Donna per matrimonio combinato

711Report
Donna per matrimonio combinato

Albina è un'attraente donna russa dai capelli scuri, ha 20 anni e cerca un marito americano. L'ho portato a Miami dalla Russia. Sta guardando in cima alle scale, sperando che questo sia solo un sogno da cui possa svegliarsi. Mi avvicino di un passo e lei trema. Le stringo forte la mano e comincio a condurla verso la stanza. Mi tira dolcemente il braccio mentre la trascino verso la stanza; lei non voleva andare. Mi fermo in mezzo al corridoio a guardarla. Non può incontrare i miei occhi. Può sentire la loro intensità annoiarsi dentro di lei. Come poteva accettare un invito da un uomo così intimidatorio? La sua paura si sta trasformando in rabbia. Lei non lo farà. "Non lo farò." disse dolcemente, sorpresa dal suono della propria voce. Mi avvicino e lei sente il mio respiro pesante.

"Sei qui per fare come ti chiedo. Non puoi tornare in Russia." Ho detto semplicemente; forte e diretto. Distolse lo sguardo e cominciò a voltarsi. Le stringo la mano più forte tirandola dolcemente verso di me. Per me, "gentile" non era così con il suo corpicino minuscolo, mentre inciampa nel mio petto. Ansima indietreggiando rapidamente. Sta per scappare ma la afferro per la vita tirandola indietro verso di me. " NO!" urla mentre la trascino nella stanza. Non ho fatto molto sforzo, mentre lei tira via con tutte le sue forze. La mia forza è travolgente e lei sente una goccia di sudore scorrerle lungo il collo mentre lotta inutilmente contro le mie braccia.
Una volta entrati nella stanza, chiudo la porta di fronte a lei. Adesso mi guarda, la paura le oscura il viso. " Per favore no." Supplica dolcemente, scuotendo la testa.

Non dissi nulla, camminando in avanti mettendo le mie mani sulla sua vita. La guardai avidamente, per la prima volta, collo, seni e vita. Le mie mani scivolano su e giù per la sua schiena mentre sento il pizzo che tiene insieme il suo vestito. Non può gestirlo; spinge le sue mani contro le mie spalle con tutta la sua forza. All'inizio sono colto alla sprovvista da questa mossa, poi la stringo forte prima che scappi di nuovo. " Allontanati da me!" urla mentre la prendo da dietro. Cerca di staccare le mie mani dalla sua vita. La tengo più vicina, avvolgendola completamente tra le mie braccia. Raccolgo il mio viso nel suo collo, baciandolo e annusando i suoi capelli. "Smettila! Non lo farò!" tenta di urlare, ma la sensazione delle mie labbra sulla sua pelle nuda le fa venire i brividi lungo la schiena. Non può controllarlo o capire cosa sta succedendo: il caldo è opprimente. Continuo a baciarle il collo e lei sente un formicolio su tutto il corpo. Non riesce proprio a capire cosa sia! "St-" cerca di dire più e più volte, ma non riesce a finire mentre continuo a baciarla. Misericordiosamente la lascio andare e lei si precipita di nuovo verso la porta. È inutile, è tirata indietro. La affronto, con uno sguardo affamato negli occhi. La sto guardando dall'alto in basso. "Ho detto, non lo farò!" piange, le lacrime iniziano a pungere con la sua rabbia.

Mi avvicino mentre lei indietreggia nell'armadietto accanto al letto. Lei è intrappolata. Mi avvicino molto guardandola dall'alto in basso. Fa troppo caldo, pensò, fa troppo caldo! Gocce di sudore continuano a gocciolare lungo il suo corpo. "Albina, sono libera e ho il diritto di goderti a mio piacimento. Mia bella-Albina." Ho detto, accarezzandole di nuovo il collo "Ti possiedo". Ho detto. Lotta di nuovo contro di me, ma sente le sue braccia indebolirsi mentre tiro fuori la lingua leccandole la spalla. Cos'è questa sensazione? Perché è diventata debole? "Io non sono tuo!" grida, ignorando la logica della sua stessa esclamazione. "Sei tu" risposi semplicemente, iniziando a succhiarle il collo. Le sue gambe iniziano a tremare mentre si sente diventare improvvisamente umida tra le sue gambe. "S-st-" non riesce a finire; la sua voce tacque. Fa così caldo. Le mie braccia trovano la strada verso la parte posteriore del suo vestito e verso la cerniera che lo univa. Mentre continuo ad accarezzarle il collo, le apro la cerniera del vestito. "Smettila, smettila," sussurra, cercando disperatamente di far sentire la sua voce tremante. Sta formicolando dappertutto; il suo corpo sembra sopraffatto dall'emozione. Le apro la cerniera del vestito tirandolo giù. Restano solo reggiseno e mutandine.

