L'animaletto del drago: Capitolo 3

1.1KReport
L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3



Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena erezione e strinse la sua figa contro l'asta prima di spingerlo dentro. Il drago divenne immediatamente molto docile mentre Marian rimbalzava su e giù sulle sue ginocchia, gemendo di gioia mentre spingeva l'organo sessuale dell'animale nella sua fica bagnata.

Dietro di lei, un altro drago aveva finito il suo pasto più velocemente del previsto ed era ansioso di avere un turno. Marian smontò dal primo drago e si mise sulle mani e sulle ginocchia, lasciando che il secondo drago la penetrasse da dietro mentre lei iniziava a dare piacere orale al primo, che stava finendo il suo pasto. Per la seconda volta, il pasto del drago fu interrotto, questa volta da un orgasmo zampillante. Mentre lanciava il suo primo getto di sperma, Marian lo succhiò rapidamente e inghiottì ogni goccia. I suoi occhi si sono poi alzati nella testa e ha fatto le fusa per l'eccitazione mentre sentiva il drago dietro il suo sperma, sparando più getti di sperma nel suo corpo. Si allungò indietro e iniziò a strofinarsi la figa mentre il drago cercava di riguadagnare la sua erezione. Quando fu pronto per il secondo round, il resto dei draghi aveva finito di mangiare ed era pronto a devastarla.

Dopo che i draghi hanno preso posizione e hanno iniziato a scoparla, Marian ha notato un'altra grande differenza rispetto alle sessioni precedenti: questa volta sono stati più attenti ai loro movimenti e al modo in cui l'hanno trattata. Si accorsero della sua caviglia ferita e fecero del loro meglio per evitare di toccarla, scuoterla o agitarla, e quando la tenevano, stavano attenti a impedire che i loro artigli la toccassero. Le loro spinte, che normalmente erano veloci e potenti, ora erano lente e delicate, e Marian si rese conto che i draghi stavano cercando di evitare di agitare le vesciche, i lividi e le lacrime nell'ano e nella vagina.

Non volevano ferirla, non volevano che provasse dolore, e questo era qualcosa che le scaldava il cuore e di cui era molto grata.



Marian era sdraiata a pancia in giù sul bordo del nido, guardando i draghi con un sorriso sul viso. I loro muscoli erano finalmente abbastanza forti da permettere loro di fare qualcosa di più della semplice gobba, e stavano usando questa opportunità per uscire finalmente dal nido e giocare. I draghi correvano carponi intorno alla grotta, affrontandosi e lottando. Sembravano una cucciolata di cuccioli che si rincorrevano in un campo, anche se questa non era una sorpresa, poiché aveva notato un graduale cambiamento nei loro scheletri. Poteva dire che le loro numerose ossa morbide si stavano unendo e indurirsi, solidificandosi in una postura canina. Sarebbero ancora molto flessibili come il loro padre, ma poteva vedere che avevano sempre più difficoltà ad alzarsi sulle zampe posteriori e dovevano sempre appoggiarsi a qualcosa per farlo.

In quel momento, Marian stava ridendo con un caldo sorriso sul viso mentre guardava i cuccioli giocare. Fu scossa dal suo stordimento onirico dai battiti delle ali del padre drago, di ritorno dalla caccia. Trasportava due mucche, una per sé e l'altra per i piccoli. I cuccioli di drago saltarono velocemente nel nido e iniziarono a lamentarsi quando il padre si avvicinò, implorando per il manzo ucciso. Marian rotolò sulla schiena, sussultando appena per il dolore alla caviglia. Aveva testato la ferita e aveva concluso che quella che aveva creduto essere una caviglia rotta era stata in realtà solo una brutta distorsione. Potrebbe anche darci peso se fosse abbastanza disperata...

Mentre i draghi banchettavano con la mucca, Marian ha lavorato per pulire la sporcizia da sotto le sue unghie. Avrebbe venduto la sua anima per avere la possibilità di fare il bagno. In procinto di iniziare a lavorare sulle sue dita destre, l'attenzione di Marian fu catturata dall'avvicinarsi di uno dei draghi. Non si poteva già smettere di mangiare, vero? Marian poi rivolse la sua attenzione alla striscia di muscolo della coscia che pendeva dalle sue mascelle. Il drago abbassò la testa e le lasciò cadere la carne in grembo. La creatura aveva appena condiviso il suo cibo, dandole più di mezzo chilo di carne. Mentre il drago si voltava per tornare alla carcassa principale, Marian fissava la striscia di muscolo insanguinata. Lentamente, una lacrima le scese lungo il viso e sgocciolò dalle sue labbra sorridenti.

