La pillola cap. 4

560Report
La pillola cap. 4

Il Doob's Bar era originariamente un buco nel muro. Il posto dove si poteva andare e sedersi nell'oscurità e godersi un drink. Era il tipo di posto che normalmente è tranquillo e rilassante. Questo finché non venne costruito un college nelle vicinanze e divenne uno dei punti caldi per i giovani che studiavano. Oggi il bar era pieno di musica ad alto volume, gente e luci. Non era rimasto molto del bar un tempo tranquillo da bere da soli in un angolo.

Ragazze urlanti e ragazzi chiassosi della confraternita rendevano l'atmosfera meno che desiderabile. Vallerie odiava un posto come quello. Le piaceva l'oscurità e l'oscurità, anche se non era una gotica. Era solo una ragazza normale che aveva preso una pillola offertale dall'uomo che ora la impiegava. Ha impiegato lei e le altre tre persone che erano al tavolo con lei. Tre donne e un uomo. Non era la migliore compagnia, dato che in circostanze normali, prima di prendere la pillola, non sarebbe mai uscita con queste altre tre persone. In effetti, probabilmente sarebbe stata in una biblioteca o in una libreria, a leggere in un angolo più buio. Come lei, avevano preso la pillola e lavoravano tutti e quattro in un posto che chiamavano affettuosamente "The Facility".

Dopo aver preso la pillola scintillante offerta alla sua baia da un uomo che si chiamava X, Vallerie aveva scelto un pipistrello vampiro come suo animale per la pillola. Poi c'è Melissa, una ragazza di montagna che aveva scelto uno scoiattolo come suo. Sembrava a disagio nei suoi blue jeans e nella camicia di flanella verde. Probabilmente perché indossava dei vestiti e tutti sapevano che preferiva non farlo. Alla ragazza piaceva tenere la coda folta fuori e più di una volta Vallerie l'aveva vista fare alcune cose interessanti con essa. Melissa era troppo dolce per i gusti del vampiro e troppo riservata.

La terza ragazza era Sandra. Più predatrice di Vallerie stessa, la donna aveva scelto un falco. Da quando erano arrivate, la sua testa vagava per il bar a scatti rapidi, il che la rendeva piuttosto comica per Vallerie. Era stata lei la più nervosa ad uscire al bar, preoccupata che l'umanità potesse percepire che c'era qualcosa che non andava in loro. Dopo molte discussioni, accettò, ma solo se fosse sobria e potesse tenere d'occhio la sicurezza del gruppo. Almeno gli occhi della donna erano enormi pozze nere. Così era la vita, solo l'oscurità che guardava indietro.

Il quarto membro era il maschio del gruppo. Un uomo di nome Mitchell. Mitchell era nella mente di Vallerie. Era un enigma per le tre donne. Lavorava in "The Facility" ma veniva visto raramente e ci erano voluti tre giorni interi per rintracciarlo e ottenere l'invito. Nessuno sapeva cosa facesse nella struttura e le conversazioni con lui erano tese. Nessuna delle donne sapeva nemmeno se avesse preso la pillola oppure no.

Mitchell non era un brutto ragazzo. Un po' paffuto, ma Vallerie sapeva che i ragazzi grassi sono gli amanti migliori. Dovevano lavorare di più per conquistare la ragazza sexy; era nella loro natura mirare a compiacerli per mantenerli. Ecco perché lo voleva oltre al suo stoico mistero. Inoltre, gli uomini qui erano più ragazzi. Teppisti del college che sarebbero stati troppo egocentrici per darle quello che voleva. Un altro problema è che la natura di Vallerie emerge con la sua eccitazione sessuale. Le zanne nella sua bocca erano sempre presenti, proprio come gli occhi acuti e la coda folta delle sue due compagne.

"Come l'hai nascosto?" chiese Vallerie.

"La mia coda?" chiese Melissa.

"Non dovresti parlarne qui," disse Sandra. Qui lo sguardo era caduto su Vallerie.

"Ragazzi, dovete smetterla di essere così tesi", ha detto Vallerie.

"Ha ragione, Val", ha detto Mitchell. Vallerie l'aveva presa così

su se stesso per abbreviare il suo nome. È quello che ha fatto un uomo.

Sandra cominciò a sorseggiare il suo drink da ragazza, vergine ovviamente. Val ha preso una birra e Melissa ha ordinato del vino. Mitchell, beh nessuno sapeva cosa stesse bevendo Mitchell. Sembrava acqua, ma era guarnita con un'arancia.

"Cosa sapresti?" chiese Vallerie.

"E se qualcuno sentisse?" Sandra ribatté.

"Ragazzi, avete davvero bisogno di un po' di relax. Dovrebbe essere divertente."

La musica cambiò volume e fece battere il petto di Vallerie al ritmo dei bassi. Vallerie bevve il resto della sua birra prima di ordinarne un'altra. Melissa stava già vacillando, e Vallerie poteva vedere che i suoi denti anteriori stavano spingendo fuori il labbro superiore. Mitchell, beh Mitchell era semplicemente seduto al suo posto, appoggiato al muro sorseggiando la sua bevanda sconosciuta. Anche tra loro la conversazione era tesa.

"Sandra, allora da dove vieni?" Lei chiese.

"Non voglio parlare di questo."

"Mellissa?"

Non ci fu risposta. La ragazza abbassò lo sguardo ed evitò il contatto visivo. Tutti erano così traumatizzati.

"E tu, Mitchell?"

Lui si rianimò e la guardò sorpreso.

"Vengo dal Massachusetts. E tu?"

"Flordia."

"Vestito come un gotico? Fuori posto ovunque, non è vero?"

"Non sono goth."

"Vestiti così, eh?"

"Mi piace il look vittoriano."

