Bleach: sorella rivista

757Report
Bleach: sorella rivista

Questo è stato modificato da Nivek_88. Tutto il merito dovrebbe andare a lui.


Ciao. Mi chiamo Karin Kurosaki e ho un problema.

Ultimamente provo strani sentimenti per mia sorella gemella, Yuzu. Non so quando è iniziato, ma da allora non se ne andrà. Abbiamo entrambi 12 anni, circa 4'10”, capelli neri, occhi azzurri e un petto che sta appena iniziando a formarsi. Mi spaventa, perché ogni volta che la guardo adesso il mio cuore perde un battito e mi vengono queste strane sensazioni tra le gambe, non lo capisco. Non mi sono mai sentito così prima e non sono sicuro di cosa stia succedendo. Voglio togliermelo dalla testa, ma è qualcosa che non posso evitare, e ad essere onesto non sono nemmeno sicuro di volerlo.

Peggiora, non solo penso costantemente a Yuzu quando sono sveglio, ma non appena chiudo gli occhi per dormire eccola di nuovo. Ogni notte vado a dormire, sogno lei; sogni sexy, sogni erotici, sogni che una ragazza non dovrebbe avere su sua sorella. Coinvolgono tutti la stessa cosa, noi nudi e facendo cose cattive, come io che bacio le sue piccole tette, lei che fa scorrere le mani su tutto il mio corpo e le nostre lingue che ballano insieme mentre ci baciamo appassionatamente mentre stringiamo i nostri corpi insieme e ci accarezziamo a vicenda bottino morbido e liscio tra le nostre dita piccole e agili. Perdo sempre la testa quando lei fa scorrere dei baci lungo il mio corpo, oltre l'ombelico e direttamente sulla mia piccola figa, baciandola e leccandola e succhiandola nella sua bocca come se fosse la cosa migliore che abbia mai assaggiato. Finiscono tutti allo stesso modo, con me che mi tremo sotto di lei fino a quando un'ondata mi attraversa il corpicino e fuoriesce dalla mia figa, stancandomi e facendomi cadere in un sonno ristoratore. Mi sveglio il giorno dopo sentendomi caldo e sudato e le mie mutandine sono sempre bagnate e appiccicose. Anche se so che Yuzu non c'entra niente, non posso fare a meno di sentirmi in colpa per questo. Non riesco nemmeno più a guardarla in faccia senza arrossire. Questo accade ogni notte da un po' di tempo, quindi non sono stato sorpreso quando è successo ieri sera, ma questa volta sembrava diverso, quasi reale, non sapevo come sarebbero diventate reali le cose.

Mi sono svegliato questa mattina dopo un altro sogno birichino in cui invece di lei mi lecca, io la lecco tra le sue gambe! Non era mai successo prima, io le davo piacere, quindi naturalmente non sapevo cosa pensare. Il pensiero di me che la leccavo mi fece venire un brivido in tutto il corpo e, per quanto folle possa sembrare, mi fece bagnare un po'. Ho cercato di scacciare questi pensieri dalla mia testa, ma continuavano a tornare più vividi e più frequenti. Mi sono reso conto ora di avere un problema serio, ma ho deciso che avrei fatto del mio meglio per non pensarci e sono andato in bagno e ho affogato i miei dispiaceri sotto una bella doccia calda, sembrano sempre aiutare.




Indosso l'uniforme scolastica, mi lavo la faccia e mi lavo i denti dopo essermi pettinato, poi mi dirigo verso la cucina dove sono sicuro che ci siano tutti gli altri. Camminando per il corridoio e verso la cucina sento già mio fratello di 15 anni, Ichigo, e nostro padre litigare alle 6:30 del mattino, questa sarà una giornata molto lunga.




"Dannazione papà! Perché ogni fottuta mattina vieni di corsa nella mia stanza e mi attacchi quando mi sto appena svegliando?!"




Papà ha un sorriso da mangiatore di merda stampato in faccia. "Fa tutto parte dell'addestramento figliolo! Devo sapere che il mio ragazzo è forte!"




