Le vite contano

444Report
Le vite contano

Il senatore stava nell'ufficio e ascoltava i canti fuori dal suo ufficio. Era alto, magro e muscoloso, un raro atleta universitario che non fosse andato in rovina a 40 anni. Aveva ricchi occhi azzurri e una testa rasata.

"Le vite dei neri contano!"

"Le vite dei neri contano!"

"Le vite dei neri contano!"

Guardò il suo capo di gabinetto. Sembrava nervosa.

"Hai chiamato la polizia della capitale?"

Lei annuì: "Stanno tutti lanciando giù all'ufficio del capogruppo".

"Non è amore per un senatore giovane, eh?"

Il senatore guardò il suo capo. Era stata altamente raccomandata. Era una persona del posto, un motore e uno shaker. L'aveva vista imperturbabile di fronte a una stampa ostile, alla leadership dell'opposizione e ai capitani d'industria. Stava curando la ferita alla testa di un giovane membro dello staff.

"Che cosa hai fatto?"

"Niente. Questo manifestante mi ha appena picchiato.

Il senatore guardò il membro dello staff aggrottando le sopracciglia.

"Va bene. Gli ho gridato “Tutte le vite contano””

“Non è niente. Hai preso una brutta situazione e l'hai peggiorata.

Il membro dello staff sembrava indignato. "Stai dicendo che è colpa mia?"

Il senatore guardò lo schermo della sua receptionist. Aveva l'allarme di sicurezza. Prese il telefono fisso ma prima di comporre il numero disse al membro dello staff: "Se lascio la macchina aperta e funzionante e viene rubata non è colpa mia, ma non avrei dovuto saperlo". Il senatore premette lo 0 per il centralino.

“Salve, ho bisogno immediatamente di un'ambulanza nel mio ufficio, Dirkson 321. Uno dei miei collaboratori è caduto e ha battuto la testa. Ha sanguinato un po’, ma poi ha iniziato a comportarsi in modo strano ed è svenuto”.

Ha riattaccato. "5 minuti. Questo vi farà uscire di qui." Indicò il suo capo e il membro dello staff ferito.

"Ma non sono svenuto."

"La possibilità di un'emorragia cerebrale sconvolgerebbe tutti abbastanza da farti uscire."

Il senatore si strofinò la testa rasata e contò il suo bastone: "Due in meno, otto alla fine"

Il capo lo guardò: “Nove senatore. Conti anche tu." Lui poteva amarla, ma lei amava già qualcun altro.

"Ho una branda e nessun posto dove stare."

Un'attraente stagista bionda gli si avvicinò e lo abbracciò. “Non ho nessun posto dove essere. Posso tenerti compagnia."

«Forse un'altra volta, Mary Sue.» Il senatore scosse la testa. Aveva un corpo che avrebbe fatto venire voglia a un vegano di bistecca, ma non caghi dove mangi. Se fosse stata la stagista di qualcun altro, forse.

"Lori, inizia a chiamare i senatori democratici, quelli con il personale prevalentemente di minoranza." Ha detto alla sua receptionist.

Mentre le ruote giravano, il senatore si guardò intorno. "Cosa ha fatto di sbagliato il nostro giovane Dakota?"

"Ha detto: 'Tutte le vite contano'", ha detto un giovane sul retro.

"E..." suggerì il capo che stava risistemando la fasciatura della testa per farla sembrare peggiore.

“Lo fanno, vero? Ogni vita non conta?” chiese il membro dello staff ferito.

Mary Sue lo guardò e poi aggrottò le sopracciglia scolpite. “Lo fanno, ma quando dici ‘All Lives Matter’ ignori il peso sproporzionato che la comunità nera ha sopportato. Come i neri hanno maggiori probabilità di essere fermati dalla polizia e arrestati per nessun motivo diverso dalla de************zione era "qualche ragazzo nero".

“Ma sono i neri a commettere più crimini…”

Il senatore intervenne. “Un freddo conforto per le persone che davvero non hanno fatto nulla. Mi spiace, statisticamente sei probabilmente uno stronzo razzista. Nessun lavoro per te. Dobbiamo iniziare a trattare le persone come individui. Per dimostrare che comprendiamo che soffrono. Le persone che soffrono non hanno bisogno di sentire che tutti soffrono”.

