Insegnante - 06 Giorno 1 – Fine della prima giornata e nuovi inizi

797Report
Insegnante - 06 Giorno 1 – Fine della prima giornata e nuovi inizi

Laura andò nel cortile dove Adam stava studiando e gli disse che era ora di tornare a casa. Le ha chiesto come fosse andata la sua giornata e lei ha spiegato i punti salienti e i punti bassi della giornata. Sulla strada di casa chiamò Allen per fargli sapere che stavano arrivando. Stava anche uscendo dal suo lavoro. Ha suggerito di incontrarsi all'H-Store in modo che Laura potesse ottenere un altro top e qualsiasi altra cosa potesse desiderare per i prossimi cinque giorni. Lo incontrò mentre si fermava nel parcheggio.

"Hey bellissima. Adoro quello che hai fatto con il tuo guardaroba! Allen ha scherzato mentre la salutava.

I tre sono entrati insieme nel negozio.

L'interno era ben illuminato e presentava ampi spazi aperti con display di tutti i tipi immaginabili. C'erano codici colore su molti degli scaffali che indicavano come alcuni degli articoli potevano essere applicati.

Laura è rimasta sorpresa nel vedere quanti altri condannati c'erano nel negozio. È stata ancora più sorpresa di vedere diverse persone in varie restrizioni con cartelli affissi su ciò che era permesso fare a quelle persone.

Laura ha detto a uno dei venditori: "Non sapevo che ci fossero persone che scontano una pena in posti come questo".

“Sì, fa parte degli accordi di patteggiamento per alcuni di loro. Se si offrono volontari per essere aggiornati per un determinato numero di ore ogni settimana da utilizzare come soggetti dal vivo in un H-Store, il tempo verrà rimosso dalla loro frase originale. La pena minima iniziale è di sei mesi per qualificarsi per il programma di aggiornamento.

Mentre Adamo camminava, vide un uomo che era piegato su una gogna. Il cartello diceva: "Maschio etero qualsiasi buco disponibile per chiunque". C'era una donna su una panchina di fronte a lui e lei gli stava facendo leccare la figa mentre un uomo era dietro l'uomo che glielo fotteva nel culo. "Jim come sta quel culo laggiù, caro marito." “Beh, non è buono come il tuo, ma è comunque divertente. Come se la cava questo ragazzo con la tua figa cara cacca di wifie? “Beh, non è il massimo che puoi fare, ma mi piace come ogni volta che gli sbatti nel culo, spingi la sua faccia nella mia figa. Sta facendo un lavoro adeguato per far uscire tutto il tuo sperma dal mio buco. Non appena vengo, vado a vedere come se la cava sul mio culo. Forse puoi trattenerti dal venire nel suo culo e farlo nel mio, in questo modo avrà una sorpresa migliore. «Sembra un piano. Sarebbe lo sperma numero due stasera e penso che sarò ancora in grado di farlo tornare su ancora una volta per sborrargli nel culo mentre ti mangia il culo. "Adoro le serate con gli appuntamenti!" "Sono d'accordo, questi viaggi all'H-Store per i campioni hanno sicuramente ravvivato la nostra vita amorosa." "Ti amo, mio ​​​​caro marito!" Adam si allontanò scuotendo la testa. C'era molto da fare lì!

Mentre camminava, notò una bionda molto attraente che era su un telaio a X che sembrava essere in grado di ruotare all'altezza dell'anca. Attualmente era in posizione eretta. Sembra che avesse poco più di vent'anni. Il cartello diceva: “Donna etero, disponibile per pompini, scopate vaginali e anali. Dolore minimo.

Si avvicinò a lei e le disse: “Wow, sei davvero disponibile per tutte quelle cose? Che cosa hai fatto?"

“Ho scritto un mucchio di assegni scoperti. Non sono stato catturato fino a quando non ho avuto un grosso debito da ripagare. Poiché non sono in grado di farlo, sono stato condannato a un anno di Giallo. Se mi offro volontario per servire qui come Giallo e Blu, posso ridurre il mio tempo a soli sei mesi. Non mi piace fare quelle cose, ma se vuoi, non posso dire di no.

“Wow, fa caldo. Sei molto bella, scommetto che molti ragazzi ti usano sempre.

“In realtà no. Penso che siano intimiditi dal mio aspetto.

“È un peccato. Posso farti una domanda?"

"Lo hai appena fatto."

"Voglio dire, quanti anni hai?"

“Non devo rispondere, perché si tratta di informazioni personali, ma sembri un bravo ragazzo e io sono annoiato, quindi risponderò. Ho appena compiuto 19 anni. Quanti anni hai?

“Ho quasi due anni di meno. Wow, ti sei messo abbastanza nei guai alla tua età per essere Giallo per un anno?

"Sì, ho commesso degli errori davvero stupidi, non voglio davvero parlare della mia vita personale."

"Mi dispiace. Non intendo essere scortese con te. So che quando stai scontando una pena si tratta solo di essere in mostra e tutto fisicamente. Il pubblico può chiedere informazioni sul crimine e questo è tutto. Di cosa vuoi parlare?"

“Mi stai davvero chiedendo di cosa voglio parlare? È divertente. OK, ti piace guardarmi? I tuoi pantaloni dicono che lo sei. A proposito, mi chiamo Summer.

"Mi dispiace. Non intendo essere di nuovo scortese; Non posso controllarlo. Indicò i suoi pantaloni. “Sì, mi piace molto guardarti. C'erano anche alcune ragazze nude a scuola oggi, ma non mi sono avvicinato troppo a loro. Finora non ce ne sono stati molti a scuola, ma mia madre è un'insegnante al liceo in cui vado, e ha lasciato la sua classe senza supervisione ed è stata condannata a Green per sei giorni, a partire da oggi. Alcuni dei nudi a scuola si sono messi nei guai nella sua classe mentre lei era fuori. Quella là è mia madre. Quello accanto a lei è mio padre”.

"Wow, allora questo è nuovo per te."

“Sì, ho visto la mia prima figa da vicino ieri sera, ed era mia madre. È stato imbarazzante per entrambi. Ma adesso mi sto abituando a vederla così.

"Cosa ne pensi di me?"

“Penso che tu sia la ragazza nuda più carina che abbia mai visto, anche se fossi vestita mi piacerebbe guardarti, ma nuda... wow. Hai lunghi capelli biondi, le tue tette sono belle e piene, hai la pancia piatta e hai un bel cespuglio biondo sulla tua figa.

"Bene grazie. Sei molto gentile ed educato. Mi piace che. La scorsa settimana c'erano alcuni ragazzi della tua età qui ed erano tutt'altro che educati. Volevano solo palparmi e fottermi. Non mi hanno nemmeno parlato, si sono solo parlati tra loro. Tu sei diverso, invece. Eccomi qui. Tutto pronto e non hai nemmeno provato a toccarmi. Penserei quasi che tu sia gay, ma i tuoi pantaloni dicono il contrario. Non sei gay, vero?

“No, non sono mai stato attratto dai ragazzi. Ho alcuni amici che lo sono, e questo è bello per loro, ma mi piacciono solo le ragazze.

"Hai una fidanzata?"

"No, sono un po' timido con le ragazze."

