La ballata di Cornelius Erectus de Roma (parte 1)

653Report
La ballata di Cornelius Erectus de Roma (parte 1)

Lasciate che vi racconti la storia di un giovane molto promiscuo, di diciotto anni, la cui promiscuità portò al disastro di un’intera regione. Sono una delle sue tante ex amanti, sono una donna. Cornelius Erectus è uno dei maschi più eterosessuali che abbia mai incontrato, ma nasconde molti oscuri segreti. Mi sono evoluto per diventare il suo buon amico, al quale racconta tutti questi segreti. Lascia che ti racconti qualcosa su Cornelius, ha diciotto anni e ha un pene di undici pollici e mezzo in erezione. Ha una corporatura media, solo muscoli magri sul corpo. Ha gli addominali di un tavolo di legno, il posteriore di un cavallo da corsa, l'abbronzatura brillante come un'arancia. I suoi capelli scuri e corti, il suo viso immacolato, le sue gambe forti e muscolose, il suo gemito sensuale, il suo corpo sudato... il suo... lui... il suo...

Oh, scusate, era il desiderato da tutti gli uomini in Italia. Nessun altro uomo era alto, forte e bello come Cornelius Erectus. Era un centurione di alto rango, uno di quelli adorato dall'imperatore Aquitanio. Cornelio combatté in grandi battaglie e uccise molti uomini. L'imperatore lo vide e ben presto gli diede in sposa la sua unica figlia, Lucrezia. Il matrimonio è stato meraviglioso, ma come mi ha spiegato, nei minimi dettagli, la notte del loro matrimonio è stata molto più grande.
Vedi, sono un voyeur e divento uno dei più vivaci quando sento storie del genere, quindi lo prego di raccontarmele, e lui essendo un tipo così promiscuo, lo fa.

Cornelio adagia sul letto la bella Lucrezia. Si strappa immediatamente il vestito, esponendo il suo seno paffuto e sodo. Sudano per l'eccitazione e i suoi capezzoli ora sono sodi. Cornelius gronda sudore e cadono sulla sua figura voluttuosa. Cornelius si lecca le labbra mentre mette il viso nei suoi due seni. Comincia ad accarezzarle i capezzoli con la lingua umida. Comincia a gemere. Questo gli dà la motivazione per continuare a far scivolare la lingua lungo il suo stomaco e nella regione inguinale. La sua lingua scivola veloce con l'aiuto del suo sudore. Raggiunge il luogo del piacere. Il clitoride, comincia a succhiarlo, succhiando il sudore, la saliva e i succhi dalla pelle. Il suo corpo trema dall'estasi. Si sposta un po' a sud verso la sua vagina e inizia a suonare intorno alla sua parte esterna con la lingua. Il suo stomaco ha le convulsioni mentre la sua lingua da diciottenne si infila nel suo grembo da quindicenne. Gli tiene la testa abbassata, più in profondità nel suo inguine. Lei geme e, mentre lui prende aria, si lecca le labbra rosse.