"Rilassati Val; fa caldo."

"Tu la pensi così?"

Almeno per lei, lo sperava davvero. Sarebbe uno schifo se fosse solo un complimento per calmarla. Non era nemmeno vestita in modo così gotico. Certo, indossava un abito da cocktail nero. Era la cosa migliore e l'outfit più audace del gruppo. Gli altri erano troppo spaventati per rivelarsi. Non lo era e, anche quando era eccitata, ci voleva molto tempo prima che il suo alter ego si manifestasse.

"Cosa ti piace fare?" chiese a Mitchell.

"Che cosa?"

La musica era di nuovo così forte. I colpi uccisero ogni speranza di ulteriore conversazione. Vallerie rimase delusa. Aveva tirato fuori Mitchell un po' dal suo guscio e ora, quando avesse avuto modo di chiacchierare di più con lui, c'erano buone probabilità che una delle altre donne ci provasse per lui. Era una paura infondata, Vallerie sapeva che non avevano alcun interesse per lui, ma lo faceva, e la competizione era qualcosa che aveva sempre cercato.

La vita di Vallerie prima della pillola era particolarmente tragica. Sposata tre volte in sei anni, ciascuno dei suoi mariti l'aveva tradita lasciandola sola e sconvolta. Lo sapeva meglio. Non era colpa loro, ma ovunque guardasse, le donne cercavano di attirare l'attenzione di ciascuno dei suoi mariti. La vampira non era brutta. Onestamente era semplicemente magra. Occhi azzurri e capelli castani, era abbastanza attraente. Il suo problema era semplicemente appiccicosa.

Essere onesti con se stessi era stata una faccenda tumultuosa. X l'aveva iniziato quando le aveva offerto la pillola. Vallerie lo odiava per una soluzione del genere, ma ora non sarebbe mai tornata indietro. La pillola le aveva dato una bellezza mortale e un fascino che la gente non poteva descrivere. Forse erano i suoi occhi, le labbra rosso rubino. Si era tinta i capelli di nero per sembrare più minacciosa. X aveva scherzato dicendo che assomigliava a Morticia della Famiglia Addams. I suoi canini affilati dimostravano il contrario. Ma aveva trovato il suo aspetto e, per quanto strano fosse, attirò una certa attenzione. Spesso non era il tipo che voleva.

Piacendosi a una delle persone più intelligenti che conosceva, Vallerie aveva notato che quasi tutte le persone che aveva incontrato che avevano preso la pillola erano in cerca di amore. Se stessa inclusa. Era una forzatura, ma sentiva che X stava aggiustando il mondo in questo modo. Almeno ci provava, ma lei conosceva il suo segreto al "The Facility". Sua moglie era il mostro che viveva negli arrangiamenti trasparenti. Qualunque cosa le fosse stata fatta era triste. La donna era un vero mostro e ognuno di loro evitava il più possibile il contatto con lei.

"Vallerie, a cosa stai pensando?" chiese all'improvviso Melissa. La ragazza scoiattolo si era avvicinata a lei per farle la domanda.

"Uomini," disse. "Uomini attraenti con corpi attraenti che trasformano una ragazza in un giocattolo sessuale."

Melissa si allontanò bruscamente, con gli occhi spalancati e arrossendo. Vallerie rise. Tornarono tutti a bere in silenzio. Vallerie stava riflettendo su come convincere il gruppo ad aprirsi. Poi l'occasione si è presentata in modo inaspettato.

"Ehi ragazze, che ne dite di uscire con noi?"

Due ragazzi della confraternita si stavano rivolgendo al gruppo, alle donne. Alti, i due ragazzi indossavano berretti rossi abbinati; uno dei colori preferiti di Vallerie. Peccato per i ragazzi, non erano il suo tipo. Ancor prima di avvicinarsi, avevano esaurito la loro accoglienza. Uno di loro stava cominciando a chiacchierare con Sandra, che sembrava a disagio. Si stava preparando a dire qualcosa quando qualcuno l'ha preceduta.

"Perché voi bambini non andate a giocare con gli altri bambini? Siamo occupati", ha detto Mitchell.

"Chi era quello?"

"Quello stronzo pelato là dietro, lo vedi?"

"Sì."

"Hai qualcosa da dire?"

"Sì," disse Mitchell.

Vallerie osservò Mitchell mentre usciva per rivolgersi ai due ragazzi. Era seduto in un angolo, un posto che la stessa Vallerie avrebbe voluto, ma lui l'ha preceduta quando i posti venivano occupati. Mitchell aveva un aspetto docile mentre si avvicinava ai due intrusi.

"Hai qualcosa da dire?" chiese ancora una volta uno di loro.

"Sì, mi stai rovinando il tempo."

"Il tuo tempo? Ci è solo dispiaciuto per le ragazze qui. Deve essere noioso con un ragazzo come te."

L'aria era tesa, ma poi i due ragazzi se ne andarono, lasciando Mitchell a guardare in modo pietoso davanti al tavolo. Si voltò a guardarli tre.

"Penso che ci siamo divertiti abbastanza. La situazione peggiorerà."

Lui aveva ragione. Lo sapevano tutti. Emarginati prima di diventare le bellezze esplosive che erano adesso, nessuno di loro aveva particolarmente le abilità sociali per affrontare quello che stava succedendo. Mitchell difenderli e prendere l'iniziativa avrebbe evitato loro di dover affrontare alcuni problemi. Si offrì di pagare il conto e se ne andò.

"Amico, questa notte è finita troppo presto", ha detto.

"Sei solo una sgualdrina, Vallerie. Piantala," disse Sandra.

"Davvero? Anche voi ragazzi avete degli impulsi. Lo so. Super udito, lo sapete."

