La vita di Jen - Capitolo due_(1)

625Report
La vita di Jen - Capitolo due_(1)

La vita di Jen – Seconda parte

È mercoledì sera e mio padre porta sempre mia mamma fuori la sera. Era sempre adorabile, bei vestiti, capelli e trucco immacolati quando usciva. Quando usciva il mercoledì sera, scendeva già per uscire con il cappotto addosso.

L'ho vista prepararsi un paio di volte, una volta mi è rimasta in testa. Era seduta sulla sedia nella sua camera da letto e si spazzolava i capelli - e si voltò quando vide il mio riflesso nello specchio. Si è alzata e mi ha detto di scendere perché non voleva che mi mettessi nei guai. Indossava una gonna VERAMENTE corta e un top a rete da cui spuntavano i capezzoli: ero scioccata dal fatto che avesse quell'aspetto.

Io sono un 36C ora a 45 anni - e lei era un 36DD. Le sue tette cadevano – non cadenti – ma a goccia – ma tutto era in mostra attraverso il top a rete.

Si mise il cappotto e scese al piano di sotto. Mio zio e mio nonno si prendevano cura di me quando uscivano.

Mio padre insisteva affinché la mia routine serale rimanesse la stessa, quindi cena, bagno, TV e poi letto.

Mio nonno veniva in bagno e mi lavava, trascorrendo ANNI a lavare le mie piccole tette gonfie.

Dopo un po' mi ha detto di alzarmi così poteva lavarmi la figa. Ancora una volta passa anni a lavarmi avanti e indietro tra le pieghe. Stavo diventando freddo – tremavo – e mi ha detto di tornare in acqua per riscaldarmi. Poi mi ha detto di inginocchiarmi così da potermi pulire sia dentro che fuori.

Si insaponò la mano, poi infilò un dito dentro di me e lo dimenò. Mi è piaciuto come questo mi ha fatto sentire... tutto formicolio.

Spingeva lentamente il dito dentro e fuori - ed era così bello... niente di paragonabile a come mio zio mi lavava con il dito - andava veloce - come facevano con la mamma. Mi è piaciuto bello e lento, così ho potuto provare la sensazione di formicolio.

Quando uscii, mio ​​nonno mi avvolse in un asciugamano e mi fece sedere sulle sue ginocchia.

Gli piacevano le mie tette: passava anni a tirarmi e torcermi i capezzoli, assicurandosi che fossero asciutti. Poi ho dovuto girare quello che avevo rivolto in avanti – e ho potuto sentire il suo cazzo tra le mie natiche. Lo spostava senza usare le mani e io ridacchiavo mentre si contorceva.

Una delle mani del nonno era sempre sulle mie tette, continuava a tirarmi e torcermi i capezzoli... gridavo quando era troppo duro, e lui gemeva quando lo facevo... L'altra mano era sopra o nella mia figa, o mi toccava o giocando con il mio clitoride. Non ho mai saputo quale fosse il mio clitoride finché non sono diventata un po' più grande, e mio zio me lo ha morso, e mia madre mi ha aiutato a calmarlo con un bagno caldo e una flanella sopra per la sera. Ha tirato fuori lo specchio e mi ha spiegato dov'era il mio clitoride e la mia figa, anche se sapeva che la mia figa era sempre aperta per il nonno e lo zio.

Ho visto mia madre e mio padre tornare a casa un paio di volte il mercoledì sera - aveva un aspetto orribile - i suoi capelli e il trucco erano un disastro, ed era completamente ricoperta di sporcizia - sporcizia che più tardi ho scoperto essere sperma. Il suo top a rete era fatto a pezzi e le pendeva dalle spalle, scoprendo le tette, ed era coperta di segni di morsi.

Lei mi passò accanto senza nemmeno guardarmi, con uno sguardo rassegnato, e andò nella sua camera da letto. Tornai a letto sperando che ora che i miei genitori erano tornati nessuno entrasse nella mia camera da letto, ma no... sia il nonno che lo zio salirono qualche minuto dopo per darmi il bacio della buonanotte. Mio zio iniziava sempre dalle mie tette - dandole il bacio della buonanotte - le succhiava forte, così forte che cercavo di allontanarmi sul letto, ma non ci riuscivo mai. Poi mi baciava sulla guancia e mi diceva che mi avrebbe visto domani.

