Mago moderno: il dilemma del cacciatore

512Report
Mago moderno: il dilemma del cacciatore

Per tutti coloro che leggono la trama di Modern Mage, questo accade nei capitoli 17 e 18 e potrebbe occupare anche parte del 19. Ne saprò di più quando mi verrà l’ispirazione per 19. Volevo permettere a tutti di vedere una prospettiva diversa da quella di Andrew e coprire qualcosa che non si sarebbe adattato al resto della storia in base al volto con cui Modern Mage sta scrivendo, come se Andrew stesse spiegando il suo passato al lettore. Ho usato la narrativa in terza persona e un po' di prima persona nel capitolo qui per differenziare ciò che stava pensando all'inizio e per permettermi di spiegare parte della storia di fondo per coloro che hanno letto questo e non hanno letto il resto di Modern Mage e storie di esistenza. Spero che a tutti piaccia un approccio diverso al mondo di Magick e Monsters in cui sto cercando di portarvi tutti.

Gabriel Roarke è stato un cacciatore per oltre un decennio, da quando si è ripreso dopo che la sua famiglia è stata attaccata da un vampiro. Per essere più precisi dopo che quella creatura aveva ucciso i suoi genitori e poi aveva tramutato le sue sorelle costringendo Roarke ad ucciderle se voleva vivere. Aveva trascorso sei mesi in ospedale per riprendersi dalle ferite fisiche riportate durante la notte e per aver ripulito il disastro in modo da non finire in prigione per omicidio. Non ha detto del vampiro alla polizia, ai medici, alle infermiere e allo psichiatra dell'ospedale perché non voleva nemmeno essere rinchiuso in un istituto psichiatrico.

Alla fine del suo periodo di recupero dall'infortunio, Roarke è stato accolto da una giovane coppia invece di essere rinchiuso in una casa governativa. Pur grato per ciò, non era sicuro del motivo per cui lo avessero accolto fino alla cena della prima notte nella sua nuova casa. Si è scoperto che sapevano del soprannaturale e si erano resi conto che quello che era successo alla sua famiglia era stato un attacco di vampiri. Cominciarono a spiegare che la loro famiglia era una lunga stirpe di cacciatori, dediti a proteggere l'umanità da cose in cui la maggior parte non credeva nemmeno. Cominciarono ad addestrarlo, non solo su come combattere ma anche su come pensare. Nel corso di quattro anni lo avevano addestrato, portato a caccia e trattato come se fosse il loro figlio. Si assicurarono che ricevesse anche un'istruzione scolastica adeguata che gli permettesse di qualificarsi per l'università. Subito dopo il suo diciottesimo compleanno, mentre faceva la spesa prima di partire per il college, il vampiro che aveva attaccato la sua famiglia lo rintracciò di nuovo. Quella notte il vampiro attaccò nuovamente uccidendo entrambi i suoi tutori. Ha ucciso lui stesso il vampiro quella notte. Dopo quella notte decise di non andare a scuola ma di iniziare a cacciare e reclutare nuovi cacciatori da addestrare.

Per sei anni Roarke aveva dato la caccia e ucciso ogni essere soprannaturale che riusciva a rintracciare. Non importava di che tipo fossero. Si concentrò principalmente nelle aree in cui erano state riscontrate persone scomparse o uccise. Eccelleva nello scovare quelle creature che si nascondevano in bella vista. Nel corso del tempo ha sviluppato fonti di informazione sul web e ha stretto contatti con altri cacciatori e informatori. Successivamente iniziò ad ottenere sempre più informazioni su esseri che non avrebbe potuto trovare da solo. Informazioni che gli dicevano non solo dove trovare questi mostri, ma anche con che specie aveva a che fare. Non poteva credere alla sua fortuna nel trovare questa fonte di informazioni. Quella fonte gli aveva creato un problema stamattina.

Ha ottenuto informazioni su un obiettivo a Las Vegas che si diceva rappresentasse un pericolo non solo per le persone nella città intorno a lui, ma per altre persone in tutto il mondo. Roarke trascorreva la maggior parte del suo tempo a cacciare in Irlanda, Scozia e Inghilterra, ma viaggiava all'estero quando c'era una minaccia che avrebbe richiesto tempo e fatica. Aveva cacciato negli Stati Uniti alcune volte ma non era mai stato a Las Vegas prima. L'informatore lo ha contattato in modo anonimo come al solito con le informazioni sull'obiettivo. L'obiettivo era un utilizzatore di magia, potente per giunta. La documentazione inviata lo collegava a una serie di omicidi in città e negli stati vicini, sostenendo che stava usando la magia del sangue per aumentare il suo potere. L'indirizzo del bersaglio è stato fornito insieme alle altre informazioni, insieme all'implicazione che avesse quasi completato il rituale, il che significa che doveva essere fermato rapidamente. Roarke prenotò un passaggio per Las Vegas e spedì l'attrezzatura di cui avrebbe avuto bisogno via aerea il giorno successivo. Nel giro di una settimana era a Las Vegas e prese la sua attrezzatura. Normalmente si sarebbe preso del tempo per esplorare l'obiettivo e assicurarsi che potesse entrare e uscire senza problemi, ma dalle informazioni fornite non aveva avuto il tempo prima che questo ragazzo iniziasse a uccidere altre persone.