Lei rise. “OK, quindi sei timido con le ragazze, ma riesci a parlarmi bene quando sono completamente nudo. È divertente."

“Beh, immagino che sia perché sei abbastanza al sicuro. Non ti conosco e non è che tu abbia intenzione di fare qualcosa di cattivo con me.

“Sembri un bravo ragazzo. Perché qualcuno dovrebbe essere cattivo con te? Sono sicuro che qualsiasi ragazza sarebbe fortunata a uscire con te.

"Non lo so. Immagino di non sapere proprio cosa fare con una ragazza.

“Beh, nel caso non te ne fossi accorto, sono disponibile in questo momento. Potrei darti indicazioni. Perché non familiarizzare con me? Come puoi vedere, ho tutte le parti. Ho le tette che hanno i capezzoli. Ho una figa e ho anche tutte le altre parti. Senti.»

Adam mise una mano sulla tetta più vicina a lui. Era caldo e morbido. Non era come niente che avesse mai provato prima. Quando la sua mano le sfiorò il capezzolo, lo sentì gommoso. Prese l'altra tetta con l'altra mano e iniziò a sentire come si muovevano sotto le sue mani mentre le massaggiava delicatamente. Lei emise un lieve gemito mentre lui giocava con i suoi capezzoli. "Ti piace quello?"

“Sì, mi piace far giocare i miei capezzoli. Non tutte le donne sono sensibili come me, ma adoro quello che fai. Non aver paura di pizzicarli. Mi piace che."

Adam pizzicò e tirò i capezzoli e poi abbassò le labbra su uno e lo leccò, poi lo morse delicatamente. Lei emise un sibilo e gemette quando lo fece, quindi fece lo stesso con l'altro. Lasciò che le sue mani vagassero lungo i suoi fianchi mentre le palpava le costole e poi seguì le costole sul fianco fino al petto. Mentre continuava a giocare con le sue tette, è diventato un po' più violento. Sembrava che le piacesse. Era sicuro che se fosse diventato troppo violento, lei glielo avrebbe fatto sapere. Ben presto tutto il suo corpo tremò. Le aveva fatto avere un piccolo orgasmo solo giocando con le sue tette. Non sapeva che fosse possibile.

"Oh. Sei sicuro di non averlo mai fatto prima? È stato perfetto! Stavi leggendo tutti i miei segnali e hai fatto proprio le cose giuste. Se riesci a farlo con le mie tette, mi domando cosa potresti fare con la mia figa. Non esitate a scoprirlo. Non vado da nessuna parte."

Adam si guardò intorno e vide suo padre che gli faceva cenno di avvicinarsi. "Scusa, ma mio padre mi sta chiamando."

"Ok immagino. Se ne hai la possibilità torna a trovarmi. Mi piaci."

“Grazie, mi piaci anche tu. Spero che tutto vada bene per te. Poi se ne andò.

Adam tornò dai suoi genitori e Laura e Allen stavano guardando diversi top che Laura avrebbe potuto usare per i giorni rimanenti. Era arrivato un nuovo carico.

“Laura, penso che questo blu scuro andrebbe bene per te. Perché non lo provi?"

"OK, dove sono gli spogliatoi?" Laura ha chiesto a uno degli addetti al negozio che stava passando.

“Non ci sono spogliatoi. Puoi semplicemente spogliarti qui e provarlo. Quasi tutto è consentito in questo negozio con una persona condannata. Disse il venditore in piedi vicino a loro.

«Hai sentito l'uomo, Laura. Lascia che ti aiuti a toglierti quel piccolo top.

"Ma…"

“No ma è caro. Toglilo adesso. L'ha aiutata a spogliarsi. Era in piedi completamente nuda quando Adam si avvicinò. “Ecco Adam, perché non aiuti tua madre a mettersi questo top? Voglio cercarne un paio di altri per lei. Voglio che arrivi a un punto proprio sotto i suoi seni. Hai il mio permesso di aiutarla ad aggiustarlo per assicurarsi che si adatti. Cosa diavolo ha pensato Laura?

"Vuoi che ti aiuti da davanti o da dietro?" chiese Adamo.

«Indietro, immagino.» disse Laura. Non voleva che Adam le fissasse i seni così da vicino.

Adam si mise dietro sua madre. Ha ispezionato l'indumento e ha visto che era dello stesso materiale di quello bianco di stamattina, ma questo era molto più grande e, nella sua taglia, e di colore blu scuro, un colore che le piaceva. Non sembrava avere una parte anteriore o posteriore in quanto si sarebbe allungato secondo necessità in qualsiasi direzione. Glielo tenne sopra la testa in modo che potesse infilare le braccia nei fori delle braccia. L'aiutò a farlo scivolare giù e sopra la sua testa. Poi ha allungato la mano e l'ha aiutata a tirare giù la parte anteriore sui suoi seni e nel processo ottenendo una buona sensazione di ciascuno. Adam si stava divertendo. Non aveva mai sentito i seni prima di quella sera, e si prese il suo tempo cercando di aggiustare il materiale in modo che arrivasse a solo un paio di centimetri sotto i suoi seni. Li prese entrambi a coppa, da dietro, li strinse delicatamente e sentì quanto fossero caldi e morbidi. Si sentivano molto simili, ma sottilmente diversi dalla ragazza con cui aveva parlato. Prima che potesse lamentarsi, le lasciò andare la parte anteriore e abbassò la stoffa per lisciarla sul retro. Poi si è avvicinato al davanti per vedere come si adattava.

Era lo stesso materiale elasticizzato di quello che indossava oggi a scuola ma a differenza di quello non era teso al limite, quindi non era trasparente. Tuttavia, si adattava a ogni superficie. Quella vecchia, perché era tesa al limite, le appiattiva i seni, questa no. Si limitava a conformarsi a lei come una seconda pelle. Non nascondeva nulla ma non mostrava nemmeno nulla. L'effetto di Adam che giocava con i suoi seni le aveva fatto erigere i capezzoli. Si vedevano chiaramente nel contorno del tessuto. Ad Adamo è piaciuto. "Ehi papà, penso che questo le stia bene, cosa ne pensi?"

“Sì, mi piace, cosa ne pensi Laura?”

“È meglio di quello vecchio ma non molto. È vero, non è trasparente come quello vecchio, ma è così sottile e mi sta così stretto che mi sembra di vedere anche la pelle d'oca attraverso di esso.

“Sì, ma è meglio di quella vecchia. Lo prenderemo. Adam, aiuta tua madre a toglierselo e portalo sul bancone con questo rosso, perché lo tengano. Poi torna ne ho un altro paio su cui vorrei la tua opinione.

“Va bene papà.” Adam si è appena allungato e ha afferrato la parte inferiore della parte superiore e l'ha sollevata sopra i suoi seni. Non sarebbe venuto via perché le sue braccia erano abbassate ma ora Adam era in piedi proprio di fronte a lei con i palmi appoggiati sulle cime delle tette. “Dai mamma. Alza le braccia così posso toglierti questo di dosso.

Laura non aveva altra scelta che alzare le braccia. Allen è tornato con molti altri top. "Ecco, proviamo questo." Le porse un top di raso blu scuro perché lo provasse. Quando lo indossava, le arrivava solo in cima alle tette. “Allen, cosa stai pensando. Questo è troppo breve. È solo un collare.