"Questo non è un dojo! È una fottuta casa! Continua a farlo e avrò bisogno di un dannato ospedale!"




"Ehi, adesso guarda come parli davanti a tua sorella!"




Alzai gli occhi mentre mi sedevo al tavolo. "Come se mi importasse quello che dite comunque, è troppo presto per comportarvi da stupidi."




Papà sussulta per l'orrore e si rivolge a un poster a grandezza naturale della nostra madre morta mentre le lacrime gli rigano il viso. "Tesoro, la nostra dolce bambina si è rivoltata contro suo padre!"




“Oh dio papà, vuoi già togliere quello stupido poster? E basta con le lacrime finte! Ho urlato.




Stavo per continuare a delirare e delirare quando ho sentito dei passi leggeri e ho visto la visione di un angelo mentre mia sorella gemella Yuzu entrava in cucina, mettendoci a tacere con la sua voce angelica.




"Ora smettete tutti di litigare in questo momento o nessuno fa colazione e dico sul serio!"




Tutti obbediscono. Yuzu governa la cucina. Senza di lei nessuno di noi mangerebbe. Sono diventato così ossessionato da lei che non riesco nemmeno a guardarla, invece abbasso lo sguardo arrossendo, pensando a ogni sogno che ho fatto con lei. Yuzu se ne accorge e mi guarda con espressione preoccupata.




"Karin, stai bene? La tua faccia è tutta rossa."




"S-sto bene, mi sento solo un po' strano oggi, tutto qui, niente di grave!" Riesco a balbettare.



Mi ha guardato come se sapesse che c'era qualcosa che non andava, ma non voleva insistere e si è rianimata. “Ok, basta che tu stia bene,” disse mentre mostrava quel sorriso che ti fa sorridere a sua volta.


Volevo solo sedermi lì e fissarla tutto il giorno, ma sapevo che era una cattiva idea e non volevo insospettire nessuno, quindi ho distolto lo sguardo da lei e ho guardato qualsiasi altra cosa potessi focalizzare la mia attenzione SU. Yuzu ci preparò la colazione e mangiammo velocemente con le solite chiacchiere a tavola, mentre io la guardavo di sottecchi. Ogni volta che mi sorprendeva sorrideva e tornava a mangiare oa parlare con Ichigo o papà, che ora erano entrambi calmi mentre si scambiavano conversazioni. Non so come faccia, ma Yuzu ha questo modo di calmare tutti, come se avesse un effetto calmante sulle persone. Forse è questo che mi sta prendendo, facendomelo vedere come un oggetto del desiderio, spero di poterlo capire presto perché se non lo faccio mi farà impazzire. Abbiamo pulito i nostri piatti e preso le nostre borse mentre uscivamo dalla porta per andare a scuola, salutando papà e Strawberry mentre ce ne andavamo. Dato che vivevamo a soli 5-10 minuti da scuola, camminavamo sempre e sono riuscito a mantenere il mio miglior comportamento per tutto il tragitto in modo che nessuno mi sorprendesse a guardare mia sorella, non è stato facile, ma ce l'ho fatta.




La scuola era il solito noioso noioso, le lezioni erano noiose, il pranzo era noioso, anche il modo in cui i ragazzi cercavano di parlarmi sembrava noioso. L'unico momento in cui la scuola è stata qualcosa di simile all'essere buono è stato quando mi sono imbattuto in Yuzu nel corridoio, la giornata è migliorata all'istante.




"H-Ehi Yuzu, giornata noiosa eh?" chiesi sorridendo cercando di mantenere i miei occhi nei suoi.




"Sì, piuttosto noioso, ho così tanto lavoro, non sono riuscita a mangiare niente, e i ragazzi non smetteranno mai di provarci con me, ma almeno possiamo tornare a casa presto", si rianimò, come faceva sempre fa.




"Sì, sono con te, solo altre due lezioni ed eravamo fuori di qui."