Lei chiede di più e questo ha spinto la sua lussuria a tirare fuori il suo membro da undici pollici e mezzo. Lo afferra con tale entusiasmo. Lo strofina e lo accarezza su e giù. Comincia a respirare pesantemente. Si rende conto che la sua vagina gronda il liquido della lussuria. Lui sorride e smette di accarezzarla. La spinge al centro del letto e si arrampica sul suo corpo massiccio. Lui le massaggia i seni e spinge il suo pene sul suo stomaco sudato. Glielo batte sullo stomaco come se fosse un tamburo. Poi penetra lentamente nella sua vagina, che ora è ben lubrificata. Il suo giovane grembo vergine si estende su ogni centimetro del suo pene. In pochi secondi raggiunse l'imene. Lo ha rotto con facilità. Lo implora di tirargli fuori il pene. Lui rifiuta e continua a penetrare. Piega le dita dei piedi verso l'interno per il dolore intenso. La sua vagina non può durare così tanto in una volta. Le lacrime scendono lungo il suo viso accaldato. Gli piace e si muove più in profondità. Afferra il suo pube tormentata e cerca di tirargli fuori il pene. Lei non tira abbastanza forte, lui inizia a spingere.
Tutto il suo corpo scivola sul suo pene gigante, lei è scossa. Spinge così per circa venti minuti. Ha eiaculato circa quindici minuti prima. Il suo corpo riconobbe questo dolore come piacere e si addormentò dopo dieci minuti. Sta violentando un cadavere semi-morto da dieci minuti. Una volta che si è ritenuto finito, le toglie il pene palpitante, si mette i pantaloni ed esce dalla stanza; lasciando la neo-non vergine sul letto in volo.
Ritorna, con un coltello arrugginito. Lui risale sopra di lei. La guarda profondamente negli occhi e vede il suo bagliore sul soffitto. Solleva il coltello e la trafigge direttamente nel grembo. Non può urlare, perché non solo è stata pugnalata, ma è rimasta paralizzata dal dolore assoluto causato dalla rottura dell'imene. Cornelius scappò dalla scena con cappuccio e spada.

Il giorno successivo, la guardia dell'Imperatore trovò la sua fidanzata, pugnalata e con le mani sul coltello. Gli fu riferita la notizia ed egli dichiarò che era stata violentata e che il suo corpo sarebbe stato bruciato. Vedete, quando una donna viene violentata, si uccide perché nella nostra società, se sei una donna violentata ci si aspetta che tu non sia in grado di convivere con il senso di colpa; portando così al suicidio per dimostrare che non lo volevi. Se non ti uccidi, sei considerata una puttana, perché dimostra che lo volevi e che desideravi il rapporto sessuale, tradendo così tuo marito o il tuo amante.
Quello stesso giorno Cornelio venne al palazzo dove suo “suocero” spiegò l’accaduto e Cornelio fu molto dispiaciuto per la perdita dell’Imperatore. Cornelius uscì dall'aula del tribunale del palazzo e incontrò Giulio, il figlio dell'imperatore. Gli disse: "So che mia sorella non potrebbe sopportare quel pene magnum deliziosamente enorme che hai, ma puoi starne certo, io posso."

Gli occhi di Cornelius si spalancarono per la sorpresa e l'eccitazione. Guardò la figura di Julius, che era di media statura, addominali forti, gambe magre e glabre, proprio come dovrebbe apparire un adolescente di sedici anni in Italia. Cornelius fece voltare Julius per dare un'occhiata ai suoi glutei, che erano sodi e tesi, tenuti insieme da un panno, abbastanza stretti da soffocare un essere umano. Si è dato una pacca sul sedere ed era così muscoloso. Cornelius si leccò le labbra. Julius sorrise e lo afferrò per il braccio. Condusse Cornelius nelle sue stanze.
Cornelius prese Giulio per il culo sodo. Lo adagiò sul letto. Julius si trasformò in uno stato vulnerabile, allungando le braccia verso l'alto, esponendo tutti i suoi addominali e i muscoli dello stomaco. Cornelius si leccò le labbra e si mise al lavoro. Iniziò a leccare il corpo di Giulio dal collo al basso ventre. Si passò la pelle sudata e salata, massaggiandosi allo stesso tempo le gambe. Le sue gambe erano così sode, così muscolose e così virili. La morbidezza fece drizzare Cornelius, rapidamente. Giulio, dopo un po', indicò un vaso che conteneva olio d'oliva caldo. Cornelius afferrò rapidamente il barattolo e vi infilò la mano, versandone manciate sul corpo di Giulio come un pazzo. Prese entrambe le mani e strofinò violentemente l'olio caldo in profondità nella pelle. Coprì ogni parte del suo corpo con olio, strofinando, leccando. L'olio luccicava sul suo giovane corpo abbronzato. Cornelius lo fece voltare e si meravigliò dell'ano esposto di Giulio, che ora era in aria. Non c'erano capelli, solo muscoli e tensione. Cornelius infilò il dito nel barattolo e lo fece scivolare tra le natiche di Giulio. Spinse il dito su e giù, facendo gemere Julius per l'eccitazione. Si spinse sempre più velocemente tra le guance lisce e lisce del principe. Diede loro un bello schiaffo, ogni volta più forte. Ciò faceva sussultare Julius a volte, ma gli faceva anche mordere il labbro superiore.

