Un'altra avventura...Laney IV

1.3KReport
Un'altra avventura...Laney IV

Altre sorprese di tipo diverso mi vengono incontro



"I ragazzi saranno ragazzi" e "sai cosa vogliono i ragazzi". Entrambe erano cose che sentivo spesso e quando noi ragazze ci riunivamo e parlavamo di ragazzi, beh, ora, uomini, era spesso quello che veniva detto. "È tutto ciò che vogliono." E io e le mie amiche eravamo al locale un tardo pomeriggio a diverse miglia da dove vivevo e abbiamo fatto snack e drink al bar fino a tarda sera scambiandoci le nostre ultime storie di vita e gli uomini che erano dentro o fuori dalle nostre vite. Come quando uno ci portava a cena e mostrava quello che voleva in seguito, cosa che spesso non otteneva ... se noi ragazze venivamo corrotte dagli uomini per la parte "successiva" dell'appuntamento. Abbiamo parlato di altre cose, del nostro lavoro, delle nostre faccende, delle bollette da pagare ma l'unica cosa che avevamo in comune era il galateo degli appuntamenti: loro danno e poi tocca a noi dare o non dare e io supponiamo che quando gli uomini si incontrano per una serata è di cosa parlano, quello o il calcio. Probabilmente più spesso sul calcio.

Abbiamo fatto tutti una bella e lunga visita quella notte e per me era lontano casa, quindi ho preso una scorciatoia attraverso il parco anche se era molto buio e mi sono chiesta se fossi stato furbo a non fare il giro del parco invece di entrare, camminando da solo, con qualche paio di occhiali sotto la cintura, un po' accaldato dal nostro incontro, forse senza riflettere e così mi sono ritrovato a camminare nel parco buio. Ho visto alcuni ragazzi, beh, uomini davanti a una panchina che mangiavano sigarette. Ho pensato di tornare indietro, ma ormai ero già a metà del parco e ho proseguito verso gli uomini. Errore mio.

Mi sono fatta coraggio e ho camminato verso di loro e ho sentito che avrei continuato a camminare qualunque cosa potessero dire e sapevo che avrebbero detto qualcosa. È quello che fanno i ragazzi/gli uomini quando passa una bella ragazza. Giusto? Giusto! Ed ero una ragazza carina: minuta, bei capelli, giovane, figura snella e uno di loro ha detto: “Ciao. Fuori per una camminata? Vieni a salutare e che fretta c'è?" E ho continuato a camminare senza guardare, ma il mio braccio è stato afferrato e sono stato trascinato sulla panchina. "Dai. Saluta i ragazzi. Sei una bella ragazza. Ho provato a staccarmi ma erano più grandi e più forti e mi sono guardato intorno. Non c'era nessuno in giro, solo noi, a tarda notte, nel parco. Io e quattro uomini mi sorridevamo tutti ed ero spaventato e non potevo muovermi. Aveva una mano forte e mi teneva lì. Uno degli altri si avvicinò e cercò di baciarmi. Mi sono allontanato. Poi la mia testa è stata tenuta e c'era una bocca sulla mia. "Hai un buon sapore!" Egli ha detto. Sapeva di tabacco. “Tutto quello che vogliamo è un piccolo assaggio. Non ti faremo del male. Solo un assaggio e poi vai per la tua strada.

Venivo allontanato dal sentiero. Le mani sulle mie spalle mi spingono a terra. Ero in inferiorità numerica e fuori di testa e ho pensato a quanto fossi stupido ad entrare in questo. Poi ho sentito il mio vestito sollevato e c'erano mani su di me e il mio vestito sollevato. "Non ti faremo del male e ci divertiremo un po 'e via." Se solo fosse vero, ho pensato. Starei fuori dai parchi. Solo non farmi del male. E c'erano delle mani sui miei seni. Bocche che mi baciavano il seno e sentivo odore di tabacco. Non mi stavano facendo del male, solo abusando di me e io ero la loro vittima a tarda notte nel parco. Tutto quello che riuscivo a pensare era che volevo andare a casa. Essere rilasciato e andare a casa a farsi una doccia. Una doccia calda per ripulirsi da tutto questo. Mi hanno tirato giù sull'erba e le mie gambe sono state divaricate e ho sentito il mio seno baciato e altro odore di tabacco e risatine. SÌ! Stavano ridendo di tutto ma non era divertente. Era patetico. Non avevano di meglio da fare? E poi non erano solo i miei seni, ma le mani erano sui miei genitali e poi ho sentito una cerniera. Qui diffuso eagleed e una cerniera. Le mie mani erano tenute, le mie gambe e io ero sdraiato nudo nel parco pensando a una doccia! Follia.

