Ancora insieme

749Report
Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre.

Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver conosciuto Gina, la figlia di DeRonda, avevo anche detto a Kim che John e Gina si erano innamorati quando John aveva 17 anni. Kim aveva molte domande per me mentre ci sedevamo e parlavamo.

"Janet, è per questo che John ha perso interesse per me al liceo?" mi ha chiesto Kim mentre si asciugava altre lacrime.

Ho detto a Kim che credevo fosse così. Ho detto a Kim che dovrebbe essere qualcosa che dovrebbe davvero chiedere a John. Ho anche detto a Kim che potevo capire perché aveva come Gina era una ragazza molto bella e sensuale allora e anche adesso.

"John non vorrà nemmeno vedermi e se lo fa perché si preoccuperebbe anche di me dato che ha te e Gina con cui giocare", "Sono solo grassa e brutta ora", ha aggiunto Kim, mentre iniziava a piangere anche Di Più.

All'improvviso abbiamo sentito John che diceva: "Kim, non sei brutta e non lo sei mai stata", "Certo che potresti aver aggiunto qualche chilo, ma avere un bambino ti fa questo".

Entrambi alzammo lo sguardo e trovammo John in piedi sulla soglia della nostra camera da letto. Kim ha afferrato le lenzuola per coprire il suo corpo. Mi sono seduto lì a guardarlo dal letto.

"Janet, ti ho chiesto di non dire a John che ho avuto un bambino", ha detto Kim mentre mi guardava con delusione sul viso.

John ha risposto: "Janet non me l'ha detto Kim, l'ho scoperto da mia zia".

“DeRonda te l'ha detto John,” “Mi ha promesso che non te l'avrebbe detto,” risposi con la stessa delusione sul mio viso.

"Me l'ha detto perché voleva assicurarsi che il bambino non fosse mio, se lo fosse stato..." disse John interrompendosi improvvisamente.

"E se fosse stato John?" Ho chiesto come Kim e io in attesa della sua risposta.

"Avrei fatto la cosa giusta Janet, avrei sposato Kim", ha risposto John.

"Avresti John", disse Kim con la testa inclinata verso John.

Ho abbassato la testa quando ho sentito che non pensavo che John l'avrebbe sposata anche se fosse stato il suo bambino. Sono rimasto un po' deluso di averlo sentito dire che, per quanto conoscendo John come lo conosco adesso, so che avrebbe fatto una cosa onorevole.

"Potresti farmi un piccolo favore?" chiese Giovanni con un sorriso sulle labbra.

"Cos'è quel Giovanni?" Kim ed io glielo abbiamo chiesto all'unisono.

"Voi due, per favore, alzatevi dal mio letto, infilatevi dei vestiti e incontratemi in soggiorno", "Ragazzi mi state facendo palpitare il cazzo", disse John mentre tirava il suo cazzo duro e palpitante attraverso i pantaloni da jogging.

Kim ed io abbiamo guardato entrambi il suo cazzo. Il suo cazzo stava tendendo fuori dai suoi pantaloni. Ci siamo sorrisi entrambi mentre si girava e si allontanava. Sono scivolato dal letto e sono entrato nel cassetto di John dove ho tirato fuori le maglie da calcio oversize. Ne ho lanciato uno a Kim e l'altro mi ha fatto scivolare addosso.

La maglia mi calzava liberamente dove, come su Kim, mostrava molto bene quelle sue grandi tette lattiginose. Kim mi prese per mano mentre stavamo lì in camera da letto. Kim mi ha dato un bacio veloce sulle mie labbra prima che me lo dicesse.

"Janet, ti amo, ricordalo, qualunque cosa accada", disse Kim mentre staccava le sue labbra dalle mie.

"Ti amo anch'io Kim", risposi mentre uscivamo dalla camera da letto.

Siamo usciti in soggiorno. John era in cucina e ci ha detto di sederci sul divano che sarebbe stato con noi in un secondo. Kim ed io ci sedemmo sul divano tenendoci per mano. La testa di Kim si abbassò sul suo petto non appena si sedette. Potevo sentire la sua mano tremare mentre strinse forte la mia nella sua.

John entrò con due bicchieri di vino. Ci ha consegnato un bicchiere a entrambi dicendoci che avremmo potuto averne bisogno. John si voltò e tornò in cucina. Kim ed io ci siamo guardati prima che entrambi bevessimo un grande sorso dai nostri bicchieri. Quando John tornò in soggiorno, Kim mi strinse ancora una volta la mano.

John si avvicinò a noi; aveva in mano tre rose singole e un bicchiere di vino per sé. Diede a Kim una rosa rossa in piena fioritura e le disse che questa era per lei, John me ne porse una rossa che era appena in boccio mentre mi disse che una era per me. Ci ha detto che la rosa bianca era per lui.

John si fermò davanti a noi dicendo: "Quella singola rosa rossa che ho appena dato a entrambi è un segno di un amore molto profondo che ho per entrambi". "In epoca romana, quella singola rosa era il simbolo di Venere, la dea dell'amore come lo siete entrambi per me." "Il colore rosso brillante simboleggia l'amore romantico e duraturo che ho apprezzato con entrambi." mentre sorrideva e i suoi occhi brillavano su entrambi.

John fece un respiro piuttosto profondo e guardò Kim mentre diceva: "Kim, la rosa in fiore che ti ho dato, trasmette il messaggio che ti amo ancora", le disse mentre le sorrideva.

John si è girato verso di me e ha messo la sua mano lungo il lato del mio viso dicendo: "Janet, quella rosa in erba rappresenta l'amore per la prima volta o un amore giovanile che è innocente e fresco come lo è stato il nostro amore reciproco", prima di mi diede un piccolo bacio veloce sulle mie labbra.

John teneva in mano la rosa bianca mentre diceva: "Tengo la rosa bianca che ne contiene due, il che significa che uno è per dire che mi dispiace per qualcosa che è successo in passato". "L'altro è simboleggiare l'amore eterno, l'onore e il rispetto che ho nel mio cuore per entrambi", mentre guardava tra me e Kim.

John ha preso la sua rosa bianca e l'ha tesa davanti a noi dicendo: "Janet, tocca la tua rosa con la mia", cosa che ho fatto. John guardò Kim e disse: "Kim, porta la tua rosa alla nostra".

Le nostre rose erano tutte insieme come una cosa sola quando John disse: "La rosa rossa e bianca insieme simboleggia l'unità che noi tre avevamo in una volta", "Spero che noi tre possiamo far rivivere quell'unità che avevamo una volta".

John ha detto a me e Kim di tenere insieme le tre rose in mano. Kim ed io abbiamo fatto come aveva chiesto. John prese il suo bicchiere di vino e lo porse a noi. John ci ha chiesto di unirci a lui in un brindisi.

Mentre i nostri occhiali toccavano, John disse: "Alla vita che amiamo con coloro che amiamo".

Noi tre tracannammo i nostri bicchieri di vino. Kim ha guardato me e io ho guardato lei. Ho visto una lacrima solitaria scorrerle lungo la guancia mentre una scendeva sulla mia. Ci siamo abbracciati velocemente prima di rivolgerci a John.

"John, sono state proprio le parole più romantiche e dolci che ti abbia mai sentito dire", dissi mentre gli sorridevo.