Qualcuno bussò alla porta e il personale ferito chiuse gli occhi e si afflosciò. Mary Sue aprì la porta e due medici entrarono di corsa con una barella. Hanno controllato rapidamente gli occhi del membro dello staff ferito e gli hanno dato un'occhiata.

Lo caricarono rapidamente e metodicamente e lo portarono fuori con il capo di stato maggiore al seguito. Per diffondere la folla è bastata una dichiarazione dell'EMT: "Se muore, questo diventa un omicidio". La folla si diradò abbastanza da lasciarli passare e poi si accalcò di nuovo davanti alla porta.

Il canto di “Black Lives Matter” era ancora più forte di prima.

"Nessuno risponde o semplicemente ride quando dico chi sei." Ha detto l'addetto alla reception.

"Prova la casa."

Il personale si guardava preoccupato e giocherellava con i telefoni cercando di ammazzare il tempo. Erano già passate le cinque e la folla non accennava a diminuire.

"Ho Lei." disse la receptionist con voce minacciosa.

"Deputata" disse il senatore con un sorriso caloroso che si trasmetteva nella sua voce.

“Mi sembra di avere un piccolo problema. Alcuni membri del mio staff hanno bisogno di amici che li aiutino a ritrovare la strada di casa”.

Il senatore rise. «Beh, sai com'è. Ho solo bisogno di un favore, forse potrei farti un favore.

Ci fu una pausa. “Vogliamo tutti il ​​meglio per il Paese, anche se in questo momento sono preoccupato per il mio staff. Forse c'è qualcosa di legislativo con cui posso aiutarti?"

Fece nuovamente una pausa. “Ho 8 membri dello staff che sembrano aver perso la strada. So che stai cercando un centro comunitario da costruire su una certa proprietà."

“Sì, l'immobile presso il relativo venditore. Non controllo i finanziamenti HUD o NEH, ma posso ottenere 5 milioni per un parco comunitario.

“4 di questi sono per l'acquisizione di terreni. Devo solo far uscire 8 membri dello staff dall'ufficio. Mandate alcune persone. Lascia che se ne vadano come amici.

“Posso farne 10. Voglio solo che la mia gente sia al sicuro. Gli emendamenti al disegno di legge mentre parliamo."

Hanno chiamato un assistente legislativo. “Piccolo condominio a Brooklyn. Metti la fattura agricola per acquistarlo e trasformarlo in un orto comunitario”. Il senatore ha richiamato Google Maps e ha indicato un edificio. L'aiuto ha scelto un rettangolo geografico per assicurarsi che cadesse all'interno del distretto del rappresentante, quindi un lotto di dimensioni per assicurarsi che solo quell'edificio si adattasse. Hanno presentato l'addendum e l'hanno inoltrato al rappresentante e il canto si è spento quando hanno bussato alla porta.

Sulla soglia c'era un giovane uomo di colore che lanciava un'occhiataccia al senatore. "Sono venuto a prendere la mia ragazza."

"Fidanzato, intendi, non c'è da vergognarsi." disse il senatore e fece uscire un membro dello staff di sesso maschile. Ha incaricato il membro dello staff di comprare la cena del suo "ragazzo" e di conservare la ricevuta. Lentamente il senatore inviò il suo staff con scorte e istruzioni simili. Quando Mary Sue se ne andò con un'attraente latina, chiamò la deputata per ringraziarla.

"Come stai uscendo?" Lei sogghignò.



“Non importa. Il mio staff è al sicuro”.

Il senatore andò al frigorifero del suo ufficio e aprì una lattina di coca cola. Lo ha bevuto lentamente ascoltando il canto mentre leggeva un libro sul suo iPad. Quando ha finito il capitolo ha controllato la telecamera dell'atrio e ha visto che la folla si era diradata ma c'erano ancora circa 25 manifestanti là fuori. Sembravano pronti per un lungo periodo e la polizia del Campidoglio stava solo effettuando il contenimento. Ha effettuato l'accesso a un sito web di consegna di pizza che utilizzava regolarmente e ha effettuato un ordine. Mezz'ora dopo un fattorino molto nervoso si è fatto strada tra la folla e ha chiamato il senatore al telefono.

La folla fuori dal suo ufficio era chiassosa e minacciava di disturbare la consegna. Il senatore aprì la porta e gridò: “Non lo farei. La maggior parte è per voi, ragazzi." Il senatore prese un contenitore di polistirolo dalla cima della pila. L'autista distribuiva pizze a caso alla folla. Quando ebbe finito si rivolse al senatore: “È pagato, non serve firmare quindi vado io”.