“OK, volevo solo vedere fino a che punto è arrivato. È un po' troppo corto. Ecco, prova questo. È più lungo di due pollici. Il prossimo è arrivato solo al centro della parte superiore delle sue tette e del capezzolo. "No, ancora troppo piccolo." Quello successivo arrivò solo alla punta dei suoi capezzoli. Ogni volta che respirava; i suoi capezzoli si alternavano dall'essere coperti al non essere coperti. "Ancora troppo piccolo." Allen l'aiutò a togliersi il top ea mettersi quello successivo. Questo è arrivato un paio di centimetri oltre i suoi capezzoli e ha mostrato un sacco di sotto il seno. Non c'era l'elastico all'orlo, le pendeva solo dall'estremità delle tette. "Questo ha un vero potenziale!"

“Allen, è troppo corto. Se mi chino anche solo un po', le mie tette saranno scoperte. Non posso indossare questo. È peggio del top che ho indossato stamattina.

"Ok hai ragione. Andremo con uno più lungo di due pollici. Sarà molto lungo. Allen l'ha aiutata a cambiare top. La nuova parte superiore era più lunga di due pollici e pendeva sotto la parte inferiore delle sue tette, ma una leggera brezza sarebbe bastata a far divampare la parte anteriore, esponendo le sue tette. Anche senza brezza, gli occhi di chiunque sotto il livello dei capezzoli sarebbero in grado di guardare sotto la sua parte superiore e vedere il lato inferiore delle sue tette. "Perfetto. Cosa ne pensi Adam?

“Mamma, ti sta benissimo. Non è come quello che hai avuto stamattina. Copre molto di più. Il modo in cui fruscia quando ti muovi fa davvero esplodere le tue tette. Quasi distrae dalla tua figa esposta. Penso che dovremmo prenderlo papà.

“Anche i miei pensieri. Ecco, prendi questo viola e trovane uno verde della stessa misura su quel bancone. Voglio andare in giro con tua madre. Non appena avrai consegnato gli articoli al bancone, vieni a cercarmi.

Mentre Laura e Allen camminavano, arrivarono a un bancone tecnologico. "Laura, perché non ti guardi un po' intorno, ho alcune domande su come funziona la band del mio coniuge insieme alla tua band."

Laura fece un giro e vide la bella bionda sul telaio mobile. Ha visto l'uomo alla gogna.

Poi c'era un'altra donna di mezza età con le braccia e le gambe legate alle quattro gambe di un cavalletto. Il suo culo e la sua figa erano stati ovviamente usati un paio di volte in base ai resti che ne fuoriuscivano. La sua bocca era attualmente usata da un giovane, solo un paio d'anni più grande di Adam. Era seduto su uno sgabello e le lasciava fare tutto il lavoro, mentre la sua testa si muoveva su e giù sul suo cazzo. “Dai mamma, so che puoi fare di meglio. So che non ti piace il sapore del tuo culo sul mio cazzo, ma se lo pulisci bene, forse tornerò indietro e mi immergerò di nuovo nella tua figa in modo che tu possa assaggiare quello invece del tuo culo. Papà, hai qualche suggerimento su come possiamo motivarla".

“Suzie, perché non usi questo raccolto sul culo di tua madre. Sai come lo odia. Suzie era evidentemente la sorella minore del giovane. Suzie indossava un piccolo top corto e pantaloncini da jogging.

"Sì sorellina, prima mamma mi toglie, prima puoi prendere il mio posto."

Laura era sconvolta e affascinata dalla scena che si svolgeva davanti a lei.

Suzie ha preso il raccolto da suo padre, ha camminato dietro sua madre, ha fatto oscillare le braccia e ha colpito sua madre con il raccolto sulle natiche. Il guaito di sua madre fu attutito dal cazzo di suo figlio in bocca.

«Com'è andata, Jake?»

“Ecco fatto, Suzie! Fallo di nuovo. È fantastico quando la mamma urla così intorno al mio cazzo. Suzie ha iniziato a ripetere le azioni con il raccolto. Aumentò lentamente la velocità quando vide che suo fratello si stava avvicinando. Presto afferrò la testa della madre e se la tirò giù con forza sul suo cazzo mentre le scendeva in gola. “Grazie Susie. Sei una sorella fantastica per aiutare in questo modo.

“Ragazzi, diamo a vostra madre un momento per riprendere fiato. Poi puoi fare il tuo turno, Suzie.»

"John, per favore fagli smettere di abusare di me in questo modo."

“Mary, ne abbiamo parlato. Quando hai rubato, hai dato il cattivo esempio ai nostri figli. Sono molto arrabbiati con te, quindi per il patteggiamento di ridurre la tua condanna gialla da un anno intero di nudità completa a tre mesi, possono punirti come vogliono. Questo è quello che hanno scelto. Sono qui solo per monitorare e aiutare se necessario. Sii solo grato di poter scontare la tua pena potenziata abbreviata in un H-Store. I bambini avrebbero potuto altrettanto facilmente scegliere di metterti nel nostro cortile per fare quello che ti stanno facendo di fronte ai nostri vicini. È solo perché sono timidi nell'essere nudi loro stessi che hanno scelto qui. Dopotutto, sono solo due giorni alla settimana. Il resto della settimana sei solo un Giallo. L'unica punizione quindi è che non puoi indossare vestiti. In qualsiasi altro posto puoi disciplinarli come ritieni opportuno durante quel periodo se fanno qualcosa di sbagliato. Se non è vendetta, la disciplina lo è.

“Ma mi stanno facendo cose che un figlio o una figlia non dovrebbero fare alla loro madre. Lo odio."

“Ed è per questo che sei dove sei. OK Suzie, tua madre ne ha abbastanza di una pausa, tocca a te. Suzie si è abbassata i pantaloncini da corsa per rivelare la sua figa. Era luccicante della sua umidità. Era chiaramente entusiasta di farsi mangiare da sua madre. La sua figa aveva solo una leggera spolverata di peli scuri intorno alla parte superiore. Le sue labbra erano completamente nude.

"Vuoi che faccia lo stesso quando la mamma ti abbatte?"

Prima che Suzie potesse rispondere, Mary intervenne: “No Suzie, farò del mio meglio per renderti le cose piacevoli. Per favore Jake, non usare più il raccolto su di me. Tua sorella ha fatto in modo che avessi problemi a stare seduto per almeno un giorno, non c'è bisogno di peggiorare le cose. John, per favore, dì a Jake di non usare il raccolto su di me. Farò quello che vogliono.

“OK Jake, penso che tua madre ne abbia avuto abbastanza di Crop sul culo. Dai un'occhiata nella borsa e vedi se c'è qualcos'altro che puoi usare. L'urlo di tua madre sembrava aiutarti a scendere. Vuoi trovare qualcosa che sarà simile per tua sorella. Suzie qualche idea per quello che vuoi?

"Beh, quando la stavo sculacciando con il frustino, ho notato che le sue tette penzolavano e dondolavano e volevo usare il frustino anche su di loro, ma il cavalletto imbottito su cui è sdraiata tra le sue tette era d'intralcio . Forse puoi trovare qualcosa che puoi usare sulle sue tette.

