Dominion: Capitolo 6 - Ingegneria Un orrore

771Report
Dominion: Capitolo 6 - Ingegneria Un orrore

Ingegneria: un orrore

L'intera riva del fiume era transennata, con seghe e torce che sibilavano e gemevano nel freddo. Tutti gli operai edili della contea erano stati assunti per questo progetto, molti dei quali avevano richiesto tangenti, minacce o estorsioni per accettare il lavoro. Venivano pagati in oro, evocati grazie ai poteri del Dominio. Lavoravano giorno e notte, non importa quanto nevicasse o quanto fossero forti i venti del nord. I magazzini venivano ristrutturati con la scusa che sarebbero stati trasformati in mattatoi e centri di lavorazione, mentre nuovi edifici spuntavano come erbacce. Ad altri è stato detto che sarebbe stata una prigione; due bugie che erano inquietantemente vicine alla verità. L'idea di nuovi posti di lavoro allettava chiunque e spiegava tutte le celle di detenzione e i macchinari installati.

Furono costruiti anche nuovi magazzini per lo stoccaggio, contenenti camion carichi di cibo portato, abbastanza per nutrire diversi eserciti. Tutto questo lavoro stava dando slancio all’economia, e il Natale trascorse con tutte le aziende della città che vantavano grandi profitti. Ma mentre il pubblico si godeva una beata ignoranza, molti sapevano che le cose stavano per prendere una svolta oscura e, tra coloro che ne erano informati, la sofferenza era già iniziata.

In quel momento era Maria la persona che soffriva di più. Era appesa al soffitto della stanza degli ospiti tramite un sistema di corde legate attorno al suo corpo come un'altalena sessuale. Era nuda, a lei e ai suoi compagni schiavi era vietato indossare vestiti. Oltre alle ustioni causate dall'attrito con la corda, aveva anche il congelamento dovuto alla pungente brezza di gennaio che scorreva attraverso la sua finestra rotta. L'aria era umida, quasi piena di vapore. Veniva dal suo sangue in evaporazione. Ancora una volta, Dominio le tagliò la carne, facendola gridare di agonia. Stava usando un frammento di vetro, lo stesso frammento che lei aveva usato per cercare di uccidersi dopo aver rotto la finestra.

Questa era la punizione per aver tentato di sfuggirgli attraverso la morte. Quello che non sapeva era che il suicidio non l’avrebbe salvata. Il suo viso, il volto di cui suo marito si era innamorato, era stato marchiato. S003. Era un numero di identificazione, inciso sulla sua guancia, che la etichettava come proprietà del Dominio. Significava che era la sua terza schiava. Anche Cho e Hijiri erano stati marchiati, ma questi marchi non servivano solo per l'etichettatura, erano anche sigilli. Funzionavano come ancore sulle loro anime, legandole ai loro corpi. Se dovessero morire, le loro anime rimarrebbero intrappolate nei loro cadaveri, incapaci di morire, come se fossero in coma. A quel punto, la Dominion avrebbe potuto raccoglierli ogni volta che lo desiderava.

Ma non lo sapevano.

Cho sapeva cosa l'aspettava se il Dominio l'avesse uccisa, ma pensava che solo gli spettri a lei attaccati avrebbero potuto impedirle la libertà. Pensava che il marchio fosse solo un marchio. Quanto a Mary, lei, come Hijiri, non sapeva nemmeno che la sua anima avrebbe potuto essere presa. Viveva ancora nell’illusione che se fosse riuscita a uccidersi, avrebbe potuto sfuggire alla crudeltà del Dominio. Quel barlume di speranza, la tormentava con esso. Questo non era il suo primo tentativo di suicidio, e ogni volta che ci provava, lui la torturava come punizione, per dimostrarle che c'era ancora tanta agonia che poteva, e voleva, infliggere. Ma non poteva trattenersi. Già solo il dolore degli stupri quotidiani le faceva desiderare di porre fine a tutto, ma soprattutto desiderava ricongiungersi con i suoi figli. Se solo avesse saputo che erano intrappolati nel Dominio, schiavizzati, proprio come lei.

Le camminò intorno, tagliandole la carne ogni pochi secondi e godendosi le sue urla. Il sangue si stava accumulando sotto di lei, non abbastanza da rischiare la vita, ma era più di quanto avesse mai versato, anche durante il parto. Il suo corpo bello e maturo, era come se avesse trovato un nuovo modo per contaminarlo e avvelenarlo ogni giorno che passava.

«Ancora non capisci, vero? Ogni aspetto della tua esistenza mi appartiene. Muori solo quando ho detto che puoi morire. Stando davanti a lei, le tagliò gli occhi. Accecata, lanciò il suo grido più forte, mentre il sangue si mescolava alle lacrime. “Meriti di essere punito, meriti di soffrire, perché questa è la vita che ho deciso per te. Vivi solo per ricevere la mia crudeltà. Si vive solo per implorare la morte."

"Per favore! Allora uccidimi! Voglio morire!" lei ha urlato.

Dominion ha preso il frammento e l'ha pugnalata al capezzolo destro come se stesse spegnendo una sigaretta. I bordi ruvidi del vetro tagliano la carne spugnosa a un livello quasi microscopico. Singhiozzò mentre lui lo spingeva più in profondità, scavando nel condotto. «Lo farò, quando mi stancherò di te. Quando sarai così contorto e distrutto da essere insensibile sia al dolore che all'estasi, ti ucciderò e getterò da parte il tuo cadavere come spazzatura. Ma fino a quel momento, tu sarai il mio giocattolo.

Ora direi che per un giorno può bastare. Ti lascio pensare a quello che hai fatto. Buona notte."

Poi se ne andò, lasciando la stanza con la finestra ancora rotta e Maria cieca e sanguinante appesa al soffitto. Ha incaricato uno spettro di tenerla d'occhio. Se avesse sofferto di ipotermia e fosse stata sull'orlo della morte, sarebbe tornato per salvarla, ma fino ad allora i suoi tagli, la cecità e il congelamento avanzato avrebbero potuto aspettare fino al giorno successivo per essere guariti.

Nella sua stanza, Cho sospirò quando le urla finalmente finirono. Era passato un mese da quando Dominion aveva portato quella donna, Mary, alla villa. Era confinata in una delle stanze degli ospiti quasi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e, come Cho e Hijiri, veniva lasciata uscire solo per i pasti. L’ora dei pasti era anche l’unico momento in cui potevano usare il bagno. Cho non riusciva davvero a farsi un'idea di lei, soprattutto perché a loro era proibito parlare tra loro. L'unica volta che la vide fu quando aveva il viso sepolto nella ciotola del cibo, e quando stabilirono un contatto visivo, poteva vedere un barlume di disprezzo, ma non capiva perché.

E non era l'unica nuova arrivata. C'era anche quell'uomo, quella... cosa. Vestito con l'uniforme da ufficiale delle SS e privo dell'intera parte anteriore del cranio, sembrava essere il secondo in comando del Dominio. Gli venivano spesso delegati compiti che Dominion non poteva affidare agli uomini di Misato, ma mai all'aperto. Dominion non si era ancora esposto al mondo, quindi teneva nascosto anche il suo servitore. Lo vedeva durante i pasti, fornendo aggiornamenti e resoconti mentre Dominion mangiava. Non prestò attenzione né a lei né agli altri schiavi. Mary lo guardava sempre con un'espressione addolorata, ma per Cho quello era solo un altro mistero. Aveva la sensazione che fosse una persona normale, perché lo chef della villa era stato trasformato in qualcosa di simile.