" NO!" lei piange. Vederla così esposta la fece arrossire di un profondo cremisi. Si avvolge le braccia intorno ai seni, sperando che la faccia sentire più al sicuro dal mio sguardo. Oogle il suo corpo, dalla testa ai piedi. Guardo le sue spalle, ei suoi seni sodi, che riempiono il reggiseno, come se stessero cercando di scoppiare. La sua forma a clessidra rende la sua vita piccola rispetto ai suoi fianchi sinuosi che si trasformano in belle cosce. La sua pelle è liscia e leggermente più scura, a differenza della maggior parte delle altre ragazze della città russa. Lei è perfetta per me. Voglio e mi divertirò ad assaporare ogni parte di lei. Respira affannosamente; nervoso e impaurito. Guardo profondamente nei suoi occhi scuri, i miei occhi neri per l'intensità. Ho una mascella affilata e squadrata che sembra serrata, come se trattenesse il mio desiderio. Mi inginocchio prendendola tra le mie braccia, posandola sul grande letto. Lei trema tra le mie braccia. Non appena è sul letto, si guarda intorno disperatamente in cerca di una via di fuga. Mentre inizia a strisciare dall'altra parte per saltare giù, le afferro i polsi portandola da me. "Ti voglio e ti avrò". dissi dolcemente.

Lei urla mentre le bacio le mani che tengo con forza per i polsi. Lascio andare togliendomi la camicia. Lei distoglie lo sguardo; Sono enorme. Non sapeva se poteva gestirlo. Mi guarda di nuovo, mentre appoggio la camicia sul comodino. Ho più muscoli di quanto pensasse, il mio petto largo e le spalle larghe. Mi chino verso di lei sul letto, ancora in piedi. Raggiungo le sue mutandine togliendole all'improvviso. "Beh!" ansima, unendo le gambe e indietreggiando. Il suo reggiseno è il prossimo. La guardo raggiungerla sul letto, torreggiando su di lei. "Ah! Fermati!" piange, cercando di respingermi. sono sdraiato su di lei; ha paura di non riuscire a respirare. È troppo caldo! lei ha pensato. Le tiro il reggiseno, esponendo completamente i suoi seni. Mi fermo dopo; suppone che mi piaccia su di lei. Continuo a fissarla, accarezzandole lentamente le cosce poi fino alla vita. Il suo corpo formicola al mio tocco. Le mie dita ruvide la toccano dolcemente e delicatamente.

"No," geme sentendosi sempre più bagnata tra le cosce che tiene unite. Cerca di dimenarsi mentre appoggio le mie labbra sul suo ombelico, si sente di nuovo debole. Non ce la fa più! Continuo a muovere le mie labbra lungo il suo ombelico, viaggiando lungo il suo corpo. Mi urla di fermarmi. Apro la bocca leccando. "Beh!" piange, il piacere le attraversa il corpo. Cos'è questa sensazione? lei ha pensato. Improvvisamente afferrandole le cosce, le apro le gambe, esponendo la sua fessura gocciolante. Lei urla e ansima.
"No, fermati! Non guardarlo!" Lei lotta, mantengo una forte presa sulle sue cosce. "Albina," gemo, estasiata dalla sua eccitazione. Con uno sguardo affamato scendo giù rapindola. Tira, si dimena e urla mentre le lecco le labbra socchiuse, gonfie e umide di eccitazione. Mi faccio strada nella sua fessura il più lontano possibile, assaggiandola e annusando il suo profumo. Lei ansima e urla. " NO!" piange, esplodendo di piacere. Il suo corpo è estremamente caldo e pulsante dappertutto. Lei si dimena, ma il suo corpo sembra debole alla mia lingua. La sto controllando in ogni modo. Lei chiude la bocca per fermare le sue grida di piacere; lei non mi ricompenserà. Smorza qualsiasi gemito attraverso le sue labbra chiuse, mentre il piacere continua a crescere e crescere. Non ce la fa più e urla. "Uhhnnnhhh. N-n-noo" cerca di dire, ma muovo la mia lingua dentro e fuori di lei, leccandole il clitoride mentre esco. Cos'è questo? Perché lo sta facendo? Lei inarca involontariamente la schiena; tutto il suo corpo sta reagendo a me, al mio capriccio. Non può fare a meno di gemere; sembra proprio così... così... lei non lo sapeva!