Kim si voltò verso John e, abbassando la testa, disse: "John, mi dispiace davvero per il dolore che ho causato a te e Janet". "Non vedo l'ora di mostrarti che puoi fidarti ancora una volta di me non solo come amante ma come vero amico." "Perché anch'io voglio quell'unità che tutti noi una volta dovevamo restituire", "Spero solo che voi due possiate perdonarmi".

Kim teneva la testa china verso il pavimento mentre sedeva accanto a me. John mi guardò come io guardavo lui. John mi sorrise come io gli sorridevo. Entrambi abbiamo preso un dito e lo abbiamo messo sotto il mento di Kim. Le abbiamo rialzato la testa dal petto.

"Ti perdoniamo Kim", John e io le abbiamo detto entrambi all'unisono.

Kim ci ha sorriso entrambi mentre ha risposto: "Grazie a voi due".

John ci ha preso per mano e ci ha tirato su dal divano. John avvolse quelle adorabili braccia intorno a noi entrambi. Ha tirato Kim e me strettamente nel suo corpo mentre ci abbracciava. John ci ha tenuto tra le sue braccia per molto tempo. Alla fine ha rotto il nostro abbraccio mentre si allontanava da noi.

John guardò la maglietta che indossava. C'erano due punti bagnati di buone dimensioni sulla sua maglietta. John mi guardò poi a Kim. John guardò la maglia che indossava Kim. I capezzoli di Kim erano duri e premevano strettamente contro la sua maglietta. La maglia di Kim aveva gli stessi punti bagnati della maglietta di John.

"È quello che penso che sia?" John chiese incerto di lui.

"Certo che lo è e dovresti assaggiarlo", ho risposto mentre sollevavo la maglia sopra la testa di Kim.

Le mani e le braccia di Kim coprivano il suo corpo mentre le toglievo la maglia. Si vedeva che era imbarazzata nel mostrare a John il suo corpo. Ho guardato John e gli ho semplicemente dato un'occhiata. John sapeva cosa volevo che facesse.

John ha preso le mani di Kim e le ha tirate giù lungo i suoi fianchi dicendo: "Sarai sempre adorabile ai miei occhi, non importa cosa Kim", Non nascondere mai il tuo corpo da me, ti amo per te", mentre avvolgeva quelle braccia intorno a lei. Deve averlo fatto anche lui perché sfoggiava una grossa erezione nei suoi pantaloni da jogging.

Rimasi lì accanto a quei due come avevo fatto molte volte prima. Li ho guardati mentre si baciavano. Le loro labbra si incontrarono e si baciarono come avevano fatto tante volte prima. Potrebbe non esserci stata la stessa passione di una volta, ma è stato comunque un bacio premuroso e amorevole. L'unica differenza questa volta era quella lacrima solitaria che scorreva lungo la guancia di Kim.

Quando John interruppe il loro bacio, spinsi gentilmente Kim sul divano mentre mi tiravo la maglia sopra la testa. Mi sono seduto accanto a lei nuda com'era. Ho messo il mio braccio sopra la sua spalla mentre guardavo John.

"Spogliati per noi John", dissi mentre gli sorridevo e poi a Kim.

"Certo, ragazze", rispose John mentre andava ad accendere un po' di musica.

John tornò e spinse il tavolino da caffè dalla parte anteriore del divano. Mentre la musica suonava in sottofondo, John ondeggiava al ritmo della musica. Poi guardò Kim verso di me mentre sollevava lentamente la maglietta sopra lo stomaco. La mano di Kim è andata alla mia quando abbiamo visto quegli addominali ben definiti.

La mano di Kim strinse la mia mentre alzava la maglietta. John si tolse la maglietta e mentre la faceva roteare sopra la sua testa, fletté quei suoi adorabili pettorali. Rimbalzavano su e giù a ritmo di musica. Potevo sentire la mia figa iniziare a contorcersi mentre lo guardavo. Ho rimosso la mia mano da quella di Kim mentre la posavo sulla sua coscia.

Kim ha messo la sua mano sulla mia coscia e abbiamo visto John ballare davanti a noi. John ha messo la sua mano sopra la sua testa e ha fletteto quegli adorabili muscoli delle braccia grandi e i suoi pettorali allo stesso tempo. La mia mano ha accarezzato la coscia di Kim mentre la sua ha fatto lo stesso con la mia. Ho sentito Kim dividere le gambe mentre la mia mano si avvicinava alla sua figa.

Ho immerso la mia mano tra le sue gambe aperte mentre aprivo le mie gambe per la sua mano. Le mie dita scorrevano sulla sua figa, che già gocciolava dei suoi succhi. Ho guardato Kim, i suoi occhi erano incollati su John mentre ballava davanti a noi. Kim ha infilato un dito nella mia figa bagnata mentre John ci ha voltato le spalle.

Kim ha iniziato a prendere il dito dentro e fuori dalla mia figa. Il suo tocco ha fatto contrarre la mia figa ancora di più. Mentre John ci scuoteva quel bel sedere, anch'io infilai un dito nella figa di Kim. La figa di Kim mi ha succhiato il dito mentre si girava verso di me. Le labbra di Kim hanno incontrato le mie e ci siamo bloccati in un profondo bacio appassionato mentre le nostre dita entravano e uscivano dalla nostra figa.

Abbiamo rotto il nostro bacio quando John si è abbassato i pantaloni mostrando quel suo bel sedere. Ho infilato due dita nella figa calda e bagnata di Kim mentre iniziava a sbatterci contro il suo bel sedere. I miei succhi scorrevano su un dito di Kim mentre metteva il pollice sul mio clitoride.

“Ahhh,” gemetti mentre Kim premeva contro il mio clitoride con il pollice.

John ha ballato il sedere mentre girava quel corpo caldo e ben definito di nuovo di fronte a noi. Si è sfilato i pantaloni da jogging mentre ci sorrideva. John era in piedi nudo davanti a noi. Ricominciò a ballare.

Il cazzo duro e palpitante di John rimbalzava su e giù mentre muoveva il suo corpo al ritmo della musica. I miei occhi hanno seguito ogni rimbalzo del suo cazzo. Ho guardato Kim i cui occhi erano su quel suo cazzo duro e palpitante. Ho sentito Kim infilare un altro dito nella mia scatola in fiamme.

"Dio Janet, è ancora più bello di quanto ricordassi", "I suoi muscoli sono così ben definiti e quel bel cazzo sembra così invitante", tubò Kim mentre sentivo le sue gambe aprirsi ancora di più.

Quando le gambe di Kim si aprirono, infilai un terzo dito nella sua figa glabra. Kim gemette forte mentre le mie dita lo facevano scorrere e uscivano dalla sua figa. Il pollice di Kim ora stava inciampando sul mio clitoride mentre lavorava le dita dentro e fuori la mia figa. Ho avuto un rapido orgasmo sulle sue dita mentre la guardavo mentre fissava John.

"John, gioca con il tuo cazzo per noi", gli ho detto mentre cambiavo posizione sul divano.

Le dita e il pollice di Kim hanno lasciato la mia figa mentre mi chino per baciarle i capezzoli. Le mie labbra toccarono l'una e poi l'altro dei suoi seni, mentre passavo la lingua sui suoi capezzoli. Si sono induriti all'istante quando la mia lingua li ha attraversati. Ho guardato e ho visto che John era lì in piedi ad accarezzarsi il cazzo.

