Sulla scia di una ninfomane 2

678Report
Sulla scia di una ninfomane 2

Sulla scia di una ninfomane
Parte 3

Di John Morrison

"Benvenuto in Sonic, posso prendere il tuo ordine?" chiesi al microfono. L'altoparlante crepitò un po'.
"Sì, voglio un frappè", disse una voce tranquilla di carestia.
"Che misura?" Ho chiesto.
"Grande", ha risposto.
"È così?" Ho chiesto.
"Sì", disse. Due minuti dopo sono uscito con il suo milkshake.
«Due trentotto», dissi. Ora ho guardato la ragazza. Sembrava che si fosse appena laureata. Aveva capelli castani lisci con riflessi biondi. Mi ha dato una banconota da cinque dollari.
«Tieni il resto» disse.
«Grazie» dissi voltandomi.
"Aspetta", disse. Mi sono fermato e sono tornato indietro. "Questo non è quello che ho ordinato." Lei disse.
"Frullato alla vaniglia?" Ho chiesto.
"Volevo un po' di più", disse con voce sexy. Ero perplesso.
La sua mano sinistra percorse lentamente la cerniera dei miei jeans. "ummmm", sono rimasto scioccato.
“Bene, cosa stai aspettando? Tiralo fuori ", ha detto. Mi sono guardato intorno. Solo un'altra persona stava lavorando, un mio amico, ed era sul drivethru. Era piuttosto tardi e non c'erano altre macchine da questa parte. "Che cosa? Hai un cazzo piccolo?" Disse, giocando con me.
"Bene, se ne fai una sfida", dissi, aprendomi la cerniera dei pantaloni. Allungò una mano e mi afferrò per il cazzo, tirandomi contro il finestrino della sua macchina rossa. Non riuscivo a vedere nulla, il mio stomaco premuto contro il tettuccio della sua macchina. Il mio cazzo spuntava dal finestrino di una macchina, mi stavo facendo un pompino. Le sue morbide labbra calde inghiottirono il mio cazzo duro di sette pollici. Le sue labbra accarezzarono l'asta del mio cazzo, la sua lingua giocava con la testa. Poi ho sentito la sua mano fredda all'apertura della sua bocca, che mi accarezzava. Mi sono appoggiato all'indietro, ancora appoggiato alla macchina. "Allora, uhh, come ti chiami?" Ho chiesto. Continuava a succhiare. Un attimo dopo la sua bocca si staccò, la sua mano continuava a masturbarmi.
"Tuo," disse, la sua bocca tornando istantaneamente al mio cazzo. Adesso succhiava più forte e più velocemente. Un'auto è entrata nel box poco più in basso di noi, speravo disperatamente che non vedessero. La sua bocca bagnata mi dava piacere. Il mio cazzo si stava coprendo di saliva. Potevo sentirla mentre mi faceva un pompino bagnato. Le sue mani delicate mi accarezzarono veloci e veloci, la sua bocca fece il resto.
«Mi sto avvicinando» dissi. La sua bocca si staccò dal mio cazzo, la sua mano mi accarezzò molto velocemente. Sono venuto, non vedendolo accadere. Feci un passo indietro quando lei lasciò la presa. Mi chinai e la vidi con il viso coperto dal mio sperma. «Grazie», dissi.
«No, grazie», disse. Mi ha consegnato un pezzo di carta. "Quando vuoi", disse, avviando la macchina. Ho subito messo via il mio cazzo mentre lei faceva retromarcia e poi se ne andava. Abbassai lo sguardo e vidi un numero di telefono. Alzai lo sguardo, vedendo le sue luci rosse dei freni. Guardai sbalordito il biglietto. Non diceva un nome, solo un numero. Ho guardato di nuovo la macchina, poi sono tornata dentro per prendere il loro ordine, un sorriso che mi copriva il viso.
"Che cosa?" Aaron ha chiesto quando sono tornato dentro.
"Niente", il mio sorriso mi ha tradito.
"Che cosa?"
"Non posso credere che sia appena successo", dissi, guardando fuori dalla finestra.
"Dai. Che cosa?"
"Solo un piccolo pompino, tutto qui..."