"Aspetta un po'." Il senatore gli strinse la mano e l'autista gliela infilò velocemente in tasca.

Mentre la folla cominciava a mangiare, una giovane donna nera con un'elaborata corona di trecce intrecciate con nastri viola, si alzò e gridò “Yo! Sono vegano. Non lo mangerò!

Il senatore le lanciò il suo contenitore di polistirolo: “Prendi la mia insalata. Solo verdure, quinoa e ceci. Prese l'ultima pizza dall'autista, si ritirò nel suo ufficio e mangiò una fetta di pizza ricoperta di carne. Assaporò il sale e il grasso della pancetta e le spezie dei peperoni. Il formaggio era appiccicoso e sciolto. Con la folla fuori a mangiare, erano troppo occupati per cantare.

Aprì la porta. "Posso parlare con i vostri leader per vedere come posso aiutarvi ragazzi." Tre persone separate dalla folla mangiavano pizza sul pavimento. La giovane donna con i nastri nelle trecce, e un maschio nero più anziano con i capelli bianchi, e una persona bianca androgina, pastosa e grassoccia, con un ciuffo di capelli viola. L'ultimo membro del gruppo mangiava avidamente l'insalata.

L'uomo più anziano indossava pantaloni da cantiere, una camicia a quadri e stivali da cantiere. Sopra i suoi capelli bianchi c'era un berretto da baseball dei veterani del Vietnam con una bandiera dei prigionieri di guerra. La donna indossava jeans, una canottiera bianca e un gilet di tessuto a motivi vivaci. L'ultimo membro del trio sembrava un weisswurst imbottito con pantaloni da yoga e una maglietta di Che Guevara sottodimensionata. Il senatore pensava che questa persona fosse Pillsbury poiché il suo volto pastoso corrispondeva alla mascotte del biscotto.

Dopo aver chiuso la porta si rivolse a Pillsbury e chiese: "Pensavo di averle dato l'insalata".

Pillsbury gridò: “Ho un basso livello di zucchero nel sangue e lei ha condiviso con me. Qualcosa che qualcuno come te non capirebbe!” Il senatore guardò la giovane donna e aggrottò la fronte. Scosse la testa e distolse lo sguardo.

Il senatore condusse il gruppo a un tavolo dove aveva aperto la scatola della pizza e piatti di carta disposti in 4 punti. Ne prese un pezzo per sé e disse agli altri di servirsi. Il vecchio ne prese volentieri una fetta e il senatore gli suggerì di prenderne un'altra, cosa che fece. La giovane prese una fetta, staccò il formaggio e la carne e cominciò a pizzicare il pane e la salsa sottostante. Pillsbury la guardò torvo.

“So che pensi che io abbia il potere di cambiare le cose perché mi presento su Fox News. A loro piace che ogni tanto dica cose stupide. Beh, c'era questo assistente di produzione che diceva che ero sexy, ma non sono sicuro di credergli.

Gli occhi di Pillsbury rotearono e il vecchio ridacchiò. La giovane donna guardò attentamente la sua pizza e prese un po' di formaggio.

“Comunque io mi siedo su Ag, Rules e IA. Hai davvero bisogno di qualcuno che si occupi di banche / alloggi o magistratura. Ho stanziato finanziamenti aggiuntivi per prestiti destinati ad agricoltori esperti ma non terrieri per acquisire terreni in contee a maggioranza minoritaria. Cercando di porre fine al sistema mezzadro/affittuario. Consentire alle persone di costruire una certa ricchezza generazionale. Oltre a ciò, non sono sicuro di cosa posso fare per aiutare. "

Pillsbury lo guardò torvo. “Vuoi aiutare? Inginocchiatevi e dite che Black Lives Matter”.

Il senatore sospirò. "NO. Non lo dirò”.

Il vecchio si irritò e il senatore lo guardò negli occhi. “Oggi ho rimproverato un membro dello staff per aver detto ‘tutte le vite contano’. Capisco che per molto tempo "All Lives" non abbia incluso quelli neri. Come ti chiami?"

Il vecchio si rilassò un po’ e disse: “Thomas”.

Il senatore gli prese le mani e disse: "Thomas, la tua vita è importante".

Guardò la giovane donna e il vecchio lasciò andare le sue mani, "Angie, um Angela" Lei balbettò mentre i suoi profondi occhi blu incontrarono i suoi e la penetrarono.