“Ottima idea sorellina. Oh, penso di averlo trovato. Non voglio mostrartelo però. Lo voglio come sorpresa per la mamma. Tieni la bocca sulla tua sorellina. Suzie non ha visto nulla nella mano di Jake mentre strisciava sotto la madre. Non riusciva a capire cosa avesse finché non l'ha visto. Poi ha iniziato a ridacchiare. Jake aveva trovato un elastico e l'aveva teso tra l'indice e il pollice. Con l'altra mano afferrò il lato lontano da lui e si tirò indietro. Poi si è allineato con la parte inferiore della sua tetta e l'ha lasciata andare. Non avrebbero potuto chiedere un risultato migliore. L'inaspettata puntura sulla parte inferiore della sua tetta la fece sobbalzare in avanti ed emettere un guaito che sarebbe stato forte se Suzie non avesse tenuto la bocca sulla sua figa.

“È stato bello, Jake. Continua a farlo! ed è quello che ha fatto. Mary aveva almeno un seno di coppa C che gli offriva molta superficie con cui giocare. Ogni volta che spezzava l'elastico, dal punto dell'impatto uscivano delle increspature come quando un sasso viene gettato in uno stagno. L'elastico stava avendo un impatto maggiore sulla sua performance rispetto al raccolto. Si sentivano piccoli gemiti ogni volta che Jake faceva scattare la fascia. Ad un certo punto lui scattò direttamente sui suoi capezzoli. Questo le fece provare ad alzare la testa, ma Suzie tenne fermamente la bocca sulla sua figa. Presto i fianchi di Suzie iniziarono a dondolare, e lei gettò indietro la testa in un ululato silenzioso.

“Grazie Jake, deve averlo davvero odiato perché stava ululando una tempesta nella mia figa. Dio, era bello il modo in cui urlava nella mia figa. Dovrò farlo la prossima volta che ti farà un pompino. Suzie si staccò dal viso di sua madre. "Grazie mamma. È stato divertente. Com'è stato per te?

"L'ho odiato. Le mie povere tette fanno così male. Era anche peggio del raccolto.

“Hay papà, vuoi scoparla prima che la liberiamo? So che puoi farlo a casa in privato, ma se vogliamo umiliarla davvero sarebbe meglio scoparla qui dove la possono vedere gli altri.”

“Per favore John, non farmi più niente. È abbastanza umiliante che quando veniamo qui i bambini possano fare quello che vogliono con me. Non c'è bisogno che tu ti aggiunga.»

«Mary, Jake ha fatto un suggerimento valido. Scopiamo a casa in privato e ci piace entrambi. Qui, allo scoperto, non ti piace perché è umiliante essere legato e non avere il controllo, quindi rientra nella tua punizione se ti fotto qui. Questa è l'ora dei ragazzi, e se pensano che ti farebbe fottere qui nel negozio per punirti, chi sono io per andare contro la loro volontà? John si è messo alle spalle di Mary, si è abbassato i pantaloni e ha iniziato a scoparla da dietro. Ogni tanto le sculacciava il culo mentre la scopava.

“John, per favore, smettila. Il mio culo è già così dolorante!

“Mamma, papà può fare quello che vuole mentre ti scopa. Non voglio che tu risponda a papà, quindi dovrò solo riempirti la bocca". Si è avvicinato a sua madre e le ha infilato il cazzo in bocca. Presto lui e suo padre si erano coordinati in modo da suonare entrambi con lei nello stesso momento. A Mary non sembrava piacere molto in base ai rumori che stava facendo e al modo in cui le sue mani si aprivano e si chiudevano. Ma come ha sottolineato John, non aveva altra scelta.

Suzie aveva raccolto l'elastico e aveva iniziato a strisciare sotto le sue gambe. “Stai attenta, Suzie. Non voglio che tu mi perda e mi colpisca il cazzo o le palle adesso! disse John quando vide cosa aveva e dove era diretta.

“Non preoccuparti papà. Starò molto attento a dove mirerò”. Presto Mary iniziò a scuotere tutto il suo corpo mentre gli uomini si infilavano in lei. Dopo diversi minuti, entrambi gli uomini si irrigidirono mentre entravano nei rispettivi buchi. Quando hanno iniziato ad ammorbidirsi, si sono tirati fuori. John è andato in giro e ha fatto pulire a Mary il cazzo. Mentre lo faceva, John disse: “OK ragazzi, il nostro tempo è scaduto per oggi, quindi vestiti e aiutami a liberare tua madre. Sei stato più duro del solito con lei, quindi dovremo aiutarla a raggiungere la macchina. Almeno non dobbiamo cercare di aiutarla a vestirsi. Sembra un po 'fuori di testa e non sarebbe di grande aiuto.

Ben presto la famiglia finì di slegare la madre e di impacchettare i giocattoli. Jake e John si misero un braccio intorno alle spalle mentre l'aiutavano a inciampare nuda fuori dalla porta principale.

Laura era felice di non essere in quella famiglia!

----------------

"Hay papà, dov'è la mamma?"

“Lei sta vagando. Ho imparato che come coniuge, posso aggiornare tua madre a una pena più alta usando una fascia del coniuge. Infatti, chiunque può ottenere una fascia e con il permesso di un'altra persona fasciata puoi impostarla su controller e servant. Dato che tua madre è già stata condannata, la mia band è impostata automaticamente su controller. C'è un limite di tempo di 30 minuti per qualsiasi aggiornamento. Ne ho appena preso uno anche per te. Non avrai alcuna connessione a meno che tu non incontri qualcuno disposto a darti quel controllo o tu scelga di essere un servitore. Oppure sbagli e ottieni una frase tutta tua. C'è anche qualcosa in una gerarchia per le famiglie. Non sono sicuro di cosa si tratti, ma funziona solo se tutti in casa hanno una band. Magari stasera puoi fare dei compiti sulla gerarchia.

I tempi hanno cambiato Adam. Ai miei tempi la nudità era un tabù e il sesso era pericoloso. Ora la nudità è usata come forma di punizione umiliante al posto dell'incarcerazione e le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze indesiderate appartengono al passato. Una parte di me ti invidia per la tua libertà.

Adam tornò da Summer e disse: “Mio padre mi ha regalato una band. Ora è vuoto, ma ho una band. È così selvaggio.

"Congratulazioni. Abbiamo tutti una band. Il mio è bloccato in modalità gialla e mentre sono qui blu. Che bello.»

“Mi dispiace. Non mi sarei mai aspettato che mio padre facesse una cosa del genere. Stava imparando a conoscere le band dal tecnico e ha pensato che avrei potuto averne una anch'io. Ha detto che potrebbe essere utile prima o poi.

“Beh, ancora non ne hai bisogno con me. Se non ricordo male, avresti esplorato il resto del mio corpo, accenno, accenno. Voglio vedere come te la cavi un po' più in basso. Mi hai impressionato a morte solo giocando con le mie tette.

"Non ti dispiace?"

Lei rise: “Sei vero? Come se avessi voce in capitolo su come vengo trattato. Ho infranto la legge, ed è così che ripagherò. Non mi piace, ma secondo le leggi in vigore lo faccio così”.