-Kevin
15 giugno


Sulla scia di una ninfomane
Parte 4

Di John Morrison

Un camion UPS marrone si fermò davanti all'edificio. L'autista spense il motore e allungò la mano per prendere un pacco. Controllò l'indirizzo sul pacco. Si avviò verso la piccola casa, vestito di marrone, un localizzatore elettronico in mano, un pacchetto sotto il braccio. Si avvicinò alla casetta, alla porta azzurra, e suonò il campanello. Un attimo dopo la porta si aprì. Una bella mora ha aperto la porta. Avrebbe potuto facilmente avere dai diciassette ai venticinque anni. I suoi capelli castani le ricadevano sulle spalle, quel tanto che bastava per eseguire l'oscillazione sexy dei capelli. Aveva pantaloncini corti di jeans che lasciavano scoperte quasi tutte le sue gambe e una maglietta nera di due taglie più piccola. "Pacchetto per", il fattorino abbassò lo sguardo, "Sarah Carter?"
"Sì, sono io", disse, prendendo la penna che lui le teneva in mano.
"Firma qui", disse, indicando il punto sul dispositivo di localizzazione. Sarah ha firmato e ha colto l'occasione per controllare il fattorino. Probabilmente aveva poco più di vent'anni, un ragazzo di bell'aspetto. Come era comune con lei, si chiese quanto fosse grosso. Lui prese la penna elettronica, ma lei la strinse più forte.
"Sei, ehm, occupato?" Lei chiese.
"Cosa intendi?" Ha risposto senza pensare.
"Potresti risparmiare, diciamo, non lo so, dieci minuti." Disse con forza, avvicinandosi a lui. Poteva sentirne l'odore, quell'odore meravigliosamente dolce di una giovane donna. Aprì la bocca come se stesse per dire qualcosa ma non riusciva a pensare a niente. "Devo davvero spiegartelo?" Chiese, prendendo un po' di atteggiamento. "Dai"
Lei gli tirò la mano, portandolo dentro. Lei quasi sbatté la porta dietro di lui, lasciando cadere il suo pacchetto nella confusione. Era molto deliberata e molto controllata, come se l'avesse fatto centinaia di volte. "Quanti anni hai?" Chiese.
"Quanti anni vuoi che abbia?"
"Abbastanza vecchio", si avvicinò e lo spinse sul divano. Poi saltò sopra di lui, le ginocchia ai lati delle sue cosce. L'interno delle sue cosce premette contro i suoi lati. Si chinò su di lui e su di lui, i suoi seni proprio in faccia. Alla fine si unì alla festa, mettendole le mani intorno, attirandola a sé. Si sedette sulle sue cosce, ora guardandolo negli occhi e vedendo la lussuria in lui. "Cosa vuoi farmi?"
"Potrei pensare ad alcune cose", ha detto.
"Fai quello che vuoi... ci sto"
Bryan l'uomo dell'UPS le afferrò entrambe le braccia e le tenne in alto sopra la sua testa. La presa salda la sorprese un po', ma non la preoccupò. Le sue mani poi scesero rapidamente sul fondo della sua maglietta, e tirarono verso l'alto sopra le sue braccia ancora tese. Tolta la maglietta, la lasciò cadere accanto a sé. Non aveva il reggiseno. I suoi grandi seni a coppa B pendevano come palle da baseball. I suoi capezzoli erano scuri e puntavano proprio verso i suoi occhi. Lei lo guardò come se fosse una scolaretta disobbediente che viene punita. Bryan aveva immaginato che a Sarah Carter, solo un nome sulla sua strada, piacesse essere comandata. Ha basato questo sulla sua ultima dichiarazione. Lui stesso non ne era particolarmente interessato, ma immaginava che fosse quello che voleva. "Succhiami le palle, puttana", si sentì davvero in colpa dopo averlo detto. Ma non importava. Rapidamente Sarah si lasciò cadere dal divano, tirando giù i suoi pantaloncini marroni con lei. Gli afferrò i boxer e glieli tirò giù fino alle caviglie. Stava aprendo un grosso barattolo di vermi per così dire. Sembra che l'anonimo fattorino stesse facendo i bagagli. Si fermò, sorpresa di vedere le dimensioni del suo mostro.
"È fottutamente enorme", ha detto in modo pratico. Rimase seduta lì a guardarlo un secondo. "Non sto scherzando o giocando con te, è fottutamente enorme." Ha detto semplicemente.