Poi c'erano i nuovi servitori di Dominion. Nonostante somigliassero vagamente alle persone, non c'era nulla di umano in loro. Erano insolitamente alti, con corpi pallidi e allampanati e braccia che scendevano fino alle ginocchia. Non avevano il naso, esponevano invece i seni e gli occhi crudeli. “Sentinelle”, così le chiamava Dominion. Sembrava in grado di crearli, ma lei non sapeva come. Non li sentiva mai parlare, a meno che non le venisse posta una domanda da Dominion, e ogni parola che pronunciavano aveva una sorta di "schiocco", come se le ossa del loro collo venissero spezzate. Si occupavano delle faccende quotidiane, come le pulizie e il bucato.

La pace era solo temporanea, poiché sentiva i passi di Dominion avvicinarsi. Lei istintivamente fece un passo indietro, ritirandosi verso l'angolo. Era inutile, sapeva che non c'era nulla che potesse fare per sfuggirgli, ma la paura del dolore le diceva di scappare, che anche un solo istante di permanenza sarebbe valso qualsiasi sforzo. Lo sentì fermarsi fuori dalla porta, la maniglia tremò mentre lui la afferrava, ma poi la lasciò andare e se ne andò. Con la stessa rapidità con cui Cho rilasciò il respiro trattenuto, lo sentì aprire la porta della stanza di Hijiri.

"NO! Per favore no!" - gridò sua sorella al suo arrivo.

Hijiri era stata violentata quasi ogni giorno dal suo arrivo, ma nonostante ciò, implorava pietà ogni volta che lui veniva a prenderla, e urlava come se le stesse strappando di nuovo la verginità. Cho si nascondeva sotto le coperte del letto e si tappava le orecchie, ma i suoni riuscivano sempre a insinuarsi. Dominion la scherniva, la schiaffeggiava e la picchiava per la sua mancanza di obbedienza, per poi violentarla per un'ora o più, con le urla di Hijiri. infinito.

Per Cho era una tortura. Sentendo lo stupro di sua sorella, non è riuscita a vederlo ma è stata costretta a immaginarlo. Dominion le diceva spesso quale posizione prendere, e Cho aveva la sensazione che lo facesse in modo che lei lo sapesse. Questo era solo un altro modo per farli soffrire. Molto spesso, li violentava insieme, lasciando Cho e Hijiri inzuppati dello sperma del loro padrone e dei rispettivi succhi. Avrebbero dovuto guardare mentre faceva a turno con loro, svuotandosi in uno e poi afferrando l'altro e facendoselo succhiare.

In giorni come questo li teneva separati per isolarli. Ne violentava uno, lasciando l'altro a crogiolarsi nella paura e nell'anticipazione. Il senso di colpa li avrebbe divorati, il senso di impotenza, ciascuno incapace di aiutare o proteggere l'altro. Tutto quello che potevano fare era ascoltare le urla dell’altro. Questo abuso quotidiano stava mettendo a dura prova Hijiri. Cho la sentiva spesso cantare canzoni per bambini o parlare con la madre morta. Durante i pasti la vedeva con ciuffi di capelli mancanti e cicatrici dovute ai tagli. Era come se lo sperma di Dominion fosse acido, sciogliendo la sua sanità mentale ogni giorno che passava.

Per Cho, l'unica cosa che la manteneva sana di mente era il fatto che fosse ancora viva. Sapeva che qualunque cosa il Dominio avesse fatto al suo corpo sarebbe impallidita rispetto a ciò che avrebbe potuto fare alla sua anima. Doveva solo essere grata di averlo ancora.

Più di un'ora di urla e battimani dopo, Dominion finalmente pose fine al suo assalto, lasciando Hijiri svenuto. Ma non aveva finito per la notte. Cho cominciò automaticamente a piangere quando la porta della sua camera da letto si aprì. Dominion era lì, con indosso soltanto un sorriso insidioso. Il suo membro era ancora eretto e luccicava del sangue e dell'umidità di Hijiri. La sua forza e crudeltà rendevano comuni le emorragie nelle sue vittime.

«La tua sorellina puttana è svenuta davanti a me. Ora devi finire il lavoro. Sulle tue ginocchia." Tremando, lei si inginocchiò e lui le si avvicinò. Aprì la bocca e ricevette il suo cazzo, succhiandolo come una brava schiava. "Sì, ha un sapore dolce, vero?"

Lei annuì, sapendo che dissentire le avrebbe fatto guadagnare uno schiaffo o peggio, ma sembrava che non ci fosse una risposta giusta. Invece di lasciarla semplicemente lavorare, Dominion l'ha afferrata per i capelli e ha iniziato a scoparla. Non ci fu alcun avvertimento, poteva solo agitare gli arti e lanciare un grido gorgogliante. Il flusso delle sue lacrime aumentava con la stimolazione del riflesso del vomito, mentre ogni respiro suonava come il gracidio di una rana. Una corda apparve nella mano di Dominion e lui l'avvolse intorno alla parte posteriore del collo come una garrota al contrario. Lo strinse forte, costringendole il viso contro il grembo con le palle inondate dalla cascata di sputo che le colava giù per la bocca.

Dopo un minuto, tirò fuori il suo cazzo e glielo spalmò sul bel viso, mescolando la sua sputa schiumosa con le sue lacrime. Poi le è tornato in gola per la ripresa degli abusi. La brutalità è continuata per diversi minuti, con Cho che ha avuto conati di vomito più volte sul suo cazzo senza alcuna pietà. Poi si fermò e un brivido lo percorse. Lei tossì e ansimò mentre lui veniva, sparandole il sperma direttamente in gola e facendola sentire come se stesse affogando nel suo sperma.

Lui si tirò fuori di nuovo da lei e lei immediatamente vomitò, facendo scorrere il suo sperma e il contenuto del suo stomaco sulle sue tette. Con la mano bagnata dai fluidi combinati, le colpì il viso e poi le infilò le dita in bocca. “Guardati, è rivoltante. Ti piace tutto questo, vero?"

Lei annuì con gli occhi chiusi per non restare accecata dalla sporcizia. Il suo cazzo sostituì le sue dita e riprese a violentarle la bocca. Ciò continuò, Dominion che scopava il cranio e pompava il suo carico ancora e ancora, solo per lei che vomitava. Ha cambiato posizione un paio di volte, cercando solo nuovi modi per abusare di lei. In ginocchio, con le dita avvolte tra i suoi capelli, quella era la cosa più comune. Successivamente, la gettò sul letto, con la testa che pendeva dal bordo. Avrebbe iniziato a penetrarle in profondità nella gola, lasciando che le sue palle le colpissero la faccia sporca, proprio come quando l'aveva violentata per la prima volta sulla scrivania di suo padre.

L'ultimo era lui seduto contro la testiera del letto, lei che si sporgeva e lo succhiava. Questa era la posizione peggiore per lei, dal momento che doveva replicare la sua crudeltà e costringersi a soffocare con il suo cazzo. La sua testa era completamente abbassata, le sue labbra alla base e la punta del suo cazzo che le raschiava il fondo della gola. Lui sollevò i fianchi, colpendo con la sua virilità l'ugola. È venuto ancora una volta, una quantità disumana di sperma si è riversata nel suo stomaco, solo per essere rigurgitato a causa della punizione alla gola.

Dopo un'ora di abusi, finalmente si separò da lei. Era dipinta di sporcizia dalla testa ai piedi, la sua pelle era un pasticcio appiccicoso e viscido. Giaceva a terra come una vittima della strada, esausta, con la gola come un vecchio calzino. Eppure il Dominio non era ancora sazio. La corda che aveva creato, gliela avvolse attorno al collo come un guinzaglio e la trascinò in piedi verso il bagno. La gettò sotto la doccia e la aprì, e nonostante la gola dolorante, lei urlò dall'acqua pungente.