" Per favore basta!" lei ansima. "È sporco! Smettila!" Si sente costruire e costruire... e poi, all'improvviso, il suo corpo esplode in un intenso orgasmo. Lei urla per la nuova sensazione mentre la lecco e la succhio brutalmente. Mi sollevo da lei guardando il suo corpo sudato e ansante. Lei mi guarda, mentre l'angolo della mia bocca si solleva in un piccolo ghigno. Deglutisce a fatica, sopraffatta dalla reazione del suo corpo nei miei confronti. È esausta. "Abbiamo finito?" riesce a dire tra respiri ansimanti. L'altro angolo della mia bocca si solleva in un sorriso. Non mi ha mai visto sorridere prima. "Albina," dissi con una risatina, e abbassai di nuovo la testa. Ho continuato per dieci minuti, Albina che si contorceva e si irritava mentre raggiungeva uno dopo l'altro gli orgasmi. Mi implora di smetterla, io non lo farei. Il caldo sta prendendo il sopravvento e lei non sa se ce la farà. Alla fine mi fermo e mi trascino di nuovo sopra di lei. La mia bocca luccica del suo succo. Me lo lecco dalle labbra guardandola. Ha incontrato i miei occhi con paura e vulnerabilità.

"Cosa-cosa hai intenzione di farmi adesso?" Balbetta, la paura le annebbia la voce. Ammorbidisco la mia espressione chinandomi a baciarle la mascella e il collo. Mi alzo di nuovo da lei iniziando a togliermi i pantaloni. Lei sussulta alla mia vista; Sono enorme in tutte le aree!
" Dio mio." grida immediatamente indietreggiando contro la testiera del letto, avvolgendo le lenzuola estranee attorno al suo corpo. "No, sei troppo grande. No! Non ci sta!" grida inorridita, scuotendo la testa. "Sì, lo farà," dissi con calma. "Sei abbastanza bagnata, adesso." Mi chino ad esaminarla, avvolta a malapena nelle lenzuola bianche. È bellissima, e la avrò. Le afferro le caviglie, che sono strette al suo corpo, mentre la tiro verso di me. "No! Sei troppo grande! Sei un..un mostro!" Sorrido, sapendo di averla eccitata. Le afferro le cosce costringendole ad aprirle. Premo la mia punta sulle sue labbra tastandole. Lei geme e ansima, implorandomi di fermarmi. La sensazione di formicolio la lasciò senza fiato. Con una spinta improvvisa mi spingo dentro di lei. Lei urla.

"Gahh! Uhh, uhh" ansima. "Fa male! Fa male!" Spinsi più a fondo le sue parole, facendola urlare di più. "No!! Sei troppo grande! Sei troppo profondo! Mi stai facendo a pezzi!" La sua schiena si inarca, mentre sente tutto me dentro di lei. Comincio a spingere dentro e fuori da lei lentamente, andando più in profondità a ogni spinta. Spalanca gli occhi mentre mi spingo fino in fondo. "Ahh!" lei geme. " Fa male!" Non riesce a credere che dentro di lei ci sia qualcosa di così grande. Lei è tesa. Sente che strapperà da un momento all'altro. È molto bagnata, mentre scivolo dentro e fuori da lei. Continuo a spingere lentamente e in profondità. È senza fiato per dire qualsiasi cosa, incapace di distinguere cosa sia dolore e cosa sia piacere. Il suo orgasmo sta crescendo, lentamente. Improvvisamente, le afferro forte le cosce iniziando a spingere dentro e fuori da lei più velocemente e più violentemente. Lei urla di dolore. Sono forte e ruvido mentre lei viene sollevata dal letto ad ogni spinta.