Non aveva mai mangiato qualcosa di così crudo e sanguinante prima, ma dopo essersi rassegnata a una dieta composta esclusivamente da sperma, questa è stata una benedizione. Prese la striscia e la strappò rapidamente come una creatura selvaggia, scavando nelle dure fibre muscolari mentre il sangue le scorreva lungo il mento. Mentre mangiava, lacrime di sollievo le sgorgavano dagli occhi, causate sia dalla gioia di poter mangiare qualcosa di solido con tanto sapore (invece dello sperma che i draghi le avrebbero sparato in gola) sia dal fatto che queste creature le avevano dato lei un tale dono.



Ancora una volta, Marian ha percepito un enorme cambiamento nel comportamento dei draghi. Con il primo cambiamento, erano meno crudeli e forti. Con il secondo cambiamento, sono stati molto attenti con i loro movimenti e hanno lavorato duramente per evitare di causarle dolore. Con il terzo cambiamento, erano in realtà piuttosto affettuosi, persino... amorevoli. Invece di unirsi a lei, si sono alternati, ciascuno lavorando i loro cazzi dentro di lei con carezze lente ma profonde. I loro movimenti e spinte potrebbero anche essere considerati teneri. Invece di tenere le zampe sul fianco per tenerla ferma mentre la scopavano, in realtà la stavano avvolgendo strettamente con le braccia e la tenevano mentre erano intimi, cosa che anche lei si ritrovava a fare con loro.

Marian non riusciva a credere quanto fossero cambiati da quando l'hanno violentata per la prima volta. Prima erano bestie senza cuore che la violentavano con una certa crudeltà, ma ora erano gentili e gentili. In realtà si sentiva come se i draghi fossero emotivi, e ogni drago con cui era in intimità le dava un gemito orgasmo. Dopo che ognuno ha avuto un turno, si sono uniti a lei e hanno iniziato a scoparla allo stesso tempo, soddisfacendo finalmente i suoi nuovi desideri sessuali. Anche adesso, vedeva un cambiamento significativo nel loro comportamento. Il drago che la sodomizza da dietro aveva le braccia avvolte intorno alla sua vita, il drago che stava cavalcando aveva le mani sul suo petto e la teneva sollevata in modo che non dovesse sforzarsi, e i tre draghi che lei stava dando piacere oralmente e manualmente erano tutte appoggiate l'una sull'altra per stare in piedi sulle zampe posteriori invece di appoggiare il loro peso su di lei. Poteva sentire la loro cura ad ogni spinta ed eiaculazione.



Due ore e più di una mezza dozzina di orgasmi dopo, Marian ricadde sul pavimento del nido, leccando avidamente lo strato di sperma in cui i draghi l'avevano ricoperta. Ansimava per aria e le sue membra sembravano pesi di piombo per la sborra ancora e ancora. Chiuse gli occhi, aspettando che arrivasse il sonno, ma fu scossa dalla sensazione dei draghi che si raggruppavano intorno a lei. No, non c'era modo che potessero volere un altro giro, era sicura di averli prosciugati di ogni goccia di sperma. Aprì gli occhi e si guardò intorno, incapace di credere a ciò che stava vedendo. Tutti i draghi si erano sdraiati e si stavano rannicchiando contro di lei. Volevano dormire con lei e stare con lei, non solo fare a turno con lei. Mentre tutti i piccoli si addormentavano, Marian appoggiò la testa all'indietro e si limitò a fissare il soffitto della caverna, cercando di elaborare l'evento.



Marian fu svegliata dal suo sonno irrequieto da un assordante scoppio di tuono all'esterno. Era notte fonda e lampi di luce illuminavano la grotta mentre i fulmini si inarcavano nel cielo. Quasi forte quanto il tuono era il temporale torrenziale che martellava il paesaggio e il fianco della montagna. Piccoli fiumi scivolavano nella grotta mentre la pioggia si riversava sull'ingresso come una cascata. Un altro scoppio di tuono spezzò il ruggito della pioggia battente, e mentre Marian voleva coprirsi le orecchie dal volume doloroso, nessuno dei draghi si mosse nemmeno dal loro sonno.

La pioggia era così forte, eppure i draghi non sembravano sentire una sola goccia o fulmine, anche se ogni grossa goccia di pioggia suonava come... un ramoscello che si spezza. Prima che potesse anche solo sussultare, nel cervello di Marian si era già formato un piano di fuga. Se si fosse mossa abbastanza silenziosamente e abbastanza dolcemente, potrebbe arrampicarsi fuori dal nido e la pioggia fuori coprirebbe il rumore di eventuali rami spezzati. Tuttavia, se fosse stata catturata, i draghi sarebbero probabilmente arrabbiati. Tutta la fiducia che aveva instaurato con loro sarebbe svanita e la loro ira sarebbe stata letale. Ma d'altra parte, questa era probabilmente la sua unica possibilità di fuga e non poteva immaginare che ne sarebbe successa una migliore.

