Incesto --- [2]

2.6KReport
Incesto --- [2]

Parte 2

[l'ultimo del tema bi per un po']

_____________________________

Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania.

"Volka", iniziò, "ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente".

Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. "Qui. Sul fondo. E anche la data."

Avan si dimenò. "Vostro onore, mi ci vorrà un po' di tempo per leggere tutto questo, figuriamoci per capirlo."

"Tempo!" Nikolai ha sfidato. “Non ho tutto il giorno. Se vuoi che questa famiglia esca dal pericolo che deve affrontare a Kassan, lo firmerai e lo farai ora!”

"Ma---"

"Vuoi che quelle belle nipoti siano al sicuro?"

"S... Sì."

«Allora dovresti essere disposto a firmarlo adesso. Puoi leggerlo più tardi."

La disperazione ha portato Avan a firmare e datare il documento.

“È... è così? Possiamo andare?" chiese.

"No, non puoi andare!", ha ribattuto il giudice. "Abbiamo ancora degli affari in sospeso".

"Lavoro incompleto? Voglio dire, l'ho già firmato, quindi non significa che la famiglia è già stata ammessa a Incestia?"

"Diavolo, no!"

"Ma perchè no?"

"Perché non l'ho firmato." Il giudice sfidò Avan con lo sguardo.

"Allora, lo firmi?" chiese Avan.

"Potrei. Ma vedi Volka, qui c'è un piccolo problema".

"Problema? Pensavo che tutte le prove e i testimoni forensi fossero sufficienti per farti capire che questa è una famiglia di incesti e che sono in pericolo".

“Forse sono una famiglia di incesti. Ma forse l'avete tutti messo in scena. Forse non erano una famiglia di incesti fino a quando il loro padre non si è messo nei guai e poi avete fatto in modo che si fottesse la bocca del suo ragazzo. Potrei farne un problema, ma per ora non è né qui né lì per me.

"Allora, cosa---"

"Il loro padre. Lui è il mio problema. Vedi Volka, mi stai chiedendo di lasciare che Yuri diventi parte di Incestia quando è un criminale.

“Ma non c'è stato un processo. E poi, anche se toccare le ragazze è un crimine a Kassan, non è un crimine a Incestia».

“È se non fosse gradevole e per come stanno le cose ora, non c'è stato un verdetto. Quindi, mi stai chiedendo di fare un salto infernale per firmare Yuri in Incestia quando quello che ha fatto lì sarebbe anche un crimine qui. "

"Ma Vostro Onore, sapete cosa accadrà se alla famiglia non sarà permesso di immigrare adesso."

"Quindi, forse dovrei concedere l'immigrazione a tutti tranne Yuri."

Avan è andato nel panico. Se a Yuri non fosse stato permesso di entrare in Incestia, la sua figlia più giovane Cambria non ci sarebbe mai andata!

«Vostro onore, non funzionerà. Forse potrei firmare qualcosa per essere responsabile di mio fratello. Ci deve essere un modo per farli entrare tutti".

Il giudice guardò Avan per qualche secondo. “Beh, potrebbe esserci. Ma perché dovrei correre un tale rischio? Che vantaggio ne ricavo?"

"Soldi? Vuoi soldi? Sono sicuro che potrei aumentare---”

"Niente Volka."

"Allora, cosa?"

Il giudice sorrise. «Il ragazzo, Volka. Voglio il ragazzo".

"Vuoi mantenere?"

"No. Per succhiarmi il cazzo!”

"Che cosa?!?"

Il giudice si alzò e venne al loro lato della scrivania e si fermò accanto a Caci.

"Hai detto che pensavi che fosse un succhiacazzi molto prima che si mettesse con suo padre."

"Stai... stai dicendo che l'unico modo per firmare i documenti e far emigrare la famiglia è..."

"Sì. Gli scopo la bocca. Qualsiasi ragazzo che girerebbe con suo padre e ingoierebbe il suo sperma sei volte è praticamente una puttana per cominciare. La domanda è: quanto volete l'immigrazione".