" John!" lei urla il mio nome. Questo mi eccita di più, mentre sbatto come un battipalo. Improvvisamente, urla, raggiungendo il suo orgasmo. Si gonfia attraverso il suo corpo; la sensazione più euforica che abbia mai provato. Non avevo ancora raggiunto l'orgasmo e continuo a spingere, grugnendo. "Sei così così stretto," grugnii. " Sei bello." Ansima ad ogni spinta, i suoi seni rimbalzano. Osservo il suo corpo tremare e sussultare a ogni spinta, diventando sempre più eccitato. "Ci sono quasi," gemo e finalmente ho l'orgasmo, sporgendomi più in profondità e vomitando il mio seme dentro di lei. Sente che la riempio fino all'orlo e geme per la sensazione. La sto rilasciando per molto tempo, riempiendola di più, fino a quando non fuoriesce da lei. Mi tengo dentro di lei finché non mi sono accasciato scivolando fuori da lei. La guardo negli occhi, stanca e soddisfatta. mi appoggio a lei. Si sente soffocare, ho fatto in modo di non appoggiare tutto il mio peso su di lei. Restammo così per qualche minuto, ansimando, ansimando e sudando. Alla fine mi alzai e mi misi a sedere, appoggiandomi alla spalliera del letto. Mentre Albina giaceva lì, riprendendo fiato, la sollevo mettendola sul mio grembo, appoggiando entrambe le gambe sul lato etereo di me. Si aggrappa alle mie spalle per tenersi in equilibrio. L'ho guardata con amore, un'espressione che non avrebbe mai pensato di vedere.
"Albina, sei bella. Riposati, torno tra poco."

Albina distoglie subito lo sguardo arrossendo. Non è arrabbiata adesso; L'ho conquistata e le ho dato piacere. "Albina," feci un cenno, chinando la testa per vedere meglio. Mi guarda timidamente. "Mi prenderò cura di te," dissi dolcemente. "Farò in modo di procurarti tutto ciò di cui hai bisogno. Tu starai con me. Il tuo futuro marito dovrà trovarsi un'altra donna. Gli pagherò la parcella che gli è stata addebitata per portarti qui." Sto cercando di conquistarla con la gentilezza. "Cosa sai dei miei bisogni?" risponde brusca. Sorprendendosi, guarda di nuovo in basso. "So che dovevi lasciare la Russia. L'unico modo per andartene era stipulare un contratto di matrimonio combinato." dissi lentamente, le mie dita che ora palpavano i suoi seni ei suoi capezzoli. Lei deglutisce, sforzandosi di mantenere il suo odio per me. Non avrebbe incontrato i miei occhi. "Cosa? Mi trovi..poco attraente?" "No!" disse un po' troppo in fretta, arrossendo. "Sei attraente," borbotta sottovoce. " Che cosa?" chiedo con un sorriso, sapendo benissimo cosa ha detto. "Sei..sei molto..." "Hmm?"

"Sei attraente. Ricco e potente." Finisce con riluttanza, incontrando rapidamente i miei occhi prima di abbassare di nuovo lo sguardo. Sorrido "Ma tu sei...sei troppo grande per me!" Mi chino a baciarle il collo, "Imparerai ad adattarti alla mia taglia." dissi tra i suoi lunghi capelli scuri. Le sue mani si fanno strada verso il mio petto, sentendo quanto sono forte. Qualunque cosa sia, non potrà mai dirlo, le mie labbra l'hanno fatta impazzire. "Sei bellissima. Incontrerai Natalia, la mia amante dalla Russia. Ti aiuterà ad accettare le mie richieste sessuali." Gemetti, baciandola fino al seno. Le succhio i seni e poi li bacio. Lei cerca di allontanarsi, le mie mani sono saldamente sulla sua schiena. Cerca di non gemere, soffocandolo attraverso le labbra chiuse. Un grido sfugge mentre mordo delicatamente il suo capezzolo duro. "Mnnuhh" geme mentre continuo a succhiare il seno. Lei abbassa le braccia dalle mie spalle e loro sfiorano accidentalmente il cazzo. Lei si allontana subito. Smetto di baciarla alzando lo sguardo con un sorriso. "Va bene," dissi. "Puoi toccarlo." "No," mormora. Ma ha una bruciante curiosità per il mio cazzo mostruoso che le ha procurato così tanto piacere. Sbircia in basso e poi di nuovo verso di me. Annuisco per mostrare che va bene. Lo tocca delicatamente mentre sospiro. Sono entrambi sensibili al tatto. Ci avvolge le dita intorno, testandone le dimensioni. Lei ansima, chiedendosi come fosse questa mostruosità dentro di lei. Chiudo gli occhi, eccitandomi ancora di più al suo tocco. Il suo alito caldo sulle mie guance è fantastico. Il mio cazzo è diventato più duro tra le sue mani e lei ansima di nuovo.