Alla fine, ha trovato il coraggio di provarlo. Lavorando con attenzione per non svegliare i piccoli, lentamente si liberò dalla loro presa. Con ogni respiro che faceva tremante come una foglia al vento e apparentemente rumoroso come un uragano, Marian si sospese sui draghi, lavorando il più duramente possibile per non scuotere il nido. Non si preoccupò di pregare, poiché aveva perso la fede in Dio. Ogni secondo sembrava un'ora mentre si avvicinava lentamente al lato del nido. Prese ogni punto di contatto solo con l'attenzione più in alto, mettendo il suo peso solo sui bastoncini più spessi e dove si incontravano le estremità dei ramoscelli, cercando di romperne il meno possibile.

Come previsto, c'erano molti più schiocchi rumorosi di quanto volesse, e ogni secondo, Marian si aspettava che uno dei draghi si svegliasse e ringhiasse. Ha tirato un sospiro di sollievo quando ha portato tutto il suo corpo sul bordo estremo del nido. Trattenendo il respiro, iniziò la lenta discesa verso l'esterno. Questo era molto più difficile, poiché doveva azionare il nido come una scala e il suo peso corporeo stava tirando giù i rami. Con tutto il corpo che tremava e la caviglia che le pulsava, Marian si morse il labbro mentre scendeva lentamente. A tre piedi dal pavimento della caverna, il suo cuore si fermò quando sentì il ramo nella sua mano staccarsi dal nido. Lanciando un grido silenzioso e agitando le braccia, Marian cadde sul pavimento della caverna in un atterraggio doloroso mentre il ramo dava un forte schiocco.

Sdraiata a terra e aspettando che i draghi schizzassero fuori dal nido e si avventassero su di lei, Marian gemette di dolore per la stridente crepa al cranio e tutti i graffi che le punteggiavano la schiena, le cosce e il culo. Ma con suo grande stupore, non udì nulla dal nido e il drago anziano non si era nemmeno mosso, erano ancora tutti profondamente addormentati. Con un sorriso isterico, Marian si alzò lentamente in piedi e iniziò a zoppicare verso l'ingresso della grotta. Rallentò il passo e trattenne il respiro mentre passava accanto al drago anziano, ma alla fine raggiunse l'ingresso della caverna. Con lacrime di gioia che le rigavano il viso, Marian uscì sotto la pioggia e lasciò che l'acqua lavasse via giorni di sporcizia, sangue e sperma secco.

Singhiozzava incontrollabilmente mentre si strofinava la pelle con le mani, cercando di lavare via la vergogna che era stata costretta a sopportare. Il terreno intorno a lei era coperto di olio sudicio per via di tutta la sporcizia che era stata raschiata via dal suo corpo. Quando fu sicura di essere pulita, alzò lo sguardo e aprì la bocca, lasciando che la cascata più grande che scendeva dall'ingresso della caverna si riversasse nella sua bocca. Per diversi minuti, sbuffò l'acqua che sgorgava dalla pietra, così grata di avere acqua pulita da bere al posto dello sperma salato dei draghi. Ha bevuto fino a vomitare e poi ha continuato a bere, cercando di lavare via più sale possibile dal suo corpo.

Alla fine, fu costretta a smettere di bere e a ritirarsi giù per la montagna, come la natura chiamava. Dopo essere stata finalmente in grado di "purgare" il suo corpo da tutto il sale che si era accumulato nel suo sistema, Marian crollò a terra a trenta metri dall'ingresso della grotta, piangendo di felicità. Era finalmente libera, poteva finalmente andarsene. Le sue lacrime poi si fermarono, quando nella sua mente apparve la domanda se doveva davvero andarsene. Aveva rimuginato su questa domanda nel nido, ma era allora che stava soppesando i rischi del solo tentativo di scappare, e non aveva mai pensato oltre se avrebbe dovuto andarsene una volta arrivata così lontano. Non sapeva nemmeno da dove venisse questa domanda, ma non riusciva a smettere di pensarci. Questa domanda non avrebbe lasciato la sua mente e il suo corpo si è rifiutato di muoversi fino a quando non ha preso una vera decisione.

Poteva scappare e non dover mai più essere violentata; non dovrebbe essere la schiava sessuale di questi animali. Ma mentre era stata violentata più volte di quante ne potesse contare e aveva provato più terrore, dolore e vergogna per mano di queste bestie che mai nella sua vita, era arrivata a godersi i sentimenti di essere penetrata e amava tutti i orgasmi incredibili che aveva sperimentato. Poteva uscire da lì e rivedere la sua famiglia, ma sarebbe stata in grado di affrontarli? La sua famiglia l'avrebbe accettata dopo tutte le cose degradanti che era stata costretta (e più che disposta) a fare? E avrebbe mai avuto la possibilità di sposarsi? L'avrebbe mai toccata un uomo dopo che i suoi orifizi erano stati trasformati in crateri giganti da mostri empi?