Cornelius, ormai completamente eretto, tirò fuori il suo grande orgoglio. Julius si alzò immediatamente e cominciò a inserirlo direttamente nella sua bocca calda e umida. Sotto di loro si formarono pozze di saliva mentre dondolava la testa su e giù sulla carne morbida di Cornelius. Cornelius fu sorpreso da quanto Giulio sapesse delle arti sessuali. Strofinò sensualmente lo stomaco di Cornelius mentre riprendeva a succhiare e ad abbandonarsi al delizioso e palpitante pene. Cornelius ansimava adesso, perché non aveva mai visto nessuno che potesse dare così tanto piacere a un uomo. Ha tenuto la testa di Julius e l'ha forzata sul suo pene ben lubrificato, Julius ha quasi vomitato dopo aver avuto due conati di vomito. Si alzò per prendere aria e sputò una tazza piena della sua saliva.
Giulio lo condusse al suo letto, dove fece sedere Cornelius e continuò il suo lavoro. Leccò la punta rossa e pulsante del pene. Poteva sentire che i succhi stavano arrivando, quindi diede un enorme succhio e tirò lentamente il pene di Cornelius verso l'alto con le labbra, succhiando tutta la saliva e i succhi asciutti dalla pelle superficiale del suo pene. Ciò fece tremare Cornelius in estasi, gettando la testa all'indietro sul letto e gemendo. Julius notò quanto la sua bocca dava piacere a Cornelius. Allora si alzò dalle ginocchia e si sputò nelle mani. Li strofinò insieme finché non furono gocciolanti e ricominciò a lubrificare il pene di Cornelius. Cornelius, seduto lì, avvicinò Giulio per un bacio appassionato. Poi si chinò

Il corpo di Julius in avanti e cominciò a lubrificargli l'ano. La lingua di Cornelius andava dentro e fuori, dentro e fuori. Ha divorato il caldo e stretto buco dell'ano di Julius. "Sei vergine?" chiese.
Giulio rispose: "Per il mio ano, puoi vedere, stavo aspettando il meglio in Italia".
Cornelius ribatté: "Quindi mi hai aspettato per tutto questo tempo?"
"Sicuramente il tuo pene è il più grande d'Italia, e tu sei l'amante più grande per me."
Detto questo Cornelius sorrise ancora di più. Fece gemere Giulio forzando la lingua in profondità nello sfintere. Giulio cominciò a sudare, mentre Cornelius cominciava a leccargli le giovani e strette guance coperte di olio. Dopo aver fatto ciò, Cornelius tese il dito medio a Giulio, affinché lo lubrificasse. Poi lo inserì nella calda fessura del suo ano. Lo fece roteare, poi ne aggiunse un altro, e poi un altro ancora; spingendolo sempre più in profondità. Il suo pene si gonfiò di sangue e Cornelius lo afferrò, lo tirò dolcemente verso di sé passando sotto il sedere e cominciò a succhiarlo. Julius sorrideva dell'incapacità di Cornelius di succhiare molto bene il pene di un uomo; trovava affascinante il fatto che ci stesse provando.
Julius non poteva sopportarlo; avvicinò l'ano al pene eretto e cominciò a sedersi. Gli è sfuggito più volte a causa dell'olio, ma non si sarebbe fermato davanti a nulla pur di perdere la sua verginità anale per mano dell'amante più bello di tutta Italia.