Attraversammo il corridoio fino al suo armadietto in modo che potesse cambiarsi i libri per la lezione successiva. Mentre ce ne stavamo andando, questi due ragazzi sono venuti da noi e hanno cercato di flirtare con noi, ma nessuno dei due era interessato, io per motivi che sono sicuro erano diversi dai suoi, ma ancora non interessati e li ho delusi facilmente. Abbiamo provato a superarli ma uno di loro ha afferrato il braccio di Yuzu e l'ha girata per affrontarli, cosa che a nessuno di noi è piaciuta troppo.




"EHI! Lasciami andare, mi fai male al braccio!




"Dai, volevamo solo parlare, non devi essere così perbene," disse uno dei ragazzi.




"Beh, non voglio!" disse Yuzu mentre strappava il braccio dalla presa del ragazzo.




Ho dato loro uno sguardo "lasciaci in pace o altro" e ci siamo voltati per andarcene, ma non appena Yuzu li ha superati uno dei ragazzi le ha afferrato la gonna e l'ha sollevata, esponendo il suo sedere vestito di mutandine rosa affinché tutti potessero vederlo. Yuzu rimase a bocca aperta per l'imbarazzo e si abbassò la gonna mentre i ragazzi ridevano di lei. Ero rosso di rabbia. Ho lasciato cadere i miei libri e ho colpito il ragazzo sul naso più forte che potevo. Ricadde nell'armadietto, il sangue gli colava dal naso rotto mentre cercava di coprirlo. L'altro ragazzo mi ha guardato e io ho guardato indietro e ho mantenuto la mia posizione, poi ha aiutato il ragazzo ad alzarsi e lo ha accompagnato in bagno per tutto il tempo mentre veniva deriso da tutti quelli che incontravano. Presi i miei libri e guardai Yuzu, che era ancora sotto shock per quello che era appena successo.




"Sì ok?" Chiedo.




“Sì, sto bene, quei ragazzi se lo meritavano, erano dei cretini,” disse sorridendomi.




Abbiamo camminato lungo il corridoio e ci siamo separati per andare alle nostre lezioni con me che la guardavo mentre scompariva dalla vista. È stato davvero bello colpire quel ragazzo nel naso, ecco cosa ottiene per aver messo le mani su mia sorella. Ero felice di poterla difendere, ma dovevo ammettere che la vista del suo piccolo culetto stretto nelle sue mutandine rosa mi faceva bagnare, così bagnata che sapevo che avrei giocato con me stessa a quell'immagine più tardi.




Quando la scuola finì ci incontrammo e tornammo a casa come al solito, con me che dovevo assicurarmi di non fissarla più. Mi ha ringraziato di nuovo per averla difesa e le ho detto che non era un grosso problema, è quello che fanno le sorelle, e lei mi ha sorriso, scaldandomi il cuore così come le mie mutandine per il resto della strada verso casa.



Quando arrivammo a casa Yuzu lasciò cadere la sua roba nella nostra stanza e andò a fare un bagno. Papà era impegnato con il computer, quindi ho deciso di non disturbarlo e sono andato in cucina a prendere una mela. Proprio mentre mi chiedevo dove fosse Ichigo, arrivò dalla cucina vestito con una tunica nera e con in mano un'enorme spada. Qualche passo dietro di lui c'era una ragazza bassa con i capelli neri, vestita come lui. Mi ha visto e mi ha fatto l'occhiolino mentre seguiva Ichigo nel cortile sul retro. Strano, non sapevo che fosse appassionato di cosplay.