Mi stava guardando mentre giocavo con le enormi tette piene di latte di Kim. Ho messo la mia mano attorno a una di quelle sue enormi brocche di latte. L'ho spremuto facendole schizzare il latte dalle tette. Ho preso la mia lingua e ho leccato il latte mentre schizzava dalla sua tetta.

“John avvicinati,” dissi guardando verso di lui.

Ho spremuto e munto la tetta di Kim finché il suo latte non scorreva dal suo capezzolo. Ho diretto il suo latte spray sul cazzo di John. Il latte cadde sul suo cazzo e sulle sue palle pendenti. John si è strofinato tutto sul cazzo mentre guardava il latte che schizzava dalla tetta di Kim. Ho piegato ulteriormente le mie tre dita nella figa bagnata di Kim. Stavo cercando il suo posto speciale.

"Janet, posso succhiargli il cazzo?" mi chiese Kim in tono implorante.

"John ha lasciato che Kim ti succhi il cazzo", ho detto mentre guardavo Kim.

Kim mi sorrise mentre rispondeva: "Grazie Janet, è passato molto tempo che avevo quel bel cazzo in bocca", tubò Kim mentre iniziavo a succhiarle la tetta.

Kim le prese la mano e l'avvolse attorno al cazzo palpitante di John. Lo ha pompato un paio di volte prima di avvolgerlo con le labbra. Kim ha inalato il cazzo di John in profondità nella sua bocca. Deve essersi esercitata perché non l'ho mai vista in gola profonda con il suo cazzo in quel modo prima.

"OHhhh Dam ragazza succhiami", gemette John mentre Kim prendeva tutto il suo cazzo nella sua bocca.

Ho visto le guance di Kim succhiarsi verso l'interno mentre iniziava a succhiargli il cazzo. John mise le mani dietro la testa di Kim. Stavo aspettando che scuotesse la testa per liberarsi dalle sue mani come faceva sempre prima. A Kim non è mai piaciuto che John pompasse la testa sul suo cazzo mentre lo succhiava.

Ho sorriso quando ho visto Kim continuare a succhiare mentre John le faceva girare la testa su e giù sul suo cazzo. Kim ha dato un sussulto mentre le mie dita nella sua figa hanno trovato il suo posto speciale. Li ho arricciati verso l'alto fino a quando non si sono sfregati contro di esso. Ho succhiato selvaggiamente la sua tetta mentre il latte mi traboccava dalla bocca e scorreva via.

Il latte materno di Kim scorreva dalla mia bocca mentre lo tiravo fuori dalla sua tetta. Ho fatto scivolare il mio corpo sul pavimento tra quelle cosce divaricate mentre continuavo a strofinare il suo punto con le dita. Ho tolto le dita dalla figa bagnata di Kim e le ho leccate assaporando quei succhi di lei che avevo amato così tanto prima.

“MMmmmm Kim hai un sapore ancora migliore di prima,” gemetti verso di lei tra le sue cosce.

Kim non poteva rispondermi, perché la sua bocca era piena del cazzo di John. Tuttavia, aveva bisogno di rispondermi mentre Kim è appena sprofondata nel divano lavorando la figa verso il bordo. John tirò fuori il suo cazzo dalla sua bocca mentre si muoveva.

"Voglio assaggiare quelle tette", disse John saltando sul divano.

John si avvicinò a Kim e gli succhiò in bocca una delle sue tette. L'ho guardato mentre succhiava la sua tetta. Potrebbe essere stato un po' rude nel farlo.

"Easy John, non devi morderli per prendere il tuo latte", gli disse Kim mentre gli accarezzava la testa.

John era più gentile mentre allattava le sue tette. Potevo vedere che succhiava il suo latte in bocca e guardavo mentre il suo pomo d'Adamo si muoveva mentre il suo latte gli scorreva in gola. Presto il latte scorreva dalla sua bocca scendendo lungo il lato della sua tetta.

Ho seppellito la mia faccia tra le cosce di Kim. Le ho leccato selvaggiamente le labbra della figa e poi le ho aperte con la lingua. La mia lingua si seppellì in profondità nella sua figa mentre gemeva dolcemente. Alzai lo sguardo per vedere la mano di Kim sul cazzo di John che lo pompava mentre allattava le sue tette. John stava succhiando uno e poi l'altro. Penso che stesse cercando di drenare a entrambi il latte.

Ho leccato la figa di Kim per farmi un assaggio prima di guardare Kim e le ho chiesto: "Vuoi quel cazzo nella tua figa?"

"Sì moltissimo, ma non posso", rispose Kim con uno sguardo triste.

"Perché non puoi, Kim?" Ho chiesto mentre ho aggiunto: "Puoi avere il suo cazzo se vuoi".

John ed io abbiamo interrotto quello che stavamo facendo quando abbiamo sentito Kim dirlo. L'abbiamo guardata mentre ci spiegava il motivo. Kim ci ha detto che non poteva ancora ricominciare la pillola.

"Di certo non voglio avere un altro bambino", ha risposto Kim mentre guardava John e poi me. Kim guardò John e aggiunse: "Ma puoi fottermi anche tu nel culo se vuoi", mentre gli sorrideva.

John si alzò da quel divano in un batter d'occhio. Era in piedi sul bordo del divano in attesa che Kim si mettesse in ginocchio. John guardò Kim mentre si muoveva, poi guardò me sul pavimento.

"Mettiti sotto la sua Janet e mangiale la figa proprio come nei miei sogni", disse John sorridendo,

"Quale sogno, John?" chiese Kim mentre mi arrampicavo sotto di lei.

"Non importa, te lo dirò più tardi adesso, siediti quella bella figa sulla mia faccia ragazza", ho risposto mentre agitavo selvaggiamente la lingua in aria.

Kim ha abbassato il suo grosso sedere sul mio viso. Le ho aperto le chiappe mentre le sputavo nel buco del culo. John rise e mi disse che andava bene che aveva preso del lubrificante. Kim ha abbassato la figa sul mio viso mentre ho sentito le sue mani aprirsi le cosce. Le nostre lingue si toccavano la figa allo stesso tempo.

Ho iniziato a conficcare la lingua verso l'alto nella figa di Kim mentre la sua lingua mi ha spaccato le labbra della figa. Le palle pendenti di John si strofinavano contro la mia fronte mentre posizionava il suo cazzo sul buco del culo di Kim. Ho smesso di infilarmi la lingua nella sua figa mentre John ha facilitato il suo cazzo così dolcemente e facilmente nel suo culo.

Bravo ragazzo, pensavo che almeno non l'avesse speronato. John ha appena tenuto il suo cazzo immobile nel culo di Kim. Sono tornato a leccare la sua figa. La lingua di Kim mi stava leccando la figa. Kim iniziò a muovere quel suo grosso sedere avanti e indietro sul cazzo di John.

Questo ha dato a John il segnale di iniziare a scopare anche il suo culo. John ha facilitato il suo cazzo dentro e fuori dal buco del culo di Kim in modo così gentile e facile. John ha scopato il culo di Kim a un ritmo costante con il suo cazzo che le scivolava dentro e fuori dal culo. Kim ha messo il mento sul mio clitoride e ha iniziato a dondolarlo lì.

Ahhh Kim, mi farai...,” gemetti sotto di lei.