Se dovesse scappare, sarebbe anche in grado di tornare a casa sana e salva? Queste terre erano piene di senza legge, e che possibilità aveva un'adolescente nuda che poteva solo zoppicare? Per quanto ne sapeva, poteva essere catturata e portata in un luogo che faceva sembrare questa grotta del drago un monastero. Voleva tanto andarsene, ma tanto quanto desiderava andarsene, aveva trovato un incredibile piacere e divertimento nel vivere con queste semplici bestie. E dopo quello che aveva provato nei cuori di quei draghi... non sapeva se poteva allontanarsi dai sentimenti che provavano per lei... o dai sentimenti che provava per loro.

Alla fine, Marian fece un respiro profondo e tremante e si alzò in piedi. Guardando la grotta, prese un'altra tremante boccata d'aria e iniziò a risalire il fianco della montagna. Riacquistando la calma, entrò nella caverna e superò il drago anziano. Arrampicandosi nel nido, Marian si sistemò, sdraiandosi tra i draghi e avvolgendo le braccia intorno ai due piccoli accanto a lei. C'era un piccolo ma caloroso sorriso sul suo viso.

"Sei la mia famiglia ora", sussurrò prima di addormentarsi.



Marian si svegliò da sola nel nido, ma i draghi non se ne erano andati. Erano fuori nella parte posteriore della caverna, e giocavano come prima. Mentre Marian li guardava correre e balzare l'uno sull'altro, iniziò a chiedersi se la sua realizzazione la scorsa notte fosse stata solo un sogno. Si guardò le braccia e il petto, notando che il suo corpo era stato ripulito da tutta la sporcizia e dallo sperma secco che si era accumulato nel corso dei giorni. L'unico modo in cui potrebbe pulirsi è se si fosse lavata con l'acqua. Marian sorrise quando si rese conto che la sua accettazione era stata reale; era scappata dal nido dei draghi e ha deciso di tornare di sua spontanea volontà. Le creature che originariamente temeva e odiava erano ora diventate le sue amate. Lo stupro e l'aggressione sessuale erano ora diventati intimità e piacere, qualcosa che originariamente la faceva piangere di dolore, ma ora le faceva fare le fusa per l'eccitazione e avere orgasmi zampillanti.

Decidendo che non aveva più nulla da temere dalla sua nuova famiglia, Marian si alzò e si stiracchiò. Con un sorriso sul viso, si arrampicò sul bordo del nido e iniziò a scalare il lato. Mentre scendeva dall'esterno del nido, i draghi smisero di lottare e la fissarono. Stava per scappare? Mentre la sua caviglia era ancora dolorante, scese sul pavimento della caverna e si avvicinò ai suoi compagni di nido. A ogni passo che faceva, i draghi diventavano sempre meno tesi, seduti con la coda che scodinzolava come cani eccitati. Raggiunse il drago più vicino e si accucciò di fronte a lui, facendo scorrere la mano lungo il lato del suo viso e guardandolo negli occhi dorati.

Sorprendendo tutti i piccoli, Marian si sporse in avanti e premette le labbra contro la parte anteriore del muso del drago, baciandolo teneramente. All'inizio il drago non era sicuro di cosa fare, a causa delle enormi differenze nelle dimensioni e nella forma delle loro bocche, ma iniziò rapidamente a capire come agire. Marian fece scattare la sua lingua tra le labbra del drago (facendo attenzione a non tagliarsi i denti del suo rasoio) e il drago rispose mandandole la sua lunga lingua biforcuta nella sua bocca, che lei deglutì estaticamente. Mentre baciava il drago, Marian accarezzava anche la creatura fino a raggiungere un'erezione palpitante.

Guardando Marian baciare e accarezzare il loro fratello, gli altri draghi si sono completamente eccitati e hanno persino tremato per quanto fossero eccitati. Dopo soli dieci secondi, uno di loro divenne impaziente e si avvicinò strisciando, sedendosi a terra e avvicinandosi goffamente sempre più vicino.

Con un cipiglio sul viso, Marian si voltò e colpì l'intruso sul naso, spaventandolo. "No, non è ancora il tuo turno", disse in tono dominante.

Il drago ringhiò per essere stato respinto, ma abbassò la testa per l'imbarazzo. Tutti i draghi erano sbalorditi dal modo in cui le cose erano cambiate. Quando sono venuti al mondo per la prima volta, il corpo di Marian era solo un oggetto che usavano per liberare i loro impulsi sessuali e praticare con i muscoli, qualcosa che avrebbero violentato e violato per il loro esercizio e divertimento. Ora stavano condividendo il loro cibo con lei, rannicchiandosi con lei quando dormivano, e lei li rimproverava e li disciplinava.

Dopo un minuto, Marian smise di baciare il primo drago e si voltò verso il secondo. Facendogli il solletico sotto il mento, gli fece alzare la testa e guardarla. “Oh, mio ​​dolce bambino. Non preoccuparti, mi prenderò cura di tutti voi", disse dolcemente prima di iniziare a baciarlo.