"Co-" inizia a chiedere ma io la interrompo tirandola sotto di me. Questo è l'inizio di una lunga notte. Albina mi tiene vagamente la mano, nervosa per quello che accadrà dopo. Di nuovo nervoso e arrabbiato. Come si è lasciata costringere a un matrimonio combinato? Perché questo ricco magnate degli affari l'ha salvata dall'affare? Si guarda intorno nella stanza vedendo l'ambiente lussureggiante. All'età di 35 anni, non era pronta per questo! Aveva sentito parlare di donne disposte a donarsi a uomini non russi, desiderando il tocco di un uomo. È una donna tranquilla e indipendente, una modella e cantante professionista che non aveva voglie sessuali. Voleva la semplicità della sua vita in Russia. Si sente piccola, insignificante e sopraffatta dalla mia presenza. Non può fare a meno di sentirsi intimidita. Non si sarebbe mai immaginata con qualcuno così ricco e potente. Sono esclusivamente devoto al mio impero commerciale, nonostante la quantità di donne che mi adulano.

Lei si allontana, io la guardo. È colta alla sprovvista: sembro così indifferente e distaccato che il contatto visivo la sorprende. Continuo a cercare, intensamente. Non sapeva cosa fare: perché la guardo così a lungo? Abbassa subito lo sguardo arrossendo. Allontanandomi, sentendo ancora i miei occhi seguirla. "Basta. Per favore. Per favore, lasciami andare." Lei implora. Ho detto: "Non andrai da nessuna parte", mentre la mia mano le lasciava scivolare il capezzolo lungo il fianco. Le afferro i capelli mentre la mia mano si fa strada sotto il vestitino corto da bambolina. Lei cerca di serrare le gambe ma io ci infilo una gamba tra di loro, costringendola ad aprirsi di nuovo. La mia mano raggiunge la sua figa nuda. Strofino le mie quattro dita sulle sue labbra. Albina sente la sua umidità che mi rende scivolosa la mano. «Oh, ragazzina» sussurro. Ho detto: "Sei cattivo. Sei una bambolina sporca, sporca". Le mie dita scivolano facilmente nella sua apertura umida e dilatante. Alzo le dita, mostrandole la sua umidità, proprio davanti ai suoi occhi. "Cos'è questo, ragazzina?" sussurro. "Dimmi, bambola? Che c'è?"

Lei trema e non può dire niente. Le strofino le dita bagnate su tutta la bocca. "Assaggialo," ringhio. Albina stringe le labbra cercando di voltarsi, ma io stringo la presa sui suoi capelli. "No," disse. tiro più forte. «Apri» dissi. "Aprire." Sapeva di non avere scelta. È terrorizzata, quindi ha fatto come le avevo ordinato. Apre la bocca facendo scivolare la lingua sui denti mentre le infilo le dita in bocca. "Assaggialo," dissi. Fa scorrere la lingua sotto il mio dito. "Oh, sì. È una brava bambina. Succhialo." Mi succhia le dita finché non le tiro fuori dalla sua bocca. La mia mano tornò subito alla sua umidità spaventata ed eccitata. Ho seppellito due dita tra le sue labbra, poi le ho tirate fuori e ho iniziato a circondarle il clitoride. Si sente debole alle ginocchia. Si sente svenire. Ha perso totalmente il controllo di se stessa? Le sollevo il vestito fino al collo, lasciando il suo corpo scoperto.