Questo è stato tutto ciò che ho ottenuto quando il mio orgasmo è venuto fuori. La mia figa si contorceva e poi pulsava mentre i miei succhi iniziavano a schizzare da essa. Spruzzo un bel flusso dei miei succhi di figa mentre seppellivo la mia lingua dentro e fuori dalla sua figa. Le ho accarezzato la figa mentre John la scopava.

Sono stato in grado di dare alle palle di John una veloce leccata della mia lingua ogni tanto. Kim stava abbinando ciascuno dei suoi colpi del suo cazzo su per il suo culo appoggiando il suo sedere contro di esso. Una volta ho visto le palle di John irrigidirsi, poi ho sentito Kim gemere.

"OHhhh posso sentire il tuo cazzo pulsare nel mio culo John", "Per favore, sborrami nel culo", gemette Kim ad alta voce mentre guidava il culo verso il suo cazzo.

"AHHhh merda sì," urlò John mentre seppelliva il suo cazzo completamente nel suo sedere.

Kim ha appena scosso il culo sul suo cazzo mentre guardavo le sue palle muoversi su e giù mentre pompava il suo sperma in profondità nel suo culo. John e Kim gemettero insieme mentre lui le riempiva il sedere. John si tirò indietro mentre il suo cazzo le scivolava dal culo.

Mi sono allungato e l'ho afferrato con la mano, l'ho guidato in bocca. Gli ho succhiato il cazzo fresco dal buco del culo di Kim. Aveva un sapore un po' piccante ma soprattutto come lo sperma di John che c'era sopra. Continuavo a succhiarlo e leccarlo mentre lui me lo pompava dentro e fuori dalla bocca.

Kim è scesa da me e si è seduta in fondo al divano. Mi sono alzato e ho afferrato il cazzo di John riportandolo in bocca. L'ho succhiato e leccato mentre gli pulivo il cazzo. Mi leccai le labbra mentre mi voltavo verso Kim.

Kim mi ha guardato e ha detto: "Janet sei malata ma non ti vorrei in nessun altro modo", mentre si avvicinava a me.

Kim mi prese tra le sue braccia e mi baciò profondamente mentre sentivo la sua lingua entrare nella mia bocca. La nostra lingua si contorceva nella bocca dell'altro, poiché il nostro bacio era lungo, profondo e con passione. Kim ha rotto il nostro bacio ma ha continuato ad abbracciarmi. Kim ha messo la testa di lato alla mia. Kim guardò indietro verso John che era dietro di noi.

"Grazie John, mi è mancato quel tuo cazzo", ha detto Kim. Poi Kim mi sussurrò all'orecchio: "Grazie a Janet per aver condiviso di nuovo quell'uomo meraviglioso con me, prometto che non proverò mai a rubare il desiderio è di nuovo tuo".

Ho sentito le lacrime venire ai miei occhi quando sento Kim che inizia a singhiozzare tra le mie braccia. Erano felici perché Kim era a casa dove apparteneva. John si unì a noi sul divano mentre facevamo spazio tra di noi.

John si asciugò entrambe le lacrime dicendo: "Le ragazze non devono più piangere, non so dire se sono lacrime felici o lacrime tristi", mentre ci guardava entrambi.

Kim ed io lo assicurammo entrambi che le nostre lacrime erano di gioia. John avvolse una di quelle sue grandi e adorabili braccia intorno a noi entrambi mentre ci tirava al lato del suo corpo. La mia mano andò al suo petto mentre gli strofinavo i pettorali; Kim ha fatto lo stesso finché le nostre mani non si sono incontrate sul suo petto.

"Era proprio come ai vecchi tempi", "Bentornata a casa Kim", disse John sorridendole.

Bene, è andata bene, ho pensato mentre mi sedevo sul divano con Kim e John. Tuttavia, non ero ancora sicuro di Kim, specialmente con quel sorriso che John le aveva appena rivolto. Perché i suoi occhi brillavano quando l'aveva detto a Kim. Tuttavia, con John non posso mai dirlo davvero perché se è felice e si diverte i suoi occhi brillano. Stavo solo per aspettare e vedere l'atteggiamento.

Kim ci ha detto che doveva andare e che ci avrebbe visti venerdì sera. Ho seguito Kim fino alla sua macchina, le ho dato il bacio della buonanotte e le ho detto che l'avrei aspettata venerdì sera. Mentre guardavo Kim salire in macchina, ho notato che la sua macchina era ancora piena di scatole e delle sue valigie. Ho pensato che non fosse ancora a casa.

Venerdì finalmente è arrivato, ho visto John andare alle sue prove mattutine. Gli ho ricordato che Kim sarebbe venuto e mi ha detto che sarebbe tornato a casa più tardi dopo l'allenamento, dato che sua zia gli aveva chiamato e gli aveva chiesto di fermarsi. Gli ho chiesto cosa. John mi ha detto che non sapeva perché. John non era appena uscito dalla porta che il telefono squillò, era suo padre; voleva sapere se potevo per caso entrare a lavorare, perché aveva bisogno di una mano con le scartoffie. Gli ho detto che sarei entrata e gli avrei dato una mano.

Ho pensato che avrei fatto meglio a chiamare Kim e dirle che non sarei stato a casa prima delle tre di oggi. Ho chiamato il numero di casa di Kim e suo fratello ha risposto al telefono. Ho chiesto a Bob se Kim fosse lì. Bob mi ha detto di no che Kim non vive più qui e mi ha riattaccato.

Mentre mi preparavo per andare al lavoro, mi chiedevo dove abitasse Kim in quel momento, se non a casa. Questo mi ha turbato la maggior parte della giornata al lavoro. Tuttavia, mi sono dato da fare, poi mi sono seppellito nelle scartoffie e me ne sono dimenticato. Mi è capitato di ricordare di aver visto l'auto di Kim piena delle sue cose mentre tornavo a casa.

Mi sono fermato nel nostro condominio per vedere Kim seduta nella sua macchina. Ho parcheggiato e Kim si è avvicinata per salutarmi. Kim mi ha abbracciato e baciato velocemente prima di entrare. Ho notato quelle scatole e roba nella sua macchina mentre ci allontanavamo.

"Siediti Kim, ci porterò qualcosa da bere", dissi mentre entravo in cucina.

Ho preso un paio di lattine di pop e qualcosa da mangiare. Tornai in soggiorno dando a Kim la sua lattina di pop prima di sedermi accanto a lei. Ho guardato Kim e sembrava che fosse stata sveglia tutta la notte. Aveva le borse scure sotto gli occhi.

"Kim, dove sei stata?" Le ho chiesto.

Kim abbassò la testa e lei rispose: "Nella mia macchina".

"Perché nella tua macchina?" Ho chiesto.

Kim mi ha detto che non voleva stare con sua madre. Soprattutto in questo, suo fratello Bob viveva ancora lì. Kim mi ha detto che non riusciva proprio a convincersi a restare lì. Kim mi ha detto che semplicemente non sapeva cosa avrebbe fatto.

"Beh, prima di tutto puoi stare qui con noi", le ho detto con un sorriso.

"No, Janet, non posso farlo", ha risposto Kim.

"Kim, perché non puoi?" Ho chiesto.

"Perché hai la tua vita con John e io sarei solo un problema per voi due", rispose Kim abbassando la testa.