Dominion intervenne e l'afferrò, lavandole rudemente il viso con il palmo della mano. “Una sporca puttana come te ha bisogno di essere purificata per il suo Padrone. Senti quell'acqua sul tuo corpo disgustoso? Sono le lacrime della tua famiglia, vedendo quanto sei diventato patetico. Sto facendo un favore a tuo padre tenendolo fuori di qui. Non dovrebbe vedere che puttana ripugnante sei diventata.

Poi la chinò, il suo corpo tremava sia per il freddo che per il suo piagnucolio lacrimoso. Schiaffo! Dominion le diede una pacca sul sedere abbastanza forte da lasciare un livido. Ha urlato ma questo le ha procurato un altro schiaffo. La sculacciava come una macchina, e ogni colpo le faceva arrossare la carne e suscitare nuove grida. Le tirava i capelli, la controllava e la teneva piegata in quella posizione. Non c'era niente che potesse fare per resistergli, niente per alleviare il dolore.

"Mi dispiace!" urlò quelle parole, con la faccia in disordine nonostante fosse stata costretta a entrare nella doccia. "Mi dispiace! Mi dispiace! Mi dispiace!" Si scusava a ogni schiaffo, implorando sempre più forte ogni volta. Non sapeva per cosa si stava scusando, non sapeva nemmeno a chi. Sperava solo che avrebbe potuto alleviare l'ira di Dominion se si fosse pentita di qualunque cosa avesse fatto per farlo arrabbiare.

“Non ha senso chiedere scusa. Non hai fatto niente di male. Questa non è una punizione o un karma, niente nella tua vita ti ha portato a questo momento. Mi sto solo divertendo a tue spese. Sei debole, quindi sei predato. Questa è la durezza del mondo, la crudeltà della realtà. È una legge di natura che tu soffra per mano mia. Accetta questo orrore, abbraccia la disperazione, affoga nella tua sofferenza”.

Poi le andò dietro e le allargò le chiappe. Lei cercò di implorarlo di non farlo, ma lui, ancora scivoloso per la sporcizia nella camera da letto, le infilò il cazzo nell'ano. Non l'aveva mai sodomizzata prima, era la prima volta che toccava quel punto, ma come previsto, questo portò le sue urla a un livello di volume completamente nuovo. Poteva sentirlo, la disgustosa miscela di fluidi dentro di lei, era come una prova liquida del suo abuso.

Dominion, avendo accumulato molta esperienza nello stupro anale, ha iniziato a martellarla alla massima velocità, lasciandola senza tempo per prepararsi o abituarsi alla sensazione dell'inserimento. Era così stretta che aveva la sensazione che lui l'avesse squarciata. Con l'acqua gelata che le scorreva sulla schiena, Cho, ancora piegata, si aggrappò al rubinetto della vasca, singhiozzando mentre il suono della carne bagnata che colpiva come una selce e un acciaio oscurava il sibilo della doccia sopra la sua testa. La corda di prima, gliela strinse intorno alla gola, strangolandola e lasciandola senza fiato mentre le violentava il buco del culo.

Non importa quanto forte urlasse o quanto forte singhiozzasse, gli abusi continuavano. Non si fermò finché, alla fine, sentì calore dentro di sé, sotto forma di sperma di Dominion che le inondava la cavità anale. Alla fine, lui si tirò fuori da lei, e lei cadde sul pavimento della doccia, prosciugata di ogni energia. Lui stava sopra di lei, una goccia di sperma che cadeva dalla sua virilità sgonfia.

“Assapora questo dolore, perché verrà il giorno in cui sognerai di avere carne viva.”

Poi se ne andò, lasciandola raggomitolata sotto la doccia con l'acqua fredda che le scorreva addosso.

=============

Era una gelida mattina di gennaio e Dominion stava visitando una delle strutture appena costruite. Il magazzino era pieno di celle di detenzione che assomigliavano a una prigione. Al suo fianco c'era Blight, la sua postura perfetta e la sua "faccia" illeggibile come sempre. Gli era stato assegnato il compito di supervisionare la costruzione di questo luogo, e l'espressione di Dominio gli diceva che aveva fatto bene.

“Squisito, Blight. La tua conoscenza è sicuramente tornata utile.”

“Mi umili con la tua lode, o Signore”.

"Tutti i preparativi sono completi?"

“Sì, siamo sovraccarichi di qualsiasi cosa di cui potremmo aver bisogno. Tutto è pronto per gli arrivi”.

"Bene. Raduna gli uomini e ci muoviamo stanotte." Blight si inchinò e poi se ne andò per eseguire l'ordine. Da solo, Dominio tese la mano. "Ora costruiamo la nuova razza di soldati."

Dal suo pollice sporgeva un artiglio, che usò per tagliarsi l'indice. Il sangue cominciò a gocciolare lentamente, ma invece di accumularsi semplicemente ai suoi piedi, si diffuse mentre cresceva in massa. Si estendeva su tutto il pavimento e poi dal sangue si sollevavano. Questi non erano semplici spiriti a cui era stata data una forma corporea, erano entità biologiche. Ciascuno era intriso di un demone e dieci spettri, con le loro menti modellate attorno all'ordine di totale obbedienza al Dominio. Ha infuso nelle loro menti conoscenza e capacità di elaborazione potenziate, rendendoli molto più versatili e utili dei suoi animali squilibrati. Li guardò alzarsi, i loro corpi giganteschi prendere forma, e non poté fare a meno di lasciarsi sfuggire una risata in previsione dell'olocausto in attesa di accadere.

=============

Era mezzanotte quando la terra cominciò a tremare, una serata gelida con una nevicata continua. Ciò che fece tremare la terra furono i passi ritmici delle empie truppe del Dominio mentre marciavano lungo le strade della capitale. Erano solo un centinaio, ma le loro dimensioni mostruose e il loro enorme peso davano loro una sincronicità concussiva. Dieci piedi di altezza, i loro arti erano come tronchi d'albero. Non solo erano muscolosi, ma la loro carne era ricoperta da un'armatura di ossa scure. Le loro impronte sulla neve erano enormi, misurate non in pollici, ma in piedi. I loro volti non avevano labbra, esponendo i loro denti triangolari, mentre i loro occhi erano rosso sangue senza alcuna retina o iride distinguibile. Le loro teste erano decorate con corna bulbose, che ricordavano i copricapi dei faraoni egiziani, con zanne simili a barbe che crescevano dai loro menti. Sulle loro spalle avevano le ali ripiegate, ma era un mistero se creature così massicce potessero davvero volare.

“Hulks”, venivano chiamati, per ovvi motivi. Come le sentinelle, erano un ramo della nuova razza che Dominion soprannominò "la progenie".

Dietro di loro c'erano gli uomini di Misato, ognuno di loro quasi al punto di rottura. Avevano ricevuto gli ordini, sapevano cosa sarebbe successo e volevano resistere con ogni fibra del loro essere, ma anche se non fosse stato per gli spiriti maligni che si nascondevano nelle loro ombre, i colossi prima di loro avevano spezzato i loro spiriti. Era come se il Diavolo avesse preso l'essenza stessa della violenza e le avesse conferito forma fisica. Le loro nocche allargate, dotate di quelli che sembravano quasi segmenti di una colonna vertebrale, potevano squarciare la carne e polverizzare le ossa con facilità. Altrettanto terrificanti erano le sentinelle, le lunghe truppe nere che marciavano al loro fianco. Parlavano solo quando uno degli uomini restava indietro o sembrava che stesse vagando, una minaccia rapida e dura di tornare in formazione. Come gli Hulk, non portavano armi, ma era perché non ne avevano bisogno.

