Cambiamento di desiderio cap. 1_(1)

555Report
Cambiamento di desiderio cap. 1_(1)

Mi asciugai la bocca con il dorso della mano, ripulendo lo sperma che era gocciolato fuori. Mi sono seduto sulle ginocchia, guardando negli occhi la mia ultima scappatella. Beh, alle sue palpebre visto che i suoi occhi erano ancora chiusi per l'orgasmo che gli avevo appena risucchiato.

"Ti sei sentito bene?" ho chiesto, anche se conoscevo la risposta. Mi sono semplicemente divertito nel sentire che ero davvero abile.

Aprì gli occhi e mi guardò. "Diavolo sì, fai un pompino fantastico."

Ho alzato gli occhi al cielo. Avrei preferito sentire di più, ma mi stavo abituando alle poche parole che molti di questi ragazzi mi avrebbero detto dopo, o durante, qualsiasi forma di sesso che avrei avuto con loro. Mi sono rialzato e mi sono seduto accanto a lui sul sedile posteriore della sua macchina.

Ha girato la testa per guardarmi. "Vuoi che ti faccia una sega o qualcosa del genere?" Chiese mentre abbassava lo sguardo sul mio inguine.

Alzando di nuovo gli occhi, sospirai. "No, riportami semplicemente a casa mia."

"Bene." Disse, il sollievo evidente nella sua voce.

Strisciai di nuovo sul sedile del passeggero, sforzandomi di dargli di proposito una gomitata in faccia. Mi sono seduto con un sorrisetto, soddisfatto del piccolo grugnito che aveva emesso. Ha seguito l'esempio e ha avviato l'auto una volta seduto al posto di guida.

Bene, ora che guardo fuori dal finestrino e questo ragazzo si sta concentrando sulla guida, potrei anche darti un'idea di cosa sta succedendo.

Questa non è la prima volta che faccio un pompino a uno sconosciuto - né sarà l'ultima, a dire il vero. Ho quell'app, la conosci, e parlo regolarmente con i ragazzi lì. Le conversazioni di solito mi portavano a fargli un pompino sul sedile posteriore delle loro auto, o a farmi scopare sui loro letti quando non c'era nessuno in casa, ma non avevo problemi con quello. Nessun problema di sorta, e non ho mai avuto problemi a convincere i ragazzi a fregarmi o cosa no.

Ho 18 anni e sono alto un metro e settanta, sono magro ma tonico e praticamente non ho peli sul corpo, tranne sulla testa, che tengo corta. La cosa che attira maggiormente l'attenzione dei ragazzi è la mia culo, che è la qualità di cui sono decisamente più orgoglioso. Accidenti, l'ho mostrato nelle mie foto. Perché non dovrei?

Ammetto che sono un po' una troia.. Okay, sono una troia, ma un anno fa non ero così! Se mi avessi detto che avrei fatto amicizia con una mezza dozzina di ragazzi nel corso di un mese, ti avrei detto che eri pazzo. Ad esempio, per dirla tutta, ero insicuro da morire e piuttosto silenzioso. Ma farsi scopare da un ragazzo diverso nell'ultimo anno ha cambiato rapidamente la situazione. Il passato però non ha più importanza e sono stato subito portato fuori dai miei pensieri interiori quando ha parlato.

"Erano qui."

Sono sceso dalla sua macchina con un rapido saluto e mi sono diretto verso casa mia, l'auto è uscita in retromarcia dal vialetto prima ancora di chiudere la porta d'ingresso. Sono andato di sopra e ho tirato fuori il telefono dalla tasca. 1:33. Ops, è passata l'ora di andare a dormire. Chiudendomi la porta della camera da letto alle spalle, aprii l'app.

"Ah, quindi il suo nome era Chris." Canticchiai tra me, premendo con il pollice il pulsante di blocco. No, non ho bloccato tutti i ragazzi dopo aver fatto sesso con loro o altro, solo quelli che non hanno soddisfatto il mio ego con abbastanza complimenti.

Mi sono tolto i jeans e la maglietta e li ho gettati nella cesta. Ho preso una maglietta con cui dormo, l'ho indossata e sono saltata a letto, coprendomi con la coperta. Ho impostato la sveglia sul telefono per la mattina, l'ho messa sul cuscino accanto a me e ho chiuso gli occhi.

...Cazzo, ho dimenticato di lavarmi i denti.