Roarke è arrivato sul posto la notte del primo febbraio per vedere il suo obiettivo tornare a casa con una piccola donna dai capelli rossi di cui non c'erano informazioni nei file. L'autista dell'auto che li ha portati lì ha scaricato i bagagli e li ha portati a prendere. Dalla sua posizione poteva vedere diverse persone all'interno della casa quando la porta veniva aperta. Dal suo punto di vista sembrava che fossero tornati da una specie di viaggio e da una festa di bentornato a casa. Roarke osservava la casa mentre la notte proseguiva. Verso l'una o le due del mattino la maggior parte delle persone che Roarke aveva visto uscirono di casa. Continuò a sorvegliare la casa fino al mattino. Subito prima dell'alba Roarke scese dal suo camion e iniziò a dirigersi verso la casa aspettandosi che gli occupanti dormissero dopo la tarda serata.

Arrivò a metà della proprietà fino alla porta, spostandosi da un riparo all'altro quando si fermò per un momento. Aveva circa nove metri di spazio da attraversare senza nulla dietro cui nascondersi quando continuava ad avvicinarsi. In quel momento non era consapevole che i prossimi minuti avrebbero cambiato per sempre la percezione della realtà. Estrasse la spada che aveva ereditato dai suoi tutori prima di alzarsi. La spada è stata confutata come un artefatto inestimabile che può fermare quasi ogni tipo di magia usata contro la persona che la impugna. Si alzò e cominciò ad attraversare il terreno aperto quando la porta d'ingresso si aprì e ne uscì l'uomo che stava inseguendo.

Di fronte a Roarke c'era il mostro a cui era stato mandato, una persona peggiore di tutte quelle a cui aveva dato la caccia prima. Quest'uomo aveva ucciso più persone innocenti di qualsiasi altra creatura soprannaturale che avesse rintracciato e aveva l'arroganza di uscire e godersi una mattinata soleggiata come se non ci fosse alcuna preoccupazione al mondo. La determinazione di Roarke è stata una delle sue risorse più grandi e letali e, vedendo il bersaglio, accusa l'intenzione di porre fine a questa situazione rapidamente. Dopo i primi due passi l'uomo sembrò indifferente, ma si trasformò rapidamente in confusione mentre schivava il colpo della spada e rotolava via. Roarke credeva fermamente che quest'uomo fosse davvero un mostro semplicemente per il fatto che era umano e fece la scelta di distruggere vite umane per il proprio guadagno. I vampiri avevano bisogno di sangue per vivere ed erano senz’anima, i lupi mannari erano bestie selvagge e incontrollate, altre creature soprannaturali non avevano nemmeno iniziato come umane e sebbene avessero bisogno di essere distrutte non potevi trattenerle secondo la morale umana. Quando un uomo decide che preferirebbe uccidere per potere, denaro o qualsiasi altra ragione, diventa un mostro peggiore di chi è nato da ciò.

Il mostro che affrontò scrutò l'area, probabilmente in cerca di aiuto per respingere Roarke e salvare la propria miserabile vita. Parlò: "Cosa vuoi qui?"

La risposta di Roarke fu diretta e uniforme, senza alcun senso di rabbia o collera nel suo tono. Roarke teneva sotto controllo le sue emozioni quando cacciava. Non ha ucciso per rabbia o vendetta; le sue motivazioni erano tanto pure quanto riusciva a renderle. Ha cacciato per proteggere l'umanità dai mostri come gli avevano insegnato i suoi tutori. "La tua testa", fu la risposta.

“Mi dispiace deludervi, ma non sarà così facile. Vattene, lascia in pace me e i miei amici e io farò lo stesso per te. Non ti voglio morto e tu non vuoi morire", fu la risposta del suo bersaglio. Questo mostro credeva davvero che sarebbe stato così semplice sopravvivere? Non ha visto la determinazione sul volto di Roarke? Quest'uomo era un codardo che pregava i deboli per ottenere il potere e pensava di poter semplicemente uscire dalla propria morte.

"Sono stato minacciato e poi ucciso meglio di te, perché dovrei andarmene adesso?" Roarke rispose in modo uniforme. Anche se non poteva essere sicuro che non sarebbe stato ucciso lui stesso, decise che nemmeno quest'uomo sarebbe vissuto per uccidere nessun altro. Roarke era determinato a sopravvivere a questo combattimento o a nessuno dei due. Con quella mentalità sapeva di essere il tipo di nemico più pericoloso che chiunque avesse mai affrontato.