La ragazza falco la guardò con occhi penetranti.

"Non possiamo farci conoscere," disse freddamente Sandra.

"Lo so, ma non è che esista un sito di incontri per noi."

Era vero. Vallerie aveva sentito parlare solo di pochi uomini sopravvissuti alla pillola. Rari erano quelli che riuscivano a rimanere sani di mente dopo il cambiamento. Pochissimi, nemmeno una manciata. Vallerie era stata fortunata che Mitchell fosse uno dei pochi, ma era difficile raggiungere quell'uomo. Sempre scarso. Tutto quello che voleva era conoscerlo e, ovviamente, farsi impazzire. Una richiesta così semplice per una ragazza, ma insoddisfatta. Mitchell tornò e il gruppo iniziò a lasciare il bar.

Intrecciarsi tra le persone era un problema per Vallerie. La sua natura emergeva soprattutto con il contatto con la pelle e, mentre la folla la dava da fare, iniziò la fame di sangue. Le persone vicine divampavano la sua conoscenza del sangue fresco e, come un vero vampiro, Vallerie spesso bramava la bevanda cremisi che scorreva attraverso coloro che la circondavano. Quando le tre donne arrivarono al fronte, la pelle di Vallerie era diventata pallida.

"Stai bene Vallerie?" chiese Melissa. Lei annuì in risposta, ma in verità la risposta corretta era no. Sandra avvertì l'urgenza di andarsene e così la tirò fuori dal bar.

"Stai tranquilla, ragazza," disse Sandra, cercando di rassicurarla.

"Provando."

"È stata una cattiva idea", ha detto Melissa.

Vallerie si limitò ad annuire.

Le tre donne aspettavano all'aria fredda, fuori, cercando di tenersi lontane dall'umanità che passava tra risate e bei momenti. Ognuno sapeva che prendere la pillola li avrebbe resi meno umani. Con il nuovo aspetto e le nuove abilità, le loro insicurezze erano solo aumentate. Tutti e tre si rianimarono quando Mitchell uscì dal bar. Stava sorridendo loro.

"Non guardare adesso, ma la situazione aumenterà", ha detto.

Le sue parole suonarono vere quando i due ragazzi di prima si avvicinarono al gruppo.

"Andiamo ragazze, lasciate perdere il perdente. Vi mostreremo un momento migliore di lui. Guardatevi, sembrate depressi."

Vallerie era disposta ad accettare l'offerta. Poteva vedere il suo collo pulsare mentre il sangue scorreva attraverso di esso. Tutto ciò che voleva era affondare i denti dentro di lui.

"Sentite, ragazzi, andate via", ha detto Mitchell. Sollevò un pacco di banconote. Il secondo ragazzo sembrava offeso.

"Lo vedi? Il grasso pervertito vuole corromperci per tenerci le sue donne."

"Non vogliamo i tuoi soldi, ciccione, solo le donne."

Vallerie guardò gli occhi di Sandra incrociarsi con quelli di Mellissa. La situazione stava degenerando. Mitchell mise via la piega della banconota.

"E allora, signore?"

"Vaffanculo," disse Melissa. Le sue parole sorpresero tutto il gruppo.

"Mitchell è un uomo; non vogliamo ragazzi."

"Un uomo, eh?"

Il colpo dell'uomo a destra colpì il volto di Mitchell. Ci fu uno schiocco e un grido. Il ragazzo che ha preso a pugni Mitchell gli teneva la mano. Mentre il secondo si preparava a colpire Mitchell, all'improvviso si alzò più velocemente e colpì forte allo stomaco il secondo ragazzo.

"È ora di andare", ha detto Mitchell. Guardò le ragazze e poi se ne andò. Le tre donne lo seguirono. Vallerie si voltò e vide entrambi i ragazzi aiutarsi a vicenda. Senza dubbio ognuno di loro avrebbe avuto bisogno di un medico. L'ha fatta bagnare.

"Che diavolo era quello?" Melissa sbottò all'improvviso.

"Sì, lo voglio sapere anch'io", ha aggiunto Sandra.

Vallerie lo sapeva già, però. Aveva preso la pillola. Gli uomini che prendevano la pillola venivano benedetti allo stesso modo delle donne. Hanno la giovinezza; hanno ottenuto il desiderio sessuale e hanno ottenuto la forza. Gli uomini acquisivano molta forza, molto più delle donne, ma anche le donne sembravano diventare più intelligenti. Qualunque animale Mitchell avesse scelto, gli era servito stasera e aveva almeno protetto le tre ragazze dalle molestie. Il gruppo si è diretto verso l'unico veicolo tra loro quattro. Mitchell guidava e il gruppo sedeva in silenzio.

"The Facility" si trovava nel bosco. La piccola casa, che sembrava costruita per un'apocalisse zombi, si trovava alla fine di una strada appartata. La casa era solo la parte confortevole del luogo reale. C'era un ascensore che andava nelle viscere della "Facility", dove tutti lavoravano e vivevano. X lo visitava raramente, quindi per la maggior parte del tempo era un posto tranquillo. I fari si abbatterono sulla superficie buia di quella casa e il veicolo si fermò. Sandra e Melissa scesero e si diressero verso casa. Vallerie rimase con Mitchell.

"È stato fantastico quello che hai fatto. Grazie", ha detto.

"Nessun problema."

Muovendosi a disagio, cercò di pensare a come iniziare un'altra conversazione con lui.

"Sai, odio gli uomini così. Per tutta la vita, tutti mi hanno umiliato. Ero magrolino."

"Quello che è successo?" chiese.

"La tua stessa cosa, ho preso la pillola", ha detto. "Qual era il tuo veleno?"

Rise scuotendo la testa.

