Basi

2.4KReport
Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello...

Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro.

Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose "laggiù" avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene. Circa cinque minuti dopo, ho appreso che quando ripeto il nome di Linda Reed più e più volte con i pantaloni intorno alle caviglie, è una buona idea avere una scatola di kleenex o un asciugamano dal bagno nelle vicinanze.

E sono passati circa 5 millisecondi dopo che la mia sorellina Kait, in piedi sulla soglia, ha detto "Eewwww, schifoso! Cosa stai FACENDO?!?" che ho imparato che è importante chiudere a chiave la porta della tua camera da letto se hai intenzione di invocare il potere del nome di Linda Reed in quel modo.

Kait mi fissò mentre tenevo in mano il mio pene che si stava rimpicciolendo, lo sperma gocciolava sul pavimento davanti ai miei piedi. Rimasi lì nella mia stanza, preso letteralmente con i pantaloni abbassati, senza un posto dove andare, senza sapere cosa fare. Non potevo correre, perché a.) i miei pantaloni erano aggrovigliati intorno alle mie caviglie, b.) stavo gocciolando tutta questa strana roba bianca dappertutto, e c.) mia sorella era in piedi sulla soglia, tagliando qualsiasi possibilità di fuga.

Così ho urlato.

"Vattene da qui, piccolo idiota!"

"Che cos'è?" Kait mi urlò di rimando. Sono caduto a terra, cercando di nascondere il mio pene, tirarmi su i pantaloni e pulire il pasticcio che avevo appena fatto, tutto allo stesso tempo e tutto senza successo.

"Dio, vattene da qui!" Ho urlato: "Lasciami in pace!" Alla fine riuscii a tirarmi su i pantaloni e mi lanciai verso la porta. Ho spinto mia sorella fuori nel corridoio e le ho sbattuto la porta in faccia, poi sono caduto contro la porta, ansimando. Non sapevo cosa stesse succedendo e avevo paura.

Kait girò la maniglia e provò ad aprire la porta, ma io sprofondai e spinsi indietro. "Stai fuori!" Ho urlato. Bussò alla porta per alcuni secondi, poi si fermò. Sono strisciato indietro sul pavimento fino al punto in cui avevo spruzzato il mio sperma e ho cercato di asciugarlo con un paio di calzini. Poi mi sono seduto lì, spaventato.

Mamma e papà non erano ancora a casa dal lavoro, quindi andava bene. Ma Kait ha visto quello che avevo fatto, quindi è stato brutto. Non sapevo davvero cosa avevo appena fatto, quindi era un po' strano. Ma è stato davvero bello, qualunque cosa fosse, quindi è stato bello, immagino. Per quanto fossi spaventato, volevo riprovare. Ma Kait era ancora là fuori, quindi non potevo davvero... è stato un po' brutto. Valutando la situazione, ho deciso che dovevo prima occuparmi di Kait. Doveva assicurarsi che non dicesse nulla a mamma e papà quando tornavano a casa.

Mi sono alzato e ho fatto un respiro profondo, poi sono andato alla porta. "Kait!" Ho chiamato, "Kait, torna qui!" Ho aperto la porta e ho visto Kait seduta nel corridoio di fronte alla mia, a piangere.

La mia "sorellina" aveva poco meno di un anno meno di me. Crescendo così vicini di età, siamo sempre stati molto vicini e abbiamo passato molto tempo a suonare insieme. In effetti, avevamo appena smesso di fare il bagno insieme circa un anno prima, e facevamo ancora quasi tutto il resto insieme, quindi immagino che quando le ho urlato contro, ha davvero ferito i suoi sentimenti. Quando ho aperto la porta ha alzato lo sguardo e mi ha semplicemente guardato, non ha detto niente.

"Ehi, mi dispiace di averti urlato contro. Ma mi hai spaventato. Pensavo fossi giù nel seminterrato."

"No, ero quassù," disse, tirando su col naso. "Cosa stavi facendo?"

"Lo ero, non so." Non sapevo come chiamarlo. Ma almeno non stava minacciando di dirlo a mamma e papà. Quello era buono.

"Stavi giocando con il tuo pene. Ho visto."

"Sì, quindi perché hai chiesto se lo sapevi?"

"Non lo so. Perché l'hai fatto?"

Sospirai e mi voltai, tornando nella mia stanza. "Non lo so. È stato bello, immagino." Non appena l'ho detto, ho sentito il mio pene ricominciare a contrarsi, ma non avevo nemmeno pensato a Linda Reed. Era strano.

"Mamma e papà sanno che lo fai?" Eccolo lì. dovevo fare qualcosa.

"No," dissi, voltandomi a guardare Kait dritto negli occhi. "E non lo scopriranno," ringhiai in un certo senso, iniziando a stringere un pugno, "capito?"

