Solo una corsa in autobus... Onesto 4

123Report
Solo una corsa in autobus... Onesto 4

Il mio corpo cominciò a muoversi, pezzo per pezzo, il mio cervello riattaccava a tutti gli interruttori, anche se prima si accendevano le mie orecchie, e questo è quello che ho sentito: “...ok mi dispiace, ma possiamo Non tenerlo in vita per sempre signora, mi dispiace ma se non vediamo alcun recupero nelle prossime 48 ore, dobbiamo spegnerlo e accettare che sia morto. Mi dispiace, davvero lo sono". Ha detto qualcuno alla mia sinistra. "In cosa è stato solo per 2 giorni e lo stai già contando fuori!?" qualcuno gridò.
"No signore, suo figlio ha una possibilità di sopravvivere senza di essa, per quanto sottile, e abbiamo un disperato bisogno della sua macchina per coloro che non possono." Ha detto un altro. Questa era una stronzata! Nessuno mi stava spegnendo, ho provato a dire 'Che stai dicendo stupido', sai per cercare di rendere l'intera faccenda del 'ritorno dai morti' un po' più divertente, ma non è successo niente. Così ho provato a gettare le braccia in giro, ma non è successo niente, stavo iniziando a farmi prendere dal panico, poi ho pensato che poteva essere una buona idea, fare in modo che il mio aumento della frequenza cardiaca potesse essere un codice medico segreto per 'Sono vivo, non farlo uccidimi!'.

Ovviamente poi non sono stato in grado di farmi prendere dal panico sapendo che il panico era il mio piano, è come cercare di farti il ​​solletico. "Divertimento" senza fine. "Figlio, se riesci a sentirmi, allora voglio solo sapere... quanto sia un cliché." Disse mio padre sul serio
"Senti, per favore, fallo figliolo, io e tua madre ti vogliamo bene, Louise e Dan ci stanno aspettando da due giorni, Louise non ti lascia a meno che non sia necessario, Dan ha continuato a fare il check-in e a fare un sacco di passi .”
Sapevo che non pensavano che potessi sentirli, ma li adoravo per avermi parlato, ed ero commosso dal fatto che Louise e Dan non mi stessero abbandonando, erano al mio fianco. Ho anche notato che non hanno menzionato Emily, era qui, è successo qualcosa anche a LEI?
Ma c'era qualcosa in lei, una ragione per cui non le piaceva, ma... era... lei... no non può essere... non era un travestito vero? Ah cazzo ho pensato, comunque non avrà molta importanza per il momento.

Mi sentivo stanco, come se avessi passato ore a scrivere una parte 3.5 di una storia nelle prime ore del mattino perché mi ero dimenticato di salvarla. Uno strano tipo unico di stanco.

Fu allora che sentii una voce dalla direzione in cui speravo fosse la porta. "Va bene se mi siedo con lui, signore?" disse la voce. Doveva essere Louise, una voce morbida come un liuto. «Sì certo, devo comunque andare a trovare sua madre. Parla con lui, potrebbe aver bisogno della compagnia. disse mio padre mentre se ne andava. "Ehi Ralph piccola, mi senti?" disse Louise con una punta di preoccupazione ma anche di speranza, come se una parte di lei sapesse che potevo. "Sai che mi fai perdere il college per te, vero?" disse scherzando, poi sospirò tra sé e sé e mormorò qualcosa. "solo un peccato che Emily fosse troppo impegnata a scopare il suo ragazzo per venire a vederti, ehi?" Disse tossendo per l'emozione, volevo allungarla e abbracciarla, per dirle che stavo bene e che ero lì per aiutarla, il che siamo onesti; è ciò che tutti volevano. "Dannazione RALPH, Svegliati, per favore, vieni svegliati, svegliati, svegliati... svegliati" mi ha urlato alla spalla mentre mi picchiava leggermente la gamba rapidamente, potevo sentire le sue lacrime bagnare la mia pelle. Ho provato di tutto, movimento, parola, anche a bagnarmi, qualsiasi cosa. Sospirai mentalmente, ma sperai nel fatto di aver riacquistato il senso del tatto, l'udito e l'olfatto. Non sono sicuro del gusto, nessuno mi aveva ancora infilato niente in bocca... dagli tempo...