"Non sei un problema per noi Kim", risposi almeno speravo di no. "Lasciami parlare con John quando torna a casa e ne parleremo tutti", ho aggiunto.

"Se lo dici tu, Janet", rispose Kim mentre mi guardava. "Janet, posso andare a farmi una doccia?" mi ha chiesto Kim.

Le ho detto di andare avanti, Kim è uscita a prendere dei vestiti puliti e l'ho fatta entrare in camera da letto. Kim mi ha detto che ero un buon amico. Tornai in soggiorno mentre Kim si faceva la doccia. Ero seduto lì a pensare quando John è tornato a casa.

"Janet, quella fuori è l'auto di Kim?" mi ha chiesto Giovanni.

"Si, perché lo chiedi?" «Sta facendo la doccia», risposi.

"La sua macchina è piena di roba, se sta partendo di nuovo", ha chiesto John stando in piedi accanto a me.

“No John,” risposi. Poi ho aggiunto: "Kim non ha un posto dove stare", ho risposto mentre abbassavo la testa.

John si avvicinò e mi sollevò la testa con il dito dicendo: "Suppongo che tu voglia che rimanga con noi".

"Solo fino a quando non si rimetterà in piedi John", risposi mentre gli lanciavo un'occhiata da cucciolo.

John si strofinò la mano sulla fronte e poi sul viso mentre prendeva un respiro profondo e disse: "Sei sicuro di questa Janet", mentre mi guardava meravigliato.

"Sì, non causerà alcun problema, lo prometto", risposi alzandomi e gettandogli le braccia al collo.

Appoggiai le mie labbra sulle sue e gli diedi un bacio profondo e appassionato. Ho sentito le sue mani andare al mio sedere mentre ricambiava il mio bacio. Gli infilai la lingua in bocca mentre lui infilava la sua nella mia. La sua mano mi afferrò il culo mentre ci baciavamo profondamente.
Ho sentito fermarsi la doccia e ho rotto il nostro bacio.

"John vuoi dire a Kim che va bene per lei restare qui, penso che si sentirebbe meglio se venisse da te", gli dissi.

John scosse la testa e si sedette sul divano. Mi ha tirato in grembo tirandomi dentro di sé. Mi ha detto che mi amava e che gli mancavo oggi. Kim è entrata in soggiorno con un asciugamano avvolto a malapena intorno a lei, che non copriva le sue grandi tette.

"Oh, scusa, non sapevo che fossi a casa, John", disse Kim mentre tirava su l'asciugamano coprendosi un po' le tette.

"Abituati Kim, stai con noi e non accetterò un NO come risposta", le disse John con un sorriso.

Kim corse verso di noi e ci gettò le braccia al collo mentre l'asciugamano cadeva dal suo corpo. Kim ci ha detto che sarebbe passato solo un po' finché non avesse trovato lavoro e si fosse trovata un posto tutto suo. La tetta di Kim era proprio in faccia a John. John Just fissò la sua grande tetta lattea per un po' prima di infilarsela in bocca. John lo succhiò finché il latte non iniziò a fuoriuscire dalla sua tetta.

John ha tolto la bocca dalla sua tetta mentre il latte ne fuoriesce e ha detto: "Dannazione, è una bella merda".

Ci siamo fatti tutti una risata e Kim è andata a vestirsi. John mi ha detto che doveva ancora andare a vedere cosa voleva sua zia con lui. John è andato a trovare sua zia mentre io andavo in camera da letto a parlare con Kim.

"Grazie Janet, so che hai dolcemente convinto John a lasciarmi restare", ha detto Kim.

"Gli ho detto che non saresti stato un problema", ho risposto mentre la guardavo. "Non lo sarai, vero Kim?" Le ho chiesto.

Kim mi ha detto di no, mentre ha attraversato il suo cuore. Kim mi ha detto che mi ha perso una volta come amica e che non l'avrebbe fatto più. Ancora una volta, l'ho guardata negli occhi e ho capito che mi stava dicendo la verità. Le ho dato un bacio profondo e un abbraccio prima di aiutarla a portare le sue cose nel nostro appartamento.

"Dormirò sul divano", ha detto Kim mentre portavamo le sue cose.

"Dormirai con noi", risposi. Kim mi ha lanciato un'occhiata divertente e ho aggiunto: "Quel letto è abbastanza grande per ospitare quattro persone e inoltre non devo alzarmi dal letto quando voglio te", con il mio sorriso malvagio.

Kim ed io siamo rimasti seduti a parlare per la maggior parte della giornata. Stavo cominciando a preoccuparmi per quello che stava prendendo John così a lungo dalle sue zie. Quando squillò il telefono risposi, era sua zia. DeRonda mi ha detto che vorrebbe che venissimo a cena con lei stasera, inclusa Kim, perché voleva incontrarla.

Le ho detto che ci sarebbe piaciuto anche noi, se fosse stato d'accordo con John. DeRonda mi ha detto che era già lì e le aveva detto di chiamarci. Ho detto a DeRonda OK e lei mi ha detto che John sarebbe tornato a prenderci verso le sei di sera. DeRonda mi ha detto di indossare qualcosa di sexy perché potrebbe esserci una festa dopo cena.

"Usciamo a cena", dissi a Kim mentre riattaccavo.

Le ho detto che John sarebbe venuto a prenderci più tardi per andare a cena con sua zia. Kim mi ha chiesto perché andava d'accordo, gliel'ho detto perché a DeRonda piacerebbe incontrarti ecco perché. Kim si limitò a sorridere mentre le dicevo di andare a vestirsi. Le ho detto che doveva vestirsi in modo sexy.

Avevo un vestitino rosso nuovo di zecca che stavo morendo dalla voglia di indossare. L'ho infilato sopra un reggiseno push up e abbinato reggicalze e calze di nylon con un paio di scarpe con tacco da tre pollici. Non ho indossato mutandine anche sotto il vestito. Il mini vestito copriva a malapena la mia figa.

Dovevo impegnarmi a prepararmi, quindi non ho davvero visto cosa aveva Kim fino a quando non siamo stati pronti. Kim indossava una gonna nera corta che arrivava fino a circa la metà delle sue cosce. Kim aveva scelto un top scollato in bianco e nero. Il suo enorme rack sporgeva e sopra la sua parte superiore. Indossava calze di nylon alte alla coscia in pizzo che potevi vedere ogni volta che faceva un passo con i tacchi alti.

Kim si è girata verso di me e ha detto: "Dannazione ragazza, sembri sexy da morire con la tua mini rossa", mentre mi sorrideva.

"John l'ha scelto per me", ho risposto mentre le mostravo che non avevo le mutandine.

Kim ha allungato una mano sotto la gonna togliendosi le mutandine dicendo: "Se non indossi le mutandine, allora non lo sono nemmeno io", mentre le gettava sul letto.

Ho detto a Kim che anche lei sembrava sexy. Non stavo mentendo nemmeno perché sembrava ancora molto sexy con il suo peso aggiunto. Credo che fossero solo quelle sue enormi fottute tette. In un certo senso, le sue grandi tette mi hanno ricordato le grandi tette del cazzo di DeRonda. La mia figa ha iniziato a contorcersi mentre osservavo le sue tette.