Avan era in conflitto, ma dopo aver soppesato la situazione della famiglia, si voltò verso il ragazzo e sussurrò.

La natura di Caci era di peculiare passività. Sorrise leggermente. Avan gli disse che non doveva, ma il ragazzo scivolò lentamente in ginocchio.

"Ahhh sì!" Nikolai sogghignò con trionfo. Si tolse la veste per rivelare gli abiti civili. Si è slacciato i pantaloni e ha tirato fuori un'erezione piena e ha detto: "Succhialo ragazzo! È così che fai entrare le tue sorelle in Incestia, ragazzo. Mi succhi il cazzo!”

Caci fissò il cazzo del giudice per diversi secondi, poi mosse la testa in avanti, aprì la bocca e spinse le labbra aderenti sull'appendice.

Il giudice gemette ei suoi occhi si chiusero mentre la testa si piegava all'indietro. “Ahhh sì, ragazzo. Piacevole e lento. Piacevole e lento."

Caci sapeva succhiare. Forse l'aveva fatto solo sei volte e solo con suo padre, ma senza che altri lo sospettassero, l'aveva immaginato migliaia di volte con tutti i tipi di uomini e anche suo zio Avan gli aveva allenato la bocca con un dildo. Ha tenuto la sua bocca morbida in un punto e ha allattato dolcemente solo la testa dell'erezione del giudice.

Nikolai guardò in basso. "Ahh, adesso è un succhiacazzi", svenne, poi diede un colpetto sulla nuca del ragazzo. Caci si mosse di più sul cazzo e con l'aiuto delle mani del giudice, iniziò a far scivolare la bocca avanti e indietro in una fellatio al rallentatore.

“Ahh sì, Volka. È probabile che un ragazzo come questo ti dia proprio quello che vuoi. Succhialo, ragazzo!”

Avan si è risentito con il giudice per come ha parlato e per aver fatto una richiesta del genere anche se il ragazzo sembrava essere d'accordo. Col tempo, le sue mani tennero ferma la testa del ragazzo mentre i suoi fianchi si spingevano in avanti.

“Giudice, tu... non puoi farlo. Hai detto che doveva solo succhiare...»

“Sta' zitto, Volka. Un pompino è un pompino e lo voglio in profondità, come ha fatto suo padre!”

Avan era impotente mentre guardava il giudice spingere lentamente la sua virilità in profondità nella gola di Caci e pochi minuti dopo, Nikolai iniziò a scopare e quasi ringhiò di lussuria. Per cinque minuti e poi dieci, il giudice Ciro T. Nikolai ha approfittato del suo potere e della sua posizione e ha scopato la bocca di Caci.

Le sue passioni crebbero e il ritmo delle sue scopate aumentò e poi Avan guardò come un cornuto sconfitto mentre il giudice seppelliva il suo cazzo fino alle palle e il suo corpo sussultava e raggiungeva un intenso orgasmo che mandava uno spruzzo dopo l'altro di ricco, denso seme incestiano in Le profondità di Caci.

Era finito.

Ma l'umiliazione di Avan non lo era. Era stato impotente. Tutto quello che poteva fare era guardare Nikolai scopare la bocca di suo nipote e pompargli sperma dentro mentre Avan era rassegnato a lasciare che accadesse.

Il viso di Caci era leggermente arrossato per la prova ed era evidente che stava cercando di far fronte allo spesso sperma incesto che era stato appena depositato in lui. Eppure, il ragazzo sembrava illeso e, in una certa misura, impassibile. Era appena stato fottuto in bocca da uno strano uomo in una terra straniera, eppure non dava segni di importanza.

Il giudice si vestì e si infilò la veste. Si sedette dietro la sua grande scrivania e disse: "Porterai il ragazzo da me due volte a settimana".

"Che cosa?"

“Proprio quello che ho detto, Volka! Portalo due volte a settimana così posso scopargli la bocca. È nell'accordo che hai firmato. Vedi... proprio qui. Due volte a settimana."

"Ma, se avessi saputo---"

"Non è colpa mia se non l'hai letto."

“Non me lo lasceresti leggere! Questo non può essere legale!”