Dan era dovuto tornare a casa sua, i suoi genitori erano preoccupati per il fatto che trascorreva troppo tempo in ospedale, anche se quando ha spiegato quanto si sentiva male, hanno presto capito, gli hanno detto che l'avrebbero ricacciato indietro il prossimo mattina, e anche spiegare al college cosa stava succedendo. Dan era grato di non aver avuto genitori come Ralphs, che erano uno degli unici motivi per cui aveva accettato di andarsene, anche se suo padre sembrava chiamare, non aveva idea di come nessuno dei due potesse sopportare di stare con sua madre, lei andava in giro come se le vie mondane non erano che un inconveniente per la sua autorità, pensava davvero che tutto e tutto ciò che voleva doveva essere ottenuto in questo modo. Aveva persino chiesto a Dan di andarsene per un'ora o due perché non le piaceva la sua ombra. Il che era un po' estremo per Dan, quando se ne andò guardò la sua ombra dietro di sé, pensando "È un'ombra per amor del cazzo, un'ombra... che cazzo..." Ed eccolo a casa a letto con un tazza di tè mentre il suo amico era morto o morente. Che grande amico era, "Lo conosco da due giorni e l'ho già ricoverato". disse Dan ad alta voce. Voleva solo tornare in ospedale. Un primo tra la maggior parte delle persone.

Emily era furiosa, era stata seduta ad aspettare nella sala d'attesa A per 6 ore prima che ne avesse avuto abbastanza, è corsa fuori dall'ospedale ed è andata a cercare il suo ragazzo, non prima di aver dato una buona visione del suo culo ad alcuni ragazzi mentre si piegava oltre a raccogliere qualcosa. Avrebbe ucciso chiunque avesse avuto i telefoni di Ralph, pensando tra sé e sé che sapeva che doveva essere stata Louise, doveva aver visto il messaggio che aveva inviato per cercare di rimediare al ritardo, che ora era corretto. Sapeva che sarebbero finiti in una rissa, ma voleva uscire con le simpatie di Ralph. Emily rise di se stessa, questo era iniziato quando Emily cercava solo di prendere un altro giocattolo per bambini, ma ora era personale e stava per vincere.

Avevo ricominciato a riprendere il controllo dei miei muscoli, non me ne sono accorto per molto tempo perché non mi sono più preoccupato di provare perché il passato Novemila volte non aveva funzionato, è stato solo quando sono stato in grado di vedere correttamente Riuscivo a notare che i miei occhi si stavano muovendo, mi guardavo intorno ma potevo vedere solo il tetto, quindi allungai attentamente il collo per vedere Louise con la testa sul bordo del mio letto, addormentata. Ho pensato di chiamarla per nome per svegliarla, per vedere se potevo parlare, quindi ho tossito forte, soddisfatta di non farmi sembrare un cazzo completo, ho chiamato Louise, finché non ha iniziato a muoversi. “Oh mio dio RALPH! TU PARLI... E MUOVITI E... OH MIO DIO” Ha praticamente urlato, si è allungata prendendomi la testa tra le mani e mi ha baciato sulle labbra, anche se solo brevemente prima di scappare a dirlo a TUTTI. Ho avuto una strana sensazione quando mi ha baciato, come da ja vu. Non ho avuto molto tempo per pensarci prima che infermieri e dottori iniziassero a venire a cercarmi. Giuro che non avevano bisogno della maggior parte delle persone, ma chi ero io per dire loro come fare il proprio lavoro? Dopo qualche ora o gergo medico. Ero pronto a incontrare il mio pubblico, anche se i dottori hanno discusso pesantemente con me per usare una sedia a rotelle, avevo detto loro che volevo le stampelle, non volevo diventare i ragazzi della sedia a rotelle del college, quindi dopo un'altra ora di master class sulle stampelle ho sarebbe stato libero. Pensando a quello che stavo per dire, dovrei cercare di essere divertente? Non ho avuto molto tempo per pensarci prima che le infermiere aprissero le porte per farmi andare.