"All'inizio non ne avevo uno. Ho aspettato tre giorni per pensarne uno."

"Ce la puoi fare?"

"La pillola si attiverà, ma finché non si pensa a un animale, rimane dormiente nel flusso sanguigno fino a una settimana."

"Oh, non lo sapevo."

"Nemmeno X. Sono stato io a scoprirlo."

L'auto ha fatto retromarcia.

"Mi porti nella tua tana?"

"Non posso lasciare la macchina fuori."

La conversazione si interruppe e cadde in un silenzio imbarazzante. Vallerie stava lottando, e anche lui.

"Mio padre era un tassidermista. È così che ho scelto il mio animale."

"Che ne dici di un orso?"

"No. Vedi, mio ​​padre era morto, ed è per questo che X è venuto da me. Senza quell'uomo, ero perso. Potevo svolgere compiti in un laboratorio senza problemi, ma una volta morto mio padre, mi sentivo semplicemente, beh, come se non fosse rimasto nulla. Lui era tutto ciò che avevo."

"Allora cosa hai scelto?"

L'auto svoltò e fece il giro della casa. Sebbene le luci fossero accese, Vallerie aveva una vista eccellente. Poteva vedere i tronchi degli alberi nell'oscurità.

"Così mio padre aveva trasformato la casa in una sorta di museo. Riempiva ogni stanza tranne quella in cui sono cresciuto. Lì, aveva lasciato l'unico animale che un giorno avevo ucciso nel cortile con la mia .22."

"Un uccello?"

"Armadillo."

Lei rise in modo incontrollabile.

"Non è divertente."

"Ma è così. È così che si è rotto il braccio di quel tizio, l'armatura, eh?"

L'auto si fermò all'improvviso.

"Ehi, non arrabbiarti. È adorabile e molto lusinghiero. Questo spiega quello che stavi dicendo sull'aumento di peso. Sono diventato magro, beh, tranne il petto."

"È difficile non notarlo?"

"Il mio peso?"

"Il tuo petto..."

"Attento Mitchell, potrebbe trattarsi di molestia sessuale."

"Mi dispiace, non succederà più."

L'auto riprese a muoversi e Vallerie sbuffò per la frustrazione. Lui

mi sono persa la presa in giro. Aveva bisogno di essere diretta con lui per ottenere ciò che voleva. Era anche un vantaggio ora che aveva la pelle corazzata. C'era la possibilità che i suoi denti non riuscissero a perforarlo.

"Conosci Mitchell; dovresti essere ricompensato per stasera."

"Basta solo un grazie."

Lei si allungò e gli posò la mano sulla gamba. L'auto sobbalzò e si fermò di nuovo. Lui si voltò e la guardò.

"Ora guarda qui-"

Lo baciò. Lo restituì vigorosamente e, mentre pomiciavano,

entrambe le loro nature iniziarono a manifestarsi di più. Le manifestazioni di Vallerie prevedevano che le dita diventassero eccezionalmente più lunghe. Sulle sue braccia si formò una sottile membrana, che pensò fosse un tentativo di ali. Poi le sue orecchie si sono allungate e il suo naso è diventato più piatto, consentendo la formazione dell'organo di ecolocalizzazione. Infine, le è cresciuta una coda e ha avuto un germoglio di morbida pelliccia marrone. Mentre si baciavano, Vallerie scoprì qual era il cambiamento di Mitchell. All'inizio la sua pelle divenne imbottita e dura. La sua mano cercò di tastarla, ma le sue unghie iniziarono a tagliare il tessuto del suo vestito. Interruppe il bacio.

"Mi dispiace."

"Non preoccuparti. Parcheggiamo questa cosa e poi continuiamo a lavorare

parcheggiare qualcos'altro in spazi ristretti."

"Non sei una signora?"

"Credimi, non puoi vedermi al buio. Sono un incubo."

"Cosa hai scelto?"

"Pipistrello vampiro."

Rise e l'auto riprese a muoversi.

"Ehi, c'era questa vera storia d'amore che è uscita in un libro.

Hanno fatto anche un film. Quando ho preso la pillola, è quello a cui ho pensato."

"Nosferatu, dico, scommetto che sei terribilmente bello."

"Non sono sicuro che sia un complimento."

"Lo era. Sembra che il tuo petto sia più grande."

Le gioie di essere un mammifero, ma aveva ragione. Le piccole sfere di carne adesso erano diventate almeno una manciata. Pensarci la fece tremare.

"Grazie, vorresti vederli?" lei chiese.

"Nell'oscurità?"

"Gli armadilli non vedono bene di notte?"

"Se questa è la tua confutazione, allora sì, mi piacerebbe vederli."

Senza bisogno di dirglielo due volte, abbassò la parte superiore del vestito e tirò fuori ciascun seno.

"Ecco qua. Cosa ne pensi?"

"Penso di volerli succhiare."

"Cosa ti ferma?"

Era come se Vallerie stesse cercando di proposito di assicurarsi che l'auto non arrivasse mai al garage. Questa volta gli pneumatici hanno addirittura slittato sulla strada sterrata quando l'auto si è fermata. Vallerie ridacchiò quando il cambio dell'auto fu parcheggiato. Lei gemette quando lui si chinò e una bocca trovò il suo capezzolo. Sospirando gli afferrò l'altra mano per incoraggiarlo a mostrare attenzione all'altro seno.

Era passato troppo tempo per Vallerie. Da quando era cambiata, non si era nemmeno sentita più. L'unico uomo che desiderava prima del cambiamento era stato ucciso ore prima che lei prendesse la pillola. A sua insaputa, aveva passato quasi una settimana a cercarlo prima di arrendersi e chiamare X. Era successo un anno prima, e ora il sesso era possibile. X aveva avvertito dei suoi denti e anche adesso voleva affondarli in Mitchell. Si spera che questa notte finisca con un divertimento reciproco, non con un sacco di sangue e lacrime.