A quell'ora tarda non c'era quasi nessuno per le strade, a parte coloro che lavoravano nei turni di notte o uscivano barcollando dai bar. Il rumore dei passi attirava la loro attenzione, dove li fissavano increduli, supponendo che i loro occhi stessero giocando loro degli scherzi o che fosse una specie di scherzo. Allora la realtà si renderebbe conto e l'istinto prenderebbe il sopravvento.

Sulla Main Street, un uomo si stava dirigendo verso la sua macchina dopo aver chiuso a chiave le porte del suo ristorante, ma vedendo le bestie in marcia, i suoi passi affaticati diventarono uno sprint affrettato. Corse alla sua berlina e saltò a bordo, ma mentre armeggiava con le chiavi, la portiera dal lato del conducente fu squarciata. Uno dei colossi si era precipitato verso di lui, con una velocità a dir poco imbrogliante. L'uomo urlò mentre lo tirava fuori dall'auto, con la mano abbastanza grande da schiacciargli il cranio come un acino d'uva. Con l'uomo in braccio, è tornato nell'esercito e si è spostato sul retro, dove lo aspettava uno scuolabus. L'uomo è stato gettato all'interno, dove è stato costretto a sedersi sotto la minaccia delle armi. Ce n'erano già altri sull'autobus, la maggior parte dei quali senzatetto che erano stati prelevati dalla strada.

L'esercito si sparse per la città, una combinazione di uomini e mostri con il compito di catturare ogni abitante. Gli uomini di Misato, nauseati e terrorizzati, fecero irruzione nei condomini. Ad ogni unità aprivano la porta, con le pistole puntate contro chiunque trovassero all'interno. Grazie alle registrazioni che avevano preso, sapevano esattamente quali edifici colpire e chi avrebbero trovato. Uomini, donne, bambini e anziani furono trascinati giù dai loro letti sotto minaccia di morte e gettati su autobus e camion. In piedi nella neve, a piedi nudi e appena vestiti, molti piangevano per la paura e la confusione, ma le loro lacrime si trasformarono in ghiaccio sulle loro guance. Coloro che resistevano o tentavano di fuggire venivano catturati e trascinati indietro dalle sentinelle. Anche gli ospedali furono perquisiti, tutti i pazienti furono presi, anche se non potevano camminare o dovevano essere tenuti in vita. La Dominion aveva dei piani per loro.

Se le carcasse erano carri armati, allora le sentinelle erano fanti. Ognuno era una combinazione di tre spettri, che conferiva loro più del triplo del potere spirituale nei loro corpi rispetto a quello di un essere umano. Uno spirito in un corpo ha una funzione normale, come un essere umano. Il secondo forniva energia sufficiente affinché il metabolismo e la respirazione cellulare non fossero più necessari. Non avevano bisogno di mangiare, dormire o respirare. Il terzo forniva maggiore resistenza e guarigione, rendendoli immortali. I proiettili potrebbero squarciare la loro carne, ma nessuna ferita potrebbe ucciderli.

Gli spari hanno riempito la notte, gli abitanti armati hanno cercato di reagire. I lampi delle armi illuminavano le strade e gli schiocchi coprivano l'ululato del vento. Tutti in città si stavano svegliando dalla confusione e afferravano le armi quando sentivano le urla dei vicini. Per rispondere a questa sfida, la successiva ondata di progenie del Dominio avanzò in prima linea. Camminando su quattro zampe, le loro forme muscolose somigliavano a pitbull giganti, ma erano glabri e i loro teschi erano più simili a quelli di un ragno. Avevano quattro enormi chele e un grande occhio al posto della gola.

Queste creature presero il posto dei collaboratori umani e delle sentinelle, poiché immuni alla patetica resistenza opposta dai cittadini. Hanno fatto irruzione nelle case delle persone, sfondando porte o sfondando finestre. Gli uomini, nel disperato tentativo di proteggere se stessi o le loro famiglie, fecero piovere piombo bollente su di loro, ma non solo i proiettili riuscirono a malapena a rompere la pelle, ma le ferite guarirono quasi istantaneamente. I loro corpi, permeati di cinque spiriti, erano quasi immuni a tutto ciò che non era fatto d'argento. A differenza delle sentinelle, che potevano essere rallentate o smembrate da prede forti, questi segugi erano inarrestabili. Le bestie allora si lanciarono, afferrando le loro vittime con le loro tenaglie come una trappola per orsi e poi trascinandole fuori.

Mentre le bestie più piccole gestivano i combattimenti all'interno, i colossi erano impegnati a inseguire le auto e a combattere i residenti a piedi. Correvano sul terreno coperto di neve come se fossero senza peso, spinti da muscoli colossali e da una potenza disumana. Su una delle strade che portano fuori città, un'auto della polizia si era fermata e l'ufficiale, non sul libro paga di Misato, stava aprendo il fuoco con un M16. Una delle truppe del Dominio caricò verso di lui, con un profondo grugnito che gli rimbombava in gola a ogni passo possente. I proiettili hanno colpito la sua pelle corazzata, ma avrebbero potuto anche essere palline da ping pong. Saltò in aria, emise un potente ruggito e colpì il cofano dell'auto con il pugno. Ha perforato la lamiera come fosse carta e ha strappato via il motore. Ha afferrato l'ufficiale e ha accartocciato la sua pistola, quindi ha proceduto a trascinarlo indietro.

Su uno di questi autobus, tutti erano così stretti che non potevano muoversi. Non c'era nemmeno abbastanza spazio per sedersi sui sedili. C'erano due uomini di Misato, l'autista e la guardia armata. La guardia aveva l'arma alzata, pronta a sparare a chiunque si avvicinasse a lui.

Un uomo ha colto l'occasione, ha fatto un balzo in avanti e ha cercato di togliergli il fucile di mano. Lottando per il controllo dell'arma, la guardia ha inavvertitamente premuto il grilletto, sparando negli occhi a una donna e schizzando cervello e sangue sui suoi compagni prigionieri. Altri si unirono, cercando di prendere l'arma della guardia, ma sentendo il trambusto, uno dei colossi aprì la porta e rilasciò un ruggito assordante nell'autobus, mettendo a tacere tutti e schiacciando ogni speranza di fuga.

Una volta sistemati i condomini, le forze del Dominio attraversarono il fiume verso i sobborghi. Questa volta, le carcasse avevano il compito di raccogliere i prigionieri. Non si sono nemmeno presi la briga di buttare giù le porte, hanno semplicemente squarciato le case come scatole di cartone e hanno afferrato le persone all’interno. I cittadini, ovviamente, ripresero a combattere, ma nessun proiettile o lama riuscì a sfondare la loro corazza. Alle progenie era proibito uccidere chiunque, ma ciò non significava che non potessero diventare violenti. Coloro che resistevano venivano sbattuti e presi a pugni con i loro pugni simili a massi, picchiati fino a perdere la vita fino a cadere a terra in una pozza di sangue. Molte persone morirono a causa delle ferite riportate, ma come il loro padrone, le bestie potevano raccogliere l'anima di chiunque uccidessero.

Una volta riempiti al massimo la capacità, gli autobus e i camion tornavano ai magazzini, superando i muri perimetrali e le recinzioni di filo spinato. All'ingresso degli edifici le persone sono state costrette a scendere dai veicoli e poi divise. I vecchi venivano separati dai giovani, i mariti separati dalle mogli, le madri separate dai figli, i ragazzi separati dalle ragazze. Sono stati inviati a diversi magazzini per la lavorazione. Questo compito veniva svolto dalle guardie con cani da attacco ringhianti. Questi cani erano originariamente usati per pattugliare la tenuta di Misato, ma ora terrorizzavano gli innocenti, facendo urlare di paura i bambini.

