloni abbassati, senza un posto dove andare, senza sapere cosa fare. Non potevo correre, perché a.) i miei pantaloni erano aggrovigliati intorno alle mie caviglie, b.) stavo gocciolando tutta questa strana roba bianca dappertutto, e c.) mia sorella era in piedi sulla soglia, tagliando qualsiasi possibilità di fuga.

Così ho urlato.

"Vattene da qui, piccolo idiota!"

"Che cos'è?" Kait mi urlò di rimando. Sono caduto a terra, cercando di nascondere il mio pene, tirarmi su i pantaloni e pulire il pasticcio che avevo appena fatto, tutto allo stesso tempo e tutto senza successo.

"Dio, vattene da qui!" Ho urlato: "Lasciami in pace!" Alla fine riuscii a tirarmi su i pantaloni e mi lanciai verso la porta. Ho spinto mia sorella fuori nel corridoio e le ho sbattuto la porta in faccia, poi sono caduto contro la porta, ansimando. Non sapevo cosa stesse succedendo e avevo paura.

Kait girò la maniglia e provò ad aprire la porta, ma io sprofondai e spinsi indietro. "Stai fuori!" Ho urlato. Bussò alla porta per alcuni secondi, poi si fermò. Sono strisciato indietro sul pavimento fino al punto in cui avevo spruzzato il mio sperma e ho cercato di asciugarlo con un paio di calzini. Poi mi sono seduto lì, spaventato.

Mamma e papà non erano ancora a casa dal lavoro, quindi andava bene. Ma Kait ha visto quello che avevo fatto, quindi è stato brutto. Non sapevo davvero cosa avevo appena fatto, quindi era un po' strano. Ma è stato davvero bello, qualunque cosa fosse, quindi è stato bello, immagino. Per quanto fossi spaventato, volevo riprovare. Ma Kait era ancora là fuori, quindi non potevo davvero... è stato un po' brutto. Valutando la situazione, ho deciso che dovevo prima occuparmi di Kait. Doveva assicurarsi che non dicesse nulla a mamma e papà quando tornavano a casa.

Mi sono alzato e ho fatto un respiro profondo, poi sono andato alla porta. "Kait!" Ho chiamato, "Kait, torna qui!" Ho aperto la porta e ho visto Kait seduta nel corridoio di fronte alla mia, a piangere.

La mia "sorellina" aveva poco meno di un anno meno di me. Crescendo così vicini di età, siamo sempre stati molto vicini e abbiamo passato molto tempo a suonare insieme. In effetti, avevamo appena smesso di fare il bagno insieme circa un anno prima, e facevamo ancora quasi tutto il resto insieme, quindi immagino che quando le ho urlato contro, ha davvero ferito i suoi sentimenti. Quando ho aperto la porta ha alzato lo sguardo e mi ha semplicemente guardato, non ha detto niente.

"Ehi, mi dispiace di averti urlato contro. Ma mi hai spaventato. Pensavo fossi giù nel seminterrato."

"No, ero quassù," disse, tirando su col naso. "Cosa stavi facendo?"

"Lo ero, non so." Non sapevo come chiamarlo. Ma almeno non stava minacciando di dirlo a mamma e papà. Quello era buono.

"Stavi giocando con il tuo pene. Ho visto."

"Sì, quindi perché hai chiesto se lo sapevi?"

"Non lo so. Perché l'hai fatto?"

Sospirai e mi voltai, tornando nella mia stanza. "Non lo so. È stato bello, immagino." Non appena l'ho detto, ho sentito il mio pene ricominciare a contrarsi, ma non avevo nemmeno pensato a Linda Reed. Era strano.

"Mamma e papà sanno che lo fai?" Eccolo lì. dovevo fare qualcosa.

"No," dissi, voltandomi a guardare Kait dritto negli occhi. "E non lo scopriranno," ringhiai in un certo senso, iniziando a stringere un pugno, "capito?"

Kait alzò gli occhi al cielo al mio tentativo di minacciarla e disse: "Va bene, ho capito". Si alzò in piedi e mi superò nella mia stanza, eliminando la "grinta" dalla mia minaccia mentre mi urtava, e andò a sedersi sul mio letto. "Quindi lo farai di nuovo?" lei chiese.

"Non lo so," risposi, iniziando a sentirmi frustrato con lei per non avermi lasciato solo. C'era di nuovo quella contrazione, il mio pene stava diventando duro da solo. Improvvisamente l'inizio di un'idea mi è venuta a metà. Sembrava un po' interessata. Forse se Kait ne facesse parte, non sarebbe in grado di dirlo a mamma e papà. Ho deciso di non cacciarla ancora. "Non l'ho mai fatto prima, ma è stato bello, quindi non so, potrei", borbottai mentre tornavo nella mia stanza e mi sedevo all'altro capo del mio letto.

"Come hai fatto?" lei chiese.

"Non lo so", dissi, "l'ho appena strofinato e la roba è uscita. Voglio dire, hai visto!"

"Sì, ma prima non era così grande."

C'era la mia occasione. "Non è tutto il tempo, solo a volte."

"Veramente?" lei chiese.