Non avevo niente da fare in quel momento, quindi ho pensato di iniziare con il bucato. Ho bussato alla porta del bagno per dire a Yuzu che stavo entrando per prendere il cesto e lei ha detto che potevo entrare. Ho aperto la porta e sono andato a prendere il cesto dei vestiti quando ho visto quelle stesse mutandine rosa che indossava oggi sdraiato sopra. Non solo, guardo da vicino e noto una grossa macchia davanti. Non riuscivo più a controllarmi. Con tutta la mia forza di volontà esaurita li raccolsi e uscii rapidamente dal bagno, dicendo a Yuzu che volevo raccogliere altri vestiti. Chiudo la porta del bagno e guardo la biancheria rosa tra le mie mani, sono così morbide e appiccicose su tutto il davanti. La curiosità ha la meglio su di me. Mi guardo intorno assicurandomi che non ci sia nessuno e li annuso. OH DIO! Ha un profumo così buono! Immagino che se ha un profumo così buono, deve avere un sapore ancora migliore. Porto la macchia bagnata alla bocca e la lecco, e la mia lingua trema per l'incredibile sapore dolce e pungente mentre lecco quel punto ancora e ancora. Ormai sono così consumato dalla lussuria che corro velocemente nella nostra stanza, mi metto sul letto e tiro indietro la coperta, e mi tiro giù la gonna e le mutandine bagnate finché non sono completamente fuori dalle mie gambe.




Mi perdo nel suo profumo mentre lo inspiro ancora e ancora e comincio a massaggiarmi stupidamente. Mi tasco con due dita immaginando che siano le dita di Yuzu e non le mie a scaldarmi. Mi porto le dita alla bocca e assaggio i miei stessi succhi, ho un buon sapore, ma neanche lontanamente buono come quello di Yuzu. Faccio lavorare le mie dita dentro di me sempre più velocemente finché non grido di passione mentre le mie dita sfiorano costantemente la mia fessura sensibile. Tengo le mutandine bagnate di Yuzu sulla mia faccia, leccandole mentre mi strofino la figa più velocemente. I miei capezzoli stanno diventando così duri che mi tiro su la maglietta e li pizzico con la mano libera lasciando le sue mutandine vicino al mio naso. Sento il mio orgasmo avvicinarsi man mano che mi strofino la fica e mi pizzico i capezzoli, so che è solo questione di tempo. Sento il succo scorrermi lungo le gambe mentre il mio respiro diventa più affannoso mentre mi tocco furiosamente pensando a Yuzu mentre annuso le sue mutandine. La pressione diventa eccessiva per me quando passo leggermente il dito sul mio clitoride, facendomi inarcare la schiena mentre comincio a venire. Grido in un impeto di passione mentre schizzo su tutta la parte inferiore del mio letto inzuppandolo nei miei succhi. Sono così preso dall'eiaculazione che ho dimenticato dov'ero e ho urlato il nome di Yuzu così forte che so che tutti in casa dovevano averlo sentito, ma come ho detto, sono stato catturato dal momento. Quando finalmente mi sono calmato, guardo l'enorme punto sul mio letto e mi sdraio stordito dall'orgasmo più intenso che abbia mai avuto, ma è stato solo di breve durata quando sento bussare alla porta e sono spaventato. della mia trance.




"Karin? Karin stai bene?"




Merda! È Yuzu! Deve avermi sentito dal bagno, sapevo di essere troppo rumoroso! Pensando velocemente afferro la mia coperta e me la metto addosso coprendomi e nascondo le sue mutandine sotto il mio cuscino proprio mentre lei entrava bagnata con un asciugamano attorno a lei. "S-sì?" Balbetto ancora respirando pesantemente.




"Stai bene? Hai la faccia arrossata e sudi. Penso che tu abbia la febbre, fammi vedere."




"NO! Voglio dire, sto bene Yuzu. Mi sono appena addormentato e ho fatto un brutto sogno, tutto qui."




"Sei sicuro? Posso controllare molto velocemente, voglio dire che non è un grosso problema."




"Sì, sto bene, non ti preoccupare. Immagino che mi insegnerà a fare un pisolino nel bel mezzo della giornata", ho riso.




"Bene ok, allora tornerò nella vasca," sorrise mentre se ne andava e chiudeva la porta.