Qualcuno bussò alla porta mentre entravamo in soggiorno. Sono andato alla porta e sono rimasto scioccato quando l'ho aperto, c'era Angelo.

Nel suo forte accento italiano disse: "Signorina Jeanette, sono qui per trasportare te e la tua ragazza in paradiso", mentre si inchinava e poi tornava fuori.

Ho urlato a Kim: "Ehi, la nostra corsa è qui".

Kim è venuta e siamo usciti dalla porta mentre lei ha chiesto: "Era John?"

"No, è la nostra corsa", ho risposto mentre la accompagnavo fuori alla limousine in attesa.

Angelo ci ha aperto la porta mentre ci avvicinavamo alla limousine. Kim mi ha chiesto di chi fosse quella limousine. Le ho detto che apparteneva alla cugina di Gina John. Angelo ci fece salire entrambi sul sedile posteriore della limousine e salì seduto sul sedile laterale. Angelo picchiettò sul vetro e l'autista partì.

Angelo guardò Kim e poi me mentre ci porgeva a ciascuno una lunga rosa a stelo e disse: "Questa rosa solo desideri che potrebbe essere bella come voi due", "Scusa volevo dire che questa rosa desidera solo che sia adorabile come te due”, mentre ci sorrideva.

Dopo che Kim e io abbiamo finito di arrossire, ho chiesto ad Angelo dove fosse John che non ci ha preso in braccio. Angelo mi ha detto che la signorina Gina era andata con John all'inizio della giornata. I asked him where they went as I leaned forward.

“Miss Jeanette I do not kiss and tell you know that,” Angelo replied with an evil grin of his own.

I sat back into the seat as I felt Kim’s hand going into mine, she leaned over and she whispered into my ear, “Janet who is that man?”

“Oh forgive me, Kim this is Angelo, Angelo this is Kim,” I said as I introduced them to each other. “Angelo is head of security for Gina,” I added telling Kim.

Kim looked to Angelo then to me then back to Angelo who said, “It OK John told me you safe,” who smiled at her as he took her hand and gave it a kiss.

Kim cuddled up even closer to me as I knew she did not quite understand it all yet. I rather filled her in on everything again as we drove to DeRonda house. I parted my legs giving Angelo a good shot of my bald pussy. He just smiled at me. I started to think about that lovely fat cock he had tucked away in his pants. Had we not arrived I may have showed it to Kim.

The driver pulled us up to the door and Angelo got out and held the door open for us. Angelo leaned into me as I walked by and he whispered I will see much more of you later. I gave him a smile back. Kim asked me just what that was all about. I told her I would tell her all about it sometime. When we got to the door, DeRonda opened the door.

“My dear Janet so nice to see you again,” “And this lovely girl must me Kim,” “Janet has told me a lot about you only she never told me you were as lovely as you are,” DeRonda said as she hugged us both and planted a kiss on our cheeks.

The three of us stood outside talking when suddenly we all heard the roar of a race car engine or something. We all turned to see this speeding red corvette-barreling ass up the length of the driveway. The car came to a screeching halt beside the limo.

The driver revved the car up a few times before shutting it off. I watched as Gina jumped from the passenger side, while John jumped from the driver side. Gina ran over to him on his side of the corvette.

Gina yelled out in her broken English, “Your new car it go fast,” as she ran to him.

I stood there watching as Gina threw her arms around John and she started to kiss him passionately. I watched as John kissed her back with passion as well. I watched and I also wondered was that a cousinly kiss? I waited until they broke their long deep passionate kiss.

I went over to them and I said, “John, What does she mean YOUR NEW CAR?

Gina turned to me and she replied, “Janet I buy car for John for sex.”

I look at John as if I am about to tear his face off, John laughs a little then he said, “She means she brought me the car to look sexy Janet.”

“Yes, football hero’s all have sexy fast car now John does too,” “You like Janet it’s yours too, I fuck you both so it in your name,” Gina said as she wrapped her arms around me.

Gina rather caught me off guard when she kisses me passionately and deeply right there in front of everyone. Gina slipped her tongue into my mouth almost down my throat. I kissed her back as I slipped my tongue into her mouth. Gina pulled me tighter into herself as we kiss.

“Dam girl you have no panties on,” John yells out.

I realize that when Gina pulled me forward she had pulled up the back of my dress. This had exposed my butt to everyone. The three of us stood there with our arms wrapped around each other standing by the new red corvette. Gina looks up to her mom and sees Kim standing next to her.

Gina looks to John as she said, “È che la cagna Kim, cugina molto grasso,” (Which means is that Kim bitch, very fat cousin)

DeRonda yelled out in her very heavy Italian accent, “GINA tenere la lingua prima di pagare con il culo,” (Which means Gina hold your tongue before you pay with your ass.”

Gina walked over to her mom as she replied, “Sorry mama, I was out of line.” She turned to Kim and she said, “My English not well but I am happy to meet you Kim and I am sorry if I offended you,” as she hung her head down low.

John walked over to Gina and he raised her head up as he grabs her ass he said, “Cugino culo sta andando a guardare bene tutti arrossire,” (Which means Cousin Ass is going to look good all blushing.)

DeRonda yells out, “Enough children the next one of you that speaks anything other than English will pay the price.

Gina and John both reply “Yes mama” and “Yes aunt DeRonda,” with their heads bowed down.

“Janet, be a dear and take Kim into the garden while I have a little talk to these two,” DeRonda said to me.

I took Kim by the hand as I walked her to the back garden. I saw there was a table with chairs sat up so I figured we were having our dinner in the back garden. I sat down with Kim beside me who had a bewildered look on her face. I patted her hand and I told her I know you have plenty of questions.

Kim looked at me and she asked, “John can speak Italian?” “Does it trouble you that Gina kisses him like that?” “How did Gina offend me?” “Why does DeRonda have such control over them?”

I told Kim yes John can speak Italian very good; I also told her Gina understands English very well just does not speak it well. I told Kim that it did not brother me Gina kissing him like that. However, that was a lie for it troubled me a lot plus the fact that she had brought him that car. For I could give John my love but I could never give him anything like that shiny new corvette.

I told Kim that both John and Gina had the up most respect for DeRonda as I did as well. I told Kim that I was sure she would have it in time as well. I also told Kim that I knew a little bit of Italian and that Gina had more or less called her a fat bitch.

Gina hung her head down at the table as she said, “I feel so ashamed of myself and so out of place here with you.”

“It’s just new to you Kim, you will fit in just give it a chance,” I replied as I lifted her head up.

“Janet, John’s aunt DeRonda, when she hugged me my pussy went crazy,” Kim said as she looked up at me.

I gave a little laugh as I replied, “She does have that same affect on me,” as I reached under the table and ran my hand up her thigh.

I ran my fingers over the inside of her thighs as she parted her legs. I brushed my fingers against her hairless pussy, which felt weird as I was used to her hairy pussy. I told Kim I liked her pussy hairy and she told me she would let it grow back. My fingers were just about to dip into her wet hole when DeRonda walked over to us.

DeRonda came over to the table and she took a seat next to Kim. DeRonda took Kim by the hand as she said, “I am sorry for that my dear, my daughter sometimes speaks before she thinks.” “You are very lovely and she does not know you well enough to be calling you a bitch,” “And to call you fat she was calling me fat as well.”