“Certo che è legale. È legale perché l'hai accettato con la tua firma e tutto ciò che le persone concordano è legale in Incestia. Tu avevi il controllo della penna, non io. Due volte alla settimana, Volka.»

"Non posso credere che lo faresti."

Il giudice sorrise. “Per un succhiacazzi burbero, diavolo sì. Dimmi che sei d'accordo e finalmente firmerò questo documento di immigrazione. Se non sei d'accordo, non lo firmo e puoi semplicemente rischiare con il processo di Yuri a Kassan. Sono sicuro che non lo vuoi per quelle graziose nipotine?"

Ad Avan non restava altro che essere d'accordo.

Il giudice prese una penna dalla scrivania e firmò l'ultima pagina.

"Puoi ritirare la tua copia quando esci dal tribunale."

La fronte di Avan era serrata mentre considerava il suo dilemma. Forse c'era un'ultima speranza.

“Vostro Onore,” iniziò, “chi dice che una volta che la famiglia ha una copia con la tua firma, debba riportare indietro il ragazzo? Voglio dire, se l'hai già firmato, allora perché la famiglia non potrebbe semplicemente andare a godersi la nuova vita ad Incestia e non tornare mai più qui? Voglio dire, è un affare fatto, no?"

Il giudice rise. “Non essere sciocco, Volka. Questo è un modulo D. È valido solo per quattro settimane. "

“C... cosa? Concedete l'immigrazione solo per quattro settimane?"

«In prova, Volka. Non ho intenzione di firmare la famiglia in modo permanente data la situazione".

"Vuoi dire vista la tua eccitazione per la bocca di Caci?"

“Eh-ehi sì. Ma non sarebbe molto bello, vero? Quindi, sto dicendo che devo vedere che Yuri si comporta bene per quattro settimane, proprio come dovevo assicurarmi che il ragazzo fosse un bravo succhiacazzi. Se non lo fosse stato, avrei tirato fuori un modulo standard e tu saresti sulla buona strada".

"Quindi, visto che vuoi fottere Caci in bocca, stiamo solo ottenendo un accordo temporaneo."

“Niente Volka. Sarebbe stato temporaneo in ogni caso, ma dal momento che è un succhiacazzi dalla gola profonda come mi è stato detto, stiamo andando con alcune condizioni speciali. Sei disperato, quindi perché non dovrei?"

Il giudice li congedò e ordinò a loro e agli altri di essere prontamente in aula alle 11 del mattino.

Avan condusse Caci e le sue nipoti, Verity e Cambria, a una panchina all'ombra di una quercia gigante e gli spiegò la concessione temporanea dell'immigrazione.

Verity fu presa dal panico: "Ma dove andremo quando le quattro settimane saranno scadute?"

"Non preoccuparti, Verity", rispose Avan. “Diventa permanente se tuo padre si comporta bene. Ma...» La sua testa scosse lentamente.

"Ma? Ma cosa?"

"Questo è difficile da dire", ha risposto. “C'è una condizione speciale per tutto questo. Caci deve vedere il giudice due volte a settimana».

"Cosa c'è di male in questo?" lei chiese.

"Lui... vuole che tuo fratello... lo succhi ogni volta."

"No!" gridò Verità. "Non è giusto!"

“Lo so, ma non abbiamo scelta. Il giudice... beh... gli piace tuo fratello. Sessualmente intendo. E non firmerebbe i documenti in nessun altro modo".

“Ma non può pretendere questo! Ci deve essere qualcuno a cui possiamo dire che fermerà tutto questo!”

"Non credo---"

«Lo farò», disse piano Caci.

Gli altri guardavano il ragazzo con curiosità perché non era da lui parlare, tanto meno interrompere.

"Tu... tu cosa?" chiese Avan.

"Succhiagli il cazzo", rispose Caci.

“No Caci. Non è necessario", ha detto Avan. “Troveremo qualcuno per fermare questo. A meno che... a meno che tu non voglia."

Il ragazzo annuì.

“Tu... tu vuoi? Vuoi succhiare il cazzo del giudice?"