Ho sentito il sussulto e ho sentito la tensione crescere nella stanza, ho deciso di non renderlo come un gioco e mi sono affrettato a salutarli. “RALPH, figlio mio. Stai bene! Grazie a Dio, non scappare mai più così!" Sapevo che doveva essere mia madre. "Ciao mamma, ti voglio bene anch'io" dissi, un po' desiderosa di non essermi svegliata. "Dov'è papà?" "È andato a prendermi qualcosa da mangiare." rispose la mamma con calma. "oh, e quel bel ragazzo Dan sta tornando ora, i suoi genitori l'hanno fatto tornare a casa, credo che una buona genitorialità." Lei finì. Mi ero dimenticato di Dan, avevo la testa piena di Louise ed Emily. Mi guardai intorno e vidi Louise sulla sedia nell'angolo, che dormiva. Non ho avuto il coraggio di svegliarla, così quando la mamma è andata a cercare e dare a papà una spazzatura per non essere qui. Ho preso il momento per guardare Louise, lei era di circa 5 piedi e 4", quindi circa la mia altezza, il viso di un angelo, anche i suoi occhi chiusi erano belli. I suoi capelli cremisi le scendevano lungo il collo e sulle spalle, mentre guardavo iniziavo a provare un'altra sensazione di da ja vu, allungai una mano e spinsi via una ciocca di capelli che le copriva parte del viso. Mentre lo facevo, ha cominciato a svegliarsi, ha alzato lo sguardo, costringendo la mia mano ad accarezzarla dolcemente, sembrava come se una scarica di elettricità fosse arrivata attraverso di lei nella punta delle mie dita, nel mio cervello e nei miei lombi. Ero affascinato da lei, non potevo muovermi, ero rinchiuso lì, a fissare questo angelo, "Buongiorno bellissimo" ho detto quando ha incrociato gli occhi su di me, ha sorriso così forte che sembrava che il suo viso si fosse incrinato. Sbatté le palpebre velocemente e iniziò a dire qualcosa prima che le accarezzassi di nuovo la guancia con il pollice, facendola balbettare. Ho fatto un sorriso a questo "Ehi bello, è meglio che tu allora" disse ancora senza interrompere il contatto visivo, i suoi occhi erano belli, color nocciola e infiniti, potevi fissarli per ore, giorni anche. "So che questa è una brutta domanda, ma dov'è Emily?" chiesi, conoscendo quella risposta ma volevo sapere cosa avrebbe fatto. "Era troppo impegnata a scopare con il suo ragazzo per venire a vedere se stavi bene" ha detto piano, sussurrandomelo all'orecchio, Le mie opinioni su Emily, l'avevo completamente venerato da quando ho controllato il suo Facebook, era solo un'altra troia, beh almeno secondo me, Louise d'altra parte, sembrava perfetta, le ho detto pensando che fosse un momento buono come un altro. "No, non lo sono, tutt'altro, ma grazie Ralph, significa molto sapere che la pensi così." Lei rispose, sapendo cosa aveva fatto a Emily. Stava diventando sempre più colpevole per l'intera faccenda. "Una ragazza non perfetta sarebbe rimasta al mio fianco?" Ho chiesto retoricamente. Essendo un gentiluomo, l'ho aiutata a stare in piedi. Cominciò a giocherellare distrattamente con il davanti della mia giacca. "Oh Ralph, sei un tale gentiluomo non è vero, scommetto che hai tutte le ragazze" disse in tono scherzoso, sapevamo entrambi che i bravi ragazzi non hanno mai avuto ragazze. Mi avvolse lentamente le braccia attorno al collo, anche se essendo con le stampelle, potevo semplicemente stare lì e godermela. Abbiamo incrociato di nuovo gli occhi, c'era qualcosa in lei, ci stavamo connettendo in qualche modo, mi ha fatto sentire completo, ha riempito quell'insieme che mia madre aveva tenuto vuoto il più a lungo possibile.