"Inizia a succhiare", disse, la fiducia aumentata ora. Sarah si chinò in avanti, le sue labbra rosa si spalancarono per inghiottire la grande testa del suo cazzo lungo dodici pollici e molto spesso. Sarah aveva visto la sua parte, questo è certo, ma questo la colse comunque alla sprovvista. Le sue labbra erano umide di anticipazione. Il cazzo le riempiva quasi le labbra fino alla loro capacità, ma lei riuscì a fargliele girare intorno al suo grosso cazzo. Lei si rialzò, ansimando. Lei lo guardò, sorridendo e ridendo di gioia per il suo nuovo giocattolo. Spinse la lingua contro le sue palle, muovendole avanti e indietro, poi tracciando lentamente una linea con la punta della lingua lungo la sua asta fino alla punta. Spinse la bocca il più in basso possibile sul suo cazzo, arrivando forse a metà, prima di indietreggiare in un sussulto.
«Nuovi ordini, signore?» Disse con voce sexy.
"Com'è questo. Vai a farti fottere», disse.
«Sì signore», lo salutò. Si alzò rapidamente, aprendo la cerniera dei suoi pantaloncini di jeans e tirandoli giù insieme alle mutandine tutto in una volta. La sua pelle era morbida e luminosa. Notò quanto fosse adorabile la sua figura, proprio mentre gli saltava in grembo. Faccia a faccia, si sedette su di lui, il suo cazzo inchiodato tra loro, che sporgeva verso l'alto. Gli tolse la camicia. Gli mise le braccia intorno al collo, lei si sollevò un po', e lui afferrò il suo cazzo lungo il piede e lo avvicinò alla sua fessura scintillante. Non appena la testa la aprì leggermente, lasciò cadere il suo peso, tutti i dodici pollici la penetrarono tutti in una volta. Si fermò in fondo. Un'espressione dolorosa le si impossessò. "Dovrai darmi un minuto", disse, iniziando a ridere. Il cazzo pulsante dentro di lei sembrava dividerla a metà.
"Ci vuole un po' per abituarsi", ha offerto. Gli lanciò un'occhiata buffa. "O almeno così mi è stato detto", chiarì. Le sue mani si alzarono per palpeggiare le sue tette ora, pizzicandole i capezzoli. Lui si chinò in avanti, baciandola sul lato del collo. "Vuoi provare l'anale adesso?" Chiese. Questo la fece ridere, e con le risate saltellava leggermente su e giù. Ha provato un certo piacere in questo, quindi ha deciso di continuare. Si sollevò con cautela e si abbassò lentamente, ancora e ancora. Accelerò lentamente il ritmo, le sue tette cominciarono a dondolare, poi a rimbalzare e infine le sue tette sembravano essere mosse in aria davanti a lui mentre scopava lui e se stessa forte e veloce. I suoi gemiti di piacere superavano di gran lunga i suoi, diventando sempre più alti di tono. Lei strinse i suoi fianchi contro quelli di lui, i loro corpi si scontrarono a ogni fottuto colpo. Alla fine si è alzata per scopare l'intera lunghezza su e giù velocemente.
"Mi sto un po' stancando", disse lei stessa senza fiato. La circondò con le braccia e si alzò. Lei istintivamente avvolse le gambe attorno alla sua vita. Si alzò e fece un rapido 180, spingendola sul divano, chinandosi su di lei. Il sudore li faceva brillare entrambi di piacere. Lei sotto di lui, l'ha scopata sul divano, picchiandola assolutamente senza pietà. "Oh, fottimi, fottimi", ripeté ad alta voce. Ha raggiunto l'orgasmo pesantemente, la sua figa schiacciata su mr. dodici pollici. I suoi succhi scorrevano liberamente tra le sue gambe, mentre lui continuava a martellarla attraverso le sue grida di piacere. "Oh mio dio" urlò, sdraiandosi esausta, il martellamento ancora in corso. Il suo corpo dondolava ritmicamente sul divano, la sua mente appena dentro la stanza. La cosa successiva che sapeva, era stata bersagliata di sperma dal cazzo eccitato di dodici pollici davanti al suo viso, grugniti virili che le perforavano le orecchie. Bryan si alzò sopra di lei, coperto di sudore, il suo mostro appeso felicemente. Si vestì e si fermò sopra la donna euforica. Aveva un sorriso sciocco sul viso, fissando il soffitto, il petto che si alzava e si abbassava. Se ne andò senza dire una parola, tornò al camion e tornò al lavoro. Sperava che nessuno notasse il grosso camion marrone che era parcheggiato lì per dieci minuti, o per quanto tempo ci fosse voluto.

-Bryan
19 giugno

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.5K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.3K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.3K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

2.9K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.7K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.7K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.