Kait alzò gli occhi al cielo al mio tentativo di minacciarla e disse: "Va bene, ho capito". Si alzò in piedi e mi superò nella mia stanza, eliminando la "grinta" dalla mia minaccia mentre mi urtava, e andò a sedersi sul mio letto. "Quindi lo farai di nuovo?" lei chiese.

"Non lo so," risposi, iniziando a sentirmi frustrato con lei per non avermi lasciato solo. C'era di nuovo quella contrazione, il mio pene stava diventando duro da solo. Improvvisamente l'inizio di un'idea mi è venuta a metà. Sembrava un po' interessata. Forse se Kait ne facesse parte, non sarebbe in grado di dirlo a mamma e papà. Ho deciso di non cacciarla ancora. "Non l'ho mai fatto prima, ma è stato bello, quindi non so, potrei", borbottai mentre tornavo nella mia stanza e mi sedevo all'altro capo del mio letto.

"Come hai fatto?" lei chiese.

"Non lo so", dissi, "l'ho appena strofinato e la roba è uscita. Voglio dire, hai visto!"

"Sì, ma prima non era così grande."

C'era la mia occasione. "Non è tutto il tempo, solo a volte."

"Veramente?" lei chiese.

"Sì", ho detto. Ho aspettato un minuto, poi ho aggiunto: "Vuoi vedere?" Era questo. O direbbe di sì, e io potrei renderla partecipe di questo, o finirebbe e io sarei ancora più nei guai.

"Vuoi dire vederlo grande?"

"Non è grande in questo momento, stupido. Ma posso farlo diventare grande se vuoi vedere." Più trattenimento del respiro.

"Va bene, fammi vedere."

Mi alzai e aprii di nuovo i pantaloni. Ormai ero davvero nervoso, quindi si era ridotto alle sue normali dimensioni del mignolo. Mi sono abbassato i pantaloni e gliel'ho fatto vedere.

"OK, quindi come si fa a renderlo grande?" lei chiese.

"Devi promettere di non ridere," dissi. Kait annuì. "Linda Reed," ho iniziato. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed." Il suo nome iniziò ad avere l'effetto previsto. Il mio pene ha iniziato a contrarsi, allungarsi e sporgere di più. Kait mi guardava in modo strano mentre stavo lì a ripetere il nome di Linda più e più volte, ma lei non disse niente. "Linda Reed, Linda Reed, Linda Reed", ho continuato. In poco tempo, rimasi lì davanti a mia sorella, mostrandole con orgoglio la mia piccola erezione di tre pollici.

"Eeww, è così grande", ha detto. "Perché lo fa?"

"Non lo so", dissi, "lo fa e basta".

"Quindi puoi far uscire la roba di nuovo?"

"Non lo so. Posso provare. Se vuoi vedere."

"Va bene," disse. Funzionava perfettamente. Stava per vedere l'intera cosa, e farne parte, e poi non poteva dirlo a mamma e papà.

Ho ricominciato a strofinare il mio pene come facevo prima. Kait guardò, e dopo pochi minuti sentii che le cose succedevano di nuovo laggiù come l'ultima volta. Ho guardato Kait e ho detto: "Penso che accadrà". E abbastanza sicuro, il mio pene ha iniziato a contrarsi di nuovo e un po' di sborra sputata fuori dalla fine. L'ho asciugato con un altro calzino, poi ho tirato su i pantaloni e mi sono seduto di nuovo sul letto.

"Ecco. Non so cosa sia, ma ora l'hai visto. Non posso dirlo a mamma e papà, ok?"

"Va bene," disse.

Proprio in quel momento abbiamo sentito la porta del garage aprirsi mentre mamma e papà tornavano a casa. Saltai in piedi e dissi a Kait: "Non dire niente, ricorda!" Poi l'ho spinta fuori dalla porta e le ho detto: "Ti mostrerò di più la prossima volta che escono, se vuoi, ma ora vai nella tua stanza".

"Va bene," disse.

Gettai i calzini asciugabili nella cesta e mi sdraiai sul letto, chiedendomi cosa sarebbe successo dopo.

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

2K I più visti

Likes 0

Il programma di formazione porta al sesso incredibile Parte 1

Hari è entrato nell'aula di formazione. Il programma di formazione era fuori stazione in un hotel e durava 2 settimane. Si chiese come avrebbe ammazzato il tempo durante la sera e nei fine settimana. Ha esaminato la classe e ha visto un mix di uomini e donne giovani e di mezza età. Ha intervistato le donne e su 15 donne ha trovato 5 donne belle e interessanti. Le 5 donne avevano un'età compresa tra i 25 ei 40 anni. Si chiese se sarebbe stato in grado di fare qualcosa o solo di pensarci e di masturbarsi. Si chiedeva pigramente quale fosse...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.