Poi le mani hanno lasciato le mie parti intime. Le mani erano davvero morbide, non mi strappavano, ma mi accarezzavano e... dannazione... bagnandomi! Non sapevo come la violenza potesse bagnarmi. Questo era un diverso tipo di violenza e un diverso tipo di bagnato ed ero ansioso per la mia doccia e per essere lasciato andare, ma non avevano finito di avere un "assaggio" come ha detto. Era sbagliato, sapevo che era sbagliato, ma ho iniziato a dire a me stesso: “Fallo e basta. Finiscila e lasciami prendere il mio vestito e andare. La mia testa stava nuotando con pensieri "lasciami andare" e poi ho sentito un pene su di me, su di me, dentro di me, avanti e indietro, dentro e quasi fuori e poi dentro di nuovo e la mia mente diceva "lasciami andare a casa" ma il mio corpo, il mio corpo sleale e insubordinato diceva: “scopami, fottimi forte, fammi venire e poi lasciami andare”. Quel pene, uno grasso, allargando le mie labbra, esplorando la mia fica, il mio corpo ha sollevato i miei fianchi e ha afferrato quel pene e poi ho grugnito, mi vergognavo di me stesso, non potevo trattenermi, stavo venendo su questo pene in me che si muoveva qualche volta più insistente, zampillando caldo dentro che mi faceva sempre venire caldo e tornavo!.

I ragazzi ricominciarono a ridacchiare, borbottando: “Le è piaciuto. Hai visto che? È venuta per lui e ora tocca a me». Sono stato ancora trattenuto per il secondo ragazzo ed è entrato il suo pene. Ero intorpidito dal primo pene spesso e questo non era così grande. Cosa stavo facendo confrontando gli stupratori? E stavo pensando, confrontando e ho ricominciato a rimescolarmi dentro, il mio corpo cattivo ha ripreso il sopravvento e ho sollevato i fianchi per far entrare il secondo pene che presto si è inerte e un terzo era verso di me e ho sentito più odore di tabacco e stavo pensando alla doccia. Poi un quarto. Avevo fatto zoppicare tre peni e in realtà ero pronto per il numero quattro. Stavo reagendo, non permettendo loro di godere di una resistenza come avrebbero voluto e la mia fica era stanca e gocciolava tutte e tre le vene precedenti e aspettava quella finale. Ma ero ancora in fiamme. La mia fica calda e pronta.

I miei occhi sono ancora chiusi. Il mio corpo è ancora trattenuto e le mie gambe divaricate e poi il numero quattro! Infine! Non ci sarebbe voluto molto, ho pensato. Ero quasi a casa. Ma il numero quattro, ovviamente, era diverso. Era più grande, più lungo, più spesso e mi sentivo impalato e allargato e sentivo le mie gambe allungarsi da sole. “Lasciatela andare ragazzi. L'ho bloccata con il grande vecchio "Charlie" qui e non andrà da nessuna parte. Le piace scopare, anche scopare in modo strano con uomini strani in un parco buio” e ha infilato “Charlie” dentro di me e le mie mani ei miei piedi sono stati liberati dalle loro prese. Al mio corpo piaceva "Charlie"... "Churning" "Fucking" "Charlie". Mi ha bloccato in profondità, togliendomi il respiro, facendomi girare la testa.

Ho alzato le ginocchia e ho resistito per la mia ultima scopata e il suo alito di tabacco era nella mia bocca, mi leccava, ho aperto gli occhi, era bello, sudato e nudo e ho tenuto il suo petto sul mio e ho lasciato che mi fottesse forte mentre grugniva e il mio corpo era totalmente responsabile di me e stringeva il suo enorme cazzo. Eravamo animali che scopavano come cani nel parco e stavo pensando a Jim e al suo cane e a come sono venuto anni fa e avevo quell'immagine nella mia mente con questo nuovo "Charlie" ed ero fottuto e veniva e i ragazzi ridacchiavano e aspettavano il mio doccia, poi camminando, quasi correndo a casa con il mio vestito, aprendo la porta, su per le scale, aprendo la doccia.

Non vedevo l'ora di essere pulita e ripulita da quei ragazzi che ridacchiavano perché non solo mi avevano violentata ma mi avevano anche fatta venire, diverse volte. Mi vergognavo del mio corpo... il mio corpo cattivo, sporco, traditore. L'acqua era meravigliosa, mi puliva. Mi stavo insaponando ora, ogni angolo e fessura e mi lavavo il manicotto e le parti intime e poi non riuscivo a staccare le mani da me stesso. Mi stavo eccitando pensando alla notte e quattro cazzi e le mie mani e il mio corpo hanno preso il sopravvento e sono tornato! Immagino di non poter incolpare il mio corpo o le mie mani, erano solo i loro sé licenziosi, dandomi piacere a modo loro.

Sapevo che era sbagliato, che i ragazzi/uomini sarebbero stati quello che sarebbero stati e tutte noi ragazze sapevamo cosa volevano e a volte ottenevano, non sempre dopo una cena e uno spettacolo, non sempre dopo un ballo, a volte lo ottenevamo in un parco buio e, a volte, una ragazza scendeva in un parco buio e poi sotto la doccia! Ho chiuso a doppia mandata la porta d'ingresso e sono andato a letto, interrogandomi su me stesso, sul mio corpo, sui miei sentimenti, sulla vita e su come ero a casa e mi facevo la doccia.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.