Dopodiché, i giorni si sono trasformati in settimane e le settimane in mesi, con Marian che allevava i draghi come se fossero i suoi figli... e poi si faceva scopare da loro come una ninfomane affamata di sperma. Ha anche dato i nomi ai draghi in modo da poterli distinguere meglio, e più tempo trascorreva con loro, più era in grado di vedere le sottili differenze fisiche tra ogni creatura e distinguerle.

Ogni giorno si svegliava con i piccoli rannicchiati contro di lei, li accarezzava per svegliarli e poi tappava ogni orifizio del suo corpo con i loro cazzi finché non aveva un orgasmo urlante e la ricoprivano di sperma. Quando avevano finito, il drago anziano sarebbe tornato con un animale ucciso di cui Marian si sarebbe nutrita con la stessa intensità della sua famiglia di draghi, e dopo aver mangiato, l'avrebbero scopata tutti insieme con lei pregandoli di lavorarla più forte e più veloce, e poi addormentarsi.

Nei giorni in cui erano più energici che arrapati, i draghi correvano invece intorno alla grotta e giocavano, balzando e lottando tra loro mentre Marian guardava e ridacchiava. Una volta che la sua caviglia era guarita, si arrampicava spesso fuori dal nido e si univa a loro, facendo attenzione a non graffiare e ammaccare il suo corpo nudo sul ruvido pavimento della caverna e sulle loro scaglie che si induriscono.

Durante i periodi in cui i draghi dormivano ma Marian era arrapata, si arrampicava fuori dal nido e dava piacere al drago maggiore. Seppelliva il viso nella fessura del cazzo della bestia gigante, usando la lingua per far impazzire il drago mentre si toccava. Dopo che il drago anziano avrebbe eiaculato su di lei, lei avrebbe ingoiato più che poteva e poi si sarebbe rotolata nella pozzanghera di sperma, sditalinandosi fino a quando non aveva un altro orgasmo.

Più a lungo è rimasta con i draghi, più ha notato il loro tasso di crescita. Quando erano nati per la prima volta, i draghi avevano le dimensioni di lupi con organi sessuali molto sproporzionati. Ora, a metà estate, avevano le dimensioni di uomini adulti, con i loro falli che erano cresciuti solo di quattro pollici. Marian adorava questa nuova taglia e adorava essere scopata così forte dai loro cazzi lunghi un piede che pensava che l'avrebbero divisa a metà. Erano così grandi che riusciva a malapena a ingoiarli.

Con la loro nuova taglia e mole, il drago anziano iniziò a svolgere un ruolo più importante nell'allevarli. Finora si era fermato all'ingresso della caverna per fare la guardia al nido e se n'era andato solo per liberarsi e andare a caccia. Ora li stava portando fuori dalla grotta e nella foresta sul fianco della montagna, insegnando loro a cacciare da soli e assicurandosi che facessero molto esercizio. Marian veniva sempre con loro, camminando nuda per la foresta in cerca d'acqua. Anche se i draghi stavano condividendo il loro cibo con lei, permettendole così di sostituire il seme con sangue animale come fonte di idratazione, voleva qualcosa per placare la sua sete che non fosse densa e salata. Mentre i draghi avrebbero esplorato la foresta, lei sarebbe stata accovacciata sul piccolo ruscello nelle vicinanze e avrebbe bevuto fino a quando non avrebbe più potuto bere.



Era un caldo pomeriggio d'estate e Marian stava camminando nella foresta, alla ricerca dei suoi compagni di nido. Il rumore di schizzi e masticazioni attirò la sua attenzione, attirandola verso un cespuglio calpestato. Spinse da parte il cespuglio e trovò uno dei draghi con il muso sepolto nel petto squarciato di un alce ucciso. Il drago alzò lo sguardo e iniziò a scodinzolare quando vide il sorriso sul suo viso.

“Siris! La tua prima uccisione! Sono così orgoglioso di te!" sorrise, chiamando il drago per nome.

Il drago scodinzolò ancora più forte e continuò a lacerare gli organi della sua preda. Mentre Marian osservava il drago banchettare per la sua prima uccisione, un pensiero le entrò nella mente che la fece alzare gli occhi al cielo. In quel momento era bello e caldo, ma solo perché era estate. Presto, l'inverno avrebbe alzato la sua brutta testa e Marian non sarebbe riuscita a sopravvivere così com'era: nuda e senza un modo per accendere il fuoco. Doveva prendere qualcosa per tenerla al caldo, altrimenti sarebbe morta congelata. Sorprendendo Syris, si avvicinò e si accucciò accanto all'alce ucciso, quindi iniziò a strappare la pelle, partendo dall'enorme buco che il drago aveva aperto nel petto. Una volta tirata su un grande lembo, lo accarezzò con la mano e si voltò verso Syris.

“Ho bisogno di questa pelle. Ho bisogno di questo", disse lentamente mentre accarezzava di nuovo il lembo di pelle di alce.