Mio nonno cominciava a baciarmi tra le gambe sulla mia cunny. Mi piaceva quando il nonno mi faceva questo perché mi faceva formicolare la pancia. Poi si sarebbe fatto strada con un bacio, sempre come mio zio, baciandomi le tette, ma mi avrebbe morso il capezzolo senza succhiarlo, e non era un morso doloroso, solo un pizzicotto, suppongo. Mi sussurrava la buonanotte e mi diceva quanto non vedeva l'ora di vedermi l'indomani dopo la scuola.

Dovevo tornare a casa subito dopo la scuola, senza mai avere il permesso di andare a fare la spesa come facevano alcuni dei miei amici. Dovevo andare alla porta accanto tutti i giorni perché i miei genitori non tornavano mai a casa dal lavoro prima delle 17:00.

Il nonno aveva una routine che dovevo seguire. Aprivo la porta ed entravo, posavo la borsa della scuola, il cappotto sull'attaccapanni, poi mi toglievo le mutande e le mettevo sopra la borsa.

Solo allora mi fu permesso di entrare nella sala dove lui mi avrebbe aspettato. Il più delle volte si accarezzava il pipì e aveva i pantaloni abbassati. Mi diceva di sbrigarmi e di sedermi sul pavimento. Sapevo cosa significava, me lo aveva detto secoli fa... dovevo inginocchiarmi accanto a lui e tenere il suo pipì tra le mani, andare su e giù per alcune volte, finché non mi diceva di fermarmi, e poi dovevo mettere nella mia bocca in modo che potesse "scendere". Questo mi ha sempre lasciato perplesso perché non si alzava affatto dalla sedia. Stava lì, perché avevo il suo pipì in bocca. All'inizio riuscivo solo a capire la sua testa, ma recentemente sono riuscita a capirne un po' di più, e mio nonno è COSÌ felice con me. Mi piace quando il nonno è felice con me perché di solito dopo bacia la mia figa, e adoro la sensazione di formicolio che provo.

Una volta che mi veniva in bocca mi diceva di ingoiarlo, comunque a quel punto l'avevo sempre ingoiato, dato che lo ingoiavo non appena iniziava a uscire, altrimenti ne usciva un po' la mia bocca, e verrei punito. Non mi è mai piaciuto essere sculacciato, quindi ho fatto del mio meglio per essere una brava ragazza. Al nonno piacciono le brave ragazze.

Se sono davvero una brava ragazza, allora il nonno mi leccherà e mi bacerà sulla figa per secoli e secoli. Mi piace, soprattutto se continua a leccarmi e mette anche il dito nella mia figa. Va piano e questo mi fa venire un formicolio ancora più forte, e non mi è permesso alzarmi finché non lo dice lui. La mamma viene sempre per prima a prendermi, e di solito il nonno sta ancora giocando con la mia astuzia. Deve stare lì e aspettare che il nonno sia pronto. A volte dice alla mamma di mettersi in ginocchio, e anche lei gli succhia il pipì, visto che lui è ancora sulla mia figa.

Di solito torniamo a casa proprio mentre arrivano a casa mio padre e mio zio. Mia mamma cucinava per tutti noi e mio zio e mio nonno venivano a cena di solito alle 18:00. Sono molto brava ad aiutare la mamma a preparare la cena, perché di solito quando mio padre arriva a casa, deve andare ad aiutarlo un po' di sopra. Di solito sento il rumore dei conati provenire dalla loro camera da letto, ma a volte è il rumore del cazzo, a volte è il rumore delle sculacciate. C'è sempre una sorta di rumore. Quando mio zio passa, controlla sempre che non mi sia rimessa le mutande dopo essere stata dal Nonno. Spingerà il suo dito dentro di me molto velocemente ogni giorno per verificare che io sia ancora pronto per la sua brava ragazza. Di solito rimango lì in cucina, assicurandomi che la cena non bruci mentre il suo dito mi penetra velocemente. Vorrei che andasse piano come fa il nonno, poi sento un formicolio. Ma non lo fa mai.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.