"Fai la tua scelta e finiamola", si affidò il mostro con mancanza di pazienza. Roarke era più che disposto ad accontentarlo se avesse voluto morire. Iniziò di nuovo ad avvicinarsi al bersaglio, rimanendo sulle punte dei piedi; cercando di essere pronto per qualsiasi cosa quest'uomo prima di lui potesse fare. Il nemico si mosse molto più velocemente di quanto si aspettasse e oltrepassò Roarke, aprendo una distanza che non voleva concedergli. Sapeva ancora che non era più veloce di nessuna delle altre cose a cui cacciava e che per questo il mostro sarebbe morto. Roarke si richiuse rapidamente, dondolandosi per separare il corpo di quest'uomo all'altezza della vita. Il suo bersaglio lo schivò, accovacciandosi e spazzando via i piedi di Roarke. Reagendo istintivamente, iniziò a saltare sopra la gamba del suo nemico ma fu catturato brevemente dall'attacco. Atterrò sulla schiena invece di lanciarsi e allontanarsi, trasformando l'atterraggio in un rotolamento all'indietro lontano dal suo avversario. Roarke si rese conto che, qualunque fosse l'obiettivo, anche lui era un combattente addestrato.

"Perché sei qui?" chiese l'uomo.

"Sono qui per ucciderti, pensavo che ormai fosse ovvio", rispose Roarke, lasciando che il suo tono diventasse cupo e minaccioso.

“Quella parte era ovvia. Quello che voglio sapere è il motivo per cui hai scelto di tentare di uccidermi? Non ho mai fatto nulla che possa danneggiare te o i tuoi cari, per quanto ne so, quindi perché sono il tuo bersaglio?" Roarke rimase scioccato da questa risposta. Questo mostro ha davvero avuto il coraggio di chiamarlo asino? e perché così tanti dei suoi obiettivi avevano cercato di fingere di essere innocenti di fronte alla propria mortalità? Ammettere ciò che fai nella vita e accettare ciò che ti è dovuto era la sua filosofia; se non puoi, non dovresti fare qualunque cosa sia in primo luogo. Roarke sapeva che molti lo avrebbero visto come poco più che un assassino, anche se faceva ciò che era necessario per proteggere gli altri.

Roarke si avvicinò di nuovo con maggiore cautela e iniziò il suo swing cercando di dividere in due l'uomo dalla spalla al fianco opposto. Il suo nemico reagì rapidamente, entrando nel suo raggio d'azione con un colpo alla gola. Subito dopo il suo avversario gli ha sferrato una ginocchiata all'inguine. L’unico pensiero di Roarke era che quest’uomo non solo sapeva come combattere, ma sapeva anche come vincere un combattimento. Roarke non poteva definirlo un combattimento sporco poiché i suoi tutori avevano sottolineato fin dall'inizio che tutto era giusto in amore e in guerra. La sua matrigna, in mancanza di un termine migliore, era solita dire “Puoi combattere secondo le regole o puoi combattere per vincere. Preferirei che tu combattessi per vincere. Subito dopo gli attacchi per stordirlo, il nemico lo spinse e indietreggiò per guadagnare spazio invece di proseguire, cosa che preoccupò Roarke poiché non aveva la vera conoscenza del tipo di poteri che quest'uomo poteva usare.

Quando Roarke si rimise in piedi, il suo nemico era ora armato con due lunghe e sottili sbarre di metallo. Erano lunghi circa trenta pollici ciascuno e sembravano spessi circa un pollice. Quando si riavvicinarono, Roarke aveva il suo obiettivo sulla difensiva. Se non altro, Roarke doveva dare credito al suo avversario per essere un combattente. Andarono avanti e indietro per diversi minuti, entrambi stanchi, ma la fortuna fu dalla parte di Roarke poiché il suo obiettivo sembrava svanire più velocemente. L'uomo ha ribaltato la situazione costringendo Roarke a difendersi ancora di più mentre cercava una via d'uscita attraverso il suo addestramento e la sua abilità con lo spadone. Mentre continuavano questa danza mortale, Roarke udì un suono alla sua sinistra ma rimase concentrato sul suo avversario. L'uomo distolse lo sguardo verso la porta mentre il suo corpo si girava verso lo spazio tra Roarke e quel suono; quella era l'apertura che stava aspettando. Roarke colpì la spada di lato, tagliando una linea attraverso l'addome dell'uomo, lasciando una scia di sangue che scorreva dietro il suo passaggio.