“Mi dispiace, è solo che non voglio oltrepassare il limite. Voglio dire, sembri davvero gentile e non voglio approfittarmi di te.

“Fanculo. Non c'è alcun vantaggio, vengo punito con l'offerta di un fottuto giocattolo, quindi tanto vale provare a godermelo. Finché non mi fai troppo male, puoi farmi quello che vuoi. Se devo spiegarlo lo farò. Per favore, gioca con la mia figa! Prima mi hai eccitato e ti sei preso la briga di giocare con le mie tette, ora ho bisogno che tu giochi con la mia figa e il mio culo. Sei intenzionalmente cattivo con me solo parlando? Più azione, meno chiacchiere! Per favore!"

"Non ho mai toccato una figa prima."

“OK, vedi quel controllore laggiù? Inclinami all'indietro in modo che io stia sdraiato e tu possa avere una visuale migliore. Adam fece come aveva suggerito. Ha regolato l'altezza in modo da potersi inginocchiare e avere la sua figa all'altezza del viso. Fantastico, ora scendi laggiù e inizia a esplorare. Farò un patto con te, se non mi piace, te lo farò sapere. Ora inizia a giocare, per favore!

Adam si inginocchiò tra le sue gambe tese e guardò e la sua figa. Era abbronzata dappertutto a causa della sua frase gialla e aveva i capelli biondo scuro che erano ben tagliati lasciando le sue labbra scoperte. Le sue labbra interne si estendevano un po' e luccicavano di umidità. Erano più piccoli di quelli di sua madre, ma a differenza di lei non erano nascosti nei capelli. A distanza così ravvicinata poteva sentire il suo lieve odore muschiato che sembrava attrarlo. Prima che se ne rendesse conto, si era leccato con la lingua il centro delle labbra umide. Adam aveva sentito parlare dell'Ambrosia, il cibo degli dei, questo doveva essere il sapore che aveva pensato. Si tuffò con la lingua il più profondamente possibile per ottenere più del sapore dolce.

Poi si tirò indietro per guardare più da vicino la figa in mostra davanti a lui. Adam aveva già visto foto di fighe e conosceva le basi, ma le foto e la realtà erano due cose diverse. In cima alle sue labbra c'era una piccola protuberanza. Deve essere la sua clitoride, pensò. Per verificarlo, fece scorrere le dita sulla protuberanza e poi la strinse delicatamente tra pollice e indice. Cominciò a giocarci, pizzicando e torcendo la protuberanza come aveva fatto con i suoi capezzoli. Questo fece gemere Summer e fece oscillare i fianchi fin dove glielo permettevano i suoi attacchi. Ha esclamato con un "OH MIO DIO, SÌ!" come ha fatto questo. Presto iniziò a sussultare e altro succo di fica iniziò a fluire dalle sue labbra.

Adam si avvicinò e mise le labbra sulla sua figa e lasciò che la sua lingua leccasse quanto più succo possibile. Quando fu sazio, si tirò indietro e iniziò a mordicchiare con i denti le labbra interne ora visibilmente più spesse. Avevano una sensazione gommosa che era ipnotizzante. Aveva sentito storie su quanto fosse divertente scendere su una figa, ma impallidivano tutte rispetto alla realtà. Adam sapeva che gli sarebbe sempre piaciuto mangiare la fica. Poi ha sondato il suo buco caldo con la lingua ed è stato ricompensato con altro succo di figa. Presto i suoi fianchi iniziarono a sgroppare di nuovo con un secondo e forse un terzo orgasmo. Quando è crollata, lui si è tirato indietro e l'ha guardata. Era ricoperta da un sottile velo di sudore e respirava affannosamente. Quando il suo respiro divenne un po' più regolare, lo guardò e disse: “Ho bisogno di te in me ADESSO. Per favore, fottimi. Ho bisogno di sentire qualcuno dentro di me.

Adam si abbassò i pantaloni e tirò fuori il suo cazzo da sei pollici e lo strofinò su e giù per le labbra della sua figa molto bagnata. Suo padre gli aveva detto di divertirsi e ora stava per infilare il suo cazzo nella figa di una delle ragazze più carine che avesse mai visto. Voleva assaporare questa sensazione. Mise la testa tra le due labbra umide e spinse dentro la punta. Gli sembrò di metterla in una fornace. Muoveva lentamente i fianchi in avanti facendo in modo che il suo cazzo venisse lentamente ingoiato dalla figa calda che aveva leccato così di recente. Presto era a pezzi e si fermò. L'ha tenuto lì perché era così bello. Summer emise un gemito sommesso. Una volta che ha avuto la sensazione bruciata nel suo cervello, ha iniziato a muoversi dentro e fuori. Mentre lo faceva, si allungò in avanti e iniziò di nuovo a giocare con le sue tette. Li ha impastati e poi le ha pizzicato i capezzoli. I suoi fianchi avevano una mente propria mentre iniziava a scivolare dentro e fuori dalla sua figa calda e aderente. Voleva salvare la sensazione, quindi rallentò per evitare di venire troppo presto. Una volta che si fu sistemato, iniziò a pompare dentro e fuori di nuovo la sua figa. Lo ha fatto diverse volte perché voleva ricordare tutto. Ogni volta che rallentava era a un livello di eccitazione più alto.

Dopo un po', il suo cervello raggiunse il sovraccarico. Era quasi sul pilota automatico. Le fece scorrere le mani su e giù per i fianchi e sentì ogni costola. Quando finalmente fece scivolare le mani sui seni, le pizzicò i capezzoli. Poi sentì un brivido percorrerle tutto il corpo. Aveva degli spasmi nella figa che gli massaggiavano il cazzo. Non aveva mai provato niente del genere. Le sensazioni erano troppe, e lui la colpì con tutta la sua forza e pompò il suo sperma in profondità nella sua figa. Gli ci vollero alcuni istanti prima che la realtà gli tornasse in mente. Era sdraiato sul suo corpo con le mani ancora sulle sue tette. Una volta ripreso fiato, si alzò. Ben presto il suo cazzo ammorbidito scivolò fuori con un suono di risucchio.

Summer stava ancora cercando di riprendere fiato. Una volta che l'ha fatto, ha detto: “Cosa CAZZO mi hai fatto? Io, io, non ho mai provato niente del genere. Quante ragazze l'hai fatto anche tu?

"Cosa intendi? Ho appena fatto sesso con te. Mi è piaciuto. Mi è piaciuto molto. Questa è stata la prima volta che l'ho fatto. Ho appena fatto sesso con te. Ha detto che il suo cervello non era ancora completamente riattivato.

“No, non hai solo fatto sesso. Era troppo per il solo sesso. Ho perso il conto di quante cazzo di volte sono venuto. Non hai solo fatto sesso con me. Mi hai fottutamente portato da me in un posto in cui non sono mai stato. Come cazzo hai fatto?

"Non lo so. Mi stavo solo divertendo. Volevo bruciare il ricordo della mia prima scopata nel mio cervello, e ho solo rallentato un paio di volte per farlo durare più a lungo. Questo è tutto."