Non c'era modo che il drago capisse le sue parole, ma sperava che almeno avrebbe ricevuto il messaggio. Per sua fortuna, Syris annuì e permise a Marian di continuare a staccare la pelle mentre lui odiava. Senza alcuna esperienza o strumenti, era incredibilmente difficile e la sua unica direzione era il buon senso e le storie che suo fratello maggiore raccontava ogni volta che andava a caccia. Sebbene fosse di forma goffa e presentasse più lacrime, alla fine riuscì a strappare la pelle insanguinata, per lo più intatta. Con un sorriso d'orgoglio, si chinò e ringraziò Syris con un bacio affettuoso sulle labbra.

Dopo aver tolto una striscia di carne dalla coscia dell'alce e con la pelle sulla spalla, Marian ha lasciato Syris al suo pasto mentre lei andava a cercare gli altri draghi e vedere se riusciva a togliere le pelli dalle loro uccisioni. Mentre camminava attraverso la foresta, ripensò a quanto fosse cambiata. Solo pochi mesi fa era membro di una famiglia di contadini, lavorando con i suoi genitori per allevare e raccogliere l'uva per fare il vino. Poi fu catturata e trasformata in una vittima di stupro per bestie crudeli. Successivamente è diventata una sopravvissuta indurita, disposta ad allargare le gambe per i suoi rapitori e vivere esclusivamente di sperma per rimanere in vita. Ora stava camminando nuda attraverso i boschi con una pelle di animale sulla spalla e masticava una striscia di carne cruda con il sangue che le gocciolava dal mento e le scorreva lungo i seni pieni. Viveva in un nido con draghi, affamata del loro sperma e disperata di essere penetrata dai loro cazzi eretti. Era passata dall'essere una contadina ad essere una bestialità dipendente dal sesso che viveva più come un animale che come un essere umano.

E questo stile di vita la rendeva davvero felice.



Marian è stato in grado di trovare il resto dei draghi chiamando i loro nomi: Isaac, Arthur, Pinot, Ashford e il drago più anziano, Bourne. Pinot, Isaac e Bourne sono riusciti a catturare altri alci e Marian li ha trovati in tempo per salvare le pelli. Ne avrebbe avuto bisogno di molti di più se voleva sopravvivere all'inverno, ma almeno ne aveva abbastanza per un letto più comodo.



Dopo due settimane, Marian riuscì a ottenere più di trenta pelli di animali da cavalli, mucche, alci e persino orsi. Usando ossa e capelli intrecciati, è riuscita a trasformarne cinque in un set di vestiti per tenerla più che calda quando fuori una volta arrivato l'inverno, e ha trasformato il resto in una tana pelosa in cui poteva sdraiarsi e stare perfettamente a suo agio, non importava quanto era diventata fredda la grotta, per non parlare del fatto che tutti i draghi si erano rannicchiati contro di lei per tenerla al caldo.



Marian si svegliò il primo giorno d'autunno e scoprì che la grotta era vuota. Si guardò intorno, chiedendosi se Bourne ei suoi compagni di nido fossero andati a cacciare nei boschi. Era delusa dalla sua solitudine, perché o svegliava i draghi accarezzandoli o succhiandoli fino alla completa erezione, oppure veniva svegliata da uno di loro che la montava.

I suoi pensieri amari furono interrotti quando la caverna divenne improvvisamente buia. Qualcosa stava bloccando il sole, era Bourne? Alla domanda hanno risposto sei forti schianti all'esterno e l'arrivo dei draghi, che piegavano le ali mentre entravano nella grotta.

Con un sorriso e lacrime di orgoglio sul viso, scese dal nido e corse verso di loro. “Hai appena volato! Avete volato tutti!» strillò, facendo scorrere le mani sui loro corpi squamosi una volta raggiunti.

Nel corso dei sei mesi trascorsi dalla schiusa, i draghi erano diventati grandi come stalloni e ora assomigliavano così tanto a loro padre. I piatti, che originariamente erano stati morbidi e rosa, ora sembravano schegge di rubino ed erano altrettanto duri, i loro artigli e le loro zanne tozze erano duri e affilati come pugnali, ed erano ancora più ben dotati (cosa che lei adorava assolutamente).

"Miei dolci ragazzi, vi amo e sono così orgogliosa di voi", disse teneramente.

I giovani draghi abbassarono tutti la testa e lei diede a ciascuno di loro un lungo e appassionato bacio sulle labbra, facendo scorrere la lingua tra le punte delle loro fauci da cane. Si rivolse a Pinot, che sapeva che li avrebbe premiati ed era già “emozionato”. Marian sorrise e si inginocchiò, accarezzando il fallo grande come un avambraccio del drago. Leccandosi le labbra, prese la testa in bocca (questo era tutto ciò che ci stava) e iniziò a sbattere la lingua nella fessura, facendo rabbrividire di piacere il drago. Il resto dei draghi aspettava con ansia che Marian desse loro il permesso di penetrarla.