"È così carino."

Gemette in risposta. Ciò la fece tremare e dimenare. La sua mano si allontanò e si infilò tra le sue gambe. Si allargò, dandogli accesso al suo frutto, che era gonfio e grondante di nettare. La vampira sospirò di felicità. Era così bello essere desiderati di nuovo.

"Abbiamo bisogno di più spazio, Mitchell."

Si allontanò all'improvviso e tutto si fermò.

"Non possiamo fare sesso."

"Cosa, perché no?"

Rimase in silenzio. Sono appena tornato a guidare. Non incontrerei nemmeno il suo sguardo. Sentendosi stufa, decise di attaccarlo. Per prima cosa, una mano gli ha colpito l'inguine, e non era nemmeno duro. Questo la fermò.

"Non mi vuoi?"

La guardò, qualcosa di strano nei suoi occhi.

"Più di ogni altra cosa, ma non è quello che pensi."

"Cosa? Non riesci ad alzarlo?"

"Cosa!? No, posso, per ora mi trattengo."

"Perché?"

L'auto è arrivata al garage. La portiera si aprì e l'auto entrò. Parcheggiato, spense il motore prima di rivolgersi di nuovo a lei.

"Così, quando ho preso la pillola, uno degli effetti collaterali è stato un ingrandimento estremo."

"La stessa storia che ogni uomo racconta."

"Sì, beh, il mio ti ucciderà."

"Con una promessa del genere devo vedere."

Sospirando scese dall'auto. Vallerie si aspettava quasi che si girasse e si abbassasse i pantaloni. Magari mostrarle il coltivatore, ma non l'ha fatto. La porta si chiuse e poi lei scese.

"Mitchell."

Si è fermato. Stava già dirigendosi verso quella che sembrava una linea retta

la porta del garage aperta.

"Val..."

Si avvicinò a lui, assicurandosi che i brandelli del suo vestito nero cadessero via. Nuda, si gettò dentro di lui. La prese e i due ricominciarono. Questa volta Vallerie non aveva intenzione di fermarsi. Lui grugnì una volta mentre gli artigli di lei affondavano nel tessuto dei suoi vestiti, strappandoglieli in un attimo. Nuda con lei, Vallerie cadde improvvisamente in ginocchio. Cercò di fermarla abbassandosi, ma non appena la bocca di lei si aprì, rivelando i due lunghi canini, Mitchell si immobilizzò.

"Non è uno spettacolo a cui abituarsi, eh?" lei disse. Sapeva che lo sguardo era terrificante. Le ore trascorse a guardarsi allo specchio. Vallerie era orgogliosa della sua genialità e aveva persino un mantello che le piaceva indossare.

"Sembra che sto per essere divorato da un mostro."

"Bene, allora vediamo se il tuo mostro può combattere il mio."

Vallerie ha inghiottito il suo cazzo. Era saporito e poteva quasi assaporare il sangue che vi scorreva. Mitchell era, infatti, flaccido e anche se lavorava vigorosamente per farlo diventare duro, la cosa si rifiutava di sussultare all'improvviso e di riempirle la bocca. Allontanandosi, lei lo guardò.

"La ragazza verrà insultata se non inizi a reagire."

"Non capisci; questo è brutto."

Ringhiando, Vallerie si alzò.

"Senti Mitchell, ti voglio. O fottimi o te ne vai. Ma se te ne vai, non ti parlerò mai più."

Allora lei si sporse dal bagagliaio dell'auto, sollevò il vetro e si presentò a lui.

"Voglio ringraziarti per prima, quindi per favore, scopami come premio."

Ha ottenuto la sua risposta quando si è avvicinata e le ha dato una pacca sul culo. Lo schiaffo fu forte e caldo. Ha strillato solo un po'.

"Wow, questo è un cambiamento", sospirò.

"Aspetta, presto inizierai a urlare."

"Lo spero."

Se fosse duro o no, Valerie non avrebbe saputo dirlo. Lo sentì spingersi dentro di lei, il che era deludente, ma sperava che la sua precedente minaccia venisse portata a termine.

"Un secondo, ci vuole un secondo."

"Per alzarlo?"

"Sì," sibilò.

Poi si è tirato fuori.

"Non era vero?"

"Aspettare."

Spinse di nuovo la testa del suo cazzo dentro di lei. Il nettare del suo frutto scorreva, ma mentre lui scivolava dentro, notò che era più spesso e più lungo.

"Eccoci qua."

Sospirò mentre la allargava. Lei gemette quando raggiunse la cervice. Strillò quando la stese più di quanto non fosse mai stata.

"Dio, è così stretto", ha commentato.

"È così bello. Per favore, fottimi."

"Non posso ancora. Non è finito."

Ansimò e poi ringhiò di apprezzamento mentre si stiracchiava ancora di più. Era passato troppo tempo ed era felice che fino a quel momento il sesso avesse avuto la meglio sul suo bisogno di succhiare sangue.

"Tutto fatto, credo, ma l'armatura non è ancora completamente formata. Quando lo farà, ti farà male."

"Senti, Mitchell, è passato troppo tempo. Fanculo e basta. Attraverseremo quel ponte..."

Mitchell le diede nuovamente una pacca sul culo prima di tirarsi fuori dalla sua figa unta. La lunghezza era ridicola, così come lo era il suo spessore, ma la sua fica accettò il cazzo con tutta la forza che lui poteva dargli. Strillava e le sue unghie lasciavano graffi sulla vernice dell'auto. Mitchell grugniva e il sudore cominciava a formargli una colata sulla fronte, ma non poteva fermarsi adesso se voleva asciugarselo. Proprio come Valerie, era passato troppo tempo per lui. Mentre ciascuno di loro lavorava freneticamente verso la liberazione, divennero animali in calore; i loro suoni ora furono sostituiti dagli animali che avevano scelto. A loro non importava.