"Sapevo che era un succhiacazzi!" ha detto Cambria. "Gli è sempre piaciuto essere femminile come noi."

Avan non aveva mai saputo che nessuno di loro parlasse in modo avvilente come aveva appena fatto Cambria, ma capiva che probabilmente stava ancora ribollendo perché Caci era stato colui che aveva incessato con il padre al posto suo. Avan le aveva promesso che sarebbe successo e lui l'avrebbe aiutata, ma quella promessa non era sembrata placare la sua rabbia.

"Caci, sei sicuro?" chiese.

Di nuovo, il ragazzo annuì.

L'aspetto vitreo e distante degli occhi di Caci convinse Avan che il ragazzo voleva davvero e che Caci era molto più un succhiacazzi di quanto avesse immaginato.

Con l'avvicinarsi delle 11 sono tornati in tribunale e si sono seduti con Xia Zan, il testimone forense asiatico. La corte è stata chiamata in sessione e il giudice Nikolai ha iniziato a sfogliare le carte. Sussurrò al cancelliere che rispose con un sorriso.

“Ora”, ha esordito il giudice, “questa corte si è occupata di una questione che non può essere risolta immediatamente. Non entreremo nello specifico, ma ci vorranno quattro settimane prima che questo tribunale stabilisca che tutti i membri della famiglia Volka si comportino nel modo ritenuto da questo tribunale".

Rivolse lo sguardo ai membri della famiglia, poi proseguì.

“Ho incontrato Avan Volka e suo nipote Caci per vedere di persona che tipo di persona è Avan e se Caci è all'altezza di ciò che è stato detto di lui. Ho quindi spiegato le mie aspettative e posso dire di essere soddisfatto”. Sorrise. “Eh-eh sì. Abbastanza soddisfatto."

Il cancelliere del tribunale fece tacere la sua risatina.

Avan non poteva credere a quello che stava vedendo. Il registratore sapeva? Come possono succedere cose del genere in tribunale?

Nikolaj continuò. “Quindi, ho firmato la concessione temporanea di immigrazione che estenderà lo status di rifugiato ai Volkas per quattro settimane. Se Yuri Volka viola la legge incestiana o se Caci Volka non viene due volte a settimana per... per un controllo dello stato, allora la concessione verrà annullata e tutti loro verranno rispediti a Kassan. Se fanno come gli viene detto, firmerò una concessione di documenti per la cittadinanza tra trenta giorni da oggi. Signor Volka, è d'accordo con questi termini?"

Avan ha risposto: "S... Sì, Vostro Onore".

“E Caci, hai capito cosa farai nelle prossime quattro settimane? Rispondi si o no. Non limitarti ad annuire con la testa."

"Sì."

"E Caci, sei d'accordo con quello che mi aspetto da te?"

Anche mentre veniva pronunciata l'ultima sillaba del giudice, il ragazzo disse: "Sì".

Certo che era simpatico! Stavano scherzando? Aveva aspettato anni per essere un succhiacazzi e ora, invece di chiedersi quando sarebbe mai successo, un tribunale gli stava effettivamente imponendo di farlo. Due volte a settimana! Per un mese intero! Se era così che si viveva a Incestia, allora pensava che gli sarebbe piaciuto molto il suo nuovo paese.

Il giudice Ciro T. Nikolai sorrise. Ahhh, molto bene. Si noti che Avan Volka ha accettato questi termini e, soprattutto, che anche Caci Volka ha accettato".

«Sì, Vostro Onore», disse il registratore. "L'ho registrato."

Il giudice ha proseguito: “I Volka rimarranno negli alloggi degli immigrati per i prossimi trenta giorni. Signor Volka, troverà quella casa tre isolati a nord del tribunale. Tutto sarà fornito per la famiglia mentre sono lì. Ci sono domande?"

Avan ha risposto: "No, Vostro Onore".

“Molto bene, questa faccenda è stata decisa. Sei stata licenziata e signorina Zan, anche tu. Grazie per la tua analisi forense con le prove dello sperma e per la tua testimonianza esperta. Siete tutti liberi di andare. È ora di pranzo. Questo tribunale è respinto. Ci ritroveremo per il prossimo caso alle 13:00".