"Andrea!!!!!!!!!!!" urlò la voce di una donna. Il bersaglio fece un passo indietro girandosi di lato per venire al suo fianco, aperto dall'attacco di Roarke contro di lui. Cambiò l'impugnatura della spada e la spinse verso il lato del bersaglio, spingendola appena sotto la costola inferiore. Lo spirito di Roarke fu sollevato perché sapeva di aver avuto successo nel suo tentativo di uccidere il mostro. L'euforia di Roarke fu tuttavia di breve durata poiché questo mostro si fece avanti spingendo la spada più in profondità nei suoi organi. L'uomo aveva uno sguardo che Roarke riconobbe dal suo stesso specchio. Era uno sguardo che diceva che anche se potrei morire, ti porterò con me. Più velocemente di quanto potesse reagire all'attacco, i polsi di Roarke furono schiacciati da una delle barre di metallo mentre l'altra toccava il lato della sua testa. Gli andava bene morire finché sapeva che il suo bersaglio era stato eliminato prima che potesse causare altri danni. Quelli furono i suoi pensieri morenti quando perse conoscenza.
********************

Questi erano alcuni dei pensieri che scorrevano nella mia testa mentre andavo via da quella stessa casa quella sera tardi. Tra gli altri c'era il fatto che non ero morto come avrei dovuto essere; Ero stato messo fuori combattimento alla mercé di un uomo che pensavo fosse un mostro. Non solo non ero stato ucciso per averlo aggredito, ma Andrew e sua moglie Sindee avevano curato le mie ferite e mi avevano parlato. All'inizio non volevo ascoltare, ma inizialmente ero un pubblico prigioniero. Mi avevano trattato meglio di quanto avrei trattato un nemico. Stavano cercando di convincermi che non tutti gli esseri soprannaturali erano mostri malvagi, che alcuni di loro avevano addirittura il compito di proteggere la razza umana. Avevano argomenti ragionevoli per sostenere il loro punto di vista. Quando ho chiesto loro perché non rivelassero la verità alla razza umana semplicemente con le prove raccolte, mi hanno detto che l’umanità non era pronta ad accettare la verità. Non avevo una vera argomentazione a riguardo, ma prima di poter continuare mi sono chiesto di contestare la mia stessa affermazione chiedendomi come ho scoperto il mondo soprannaturale. Gli ho raccontato tutta la verità su quello che è successo a me e alla mia famiglia quando avevo solo quattordici anni. Quando ho finito di raccontare loro la storia hanno semplicemente tagliato le corde che mi legavano alla sedia e mi hanno dato da mangiare mentre continuavamo a parlare.

Ho scoperto che forse avevo contribuito a provocare la distruzione di persone che avevo deciso di proteggere. Andrew mi ha detto che era un mago, non solo un essere umano che aveva accesso ai poteri; che le abilità dei maghi erano naturali e non il risultato della morte e della distruzione per il potere. Non so cosa pensare di tutto ciò che ha detto perché è molto diverso da ciò in cui ho creduto negli ultimi dodici anni. Quando ho lasciato casa sua mi ha detto di riflettere sulle cose, di fare una passeggiata e potrei trovare quello di cui ho bisogno mentre vado. Quando tornerò in albergo intendo fare proprio questo. Una delle cose su cui devo riflettere è se voglio lasciare questa città in pace con lui e i suoi alleati per proteggerla o allearmi con lui contro questo strano nemico di cui mi ha parlato. Mi sono fermato al parcheggiatore dell'hotel, ho lasciato la macchina e ho iniziato a camminare, vagare e pensare. Non avevo idea di dove stavo andando dato che questo era il mio primo viaggio nella città di Las Vegas, ma sapevo che avrei potuto ritrovare la strada del ritorno o chiamare un taxi da un bar per tornare in hotel quando ne avessi avuto bisogno.

Più vagavo, più diventavo confuso poiché la verità che mi veniva mostrata era in guerra con la realtà che avevo conosciuto. Non è facile affrontare la verità e le proprie idee sbagliate al riguardo, ma era necessario farlo. Ho continuato a camminare, senza prestare attenzione alle strade, e lasciando che i miei piedi dirigessero il percorso che percorrevo. Il mio obiettivo era trovare ciò di cui avevo bisogno per superare la confusione che provavo. In qualche modo, dopo essere uscito a passeggiare per circa un'ora, mi sono ritrovato davanti alle porte di un club. Guardando il cartello che vidi si chiamava l'Esistenza. Ho pensato che mi sarebbe servito un drink e mi sono diretto verso le porte prima ancora di notare la fila che scendeva lungo l'isolato. Il portiere mi guardò mentre salivo e mi mise una mano sulla spalla per impedirmi di entrare. È stato allora che ho notato la fila e ho capito che dopo tutto non avrei preso quel drink.