Vallerie si sentì dolcemente liberata come mai prima d'ora. Lo stress, la tensione e la frustrazione la travolgevano allo stesso tempo. Anche lei ha urlato più forte, provocando la rottura del vetro dell'auto e lasciando degli sgorbie nel metallo della carrozzeria. Mentre lei si calmava e lui no, si rese conto che Mitchell era quello giusto per lei. Un compagno finalmente trovato in Mitchell. Sentendosi sopraffatta, ha iniziato a piangere mentre lui le distruggeva la fica.

"Piangi?" chiese Mitchell. La sua voce era più profonda, più roca.

Vallerie non era in grado di comunicare in questo momento. La sua voce usciva solo con grida e così allungò la mano e afferrò una guancia. Aprendo le natiche, permise a Mitchell di far entrare un po' più di carne dentro di lei. Era lì, nel suo grembo e con una spinta, sentì che cedette per accogliere il suo cazzo. Quella dannata cosa stava ancora crescendo, ma a Vallerie non importava affatto. Ora che era iniziato, era curiosa di vedere quanto sarebbe potuto diventare grande e quanto il suo corpo avrebbe potuto sopportare.

"Lacrime di gioia, continua così. Voglio di più."

Mentre si tirava fuori per un bel colpo, Vallerie si girò abilmente e presto si ritrovò seduto sulla macchina invece di chinarsi su di essa. Si era appena sistemata quando lui la sbatté di nuovo contro. Le sfuggì un altro grido acuto e lei si sporse in avanti, avvolgendogli le braccia attorno al collo per mantenersi in equilibrio. Fu allora che la sua natura di assetata di sangue prese il sopravvento.

Mitchell urlò di dolore quando lei gli morse la spalla. I suoi denti affondarono direttamente nella sua carne e fu ricompensata con la bevanda cremisi che tanto desiderava. Il suo amante continuava a urlare di dolore, ma il suo cazzo diventava più grande mentre aumentava la velocità di sbattimento.

Vallerie si riempì rapidamente di sangue e, mentre tirava fuori i denti, si rese conto di essere ubriaca. La sua figa resisteva a malapena, non riusciva nemmeno più ad afferrare il suo cazzo. La stanza oscillò e alla fine ebbe un secondo orgasmo. Era meglio che sballarsi e fare sesso. Molto meglio che quando è arrivata ha perso i sensi, ma non prima di aver notato che Mitchell in persona le stava facendo esplodere sperma caldo nella sua figa affamata. Il mondo divenne nero mentre lei sorrideva.

Quando Vallerie si svegliò, era effettivamente a letto. Non il suo letto, ma quello di Mitchell. Lui era accanto a lei e russava. Sentendosi amata, ha deciso di coccolarlo, cosa che lo ha svegliato.

"Chi, cosa sta succedendo?"

"Rilassati Mitchell. Sono solo io."

"Oh, stai bene?"

"Si tu?"

"Hai lasciato dei buchi."

"Beh, hai allungato una mina."

Ed è stato allungato. Poteva sentirlo dolorante, ma le piaceva così tanto che pensava persino di provarne un altro. Ciò che la fermò fu che Mitchell si riaddormentò, russando sempre più forte. Sorridendo e con la testa sul suo petto, si addormentò sentendosi sicura e contenta. Un allarme li svegliò entrambi e Mitchell improvvisamente balzò giù dal letto.

"Non va bene, non è un buon allarme."

Corse fuori dalla stanza nudo. Vallerie, ancora intontita, si alzò e andò in bagno. Il bagno era pulito, molto più del suo, che era nuovo. Un uomo super pulito? Cosa stava succedendo al mondo? L'allarme era cessato quando lei uscì nuda dalla sua stanza. Lei non aveva vestiti e non trovò niente da indossare nei suoi. Sentendosi sola, cercò Mitchell, che aveva lasciato l'appartamento.

Le luci "The Facility" erano accese. Tutti loro. Ciò significava che era successo qualcosa e, abbandonando il pensiero di trovare il suo amante, Vallerie cercò i suoi alloggi. Lì fece una doccia veloce e trovò qualcosa da indossare. Un altro vestito, ma questo aveva stampe floreali colorate. Un cambiamento e tutto si adattò alla sua pelle pallida.

Ora, Vallerie e Sandra erano la sicurezza del posto. Non era tardi, ma le due donne lavoravano in turni di otto ore durante il giorno e la notte. Non c'era sicurezza mentre Mitchell lavorava nei laboratori e Melissa aveva i suoi compiti. L'area di lavoro delle due guardie di sicurezza si trovava nei laboratori, in una stanza piena di telecamere. Sandra era lì.

"Cosa sta succedendo?"

Sandra guardò Vallerie dai monitor.

"C'è stata un'irruzione."

"Che cosa?"

"Sì. Abbiamo trovato l'intruso."

"Hai avvisato X?"

"Sì, sarà qui presto."

X stava arrivando. L'uomo che aveva creato tutto con la pillola stava arrivando. Il capo in un certo senso, anche se X non si comportava come tale.

"Dov'è l'intruso?"

"Mitchell li ha messi alle strette in una stanza della casa."

"Vado a vedere."

VAllerie se ne andò e si diresse verso la casa. Il viaggio in ascensore sembrò durare un'eternità e quando le porte argentate si precipitarono fuori a cercare Mitchell. Lo trovò al secondo piano.

"Mitchell, cosa sta succedendo?"