- - - - - - - - -

La mia sveglia ha suonato e l'ho spenta in fretta. Guardai pigramente l'ora e lessi che segnava le 6:50. Mi alzai immediatamente dal letto e corsi in bagno. A quanto pare continuavo a premere il tasto snooze, quindi ora ero in ritardo di 20 minuti. Mi lavai i denti e la faccia, tornando di corsa nella mia stanza per prendere dei vestiti dall'armadio. Una volta cambiata, mi sono messa le scarpe e sono corsa fuori dalla mia stanza, prendendo il telefono e lo zaino prima di uscire.

"Ciao mamma!" La chiamai mentre correvo giù per le scale.

"Niente colazione, Marc?!"

Non ho avuto tempo per rispondere. Non potevo permettermi di arrivare di nuovo in ritardo a scuola.

> > > >

Parcheggiai la macchina nel parcheggio degli studenti, notando che avevo tre minuti a disposizione prima che suonasse il campanello tardivo alle 7:10. Questo però non mi ha fatto sentire meglio, e ho comunque scelto di correre a scuola, mettendomi in fila ai metal detector. Una volta attraversato non dovevo controllare l'ora per sapere che il suono della campana si stava avvicinando; c'erano bambini che correvano a lezione per paura di arrivare in ritardo anche loro.

Per fortuna la mia classe non era molto lontana dall'ingresso, dovevo solo fare qualche metro per arrivare alla lezione della prima ora. La prima campana che proveniva dagli altoparlanti in tutta la scuola di solito veniva sentita da me fuori dalla scuola, ma oggi l'ho ascoltata dal mio posto in classe e... mi fermo proprio qui. Sembro un totale perdente.

Il punto è; Non ero in ritardo.

"Wow, non hai fatto tardi oggi." La mia amica Emma canticchiava dal posto accanto a me. Mi sono voltato e l'ho guardata, preparandomi a parlare, ma lei mi ha interrotto. "Dannazione, hai un aspetto di merda. Lunga notte?"

Scossi la testa e sorrisi. "No, in realtà era piuttosto piccolo."

Mi diede una spinta sulla spalla e rise. "Oh mio Dio, stai zitto!"

> > > >

Emma non ha perso tempo e mi ha chiesto cosa avevo fatto ieri sera, una volta seduti in mensa. Ho provato a evitare l'argomento, ma lei non ne voleva sapere.

"Non era niente di speciale, cavolo." Sospirai, cedendo. "Gli ho fatto un pompino e lui mi ha lasciato scendere e l'ho subito bloccato." Lei alzò un sopracciglio. "E' così, lo giuro."

"Qualunque cosa." Disse, stringendo gli occhi. Rivolgendo la sua attenzione al cibo, continuò: "Tuttavia, sai già che penso che dovresti fermarti."

Gemetti piuttosto forte. "Certo. Presto, forse."

> > > >

Presto.

È quello che avevo detto? Era una bugia, perché al momento ero seduto nel mio camion nel parcheggio di un parco in attesa che arrivasse il mio nuovo collegamento. Stavo già diventando impaziente quando il mio telefono vibrò.

Aiden: sei nella jeep?

Io: sì. sei già qui?

Invece di ricevere un messaggio di risposta, qualcuno ha bussato alla finestra. Sebbene fossi colto di sorpresa, cercai di non darlo a vedere. Era notte fonda, ma sono sceso dalla macchina nonostante non mi fossi assicurato che fosse davvero lui. Chiusi la porta dietro di me e lo guardai, la sua figura torreggiava su di me di circa cinque pollici.

"Marc, vero?" Chiese.

Annuii e mi appoggiai al mio camion. "Mi ricordi come ti chiami?"

Scusa, ho dovuto far finta che non mi interessasse più di tanto, ma era una totale stronzata. Ero tentato di inginocchiarmi immediatamente dopo averlo guardato bene. Le foto che mi aveva inviato non rendevano giustizia al suo corpo di persona. I suoi muscoli sporgevano in tutti i posti giusti, ed erano accentuati solo dai suoi vestiti semiaderenti.

"È Aiden." Sospirò, spazzolando indietro i suoi capelli neri come l'ebano. Tornò a posto senza sforzo e non potei fare a meno di alzare gli occhi al cielo.

"Giusto. Allora, sei un esibizionista o qualcosa del genere, o lo portiamo sul tuo camion?" mormorai. Rise forte, il suono echeggiò in tutto il parco vuoto. Istintivamente mi lanciai in avanti e lo spinsi leggermente. "Stai zitto, non abbiamo bisogno che la gente sappia che siamo qui."

"Come se due veicoli in un parcheggio vuoto di notte non fossero già sospetti." Lui sorrise. "Ricordati di tenere il volume basso anche quando siamo nel mio camion, allora. Sembra che tu parli."

La mia faccia è diventata rossa al commento, ma l'ho ritenuto impercettibile sotto la fioca luce della luna. Ha iniziato ad avvicinarsi al suo camion, quindi l'ho seguito.