DeRonda was just being nice I believed, as she was nowhere near the size of Kim. However, it did bring a smile to Kim’s face as we sat there. We sat there and talked mostly it was Kim telling her about herself to DeRonda. In a few minutes, I saw John and Gina heading toward our table. They both were pushing carts with our dinner on it.

“Good here is our dinner,” “You may serve us Gina and John,” DeRonda said with a smile.

Gina and John both served us our meal with smiles on their faces and not a word came from their mouths. John did rather bump into me as he served me and he gave me an extra nice smile just to let me know everything was OK. They served us and they pushed the carts back into the house.

“Are Gina and John joining us, DeRonda?” I asked her from along side of her.

“They had their chose of my little black bag or to serve us my dear,” DeRonda replied with a smile.

“Black bag what is that?” Kim asked inquisitively.

“Oh you do not even want to find out Kim,” I replied giving a little laugh.

We finished our dinner and John and Gina joined us at the table. John sat down between Kim and me as Gina sat down on the other side of me. John told Kim how pleasing she looked and that her top really showed off her assets. I felt John’s hand climbing up my thigh as he talked. I suddenly felt Gina’s hand climbing up the other side of my thigh.

“Thank you John that was very nice of you to say,” Kim replied to him with a smile.

Kim looked around John and me to Gina and she said, “I am sorry if I got you into trouble Gina and you are right I have been a royal bitch to both John and Janet.” “I am trying not to be as I used to be, as I was not a very nice person back then,” as she lowered her head.

DeRonda immediately pushed Kim’s head up with her fingers, as she said, “Never lower your head in this crowd for the lot of them have done worst than you ever have,” with a pleasing smile on her face.

Gina looked at Kim and she said, “I got myself in trouble not you Kim, besides my cousin told me more about you in the kitchen so I am very sorry what I called you,” “My cousin also tells me you give goats milk.”

“GINA that’s baby milk,” John yelled out as he shook his head.

“Sorry, I chose wrong word again,” Gina, replied to John then she looked at Kim and she said, “I would very much enjoy your baby milk I think,” with a nice lovely smile.

“OK children that enough how about the three of you clean this up, while I give Kim the tour of the house in case she attends one of our parties,” DeRonda said.

“A Tour for me,” Kim replied.

“Yes my dear, I think I need to show you around to fill you in on the dos and the don’ts,” DeRonda said as she took Kim by the hand and led her into the house.

DeRonda no sooner got into the house than Gina looked to John and said, “You get me in trouble with mama one more time.”

John cut her off as he replied, “Hey you’re the one that called her fat not me,” “I kind of like the meat on her bones more cushion for the pushing,” with a smart look on his face.

Gina turned to me and she said, “Janet you need to dump my cousin and find your self good Italian man like I have,” Gina added, “My cousin he into big women that was why he went after mama,“ as she stuck her tongue out at John.

“Enough you two why must you two always act like you do,” I replied as I smacked them both behind their heads as I stood up.

I spun Gina around in her chair and I said, “Gina the next time you decide to buy John anything please ask me first.”

I turned and spun John around as I said, “That kiss you gave Gina in front of that damn new car looked more than just a kiss,” with a very pissed look on my face.

I looked at them both as I said, “If I find out you two are up to no good I swear…”

John stopped me and he said, “Calm down Janet it was only a kiss.”

Gina said, “Janet the car is in your name as I no trust John with it.”

“In my name,” I replied.

John reached into his pocket and he pulled out the paper work. He told me I still had to sign for it. I read the paperwork over and she was right, the car was in my name. I looked at them both as I told them I was sorry.

Gina replied, “It’s my cousin fault he gets us all in trouble all the damn time, he still little boy yet.”

“ME,” John yelled at Gina, “I did not buy the car and I did not piss mama off.”

Then the Italian started I believe Gina told him to go fuck himself and John told her that her pussy was big enough to drive that car up into. I sat back down just shaking my head as the two of them went back and forth at each other. I finally had enough.

I stood up and I told them both to “chiudere l'inferno up,” which meant to “Shut the hell up.”

I told them both that tonight they were going to pay for making me mad and that they had their chose either do as I say tonight or I was going to tell DeRonda on them. They both told me they would be nice as they started to clean the table up. The three of us cleaned the table off and I even made them do the dishes as I watched.

DeRonda and Kim returned to the kitchen to find me standing over them at the sink. DeRonda wanted to know just what was going on in the kitchen. I told her nothing at all I had it all under control.

“I see that you do my dear,” DeRonda replied with a smile as she gave me a long deep kiss on my lips. “Now you kids play nicely as I go get ready for tonight,” DeRonda added as she left the kitchen.

Kim went over to Gina who was washing dishes, she slipped in beside her, and she started to help her with washing the dishes. I heard Gina tell her thank you and she even gave Kim a hug. I walked over to John and I grabbed a towel as I helped him dry the dishes.

By the time, the dishes were finished Gina and Kim were laughing, hugging and kissing. Kim’s top was all wet both from the wash water. You could make out every detail on those big tits on hers. Gina told her to come with her she would find her some dry clothes. Gina and Kim went out of the kitchen hand in hand as if they were best friends.

John turned to me and as he took me into his arms he said, “You have worked your magic once more my dear,” as he kissed me deep.

I returned his kiss with some tongue action as I felt his hand going under my dress. I felt his hands caressing my butt as he pulled my ass cheeks apart. John broke our kiss and as he hugged me, he whispered into my ear.

“I love this cute little butt of yours, I think I will have it tonight,” he whispered followed my him licking at my ear.

I pushed him away and I replied, “You will have nothing unless I tell you that you can,” “Remember I am in charge tonight and both yours and Gina’s ass belong to me.”

“You’re serious aren’t you,” John replied.

I told him damn right I was. I told him I still did not like the way he had kissed Gina and that if I find out that he is liking Kim because she had gained her weight I would make his life a living hell.

“John, I just bet she could too,” Angelo said as he stood there in the kitchen.

I had not seen Angelo walk into the kitchen or I would not have been as harsh to John. However, John reassured me my fears were unjust. I heard DeRonda calling for John so I told him to go to her. That left Angelo and I in the kitchen.

“Miss Jeanette, John he is good boy and he does love you much,” “I warn you do not be too harsh with him or you may find that your love may empty from his heart,” Angelo said to me.

I thought for a second then I went to him and I put my arms around him as I said, “Thanks Angelo I will keep that in mind.”

I placed my lips to his and I kissed him deep. He returned my kiss as I felt his hands going to my butt. I felt him pulling me into his body; I felt that fat stubby cock of his through his pants as we kissed. His cock was pressing right against my pussy. I could not help myself I was beyond being horny, I needed a cock and I needed it right now.

I reached down and I rubbed at his fat throbbing cock as I said, “Fuck me Angelo, and please take me.”

Angelo took me over to the counter and he placed my hands onto it. He got behind me kneeling down as I felt him lifting up my mini dress. I felt his tongue running over my butt and between my butt cheeks. Angelo started to lick at my pussy from under and behind me as I hung onto the counter. His tongue lapped at my pussy making it all wet with my juices.

I started to pump my ass back into his face as he ate me. Angelo stood back up and I heard him unzip his pants. I felt his large hands going to my butt as I felt him rubbing that fat cock of his up and down between my butt cheeks. He would slip it down to my pussy every now and then.

I turned my head toward him as I said, “Stop teasing me and fuck me.”