Aumento il ritmo, affondando le dita nella sua figa fradicia. Sente la sciatteria. Sembra che il liquido stia schizzando fuori dalla sua figa. Albina sente un orgasmo travolgerla. Appoggio la mia bocca al suo orecchio, "Dì di fottermi ancora," dissi. "Dì: 'Voglio che tu mi fotta di nuovo violentemente e duramente." È tutto ciò che può sopportare. Il suo corpo inizia a tremare. Pensava di poter cadere. Freneticamente, implora: "Per favore, fottimi violentemente e duramente". Il suo corpo inizia ad avere le convulsioni mentre inizia a squirtare ovunque. La sua figa ha degli spasmi così forti che mi spinge fuori le dita. Mi sono concentrato sullo sfregamento della sua clitoride mentre lanciava ruscelli dopo ruscelli sul pavimento. "Oh sì, ragazzina. Sfogati. È una brava ragazza." Ho dovuto tenerla sollevata per impedirle di crollare sul pavimento mentre sente ondate di calore e brividi. È completamente inerte. Non sono disposto a darle tregua, finisco di toglierle il vestito, prenderla in braccio, portarla a letto, dove la spingo oltre il bordo del letto. Lei è di fronte al muro.

"Metti le mani sul letto e rimani di fronte al muro," ordinai. Ha obbligato. Mi sputo sulla mano e comincio a esplorarle il buco del culo, strofinandogli il bordo. Appoggio un dito sulla soglia dei suoi buchi di culo e figa ordinandole di "fottermi la mano". " Per favore no."
"Stai zitto, guarda il muro e fottimi la mano. Non osare voltarti a guardarmi." Fissa il muro e inizia a piangere mentre la sua tenera figa e il suo culo si spingono indietro contro la mia mano. Mentre le mie dita le riempiono il buco del culo, si sente umiliata. Sente un altro orgasmo sgorgare dentro di lei mentre i suoi fianchi iniziano a piegarsi contro la mia mano. Albina si vergogna così tanto di se stessa, ma non può fare a meno di quello che sta facendo il suo corpo. Percepisco la tensione nel suo corpo e comincio ad affondare le mie dita dentro di lei. Non può fare a meno di emettere urla soffocate mentre il suo corpo gira verso un altro orgasmo squirting. "Continua a venire per me. Quella è una brava ragazza, Albina."

Quando le ultime convulsioni le scossero il corpo, la tiro su, facendola girare. Sarebbe potuta morire di umiliazione in quel momento. Spingo una sedia davanti a lei e le ordino di sporgersi dallo schienale e di appoggiare le mani sul sedile. Le afferro i capelli tirandole su la testa. Albina sente la pressione del mio cazzo duro contro la sua figa. Scivolo lentamente dentro di lei. Un grugnito involontario da parte sua mentre inizia a piangere. Mi tiro fuori lentamente, assaporando ogni centimetro di movimento. Sente un suono di risucchio bagnato mentre il mio cazzo lascia la sua figa. "Oh, sì. Questa è dolce figa. Sei nata per essere fottuta, Albina." Il mio cazzo scivola facilmente nella sua fica in attesa. "Non ti sto facendo fare niente. Sei tu che lo fai. Tu fai tutto. Ora, voglio che tu mi preghi di fotterti più forte." Lei piagnucola: "per favore, non farmi questo". Le mie spinte diventavano sempre più dure. "Ora chiedimi di fotterti più forte. Dillo! Dillo!"
"Per favore fottimi più forte, signore. Per favore fottimi più forte." L'ho scopata sempre più forte. Pensava di poter crollare. Il mio ritmo rallenta e poi ho detto: "Okay, ora pregami di fotterti il ​​culo".

"Oh dio, per favore, no," implora. Allungo la mano per afferrarle i capelli, tirandole indietro la testa. " Dillo!" Mentre le lacrime le rigano il viso, lo ha detto. "Per favore, fanculo il mio buco del culo vergine." Mi tiro fuori e lei sente la pressione di un dito o di un pollice sul bordo del buco del culo. «Aprilo», ordinai. È diventata piuttosto brava a controllare la costrizione e l'allentamento del suo ano. Per aprirlo ci vuole una strana combinazione di spinta e rilassamento. Si concentrò e me lo aprì. "Oh, sì. Guarda quel rilascio e apri." Sputo nel suo buco aperto spingendo dentro il mio cazzo, riempiendola. È quasi svenuta. Non me la sono presa comoda, la spingo brutalmente dentro di lei e lei geme "Oh dio. Oh dio. Oh dio!" Si sente come una bambola di pezza. Non riesce a credere quanto sia forte il suono dello schiaffo. Albina comincia a venire una quarta volta. Continuo a sbattere il suo buco del culo convulso mentre la sua figa ricomincia a squirtare. Gemetti mentre esplodo inviando flussi di sperma nel suo culo stretto.