"Dopo di te." Scherzò, chinando leggermente la testa mentre mi teneva la porta aperta.

Entrai nel camion, incapace di fare a meno di sorridere della sua zoppia. Ero seduto dall'altra parte del sedile posteriore quando lui salì dopo, chiudendo la porta dietro di sé.

"Benvenuti nella mia umile dimora." Ha scherzato. "Abbastanza spazioso, non è vero?"

"Immagino. Ne ho presi di più grandi però." ho scherzato.

"Spero di poterti impressionare allora." Lui sorrise. "Devo suonare qualche melodia romantica per farlo?"

"Oh, certo. Anche le candele accese sarebbero state un vantaggio."

Scosse la testa divertito. "Vieni qui."

Mi sono avvicinato a lui, solo per farmi appoggiare indietro fino a quando non mi sono sdraiato sul sedile. Si arrampicò su di me e guardò brevemente il mio viso prima di posare le sue labbra sulle mie. È bastato questo per accendere il calore dentro di noi. Le mie mani trovarono l'orlo della sua maglietta mentre ci baciavamo, tirandolo su mentre lui mi palpava il cavallo. Si staccò momentaneamente per togliersi la maglietta, ma non appena ebbe finito tornò ad attaccarmi la bocca.

L'ho spinto via da me dopo alcuni minuti di pomiciamento e gli ho detto di sedersi. Una volta fatto ciò, mi sono inginocchiato davanti a lui come meglio ho potuto e ho piantato la mia mano sul suo inguine. Estraendolo da un gemito, non perse tempo sbottonandosi i pantaloni e abbassando loro e la biancheria intima. Il suo uccello balzò fuori, già in piedi.

La mia bocca praticamente salivava alla vista e non ho potuto fare a meno di chiedere: "Quanto sei grande?"

"Tipo, poco più di sette pollici."

Ho afferrato il suo cazzo con la mano e ho abbassato la testa. Inspirai, inalando una miscela del suo muschio e della colonia che emanava dal suo corpo. Ho tirato indietro il suo prepuzio e ho leccato velocemente la punta del suo cazzo.

"Hai intenzione di prendermi in giro?" chiese, con il respiro pesante.

Tirai fuori la lingua ancora una volta in risposta, solo che questa volta la usai per circondare la testa. Ho dato un colpetto al chiaro pre-cum sulla punta, assaporandone il sapore dolce.

"Ti piace che ti prenda in giro?" ho chiesto, facendo scorrere la mano su e giù per il suo cazzo.

Fece una risata ansimante. "No. Dai, fammi un pompino, per favore."

Oh qualunque. Anch'io lo volevo già in bocca. Aprii la bocca, inghiottendo prima la testa. Ci ho fatto roteare la lingua intorno ancora qualche volta. Ho continuato a scendere il suo cazzo con la bocca, il tutto mentre la mia lingua scorreva lungo la parte inferiore del suo cazzo. Gemette e io alzai lo sguardo dal mio lavoro per guardarlo negli occhi. Tuttavia, erano chiusi nel piacere, con le mani appoggiate dietro la testa. L'ho preso fino in fondo, la punta della sua testa che si faceva strada leggermente lungo la mia gola.

"Fanculo." Ha strascicato, allargando ancora di più le gambe come per permettermi un maggiore accesso al suo membro.

Sollevai la testa dal suo grembo, togliendo il suo uccello dalla bocca e rimpiazzandolo con la mano mentre scivolava fuori. Facendolo una sega un po', ho detto: "Fottimi la gola".

Sorridendo in risposta, aspettò che lo riprendessi in bocca prima di mettermi una mano dietro la testa. Si abbassò dolcemente, permettendomi di adattarmi ancora una volta alla sua lunghezza. Mi tirò via e mi spinse di nuovo la testa verso il basso, stabilendo un ritmo lento ma costante.

"Sì, prendi quel cazzo, amico." urlò.

Apparentemente ne aveva abbastanza del ritmo lento, mi tirò via a metà strada e spinse i fianchi. Il suo culo si sollevò dal sedile e il suo cazzo mi si tuffò in gola, imbavagliandomi leggermente nel processo.

"Oh merda! Stai bene?" Chiese, sedendosi di nuovo.

Il suo cazzo mi è caduto dalla bocca e ho risposto. "Sì, sto bene. Lo trovo veramente sexy." Ho alzato le spalle.

Ridacchiò al mio commento. "Alzarsi." Lo feci e lui si diede un colpetto in grembo affinché mi mettessi a cavalcioni su di lui. "Mi basta, vuoi che te lo succhi?"