“Quello che hai appena fatto è impresso nella mia memoria. Voglio provare qualcosa. Quanto velocemente puoi diventare duro di nuovo?

"Sono ancora parzialmente duro."

“Voglio che tu mi fotta nel culo. Scommetto che saresti fottutamente fantastico. Per favore, fottimi nel culo. Bagnati tutta dalla mia figa e poi infila il tuo cazzo nel mio culo. Quando mi fotti il ​​culo, voglio che tu giochi con il mio corpo come vuoi. Non vado da nessuna parte, quindi puoi farmi quello che vuoi.

Her dirty talk had gotten Adam hard again. He did as she suggested and first put his hard cack into her still oozing pussy and got it all wet. He was tempted to just fuck her pussy again it felt so good, but he was curious to see what the difference was. When he pulled out, he used one hand and a aligned his cock with her puckered asshole. He had to push harder than he did on her pussy to get it to start to go in. Once it did, they both froze for a moment. If it was possible, it felt hotter in her ass than in her pussy. It was definitely tighter. Once he got used to the feeling, he started pushing in. He used one hand to play with her clit as he did so. She moaned loudly and said to keep going. Soon his cock was in all the way. He used his hands to lightly feel her inner thighs. They were so soft and smooth. He ran his hands from her knees to her crotch as he started pumping in and out of her ass.

Her hips started rocking to match his rhythm. He let his hands wander up her groin to her sides. He began gently moving his hands from the base of her ribs on her sides down and across her groin to the outer sides of her pussy. He let his fingers gently touch the outer hair that was above her pussy as they passed. He pressed harder and felt each muscle bulge and hollow of her groin area. Half his mind was concentrating on the fact that his cock was in this beautiful girl’s ass, and the other half was fascinated by all the different textures and skin contour of her lower abdomen. At first glance it appears that a woman is smooth across her abdomen to her legs, but there is much more to feel just under the skin.

After a while, the part of his mind that was concentrating on her ass started to take a larger picture. As his cock was feeling the sensations in her ass, his hands started to focus on her pussy, running his fingers across her pussy lips and felt how wet they were. When his fingers finally ran across her clit, she let out a loud shout and her whole body shook. Her ass started clenching and relaxing as wave after wave of orgasm took control of her body. It was too much for Adam and soon he was cuming deep in her ass.

Adam was feeling drained. He had cum twice in less than fifteen minutes. The blond was the first to speak.

“Fuck, Fuck, Fuck. Are you sure you have never had sex before now?”

“Yes, I am sure. Did I do OK?

“You did more than OK. That was fucking awesome. I have never cum with a cock up my ass. Since I have been sentenced, I have learned to tolerate it, but I have never liked a cock in my ass until now. I just had a feeling it would be good with you. Your cock is above average size, but not too big. I have been fucked by cocks smaller and larger. Those have either been too small to really do much for me, or too big where I was uncomfortable, and I did not enjoy the fucking. You sir, are just the right size.”

--------------------------------------------

After Adam walked away from him, Allen went to look for Laura. He found her near a padded sawhorse that was being cleaned by the store cleaning crew. He took her hand and watched with her. Each of the crew was either topless or bottomless. Evidently Yellows were not the only ones that reduced their time at the H-Store. Once they were done, Allen asked if the stand was available. He was told that it was.

Allen said, “Laura, I know that you are a Green, but look what I can do.” He pressed a couple of buttons on his band and suddenly her band had turned Blue.

“Why did my band turn Blue?” She looked at Allen and saw him smile. “Allen, what are you doing? Cosa sta succedendo?"

“Laura, you know this has always been a fantasy of mine. To have sex with you with others watching. Now is our opportunity and we can’t get into trouble.”

“No, please no. it is bad enough to be bottomless and almost topless, don’t make me have sex with you in public. Adam is somewhere around, he could see.”

“Don’t worry about Adam. He is across the store looking at things. Now behave and lay down on this padded sawhorse.”

“Allen, please.”

“Nope, not another word or I will have to start spanking you for every word you say. Capisci? If so nod.”

Laura nodded. Allen turned to one of the cleaning people and said, “Do you know how to properly adjust this piece of equipment and how to strap someone in?”

“Of course, that is part of the reason we are here, to help demonstrate how this equipment is to be used.”

Soon Laura found her wrists and ankles strapped to the legs of the sawhorse. Her knees and elbows were bent, allowing her to have some wiggle room. She thought that was it. But then the attendant showed Allen a remote control. Soon the center cross member started raising and most of the slack in her arms and legs was gone. Next, she felt the legs of the sawhorse spreading out. This caused any remaining slack to be taken up.

“Allen, please stop. non posso muovermi. I don’t like this. Please let me lose right now. Per favore."

“Wow, that is a fancy sawhorse. Now Laura, I am just seeing how it works. Done worry, I am not going to do anything to hurt you. I know you are vulnerable, but you have to trust me, I will not do anything to hurt you. I saw a little bit of what happened to the lady that was on this thing before you, but I am not going to do anything like that to you. Just relax I am just experimenting with the equipment.” Then to the attendant, “Tell me more about this thing.”

“This is the SH128 model. Top of the line. The store has everything from the basic fixed position sawhorses to this model. This one also has retractable motorized wheels. You can drive your, um, subject around to show her off if you want to.” The attendant pushed a few buttons and suddenly the sawhorse lifted and moved around like a motorized car. Laura made a small squeak of surprise when the sawhorse started to move.

“Allen, Please, what are you doing?”

“Laura, I am just playing a little. Non preoccuparti. Like I said, I will make sure no harm comes to you. I just want to see how it works. The mechanics are amazing. You say I can I drive it around the store?”

“Of course, try it out.”

With his free hand he idly played with her widespread pussy as he drove the sawhorse around. Laura told him to stop but was soon moaning despite herself. About halfway around the store, he noticed a blonde girl that was on an X frame laying on her back. This gave Allen an idea that would allow him to fulfill a long-time fantasy of his. He directed the sawhorse to between the girl’s widespread legs.

“Allen, What are you doing?”

“You know how I am always telling you how much I love the taste of pussy? I want you to find out for yourself.”

“No, you wouldn’t?”

Allen leaned down and lick her wet pussy and ran his lips across her lower lips. He then went to her face and kissed her with her juices on his lips and tongue. “Laura, you know how much I love eating your pussy. I have always wanted you to experience the same pleasure. Now is my opportunity to do so. Please enjoy yourself.” He moved the sawhorse forward, retracted the wheels, then lowered the center platform until her face was almost in contact with the pussy of the blonde bound in front of her. "Godere." Disse ad alta voce. Neither Laura nor Summer knew who he said it to.

Laura looked at the pussy that was inches from her face. She could clearly see that it had been recently fucked. She wandered who the bastard was that had fucked a girl bound like this. As Laura took a tentative lick of the pussy in front of her, she felt Allen behind her playing with her pussy with his fingers. Soon his fingers were replaced with the familiar feeling of his cock rubbing up and down her sopping lips. She moaned when he finally thrust into her. His hard thrust pushed her face into the Summer’s pussy and with the realization that she was not going to get out of this, started licking the poor girl’s pussy in earnest.