È stata un'esperienza disorientante e terrificante, essere assordati dalle grida di ordini e dall'abbaiare dei cani, accecati dai riflettori che li illuminavano dalle torri di guardia e bastonati dalle guardie che cercavano di evitare la punizione dei sorveglianti. Molti degli uomini catturati erano appaltatori e operai edili, assunti per costruire queste strutture. Solo ora si sono resi conto che non avevano costruito un impianto per la lavorazione della carne o qualcosa del genere. Era un campo di concentramento.

Su una passerella sopra l'ingresso dell'edificio principale, Blight osservava le masse accalcate che venivano portate all'interno. Molti lo hanno visto, hanno visto la sua “faccia”, ma non è stata la cosa più terrificante di quella notte. Entrando nei magazzini, prima è arrivata la confisca. Con le pistole puntate alla testa e i mostri che le circondavano, le persone furono spogliate dei loro averi. Tuttavia, considerando che erano stati prelevati dai loro letti, non c’era molto da portare con sé. Tutto ciò che avevano erano i vestiti che avevano addosso, forse qualche gioiello.

Poi le loro teste furono rasate. Gli uomini hanno lottato per assumere un atteggiamento coraggioso, ma le donne e i bambini hanno urlato e pianto. Erano legati alle sedie e fissavano le sentinelle disumane che azionavano le cesoie con le loro dita a forma di ragno. Poi furono tutti lavati e spidocchiati. Anche questo compito veniva svolto dalle sentinelle, che reggevano le manichette antincendio e lavavano tutti in massa. Corpi nudi erano stipati insieme, sia dalle guardie che dalla pressione dell'acqua. Tutti si ripararono il volto dagli spruzzi brutali, abbastanza violenti da quasi lacerare la carne, ma non riuscivano nemmeno a vedere attraverso le nuvole di agente disinfestante lanciate contro di loro. Per quanto riguarda i vestiti, venivano fornite uniformi in stile carcerario.

L'ultimo passo è stato il marchio. Eseguito dalle sentinelle, ogni cittadino aveva il proprio nome registrato e un numero corrispondente bruciato sul volto. Non venivano utilizzati strumenti, le uova tendevano semplicemente gli indici e i loro artigli diventavano roventi. I civili urlarono e lottarono per scappare, per distogliere lo sguardo dall'incendio in arrivo, ma erano tutti segnati e tutti urlavano di dolore. Anche Misato e i suoi uomini vennero marchiati sotto minaccia di morte. Come gli schiavi del Dominio, i marchi legavano le loro anime ai loro corpi, quindi anche se si suicidassero, potevano comunque essere mietuti.

I loro documenti d’identità corrispondevano alle loro professioni, con il livello di utilità che determinava la qualità della reclusione. I collaboratori (C) e le loro famiglie sono potuti tornare a casa. Ai medici e ad altri professionisti sanitari (M) sono state assegnate celle di prigione solitarie, ciascuna con lavandino e wc. Ingegneri, artigiani e tecnici qualificati (W) erano alloggiati insieme in enormi recinti. Era una foresta di letti a castello su tre livelli e, contro la parete più lontana, una fila di gabinetti e lavandini. A parte i vestiti, a ciascuno veniva data una sola ciotola per i pasti. Gli altri (L) furono semplicemente alloggiati in recinti simili, ma costretti a dormire per terra come animali. La loro unica lettiera era un materassino isolante sopra il cemento freddo. I malati e gli storpi venivano ospitati altrove finché non potevano essere utilizzati. Indipendentemente dal livello, tutti erano costantemente sorvegliati da sentinelle, che pattugliavano le passerelle sopra le loro teste.

Nelle camere di detenzione dei bambini maschi e femmine, il coro delle urla era assordante. Traumatizzati, confusi, terrorizzati e con i volti bruciati, stavano fermi in un punto o giacevano sul pavimento, piangendo per i loro genitori. Gli adolescenti venivano alloggiati con gli adulti, ma i bambini dall'infanzia ai dodici anni venivano rinchiusi insieme. Oltre alle sentinelle che li osservavano con assoluta indifferenza, a loro si sono uniti alcuni anziani e donne che allattavano, incaricati di prendersi cura dei neonati e dei bambini piccoli.

Questo processo andò avanti per tutta la notte. Le truppe del Dominio si sparsero sempre più lontano, facendo irruzione nelle case e rimandando gli abitanti al campo di concentramento. Solo le case dei collaboratori umani rimasero intatte, le loro famiglie furono risparmiate solo finché eseguirono gli ordini. Le bestie del Dominio erano stazionate su ogni strada che portava dentro e fuori la città, per catturare chiunque potesse attraversarla. All'alba le strade di Augusta erano silenziose come un cimitero. Nessun negozio è stato aperto, nessuna macchina in circolazione. The only sound came from the riverside, a chorus of agonized wails as the citizens were forced to accept their new life.

=============

Choking, gagging, spitting, dripping, the sound filled Misato’s office. Though, by now, it would be more accurate to call it Dominion’s office. Sitting in the chair behind the desk, he had his fingers wrapped in the hair of Cho and Hijiri and was controlling their movements as they took turns sucking him off. They wept in disgust as they were forced to slurp up each other’s saliva. Their faces were covered in the mixed fluids. If they took the initiative, he wouldn’t pull on their hair. Cho learned that if she juggled his balls on her tongue while Hijiri worked the shaft, his grip on her would ease.

“You girls are getting good. Your bodies have adapted to relish the feel of your master. You’re getting better at choking on my cock without actually suffocating. What are you?”

“We are Master’s cum slaves,” they both whimpered while avoiding his gaze.

“That’s right. Cho, time to put that slutty body to work. Get on, and show your sister the next stage that awaits her.”

Cho was hesitant, but not because she was trying to swallow her pride. No, there was none left. It was her fear of pain. She was still sore after he raped her in the shower the other night, she was even bleeding when he finished with her, but she knew that only greater pain awaited her should she make him wait.

She got up onto his lap, facing him, and tried to build up her strength as she felt him enter her backdoor. Hijiri watched in horror as Dominion’s cock pierced Cho’s anus, as she knew that the same thing would be done to her. Cho was wincing, but she gripped Dominion’s shoulders and began shaking her ass around to let him stir her up. Luckily, all the spit from the double blowjob lubed him up, so it didn’t hurt as much as the last time.

“That’s right, ride it like you love it.”

She obeyed, now bouncing on his cock, with her moans heard throughout the mansion. Her toned ass jiggled magnificently against his lap, with her tight ring stretched to its maximum width to accommodate the intruding mass. Her melon breasts jumped with each heave of her body, baiting Dominion into sucking on her nipples and chewing on her supple flesh. She looked at the ceiling and through the window behind him, not wanting to see his face as he violated her, and not wanting him to see her face as her body reacted.

She hated it, the stinging pain, the stretching of her ring, the stuffing sensation, everything. Every time she dropped herself down, his cock felt like it was ramming up all the way into her chest cavity and smashing through her innards. Despite that, she felt pleasure. Maybe it was some kind of subconscious defense system, a way for her body to find comfort in even the most horrific and agonizing situations, or maybe just a rush of endorphins trying to block the pain, but the violation was resonating with her. She could feel her fuse being lit, a countdown to a sexual explosion.