Mentre mi voltavo per andarmene, mi sono imbattuto in un altro gentiluomo che si avvicinava alla porta accanto a me. Era più alto di me e vestiva bene. Indossava quelli che sembravano abiti fatti su misura. Pantaloni di lino nero, una camicia di seta blu cobalto con i due bottoni superiori slacciati, una giacca di lino abbinata ai pantaloni e un bel paio di stivali di pelle personalizzati. Aveva i capelli castani e gli occhi grigi più pallidi che avessi mai visto. Ciò che più colpiva negli occhi era che sembravano aver visto più storia di chiunque altro avessi mai conosciuto e sembrava che avesse solo un paio d'anni più di me. Tra lui e il portiere, ero più intimidito da questo sconosciuto. Mi sono reso conto che mentre lo valutavo lui aveva fatto lo stesso con me e dovevo rispettarlo. Mi tese la mano: "Io sono Arthur Masters, e tu lo sei?"

Di riflesso gli presi la mano e gliela strinsi: “Gabriel Roarke, signore; è un piacere conoscerti." Non sono sicuro del motivo per cui ho detto signore, tranne che lo sguardo nei suoi occhi e il modo in cui si comportava sembravano incutere rispetto. Ho incontrato un paio di persone che avevano un atteggiamento simile ma nessuno che ha attirato la mia attenzione come ha fatto lui.

Arthur si rivolse al portiere: "Marshall, porterò Gabriel qui come mio ospite stasera, per favore aggiungilo alla lista in futuro." Poi si è rivolto a me. «Sembra che tu abbia bisogno di bere qualcosa e magari parlare di qualcosa. Possiedo il posto e trovo che sia utile riflettere sulle cose e trovare ciò di cui hai bisogno. Il primo drink lo offro io."

Arthur aprì la porta e mi fece entrare prima di lui. Era un'offerta così gentile che non potevo convincermi a rifiutare; oltre a camminare e andare dove sentivo di aver bisogno di essere portato alla porta. Ho deciso di mantenere la mente aperta ed entrare. Quando sono entrato sono rimasto colpito da quanto fosse davvero grande questo posto. L’area del bar non era molto più grande di qualsiasi pub di casa, ma era solo l’inizio. C'era una discoteca dietro il bar principale attraverso una parete di plexiglas insonorizzata che sembrava estendersi per un intero isolato. Se il proprietario e la portata delle sue dimensioni non fossero stati sufficienti a impressionarmi, lo avrebbe fatto il sistema di sicurezza. Ho visto installazioni militari con meno sicurezza e protezione di questo posto. Seguii Arthur fino a un grande tavolo al centro dell'area del bar principale su cui c'era un cartello riservato. Mi fece cenno di sedermi mentre prendeva la sedia di fronte alla porta con le spalle al bancone.

Mentre mi sedevo ho letto il cartello affisso sopra il bar e non ho potuto fare a meno della risata che è venuta fuori. Legge:

L'uso delle armi è strenuamente sconsigliato, i trasgressori saranno Penalizzati. Per quelli di voi che non hanno due cellule cerebrali per formare un pensiero, quanto sopra significa "LO TIRA, LO MANGIA". Questa politica è rigorosamente applicata

Arthur mi guardò e dove si concentrarono i miei occhi. Mi rivolse un sorriso che mi fece apprezzare ancora di più quell'uomo. Potevo dire dai suoi occhi che aveva visto troppo di quello che c'era là fuori e ora dal suo sorriso che non si lasciava abbattere da ciò che vedeva. Spero che un giorno potrò dire la stessa cosa. Mentre eravamo seduti una giovane donna minuta si avvicinò al tavolo con due bicchieri e una caraffa di cristallo piena di un liquido color ambra. Posò i due bicchieri tra me e Arthur prima di versare i drink. Poi posò la bottiglia sul tavolo prima di allontanarsi. Mentre la guardavo potevo vederla valutarmi più o meno allo stesso modo in cui Arthur e io ci scambiavamo e avevo la sensazione che questa donna non solo avrebbe ucciso per Arthur ma sarebbe anche morta per lui. Chiunque sia quest'uomo, non solo ispira rispetto, ma impone anche lealtà. La donna era poco più di un metro e mezzo e avrebbe potuto pesare più di 125 libbre o giù di lì, ma si comportava con la grazia di una ballerina o di una combattente e avevo la mia ipotesi su quale.

"Gabriel, se vuoi unirti a me, questo è un cognac molto antico e raro che avrei il piacere di condividere con un gentiluomo irlandese come te."

"Grazie Arthur, sarebbe un piacere." Ho preso il drink e non l'ho corretto dicendomi di chiamarmi Roarke come preferivo dato che ero qui nella sua ospitalità. Ho bevuto un sorso dal mio drink e ho sentito il liquore bruciarmi lentamente in gola e scaldarmi dall'interno.

"Quindi Gabriel, se non ti dispiace se te lo chiedo, quale pensiero vagante ti ha portato alla mia porta stasera?" chiese Arthur educatamente.