"Angela, la tua vita conta."

Pillsbury urlò. Il senatore si rivolse a un mucchietto di carne lezioso. "La tua vita conta."

“Non l’hai detto. Non ti sei inginocchiato." Pillsbury strillò.

“Thomas, la tua vita conta. Possiamo incontrarci a metà strada e metterci d'accordo?"

"Senatore, la sua vita conta."

"Angela, la tua vita conta."

Lei sorrise leggermente: "Anche la tua vita conta".

Il senatore sorrise raggiante e prese un'altra fetta di pizza. "Ora che abbiamo stabilito che le nostre vite sono importanti l'una per l'altra, dimmi quali sono le tue priorità e come posso aiutarti." Afferrò un taccuino e scrisse con cura i nomi di Thomas e Angela in alto.

Thomas ha iniziato: "Beh, conosci la violenza della polizia".

Il senatore annuì. “È dura, davvero dura per me, perché è locale. Non posso sistemare Minneapolis o Knoxville. Dipende dai sindaci e dai consigli comunali”.

"Cosa pensi che lo causi?" - chiese il senatore.

"Tutti gli sbirri sono bastardi!" gridò Pillsbury buttando giù l'insalata.

Il senatore si alzò completamente in piedi. “Poppin’ Fresh, siamo qui per discutere delle vite dei neri e delle questioni che riguardano la comunità nera. Thomas e Angela sono capaci di esprimersi. Più capace di te, a quanto pare. Sei qui come mio ospite, su loro suggerimento.

Angela ridacchiò, poi si ricompose e mise una mano sul pugno del senatore e lui si sedette lentamente.

"Mi dispiace Thomas, cosa stavi per dire?"

"Non lo so. Siamo sempre noi e loro, lo sai. Vengono chiamati solo per problemi, quindi ogni volta che si trovano nei paraggi presumono che ci siano.

Angela è intervenuta: “Si chiama polizia di prossimità. Ho letto alcuni articoli a riguardo e sembra funzionare. Si tratta di coinvolgere maggiormente la polizia”. Si calmò rapidamente.

“Sei qui per parlare. Voglio sapere cosa hai da dire, anche se non hai votato per me.

Abbassò gli occhi scuri e confessò: "Non l'ho fatto".

Il senatore ridacchiò. “Il tuo accento ti ha tradito. Ero abbastanza sicuro che tu non fossi nemmeno del mio stato.

"Mio zio mi ha portato da Raleigh"

Pillsbury era furioso e si è rivolto ai suoi compagni manifestanti: "Non stai aiutando, ovviamente non ti interessa la giustizia e l'equità!"

Thomas si alzò: "Faresti meglio a lasciare l'ufficio del senatore, non è stato affatto gentile e generoso."

Pillsbury si accigliò mentre correva fuori.

"Assomiglia davvero al Pillsbury Dough Boy." disse Thomas e tutti si fecero una sonora risata.

Angela prese un pezzo di pizza completa di carne e formaggio e fece una pausa. Chiuse gli occhi e sorrise mentre masticava e deglutiva. Continuò a mangiare la pizza con gusto.

Hanno continuato a parlare con il Senatore ponendo domande e prendendo appunti. Ha riempito diversi fogli e ha chiesto a Thomas e Angela di rivederli. Angela si stava avvicinando al Senatore e ad un certo punto si accorse di avergli una mano sulla coscia. Non ha fatto né detto nulla per dimostrare di averlo notato.

"Ovviamente. Chiederò a Mary Sue di scrivere questi appunti e di inviarli via email a voi due. Ragazzi, vi dispiace se vi nomino nel mio discorso di domani? Posso procurarti dei pass per guardare, se vuoi."

Era quasi mezzanotte e la folla era stata finalmente sgombrata. Il senatore ha preso nota dei lasciapassare per Mary Sue e ha aspettato con Thomas e Angela fino all'arrivo del loro Uber. Poi ha preso un altro Uber per raggiungere il suo appartamento.

Si era appena messo il pigiama quando squillò il cellulare. “Ciao Angelo. Voi due siete tornati bene?"

“Aspetta, rallenta. Lo chiamavano come? Merda. Avrei dovuto prevederlo. Sta bene? Stai bene?"

“Hai bisogno di un posto dove stare? Ci sono alcuni lobbisti che continuano a offrirmi un pied a terre, senza fare domande. Sono sicuro che sarebbero entusiasti di incontrare me e un'adorabile signorina con le chiavi."