L'alloggio dell'immigrazione era pulito e confortevole anche se piccolo e vecchio. Le ragazze si trasferirono in una camera da letto mentre Yuri veniva condotto nell'altra. Caci dormiva su un divano pieghevole.

Verity era preoccupata che il loro padre non stesse emergendo dal suo stupore di mesi, ma Avan le assicurò che la combinazione di finalmente fare sesso, anche se nella bocca di suo figlio, più un nuovo elisir per sostituire la bacca della passione nel suo alcol lo avrebbe riportato alla normalità tra non molto.

Cambria ha detto: "Ma se il sesso fa parte del suo ritorno alla normalità, allora dovrei dormire con lui e fare sesso con lui ora".

"No Cambria", rispose suo zio. “La tua purezza deve essere preservata. Inoltre, non vuoi fare sesso con lui quando non ha idea di cosa stia succedendo."

"Non mi interessa!" lei protestò.

“Sì che lo fai, Cambria. Pensaci. Giaci con tuo padre e lui ti fotte senza sapere cosa sta facendo e poi quando tornerà in sé, probabilmente si risentirà per l'intera faccenda. Aspetta, Cambria. Voglio che tu vada a letto con lui, ma anche nella situazione e nel momento giusti".

Cambria si accigliò, ma sembrò capire.

“Ora ragazze, ecco il nuovo elisir. Mescolalo con le sue bottiglie di alcol e dagli una bottiglia oggi. Vieni domani, dovrebbe iniziare a dare segni di ripresa".

Avan è partito per la sua casa a circa un miglio dal centro immigrazione ed è tornato il pomeriggio successivo. Suo fratello sembrava solo leggermente più consapevole, ma almeno c'erano stati dei progressi.

Due giorni dopo, Yuri stava notevolmente meglio anche se era ancora solo a metà strada da quello che era stato settimane prima. Il giorno seguente, sembrava quasi il fratello con cui Avan fosse cresciuto e sentiva che era giunto il momento di dire a suo fratello tutto quello che era successo.

"Yuri", iniziò. “Sono successe molte cose da quando hai iniziato a bere e a nasconderti in quella camera buia a Kassan. Siamo in Incestia ora e se ti comporti bene, tu e i tuoi figli potrete restare qui per sempre e non dovrete mai preoccuparvi di quel caso giudiziario a Kassan e i vostri figli non saranno mai venduti all'asta ai commercianti di sesso di Talamira . Hai capito finora?"

Yuri si passò la mano tra i folti capelli e annuì. "Sì. Penso. Mi sembra di essere in un lungo sogno".

“Sono sicuro che lo fa, ma mentre sei stato in quel lungo sogno, mi sono preso cura delle cose per te. Yuri, è importante che tu tenga a mente la cosa più importante e cioè che tu e la tua famiglia siate al sicuro. Abbiamo dovuto fare delle cose straordinarie, ma sei al sicuro. Per favore, dimmi che lo terresti in primo piano nei tuoi pensieri perché ho molto da dirti e alcune di queste sono strane e potrebbero non essere facili da ascoltare".

[segue la parte 3]

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Sulla scia di una ninfomane 2

Sulla scia di una ninfomane Parte 3 Di John Morrison Benvenuto in Sonic, posso prendere il tuo ordine? chiesi al microfono. L'altoparlante crepitò un po'. Sì, voglio un frappè, disse una voce tranquilla di carestia. Che misura? Ho chiesto. Grande, ha risposto. È così? Ho chiesto. Sì, disse. Due minuti dopo sono uscito con il suo milkshake. «Due trentotto», dissi. Ora ho guardato la ragazza. Sembrava che si fosse appena laureata. Aveva capelli castani lisci con riflessi biondi. Mi ha dato una banconota da cinque dollari. «Tieni il resto» disse. «Grazie» dissi voltandomi. Aspetta, disse. Mi sono fermato e sono tornato...

744 I più visti

Likes 0

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.