This was nothing new to her. Whenever he raped her, it was uncommon for her not to cum. His persistence, his strength, his skill, they overwhelmed her sexual tolerance and ripped open the floodgates, making her moan like an opera singer as she’d climax again and again. It was a shame she had gotten used to, but she hated it every time. It felt like he was rewarding her for being such a good slave, a compliment she never wanted. It almost felt like an attempt to excuse his cruelty up until that point, like she should be grateful for the abuse and rape.

Smack!

She had expected it, but she still cried out as he spanked her, just like in the shower. He smacked her other cheek, immediately reddening it, and her voice slipped free again. He spanked her again and again, the strength building, her skin bruising from the strikes, but she continued bouncing on his cock with even greater effort. If she hurried and made him cum, maybe he’d let her go, or at the very least, stop hitting her. Plus, the harder she worked, the less of the chance he’d punish her for not going fast enough. Yet those weren’t her reasons. She was riding him so hard because her body demanded it. It acted without her control, trying to fulfill all the conditions to reach orgasm.

Her face flushed, her cries reached that magical pitch, and then her motions were ended, replaced with a mind-shaking tremor as she had a stormy climax. She soaked him in her arousal, as yet again, he turned her body against her. She fell off his lap and landed on the floor, limp as a rag. Dominion then turned his gaze to Hijiri, and she automatically covered her head with her arms and tried to make herself look as small as possible.

“Please! Anything but that!” she sobbed.

Dominion grabbed her face and pulled her close, letting him jam his tongue into her mouth. He often kissed her, but it was far from a romantic gesture. His tongue, it was inhumanly long. He was able to manipulate it, just like the rest of his body. He sent it down her throat and tickled her gag reflex before pulling back. “You still think that begging will protect you? That I’ll ever change my mind because you ask me to? Oh honey…” He then held his finger up in front of her face and the tip glowed red hot. Hijiri tried to pull away, having been burned plenty of times already, yet his hold on her chin was firm. “Get on my cock, or I’ll press this right on your clit.”

Crying as always, Hijiri got off the floor and onto Dominion’s lap. Though, unlike Cho, she had her back to him. He wrapped his arm around her waist and pulled her close enough to wedge the head between her ass cheeks. She screamed as it entered her, adding yet another way she had been violated and defiled. She automatically tried to get off, but he pulled her down until it was all the way in to the base. To the sound of her wailing, Dominion lifted her up by the hips and began bucking his own.

Hijiri grabbed the edge of the desk for dear life as his cock dove in and out of her like a piston. Her position was awkward, she was basically leaning out backward, trying to minimize her contact with Dominion as he sodomized her. Her lack of enthusiasm earned her a burn on the inner thigh, so she changed her posture, instead holding onto the armrests of the office chair, and bouncing like her sister had done. It made the pain worse, but she did her best to put up with it. She continued riding him like that until her energy ran out, at which point, Dominion took over.

Rather than simply letting her fall off like Cho, he moved his hands under her knees and picked her up. With her feet in the air, he resumed fucking her, now able to get deeper and move faster than he could before. Her constant crying would pause with each slam, as if his cock was poking her lungs and making her hiccup.

“Take it, you little bitch,” he growled as he moved up to his maximum speed, thrusting so fast that he was almost a blur.

The rape continued on for several minutes until Dominion finally grunted and emptied an inhuman amount of semen into Hijiri’s anus. Keeping the exhausted Hijiri on his lap, he swiveled the chair toward Cho. He pulled his semi-erect cock out of Hijiri and pointed it at her sister.

“Go ahead, suck it clean.”

Cho did as told, taking his dick in her mouth and licking away his cum and fluid from her sister’s asshole. Countless times before, he would rape one of them until climax and then make the other clean him off. The only difference this time was that the rape had been anal. He then lifted Hijiri’s legs higher, pointing her asshole at Cho. It was gaping wide, deformed like cheap Tupperware coming out of the dishwasher. It would take some time to tighten back up, and until then, his semen was trickling out of her like syrup.

“And lick her clean as well. Every last drop.”

Cho shed a single tear of shame and then lowered her head once again. Hijiri covered her eyes, not having it in her to watch as her sister drank cum out of her wrecked anus. Cho was unwillingly diligent, running her tongue around in her sister’s ass and collecting every glob of cum she could read. She tried to ignore the combined flavors, and when she was done, she showed her mouth to Dominion, full of his seed. It was a rule that whenever one of them got his cum in their mouth, they had to show it, show their tongue submerged in a milky pond. Then, with his “permission”, they had to swallow it and then show him their empty mouths.

Dominion then dropped Hijiri to the floor like a discarded toy. It was just after dawn, meaning his prison was probably full to the brim by now. Time to check on the livestock.

=============

Fear manifested itself in two ways for the prisoners. It either kept them wired and awake, or its drained their energy and they fell asleep. For those who were awake, they asked the same questions over and over again. What was going to happen to them? Where were their loved ones? Who was doing this? What were those grotesque monsters that had captured them? Was there any chance of help arriving? Was it possible to escape?

It was amazing that the rest could fall asleep, that they could close their eyes and relax enough to drift away when surrounded by such horrors. It was also rather simple. Their minds couldn’t process what was going on, so their bodies simply shut down like a frozen computer. Perhaps they subconsciously hoped that if they closed their eyes and fell asleep, they’d wake up back in their beds and realize that this had all been a crazy nightmare.

As the sun rose, frustration replaced fear. In the men’s worker and laborer pens, the prisoners were regaining their mental bearings. While the women in their pens remained docile, the men were getting rowdy, driven by anger and claustrophobia. They were suppressing their memories of the previous night, their fear. They were attacked by monsters and imprisoned, but surely that was just because they didn’t fight back hard enough. They were just rusty and caught by surprise. Of course their guns had wounded the beasts, no monster was invincible. Plus, there were the human collaborators. Who did they think they were, doing this to people? They didn’t have the right to keep them imprisoned! They just had fight their way out!

Each pen had two exits. One was on the ground level, the passage they had been delivered through. They were heavy steel doors, wide enough for crowds to move through at a time. The other was up on the catwalk overhead, for patrolling guards, both human and spawn, to use to enter and leave then pens. The Laborers, having nothing but their fists, attacked the steel doors like waves hitting rock. The Workers turned to their cots, trying to use them as ladders to get up to the catwalk. The men hurled curses at the sentinels above their heads, swearing to kill them and break free. The beasts did nothing, but that was because they were ordered not to act during full-scale riots like these. There was another means of dealing with it.

In the center of the concentration camp stood the main utilities and office building. It was where deliveries were made, food was prepared, and all orders and bureaucratic tasks were taken care of. On the top level was the head office. It was vast, with walls of black metal and concrete, almost dungeon-like. When Dominion arrived, it would be his to use, but in his absence, this prison was run by Blight. He sat at an expansive desk, and behind him, a vast window cast the winter’s gray light on the back of his chair.

He didn’t react at all to the message he received, sent directly to his mind by the sentinels guarding the prisoners. As creations of Dominion, Blight and all the other half-dead could communicate telepathically with their master and each other. In this case, a message was not necessary, as he was already well aware of the riots forming. He could hear the shouting, feel the stomping feet and beating fists. Blight shook his head and clicked his nonexistent tongue.

“These poor humans, so ignorant, so impatient.” He got up from his chair and walked out from behind the desk. His overcoat, hanging off his shoulders like a cape, swayed with each step. “They do not know the truth of how lucky they are. They don’t know the glory of serving the Almighty, of being part of his plan. They must be punished for refusing such a glorious purpose.”