Summer closed her eyes and enjoyed having her cummy pussy eaten out by a reluctant woman as her husband fucked her. She opened her eyes when she heard Adam say, “Hey Dad, why is Mom on that sawhorse and why is Mom eating pussy?”

“Hey Adam. I have always wanted to fuck your mom as she ate pussy and when I learned that this sawhorse had motorized retractable wheels that I could drive around like a toy car. I drove her over here and decided to live out my fantasy. Why don’t you see if this girl would be willing to give you a blow job?”

“Okayyy, I’ll see.”

“Are those your parents?” Summer whispered.

“Yah.”

“Do they know what your mother is eating out of my …”

“Shhh...” Adam cut her off. “Just let it be.”

“That is so fucking twisted, … and hot. I need you to fuck my face. You’ve had every other hole.”

“You sure?”

“Yes, I don’t want to give you a blow job, I want you to just fuck my face. You are not huge, I can handle you as deep as you want, just tilt my head back and fuck me hard in the face. I want you to fuck my mouth hard, I want you to take me in all of my holes and make them your fuck holes. Can you do that for me, please? Do it NOW!”

Summer smiled up at him, opened her mouth and tilted her head back. Adam pushed his pants down exposing his 6-inch cock and pushed it in. Summer moaned as he entered her mouth. Summer was incredibly turned on knowing that Adam’s mother was eating his cum out of her pussy as he fucked her face. She was producing copious amounts of pussy juice thinking about how kinky it was. The fact that Adam was fucking her face alone was a turn on, after what he had done to her earlier.

Adam enjoyed fucking Summer’s face. It was different than her other holes. She would periodically hum as he thrust in and out. She would lick his cock with her tongue as he moved it in and out. There were many more sensations in her mouth. Each of her holes were wonderful. Adam enjoyed them all. Adam reached down and started playing with her tits and nipples. He knew what she liked and tried to repeat what he had done to her earlier. She arched her back as much as her restraints allowed in appreciation to his touch.

Yesterday he had never seen a pussy up close in real life, only in pictures. Then he got to see his mother naked, up close last night as he masturbated onto her. This morning he saw her again and actually touched her as he rubbed cum from the end of his cock onto her. Then at school he saw several girls with exposed pussies. And then finally at the H-Store he got to fuck a pussy, ass, and now mouth. It had been an incredible twenty-four hours.

As he fucked Summer’s face, he watched his mother eat her pussy and knew that he had recently cum in that pussy. Summer was an incredible girl. Sure, she was a couple of years older than him, but she was beautiful, funny, and nice to him. Never in his wildest dreams would he have ever thought of even getting to know someone like her, let alone fuck her. Yet here he was fucking her mouth, after he had fucked her pussy and ass. Summers body started to quiver with a massive orgasm from all the sensations she was feeling. Her throat started quivering as did the rest of her body. It was too much for Adam as he came in her for the third time.

Summer tasted Adam’s cum in her mouth as she came. That made her orgasm last longer and feel even more satisfying if that was possible. She was no virgin, especially since her Yellow, or part time Blue, sentence, but Adam had somehow pushed every button she had, even ones she had no idea she had. He was inexperienced, he was younger than her, his cock was only a little over average in size, but somehow, he had gotten under her skin. Everyone she knew, everyone she had fucked had just used her. She knew she was pretty, and people treated her different than others because of that, but Adam treated her like a person. Era così carino.

Laura was lost in her own world. She had always wanted to experiment with a woman, but never had the courage. She and Allen use to talk dirty about doing what she was currently doing but then Adam came along, sexual experimentation got sidelined. Even most sex got sidelined. When Adam was small, she felt odd about having sex if he could call for them. As he got older, it just got worse. Allen was calling the shots and all she had to do was go along for the ride. Seeing Adam masturbate onto her last night and this morning had been a turn on if she was honest with herself. Allen masturbating her in front of the neighbors had been a turn on. Standing in front of her students had been a turn on. Now being fucked in public while eating a pussy was an incredible turn on. It all came together when the pussy she was eating started squirting. She had heard of pussies doing that, but she thought she would see it up close or even taste it! It was too much, and she started cuming. As she came, she felt Allen cum in her.

After Laura came, and Allen had relieved himself deep in her pussy, he backed the sawhorse up and drove it back to the sawhorse display area. With the help of the assistants Laura was released and they helped Laura and Allen get cleaned up.

Once they were on their own, Allen and Laura both agreed that they wanted a sawhorse for home. The motorized version was top of the line and too expensive but there were various less expensive ones available. They looked at all the available models and the pros and cons of each. Eventually they found one that they liked.

Adam found himself alone again with Summer. Her body was limp, but she was breathing slowly. Adam tilted the frame, so she was once again in an upright position. A few moments later her head rolled around, and she came too, again. She saw Adam standing in front of her smiling. “Hay Summer, how are you doing?”

“I am fucking fine. Having your mother eat your cum out of my pussy while your dad fucked her, and you were fucking my face was fucking incredible. I don’t think I have ever cum so hard.”

As Allen was getting Laura released. And Adam and Summer were alone. Summer said, “H298D3-1110.”

"Che cos'è?"

“It’s my band number. With that you can use an app on your device to find me, and even control me.”

“Why are you telling me this?”

“I have never had so many orgasms in such a short time. I am bound on this X and cannot give you the proper attention you deserve. I want you to look me up when I am out of the H-Store so that we can have some quality time. Also, if I am bound to someone’s band I do not have to come to this store. I guess being a naked servant is considered the equivalent of being a public toy. You get to have me as your personal sex toy for at least the next 5 ½ months. That is how much time I have left of my reduced sentence. As the controller of my band, you even have the ability to extend my sentence for some additional time. I don’t know how much but I don’t really care. From what I have just experienced from you the original full length of my sentence with you would be worth it!”

“But why me? I’m not anything special. Hell, I just had my first sex with you, and I didn’t know what I was doing most of the time. I can’t be that great of lover.”

“Don’t sell yourself short. Most guys come in here for a quick fuck or suck and are only interested in getting their own rocks off. You, you some fucking way, stimulated me in ways that even I did not know possible. I want a repeat. Hell, I want a whole bunch of repeats if you will have me.”

Adam’s mind was reeling. Here was one of the hottest girls he had ever seen, wanting to have sex with him whenever he wanted. “Please enter H298D3-1110 into your band.”

“I don’t know how. I just got the thing.”

“Take it over to the tech station and have them enter it. Please H298D3-1110.”

Adam walked over to the Tech station to have the tech help him with his band.

When they were done talking Adam walked back to Summer. He pressed a couple of buttons on his band and taped the screen a couple of times and suddenly both bands vibrated at the same time. Summer smiled at Adam. “Why did you give me your number? As a Sentenced I now have control over your band. I can’t reduce your sentence, but I can temporarily increase it to another level. I know any setting I give you will only last thirty minutes and then you will reset to your normal level. But still, that is a lot of control you have turned over to me. We’ve just met. Non mi conosci. I could be a real jerk. I could be a nasty SOB. I don’t know, I could be any number of nasty things.”