Albina è crollata sul letto, l'ho girata sulla schiena, allargando le gambe strisciando tra di loro. Albina sbatte contro il mio cazzo, costringendolo il più possibile dentro di lei. Ha contratto il suo sfintere più forte che poteva, cercando di strapparmi via il cazzo con il culo. "Oh dio piccola," dissi, mentre alzavo gli occhi al cielo. Albina ora ha il controllo, per la prima volta da quando è con me. Quando il mio corpo inizia ad avere le convulsioni, anche il suo. Sente di nuovo le ondate di piacere travolgerla.
"Mi stai facendo venire!" grido. "Mi stai facendo venire!" Anche lei inizia a venire, la sua figa si contrae e il fluido inizia a fuoriuscire. Sente il mio cazzo in preda alle convulsioni dentro il suo culo e getti d'acqua le vengono sparati nel culo e lo perde. Si appoggia allo schienale, spruzzandomi il busto con i suoi succhi. Ha schizzato con forza. Vuole farmi del male per quello che le ho fatto. All'improvviso ha ceduto crollando su di me.

Storie simili

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.8K I più visti

Likes 0

La battuta di pesca di Pam

La battuta di pesca di Pam di jallen944 © Anne posò il telefono sul bancone e andò in fondo alle scale. Pam? lei urlò. Che cosa? Pam rispose e si fermò sulla soglia per guardare giù per le scale. Il signor Thorn vuole sapere se vuoi andare a pescare con lui. Andrà al lago questo fine settimana. Sì, ci vado, disse Pam, sentendosi improvvisamente molto eccitata. Ce l'ha fatta. Ha capito come tenerla sola per un fine settimana. Ok. Gli dirò che sarai pronto quando verrà a prenderti. Pam tornò di corsa nella sua stanza, piena di eccitazione nervosa. Si strofinò...

1.1K I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

621 I più visti

Likes 0

Una piccola punizione da troia

Non era sicura di come tutto questo fosse successo così in fretta, ora era piegata nel suo bagno, la sua figa appena rasata veniva martellata. Quella mattina era andata in bagno presto e aveva tolto il plug anale che suo marito le aveva messo dentro prima di andare al lavoro e si era buttato nella doccia. Lavandosi il corpo, si stuzzicava lentamente con morbide carezze. Era appena uscita dalla doccia e ha iniziato ad asciugarsi quando ha guardato fuori dalla finestra rendendosi conto di aver dimenticato di chiudere le persiane. Vide la sua vicina in piedi che fissava il suo asciugamano...

2.6K I più visti

Likes 0

Se vinci? - parte 2

Mi sono seduto sul bordo di un materasso sprofondato, in una squallida stanza di motel, e ho lasciato che il mio sguardo giocasse sui cazzi seducenti dei quattro liceali nudi in piedi di fronte a me. Brandon era l'unico a non aver ancora compiuto diciotto anni, ma con il suo compleanno in arrivo il mese prossimo era così vicino che non ho pensato alla sua età. Ognuno dei ragazzi stava sfoggiando una potente erezione, nonostante tutti si fossero appena masturbati nella mia mano solo pochi minuti prima. Con il ghiaccio rotto, non stavano più dando sbirciatine furtive al mio corpo di...

2.7K I più visti

Likes 0

Gretta

Gretta era uscita. Era la mattina del suo diciottesimo compleanno. Si era svegliata presto, aveva fatto yoga e aveva fatto una sana colazione. Adesso era al centro commerciale, a comprare i vestiti per la festa. Mi chiedo cosa sarà che papà mi ha comprato? Meglio essere una fottuta macchina! Pensò, mentre controllava un reggiseno viola in un negozio. Mi scusi! Mi scusi! Ha urlato all'impiegato e l'impiegato è corso rapidamente da lei. Fino a che misura salgono? Lei chiese. Solo un minuto mamma, vado a controllare... e quale sarebbe la tua s... 70EE Lei rispose velocemente, senza nemmeno un sussulto di...

2.5K I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

1.6K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.3K I più visti

Likes 0

Witch Mountain - Una storia di Halloween

AVVERTIMENTO! Questo avviso potrebbe non essere necessario per questa particolare storia, ma lo includo perché è necessario per la maggior parte delle mie storie. Se decidi di leggere altre mie storie, assicurati di leggere le informazioni e gli avvertimenti all'inizio di ogni storia. Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.