Angelo responded by grabbing his cock and he pressed it down to my pussy. My pussy lips parted as I felt him slipping that cock up inside of me. That fat cock filled me full as he slipped it further into me. Angelo started to pump his cock in and out.

“Yes, fuck me, fuck me,” I screamed as I backed my pussy onto his cock.

Angelo starts to pound my pussy hard with that fat cock of his. It was stretching at my pussy walls as he drove it in and out. My pussy just got wetter as he fucked me hard and deep with his cock. I was in my pleasure zone as my orgasm came over me. My pussy tightened around his fat cock and it throbbed as he pushed it deep into my hole.

Angelo grunted and moaned, “Going to cum,” as he buried his cock fully into me.

“YES fill my pussy Angelo,” I yelled out.

Feeling his cock swell and throbbing in my pussy as it spilled its load into me my pussy juices flowed from me. I felt my juices and his cum mixing in my pussy as my orgasm torn through my body. I could only shake as I held tightly to the counter top.

Angelo left his cock goes limp in me as I came back down to earth. His soft cock slipped from my pussy as a wet pussy fart followed by his cum and my juices poured from my hole. It ran down my thigh as it dripped to the floor. There between my opened legs was a puddle of his cum and my juices mixed.

Angelo reached for a towel and he bent over wiping our juices from the floor. He brought the towel up between my legs. However, I pushed his hand away. I took my own hand and I scooped some of our juices from my thigh and I brought it up to my mouth were I licked and sucked at it until I had cleaned it from my hand.

Angelo looked at me as he smiled and said, “That John he is very lucky man very lucky indeed,” as he zipped his pants and walked from the kitchen.

I leaned back against the counter thinking just how wonderful that had felt. I also wondered what everyone else was up too. I walked into the living room but no one was there. I walked by the study and I saw DeRonda and John in there. DeRonda was behind the desk as John stood over top of her pointing something out.

I heard John tell her, “That one looked very nice,” as I walked into the room. DeRonda seen me, she covered up what ever they were looking at with her arm.

I started to walk toward them when DeRonda told me to go check on Gina and Kim as they had been very quiet upstairs. I told her I would go check on them and I left them to what ever they were doing.

I walked up those long flights of stairs with juices still leaking from my pussy. It felt strange on reaching the top of the stairs and not seeing those two bodyguards of Gina by her door. I smiled, as I knew that Angelo had kept his word about loosing the security around her. I walked to her door and I stopped at it. I put my ear to the door and I heard moans coming from behind the door.

I knocked as I said, “Its Janet can I come in.”

I heard Gina moan out a low “YESSsss.”

I opened to the door to find the two of them locked in a sixty-nine. They were both completely naked. Gina was on top and she had her face digging at Kim’s pussy. Kim was under Gina and as I moved to get a closer look, I saw that she was tonguing her pussy as she ran a finger in and out of Gina’s asshole.

They both were moaning loudly and calling each others name as they went to town on each other. I moved by the bed and I slipped my hand under my own dress as I watched them. I slipped two fingers up into my wet cum filled pussy. I ran them in and out, as I watched Kim’s long tongue dwelling up into Gina’s pussy.

Kim was pulling Gina’s ass opened with both hands however she had a finger from one of hers hand snaking up into Gina’s butt hole. Gina was pumping her ass back onto Kim’s finger as well as grinding her pussy onto her face. I looked to Gina who was flicking her tongue across Kim’s swelled up clit.

Kim moaned loudly, “AHhhhhh Gina,” as she started to orgasm.

Kim shook under Gina as her pussy opened and it squirted its juices high into the air. Gina removed her tongue from Kim’s clit as she lapped at the juices that squirted from her. I slipped another finger up into my pussy as I dug at it with my fingers. My own pussy sucked at my fingers as I ran them in and out.

I watched Kim as she sucked at Gina’s hard clit from below. Kim pushed another finger deep into Gina’s butt as she sucked at her clit. Gina rocked on the fingers up her ass and onto Kim’s face.

“OOHHhhh, “Gina screamed out as her own orgasm took over.

Gina’s pussy trembled like as a forceful squirt came gushing out hitting Kim right in her face. Kim’s tongue lapped wildly at it as it splashed against her face. Gina’s juices were soaking Kim’s face. I felt my own orgasm come over me. I almost fell over onto the bed with them as my legs shook when I came.

I stood there with my eyes closed running my fingers in and out of my pussy bringing myself to an explosives wet orgasm. My own juices splashed from myself onto them both in the bed. I opened my eyes to see the two of them cuddled up beside each other staring at me.

I smiled at them both as I said, “I see you two have became friends.”

They both shook their heads yes before they gave each other a deep, passionate kiss. They broke their kiss and they made room between themselves as they invited me to join them on the bed. I climbed up between them as their hands went to my thighs. They both rubbed at my thighs as I wrapped my arms around them.

Kim asked, “Janet is that John’s cum all over your thigh?”

I smiled at her, as I replied, “No it belongs to Angelo.”

“You naughty girl,” Gina replied as they both cuddled up to me.

We all lay in bed talking for a while. We even took turn kissing each other. I told them both that I had hoped they would become friends. They both smiled at me as they replied, “We found out that we have some thing in common after all,” together in unison.

"Che cos 'era questo?" Ho chiesto.

“Our love for John,” they replied as they cuddled up to me.

“Oh and for you,” they added before laying their heads upon mine.

I closed my eyes as I lie there with them wondering and hoping that it was for me as well as for John. I hoped to myself that not all this had been a big mistake on my part. My mind drifted to what Angelo had told me earlier that my love might empty from his heart. The three of us drifted into a light but dark sleep. I dreamed in that short time that John was walking away from me. I kept calling him back but he just kept walking away, it felt as if I was falling when I woke up and sat straight up in bed.

That will end this long chapter. I hope you enjoyed it as always please let me know that you did. The next chapter Kim and I start college with John.
Janet

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

282 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

45 I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

537 I più visti

Likes 0

Perdo la mia verginità anale con un ragazzo di Grindr nel suo camper

Questa è la vera storia di quando ho perso la verginità anale da un ragazzo di Grindr. Per una piccola informazione su di me, ero un atleta 6'2 di 18 anni con un bel sedere che i ragazzi sembrano amare così tanto. A quel tempo ero in un collegio e andavo su Grindr e chiacchieravo e scambiavo foto con altri ragazzi. Parlavo con molti ragazzi della mia zona ma l'unico problema era che mi trovavo in una zona così disabitata che non c'erano molti ragazzi molto vicini a me e non potevo viaggiare perché non avevo la macchina . C'era questo...

449 I più visti

Likes 0

L'inizio e 40 anni di ritardo il cambiamento

Jay e io giochiamo insieme da quando avevamo circa 15 anni. È iniziato una notte quando lui dormiva a casa mia e volevamo guardare la TV dopo che i miei genitori erano andati a letto. Ecco il breve background prima di entrare in quello che è successo lo scorso fine settimana. Quella notte, dopo aver spento la TV, abbiamo aperto il divano letto e ci siamo sdraiati per la notte. Poco dopo che eravamo sotto le coperte, ho sentito la sua mano scivolare sul mio fianco e toccare delicatamente il mio cazzo. A quel punto, come ogni ragazzo di 15 anni...

282 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.