Cornelius e Julius sentivano la penetrazione, così Julius cominciò ad allentare il suo ano per permettergli di scivolare giù sull'asta da undici e mezzo. Ad ogni centimetro che passava, Giulio cominciava a mancare il fiato, a causa del dolore. Si alzò da Cornelius seduto e prese fiato. Poi si sedette di nuovo, a cinque pollici di distanza, Cornelius afferrò i fianchi di Julius e iniziò a spingerlo giù, con forza. Julius pianse per la massiccia penetrazione. Cominciò però a sentire il fondo dell'asta e si sedette facilmente, sentendo il pene nella zona del basso ventre. Iniziò a cavalcare sopra Cornelius e, a ogni rimbalzo, Cornelius respirava pesantemente. Entrambi erano in armonia sessuale, allo stesso ritmo. Giulio rimbalzava su e giù, mentre Cornelius spingeva su e giù. Comunque per Cornelius era più lavoro, ma non gli importava.
Il pene di Cornelius veniva tirato dall'ano stretto, era così stretto all'interno che a un certo punto pensò di aver bisogno di più olio d'oliva, ma a quel punto la sua pre-eiaculazione era abbastanza lubrificante.

Julius poteva sentire il pene pulsante in lui, e Cornelius poteva sentire il retto convulso in cui si trovava. Julius iniziò ad accarezzarsi il pene. Il pene dentro di lui gli stava massaggiando così bene la prostata, che stava per espellere tutti i suoi liquidi in pochi secondi. Egli fece. Julius fece un salto di un metro e mezzo attraverso la stanza, mentre urlava come una donna in travaglio. L'interno caldo del retto di Julius ora stava tirando il pene di Cornelius, provocandogli l'orgasmo. Tirò fuori velocemente il suo pene mentre Julius stava quasi finendo di eiaculare. Afferrò il viso tremante di Julius, eiaculò e gli sparò in bocca. Julius tremava ancora per l'orgasmo, ma Cornelius era già ricaduto sul letto tremando estaticamente. Julius leccò velocemente il seme rimanente dal pene, che stava ancora espellendo un po' di sperma. Cornelius era quasi senza fiato e respirava così pesantemente da non riuscire a formulare parole. Lui si è limitato a gemere.
Il viso di Julius era coperto di bianco e la sua bocca era un disastro scivoloso. Cornelius avvicinò la testa di Giulio e lui leccò via lo sperma dal mento, dalle labbra e dal naso. Entrambi si baciarono appassionatamente, la saliva colava dai loro menti. Cornelius disse a Julius che non era mai durato così poco come quando aveva fatto l'amore con lui. Ciò diede a Giulio un'espressione luminosa.

Cornelius sapeva che doveva andarsene, per non essere trovato addormentato nei suoi alloggi da una delle guardie. Così se ne andò, completamente vestito; ma Giulio era ancora nudo. Cornelius aprì la porta della camera e ne uscì lentamente. Vide quattro guardie radunate molto vicino a dove si trovava, conversando. Ma è uscito appena in tempo, senza lasciare traccia di nulla. Tirò un profondo sospiro di sollievo.

Poi sentì un urlo e si guardò indietro, e c'era Giulio, nudo, che puntava il dito contro di lui facendo cenno alle guardie di aiutarlo.

"Aiuto! Guardie ✔! Questo è l'uomo che mi ha violentata! Abbattilo, quello che si chiama Cornelio!»


Ne seguì la corsa.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Finalmente riuniti

Quindi sono stato lontano dalla mia ragazza per un mese ormai e mi sta uccidendo, abbiamo avuto una vita sessuale molto attiva e la mia mano non è la stessa della sua meravigliosa figa stretta bagnata, sto finalmente tornando indietro per lei e ragazzo ho una sorpresa per lei. Entro nel suo complesso di appartamenti prima che lei avesse programmato il mio arrivo, le mando un messaggio dicendo che ci vorrà un'altra ora prima che arrivo lì e ricevo un messaggio con una foto di lei in un sexy orsacchiotto verde le ho comprato con un reggiseno di pizzo verde che...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.