Killing intent flooded from Blight like radiation, aimed directly at the male pens where the riots were happening. He didn’t aim it at the female or children’s pens, as that would likely do more harm than good. The workers and laborers, despite their fury, all fell silent. They felt it, the evil chill, like cold gun barrels pressed to the backs of their heads. While it was true that Blight could project killing intent like Dominion, his wasn’t nearly as strong. He was cruel, but he lacked that predatory malice, that sadistic drive to inflict pain. His was more machinelike, like a siren blaring of imminent danger. The men all gave in, sensing that only death awaited them if they continued their efforts. They would be slaughtered without a second thought, like they weren’t even living things.

The double doors to the office swung open, Dominion strutting inside. “A riot?” chiese.

Blight immediately got down on one knee. “Just the beginnings of a few, but they have been silenced. I apologized for letting you see something so unsightly.”

“No matter. Where did it happen?”

Dominion walked over to the desk and Blight laid out a map of the facility. “All the male Laborer and Worker Pens. The sentinels have reported that the Medics are putting up a fuss, but there is little they can do inside their cells. It’s more a matter of noise.”

“Just give the Medics some breakfast, that’ll shut them up. As for the workers and laborers, we’ll let them go hungry for a bit. That ought to dampen their spirits. Then begin a health check for the women. I want to know who is ready for breeding.”

As per his orders, breakfast was handed out, but the quality of one’s meal depended on their ID. In the Medic cell blocks, several sentinels pushing food carts down the aisles. Breakfast for the doctors and nurses was standard prison issue, a bit of meat, vegetables, an apple, and milk. Unlike regular prisons, there was no mess hall. Nobody was allowed to leave their cells, everyone ate where they were.

Since the L and W men would be going hungry, breakfast was only delivered to the women and children. In the female Worker pens, the doors swung open, and the women screamed in terror at the sight of one of the behemoths standing in the doorway. Guards swarmed in. “Back up! Back up!” they yelled.

Seeing human faces, the women begged for mercy, for freedom. “Why are you doing this?” The question was asked again and again, but the guards weren’t allowed to answer. Their job was to hold the prisoners back as a sentinel came in, pushing a cart with a giant vat of stew. It was a collaboration of different meats and vegetables, everything the human body needed. It was made in bulk and made cheap, and for the Workers, it was perhaps the only thing they’d be eating for the rest of their lives.

“Line up for breakfast!” one of the guards shouted.

The smell of the stew and the offer of food ended most of the crying and questions. If their captors were giving them something, then that something could also be taken away. The women obediently formed lines through the maze of bunk beds, each one holding the bowl they had been given. One at a time, they fearfully approached the sentinels manning the vat of stew. They all remembered beasts like these dragging them out of their homes and throwing them into buses and trucks. The towering sentinel simply yanked the bowls from their hands, filled them, and shoved them back. More than one woman had her breakfast spilled in the process. What the women didn’t know was that their food was laced with growth hormones and fertility supplements.

In the female Laborer pens, a similar scene took place. The women were roused to their feet, having nothing but the floor to sleep on. Breakfast for them came in the form of rubbery protein bars, made from the byproducts of the stew the Workers got, and just healthy enough for someone to live on. This was why the Laborers hadn’t been given a bowl for their meals, all they would ever get were these protein bars.

The children were given the same meals, but naturally fussy, they had to be coaxed into eating their food by those tasked with caring for them. Or they were just threatened by the sentinels.

After breakfast, guards moved through the Medic cell block, each with a roster of names and numbers. They were after doctors specializing in fertility and women’s health. They were pulled from their cells and brought to an infirmary in the concentration camp, an infirmary that they would be staffing. Then, the guards returned to the female Worker and Laborer pens, and women at random were dragged to the infirmary.

There, they were given full medical checkups, but as per orders, the doctors had to focus their questions and examinations of the women’s fertility and menstrual cycles. Files and reports were made, and the process continued with every woman thirteen years old or older.

=============

Dominion sat in his office, looking over the recorded data for the concentration camp. It seemed he had met his first real obstacle since beginning this crime against humanity: the tedium of paperwork. He had spent years planning this all out, yet only now did he realize bureaucracy was required. In the future, he’d have more subordinates to delegate this work to, but for now, he was forced to reap what he sowed. He glanced down at a list of food expenses, then looked up. Where there had been nothing, Blight now stood, with a stack of files under his arm.

“Lord Dominion, thirty women are currently ovulating.”

“Good, let me see.” Dominion received the files and looked them over, holding up in particular. “This one, L623, the doctor said that she’s too small to safely carry a baby to term. Let’s ignore her for now, but make sure she starts receiving growth hormones. We need to widen those hips of hers. Also, check to see who the husbands are of the married ones. If their husbands are useful, then they’ll be easier to control if their wives aren’t in the breeding program. If their husbands are just Laborers, then there is no need to spare them.

The rest all look promising. Very well, have them brought to the breeding chamber. I’ll gather some of the guards. I believe they’ve earned a reward for their service.”

=============

Flanked by two sentinels, Blight opened the doors of one of the female Worker pens. Just like with the behemoth, his arrival drew screams of terror from the women. “W108! W76! W5! Front and center!” he yelled. Despite not having a mouth, his words were unnaturally clear and loud, but no one stepped forward. Perhaps they were too afraid to approach, maybe they simply didn’t recognize their numbers. Either way, their incompetence was holding him up, thus making him look incompetent to Lord Dominion. Regardless, he had other ways to find them.

While his eye sockets were empty, his vision was perfect, bordering omnipotent. As a high-ranking creation of Lord Dominion, it was one of his abilities. Everything within the pen was visible to him, like millions of tiny eyes filling the air. He could see every face, every crack and crevice in the walls and floor, every single loose thread poking out of the cots. It took him less than a moment to locate the three women. He then raised his arm and they rose into the air, picked up by his telekinesis. They had no means of resisting him, no way to fight back as he drew them over to him.

“If your reluctance leaves me late, then I assure you, your punishment will be severe.”

Then he took them along, heading off to find the next girl on his list. Of the original thirty women originally ***********ed, only nineteen fit Dominion’s parameters. Once they were collected, he led them outside of the building. These women had all been captured less than twelve hours ago, yet to them, it felt like it had been years since they had been outside. The deathly cold crushed their spirits, the morning sun feeling more like a barren UV light, and the breeze coming off the river was raw. They were all in prison uniforms, they weren’t meant for temperatures below freezing.

As they walked towards the next building, the same thought went through the minds of every woman: ‘Can I escape?’ It was a thought either rejected immediately or desperately clung to. The desperate ones looked around, trying to figure out what they were up against. Unfortunately, now that it was daytime, they could see just how inescapable this place was. This concentration camp not only had human guards patrolling atop walls and watchtowers, there were also roaming spawn, scouring the place like scavenging animals, always on the lookout for people being where they didn’t belong. Even if they could somehow avoid being spotted, there were countless walls and fences, all with razor wire. There was no way to escape.

They soon arrived at building just a stone’s throw away from where they had left. The doors opened and the women were pushed inside. They had entered a single massive room, half the size of one of the holding pens. What awaited them, under fluorescent lights, was a long row of Medieval stocks.

“Strip off your clothes and assume the position,” Blight ordered.

One of the women, an early-twenties firecracker, turned to him with a look of fury. “You’d better kill me now, because I’ll die before I get in—”

She was silenced as Blight’s saber returned to his sheath, despite none of the women having seen him draw it. The rebel then fell to her knees, screaming in agony with blood pouring from the side of her head. On the ground beside her lay her severed ear. It was utterly inhuman, not just the act, but the speed he had performed it. No one had seen the swing. She didn’t even realize it had happened until it was over.

“Strip off your clothes and assume the position,” he repeated.