Dopo diversi secondi di piacere orale a Pinot, Marian si alzò e affrontò il resto delle lucertole alate giganti. "Torna al nido e ti mostrerò quanto sono orgoglioso di te."

Poi tornò al nido, si arrampicò sul bordo e si chinò con le sue brache di pelle animale intorno alle caviglie per mostrare la figa e il buco del culo. "Andiamo ragazzi, sto aspettando."

Si calò nel nido con i draghi che saltavano dietro di lei.



L'inverno ha colpito duramente la campagna, e anche con la sua collezione di pelli di animali, Marian ha avuto difficoltà a stare al caldo. Percependo la sua vulnerabilità al freddo, i draghi divennero più protettivi nei suoi confronti, persino Bourne. Quando uscivano per andare a caccia o fare esercizio, uno di loro restava sempre con lei, tenendola al caldo con lei rannicchiata contro di loro. Durante la notte, il gigantesco drago anziano si sdraiava vicino al nido e usava una delle sue ali giganti per mantenere Marian e i suoi figli al caldo e protetti dall'aria gelida della notte.



Un anno trascorse lentamente nella grotta, durante il quale i draghi fecero gangbang con Marian tutto in una volta oltre duemila volte, ognuna delle quali la fece gemere a pieni polmoni per l'euforia sessuale.



Marian si svegliò da sola nel nido in una bella mattina di tarda primavera, il giorno dopo il primo anniversario del suo rapimento. Si guardò intorno, cercando di trovare una traccia di uno dei suoi compagni di nido. Dato che si era riscaldato, i draghi ora la lasciavano sola quando partivano per cacciare, quindi svegliarsi da sola non era una novità, soprattutto perché i draghi avevano bisogno di sempre più cibo. Chiedendosi quando sarebbero tornati, Marian decise di uscire per una passeggiata nei boschi. Indossando il suo vestito di pelle animale, uscì dalla grotta e lentamente si diresse verso il fianco della montagna.

“Arturo! Bourne! Pinot! Isacco! Ashford! Siria!” gridò, sperando che fossero nella zona. Quando non arrivò alcuna risposta, chiamò di nuovo, ma la sua unica risposta fu la sua stessa eco.

Ancora una volta, questa non è stata una sorpresa. I draghi avevano epurato la terra da tutti i grandi animali e viaggiavano sempre più lontano in cerca di cibo. Scrollandosi di dosso, decise di seguire la sua routine. Dopo aver fatto una passeggiata nel bosco e aver bevuto tutta l'acqua che poteva, tornò al nido ad aspettare i suoi amanti alati.

Sonnecchiava per il resto della giornata e aveva un sonno agitato durante la notte, ma si svegliava la mattina dopo per ritrovarsi ancora sola. Cercò di dire a se stessa che probabilmente stavano solo facendo fatica a trovare cibo, ma la sua mente era piena di preoccupazione. Dopo aver trascorso la giornata bevendo acqua e raccogliendo piante selvatiche e noci da mangiare, è tornata al nido e si è addormentata. Quando si svegliò di nuovo da sola, sentì un profondo brivido di preoccupazione nel suo cuore, ma lavorò con ogni fibra del suo essere per sopprimerlo.

Dopo un altro giorno in cerca di cibo, Marian ha trascorso la maggior parte della notte sdraiata sulla schiena nel nido vuoto, fissando il soffitto della caverna. Quando la luna raggiunse il suo punto più alto nel cielo, un'idea entrò nella sua mente. Masticandosi il labbro, prese la collana del crocifisso e la fissò. L'aveva conservata come ricordo della sua vita precedente, anche se aveva perso la fede in Dio. Non riusciva a ricordare l'ultima volta che ci aveva pensato o addirittura pregato, ma ora sembrava un buon momento.

“Dio, non hai risposto alle mie suppliche quando sono stato catturato per la prima volta, ma per favore, aiutami. Riportali indietro, Signore, per favore. Non voglio perderli", ha detto, piangendo per la prima volta da molto tempo.



“Non torneranno…” sussurrò Marian in lacrime, svegliandosi ancora una volta da sola.

Era passato un anno da quando i draghi si erano schiusi ed era ormai chiaro che avevano lasciato il nido per vivere per conto loro. Non erano più piccoli; erano ormai adulti ed era giunto il momento per loro di avere i loro piccoli. Marian sapeva che questo giorno sarebbe arrivato, ma aveva sperato che avrebbe avuto più tempo o che forse l'avrebbero portata con sé, anche se c'erano poche possibilità che uno di loro la portasse con sé quanto loro due che stavano insieme dopo in partenza.

La partenza dei draghi per iniziare una nuova vita da soli era stata inevitabile, ma Marian avrebbe solo voluto poter dire addio ai suoi figli.