Il mio viso arrossì per la seconda volta quella notte quando all'improvviso divenni consapevole del mio corpo.

"No, va bene." Ho balbettato. "Sei sicuro che non vuoi che ti finisca?"

Lui scosse la testa. "A meno che tu non voglia semplicemente farmi una sega?" Ha spostato la mia mano sul suo cazzo che era ancora molto eretto e tra di noi.

Non aveva bisogno di chiedermelo due volte. Cominciai a muovere la mano contro il suo cazzo, emettendo rapidamente un gemito dalla sua bocca. Alzai lo sguardo dal suo uccello e lo guardai in faccia, fissando le ombre che la luce della luna proiettava sul suo viso. Lui mi stava fissando, con la bocca leggermente socchiusa. Si avvicinò rapidamente, facendo scontrare la sua bocca con la mia e stringendomi i denti sul labbro inferiore. Gemevo di dolore, ma non mi importava più di tanto. Invece, mi sono concentrato sul farlo uscire. Ho accelerato il ritmo della mano, il suono del pre sperma evidente nei miei movimenti.

"Oh, cazzo." Ha gracchiato. Intrecciò la sua mano sulla mia e iniziò a muoverla ancora più velocemente. "Merda, merda, merda."

Il suo corpo sussultò leggermente e sapevo che il suo orgasmo era vicino. Ci sono voluti solo pochi altri strattoni prima che esplodesse. Prese la mia bocca nella sua ancora una volta, il suo gemito venne soffocato dalla mia bocca. Ho dato al suo cazzo qualche ultimo strattone, il suo corpo si è spaccato leggermente al mio tocco.

"Porca miseria, ti sei sentito bene." Rifletté.

"Ne sono sicuro. Ne hai un po' sul tetto del tuo camion." Ho cercato.

"Oh, no! Sul serio?!" chiese, col viso in preda al panico.

Non ho potuto fare a meno di ridere. "No sto scherzando." Alzai la mano all'altezza degli occhi. "Ho preso tutto."

"Cazzo." Sospirò e mi diede un colpetto sulla coscia. Presi l'ordine e mi alzai dalle sue ginocchia. "Vuoi dei tovaglioli di carta?" chiese mentre si avvicinava alla porta d'ingresso e ne pescava un po'.

Si voltò di nuovo, con i tovaglioli di carta in mano. "Non ce n'è bisogno." Ho risposto, leccando lo sperma con la lingua mentre lo guardavo negli occhi. L'ho leccato tutto e ho fatto l'occhiolino. "Vedi? Tutto pulito."

Mi fissò per un po' prima di sbuffare. "Però la tua mano è ancora appiccicosa, perdente."

Gli presi un tovagliolo di carta e con quello mi asciugai la mano. "Bene," cominciai, raccogliendo la sua maglietta dal pavimento e porgendogliela, "è stato divertente."

Ho aperto la porta e sono uscito sul cemento, e lui si è infilato velocemente la maglietta e ha seguito l'esempio. Stavo già andando verso la mia macchina, ma lui mi chiamava ancora. "Ci vediamo in giro, Marc!"

"Vedremo." Ho richiamato, dandogli ancora le spalle.

Ha emesso quel caratteristico fischio di chiamata del gatto mentre mi allontanavo, e non sono riuscito a fermare il sorriso che si è diffuso sul mio viso.

_______________________________________________

Ho deciso di provare un'altra serie, dal momento che le mie precedenti "Quello che volevo" e "Quello che desideravo" erano state entrambe cancellate. (Tranne un capitolo.) Ho intenzione di trasformarlo in una serie più lunga se sarà ben accolta. Quindi fatemi sapere le vostre opinioni e qualsiasi forma di critica costruttiva o complimento è molto apprezzata. INOLTRE, se c'è qualcuno disposto ad aiutarmi con le scene di sesso, gli sarei per sempre grato. Questi sono i miei punti deboli. Grazie!

Storie simili

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

2.4K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

3K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2.2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

2.1K I più visti

Likes 0

Denise 2

Ho scritto e chiamato Denise diverse volte nelle due settimane successive, ma è passato un po' di tempo prima di avere sue notizie. Poi ho ricevuto un messaggio che mi informava che si era trasferita e che se fossi potuta venire nel suo nuovo appartamento tra un paio di giorni. Accettai e pochi giorni dopo arrivai in un appartamento appartato a un paio di miglia dalla sua vecchia proprietà. Avevo pensato all'ultima volta che avevo incontrato Denise e anche se mi ero completamente goduto ogni momento, stavo ancora cercando di venire a patti con il fatto che lei aveva preso il...

2.7K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.8K I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.