Ho tirato un sospiro di sollievo e ho ributtato la testa sul cuscino, era vicino. Se non sto più attento potrei causare seri problemi a tutti noi, per qualcosa che non sono nemmeno sicuro del perché lo sto facendo. Mi ricompongo e mi metto dei vestiti “da casa” mentre torno in bagno a prendere il cesto per lavare i panni (per davvero questa volta) e torno in camera. Afferro la mia divisa e le sue mutandine da sotto il cuscino, le annuso un'ultima volta le metto nella cesta e mi dirigo in lavanderia a lavare i panni. Un po' di vergogna si insinua in me mentre torno in cucina passando di nuovo Ichigo e il suo amico che mi sorride mentre mi passa accanto. Mi accascio sul divano non guardando davvero la tv, ma guardando lo schermo con aria assente mentre sono perso nei pensieri su come potrei essere così preso da tutto questo, per il quale non sono riuscito a trovare una risposta. Più tardi ho cenato il più normalmente possibile, ma sono sicuro che tutti potessero percepire che c'era qualcosa che non andava in me, ma dato che Ichigo era impegnato a parlare con papà e papà stava parlando con Yuzu, è semplicemente passato, con mia gioia.




A cena finita ci siamo seduti davanti alla tv mentre nostro fratello scompariva di nuovo con quella ragazza. Ci siamo seduti per un po' a guardare un programma televisivo dopo l'altro finché non abbiamo deciso tutti di farla finita. Ho dato la buonanotte a tutti e me ne sono andata per andare a letto così da non dover affrontare Yuzu e lasciarmi alle spalle questa giornata, ma a quanto pare questa giornata è tutt'altro che finita.

Mi sono svegliato verso le due del mattino dopo aver fatto un altro di quei sogni su Yuzu, e avevo le mutandine sporche per dimostrarlo. Alla fine sono venuto a patti su ciò su cui stavo fantasticando e mi sono rimproverato per i miei pensieri sporchi.




"È mia sorella, la mia sorella gemella, per non parlare di una ragazza! Perché penso così tanto a una ragazza? Non sono una l-lesbica. Perché sta succedendo questo?" Penso tra me e me. Sospiro sconfitto e cerco di riaddormentarmi. Chiudo gli occhi e comincio ad addormentarmi, lasciando la mia mente un confuso miscuglio di pensieri. Mi sveglio di nuovo dal mio sonno quando all'improvviso sento mia sorella emettendo strani suoni lamentosi nel sonno.




"Karin, oh sì Karin!"




Mi sono seduto in posizione verticale quando l'ho sentita gemere il mio nome. Non lo è, vero? Su di me? La mia mente ripensa alle sue mutandine e alla macchia bagnata su di esse, e parte del mio senso di colpa svanisce, ma sono ancora preoccupata.




"Forse dovrei controllarla", mi dico. «Potrebbe avere un incubo.»




Mi avvicino a lei in punta di piedi e mentre i miei occhi si abituano all'oscurità la vedo strofinare la sua piccola figa tra le lenzuola! "Karin, sì proprio lì! Oh, è così bello", geme.




Non ci posso credere! Anche lei mi vuole! Se mi voleva come ho scoperto di volere lei, allora non dovrebbe esserci nulla che possa fermarlo, giusto? Tutto il senso di colpa di prima mi aveva lasciato in quel momento, non mi importava più di provare qualcosa per una ragazza, figuriamoci per mia sorella, tutto quello che sapevo era che ci volevamo l'un l'altro e l'unica cosa che impediva che accadesse eravamo noi . Non più spaventato dai miei sentimenti, le tiro via il lenzuolo, svegliandola di soprassalto.




"Karin! Cosa stai... voglio dire da quanto tempo..."




Guardo il suo corpo quasi nudo. La sua maglietta è tirata su sui suoi piccoli seni e la sua mano è ancora dentro le sue mutandine, e prima che possa dire altro la bacio profondamente. All'inizio è sorpresa e si lascia baciare, ma dopo un po' si arrende lentamente al bacio con la stessa passione con cui bacio lei. Infilo la lingua nella sua bocca facendola roteare attorno alla sua mentre esploriamo la bocca dell'altro per la prima volta. Questo non è un sogno, sta accadendo davvero! Finalmente ho la ragazza su cui ho fantasticato per tutto questo tempo e ho intenzione di trarne il massimo vantaggio. Le tiro la maglietta sopra la testa e mi spoglio rapidamente mentre mi arrampico sopra di lei e succhio i suoi seni in boccio.