“Umm, sì, immagino che tu possa dormire con me. Ho una camera da letto libera e un divano. Ti manderò l'indirizzo per messaggio."

Il senatore ha mandato un messaggio con l'indirizzo ed è stato contento che la cameriera fosse stata lì quel giorno. Controllò la camera degli ospiti e si assicurò che il padrone avesse lenzuola pulite. Prese un cuscino e una coperta di riserva dall'armadio e li posò accanto al divano.

Aveva appena finito quando suonarono per farsi entrare. Angela e Tommaso entrarono e il Senatore li fece entrare.

«Thomas, puoi avere il mio letto. Angela, ecco la stanza degli ospiti. Ecco il bagno." Disse dando loro un rapido giro dell'appartamento. “Thomas, sentiti libero di usare il bagno padronale. C'è qualcosa che posso procurarvi prima che andiate a dormire?"

"No signore. Sei stato più che gentile." disse Thomas andando in camera da letto. Angela si voltò e andò nella stanza degli ospiti.

Dopo che le porte si chiusero andò in cucina. Tirò fuori un bicchiere e ci mise dentro un paio di cubetti di ghiaccio. Poi prese una bottiglia di liquore limpido da una piccola distilleria nel suo stato d'origine e la versò sul ghiaccio. Si sedette e cominciò a sorseggiarlo quando sentì aprirsi la porta della camera degli ospiti.

Angela se ne andò. Aveva perso i jeans e la canottiera e, a giudicare dal modo in cui i suoi capezzoli erano premuti contro la canottiera, anche il reggiseno. “Non riesco a dormire. Hai qualcosa da bere?"

“Le mie scelte sono un po’ limitate.”

"Va bene. Prenderò quello che hai tu."

Il senatore aggiunse del ghiaccio ad un altro bicchiere insieme ad un po' di liquore e poi lo rabbocco'. Riportò i due bicchieri sul divano dove Angela si era seduta al centro. Gliene porse uno e appoggiò la bottiglia sul tavolino.

Ne bevve un lungo sorso e quasi lo sputò. "Cos'è questo? Ha il sapore dell'alcol denaturato"

“Si chiama Hair of the Dog. È whisky di cane bianco proveniente da una distilleria nel nostro paese.

"Cane bianco?" chiese alzando un sopracciglio.

“Non accusarmi di tutta la teoria critica. White Dog è il nome del whisky non invecchiato. Il chiaro di luna se prodotto illegalmente nei boschi.

Scosse la testa e bevve un altro sorso, chiuse gli occhi e se lo mise un po' in bocca.

"Sotto il fuoco ha il sapore di pannocchie di mais." disse il senatore bevendo l'ultimo sorso e riempiendosi nuovamente il bicchiere.

Angela riempì nuovamente la sua e appoggiò la fronte contro la sua testa rasata. Si voltò leggermente e sentì la stoppia graffiarle la guancia liscia. "Quanto spesso ti radi?" Chiese con una risatina leggera, mentre l'alcol cominciava a darle fastidio.

“La mia faccia ogni giorno. La mia testa domenica mattina prima della messa e poi mercoledì sera. Mi rado anche prima delle apparizioni televisive.

Deglutì a fatica e vuotò il bicchiere. Lei appoggiò la testa contro la sua. Lei fece scivolare la sua mano sotto l'ascella. "Lo rado a giorni alterni." Gli fece scivolare la mano su una coscia. Le mise l'altra mano sull'altra coscia. "Li rado a giorni alterni, ma solo d'estate." Afferrò la bottiglia, ne bevve un sorso e le mise la mano sulle mutandine. "E questo lo rado solo quando ho un ragazzo."

Il dito del senatore premette contro il suo cameltoe e sentì l'umidità e un cuscino di riccioli stretti sotto.

Angela gemette. "È passato troppo tempo."

Il senatore si chinò su di lei sul divano. La baciò sulle labbra e poi infilò la lingua tra le sue labbra. Iniziò a succhiargli la lingua mentre il suo dito correva su e giù sulle sue mutandine che si inumidivano rapidamente. Lei si tirò indietro e iniziò a baciargli il viso e la parte superiore della testa mentre il suo dito spostava da parte le sue mutandine.