Un anno dopo:

Marian era in piedi dietro una locanda a Yarmouth, lavando le lenzuola in un barile d'acqua, come indicato dal suo datore di lavoro. Dopo aver realizzato e accettato che i draghi non sarebbero tornati, Marian lasciò la grotta che aveva chiamato casa e tornò nella società umana. It had taken her time to get reacquainted with human life and socialization, but now she was once again a member of society and even had a job working as a chambermaid, though she was not the same farmer girl that she had originally been.

She had cast aside her crucifix, having lost her faith in God once and for all after being taken from her first family and left behind by her second, and she no longer wanted to be reminded of her farmer life.

It was hard for her to stay focused on her tasks, as not a single minute passed by where she didn’t think about the dragons she had come to know and love. Ever since coming back to human society, she had tried desperately to get the same sexual rush she had experienced time and time again in the dragon nest. She had tried having one-night flings with the men of the town, having sex with multiple men at once, and even snuck into barns and stables on multiple occasions to pleasure the horses and bulls, but nothing gave her that same feeling.

Every day, she listened to all the rumors of dragons that passed through the town, wondering if there was any news of her former family. All she heard was the boring expected: cows and horses being killed and women being told to keep their hair short so as not to draw attention and be taken away. It was for this reason that Marian allowed her hair to grow as long as possible.



As she walked through the backyard of the inn to hang the damp sheets, she heard a noise that made her drop her basket and gasp. It was a roar, one that she would never mistake even if she were deaf. Several screams could be heard in the background, but the snarls of a dragon drowned them all out. Marian ran out into the muddy road that crossed the town of Yarmouth, looking around wildly for the source of the commotion. People screaming in terror sprinted past her and in the distance she could see the tips of red wings.

‘Could it be?’ she thought to herself, running towards the creature as fast as possible.

Turning a corner, Marian got a good look at the creature and gasped. Even after a year of growth and change, she recognized the scale pattern and bone structure of the dragon as one of the hatchlings. Now the size of his father, the creature was in the street, wrecking unintentional havoc. With his hand-like paws, he was reaching out and grabbing women from the crowds of people that had come to see the commotion or had not yet fled. Snorting in annoyance over the shortness of their hair, he would drop them and they would run away screaming. With his tail and wings, he kept at bay soldiers and farmers, slowly inching towards him with weapons and tools.

“Pinot!” she called with a wide smile on her face.

The dragon stared straight at her and his tail and wings hung limp. With tears of joy in her eyes, Marian sprinted down the street, shoved her way through the crowd of people, and came out in the open space to face the dragon. The scarlet giant lowered his head, letting Marian hug his nose while the spectators stared in utter disbelief.

“I prayed and prayed that one of you would find me someday. It is so good to see you Pinot, I can’t believe how much you’ve grown,” she said, drying her tears.

The dragon then extended his forked tongue and Marian took one of the tendrils in her mouth, sucking on it the same way she used to suck his cock. People stared in horror at the sight until the dragon finally retracted his tongue.

“Ugh, I can’t tell you how much I missed this,” she groaned in arousal with a thread of saliva hanging from her lip.

She then looked down and gained a coy smile. The onlookers gasped in disbelief as the Marian moved underneath the colossal dragon and began touching him in a way that caused his dick to reveal itself. Like Bourne, Pinot’s erect cock was now the size of a tree log, and Marian had to use both hands to stroke the shaft.

“My, you sure have grown.”
She then leaned forward and began lapping the head with her tongue, causing many onlookers to curse, scream, and faint. For almost a minute, Pinot shivered in pleasure as Marian massaged the head of his cock with her tongue. At last, the dragon had a gushing orgasm, spraying Marian’s face and dress with more than two gallons of semen, which she hungrily licked up. Any onlookers that hadn’t already fainted did so now.

Stepping back, Marian looked up into the dragon and began brushing her hair with her fingers. “I’m sure you have children of your own now, you must have found a partner to lay plenty of eggs. Here, take my hair to line your nest, and take me as well. Please take me with you; I don’t want to live here anymore. I want to live with you and know the children of my children.”

Without so much as a nod, the dragon took her in her arms, then with a flap of his wings that was so powerful that the surrounding buildings were crushed, he took to the air, flying back to his home with Marian.





La fine

Storie simili

BARB, IL MIO TRIO.

In una storia recente BARB, REALIZZARE LE MIE FANTASIE SESSUALI, ho descritto come verso i trentacinque anni ho deciso che avrei realizzato i miei sogni e le mie fantasie sessuali. Il primo passo è stato trovare un nuovo amante. Per caso Zac è entrato nella mia vita, fisicamente attraente, un po' più grande di me, lavoro professionale e, come ho imparato rapidamente, un'erezione spessa venticinque centimetri. Per un periodo di tempo Zac mi ha fatto conoscere una vasta gamma di esperienze sessuali. Masturbazione reciproca, scoparmi mentre un'altra donna guardava, poi sesso lesbico con lei mentre lui guardava. Mi sono divertito due...

1.1K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

1.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

993 I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

1.5K I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.1K I più visti

Likes 0

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

1.2K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

862 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.