"Lei è lì."

Indicò una stanza. Una delle stanze in cui non avrebbero dovuto entrare. Ecco perché Mitchell non aveva catturato l'intruso.

"L'hai vista?"

"NO."

"Sto entrando."

"Non aspettare."

"Lo so, ma non possiamo lasciarli lì. Li stanerò io."

"No, e se fossero armati?"

"Se tutto va bene, se lo sono, l'arma è abbastanza grande. Non sei riuscito nemmeno a uccidermi ieri notte."

Lui arrossì e si voltò. Lei gli si avvicinò e gli afferrò il viso.

"Sei un uomo straordinario", disse prima di baciarlo. Lui ricambiò il bacio e Vallerie lo lasciò in piedi nel corridoio. Entrando nella stanza, chiamò.

"Ciao?"

Nessuna risposta, ma sapeva che c'era qualcuno lì dentro. Ne sentiva l'odore. E non secondo gli standard degli animali, quella persona semplicemente puzzava.

"Guarda, stai sconfinando, chiunque tu sia, esci e basta. Ti lasceremo andare in pace."

Ci fu movimento nell'angolo e Vallerie si lanciò. Ci fu un grido e lei si ritrovò in piedi accanto a un'adolescente che singhiozzava.

"Non farmi del male."

"Non ti faremo del male. Potremmo farti il ​​bagno, però."

La ragazza seppellì la faccia sporca tra le mani, singhiozzando ancora di più.

"Ehi, adesso..." disse Vallerie. Allungò la mano e la ragazza si ritrasse.

"Per favore..."

"Guardami."

La ragazza lo ha fatto. La poverina era spaventata.

"Vieni, andrà tutto bene. Ti faccio un bagno e poi ti daremo da mangiare."

Alla menzione del cibo, la ragazza si rianimò.

"Ah, sei un senzatetto?"

"Sono scappato via."

"Oh no, beh possiamo aiutarti."

Tenendo la mano, la ragazza la prese con riluttanza. Valerie studiò la stanza, realizzando che era una camera da letto. Dovevano essere X, ed era tutto polveroso. Neppure a Melissa era permesso entrare qui.

"Dove stiamo andando?"

"In camera mia. Non saremo disturbati affatto. Lì potrai fare la doccia e io posso prepararci la colazione."

Quando i due entrarono nel corridoio, Mitchell non c'era. Era contenta che lui l'avesse sentita dire di non essere disturbata. La camminata fu veloce e la ragazza praticamente impazzì nell'ascensore. Sono riusciti a raggiungere a malapena gli alloggi di Vallerie.

"Va bene, allora vai in camera da letto, il bagno è lì. Ti preparo un po' di cibo."

La ragazza seguì le sue indicazioni. Sebbene avesse chiuso la porta della camera da letto, Vallerie entrò non appena sentì chiudersi la porta del bagno. Prese i vestiti della ragazza e le preparò una bellissima veste. C'erano un paio di mutandine, il massimo che potesse fare come biancheria intima. La stanza chiusa puzzava e Vallerie si precipitò a metterli in una lavatrice in fondo al corridoio. Una volta finito, cominciò a cucinare.

Ora, Vallerie preferiva bere sangue piuttosto che mangiare cibo normale. Aveva delle scorte di sacche di sangue in un frigorifero unico, ma il sangue non era sufficiente per lei per vivere. Era un dessert gustoso quando decise di mangiarlo. Le uova sfrigolavano, a una temperatura media. L'acqua veniva bollita per la farina d'avena e la frutta veniva tagliata a pezzi. Aveva preparato la colazione e l'aveva messa sul tavolo prima che la ragazza finisse di farsi la doccia. Quando uscì, indossava la vestaglia.

"Dove sono i miei vestiti?"

"Li lavo. Vieni a mangiare."

Quella ragazza non aveva bisogno di dirselo due volte. Non appena si sedette, il cibo scomparve più velocemente di quanto Vallerie potesse vederlo. Si unì al banchetto e presto tutto il cibo fu consumato.

"Era buono?"

"Si Grazie..."

La ragazza stava guardando il tavolo.

"Ehi adesso, cosa c'è che non va?"

"Quando arriveranno i poliziotti?"

Alzandosi, Vallerie si avvicinò e si sedette accanto alla ragazza.

"Niente poliziotti. Quanti anni hai?"

"Quasi diciotto anni. La mia famiglia mi ha cacciato di casa."

"Per cosa? Scoparsi la stella del football?"

"No, per aver rifiutato di sposarmi."

"Che cosa?"

"La mia famiglia è asiatica e i miei genitori seguono alcune delle antiche tradizioni."

"Non sembri asiatico."

"Lo so, lo capisco spesso. Mio nonno era bianco."

"La guerra?"

"Vietnam."

Vallerie sorrise. Almeno la ragazza si stava aprendo.

"Allora cosa mi succederà?"

"Tutto dipende da due cose. Il proprietario e te, suppongo. A proposito, sarà qui presto."

"È pazzo?"

"Non lo so. Spero di no."

There was a chime.

"That's him."

Vallerie rushed over to the door. Nervous as hell. X could be pissed off. No one had seen him angry yet, but they were sure he had a nasty temper. When someone messed up badly after taking the pill, they ended up being put into the cage with the guy's wife. No one came out of there except X and X was too scared to go into it. The door slid open, and Vallerie greeted X.

"Hey X."

"Dov'è lei?"

"In here, she is scared."

"How'd she get in?"

"I don't know. I wasn't on shift. I did take care of her, though, she is clean and fed."

Lui sorrise. X was easy with his laughter, but everyone knew he had enough to be sad about. He was middle-aged and had a thing for changing his appearance. Today he had blond hair and was wearing glasses. He looked like a surfer with his white t-shirt and colorful swim trunks.