The other women, weeping in fear and despair, obeyed. They slowly took off their clothes, exposing their trembling bodies to the uncaring half-dead. They opened the stocks and put their heads and arms through, then the sentinels closed and locked them. They also picked up the wounded woman and secured her. Now all nineteen women were bent over, their heads and hands bound. They could only look at each other’s tear-streaked faces, with their literal bare asses hanging in the cold.

The doors again opened, and this time, it was Dominion, leading a group of guards, all wondering why they had been pulled from their duties. As they saw the naked women, their hearts dropped into their stomachs.

“Gentlemen, you’ve all served me well these past few months. You’ve fulfilled every order without complaint. As such, I have seen fit to reward you for your efforts. Use these women to release your pent-up stress. Go ahead, do as you see fit.”

“Sir, please, don’t make us do this,” one of the guards pleaded.

Blight grabbed the hilt of his saber. “You would refuse such kindness from our Master?! Blasphemy!” he hissed.

“Calm yourself, Blight. I thought by now you men would understand. You are going to rape these women, and you can either do it willingly, or I can force you. You’ve spent your whole lives living in fear of the law, of judgment, of repercussions. Even when working for Misato, you could never truly indulge your cruelest desires. I’m offering you the chance to do just that. You won’t get into any trouble for this. Turn these women into your toys. Abuse them, violate them, make them scream as loud as you want. There won’t be any consequences.”

The women sobbed and begged for mercy, but Dominion silenced them with a wave of bloodlust. However, many of the men were also crying. “Sir, please! I have a wife at home!” one of them begged.

“And if you don’t rape the women in front of you, I’ll bring your wife here, lock her up in the next empty stock, and show you know it’s done.” He then turned his attention to the guard assigned the first woman in the line. “You, whip it out.”

“Please…” he cried.

Dominion hit him with some bloodlust and the man took out his organ. Despite the fact he was in a room with naked women and given a green light to fuck one of them, it was understandable why he was hung like a field mouse. “Now, put it inside her or I’ll have Blight slice it off. You have until the count of five. One… Two…”

Both he and his victim pouring tears, he stepped up to the woman’s pale rear end. She begged him not to, but he clumsily pushed his manhood into her slit. At first, it was like trying to cram a marshmallow into a coin slot, but the more he mashed it against the entrance, the more it reacted. Finally becoming hard, he forced himself into her pussy all the way, and she screamed like it was a knife driven into her back. With his hands on her hips, he began slamming into her. “I’m sorry! I’m so sorry!” he sobbed.

“The rest of you, get to it. You aren’t allowed to stop without finishing inside them.”

The men all went to work, some of them with surprisingly little issue. The long chamber was filled with wails and screams as the women were raped. To feel strangers smashing around inside of them, while they were locked up like criminals, it was agony beyond de***********ion. Several of the men began really getting into it. Their thrusts became faster and more brutal, curses were muttered, and they even started spanking their victims. It seemed that they were finally finding their rhythm while working for Dominion.

One by one, the men all finished and pulled out, each woman left with a frothy creampie. They hurriedly put away their shame and faced Dominion. “Feel better now? Just know that whenever you want to, you can take a woman and use her however you want, or men, if you’re into that. You can even use children if you wish. Whatever, I don’t judge. Now, back to work, all of you.” The men hurriedly left and Dominion looked over the weeping victims. It was rather annoying that he couldn’t take part, but unfortunately, he was sterile. With so much spiritual energy inside him, his sperm were too powerful to fertilize an egg. He had experimented many times, but whether it was the twins or victims in the past, he simply proved incompatible with them. “Blight, wait four hours and bring in the next group of guards. Let’s not allow a single egg to go to waste.”

=============

The next day, the male Workers and Laborers were begging for food, but their punishment for the riots wasn’t finished. They’d be allowed to eat the next morning, but that was because they had work to do.

Sitting behind his desk, Dominion was trudging along through a mountain of paperwork. At his side were three women, taken from the pens. They were former secretaries and assistants, now serving him. To ensure their obedience, he had turned them from humans into half-dead homunculi like Blight, infusing them with evil spirits and rewriting their souls and personalities. Like Blight, it manifested in horrific transformations. For the women, their eyes and mouths had been stitched shut by a cord made of their own hair. Despite that, their vision was perfect, and they were able to talk with perfect clarity. They weren’t that attractive to begin with, but that made it easier for him, less of a distraction.

The doors suddenly opened, but he was not surprised. It was Blight, fulfilling his assigned task. Behind him were a crowd of contractors, engineers, architects, electricians, and city planners. They stared at Dominion in fear and wonder. They knew that he was the one in charge, but how in the world did he command all these monsters? Did he wield some kind of black magic? Or was he himself just a monster disguised as a human?

He got up from his desk and circled around. “Gentlemen, welcome. I’ve gathered you here today because I have a task for you.” He glanced back at his three secretaries. “Bring our guests their breakfast.” She wordlessly bowed and departed, then he returned his attention to the Workers. “You are all experts in your fields and you know this city.” He snapped his fingers and a large table materialized in the center of his office, conjured up from thin air. It was covered in rolled up maps, blueprints, and schematics. “Your task is to expand this prison to incorporate the entire city. Every building must be absorbed, repurposed, and connected. The number of prisoners is going to skyrocket, so I need room to hold them all.”

The men exchanged fearful glances. It was one thing to become a prisoner, one could maintain their integrity in that situation, but to aid this tyrant in tormenting others was to sell one’s soul. Dominion’s secretary then returned, pushing a tray full of bowls of stew. That smell erased all thoughts, the need to feed silencing all other feelings.

“Go ahead, eat up.”

The men took the bowls and greedily devoured the stew. They weren’t given spoons, they just slurped it up while making messes of their uniforms. Blight became tense, enraged by the lack of decorum in front of a supreme being.

“Serve me willingly, and your living conditions will improve. Manage the other workers, and I can offer you private cells, as well as protection for your loved ones. In time, you may even be able to commute from home. This is an offer that the lesser craftsman of your fields won’t receive, I suggest you go with it, because otherwise, I’ll simply twist your souls into puppets like I did my secretaries.

Blight will supervise

Storie simili

L'animaletto del drago: Capitolo 3

Capitolo 3 Marian aspettava con impazienza mentre i draghi si nutrivano di un paio di pecore, anche se la sua pazienza si stava esaurendo. Era arrapata e affamata e non poteva soddisfare nessuno dei due impulsi senza scopare una delle bestie. Uno dei draghi stava per finire il suo pasto, ma Marian era stanco di aspettare. Strisciando sulle mani e sulle ginocchia, Marian interruppe coraggiosamente il sanguinoso banchetto della creatura e si arrampicò sulle sue ginocchia. Il drago stava per ringhiare e ruggire per la sua insolenza, ma divenne silenzioso quando Marian afferrò il suo cazzo, lo accarezzò fino alla piena...

2.6K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.4K I più visti

Likes 0

Più di un semplice cane: Bruno e Traci

Mi chiamo Traci Holiday e il nome del mio amante è Bruno. Ci siamo trasferiti di recente in questo delizioso cottage e ora lavoro principalmente da casa. La maggior parte dei giorni sono nel mio ufficio con Bruno nel suo angolo o ai miei piedi. Eravamo solo io e Bruno ora, due individui completamente sintonizzati sui bisogni e sui desideri dell'altro. Sessualmente, non c'è mai stato alcun dubbio quando Bruno mi voleva. Se fossi alla mia scrivania, mi aprirebbe le cosce e infilerebbe la testa tra le mie gambe; se fossi in piedi, spingerebbe il naso tra le mie cosce e...

2.3K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

2.4K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

3K I più visti

Likes 0

Lato selvaggio

Lato selvaggio di DDWard© rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild. Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore. Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le...

2.8K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.