“Oh Karin, è così bello! Succhiami le mie tette piccole!




"Qualsiasi cosa per te, Yuzu."




Gemetti contro il suo capezzolo mentre inarcava la schiena spingendo il petto dentro di me. Passai all'altro e gli dedicai la stessa attenzione che avevo riservato al primo finché lei non mi tirò di nuovo vicino a sé e mi baciò di nuovo. Mentre ci stavamo baciando, ha iniziato a strofinare la sua figa contro la mia, avvolgendomi le braccia intorno mentre schiacciava la sua metà inferiore contro la mia mentre ci scopavamo l'un l'altra. Lei interruppe il bacio e gemette sul mio collo e lo baciò mentre ci massaggiavamo, macinavamo, gobba e fracassavamo le nostre fighe insieme come se stessimo davvero facendo sesso l'una con l'altra, e nelle nostre menti lo eravamo. Ci siamo baciati e ci siamo buttati via mentre sentivamo avvicinarsi un orgasmo, facendo scorrere le nostre mani sui corpi l'uno dell'altro e toccando qualunque parte del corpo potessimo. Sapevo che eravamo vicini quando entrambi ci siamo mossi più velocemente l'uno sull'altro sbattendo le nostre fighe insieme così forte che potevamo sentire i suoni schiaccianti echeggiare nella stanza, e una frazione di secondo dopo i nostri corpi si sono irrigiditi mentre mancavamo il fiato mentre entrambi i nostri orgasmi arrivato. Non abbiamo detto una parola mentre mi stringeva le braccia intorno al collo e le mie intorno alla schiena mentre entrambi ci muovevamo l'un l'altro mentre un mini orgasmo attraversava i nostri corpi. I nostri capezzoli si strofinavano l'uno contro l'altro proprio come le nostre fighe mentre continuavamo a baciarci e ad aggrapparci l'un l'altro finché non ci calmammo. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo baciati, ma non volevo fermarmi qui, la macchia sulle sue mutandine aveva un sapore meraviglioso, ma voglio la cosa vera.




«Voglio assaggiarti» sussurrai guardandola negli occhi.




"Anch'io voglio assaggiare te", sussurrò in risposta.




Mi sono alzato e mi sono girato in modo che io guardassi la sua figa e lei guardasse la mia. L'ho ammirato per un secondo, osservando quanto fosse perfetto luccicare nell'oscurità con i suoi succhi in attesa che lo leccassi tutto. Mi ripresi quando sentii la sua lingua calda toccarmi la figa per la prima volta e trascinarmi sulle labbra, rabbrividii per l'eccitazione.




“Oooooooh dio Yuzu! È così buono! Ora tocca a me!




Non ho perso altro tempo e ho abbassato la testa sulla sua piccola figa pulita e le ho leccato le labbra proprio come sentivo che faceva con me, leccando il suo succo mentre usciva da lei.




“Sì Karin lecca la mia piccola figa! Mangiami, oh per favore mangia la mia figa per favore!




Mi ha eccitato così tanto sentirla parlare sporco dato che non impreca quasi mai, eppure suonava così naturale. Le aprii le labbra con entrambe le mani e leccai l'interno della sua figa, facendo scorrere la mia lingua su tutto ciò che era in grado di raggiungere. Non ho mai assaggiato niente di così buono, non mi sono lasciato scappare una sola goccia del suo succo mentre succhiavo le sue labbra nella mia bocca. Anche lei mi stava leccando bene mentre infilava la lingua nella mia figa, facendomi rabbrividire per la penetrazione mentre gemevo dentro di lei. Ho deciso di provarlo su di lei e ho infilato la mia lingua nella sua figa il più lontano possibile, facendola gemere dentro di me proprio come ho fatto io.




"Oh Karin, adoro la tua lingua dentro di me, fammi venire per favore, e ti prometto che ti farò venire!"