Ho ridacchiato brevemente prima di rispondere: “Non sono sicuro che mi crederesti se te lo dicessi. Per lo meno potresti pensare che sono ubriaco o pazzo.

Arthur si voltò verso di me e mi guardò direttamente negli occhi mentre rispondeva: “Potresti essere sorpreso. Ho imparato molto tempo fa come barista che dovevo mantenere una mente aperta riguardo alla verità del mondo. Inoltre, molte persone che si presentano qui sembrano avere qualcosa di cui parlare, anche se sembra un po' strano. Solo perché mi siedo più spesso al tavolo che a lavorare con il bastone non significa che non faccio più il barista. Parla apertamente di quello che hai in mente, se ti sembra un po' folle lo attribuirò al drink e ti chiamerò un taxi quando avremo finito."

Il modo in cui parlava e la calma accettazione nei suoi occhi mi hanno reso più facile esprimere almeno alcuni dei miei pensieri. Ho pensato che avrei potuto coprire le linee generali senza dargli i dettagli che mi avrebbero messo in un istituto psichiatrico. "Hai mai saputo che stavi facendo la cosa giusta perché sapevi come funziona il mondo solo per vedere la verità ribaltarsi e darti un colpo in testa?" Gli ho chiesto.

“Poiché la verità è un termine relativo poiché sottoscriviamo le nostre prospettive; questo mi è successo almeno una dozzina di volte. Ogni volta imparavo un fatto nuovo. La conoscenza riguarda i fatti e la saggezza la verità. La verità può cambiare tanto spesso quanto lo facciamo noi come persone. Sono i fatti che dobbiamo apprendere a far sì che la verità venga rivalutata. Prendi ad esempio, da bambino non ho mai creduto a nessuno dei mostri nei film finché non ho visto il mio primo. Sapevo che la verità era che non esistevano prima di rendermi conto che erano reali", affermò Arthur in tono calmo e rilassato.

Vorrei poter dire di aver colto subito ciò che ha detto, ma onestamente non l'ho fatto, "Questa è una prospettiva interessante sulla verità e sui fatti..." Sono rimasto in silenzio per un minuto mentre il mio cervello si stava rimettendo in pari quello che ha appena detto. "Hai appena detto che sai che esistono i mostri dei film?"

"Certo che l'ho fatto. Comunque penso che anche questo lo sapessi già. Ancora più importante, credo che tu stia riscontrando un problema nel risolvere il fatto che, sebbene questi esseri esistano effettivamente, in verità non sono tutti mostri. Sarebbe una valutazione corretta?”

Non ero sorpreso da nessuno da molto tempo, ma quella giornata si stava preannunciando come una delle esperienze nuove e sconcertanti. Ho aperto la bocca per rispondere alcune volte e l’ho richiusa prima di riuscire finalmente a esprimere a parole un pensiero coerente: “Potresti facilmente dirla in questo modo. Come facevi a sapere a cosa stavo pensando?"

Arthur mi sorrise prima di rispondere: “Il primo è che sei finito alla mia porta e solo quelli che hanno bisogno di trovare questo posto se non sono stati invitati. Il secondo è che ti comporti come un guerriero in un tempo e in un luogo in cui non ne sono rimasti molti al mondo e poiché sei completamente umano, presumo che tu sia un cacciatore. L'unico modo in cui un cacciatore potrebbe arrivare alla mia porta è se stesse attraversando una sorta di crisi, di fede o qualche altro problema simile che deve risolvere. Terzo, e ciò che ha reso più facile capire i primi due è che un amico comune mi ha avvisato di un giovane che aveva mandato a vagare con l'idea di lasciare che il cammino lo guidasse verso ciò di cui aveva bisogno.

L'ho guardato direttamente nel suo sguardo sconcertante e ho chiesto: “Andrew? Sapeva che sarei finito qui?"

Arthur ridacchiò e rispose: “No, non lo sapeva. Sperava che il tuo vagabondare ti portasse qui perché questo posto potrebbe fornirti la prospettiva di cui hai bisogno per risolvere il tuo dilemma. Diede una rapida occhiata alla stanza. “Da quando sei arrivato qui e ti sei seduto con me, hai osservato il posto. Dimmi senza guardare più cosa hai notato.

Ho risposto velocemente e a memoria per non falsare la risposta riflettendo troppo: “Ho visto un bar e una discoteca affollati con serie misure di sicurezza in atto per proteggere il luogo e gli avventori da ogni possibile situazione, inclusa un'invasione da parte di una nazione ostile. Ho visto persone sedute a conversare e bere senza l'umore cupo che vedi in molti bar e club. Ho visto gente ballare e sorridere, muoversi dentro e fuori dalla pista da ballo. Ho visto quella bellissima signorina che mi ha portato il cognac valutarmi come se potessi rappresentare una minaccia e ho visto che ti era più leale di quanto avrei mai potuto esprimere adeguatamente a parole.