“Adam, I know you well enough to know that you are none of those things. You have only been nice to me. You have asked for permission to do things for me. I am bound and legally available for anyone to use sexually any way they want, and yet you asked for permission. I even had to suggest things to you. I know you are not a bad person. You have done things to me that I did not know possible and the only way that you could have done those things is by paying attention to my needs. No one, and I do mean NO ONE, has ever done that for me. Look, I know I am pretty. People have treated me as if I were on a pedestal to be admired, or as a toy to be used. You have not done either to me. You treated me like a person. I want to get to know you better if that is OK with you, that is if you are willing to get to know me. I know it is a risk giving you my code, but if you have my link, you can find me wherever I am. If I am not working, or legally obliged to be some place I am bound to be your servant. That is, if you want to be with someone with a Yellow sentence that is.”

“Summer, you are the most beautiful girl I have ever known. I am only a sophomore in high school. I really don’t understand why you would ever want to spend time with me, but I would love to see you again.”

“I would like that. If you link your phone or computer to your band and you can find me wherever I am. In addition to the bands allowing us to locate each other, we can send simple alpha-numeric texts that will appear on the band. Any other communication will have to be on more traditional devices such as phones.”

“I don’t want to go now, but I see my parents calling me. I look forward to talking to you soon.”

“Thank you for a wonderful time. My time in the H-Store is usually either boring or uncomfortable and exhausting, you made it fun. Thank your Mom for me.”

"Lo farò." Adam waved at her as he walked over to where his parents were waiting for him.

“Adam, We are going to be headed home soon. Is there anything you want to get while we are here?”

“Yes, maybe. I let me look for a few minutes. OK? What are you getting?”

“We are getting the tops you saw your mother modeled for us and a few other tops. I have also ordered a few other items to be delivered.” Laura looked at Allen when he said this, but he shook his head, indicating he was not going to say what else. “You have your band, Adam.” Adam raised his hand. It flashed through a series of colors.

“Why did it just flash though all those colors?” Laura asked.

“That is the Dominant mode. Mine does the same thing if I flick my wrist, because I am linked to your band Laura. Who are you linked to Adam? I only gave you that thing less than half an hour ago. Someone must give you their secret personal code to link it. Why would someone give you, their code? Who would give you, their code?”

“It was Summer.”

“Who is this ‘Summer’ person? Come la conosci? Does she go to your school? Laura, do you know any Summer at your school that has a band?”

"NO. I know of a couple of Summers at the school, but as far as I know they do not have any sentence on them, They run in a different crowd than Adam. I don’t think any of them even know Adam.”

“No Mom, Dad, she is not from school. She is the blonde girl over there on the X-frame.”

"CHE COSA!" both Allen and Laura said together.

“While you and Mom were doing your things, I was talking to Summer. We seemed to really get along. It was her idea to give me her code.”

“You just talked, and she decided to give you her personal code?” Laura said.

“We did a little more than just talk. But we did talk, quite a bit really. She seems nice and She wants to get to know me better. She really wants to get to know you two better too. That is if you will let me let her, that is.”

“OK, Laura, please go over to the bench over by the door. I want to talk to Adam for a moment and then this Summer girl. Adam, when we are done talking, you will have 5 minutes to get whatever you think you will need to take care of this Summer girl while I talk to her, and then we are going home.”

Laura did not like being sent to the bench but had little choice if she wanted to keep Allen from getting upset and making her do things she would rather not do. So, she sat down as Allen talked to Adam for a few minutes and then he walked over to Summer and talked to her. Adam collected a few things from several places around the store and when Allen came back the two of them talked some more. They walked over to the counter and Allen paid for whatever Adam had ***********ed. She had no idea what it was because by the time they came over to her, the items were in a plain brown paper bag.

On the way home everyone was in their own world and not inclined to talk.

At home they made dinner, watched a short sitcom on TV and then did their normal weekday evening routines. The only abnormal thing was that Laura was bottomless.

When Adam was done with his homework, he started his research on how the controller bands worked. There were set rules for contractor and contractee as he learned he and Summer were now called. Evidently, there was a period of pending or proving time that they would have to be in. During that time Adam had to ‘prove’ he could be responsible for Summer’s discipline.

Adam’s next topic of research was to investigate what household hierarchies were and how they worked in this new world. That program held some very, very, interesting possibilities. He wondered how a hierarchy would work in his household of three. Knowing his parents his Dad would probably be 1, his Mother 2, and he would have the lowest authority in the house at number 3. While interesting, a house hierarchy, in their house, would change nothing.

Adam’s last project of the night was to set up an account on his computer where he could register his band with the H-Department. Once that was set up, it was easy to use the program to see where Summer currently was. She had been released from the H-Store and was now in her home. He sent a message on his band to Her’s. He quickly received a reply from Summer. Once they had each other’s numbers, Adam called her. Because they already knew about their sexual compatibility and were kind of sexed out by the day’s activities, they talked about other, very mundane, things, like music they linked and their favorite shows and so on. They laughed and agreed it was unsurprising that they had similar tastes.

Since it was still a school night, and he did not want to get yelled at for being up too late, Adam suggested that they meet the next day after school. Summer quickly agreed.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.1K I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

1.3K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

1.9K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.4K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.5K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

L'amico di mio marito viene a trovarci - Parte 2

=================================================== ========= Faresti meglio a leggere prima L'amico di mio marito ci visita, poiché è l'inizio di questa storia. Altrimenti, sarà impossibile capire! =================================================== ========= CIAO! Sono di nuovo Lynn, e voglio raccontarvi cosa è successo dopo tutto il piacere che ho avuto con mio marito Jim e il suo amico ben dotato Ben, quando lo abbiamo accolto a casa vostra. Eravamo distrutti dopo tutto l'alcol che avevamo bevuto, e anche tutte le attività sessuali, estremamente piacevoli ma anche estenuanti. Abbiamo fatto la doccia insieme e siamo andati a letto – il nostro letto king size, ovviamente, non l'improvvisato nell'ufficio di...

1.2K I più visti

Likes 0

Contemplando la mia bisessualità???

Non avevo mai pensato a me stesso come Gay o addirittura mi piaceva il pensiero di stare con un uomo. D'altra parte mi piaceva giocare con il mio culo e inserire cose da quando avevo circa 12 anni. Ricordo di aver usato la doccia di mia madre per farmi clisteri da quando ricordo. Crescendo, mi sono ritrovato a usare cetrioli e tutti i tipi di altri oggetti per soddisfare il mio desiderio di avere il sedere aperto. Un giorno di qualche anno fa, dopo aver riflettuto a lungo, decisi di provare qualcosa di nuovo. C'era un medico che lavorava nello stesso...

1.1K I più visti

Likes 0

Il ciondolo 2

Il Ciondolo Capitolo due Il giorno dopo a scuola è stato un po' strano. Bobby continuava a guardarmi come se volesse dire qualcosa ma non lo fece. Continuavo ad aspettarmi che mi chiedesse cosa fosse successo al Ciondolo, ma non ha mai detto niente. Dopo la scuola non vedevo l'ora di usare di nuovo il Pendente. Quando sono tornato a casa ho deciso di farlo a letto questa volta perché il pavimento era troppo scomodo. Ho chiuso a chiave la porta, l'ho recuperata dal mio nascondiglio, mi sono spogliata e mi sono sdraiata sul letto. Ho guardato in basso e ho...

899 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.