Non ho discusso e l'ho leccata più velocemente mentre le mie mani impastavano le sue piccole guance. L'avrei fatta venire solo per il vantaggio di sapere che ero io a farlo, e sapevo che avrebbe sgorgato ancora un po' del suo fantastico succo dal sapore, che non vedevo l'ora di leccare. Ho allungato una mano e ho tirato indietro il cappuccio che le copriva la clitoride e l'ho leccato. Nel momento in cui sono entrato in contatto con lei è saltata e mi ha spinto la figa in faccia, e sapevo che era così che l'avrei fatta venire. L'ho fatto scattare mentre lei continuava a spingermi la figa in faccia dandomi da mangiare, e poi ha fatto la stessa cosa con me e mi ha leccato il clitoride, facendomi spingere la mia figa sul suo viso. Si è trasformata in una corsa per vedere chi poteva far venire l'altro per primo mentre succhiavo il suo clitoride nella mia bocca e lo passavo sulla mia lingua allo stesso tempo mentre gemevo per quello che stava facendo al mio clitoride. L'ho sentita afferrare entrambe le natiche e spingerle verso di lei mentre mi succhiava il clitoride, tirandolo e picchiettandolo. Ero quasi arrivato ma non volevo venire fino a quando non l'ha fatto, quindi ho fatto un ulteriore passo avanti e ho bloccato il suo clitoride con i denti e l'ho spostato avanti e indietro tra di loro. Dal modo in cui si è mossa sotto di me e mi ha tirato la clitoride, sapevo che non potevo più trattenermi dall'eiaculazione, e sapevo che stava per farlo.




"Sto per venire Karin, sto per venire!"




“Anche io Yuzu anch'io. Continua così, verremo insieme!”




Entrambi ci siamo cavalcati in faccia fino a quando alla fine siamo diventati duri spruzzandoci addosso l'un l'altro, che non ho perso tempo a leccare, ero felice che fosse una squirter come me. L'ho sentita leccarmi come se stessi facendo lei e sembrava che le piacesse tanto quanto me. Anche se ero estremamente sensibile, ero disposto a sopportarlo finché non ho leccato tutto il suo delizioso succo che potevo, e quando finalmente l'ho fatto, mi sono voltato e mi sono sdraiato accanto a lei nel suo lettino mentre avvolgevamo il nostro ci abbracciamo e ci baciamo, entrambi assaggiando i nostri succhi sulla bocca dell'altro.




"Oh!" disse Yuzu interrompendo il bacio.




"Lo so. È stato fantastico. Non sono mai venuto così duramente in vita mia!




"Nemmeno io", disse mentre si rannicchiava con me. “Ti voglio bene Karin.”




“Ti amo anch'io Yuzu,” dissi mentre mi coccolavo con lei.




Mentre siamo sdraiati lì a rivivere i pensieri nella nostra testa e abbracciati, noto per la prima volta da quando è iniziata tutta questa faccenda che siamo osservati da una ragazza dall'aspetto adolescente con i capelli neri. Quando guardo più da vicino posso vedere che è la stessa ragazza che ho visto scappare con mio fratello. Lei è lì in piedi a pizzicarsi i capezzoli e strofinare la sua figa fradicia con gli occhi chiusi nel suo mondo, probabilmente non consapevole di essere lei ad essere osservata ora. Che diavolo ci fa qui? Non lo sapevo, ma questa è una storia per un'altra volta.

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

BARB, IL MIO TRIO.

In una storia recente BARB, REALIZZARE LE MIE FANTASIE SESSUALI, ho descritto come verso i trentacinque anni ho deciso che avrei realizzato i miei sogni e le mie fantasie sessuali. Il primo passo è stato trovare un nuovo amante. Per caso Zac è entrato nella mia vita, fisicamente attraente, un po' più grande di me, lavoro professionale e, come ho imparato rapidamente, un'erezione spessa venticinque centimetri. Per un periodo di tempo Zac mi ha fatto conoscere una vasta gamma di esperienze sessuali. Masturbazione reciproca, scoparmi mentre un'altra donna guardava, poi sesso lesbico con lei mentre lui guardava. Mi sono divertito due...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.5K I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.