“Molto attento per le rapide occhiate che hai lanciato. Dovrò anche dire a Sam del complimento che le hai fatto nella tua valutazione." Lui sorrise e continuò: “Ora, dai un’altra occhiata intorno. Prenditi il ​​tuo tempo e guarda da vicino. Scansiona solo la sala del bar se vuoi dare un'occhiata attraverso il vetro al club e raccontami ancora cosa vedi.

Ho fatto come mi aveva detto, prendendomi il tempo necessario per farlo bene. Ho prestato attenzione ad ogni dettaglio che ho potuto individuare lasciando che la mia attenzione si soffermasse sulla pista da ballo oltre il divisorio. Ho esaminato i clienti e lo staff, cercando qualcosa che mi era sfuggito nella scansione della stanza quando sono entrato. Quando ho finito di guardarmi intorno sono sicuro che la mia mascella era spalancata per lo shock per quello che vedevo intorno a me. Quasi non credevo ai miei occhi. “Ci sono tutti i tipi di esseri soprannaturali qui insieme ai mortali; Esseri soprannaturali che combattono attivamente tra loro. Vedo almeno un paio di vampiri che giocano a biliardo con un paio di lupi mannari laggiù. Posso vedere alcuni esseri qui che non riesco a identificare con certezza in cosa siano. Non capisco come possano esserci così tanti esseri soprannaturali in questa città, per non parlare di questo edificio, senza che cerchino di fare a pezzi l'un l'altro e anche il posto. Com'è possibile che nessuno abbia violato la politica al di sopra del limite?"

Di nuovo un sorriso si diffuse sul volto di Arthur: “Ti spiegherò meglio che posso e forse ti aiuterà a risolvere la tua crisi di identità. Innanzitutto, quando ho aperto questo posto inizialmente, eravamo solo nella parte del bar. Ciò è accaduto molto prima che sapessi cosa esistesse oltre la portata del mio mondo. In seguito sono venuto a sapere molto di più sulla verità e sui fatti di ciò che accade in questo mondo. Tra le diverse razze soprannaturali ci sono tradizionalmente luoghi di incontro tra clan o tribù rivali o qualunque gruppo sociale in cui si riunisce quella specie. Questi luoghi hanno molti nomi scelti dalla razza in questione, ma è sempre territorio neutrale e le regole non devono essere infrante. Il termine più popolare per questi luoghi è Elysium. Presumo che questo sia un riferimento ai Campi Elisi della mitologia greca poiché erano un luogo di paradiso simile al paradiso in altre religioni. In ogni caso, credevo che mentre le diverse razze avevano dei posti dove potevano incontrarsi per risolvere i problemi tra i loro simili, non c'era nessun posto dove incontrarsi con un'altra razza dove potessero discutere pacificamente le cose senza che ciò si trasformasse in un altro bagno di sangue. Con le capacità che avevo e che sono cresciute fino agli straordinari ho trasformato il mio piccolo angolo bar in un Elisio per tutti coloro che entrano. Io e il mio staff siamo più che capaci di far rispettare la neutralità se necessario, ma la maggior parte di coloro che vengono qui si godono semplicemente la possibilità di rilassarsi ed essere quello che sono, non quello che ci si aspetta che siano. Prendi il gioco del biliardo che hai indicato. Stanno giocando a coppie, ma non è Vampiri contro Lupi Mannari, sono divisi equamente. Quel tavolo nell'angolo alle mie spalle con i due uomini che giocano a scacchi e discutono; uno è un mago e l'altro un tecnocrate. Fuori da questo luogo sono nemici mortali perché hanno credenze diverse. Qui discutono della loro fede nella speranza di aprire gli occhi dell'altra persona sulla verità così come la vedono. E Samantha di cui hai commentato la lealtà nei miei confronti; Le devo la vita più volte e non una volta mi ha permesso di ringraziarla o ripagarla con qualsiasi tipo di favore oltre all'amicizia che condividiamo. Lei è più vecchia di me di un ordine di decenni anche se sembra più giovane. È una guerriera di squisita abilità, un'amica leale e cara, una confidente e un'alleata, nonché una donna di buon cuore una volta che la conosci. Anche Sam è un vampiro. La prima cosa a cui devi pensare è che solo perché alcuni scrittori hanno messo qualcosa in un libro perché non capivano e avevano paura di una piccola verità non significa che avessero ragione. Ora, non fraintendetemi e date per scontato che siano tutte persone rispettose della legge, non importa cosa siano. Come gli esseri umani, gli esseri soprannaturali hanno alcuni che sono nati buoni e lo saranno sempre e altri che sono puro male e gli piace questo. Il resto della popolazione di esseri soprannaturali rientra nella zona grigia e dovrebbe essere trattato come trattano gli altri”. Il sorriso di Arthur passò da apertamente amichevole a malizioso. Allungò la mano in aria accanto a me ed emise un suono, come se il vetro o il metallo si spezzassero, poi allungò la mano come se mi stesse porgendo qualcosa prima di continuare: "Ora che ho completamente rotto il tuo controllo sulla realtà, devo dare una pausa al mio barista mentre pensi però che tutto ciò che ti è stato rivelato oggi. Se hai domande o hai bisogno di parlare fammi sapere. Se hai bisogno di un passaggio per tornare al tuo hotel, George ti darà un passaggio, a meno che non sia libero di farlo. Si alzò per andare al bar e mentre si voltava per andarsene: "Sei il benvenuto qui quando vuoi." Mi versò un altro bicchiere di cognac prima di portare con sé la caraffa al bar.