"Posso entrare?"

"Anytime you want," she said winking at him. Every girl wanted X. He was the biggest mystery. He brushed past her and sat at the table, the furthest seat away from the homeless girl.

"Hey there, I'm X."

"Just the letter?"

"Yeah, it's weird."

Lei ridacchiò.

"So what bring you here?"

"I thought the place was abandoned. Please don't call the cops."

"I won't, but where are you gonna go?"

"I don't know. I can't go home."

"I understand. Well, there is an issue."

Vallerie left her room to the two. The conversation was too private, and besides, she wanted to find Mitchell. She rounded a corner to the labs and practically ran into him.

"Hey, I was just looking for you."

"Everything okay with the girl?"

"X is talking to her."

"He is gonna giver her the pill."

"COSÌ?"

"She is underage."

"If she stays, it will be a danger to us."

"VERO."

"So what about us?"

Mitchell looked at her.

"Couple?" Egli ha detto.

Storie simili

Segni di parto - parte 1

Terri osservava le mucche. Durante la sua ultima discesa, le macchioline nere e marroni delle mucche lontane si trasformarono in cose grossolane che muggivano. Terri osservava i grandi animali stupidi che si aggiravano intorno, masticando l'erba. Sbatté la testa contro il vetro di plastica della finestra. Non c'erano bovini al college. Era il punto morto nel degrado urbano. L'aveva scelto in parte per questo motivo. E ora stava tornando... alle mucche. * * * Sua madre non l'ha incontrata al cancello. Terri raccolse tre borse pesanti e uscì dal terminal. Alla fermata dei taxi scelse un grosso furgone giallo, l'autista raggelato...

934 I più visti

Likes 0

La punizione_(4)

Sono passate settimane dall'ultima volta che l'ho visto, annusato la sua colonia, sentito la sua presenza. È molto più vecchio di me; cammina con un atteggiamento sicuro, muscoli delicatamente incisi e lineamenti scuri ed esotici. Mi sono appena trasferita nel mio nuovo appartamento e cerco freneticamente di scoprire dove ho messo il mio maglione preferito quando il mio telefono vibra. Guardo il telefono e vedo il suo nome nel messaggio sullo schermo. Il mio cuore salta un piccolo battito. Speravo che mi contattasse da quello che sembra un'eternità. Mi manca più di quanto potesse capire, anche se sono stata io a...

553 I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

1.3K I più visti

Likes 0

Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa, disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava. Bugiardo, ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata. I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile. No, Jeremy...

1.2K I più visti

Likes 0

Danno collaterale - Una storia di Halloween

Una festa privata al The Cantina Club diventa un po' fuori controllo quando un uomo vestito da pilota dell'era del Vietnam entra nel club. = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere...

934 I più visti

Likes 0

Il dormitorio della fidanzata 3

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua compagna di stanza, Sarah. Se non hai letto le parti 1 e 2, controllale prima. --- Quindi sono passati un paio di giorni e Sarah si è comportata come se nulla fosse successo. Come se vedermi scopare e venire addosso a Teagan fosse solo un sogno. Come se non avesse leccato lo sperma di Teagan dal mio cazzo e non avesse ingoiato il mio sperma mentre Teagan si lavava. Ad essere onesti, non ero nemmeno sicuro che fosse successo. Era così surreale. L'ho solo sognato? Voglio...

400 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.1K I più visti

Likes 0

Delizia del comandante

Nota: Ciao a tutti! Ancora una volta, come sempre, scrivo per soldi. Per favore mandami un messaggio se desideri la tua storia personale, privata e fantastica di smexiness. Se non hai niente di carino da dire sui commenti, non dirlo affatto :) Se ti è piaciuto il racconto, per favore aggiungimi come amico o... recensisci questo. Ho oltre 400 pagine di lavoro che sto scrivendo e note positive, feedback positivi, commenti positivi - mi fanno sorridere. Duke era diventato piuttosto sfacciato negli ultimi tempi Dopo il ripristino del G.I. Joes, gli altri Joe sono diventati sempre più preoccupati per il comportamento...

2.6K I più visti

Likes 0

Gli impulsi arrapati della figlia - 6

Janie si svegliò la mattina dopo sentendosi fresca e viva. Si alzò e si guardò allo specchio. I suoi occhi brillavano e la ritrovata consapevolezza brillava in profondità dentro di loro. Volendo compiacere suo padre, si sedette al suo comò, nuda. Si è truccata con la stessa cura che sapeva e poi si è sistemata i capelli in una coda di cavallo. Quando ebbe finito, scelse una camicetta beige sottile e una gonna corta marrone chiaro. Dopo aver scelto un reggiseno rosa e un bikini slip di nylon trasparente, si è vestita. Guardandosi allo specchio, sapeva di essere abbastanza brava da...

1.7K I più visti

Likes 0

L'ENORME CAZZO DEL VICINO CI IMPRESSIONA NELLA VASCA IDROMASSAGGIO

Mi chiamo Amelia. Mio marito, Terry, e io ci siamo trasferiti in un quartiere tranquillo nel Tennessee occidentale circa 12 anni fa. Abbiamo comprato una bellissima casetta e, dopo esserci trasferiti, abbiamo deciso di aggiungere una bella e grande vasca idromassaggio nel cortile sul retro, con un ponte spa abbastanza grande che la circonda. La casa e la vasca idromassaggio erano perfette per noi... dato che non avevamo figli, trascorrevamo molto tempo rilassandoci - per lo più nudi - nella vasca idromassaggio nei fine settimana e quasi tutte le sere. In realtà, dato che sono rimasto a casa mentre Terry lavorava...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.