Ci siamo guardati negli occhi per un minuto, sapevo che ci saremmo baciati, baciati davvero. Ho ricominciato a pensare, non avevo mai più baciato prima, cosa dovevo fare, dovevo fare qualcosa? Mentre le nostre teste stavano per connettersi, potevamo sentire mia madre gemere in tono che proveniva dal corridoio. Maledicendo il tempismo, ci siamo separati sapendo che ci sarebbe stato un inferno da pagare se mia madre ci avesse beccati. Louise si gira e mi sorrise e mi disse con la bocca "più tardi". Ho ricambiato il sorriso e mi sono girato per vedere chi altro si era presentato. Erano mamma papà e Dan. "Ehi papà, come stai?" Ho chiesto offrendo la mia mano di stringere, non riuscivo a sopportare un abbraccio, le mie costole dove dolere. “Molto meglio di te figlio! bentornato” disse prendendomi la mano e stringendola. "Ehi Ralph" disse Dan a bassa voce quando mio padre si spostò. “Ehi amico Dan, grazie per esserti preso cura di me e tutto il resto, sei un vero amico. Grazie." dissi alzando di nuovo la mano. "Sì, grazie Ralphs, pensavo che potessi odiarmi o qualcosa del genere, sono solo contento che tu sia vivo." disse Dan con un profondo sospiro. Prendendomi la mano con fermezza. Perché dovrei odiarlo? Ma non volevo, ma ci ho pensato molto, quindi ho fatto muovere la palla. "Andiamocene di qui." Ho detto.


Ho lasciato che tutti andassero davanti a me in modo da poter "camminare" accanto a Louise. "Ciao di nuovo bello" disse allegramente. Ho sorriso di nuovo per ottenere e ho detto. “Ehi, sei bellissima, sono io quella brutta qui” ridacchiando, lei avvolse dolcemente il suo braccio attorno al mio. "Un tale incantatore non è vero?" ha detto che poi è rimasta in silenzio per un momento. "Cosa faremo con Emily?" Lei chiese. “Sinceramente non avevo ancora pensato a lei. Stavo solo pensando a te davvero. Sapendo che era la risposta GIUSTA. Ridacchiò di nuovo. "Sì, ma dobbiamo fare qualcosa, quello che ha fatto è stato sbagliato e lei ha bisogno di saperlo". Ha detto incoraggiando la mia rabbia nei confronti di Emily ad aumentare. "Sei sicuro che solo presentarsi alla fermata dell'autobus l'uno nelle braccia dell'altro non sia abbastanza?" Ho chiesto, non ero mai stato cattivo con nessuno prima, e non mi piaceva l'idea di cambiarlo, ma ehi. Farei qualsiasi cosa per Louise.

"NESSUNA POSSIBILITA'" disse lentamente.


-------------------------------------------------- -------------------

Ehi ragazzi, scusate ancora per essermi addormentato , stavo per continuare con la parte ma ho pensato perché non lasciate a voi ragazzi scegliere come continuare? Quindi mandami un PM o un commento su come Ralph e Louise dovrebbero "vendicarsi" di Emily. grazie ragazzi per essere stati così pazienti <3 a tutti : )

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

26 I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.2K I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

866 I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

967 I più visti

Likes 0

Giorno della mia vita...

Questa è la mia prima storia. Quindi, per favore, dammi un po' di tregua. Se non faccio del bene capisco. Grazie se hai scelto di leggere questa storia... Mi chiamo Matthew Colister e sono 5' 11. Ho 15 anni e la maggior parte delle persone mi dice che sono davvero alto per la mia età. Non è l'unica cosa però. Ho un cazzo lungo che misura 4 pollici quando è floscia e alta 20 cm quando è dura. Non ho mai avuto alcuna vera esperienza sessuale se non con la mia mano, ma tutto è cambiato quando ho incontrato la signorina...

40 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.