Così mi sono seduto lì, un cacciatore nel mezzo di una discoteca piena di creature che avevo odiato e cacciato per dodici anni. Pensavo di vedere quanto il personale potesse essere efficace nel far rispettare la politica sugli armamenti, solo che non era quello che volevo fare. Nessuna di queste persone mi aveva fatto qualcosa e non sembrava che stessero facendo nulla di apertamente malvagio mentre mi guardavo intorno nella stanza. Ho visto un paio di vampiri nutrirsi, ma le persone da cui si stavano nutrendo hanno offerto il collo e i polsi ai vampiri in questione. Così continuai a sedermi e a tentare di conciliare i miei ultimi dodici anni con le ultime ventiquattro ore. Non è stato un compito facile e ha messo a dura prova il mio ego per il modo in cui sono stato usato dal mio informatore. Per quanto volessi dare la colpa di tutto alla persona misteriosa, dovevo assumermi la colpa per non aver ricercato io stesso gli obiettivi e per aver permesso che fossi usato come arma. Non posso dirti per quanto tempo ero seduto lì su quella sedia, lottando con la risposta giusta al mio enigma, ma il sole era aumentato prima che finalmente uscissi dall'esistenza e mi diressi verso il mio hotel.

Mentre camminavo per strada, guardai indietro il nome del luogo e lo trovai appropriato. Era un posto per tutti coloro che esistono per andare a rilassarsi senza dover combattere le guerre insensate, preoccuparsi di essere uccisi semplicemente a causa di chi o di ciò che eri. È stato anche un promemoria dell'oro per cui lottare; un'esistenza pacifica. Dovevo ancora tornare a vedere Andrew e discutere di cosa stesse offrendo l'altra opzione. Tuttavia, potrebbe aspettare fino al giorno successivo, dato che ero già salito circa quaranta ore circa e avevo bisogno di riposare.

Storie simili

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

2.4K I più visti

Likes 0

Un trio estivo in primavera.

Questa parte della mia storia parla di una giovane commessa di un negozio di nome Summer. È una giovane donna che Jenn ed io abbiamo incontrato nel Bikini Hut in cui lavora. Ha beccato Jenn a farmi un BJ in uno spogliatoio del negozio. Per coloro che non hanno letto Puoi aiutarmi, Puoi portarmi a fare shopping o Il viaggio, Jenn è una mia vicina di casa con cui ho una relazione solo sessuale. Un po' di estate. Lei è una bruna di 23 anni dai capelli corti, alta e magra. È alta circa 5 piedi e 10 pollici e pesa...

3K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2.2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

2.1K I più visti

Likes 0

Denise 2

Ho scritto e chiamato Denise diverse volte nelle due settimane successive, ma è passato un po' di tempo prima di avere sue notizie. Poi ho ricevuto un messaggio che mi informava che si era trasferita e che se fossi potuta venire nel suo nuovo appartamento tra un paio di giorni. Accettai e pochi giorni dopo arrivai in un appartamento appartato a un paio di miglia dalla sua vecchia proprietà. Avevo pensato all'ultima volta che avevo incontrato Denise e anche se mi ero completamente goduto ogni momento, stavo ancora cercando di venire a patti con il fatto che lei aveva preso il...

2.7K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.8K I più visti

Likes 0

Il regalo di Natale speciale della mamma

Regalo di Natale speciale della mamma di rmdexter La seguente storia è un'opera completa di finzione e fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Nota che a differenza della maggior parte dei miei lavori postati, questa è una storia a sé stante, offerta come una vacanza grazie a tutti i miei fedeli lettori. Tienilo a mente durante la lettura, spero che ti piaccia. E per favore prenditi il ​​tempo per votare o lasciare un commento, gli autori lo apprezzano. Jake, non posso credere che ti sei dato tanto da fare! Disse Tanya Nolan mentre suo figlio le...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.