Angela emise un gemito gutturale e con uno sguardo selvaggio negli occhi gli leccò la parte superiore della testa mentre le sue mani gli sollevavano la maglietta. Lei passò le mani sul suo petto muscoloso e leccò fino alla clavicola. lo mordicchiò brevemente e continuò a leccarlo fino al capezzolo. Gli succhiò il capezzolo e poi lo morse.

Il senatore le aveva fatto scivolare da parte le mutandine e stava facendo entrare e uscire un dito dalla sua figa bagnata. Infilò la mano nella cintura del suo pigiama e gli liberò il cazzo. Lei lasciò andare il suo capezzolo e lo guardò con la lussuria negli occhi. "Quanto tempo è passato per te?"

Le tirò uno dei pube. «Più o meno da quanto sei celibe.»

Posò le mani sullo schienale del divano vicino alle sue spalle. Gli accarezzò il cazzo assaporandone la calda durezza. Angela si inginocchiò e cominciò a far roteare la lingua attorno alla punta del suo pene. I suoi occhi erano chiusi e allungò la mano attraverso la nebbia dell'alcool per annusarlo e assaporarlo. C'era un buon odore di pulito. Lei premette il viso verso il basso e il suo cazzo le scivolò sulla lingua e le toccò la parte posteriore della gola. Lei gli afferrò il sedere e lo tirò mentre cominciava a deglutire. I muscoli della sua gola stavano massaggiando la testa del suo cazzo. Continuò a deglutire per quella che sembrò un'eternità e si tirò indietro ansimando. Mentre si tirava indietro ansimando, una scia di saliva si estendeva dal suo labbro inferiore alla punta del suo cazzo.

Angela ansimò e lo guardò negli occhi. Ruppe il filo di saliva mentre gli strattonava il pene. "Ho bisogno di te dentro di me." Lei gli tirò il pene finché lui non si spostò nella posizione per scoparla.

Ha allineato la testa con l'ingresso della figa.

"E i preservativi?" Chiese.

"Sono pulita", rispose mentre la testa si infilava nella sua figa. Gli morse forte la spalla. Era passato troppo tempo senza un vero uomo.

"Anch'io, ma che dire..."

“La sua vita sarebbe importante”

Il senatore colpì Angela con forza. "Questo è quello che volevo sentire."

Angela non veniva scopata con uno scopo da molto tempo. Sentì il cazzo del senatore riempirla; sondando le sue profondità. Lei gli avvolse le gambe attorno ai fianchi e lo tirò dentro. Le sue braccia gli avvolsero le spalle sollevandola dal cuscino e lei rimase appesa a lui mentre lui continuava a spingere. Le sue unghie gli affondarono nella schiena.

Il Senatore si alzò sollevandola ulteriormente permettendogli di dondolarsi liberamente da lui. Le sue gambe si strinsero su di lui tirandolo più in profondità. I ​​due iniziarono a grugnire e gemere per lo sforzo. Gocce di sudore si formarono sulla sua fronte e caddero sul suo petto. Sentì che le gambe cominciavano a scivolare.

Il senatore si voltò e con un tonfo si lasciò cadere sul divano con Angela ancora impalata in grembo. La sua mano andò alla sua testa e la strofinò mentre si dondolava avanti e indietro sentendo il suo cazzo dentro di sé.

Le sollevò la canottiera esponendole i seni con i capezzoli scuri e cominciò a succhiarli e morderli come lei aveva fatto con lui. Lei gemette mentre gli tirava la testa contro il petto. Angela rimbalzava su e giù grugnendo mentre accelerava. Si sporse in avanti e lo baciò sulle labbra, la lingua che gli penetrava in bocca come se il suo cazzo le stesse riempiendo la figa. Lei gemette nelle sue bocche e poi gli morse il labbro.

Lei crollò su di lui sazia. Il senatore continuava ad alzarsi. Ansimò forte ma contro la sua spalla. Ha vomitato il cazzo dentro di lei. Respiravano affannosamente e all'unisono. La sua mano le massaggiava il seno. L'occhio chiuso.

"Quello era buono."

"È stato molto bello."

"Grazie."

“Spero che potremo farlo ancora un po’ in futuro.”

"Non avrei obiezioni."

Il suo cazzo si ammorbidì lentamente e cadde fuori dalla sua figa con un plop e una densa quantità di sperma. Angela lo baciò sulle labbra, rimise a posto le mutandine e tornò in camera da letto.

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

2K I più visti

Likes 0

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.