"Sì", ho detto. Ho aspettato un minuto, poi ho aggiunto: "Vuoi vedere?" Era questo. O direbbe di sì, e io potrei renderla partecipe di questo, o finirebbe e io sarei ancora più nei guai.

"Vuoi dire vederlo grande?"

"Non è grande in questo momento, stupido. Ma posso farlo diventare grande se vuoi vedere." Più trattenimento del respiro.

"Va bene, fammi vedere."

Mi alzai e aprii di nuovo i pantaloni. Ormai ero davvero nervoso, quindi si era ridotto alle sue normali dimensioni del mignolo. Mi sono abbassato i pantaloni e gliel'ho fatto vedere.

"OK, quindi come si fa a renderlo grande?" lei chiese.

"Devi promettere di non ridere," dissi. Kait annuì. "Linda Reed," ho iniziato. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed." Il suo nome iniziò ad avere l'effetto previsto. Il mio pene ha iniziato a contrarsi, allungarsi e sporgere di più. Kait mi guardava in modo strano mentre stavo lì a ripetere il nome di Linda più e più volte, ma lei non disse niente. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed", ho continuato. In poco tempo, rimasi lì davanti a mia sorella, mostrandole con orgoglio la mia piccola erezione di tre pollici.

"Eeww, è così grande", ha detto. "Perché lo fa?"

"Non lo so", dissi, "lo fa e basta".

"Quindi puoi far uscire la roba di nuovo?"

"Non lo so. Posso provare. Se vuoi vedere."

"Va bene," disse. Funzionava perfettamente. Stava per vedere l'intera cosa, e farne parte, e poi non poteva dirlo a mamma e papà.

Ho ricominciato a strofinare il mio pene come facevo prima. Kait guardò, e dopo pochi minuti sentii che le cose succedevano di nuovo laggiù come l'ultima volta. Ho guardato Kait e ho detto: "Penso che accadrà". E abbastanza sicuro, il mio pene ha iniziato a contrarsi di nuovo e un po' di sborra sputata fuori dalla fine. L'ho asciugato con un altro calzino, poi ho tirato su i pantaloni e mi sono seduto di nuovo sul letto.

"Ecco. Non so cosa sia, ma ora l'hai visto. Non posso dirlo a mamma e papà, ok?"

"Va bene," disse.

Proprio in quel momento abbiamo sentito la porta del garage aprirsi mentre mamma e papà tornavano a casa. Saltai in piedi e dissi a Kait: "Non dire niente, ricorda!" Poi l'ho spinta fuori dalla porta e le ho detto: "Ti mostrerò di più la prossima volta che escono, se vuoi, ma ora vai nella tua stanza".

"Va bene," disse.

Gettai i calzini asciugabili nella cesta e mi sdraiai sul letto, chiedendomi cosa sarebbe successo dopo.

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

1.2K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

1.3K I più visti

Likes 0

Più di un semplice cane: Bruno e Traci

Mi chiamo Traci Holiday e il nome del mio amante è Bruno. Ci siamo trasferiti di recente in questo delizioso cottage e ora lavoro principalmente da casa. La maggior parte dei giorni sono nel mio ufficio con Bruno nel suo angolo o ai miei piedi. Eravamo solo io e Bruno ora, due individui completamente sintonizzati sui bisogni e sui desideri dell'altro. Sessualmente, non c'è mai stato alcun dubbio quando Bruno mi voleva. Se fossi alla mia scrivania, mi aprirebbe le cosce e infilerebbe la testa tra le mie gambe; se fossi in piedi, spingerebbe il naso tra le mie cosce e...

982 I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

1K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Raj e Sofia

Sono Raj ancora una volta qui Un giorno ho ricevuto una mail da qualcuno di nome Sophia. Nella posta, ha detto di aver esaminato i miei messaggi e che le è piaciuto molto. Mi ha anche chiesto se sarei interessato a chattare con lei. Inizialmente ero un po' sospettoso a causa della mia esperienza nelle chat room dove ci sono più uomini che si atteggiano a donne che donne reali. Tuttavia, ho risposto a quella mail e ho detto che sarò disponibile online durante le serate. Ho ricevuto una risposta alla mia risposta dopo un paio di giorni dicendomi che Sophia...

941 I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

1.2K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

924 I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero una possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se ne è andato, abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui è partito. Si è ubriacata parecchio. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa - l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide se stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho...

651 I più visti

Likes 0

Dolce tortura

Entro nella stanza e tu mi bendi, mi conduci al letto e mi dici di spogliarmi. Mi tolgo lentamente la maglietta. Mentre lo sollevo sopra la mia testa, sento che ti allunghi, metti le mani nel mio reggiseno e mi pizzichi i capezzoli, forte. Trattengo il respiro, rabbrividendo, le mani che mi tengono la maglietta sul viso, e aspetto. Poi ti allontani e so che dovrei continuare. Tolgo la maglietta e la metto da parte. Apro la gonna, la faccio scivolare sui fianchi, fino alle caviglie, e la tolgo con un calcio. Mi allungo indietro e sgancio il reggiseno e lo...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.